Danilo Pereira

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Danilo Pereira
DK-Porto15 (8).jpg
Danilo Pereira con la maglia del Porto nel 2015
Nome Danilo Luís Hélio Pereira
Nazionalità Portogallo Portogallo
Altezza 188 cm
Peso 66 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista, Difensore
Squadra Porto
Carriera
Giovanili
2005-2008 Estoril Praia
2008-2010 Benfica
Squadre di club1
2010 Parma 0 (0)
2011 Arīs Salonicco 5 (2)
2011-2012 Parma 5 (0)
2012-2013 Roda JC 31 (1)[1]
2013-2015 Marítimo 57 (4)
2015- Porto 33 (6)
Nazionale
2009 Portogallo Portogallo U-18 5 (1)
2009-2010 Portogallo Portogallo U-19 17 (1)
2010-2011 Portogallo Portogallo U-20 19 (3)
2012 Portogallo Portogallo U-21 3 (0)
2015- Portogallo Portogallo 17 (1)
Transparent.png Campionato mondiale Under-20
Argento Colombia 2011
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Oro Francia 2016
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 10 luglio 2016

Danilo Luís Hélio Pereira, meglio noto come Danilo Pereira (Bissau, 9 settembre 1991), è un calciatore portoghese, di origine guineense, centrocampista o difensore del Porto e della Nazionale portoghese, con la quale si è laureato campione d'Europa nel 2016.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Danilo Pereira nasce in Guinea-Bissau, con la sua famiglia si trasferisce in Portogallo, quando aveva cinque anni.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Danilo Pereira in Portogallo è stato più volte soprannominato 'O novo Vieira', per via della sua posizione in campo e del suo fisico molto potente.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Inizia nelle giovanili del Benfica.

Nell'estate 2010, viene acquistato dal Parma a parametro zero. A gennaio 2011 viene ceduto in prestito fino al termine della stagione all'Aris Salonicco dove debutta nella massima serie greca, giocando 5 partite nelle quali segna 2 reti. La stagione seguente torna al Parma, con la cui maglia esordisce il 7 gennaio 2012 nella pesante sconfitta per 5-0 al Meazza contro l'Inter.

Il 30 giugno 2012 si trasferisce in prestito al Roda JC, squadra militante nel massimo campionato olandese.

Il 10 agosto 2013 firma un contratto triennale con il club portoghese del Maritimo.

Il 3 luglio 2015 si trasferisce al Porto.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Ha fatto parte della Nazionale portoghese Under-20 con cui partecipa al Mondiale di categoria del 2011 e dove segna una rete in occasione della vittoria 2-0 sulla Francia in semifinale. Al termine della rassegna iridata i lusitani vincono la medaglia d'argento. Esordisce con la Nazionale maggiore il 31 marzo 2015 nell'amichevole persa 2-0 contro il Capo Verde subentrando al 61° a Bernardo Silva. Il 16 giugno 2015 gioca la sua seconda partita contro l'Italia partendo da titolare.

Viene convocato per gli Europei 2016 in Francia.[2] Il 10 luglio si laurea campione d'Europa dopo la vittoria in finale sulla Francia padrona di casa per 1-0, ottenuta grazie al goal decisivo di Éder durante i tempi supplementari.[3]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 22 maggio 2016.

Stagione Squadra Campionato Coppa nazionale Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
gen.- giu. 2011 Grecia Arīs Salonicco SL 5 2 CG 0 0 UEL 0 0 - - - 5 2
2011-2012 Italia Parma A 5 0 CI 0 0 - - - - - - 5 0
2012-2013 Paesi Bassi Roda JC ED 28+4[4] 1 KNVBB 1 0 - - - - - - 36 1
2013-2014 Portogallo Marítimo PL 28 1 TP+TL 2+2 0 - - - - - - 32 1
2014-2015 PL 29 3 TP+TL 4+5 0 - - - - - - 38 3
Totale Marítimo 57 4 13 0 - - - - 70 4
2015-2016 Portogallo Porto PL 33 6 CP+CdL 4+0 0 UCL+UEL 6+1 0 - - - 45 6
Totale carriera 134 13 18 0 7 0 - - 159 13

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Portogallo Portogallo
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
31-3-2015 Estoril Portogallo Portogallo 0 – 2 Capo Verde Capo Verde Amichevole - Ingresso al 61’ 61’
16-6-2015 Ginevra Italia Italia 0 – 1 Portogallo Portogallo Amichevole -
4-9-2015 Lisbona Portogallo Portogallo 0 – 1 Francia Francia Amichevole - Ammonizione al 70’ 70’ Uscita al 85’ 85’
7-9-2015 Elbasan Albania Albania 0 – 1 Portogallo Portogallo Qual. Euro 2016 -
8-10-2015 Braga Portogallo Portogallo 1 – 0 Danimarca Danimarca Qual. Euro 2016 - Ammonizione al 89’ 89’
11-10-2015 Belgrado Serbia Serbia 1 – 2 Portogallo Portogallo Qual. Euro 2016 - Ammonizione al 49’ 49’
17-11-2015 Lussemburgo Lussemburgo Lussemburgo 0 – 2 Portogallo Portogallo Amichevole - Ammonizione al 15’ 15’ Uscita al 89’ 89’
25-3-2016 Leiria Portogallo Portogallo 0 – 1 Bulgaria Bulgaria Amichevole - Ingresso al 74’ 74’
29-3-2016 Leiria Portogallo Portogallo 2 – 1 Belgio Belgio Amichevole - Ammonizione al 85’ 85’ Uscita al 87’ 87’
29-5-2016 Porto Portogallo Portogallo 3 – 0 Norvegia Norvegia Amichevole - Ingresso al 60’ 60’
2-6-2016 Londra Inghilterra Inghilterra 1 – 0 Portogallo Portogallo Amichevole - Ammonizione al 76’ 76’
8-6-2016 Lisbona Portogallo Portogallo 7 – 0 Estonia Estonia Amichevole 1 Uscita al 70’ 70’
14-6-2016 Saint-Étienne Portogallo Portogallo 1 – 1 Islanda Islanda Euro 2016 - 1º turno -
22-6-2016 Décines-Charpieu Ungheria Ungheria 3 – 3 Portogallo Portogallo Euro 2016 - 1º turno - Ingresso al 81’ 81’
25-6-2016 Lens Croazia Croazia 0 – 1 dts Portogallo Portogallo Euro 2016 - Ottavi di finale - Ingresso al 108’ 108’
30-6-2016 Marsiglia Polonia Polonia 0 – 0 dts
(3 - 5 dcr)
Portogallo Portogallo Euro 2016 - Quarti di finale - Ingresso al 96’ 96’
6-7-2016 Décines-Charpieu Portogallo Portogallo 2 – 0 Galles Galles Euro 2016 - Semifinale -
Totale Presenze 17 Reti 1

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Francia 2016

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 35 (1) comprendendo anche i Play-off promozione
  2. ^ (PT) Euro-2016: os 23 convocados, fpf.pt. URL consultato il 18 maggio 2016.
  3. ^ Euro 2016, Portogallo campione: 1-0 alla Francia, Eder gol ai supplementari, gazzetta.it, 10 luglio 2016. URL consultato l'11 luglio 2016.
  4. ^ Nei play-off.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]