Lautaro Martínez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lautaro Martínez
Lautaro Martínez (cropped).jpg
Martínez con l'Argentina Under-20 nel 2017
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 174 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Inter
Carriera
Giovanili
2013-2014600px Bianco e Nero (Strisce).svg Liniers
2014-2015Racing Club
Squadre di club1
2015-2018Racing Club48 (22)
2018-Inter21 (6)
Nazionale
2017Argentina Argentina U-2011 (7)
2018-Argentina Argentina4 (1)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 17 marzo 2019

Lautaro Javier Martínez (Bahía Blanca, 22 agosto 1997) è un calciatore argentino, attaccante dell'Inter e della nazionale argentina.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Attaccante duttile, può agire sia come centravanti che come seconda punta; viene paragonato spesso a Sergio Aguero.[1] Soprannominato El Toro,[2] si distingue per il senso del gol e l'abilità nel servire assist ai compagni, per la sua forza fisica e per la sua partecipazione nel gioco di squadra.[3]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Esordi[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Bahía Blanca, Martínez ha seguito le orme del padre, muovendo i primi passi nel mondo del calcio nel Liniers, con cui si è affermato a livello di Under-17. Nel 2013 ha segnato 13 gol nel campionato argentino Under-17, andando a segno anche nella finale di coppa, persa dai Liniers contro il Rosario Central ai tiri di rigore.

Racing Club[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2014 passa al Racing Avellaneda per volere dell'allenatore Fabio Radaelli.[4] Dopo un inizio difficoltoso, realizza 53 gol in 64 partite con la seconda squadra.[4] L'esordio nel massimo campionato avviene il 31 ottobre 2015, sostituendo Diego Milito negli ultimi 10' di una partita vinta contro il Crucero del Norte (3-0).[5] Segna il primo gol il 19 novembre 2016, permettendo alla formazione di pareggiare (1-1) sul campo dell'Huracán.[6] Contro lo stesso avversario, il 4 febbraio 2018, mette a segno una tripletta nel 4-0 finale.[4][7][8]

Inter[modifica | modifica wikitesto]

Nel luglio 2018 viene acquistato dall'Inter per 27 milioni di dollari più il 10% di una futura vendita[9], esordendo in Serie A il 19 agosto nella partita persa contro il Sassuolo.[5] Realizza il primo gol il 29 settembre, nel 2-0 casalingo ai danni del Cagliari.[10] Autore di reti decisive in campionato contro Napoli e Parma[11], segna una doppietta al Benevento in occasione del suo debutto in Coppa Italia.[12] Con la squadra nerazzurra ha inoltre modo di esordire nelle coppe continentali, giocando dapprima la fase a gironi della Champions League e in seguito l'Europa League: in quest'ultimo torneo, durante l'andata dei sedicesimi di finale, marca il gol con cui i nerazzurri battono il Rapid Vienna.[13] La rete, giunta su rigore, rappresenta per lui il primo centro a livello europeo.[13] Il 17 marzo realizza la sua prima rete nel derby di Milano, segnando il rigore del provvisorio 3-1 dei nerazzurri (3-2 il risultato finale).[14]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2017 ha partecipato al campionato sudamericano Under-20 con l'Argentina, laureandosi capocannoniere del torneo con 5 gol, di cui tre segnati dal 90º minuto di gioco in poi.[15] È stato convocato dal CT Claudio Úbeda per il Mondiale Under-20 del 2017.[16] Nel marzo 2018 riceve da Jorge Sampaoli la prima chiamata in nazionale maggiore:[17] esordisce il 27 marzo, in occasione dell'amichevole persa nettamente con la Spagna (6-1).[18][19] Non viene poi convocato per il campionato del mondo 2018.[20] Entrato nelle gerarchie del nuovo CT Scaloni, l'11 ottobre 2018 sigla la sua prima rete in nazionale, aprendo le marcature nella vittoria contro l'Iraq.[21]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 17 marzo 2019.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2015 Argentina Racing Club PD 1 0 CA 0 0 CL 0 0 - - - 1 0
2016 PD 3 0 CA 2 0 CL 0 0 - - - 5 0
2016-2017 PD 23 9 CA 0 0 CS 4 0 - - - 27 9
2017-2018 PD 21 13 CA 0 0 CL 6 5 - - - 27 18
Totale Racing Club 48 22 2 0 10 5 - - 60 27
2018-2019 Italia Inter A 21 6 CI 2 2 UCL+UEL 3+3 0+1 - - - 29 9
Totale carriera 69 28 4 2 16 6 - - 89 36

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Argentina
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
27-3-2018 Madrid Spagna Spagna 6 – 1 Argentina Argentina Amichevole - Ingresso al 59’ 59’
11-10-2018 Riad Iraq Iraq 0 – 4 Argentina Argentina Amichevole 1 Uscita al 57’ 57’
16-10-2018 Gedda Brasile Brasile 1 – 0 Argentina Argentina Amichevole - Ingresso al 58’ 58’
16-11-2018 Córdoba Argentina Argentina 2 – 0 Messico Messico Amichevole - Uscita al 57’ 57’
Totale Presenze 4 Reti 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Federico Raso, Conoscere Lautaro Martínez, su rivistaundici.com, 20 luglio 2018.
  2. ^ Carlo Angioni, Inter, finalmente Martinez: Spalletti ha un Toro che vale 111 milioni, su gazzetta.it, 4 luglio 2018.
  3. ^ Angelo Andrea Pisani, Come usare Lautaro Martinez, su ultimouomo.com, 8 novembre 2018.
  4. ^ a b c Paolo Galassi, I Mondiali, poi l'Inter. La rivincita di Martinez scartato dal Boca, in la Repubblica, 19 marzo 2018, p. 43.
  5. ^ a b Fabrizio Bocca, Inter, falsa partenza. Il gruppo Spalletti torna in confusione, in la Repubblica, 20 agosto 2018, p. 38.
  6. ^ (ES) Ricardo Caruso Lombardi e Ricardo Zielinski, Huracán le empató a Racing en el final con un gol muy polémico, su clarin.com, 19 novembre 2016.
  7. ^ (ES) Racing goleó a Huracán 4 a 0 con un inspiradísimo Lautaro Martínez, su eltribuno.com, 5 febbraio 2018.
  8. ^ (ES) Racing Club golea 4-0 a Huracán, Lautaro Martínez es la figura, su amqueretaro.com, 5 febbraio 2018.
  9. ^ Lautaro Martinez all'Inter, adesso è ufficiale, su it.eurosport.com, 4 luglio 2018.
  10. ^ Valerio Clari, Inter-Cagliari 2-0: primo gol di Lautaro, poi Politano, su gazzetta.it, 29 settembre 2018.
  11. ^ Vincenzo D'Angelo, Inter-Napoli 1-0: gol di Lautaro, Koulibaly e Insigne espulsi, su gazzetta.it, 26 dicembre 2018.
  12. ^ Andrea Sorrentino, L'altro calcio senza i tifosi, all'Inter va il gioco del silenzio, in la Repubblica, 14 gennaio 2019, p. 34.
  13. ^ a b Carlo Angioni, Rapid Vienna-Inter 0-1, basta un rigore di Lautaro, su gazzetta.it, 14 febbraio 2019.
  14. ^ Milan-Inter 2-3: Lautaro Martinez e compagni scavalcano i rossoneri, su www.corrieredellosport.it, 17 marzo 2019. URL consultato il 18 marzo 2019.
  15. ^ I migliori talenti del calcio mondiale: Lautaro Martínez, su spaziocalcio.it, 12 maggio 2017.
  16. ^ (ES) Los 21 nombres de Úbeda para Corea, su afa.com.ar. URL consultato il 12 maggio 2017.
  17. ^ Argentina, Sampaoli convoca Lautaro Martinez. Dybala e Icardi restano fuori, su gazzetta.it, 12 marzo 2018.
  18. ^ Argentina umiliata, in la Repubblica, 28 marzo 2018, p. 38.
  19. ^ Riccardo Spignesi, Lautaro Martínez debutta con l'Argentina, ma la Spagna vince 6-1!, su inter-news.it, 27 marzo 2018.
  20. ^ Argentina, Sampaoli ha scelto: Icardi a casa, Dybala e Higuain ai Mondiali, su repubblica.it, 21 maggio 2018.
  21. ^ Argentina-Iraq, 4-0. Decidono Lautaro Martinez, Pereyra, Pezzella e Cervi, su gazzetta.it. URL consultato il 13 ottobre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]