Juan Musso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Juan Musso
Musso Udinese.png
Musso nel 2018
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 191[1] cm
Peso 93 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Portiere
Squadra Atalanta
Carriera
Giovanili
2005-2016Racing Club
Squadre di club1
2016-2018Racing Club23 (-30)
2018-2021Udinese102 (-142)
2021-Atalanta3 (-1)
Nazionale
2019-Argentina Argentina2 (0)
Palmarès
Transparent.png Copa América
Bronzo Brasile 2019
Oro Brasile 2021
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 9 settembre 2021

Juan Agustín Musso (San Nicolás de los Arroyos, 6 maggio 1994) è un calciatore argentino, portiere dell'Atalanta e della nazionale argentina, con cui si è laureato campione del Sud America nel 2021.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Portiere dalla stazza imponente e di forte presenza tra i pali, si distingue per rapidità e reattività negli interventi.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Racing Club[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nelle giovanili del Racing Club, dopo che fino a dieci-undici anni ha giocato a pallacanestro[3], ha esordito il 27 maggio 2017 in occasione di un match della Primera División vinto 2-1 contro il San Lorenzo.[4]

Udinese[modifica | modifica wikitesto]

L'11 luglio 2018 l'Udinese annuncia il trasferimento a titolo definitivo, con un contratto fino al 30 giugno 2023[5] ed un costo del cartellino di 3,85 milioni di euro.[2]

A causa di un infortunio alla mano sinistra in pre-campionato[6] e le successive buone prestazioni del compagno Simone Scuffet, viene rimandato il suo esordio in Serie A alla 10ª giornata dove viene schierato titolare nella partita contro il Genoa finita 2-2.[7] Da lì in poi diviene titolare del club, tanto che a gennaio Scuffet viene ceduto, offrendo buone prestazioni.[8][9]

L'anno successivo conferma il buon rendimento dell'anno precedente, tanto che in campionato non salta neppure un minuto,[10][11] e contribuendo alla salvezza dei friulani tenendo la porta inviolata in 14 occasioni (record stagionale di tutta la Serie A).[12]

Nell'ottobre 2020 subisce un infortunio al menisco.[13] Al rientro torna a essere titolare, raggiungendo quota 100 presenze in Serie A l'11 maggio 2021, in occasione della sconfitta per 5-1 contro il Napoli.[14]

Atalanta[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 luglio 2021 viene ufficializzato il suo acquisto da parte dell'Atalanta per 20 milioni di euro.[15][16]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce con la maglia della nazionale argentina il 26 marzo 2019, subentrando a partita in corso nell'amichevole vinta 1-0 contro il Marocco.[17] Pochi mesi dopo viene convocato per la Copa América.[9]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 18 settembre 2021.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2016-2017 Argentina Racing Club PD 1 -1 CA 2 -5 CS 5 -4 - - - 8 -10
2017-2018 PD 22 -29 CA 0 0 CL 6 -6 - - - 28 -35
Totale Racing Club 23 -30 2 -5 11 -10 - - 36 -45
2018-2019 Italia Udinese A 29 -40 CI 0 0 - - - - - - 29 -40
2019-2020 A 38 -51 CI 1 -1 - - - - - - 39 -52
2020-2021 A 35 -51 CI 1 -1 - - - - - - 36 -52
Totale Udinese 102 -142 2 -2 - - - - 104 -144
2021-2022 Italia Atalanta A 3 -1 CI 0 0 UCL 1 -2 - - - 4 -3
Totale carriera 128 -173 4 -7 12 -12 - - 144 -192

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Argentina
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
26-3-2019 Tangeri Marocco Marocco 0 – 1 Argentina Argentina Amichevole - Ingresso al 67’ 67’
9-9-2021 Buenos Aires Argentina Argentina 3 – 0 Bolivia Bolivia Qual. Mondiali 2022 -
Totale Presenze 2 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Brasile 2021[18]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Juan Musso - Profilo giocatore 20/21, su transfermarkt.it. URL consultato il 15 febbraio 2021.
  2. ^ a b I nuovi stranieri della Serie A: Juan Musso (Udinese), su spaziocalcio.it, 17 luglio 2018.
  3. ^ (ES) Nicolás Zuberman, Del básquetbol al arco de Racing: Juan Musso, el guardián que esperaba su turno, in La Nación, 25 novembre 2017. URL consultato il 17 luglio 2018.
  4. ^ Racing Club de Avellaneda vs. San Lorenzo de Almagro - 28 maggio 2017 - Soccerway, su it.soccerway.com. URL consultato il 17 luglio 2018.
  5. ^ JUAN MUSSO E’ UN NUOVO BIANCONERO, su udinese.it. URL consultato il 17 luglio 2018 (archiviato il 15 luglio 2018).
  6. ^ Leggero trauma contusivo per Musso, su udinese.it, 19 luglio 2018.
  7. ^ Juan Musso:, su www.udineseblog.it. URL consultato il 27 marzo 2019.
  8. ^ L'Udinese si gode Musso, il batterista che giocava a basket, su gazzetta.it. URL consultato il 6 novembre 2019.
  9. ^ a b (ES) ¿Quién es Musso y cómo fue su temporada?, su ole.com.ar. URL consultato il 6 novembre 2019.
  10. ^ Consigli fantacalcio: da Bartolomei a Maggiore, ecco i talenti dello Spezia, su gazzetta.it. URL consultato il 18 settembre 2020.
  11. ^ Consigli fantacalcio: i centrocampisti con più presenze, su gazzetta.it. URL consultato il 18 settembre 2020.
  12. ^ Serie A - Porta inviolata 19/20, su transfermarkt.it. URL consultato il 18 settembre 2020.
  13. ^ Aggiornamento su Juan Musso, su udinese.it. URL consultato il 10 ottobre 2020.
  14. ^ Serie A: Napoli-Udinese 5-1, Gattuso mette un'ipoteca sulla Champions, su sportmediaset.mediaset.it. URL consultato il 12 maggio 2021.
  15. ^ Grazie Juan!, su udinese.it. URL consultato il 2 luglio 2021.
  16. ^ Benvenuto Musso!, su atalanta.it. URL consultato il 2 luglio 2021.
  17. ^ (ES) Correa fue Messi en Marruecos, su argentina.as.com, 26 marzo 2019. URL consultato il 30 giugno 2021.
  18. ^ In rosa, ma non sceso in campo.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]