Lautaro Martínez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lautaro Martínez
Lautaro Martínez (cropped).jpg
Martínez con l'Under-20 argentina nel 2017
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 174 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Inter
Carriera
Giovanili
2013-2014600px Bianco e Nero (Strisce).svg Liniers
2014-2015Racing Club
Squadre di club1
2015-2018Racing Club48 (22)
2018-Inter48 (17)
Nazionale
2017Argentina Argentina U-2011 (7)
2018-Argentina Argentina17 (9)
Palmarès
Coppa America calcio.svg Coppa America
Bronzo Brasile 2019
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 16 febbraio 2020

Lautaro Javier Martínez (Bahía Blanca, 22 agosto 1997) è un calciatore argentino, attaccante dell'Inter e della nazionale argentina.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Ha iniziato la sua carriera calcistica nel ruolo di difensore,[1] per poi essere spostato in attacco.[1][2] Capace di giocare sia come centravanti che come mezzapunta, si distingue per la foga agonistica, il fiuto del gol nonché per l'abilità nel dribbling e nel servire assist ai compagni di squadra.[1][2][3]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Esordi e Racing Club[modifica | modifica wikitesto]

Messosi in luce con il Liniers,[4] viene acquistato dal Racing Club su segnalazione dell'allenatore Fabio Radaelli.[4] Esordisce nel campionato argentino il 31 ottobre 2015, sostituendo Diego Milito nella vittoria contro il Crucero Norte (3-0).[4] Il 19 novembre 2016 realizza il primo gol, regalando alla sua squadra il pareggio contro l'Huracán.[5] Contro lo stesso avversario, il 4 febbraio 2018, mette a segno una tripletta nel 4-0 finale.[4][6][7]

Con la squadra di Avellaneda, Lautaro realizza 27 gol in 60 apparizioni totali.[4]

Inter[modifica | modifica wikitesto]

Il 4 luglio 2018 viene acquistato dall'Inter[8] per 25 milioni di euro.[9] Esordisce in Serie A il 19 agosto seguente, nella sconfitta per 0-1 sul campo del Sassuolo.[10] Segna la prima rete con i nerazzurri il 29 settembre successivo, in occasione del 2-0 al Cagliari.[11] Nel corso della stagione, dopo avere deciso la sfida di Santo Stefano contro il Napoli,[12] trova le prime marcature in Coppa Italia, con una doppietta al Benevento,[13] e nelle competizioni continentali, con il gol che decide la gara di Europa League contro il Rapid Vienna.[14] In seguito all'esclusione dalla squadra del connazionale Mauro Icardi,[15] trova maggiore spazio, contribuendo alla qualificazione in Champions League con alcune reti preziose, tra cui quella realizzata nel derby di Milano del 17 marzo 2019 (il quale terminò con un 3-2 a favore della squadra nerazzurra).[16] Conclude la sua prima stagione in nerazzurro con 9 gol in 35 presenze totali.[16][17]

Nella stagione successiva, con l'arrivo in panchina di Antonio Conte, diventa il titolare dell'attacco nerazzurro al fianco del nuovo acquisto Romelu Lukaku, con cui dimostra fin da subito grande affiatamento e intesa.[18] Dopo aver trovato il gol in campionato nel successo esterno con il Cagliari (2-1),[19] realizza la sua prima rete in Champions League nella sconfitta contro il Barcellona (1-2).[20] Va a segno anche nelle successive tre gare della massima competizione europea contro Borussia Dortmund, a San Siro (2-0)[21] e in trasferta (2-3),[22] e Slavia Praga (3-1), eguagliando la striscia record di partite consecutive in gol (4) per un giocatore dell'Inter in Champions League.[23]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2017 si laurea capocannoniere del campionato sudamericano Under-20 con 5 gol;[24] viene poi convocato per il campionato del mondo Under-20.[25] Nel marzo 2018 riceve la prima chiamata in nazionale maggiore[26] ed esordisce nell'amichevole persa contro la Spagna (1-6).[27]

Trova la prima rete alla successiva presenza, andando a bersaglio contro l'Iraq (sconfitto per 4-0).[28] Il 7 giugno 2019 marca invece una doppietta al Nicaragua (5-1).[29] Partecipa poi alla Copa América, segnando contro il Qatar nella fase a gironi (2-0) e il Venezuela nei quarti di finale (2-0).[30] La sua squadra viene eliminata dal Brasile (0-2),[31] terminando la manifestazione al terzo posto grazie alla vittoria con il Cile (2-1).[32] Il 10 settembre sigla una tripletta al Messico, battuto per 4-0 in amichevole.[33][34]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 16 febbraio 2020.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2015-2016 Argentina Racing Club PD 3 0 CA 2 0 CL 0 0 - - - 5 0
2016-2017 PD 23 9 CA 0 0 CS 4 0 - - - 27 9
2017-2018 PD 21 13 CA 0 0 CL 6 5 - - - 27 18
Totale Racing Club 48 22 2 0 10 5 - - 60 27
2018-2019 Italia Inter A 27 6 CI 2 2 UCL+UEL 3+3 0+1 - - - 35 9
2019-2020 A 21 11 CI 2 0 UCL+UEL 6+0 5+0 - - - 29 16
Totale Inter 48 17 4 2 12 6 - - 64 25
Totale carriera 96 39 6 2 22 11 - - 124 52

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Argentina
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
27-3-2018 Madrid Spagna Spagna 6 – 1 Argentina Argentina Amichevole - Ingresso al 59’ 59’
11-10-2018 Riad Iraq Iraq 0 – 4 Argentina Argentina Amichevole 1 Uscita al 57’ 57’
16-10-2018 Gedda Brasile Brasile 1 – 0 Argentina Argentina Amichevole - Ingresso al 58’ 58’
16-11-2018 Córdoba Argentina Argentina 2 – 0 Messico Messico Amichevole - Uscita al 57’ 57’
22-3-2019 Madrid Argentina Argentina 1 – 3 Venezuela Venezuela Amichevole 1 Uscita al 70’ 70’
26-3-2019 Tangeri Marocco Marocco 0 – 1 Argentina Argentina Amichevole - Ammonizione al 42’ 42’ - Uscita al 56’ 56’
7-6-2019 San Juan Argentina Argentina 5 – 1 Nicaragua Nicaragua Amichevole 2 Ingresso al 46’ 46’ Ammonizione al 49’ 49’
19-6-2019 Belo Horizonte Argentina Argentina 1 – 1 Paraguay Paraguay Coppa America 2019 - 1º turno - Uscita al 67’ 67’
23-6-2019 Porto Alegre Qatar Qatar 0 – 2 Argentina Argentina Coppa America 2019 - 1º turno 1 Uscita al 76’ 76’
28-6-2019 Rio de Janeiro Venezuela Venezuela 0 – 2 Argentina Argentina Coppa America 2019 - Quarti di finale 1 Ammonizione al 16’ 16’ - Uscita al 64’ 64’
2-7-2019 Belo Horizonte Brasile Brasile 2 – 0 Argentina Argentina Coppa America 2019 - Semifinale - Ammonizione al 58’ 58’
5-9-2019 Los Angeles Cile Cile 0 – 0 Argentina Argentina Amichevole -
10-9-2019 San Antonio Argentina Argentina 4 – 0 Messico Messico Amichevole 3 Uscita al 46’ 46’
9-10-2019 Dortmund Germania Germania 2 – 2 Argentina Argentina Amichevole -
13-10-2019 Elche Ecuador Ecuador 1 – 6 Argentina Argentina Amichevole - Uscita al 46’ 46’
15-11-2019 Riyad Brasile Brasile 0 – 1 Argentina Argentina Amichevole - Uscita al 88’ 88’
18-11-2019 Tel Aviv Argentina Argentina 2 – 2 Uruguay Uruguay Amichevole - Ingresso al 76’ 76’
Totale Presenze 17 Reti 9

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Fabrizio Gabrielli, Innamorati di Lautaro Martínez, su ultimouomo.com, 10 aprile 2018.
  2. ^ a b Federico Raso, Conoscere Lautaro Martínez, su rivistaundici.com, 20 luglio 2018.
  3. ^ Angelo Andrea Pisani, Come usare Lautaro Martinez, su ultimouomo.com, 8 novembre 2018.
  4. ^ a b c d e Paolo Galassi, I Mondiali, poi l'Inter la rivincita di Martinez scartato dal Boca, in la Repubblica, 19 marzo 2018, p. 43.
  5. ^ (ES) Ricardo Caruso Lombardi e Ricardo Zielinski, Huracán le empató a Racing en el final con un gol muy polémico, su clarin.com, 19 novembre 2016.
  6. ^ (ES) Racing goleó a Huracán 4 a 0 con un inspiradísimo Lautaro Martínez, su eltribuno.com, 5 febbraio 2018.
  7. ^ (ES) Racing Club golea 4-0 a Huracán, Lautaro Martínez es la figura, su amqueretaro.com, 5 febbraio 2018.
  8. ^ Lautaro Martinez è nerazzurro!, su inter.it, 4 luglio 2018.
  9. ^ Ufficiale, Lautaro Martinez all’Inter: ecco le cifre dell’operazione, su calcioefinanza.it, 4 luglio 2018.
  10. ^ Fabrizio Bocca, Inter, falsa partenza il gruppo Spalletti torna in confusione, in la Repubblica, 20 agosto 2018, p. 38.
  11. ^ Valerio Clari, Inter-Cagliari 2-0: primo gol di Lautaro, poi Politano, su gazzetta.it, 29 settembre 2018.
  12. ^ Inter-Napoli 1-0: Lautaro graffia in extremis, rosso per Insigne e Koulibaly, su ilmessaggero.it. URL consultato il 4 gennaio 2020.
  13. ^ Andrea Sorrentino, L'altro calcio senza i tifosi all'Inter va il gioco del silenzio, in la Repubblica, 14 gennaio 2019, p. 34.
  14. ^ Carlo Angioni, Rapid Vienna-Inter 0-1, basta un rigore di Lautaro, su gazzetta.it, 14 febbraio 2019.
  15. ^ Angelo Andrea Pisani, L'Inter senza Icardi, su ultimouomo.com, 1º marzo 2019.
  16. ^ a b Lautaro Martinez, dal sì di Milito a "nuovo Icardi": così si è preso l'Inter e il derby, su sport.sky.it, 18 marzo 2019.
  17. ^ Davide Stoppini, Serie A, Inter: Perisic-Icardi-Lautaro, così Spalletti ha blindato la Champions, su gazzetta.it, 21 aprile 2019.
  18. ^ Emanuele Atturo, Storia della bromance tra Lautaro e Lukaku, su ultimouomo.com, 28 novembre 2019.
  19. ^ MATCH REVIEW, CAGLIARI-INTER 1-2, su inter.it. URL consultato il 4 gennaio 2020.
  20. ^ Enrico Currò, Inter, che male Suarez frantuma il sogno di Conte, in la Repubblica, 3 ottobre 2019, p. 42.
  21. ^ Stefano Scacchi, Inter-Borussia Dortmund 2-0: Lautaro e Candreva rilanciano i nerazzurri, su repubblica.it, 23 ottobre 2019.
  22. ^ Gianni Mura, Un nuovo crollo nella ripresa Ci sarà molto da lavorare, in la Repubblica, 6 novembre 2019, p. 38.
  23. ^ Lautaro-Lukaku da favola: impresa Inter a Praga! Ora gli ottavi sono possibili, su gazzetta.it, 27 novembre 2019.
  24. ^ Luciano Aniello, Lautaro Martínez e i suoi fratelli, su mondofutbol.com. URL consultato il 20 aprile 2019.
  25. ^ (ES) Mundial Sub 20: Los 21 nombres de Úbeda, su fulbolero.com, 28 aprile 2017.
  26. ^ Argentina, Sampaoli convoca Lautaro Martinez. Dybala e Icardi restano fuori, su gazzetta.it, 12 marzo 2018.
  27. ^ Spagna-Argentina 6-1: tripletta di Isco, gol di D. Costa, Thiago e Aspas, su gazzetta.it, 27 marzo 2018.
  28. ^ Adriano Seu, Argentina-Iraq, 4-0. Decidono Lautaro Martinez, Pereyra, Pezzella e Cervi, su gazzetta.it, 11 ottobre 2018.
  29. ^ (ES) Argentina se luce ante Nicaragua con un doblete de Messi en dos minutos, in Marca, 8 giugno 2019.
  30. ^ Adriano Seu, Coppa America, Venezuela-Argentina 0-2: decidono Lautaro (di tacco) e Lo Celso, su gazzetta.it, 28 giugno 2019.
  31. ^ Lautaro Martinez, la Coppa America finisce in lacrime, su gazzetta.it, 3 luglio 2019.
  32. ^ Adriano Seu, Dybala-gol, rosso a Messi, brivido Vidal: l’Argentina si consola con il terzo posto, su gazzetta.it, 6 luglio 2019.
  33. ^ Lautaro Martinez show, tripletta con l'Argentina. Il Perù sorprende il Brasile, su repubblica.it, 11 settembre 2019.
  34. ^ Adriano Seu, Toro scatenato con l'Argentina: tripletta e assist di Lautaro nel poker al Messico, su gazzetta.it, 11 settembre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]