Mauro Icardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mauro Icardi
MauroIcardi.jpg
Icardi nel 2012
Nome Mauro Emanuel Icardi Rivero
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 181[1] cm
Peso 75[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Inter
Carriera
Giovanili
2002-2008
2008-2011
2011-2012
Vecindario Vecindario
Barcellona Barcellona
Sampdoria
Squadre di club1
2011-2013 Sampdoria 33 (11)
2013- Inter 58 (31)
Nazionale
2012-2013
2013
Argentina Argentina U-20
Argentina Argentina
5 (3)
1 (0)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 2 luglio 2015

Mauro Emanuel Icardi Rivero (Rosario, 19 febbraio 1993) è un calciatore argentino, attaccante dell'Inter.

È soprannominato El Niño del partido[2] e O cañito.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Primogenito di Juan Icardi, di origini piemontesi[3], e Analia Rivero, è in possesso del doppio passaporto. Il 27 maggio 2014 ha sposato la modella Wanda Nara[4][5], ex moglie di Maxi López (connazionale e suo compagno di squadra alla Sampdoria) e anche sua agente.[6]

Il 19 gennaio 2015 nasce la figlia Francesca.[7]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Classico centravanti, Icardi è un giocatore forte fisicamente nonché dotato di grande fiuto del gol.[8][9] Nel 2013 è stato inserito nella lista dei migliori giovani nati dopo il 1992 stilata da Don Balón. Da iniziale centravanti puro qual era, spesso avulso dal gioco corale della squadra, ha in seguito saputo trasformarsi anche in attaccante di manovra, spesso uomo-assist per i compagni di reparto.[10]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Viene iscritto all'età di 5 anni al Club Infantil Sarratea, piccola squadra di quartiere della zona nord di Rosario[11]. Nel 2002, per via della crisi economica, la famiglia Icardi si trasferisce in Spagna nelle Canarie, nel comune di Las Palmas dove viene tesserato dall'Unión Deportiva Vecindario segnando 384 gol in sei anni[12], poi chiese alla famiglia di trasferirsi a Barcellona, dove giocò nelle giovanili della società blaugrana a partire dal 2008 dove segnò 38 gol in due anni ma non riuscì ad andare in prima squadra a causa dell'opposizione dell'allenatore Pep Guardiola che approvò la sua cessione nel gennaio 2011[13].

Sampdoria[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2011 viene ceduto in prestito alla Sampdoria, con diritto di riscatto a 400.000 euro.[14] A luglio l'intero cartellino viene riscattato, con il giocatore convocato dalla prima squadra per il ritiro estivo.[15] Dopo aver vinto la classifica marcatori del Campionato Primavera (con 19 reti), il 12 maggio 2012 esordisce in B andando subito a segno contro la Juve Stabia[16]: la vittoria qualifica i doriani per i play-off, che vinti portano al ritorno in massima serie dopo un solo anno.

Debutta in Serie A il 26 settembre, nell'1-1 contro la Roma.[17] Segna la prima rete nel derby del 18 novembre, vinto per 3-1.[18] Marca poi una doppietta contro la Juventus (risultando decisivo per la vittoria in rimonta)[19] ed una quaterna al Pescara.[20] L'ultimo gol in maglia blucerchiata è nuovamente contro i bianconeri, sconfitti per 3-2 nell'ultima giornata di campionato.[21]

Inter[modifica | modifica wikitesto]

Icardi in Dnipro-Inter del 18 settembre 2014

Nel luglio 2013 si aggrega al ritiro dell'Inter, con l'ufficialità del suo passaggio alla squadra milanese per sei milioni di euro.[22][23] Firma un contratto dalla durata di cinque anni.[24] Nel primo campionato in nerazzurro, nonostante l'operazione chirurgica subita il 6 novembre per un'ernia inguinale[25][26], segna nove reti tra cui una doppietta al Ferraris contro la Sampdoria.[27] Nel giugno 2014, la società ligure raggiunge un accordo di partecipazione per i diritti sportivi del giocatore che sono acquisiti, a titolo definitivo, dai meneghini.[28]

Durante la stagione successiva vince il titolo di capocannoniere della Serie A con 22 reti (al pari di Toni), segnando una tripletta al Sassuolo (nella vittoria per 7-0)[29], tre doppiette (contro Hellas Verona[30], Palermo[31][32] ed Empoli[33]) e quattro rigori (contro Cesena, Sampdoria, Napoli e Udinese).[34] In questa annata trova la trentesima rete nel campionato italiano (in Inter-Genoa 3-1)[35][36], esordisce in Europa League (realizzando quattro gol in totale) e si sblocca in Coppa Italia.[37]

Il 3 giugno 2015 rinnova il proprio contratto, portandone la scadenza al 2019.[38]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 aprile 2012 l'Under-19 italiana lo convoca per la partita contro l'Ungheria (in programma cinque giorni più tardi)[39] ma l'attaccante decide di rifiutare la chiamata preferendo attendere quella della selezione argentina.[40] La convocazione dell'Argentina arriva il 26 luglio, quando il CT dell'Under-20 Marcelo Trobbiani lo convoca per l'amichevole Germania-Argentina del 14 agosto a Francoforte e per il Torneo di Alcúdia che si è disputato a Valencia dal 16 al 23 agosto[41].

Il 19 agosto segna la sua prima rete con la maglia dell'Albiceleste Under-20 nella partita Argentina-Giappone 2-0[42]; la sua prima doppietta invece si realizza il 22 agosto nella gara Turchia-Argentina 1-2[43]. Il 23 agosto l'Argentina si aggiudica il Torneo e Icardi viene premiato come capocannoniere della manifestazione essendo andato a segno in 3 occasioni[44].

Il 29 novembre viene convocato dall'Under-20 per disputare il Campionato sudamericano di categoria in programma in Argentina, a Mendoza e San Juan, dal 9 gennaio al 3 febbraio 2013;[45] ma nel mese di dicembre gli viene negato il permesso dalla formazione blucerchiata e in special modo da Delio Rossi che vuole puntare fortemente sul giocatore vista anche l'assenza fino a fine gennaio di Maxi López.[46]

Il 1º ottobre 2013 viene convocato dal CT Alejandro Sabella per la prima volta in Nazionale maggiore, esordendo il 16 contro l'Uruguay, gara valida per le qualificazioni ai Mondiali, subentrando all'82' a Fernández[47].

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 2 luglio 2015.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2011-2012 Italia Sampdoria B 2 1 CI 0 0 - - - - - - 2 1
2012-2013 A 31 10 CI 0 0 - - - - - - 31 10
Totale Sampdoria 33 11 0 0 33 11
2013-2014 Italia Inter A 22 9 CI 1 0 - - - - - - 23 9
2014-2015 A 36 22 CI 2 1 UEL 10[48] 4[49] - - - 48 27
2015-2016 A 0 0 CI 0 0 - - - - - - 0 0
Totale Inter 58 31 3 1 10 4 71 36
Totale carriera 91 42 3 1 10 4 104 47

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Argentina Argentina
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
16-10-2013 Montevideo Uruguay Uruguay 3 – 2 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2014 - Ingresso al 82’ 82’
Totale Presenze 1 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2014-2015 (22 gol, a pari merito con Luca Toni)

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

Sampdoria: 2011-2012 (19 gol)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Mauro Emanuel Icardi, inter.it.
  2. ^ Mauro Icardi, el nino del partido
  3. ^ Icardi, tra i campioni per continuare a crescere: le prime parole a inter.it, inter.it, 9 luglio 2013. URL consultato il 28 dicembre 2013.
  4. ^ (EN) Mauro Icardi marries Wanda Nara in Daily Mail, 28 maggio 2014. URL consultato il 15 settembre 2014.
  5. ^ (ES) La gran fiesta de Wanda Nara y Mauro Icardi in Clarín, 7 giugno 2014. URL consultato il 15 settembre 2014.
  6. ^ WANDA: "RINNOVO MERITATO, MAURO. COMPLIMENTI PERCHÉ FAI TUTTO CON AMORE"
  7. ^ Mauro Icardi e Wanda Nara genitori: è nata Francesca, corriere.it, 19 gennaio 2015. URL consultato il 19 gennaio 2015.
  8. ^ Giuseppe Maiuri, ICARDI MAURO (classe 1993): scheda tecnica, metodocalcio.com, 31 gennaio 2013. (archiviato dall'url originale il 17 settembre 2014).
  9. ^ Tre gol che fanno una prova: ma Icardi è il nuovo Vieri?, Sky Sport, 15 settembre 2014. URL consultato il 21 gennaio 2015.
  10. ^ Daniele Mari, E' un nuovo Icardi. Boban: "Fa assist e giocate da '10', è nato per il gol ma ora è...", fcinter1908.it, 1º giugno 2015.
  11. ^ Icardi, il bimbo prodigio giustiziere della Juve
  12. ^ Icardi, tra i campioni per continuare a crescere. Le prime parole a inter.it
  13. ^ La Samp in pressing su Icardi per il rinnnovo
  14. ^ Ufficiale: Mauro Icardi è un calciatore della Sampdoria
  15. ^ (ES) Mauro Icardi ficha a la Sampdoria italiana.
  16. ^ Juve Stabia 1-2 Sampdoria, Transfermarkt.it, 12 maggio 2012. URL consultato il 29 novembre 2013.
  17. ^ Roma 1-1 Sampdoria, Transfermarkt.it, 26 settembre 2012. URL consultato il 29 novembre 2013.
  18. ^ Sampdoria 3-1 Genoa, Transfermarkt.it, 18 novembre 2012. URL consultato il 29 novembre 2013.
  19. ^ Juventus 1-2 Parma, Transfermarkt.it, 6 gennaio 2013. URL consultato il 29 novembre 2013.
  20. ^ Sampdoria 6-0 Pescara, Transfermarkt.it, 27 gennaio 2013. URL consultato il 29 novembre 2013.
  21. ^ Nicola Melillo, Sampdoria-Juventus 3-2, scacco a una regina bella e sfortunata, La Gazzetta dello Sport, 18 maggio 2013. URL consultato il 24 giugno 2015.
  22. ^ Pinzolo, 31 nerazzurri in partenza per il ritiro estivo Inter.it
  23. ^ Icardi interista in compartecipazione, Zaza alla Juventus, sampdoria.it, 9 luglio 2013. URL consultato il 9 novembre 2014.
  24. ^ Mauro Icardi è dell'Inter Inter.it
  25. ^ Inter, Icardi si blocca: sindrome pubalgica
  26. ^ Lite Inter-Argentina su Campagnaro - Icardi sotto i ferri: starà fuori un mese
  27. ^ Matteo Della Vite, Sampdoria-Inter 0-4. Doppietta di Icardi tra i fischi, gol di Samuel, Palacio, La Gazzetta dello Sport, 13 aprile 2014. URL consultato il 28 marzo 2015.
  28. ^ Mauro Emanuel Icardi all'Inter a titolo definitivo
  29. ^ Luca Taidelli, Inter-Sassuolo 7-0, Icardi-Osvaldo coppia regina, La Gazzetta dello Sport, 14 settembre 2014. URL consultato il 14 settembre 2014.
  30. ^ Jacopo Gerna, Inter-Verona 2-2, a segno Toni, Icardi (doppietta) e Nico Lopez in La Gazzetta dello Sport, 9 novembre 2014. URL consultato il 17 maggio 2015.
  31. ^ Antonio Farinola, Inter-Palermo 3-0: nerazzurri fuori dal tunnel, Icardi stende i siciliani, La Repubblica, 8 febbraio 2015. URL consultato il 24 giugno 2015.
  32. ^ Luca Taidelli, Inter-Palermo 3-0. Apre Guarin, poi doppietta di Icardi. Che non esulta, La Gazzetta dello Sport, 8 febbraio 2015. URL consultato il 24 giugno 2015.
  33. ^ Matteo Brega, Inter-Empoli 4-3: Mancini chiude ottavo, Icardi è capocannoniere, La Gazzetta dello Sport, 31 maggio 2015. URL consultato il 3 giugno 2015.
  34. ^ Toni e Icardi capocannonieri, ansa.it, 31 maggio 2015.
  35. ^ Inter - Genoa: 3 a 1, gli argentini e il serbo regalano i tre punti all'Inter, giornata amara per Gasperini su Canale Inter, 11 gennaio 2015. URL consultato il 12 gennaio 2015.
  36. ^ Inter-Genoa 3-1, reti di Palacio e Icardi. Izzo accorcia, Vidic la chiude, La Gazzetta dello Sport, 11 gennaio 2015. URL consultato l'11 gennaio 2015.
  37. ^ Matteo Brega, Coppa Italia, Inter-Sampdoria 2-0: Shaqiri show, Icardi chiude i conti, La Gazzetta dello Sport, 21 gennaio 2015. URL consultato il 24 giugno 2015.
  38. ^ MAURO ICARDI CON L'INTER FINO AL 2019, 3 giugno 2015.
  39. ^ Under-19: Icardi azzurro per Ungheria-Italia
  40. ^ GdS - Icardi era stato convocato nell'Under 19 italiana, ma... Sampnews24.com
  41. ^ Maurito Icardi convocato dall'Under-20 Argentina
  42. ^ Under-20: Maurito Icardi in gol contro il Giappone
  43. ^ Alcùdia: una doppietta di Icardi fa volare l'Argentina
  44. ^ Alcùdia: Argentina Campione, Icardi premiato capocannoniere
  45. ^ Icardi in Nazionale: La Samp lo perde per un mese
  46. ^ Icardi vuole partire, ma Rossi blocca
  47. ^ Nazionali, esordio Icardi, Uruguay agli spareggi
  48. ^ 2 presenze nei play-off.
  49. ^ 3 reti nei play-off.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]