Leandro Paredes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Leandro Paredes
Paredes Zenit-Ural.jpg
Paredes con lo Zenit St. Pietroburgo nel 2017
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 180 cm
Peso 75 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Squadra Paris Saint-Germain
Carriera
Giovanili
2002-2010Boca Juniors
Squadre di club1
2011-2014Boca Juniors28 (1)
2014Chievo1 (0)
2014-2015Roma10 (1)
2015-2016Empoli33 (2)
2016-2017Roma27 (3)
2017-2019 Zenit San Pietroburgo43 (7)
2019-Paris Saint-Germain52 (1)
Nazionale
2017-Argentina Argentina28 (3)
Palmarès
Coppa America calcio.svg Coppa America
Bronzo Brasile 2019
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 10 aprile 2021

Leandro Daniel Paredes (San Justo, 29 giugno 1994) è un calciatore argentino, centrocampista del Paris Saint-Germain e della nazionale argentina.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2012 è stato inserito nella lista dei migliori calciatori nati dopo il 1991, stilata da Don Balón.[1]

Destro naturale, abile anche nelle giocate in poco spazio, sa cavarsela con finte e doppi passi (si ispira a Juan Román Riquelme e Zinédine Zidane);[2] inoltre è bravo a recuperare palloni,[3] oltre a possedere un ottimo controllo di palla ed è abile a fornire assist o a concludere.[4] Nasce trequartista, ruolo dove ha esordito nel Boca Juniors, per poi, dopo essere giunto in Europa, arretrare la sua posizione ad intermedio in un centrocampo a 3 e in seguito, con l'arrivo a Empoli, inizia a giocare stabilmente da regista.[5][6] Bravo a cercare la profondità e a non perdere mai palla, si distingue anche in fase d'interdizione e per la capacità di giocare negli spazi stretti.[6][7]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Boca Juniors[modifica | modifica wikitesto]

Entrato a far parte del settore giovanile del Boca Juniors a 8 anni,[7] fa il suo esordio in campionato con la prima squadra il 7 novembre 2011, nel match casalingo contro l'Argentinos Juniors. Sarà nella stagione 2012-2013 che il giovane centrocampista s'imporrà con la maglia del Boca: a fine stagione raccoglierà 20 presenze e 4 reti.

Chievo, Roma ed Empoli[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 gennaio 2014 viene ceduto in prestito al ChievoVerona;[8] il trasferimento avviene con l'avallo della Roma che, terminati i posti disponibili per gli extracomunitari, lascia ingaggiare il giocatore ai veronesi.[9] Il 4 maggio fa il suo esordio con i clivensi, debuttando in casa contro il Torino, partita persa 1-0: questa sarà anche la sua unica gara stagionale con il Chievo.[7]

Il 19 luglio 2014 passa in prestito alla Roma, con opzione di riscatto dell'intero cartellino.[10] Il 27 settembre fa il suo esordio ufficiale contro l'Hellas Verona, gara vinta 2-0 dai giallorossi, subentrando nella ripresa al posto di Nainggolan.[11] L'8 febbraio segna la sua prima rete in campionato nella vittoria per 2-1 sul Cagliari.[12] Il 26 febbraio 2015 fa il suo esordio in Europa League a Rotterdam contro il Feyenoord, subentrando all'83º minuto al posto di Totti,[13] gara terminata per 2-1 per la Roma. Conclude la sua prima stagione totalizzando 13 presenze ed 1 rete.[7]

Riscattato per 4,5 milioni di euro, il 31 agosto 2015 passa in prestito secco all'Empoli,[14] facendo il suo debutto con la maglia degli azzurri il 13 settembre nella gara interna contro il Napoli, terminata 2-2.[15] Il 19 settembre, una sua rete contribuisce alla vittoria esterna sul campo dell'Udinese, match terminato 2-1 per i toscani.[16] Va di nuovo a segno nella sconfitta per 5-1 contro il Napoli.[17] Gioca 33 partite segnando 2 reti con i toscani, in cui, a partire dall'ottava giornata, è titolare da regista fornendo buone prestazioni.[5][7]

Nella stagione seguente (2016-2017) torna alla Roma ed esordisce in Champions League 2016-2017 contro il Porto nella ɡara d'andata dei play-off il 17 agosto 2016. Il 23 ottobre 2016 segna su punizione contro il Palermo in casa, nella vittoria per 4-1.[18] Il secondo goal in campionato lo segna il 19 febbraio 2017 all'Olimpico, da fuori area, contro il Torino, siglando il 3-0 (finita 4-1).[19] La terza e ultima rete coi giallorossi la realizza nel successo per 3-1 contro il Sassuolo del 19 marzo 2017.[20]

Zenit e Paris Saint-Germain[modifica | modifica wikitesto]

Paredes in azione con la maglia dello Zenit nel 2018.

Il 1º luglio 2017 viene ceduto a titolo definitivo allo Zenit San Pietroburgo, per 23 milioni di euro più altri 4 di bonus.[21] In Russia colleziona in totale 61 presenze e 10 reti.

Il 29 gennaio 2019 passa al Paris Saint-Germain per 40 milioni di euro più 5 di bonus [22] firmando un contratto di quattro anni e mezzo;[23] Gioca da titolare la seconda parte di stagione per poi essere relegato a riserva dalla stagione seguente, in cui riconquista un posto da titolare nel post-lockdown; qui raggiunge la finale di Champions League, in cui i parigini perdono contro il Bayern Monaco.[6]

Nel 2020-2021 torna a essere riserva per via dell'acquisto di Danilo Pereira.[6]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2011 ha preso parte con la squadra argentina al Sudamericano Under-17, competizione dove raccoglie 6 presenze e 2 reti.

Nel giugno 2017 ottiene la sua prima convocazione in nazionale maggiore da parte del CT Jorge Sampaoli in vista dell'amichevole con Singapore del 13 giugno, battuto 6-0 dall'Albiceleste e contro il quale Paredes realizza la sua prima rete in nazionale.[24]

Non convocato per i Mondiali 2018,[25] dopo la manifestazione iridata diviene titolare nel centrocampo dell'Albiceleste, con cui viene convocato per la Copa América 2019,[26] dove da titolare raggiunge il terzo posto.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 13 aprile 2021.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2011-2012 Argentina Boca Juniors PD 4 0 CA 0 0 CL 0 0 - - - 4 0
2012-2013 PD 20 4 CA 1 0 CL 1 0 SA 1 0 23 4
2013-gen. 2014 PD 4 1 CA 0 0 - - - - - - 4 1
Totale Boca Juniors 28 5 1 0 1 0 1 0 31 5
gen.-giu. 2014 Italia Chievo A 1 0 CI 0 0 - - - - - - 1 0
2014-2015 Italia Roma A 10 1 CI 2 0 UCL+UEL 0+1 0 - - - 13 1
2015-2016 Italia Empoli A 33 2 CI 0 0 - - - - - - 33 2
2016-2017 Italia Roma A 27 3 CI 4 0 UCL+UEL 2[27]+8 0 - - - 41 3
Totale Roma 37 4 6 0 11 0 - - 54 4
2017-2018 Russia Zenit PL 28 4 KR 1 1 UEL 10[28] 1 - - - 39 6
2018-gen. 2019 PL 15 3 KR 0 0 UEL 7[29] 1 - - - 22 4
Totale Zenit 43 7 1 1 17 2 - - 61 10
gen.-giu. 2019 Francia Paris Saint-Germain L1 16 0 CF+CdL 4+0 0 UCL 2 0 - - - 22 0
2019-2020 L1 17 0 CF+CdL 5+4 1+0 UCL 6 0 SF 1 0 33 1
2020-2021 L1 19 1 CF 3 0 UCL 6 0 SF 1 0 29 1
Totale Paris Saint-Germain 52 1 16 1 14 0 2 0 84 2
Totale carriera 194 19 24 2 43 2 3 0 264 23

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Argentina
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
13-6-2017 Singapore Singapore Singapore 0 – 6 Argentina Argentina Amichevole 1 Ingresso al 60’ 60’
10-10-2017 Quito Ecuador Ecuador 1 – 3 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2018 - Ingresso al 84’ 84’
23-3-2018 Manchester Argentina Argentina 2 – 0 Italia Italia Amichevole - Uscita al 64’ 64’
7-9-2018 Los Angeles Argentina Argentina 3 – 0 Guatemala Guatemala Amichevole - Uscita al 46’ 46’
12-9-2018 East Rutherford Colombia Colombia 0 – 0 Argentina Argentina Amichevole - Ingresso al 68’ 68’ - Ammonizione al 82’ 82’
11-10-2018 Riad Iraq Iraq 0 – 4 Argentina Argentina Amichevole - Uscita al 60’ 60’
16-10-2018 Gedda Brasile Brasile 1 – 0 Argentina Argentina Amichevole - Ammonizione al 18’ 18’
16-11-2018 Córdoba Argentina Argentina 2 – 0 Messico Messico Amichevole - Uscita al 88’ 88’
21-11-2018 Mendoza Argentina Argentina 2 – 0 Messico Messico Amichevole - Ingresso al 55’ 55’
22-3-2019 Madrid Argentina Argentina 1 – 3 Venezuela Venezuela Amichevole -
26-3-2019 Tangeri Marocco Marocco 0 – 1 Argentina Argentina Amichevole - Uscita al 76’ 76’
8-6-2019 San Juan Argentina Argentina 5 – 1 Nicaragua Nicaragua Amichevole -
15-6-2019 Salvador Argentina Argentina 0 – 2 Colombia Colombia Coppa America 2019 - 1º turno - Ammonizione al 55’ 55’
19-6-2019 Belo Horizonte Argentina Argentina 1 – 1 Paraguay Paraguay Coppa America 2019 - 1º turno -
23-6-2019 Porto Alegre Qatar Qatar 0 – 2 Argentina Argentina Coppa America 2019 - 1º turno -
28-6-2019 Rio de Janeiro Venezuela Venezuela 0 – 2 Argentina Argentina Coppa America 2019 - Quarti di finale -
2-7-2019 Belo Horizonte Brasile Brasile 2 – 0 Argentina Argentina Coppa America 2019 - Semifinale -
6-7-2019 San Paolo Argentina Argentina 2 – 1 Cile Cile Coppa America 2019 - Finale 3º posto - Ammonizione al 63’ 63’
5-9-2019 Los Angeles Cile Cile 0 – 0 Argentina Argentina Amichevole - Ammonizione al 6’ 6’ - Uscita al 85’ 85’
10-9-2019 San Antonio Argentina Argentina 4 – 0 Messico Messico Amichevole 1 Ammonizione al 78’ 78’
9-10-2019 Dortmund Germania Germania 2 – 2 Argentina Argentina Amichevole -
13-10-2019 Elche Argentina Argentina 6 – 1 Ecuador Ecuador Amichevole 1 Ammonizione al 12’ 12’ - Uscita al 46’ 46’
15-11-2019 Riyad Brasile Brasile 0 – 1 Argentina Argentina Amichevole - Ammonizione al 73’ 73’ - Uscita al 83’ 83’
18-11-2019 Tel Aviv Argentina Argentina 2 – 2 Uruguay Uruguay Amichevole - Ammonizione al 40’ 40’ - Uscita al 79’ 79’
8-10-2020 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 0 Ecuador Ecuador Qual. Mondiali 2022 - Ammonizione al 25’ 25’
13-10-2020 La Paz Bolivia Bolivia 1 – 2 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2022 - Uscita al 69’ 69’
12-11-2020 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 1 Paraguay Paraguay Qual. Mondiali 2022 -
17-11-2020 Lima Perù Perù 0 – 2 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2022 -
Totale Presenze 28 Reti 3

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Paris Saint-Germain: 2018-2019, 2019-2020
Paris Saint-Germain: 2019-2020
Paris Saint-Germain: 2019, 2020
Paris Saint-Germain: 2019-2020

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 101 prospetti per il futuro. Ecco la lista di Don Balon, su tuttomercatoweb.com, 13 novembre 2012. URL consultato il 13 novembre 2012.
  2. ^ Profilo - Leandro Paredes, un 'Mago' per la Roma: garantisce Sabatini..., su goal.com, 7 gennaio 2014.
  3. ^ (ES) Paredes, el regreso del 5, in El País, 2 luglio 2019. URL consultato il 12 dicembre 2019.
  4. ^ La Roma ha un nuovo fuoriclasse: Leandro Paredes, su corrieredellanotizia.it. URL consultato il 21 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2014).
  5. ^ a b All'altezza dell'eredità, intervista a Leandro Paredes, su ultimouomo.com, 10 novembre 2017. URL consultato il 12 dicembre 2019.
  6. ^ a b c d Inter: chi è Paredes, il centrocampista che manca a Conte, su gazzetta.it. URL consultato il 26 dicembre 2020.
  7. ^ a b c d e Innamorati di Leandro Paredes, su ultimouomo.com, 17 febbraio 2016. URL consultato il 26 dicembre 2020.
  8. ^ Leandro Paredes al ChievoVerona Archiviato il 23 settembre 2015 in Internet Archive.
  9. ^ Il Boca conferma, primo colpo della Roma: "Paredes in prestito per 18 mesi", su goal.com, 5 gennaio 2014. URL consultato il 24 agosto 2016.
  10. ^ Leandro Paredes (PDF), su asroma.it (archiviato dall'url originale il 29 luglio 2014).
  11. ^ Roma-Verona 2-0, Florenzi e Destro da centrocampo nel Totti-day, gazzetta.it, 27 settembre 2014. URL consultato il 27 settembre 2014.
  12. ^ Roma, ecco Verde: a Cagliari è nata una stella. Garcia: "Sa faticare, farà strada", gazzetta.it, 8 febbraio 2015. URL consultato l'8 febbraio 2015.
  13. ^ Feyenoord-Roma 1-2, Gervinho firma la qualificazione, repubblica.it, 27 febbraio 2015. URL consultato il 26 febbraio 2015.
  14. ^ Preso Paredes, empolicalcio.net.it, 31 agosto 2015. URL consultato il 21 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2015).
  15. ^ Empoli-Napoli 2-2: partenopei ancora senza vittorie, Allan li salva dal ko, repubblica.it, 13 settembre. URL consultato il 21 dicembre 2015.
  16. ^ Serie A, Udinese-Empoli 1-2: decide Maccarone al 92, gazzetta.it, 19 settembre. URL consultato il 21 dicembre 2015.
  17. ^ Napoli-Empoli 5-1: risposta azzurra alla Juve, manita ai toscani, su repubblica.it, 31 gennaio 2016. URL consultato il 12 dicembre 2019.
  18. ^ Roma-Palermo 4-1: i giallorossi non sbagliano e restano secondi, su repubblica.it, 23 ottobre 2016. URL consultato il 12 dicembre 2019.
  19. ^ Serie A Roma, Paredes: «Io come Pjanic? Grazie mister...», in Il Corriere dello Sport. URL consultato il 24 ottobre 2016.
  20. ^ Le pagelle di Roma-Sassuolo 3-1, su it.eurosport.com, 19 marzo 2017. URL consultato il 12 dicembre 2019.
  21. ^ Paredes ceduto a titolo definitivo al Football Club Zenit, su asroma.com, 1º luglio 2017.
  22. ^ Niente Allan, il PSG si consola: è fatta per Paredes, tutte le cifre
  23. ^ (FR) Leandro Paredes au Paris Saint-Germain, su psg.fr, 29 gennaio 2019 (archiviato il 29 aprile 2019).
  24. ^ (EN) Tom Sunderland, Alejandro Gomez, Leandro Paredes Score on Argentina Debuts in Singapore Victory, su Bleacher Report. URL consultato il 12 dicembre 2019.
  25. ^ (ES) Leandro Paredes se quedó afuera del Mundial y se le rompió el alma, su bolavip.com. URL consultato il 12 dicembre 2019.
  26. ^ (ES) Convocatoria de Argentina: La lista de Scaloni para la Copa América, su ar.marca.com, 14 giugno 2019. URL consultato il 12 dicembre 2019.
  27. ^ Nei turni preliminari
  28. ^ 3 presenze nei turni preliminari.
  29. ^ 2 presenze nei turni preliminari.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]