Football Club Internazionale Milano 2019-2020

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Football Club Internazionale Milano
Stagione 2019-2020
AllenatoreItalia Antonio Conte
All. in secondaItalia Cristian Stellini
PresidenteCina Steven Zhang
Serie A2º posto (in corso)
Coppa ItaliaQuarti di finale (da disputare)
Champions LeagueFase a gironi
Europa LeagueSedicesimi di finale (da disputare)
Maggiori presenzeCampionato: Handanovič, Lukaku (20)
Totale: Handanovič (27)
Miglior marcatoreCampionato: Lukaku (14)
Totale: Lukaku (18)
StadioGiuseppe Meazza (75 923)
Maggior numero di spettatori75 923 vs Juventus (6 ottobre 2019)[1]
Minor numero di spettatori56 175 vs Lazio (25 settembre 2019)[1]
Media spettatori64 331[1]¹
¹
considera le partite giocate in casa in campionato.
Dati aggiornati al 19 gennaio 2020

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti il Football Club Internazionale Milano nelle competizioni ufficiali della stagione 2019-2020.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Il centravanti della nazionale belga Romelu Lukaku è l'acquisto più oneroso nella storia del club nerazzurro.[2]

Dopo il quarto posto ottenuto nel campionato 2018-19, che assicura la partecipazione alla Champions League,[3] la società opta per l'esonero di Luciano Spalletti.[4] Il tecnico toscano viene sostituito da Antonio Conte,[5] che rientra così in Italia a cinque anni di distanza dai successi ottenuti con la Juventus.[6]

Per quanto riguarda il calciomercato, i nerazzurri, dopo aver rinforzato la difesa con lo svincolato Godín,[7] e il centrocampo con gli acquisti di Barella, Sensi, Lazaro e Biraghi,[8] fanno segnare il colpo più oneroso della loro storia acquistando dal Manchester Utd il centravanti della nazionale belga Lukaku;[9] dallo stesso club inglese arriva anche Sánchez in prestito.[10] Tra i partenti di rilievo ci sono Nainggolan e Perišić, ceduti in prestito rispettivamente al Cagliari e al Bayern Monaco,[11] ma soprattutto Icardi, passato al Paris Saint-Germain al culmine di un rapporto logoro con il club nerazzurro.[12]

Malgrado una buona partenza in campionato — con sei vittorie consecutive che in casa nerazzurra trovavano egual paragone solamente nel 1966-67[13], la squadra lamenta un avvio più difficoltoso in Champions League: costretta al pari casalingo dallo Slavia Praga, cede poi in rimonta sul terreno dei catalani.[14] Persa anche la vetta del campionato a causa di una sconfitta con la Juventus[15], l'Inter si ritrova a tallonare gli stessi bianconeri.[16][17] Il percorso continentale è poi complicato dalla battuta d'arresto con il Borussia Dortmund, sconfitto a San Siro ma vittorioso in rimonta tra le mura amiche.[18] Tornata in corsa grazie al successo di Praga[19], la compagine meneghina riprende la vetta del torneo nazionale al principio di dicembre[20]; il sipario sulla Champions League è tuttavia calato da un crollo interno col Barcellona, circostanza che determina il ripescaggio in Europa League per effetto del terzo posto.[21]

Maglie e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Lo sponsor tecnico per la stagione 2019-2020 è Nike, mentre gli sponsor ufficiali sono Pirelli e Driver (marchio collegato alla stessa Pirelli). La maglia home è ispirata alla away della stagione 1989-1990 per via di un inserto a strisce diagonali all'altezza del petto che si interseca con le classiche righe verticali nere e azzurre. La casacca presenta, inoltre, un colletto bianco con scollo a V e dei bordini bianchi sulle maniche. I pantaloncini sono neri mentre i calzettoni sono per metà azzurri e per metà neri, richiamando il collo del Biscione comparso nel logo societario durante gli anni 1980.[22] La maglia away è color acquamarina e presenta un ricamo oro e nero intorno al collo a V e alle maniche. La divisa si completa con pantaloncini bianchi e calzettoni per metà verdi e per metà bianchi.[23] La terza divisa è nera con inserti gialli e si ispira alla third della stagione 1997-1998, oltre che alla home di quella stagione 2009-2010 per il dettaglio del colletto a girocollo. Il logo Nike è nella versione vintage mentre i colori usati per il logo della Pirelli rimandano direttamente al mondo dell'automobilismo.[24]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Terza divisa

Per i portieri sono state messe a disposizione tre divise, tutte con lo stesso template, nelle varianti nero, giallo e grigio.[25] In abbinamento alla terza divisa, sono state realizzate altre due divise, nelle colorazioni arancione-giallo e bianco-grigio.[26][27]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1ª portiere
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2ª portiere
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
3ª portiere
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
4ª portiere
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
5ª portiere

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Area direttiva[28]

  • Presidente: Steven Zhang
  • Vice President: Javier Zanetti
  • Consiglio di Amministrazione: Steven Zhang, Alessandro Antonello, Giuseppe Marotta, Ren Jun, Yang Yang, Mi Xin, Zhu Qing, Daniel Kar Keung Tseung, Tom Pitts
  • Collegio sindacale. Sindaci effettivi: Luca Nicodemi, Giacomo Perrone, Alessandro Padula
  • Amministratore Delegato Corporate: Alessandro Antonello
  • Amministratore Delegato Sport: Giuseppe Marotta
  • Chief Financial Officer: Tim Williams
  • Chief Marketing Officer: Luca Danovaro
  • Chief Commercial Officer: Jaime Colás Rubio

Area comunicazione

  • Chief Communications Officer: Matteo Pedinotti
  • Brand & Media Content Director: Luigi Filippo Ecuba
  • Head of Information Systems: Riccardo Tinnirello
  • Head of Press Office and Editorial Content: Leo Picchi
  • Responsabile Rapporti con i Media ed Eventi di Comunicazione: Luigi Crippa
  • Ufficio Stampa: Daria Nicoli, Andrea Dal Canton, Federica Sala
  • Presidente Onorario Inter Club: Bedy Moratti
  • Direttore Responsabile Inter TV: Roberto Scarpini

Area sportiva

Area tecnica[30]

Football analysis area

  • Football analysis manager: Michele Salzarulo
  • Fitness data analyst: Giuseppe Bellistri
  • Technical-tactical analysts: Alessandro Davite, Giacomo Toninato

Area sanitaria

  • Responsabile settore medico: Piero Volpi
  • Medico sociale: Alessandro Corsini
  • Medici prima squadra: Alessandro Quaglia, Luca Pulici
  • Responsabile fisioterapia: Gian Nicola Bisciotti
  • Coordinatore fisioterapisti: Marco Dellacasa
  • Fisioterapisti: Leonardo Arici, Ramon Cavallin, Dario Fort, Andrea Galli
  • Fisioterapista/osteopata: Andrea Veschi
  • Riatletizzatore: Andrea Belli

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Rosa e numerazione aggiornate al 17 gennaio 2020.[31][32]

N. Ruolo Giocatore
1 Slovenia P Samir Handanovič (capitano)
2 Uruguay D Diego Godín
5 Italia C Roberto Gagliardini
6 Paesi Bassi D Stefan de Vrij
7 Argentina A Mauro Icardi[33]
7 Cile A Alexis Sánchez
8 Uruguay C Matías Vecino
9 Belgio A Romelu Lukaku
10 Argentina A Lautaro Martínez
12 Italia C Stefano Sensi
13 Italia D Andrea Ranocchia
15 Portogallo C João Mário[33]
15 Inghilterra C Ashley Young[34]
16 Italia A Matteo Politano
18 Ghana C Kwadwo Asamoah
19 Austria C Valentino Lazaro
20 Spagna C Borja Valero
N. Ruolo Giocatore
21 Italia D Federico Dimarco
23 Italia C Nicolò Barella
27 Italia P Daniele Padelli
29 Brasile D Dalbert[33]
30 Italia A Sebastiano Esposito
31 Italia D Lorenzo Pirola
32 Francia C Lucien Agoumé
33 Italia D Danilo D'Ambrosio
34 Italia C Cristiano Biraghi
37 Slovacchia D Milan Škriniar
39 Italia A Edoardo Vergani[35]
40 Italia A Matias Fonseca[35]
46 Italia P Tommaso Berni
77 Croazia C Marcelo Brozović
87 Italia C Antonio Candreva
95 Italia D Alessandro Bastoni

Calciomercato[modifica | modifica wikitesto]

Sessione estiva (dal 1º luglio al 2 settembre)[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
P Ionuț Radu Genoa controriscatto del cartellino (12 milioni €)[36]
D Alessandro Bastoni Parma fine prestito[37]
D Federico Dimarco Parma fine prestito[38]
D Diego Godín svincolato[39]
C Nicolò Barella Cagliari prestito (12 milioni €) con obbligo di riscatto (25 milioni € più bonus fino ad un massimo di 8 milioni €)[40]
C Cristiano Biraghi Fiorentina prestito con diritto di riscatto (12 milioni €)[41]
C Valentino Lazaro Hertha Berlino definitivo (22 milioni €)[42]
C Stefano Sensi Sassuolo prestito (5 milioni €) con diritto di riscatto (20 milioni €)[43]
A Yann Karamoh Bordeaux fine prestito[44]
A Romelu Lukaku Manchester Utd definitivo (65 milioni € più 13 milioni € di bonus)[45]
A Matteo Politano Sassuolo riscatto del cartellino (20 milioni €)[46]
A Andrea Pinamonti Frosinone fine prestito[47]
A Alexis Sánchez Manchester Utd prestito[48]
Altre operazioni
R. Nome da Modalità
P Gabriel Brazão Parma definitivo (6,5 milioni €)[49]
D Andreaw Gravillon Pescara fine prestito[50]
D Marco Sala Arezzo fine prestito[51]
C Lucien Agoumé Sochaux definitivo (4,5 milioni €)[52]
C Tommaso Brignoli Rende fine prestito
A Samuele Longo Cremonese fine prestito[53]
A George Pușcaș Palermo fine prestito[54]
A Eddie Salcedo Genoa riscatto del cartellino (8 milioni €)[55]
Cessioni
R. Nome a Modalità
P Raffaele Di Gennaro svincolato
P Ionuț Radu Genoa prestito[36]
D Dalbert Fiorentina prestito[56]
D Miranda risoluzione consensuale[57]
D Cédric Soares Southampton fine prestito[58]
D Zinho Vanheusden Standard Liegi definitivo (12,6 milioni €)[59]
D Šime Vrsaljko Atlético Madrid fine prestito[60]
D Andreaw Gravillon Sassuolo prestito (1 milione €) con diritto di riscatto (9 milioni €)[50]
C Cristian Ansaldi Torino riscatto del cartellino (2,5 milioni €)[61]
C João Mário Lokomotiv Mosca prestito con diritto di riscatto (18 milioni €)[62]
C Radja Nainggolan Cagliari prestito[63]
C Ivan Perišić Bayern Monaco prestito (5 milioni €) con diritto di riscatto (20 milioni €)[64]
A Mauro Icardi Paris Saint-Germain prestito con diritto di riscatto (70 milioni €)[65]
A Yann Karamoh Parma prestito con obbligo di riscatto (13 milioni €)[44]
A Keita Baldé Monaco fine prestito[66]
A Samuele Longo Deportivo prestito con obbligo di riscatto (1,5 milioni €)
A Andrea Pinamonti Genoa prestito con obbligo di riscatto (18 milioni €)[47]
A George Pușcaș Reading definitivo (8 milioni €)[67]
Altre operazioni
R. Nome a Modalità
P Gabriel Brazão Albacete prestito[49]
P Michele Di Gregorio Pordenone prestito con diritto di riscatto e controriscatto[68]
P Marco Pissardo Arezzo definitivo[69]
P Nicola Tintori Gozzano prestito
D Manuel Lombardoni Pro Patria definitivo
D Nicholas Rizzo Genoa definitivo (2,5 milioni €)[70]
D Marco Sala Sassuolo definitivo (5 milioni €)[51]
D Ryan Nolan Arezzo definitivo[71]
C Tommaso Brignoli Pro Patria definitivo
C Xian Emmers Waasland-Beveren prestito con diritto di riscatto[72]
C Lorenzo Gavioli Venezia prestito con diritto di riscatto e controriscatto[73]
C Marco Pompetti Sampdoria prestito con diritto di riscatto e controriscatto
C Rigoberto Rivas Reggina prestito[74]
A Andrea Adorante Parma definitivo (5 milioni €)[75]
A Facundo Colidio Sint-Truiden prestito
A Felice D'Amico Sampdoria prestito con obbligo di riscatto
A Rey Manaj Albacete riscatto del cartellino (2,5 milioni €)[76]
A Davide Merola Empoli definitivo (500 mila €)
A Matteo Rover Südtirol prestito[77]
A Eddie Salcedo Genoa prestito[55]
A Vincenzo Tommasone Carpi prestito[78]

Sessione invernale (dal 2 al 31 gennaio)[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
C Ashley Young Manchester Utd definitivo (1,5 milioni €)[79]
A Gabriel Barbosa Flamengo fine prestito
Cessioni
R. Nome a Modalità

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Serie A 2019-2020.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Milano
26 agosto 2019, ore 20:45 CEST
1ª giornata
Inter4 – 0
referto
LecceStadio Giuseppe Meazza (64 188[1] spett.)
Arbitro:  La Penna (Roma 1)

Cagliari
1º settembre 2019, ore 20:45 CEST
2ª giornata
Cagliari1 – 2
referto
InterSardegna Arena (16 412[1] spett.)
Arbitro:  Maresca (Napoli)

Milano
14 settembre 2019, ore 20:45 CEST
3ª giornata
Inter1 – 0
referto
UdineseStadio Giuseppe Meazza (57 991[1] spett.)
Arbitro:  Mariani (Aprilia)

Milano
21 settembre 2019, ore 20:45 CEST
4ª giornata
Milan0 – 2
referto
InterStadio Giuseppe Meazza (70 440[1] spett.)
Arbitro:  Doveri (Roma 1)

Milano
25 settembre 2019, ore 21:00 CEST
5ª giornata
Inter1 – 0
referto
LazioStadio Giuseppe Meazza (56 175[1] spett.)
Arbitro:  Maresca (Napoli)

Genova
28 settembre 2019, ore 18:00 CEST
6ª giornata
Sampdoria1 – 3
referto
InterStadio Luigi Ferraris (23 694[1] spett.)
Arbitro:  Calvarese (Teramo)

Milano
6 ottobre 2019, ore 20:45 CEST
7ª giornata
Inter1 – 2
referto
JuventusStadio Giuseppe Meazza (75 923[1] spett.)
Arbitro:  Rocchi (Firenze)

Reggio Emilia
20 ottobre 2019, ore 12:30 CEST
8ª giornata
Sassuolo3 – 4
referto
InterMapei Stadium - Città del Tricolore (17 935[1] spett.)
Arbitro:  Giacomelli (Trieste)

Milano
26 ottobre 2019, ore 18:00 CEST
9ª giornata
Inter2 – 2
referto
ParmaStadio Giuseppe Meazza (67 076[1] spett.)
Arbitro:  Chiffi (Padova)

Brescia
29 ottobre 2019, ore 21:00 CET
10ª giornata
Brescia1 – 2
referto
InterStadio Mario Rigamonti (16 500[1] spett.)
Arbitro:  Fabbri (Ravenna)

Bologna
2 novembre 2019, ore 18:00 CET
11ª giornata
Bologna1 – 2
referto
InterStadio Renato Dall'Ara (28 498[1] spett.)
Arbitro:  La Penna (Roma 1)

Milano
9 novembre 2019, ore 18:00 CET
12ª giornata
Inter2 – 1
referto
VeronaStadio Giuseppe Meazza (66 202[1] spett.)
Arbitro:  Valeri (Roma 2)

Torino
23 novembre 2019, ore 20:45 CET
13ª giornata
Torino0 – 3
referto
InterStadio Olimpico Grande Torino (26 059[1] spett.)
Arbitro:  Maresca (Napoli)

Milano
1º dicembre 2019, ore 15:00 CET
14ª giornata
Inter2 – 1
referto
SPALStadio Giuseppe Meazza (61 221[1] spett.)
Arbitro:  Irrati (Pistoia)

Milano
6 dicembre 2019, ore 20:45 CET
15ª giornata
Inter0 – 0
referto
RomaStadio Giuseppe Meazza (67 008[1] spett.)
Arbitro:  Calvarese (Teramo)

Firenze
15 dicembre 2019, ore 20:45 CET
16ª giornata
Fiorentina1 – 1
referto
InterStadio Artemio Franchi (37 537[1] spett.)
Arbitro:  Mariani (Aprilia)

Milano
21 dicembre 2019, ore 18:00 CET
17ª giornata
Inter4 – 0
referto
GenoaStadio Giuseppe Meazza (57 490[1] spett.)
Arbitro:  Pairetto (Nichelino)

Napoli
6 gennaio 2020, ore 20:45 CET
18ª giornata
Napoli1 – 3
referto
InterStadio San Paolo (31 191[1] spett.)
Arbitro:  Doveri (Roma 1)

Milano
11 gennaio 2020, ore 20:45 CET
19ª giornata
Inter1 – 1
referto
AtalantaStadio Giuseppe Meazza (70 042[1] spett.)
Arbitro:  Rocchi (Firenze)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Lecce
19 gennaio 2020, ore 15:00 CET
20ª giornata
Lecce1 – 1
referto
InterStadio Via del Mare
Arbitro:  Giacomelli (Trieste)

Milano
26 gennaio 2020, ore 12:30 CET
21ª giornata
Inter – CagliariStadio Giuseppe Meazza

Udine
2 febbraio 2020, ore 20:45 CET
22ª giornata
Udinese – InterStadio Friuli

Milano
9 febbraio 2020, ore 20:45 CET
23ª giornata
Inter – MilanStadio Giuseppe Meazza

Roma
16 febbraio 2020, ore 20:45 CET
24ª giornata
Lazio – InterStadio Olimpico

Milano
23 febbraio 2020, ore 20:45 CET
25ª giornata
Inter – SampdoriaStadio Giuseppe Meazza

Torino
1º marzo 2020, ore 20:45 CET
26ª giornata
Juventus – InterAllianz Stadium

Milano
8 marzo 2020, ore 12:30 CET
27ª giornata
Inter – SassuoloStadio Giuseppe Meazza

Parma
15 marzo 2020, ore 18:00 CET
28ª giornata
Parma – InterStadio Ennio Tardini

Milano
22 marzo 2020, ore 20:45 CET
29ª giornata
Inter – BresciaStadio Giuseppe Meazza

Milano
5 aprile 2020, ore 18:00 CEST
30ª giornata
Inter – BolognaStadio Giuseppe Meazza

Verona
11 aprile 2020, ore CEST
31ª giornata
Verona – InterStadio Marcantonio Bentegodi

Milano
19 aprile 2020, ore CEST
32ª giornata
Inter – TorinoStadio Giuseppe Meazza

Ferrara
22 aprile 2020, ore CEST
33ª giornata
SPAL – InterStadio Paolo Mazza

Roma
26 aprile 2020, ore CEST
34ª giornata
Roma – InterStadio Olimpico

Milano
3 maggio 2020, ore CEST
35ª giornata
Inter – FiorentinaStadio Giuseppe Meazza

Genova
10 maggio 2020, ore CEST
36ª giornata
Genoa – InterStadio Luigi Ferraris

Milano
17 maggio 2020, ore CEST
37ª giornata
Inter – NapoliStadio Giuseppe Meazza

Bergamo
24 maggio 2020, ore CEST
38ª giornata
Atalanta – InterGewiss Stadium

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 2019-2020.

Fase finale[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 2019-2020 (fase finale).
Milano
14 gennaio 2020, ore 20:45 CET
Ottavi di finale
Inter4 – 1
referto
CagliariStadio Giuseppe Meazza (28 914 spett.)
Arbitro:  Chiffi (Padova)

Milano
29 gennaio 2020, ore 20:45 CET
Quarti di finale
Inter – FiorentinaStadio Giuseppe Meazza

UEFA Champions League[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: UEFA Champions League 2019-2020.

Fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: UEFA Champions League 2019-2020 (fase a gironi).
Milano
17 settembre 2019, ore 18:55 CEST
1ª giornata
Inter1 – 1
referto
Slavia PragaStadio Giuseppe Meazza (50 128[80] spett.)
Arbitro: Francia Buquet

Barcellona
2 ottobre 2019, ore 21:00 CEST
2ª giornata
Barcellona2 – 1
referto
InterCamp Nou (86 141[81] spett.)
Arbitro: Slovenia Skomina

Milano
23 ottobre 2019, ore 21:00 CEST
3ª giornata
Inter2 – 0
referto
Borussia DortmundStadio Giuseppe Meazza (65 673[82] spett.)
Arbitro: Inghilterra Taylor

Dortmund
5 novembre 2019, ore 21:00 CET
4ª giornata
Borussia Dortmund3 – 2
referto
InterSignal Iduna Park (66 099[83] spett.)
Arbitro: Paesi Bassi Makkelie

Praga
27 novembre 2019, ore 21:00 CET
5ª giornata
Slavia Praga1 – 3
referto
InterEden Aréna (19 370[84] spett.)
Arbitro: Polonia Marciniak

Milano
10 dicembre 2019, ore 21:00 CET
6ª giornata
Inter1 – 2
referto
BarcellonaStadio Giuseppe Meazza (71 818[85] spett.)
Arbitro: Paesi Bassi Kuipers

UEFA Europa League[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: UEFA Europa League 2019-2020.

Fase a eliminazione diretta[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: UEFA Europa League 2019-2020 (fase a eliminazione diretta).
Razgrad
20 febbraio 2020, ore 18:55 CET
Sedicesimi di finale - Andata
Ludogorec – InterLudogorec Arena

Milano
27 febbraio 2020, ore 21:00 CET
Sedicesimi di finale - Ritorno
Inter – LudogorecStadio Giuseppe Meazza

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 19 gennaio 2020.

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Competizione Punti In casa In trasferta Totale DR
G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs
Scudetto.svg Serie A 47 10 6 3 1 18 7 10 8 2 0 23 10 20 14 5 1 41 17 24
Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia - 1 1 0 0 4 1 0 0 0 0 0 0 1 1 0 0 4 1 3
Coppa Campioni.svg Champions League 7 3 1 1 1 4 3 3 1 0 2 6 6 6 2 1 3 10 9 1
UEFA CUP.svg Europa League - 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
Totale - 14 8 4 2 26 11 13 9 2 2 29 16 27 17 6 4 55 27 28

Andamento in campionato[modifica | modifica wikitesto]

Giornata 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38
Luogo C T C T C T C T C T T C T C C T C T C T C T C T C T C T C C T C T T C T C T
Risultato V V V V V V P V N V V V V V N N V V N N
Posizione 1 1 1 1 1 1 2 2 2 2 2 2 2 1 1 1 1 1 2 2

Fonte: Serie A – Classifica, su legaseriea.it.
Legenda:
Luogo: C = Casa; T = Trasferta. Risultato: V = Vittoria; N = Pareggio; P = Sconfitta.

Statistiche dei giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Sono in corsivo i calciatori che hanno lasciato la società a stagione in corso.

Giocatore Serie A Coppa Italia Champions League Totale
Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni
Agoumé, L. L. Agoumé 1000000000001000
Asamoah, K. K. Asamoah 80100000301011020
Barella, N. N. Barella 151501000412020270
Bastoni, A. A. Bastoni 111400000000011140
Berni, T. T. Berni 0-0000-0000-0000-000
Biraghi, C. C. Biraghi 140001000401019010
Brozović, M. M. Brozović 192501000601026260
Candreva, A. A. Candreva 172500000512022370
Dalbert, Dalbert 0000000000000000
D'Ambrosio, D. D. D'Ambrosio 111400000300014140
Dimarco, F. F. Dimarco 2000100000003000
de Vrij, S. S. de Vrij 181100000601024120
Esposito, S. S. Esposito 4110100030008110
Fonseca, M. M. Fonseca 0000000000000000
Gagliardini, R. R. Gagliardini 112200000400015220
Godín, D. D. Godín 130201010502019050
Handanovič, S. S. Handanovič 20-17001-1006-90027-2700
Icardi, M. M. Icardi 0000000000000000
Lazaro, V. V. Lazaro 60201000400011020
Lukaku, R. R. Lukaku 20140012005200261800
Mario, J. J. Mario 0000000000000000
Martínez, L. L. Martínez 19105000006520251570
Padelli, D. D. Padelli 0-0000-0000-0000-000
Pirola, L. L. Pirola 0000000000000000
Politano, M. M. Politano 110000000401015010
Ranocchia, A. A. Ranocchia 2010110000003110
Sánchez, A. A. Sánchez 4111100010106121
Sensi, S. S. Sensi 113201010300015330
Škriniar, M. M. Škriniar 190501000601026060
Valero, B. B. Valero 81201100301012230
Vecino, M. M. Vecino 141200000311017230
Vergani, E. E. Vergani 0000000000000000
Young, A. A. Young 00000000----0000

Giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Organigramma[modifica | modifica wikitesto]

Area direttiva

  • Direttore: Roberto Samaden
  • Responsabile Tecnico: Daniele Bernazzani
  • Responsabile Scouting Italia: Giuseppe Giavardi
  • Responsabile Medico: Marco Galli
  • Responsabile Preparatori Atletici: Roberto Niccolai
  • Responsabile Preparatori dei Portieri: Paolo Orlandoni
  • Responsabile Tecnico Attività di Base: Giuliano Rusca
  • Responsabile Organizzativo Attività di Base: Rachele Stucchi
  • Coordinatore Tecnico Attività di Base: Paolo Migliavacca

Area tecnica[86]

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Primavera[modifica | modifica wikitesto]

Under-18[modifica | modifica wikitesto]

Under-17[modifica | modifica wikitesto]

Under-16[modifica | modifica wikitesto]

Under-15[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v (EN) Statistiche Spettatori Serie A 2019-2020, su stadiapostcards.com. URL consultato il 1º settembre 2019.
  2. ^ Inter, ufficiale l'arrivo di Lukaku: è il giocatore nerazzurro più costoso della storia, su calcioefinanza.it, 8 agosto 2019.
  3. ^ Fabio Licari, Champions: Inter in terza fascia, Atalanta debutto in quarta. Milan in Euroleague, su gazzetta.it, 27 maggio 2019.
  4. ^ Carlo Angioni, Inter, esonerato Spalletti. L'era Conte può cominciare, su gazzetta.it, 30 maggio 2019.
  5. ^ "Antonio Conte sarà il nuovo allenatore dell'Inter!": l'annuncio ufficiale del club, su gazzetta.it, 31 maggio 2019.
  6. ^ Inter, la carriera di Antonio Conte: i trionfi da giocatore e i successi in panchina, su repubblica.it, 31 maggio 2019.
  7. ^ "C'è un nuovo sceriffo in città": l'Inter annuncia l'arrivo di Godin, su gazzetta.it, 1º luglio 2019.
  8. ^ Da Sensi a Barella, fino a Politano-Gagliardini: è sempre di più un'Inter... Nazionale, su gazzetta.it, 10 luglio 2019.
  9. ^ Lukaku all'Inter, è ufficiale: prima la firma e poi l'allenamento, su corrieredellosport.it, 8 agosto 2019.
  10. ^ Inter, ufficiale Alexis Sanchez dal Manchester United, su corrieredellosport.it, 29 agosto 2019.
  11. ^ Inter, Perisic al Bayern: l’impatto a bilancio, su calcioefinanza.it, 12 agosto 2019.
  12. ^ Calciomercato. Icardi, c'è il lieto fine: l'Inter al fotofinish manda il ribelle al Psg, su corriere.it, 2 settembre 2019.
  13. ^ Inter, 6 vittorie nelle prime 6 gare: 52 anni dopo la storia si ripete, su sport.sky.it, 29 settembre 2019.
  14. ^ Vincenzo D'Angelo, Lautaro-gol e grande Inter per un’ora, poi Suarez ribalta tutto: il Barça vince 2-1, su gazzetta.it, 2 ottobre 2019.
  15. ^ Davide Stoppini, Sinfonia Juve a San Siro: Dybala e Higuain stendono l'Inter, su gazzetta.it, 6 ottobre 2019.
  16. ^ Valerio Clari, Inter di nuovo a -1 dalla Juve. Domina col Sassuolo per oltre 70’ ma rischia la beffa, su gazzetta.it, 20 ottobre 2019.
  17. ^ Valerio Clari, Lukaku ribalta il Bologna al 91': Inter sempre in scia della Juve, su gazzetta.it, 2 novembre 2019.
  18. ^ Carlo Angioni, L’Inter si butta via a Dortmund: gran primo tempo, poi il Borussia rimonta e vince 3-2, su gazzetta.it, 5 novembre 2019.
  19. ^ Davide Stoppini, Lautaro-Lukaku da favola: impresa Inter a Praga! Ora gli ottavi sono possibili, su gazzetta.it, 27 novembre 2019.
  20. ^ Carlo Angioni, Lautaro fa impazzire San Siro: 2-1 alla Spal e sorpasso in vetta alla Juve, su gazzetta.it, 1º dicembre 2019.
  21. ^ Valerio Clari, Il Barça dei ragazzini terribili gela San Siro: Inter in Europa League, su gazzetta.it, 10 dicembre 2019.
  22. ^ Inter e Nike presentano la divisa Home 2019-20, indossata in anteprima dalla squadra femminile, su inter.it, 22 maggio 2019.
  23. ^ Inter e Nike presentano la nuova divisa Away per la stagione 19/20, su inter.it, 25 giugno 2019.
  24. ^ Inter e Nike presentano la terza divisa per la stagione 2019-2020, su inter.it, 9 settembre 2019.
  25. ^ Serie A, le maglie portieri del prossimo campionato, su sport.sky.it, 20 agosto 2019.
  26. ^ UCL, il racconto fotografico di Barcellona-Inter, su inter.it, 2 ottobre 2019.
  27. ^ Lautaro-Candreva! Le foto della vittoria nerazzurra sul Borussia Dortmund, su inter.it, 23 ottobre 2019.
  28. ^ Organigramma, su inter.it. URL consultato il 9 agosto 2019.
  29. ^ Gabriele Oriali First Team Technical Manager di FC Internazionale Milano, su inter.it, 27 giugno 2019.
  30. ^ Staff tecnico, su inter.it. URL consultato il 9 agosto 2019.
  31. ^ Prima Squadra, su inter.it. URL consultato il 17 gennaio 2020.
  32. ^ Panini, p. 87.
  33. ^ a b c Ceduto durante la sessione estiva del calciomercato.
  34. ^ Acquistato durante la sessione invernale del calciomercato.
  35. ^ a b Aggregato dalla formazione Primavera.
  36. ^ a b Ionut Radu, su transfermarkt.it. URL consultato il 12 luglio 2019.
  37. ^ Alessandro Bastoni, su transfermarkt.it. URL consultato il 1º luglio 2019.
  38. ^ Federico Dimarco, su transfermarkt.it. URL consultato il 1º luglio 2019.
  39. ^ Diego Godín, su transfermarkt.it. URL consultato il 1º luglio 2019.
  40. ^ Nicolò Barella, su transfermarkt.it. URL consultato il 12 luglio 2019.
  41. ^ Cristiano Biraghi, su transfermarkt.it. URL consultato il 29 agosto 2019.
  42. ^ Valentino Lazaro, su transfermarkt.it. URL consultato il 1º luglio 2019.
  43. ^ Stefano Sensi, su transfermarkt.it. URL consultato il 2 luglio 2019.
  44. ^ a b Yann Karamoh, su transfermarkt.it. URL consultato il 17 luglio 2019.
  45. ^ Romelu Lukaku, su transfermarkt.it. URL consultato l'8 agosto 2019.
  46. ^ Matteo Politano, su transfermarkt.it. URL consultato il 1º luglio 2019.
  47. ^ a b Andrea Pinamonti, su transfermarkt.it. URL consultato il 1º luglio 2019.
  48. ^ Alexis Sanchez, su transfermarkt.it. URL consultato l'8 agosto 2019.
  49. ^ a b Gabriel Brazão, su transfermarkt.it. URL consultato il 17 luglio 2019.
  50. ^ a b Andrew Gravillon, su transfermarkt.it. URL consultato il 17 luglio 2019.
  51. ^ a b Marco Sala, su transfermarkt.it. URL consultato il 1º luglio 2019.
  52. ^ Lucien Agoume, su transfermarkt.it. URL consultato il 6 luglio 2019.
  53. ^ Samuele Longo, su transfermarkt.it. URL consultato il 1º luglio 2019.
  54. ^ George Puscas, su transfermarkt.it. URL consultato il 1º luglio 2019.
  55. ^ a b Eddie Salcedo, su transfermarkt.it. URL consultato il 1º settembre 2019.
  56. ^ Dalbert, su transfermarkt.it. URL consultato il 29 agosto 2019.
  57. ^ Miranda, su transfermarkt.it. URL consultato il 26 luglio 2019.
  58. ^ Cédric Soares, su transfermarkt.it. URL consultato il 1º luglio 2019.
  59. ^ Zinho Vanheusden, su transfermarkt.it. URL consultato il 1º luglio 2019.
  60. ^ Sime Vrsaljko, su transfermarkt.it. URL consultato il 1º luglio 2019.
  61. ^ Cristian Ansaldi, su transfermarkt.it. URL consultato il 1º luglio 2019.
  62. ^ João Mário, su transfermarkt.it. URL consultato il 27 agosto 2019.
  63. ^ Radja Nainggolan, su transfermarkt.it. URL consultato il 9 agosto 2019.
  64. ^ Ivan Perisic, su transfermarkt.it. URL consultato il 13 agosto 2019.
  65. ^ Mauro Icardi, su transfermarkt.it. URL consultato il 2 settembre 2019.
  66. ^ Keita Baldé, su transfermarkt.it. URL consultato il 1º luglio 2019.
  67. ^ George Puscas, su transfermarkt.it. URL consultato il 9 agosto 2019.
  68. ^ Michele Di Gregorio, su transfermarkt.it. URL consultato l'11 luglio 2019.
  69. ^ Marco Pissardo, su transfermarkt.it. URL consultato l'11 luglio 2019.
  70. ^ Nicholas Rizzo, su transfermarkt.it. URL consultato il 6 luglio 2019.
  71. ^ Ryan Nolan, su transfermarkt.it. URL consultato il 2 settembre 2019.
  72. ^ Xian Emmers, su transfermarkt.it. URL consultato l'11 luglio 2019.
  73. ^ Lorenzo Gavioli, su transfermarkt.it. URL consultato il 18 luglio 2019.
  74. ^ Rigoberto Rivas, su transfermarkt.it. URL consultato il 2 settembre.
  75. ^ Andrea Adorante, su transfermarkt.it. URL consultato il 1º luglio 2019.
  76. ^ Rey Manaj, su transfermarkt.it. URL consultato il 1º luglio 2019.
  77. ^ Matteo Rover, su transfermarkt.it. URL consultato il 17 luglio 2019.
  78. ^ Vincenzo Tommasone, su transfermarkt.it. URL consultato il 2 settembre.
  79. ^ Ashley Young, su transfermarkt.it. URL consultato il 19 gennaio 2020.
  80. ^ (EN) Internazionale-Slavia Praha (PDF), Union of European Football Associations, 17 settembre 2019.
  81. ^ (EN) Barcelona-Internazionale (PDF), Union of European Football Associations, 2 ottobre 2019.
  82. ^ (EN) Internazionale-Borussia Dortmund (PDF), Union of European Football Associations, 23 ottobre 2019.
  83. ^ (EN) Borussia Dortmund-Internazionale (PDF), Union of European Football Associations, 5 novembre 2019.
  84. ^ (EN) Slavia Praha-Internazionale (PDF), Union of European Football Associations, 27 novembre 2019.
  85. ^ (EN) Internazionale-Barcelona (PDF), Union of European Football Associations, 10 dicembre 2019.
  86. ^ Settore Giovanile, i tecnici per la stagione 19/20, su inter.it, 11 luglio 2019.
  87. ^ Percorso "UEFA Champions League".

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio