Juan Román Riquelme

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Juan Román Riquelme
Riquelme 2009.jpg
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 182[1] cm
Peso 75[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirato 26 gennaio 2015
Carriera
Giovanili
1992-1995
1995-1996
Argentinos Jrs Argentinos Jrs
Boca Juniors
Squadre di club1
1996-2002 Boca Juniors 152 (38)
2002-2003 Barcellona 30 (3)
2003-2007 Villarreal 106 (36)
2007 Boca Juniors 15 (2)
2007 Villarreal 0 (0)
2007-2012 Boca Juniors 107 (20)
2013-2014 Boca Juniors 13 (3)
2014 Argentinos Jrs Argentinos Jrs 18 (5)
Nazionale
1997-1998
2000-2008
1997-2011
Argentina Argentina U-20
Argentina Argentina olimpica
Argentina Argentina
21 (7)
9 (2)
54 (18)
Palmarès
Transparent.png Campionato sudamericano Under-20
Oro Cile 1997
Transparent.png Mondiali di Calcio Under-20
Oro Malesia 1997
Transparent.png Confederations Cup
Argento Germania 2005
Coppa America calcio.svg Copa América
Argento Venezuela 2007
Olympic flag.svg Olimpiadi
Oro Pechino 2008
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 26 gennaio 2015

Juan Román Riquelme (San Fernando, 24 giugno 1978) è un ex calciatore argentino, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Esordi e Boca Juniors[modifica | modifica wikitesto]

Fu notato dalle due maggiori squadre argentine, Boca Juniors e River Plate, quando era alle giovanili dell'Argentinos Juniors. Nonostante fosse tifoso sin da bambino del Tigre, scelse di trasferirsi al Boca nel 1995 quando oramai sembrava destinato agli acerrimi rivali del River prima di firmare con gli Xeneizes, dove il club gialloblù lo pagò 800.000 dollari. Un anno dopo, il 10 novembre 1996, el Mudo (così soprannominato in Argentina per il suo carattere taciturno) giocò la sua prima partita da professionista (Boca Juniors-Unión de Santa Fe 2-0) e due settimane dopo segnò il suo primo gol in Boca Juniors-Huracán 6-0.

Relegato spesso in panchina dal tecnico Héctor Veira, Riquelme conquista il posto da titolare con l'arrivo di Carlos Bianchi nella stagione 1998-1999. Il nuovo allenatore gli consegna la gloriosa maglietta numero 10 e lo lascia libero di svariare su tutto il fronte di attacco. Il Boca domina e si aggiudica il torneo di Apertura, primo titolo dopo 6 anni, e si ripete trionfando anche nel torneo di Clausura. Riquelme contribuisce con 7 gol in 18 partite.

Nel gennaio del 2000, viene convocato nella nazionale olimpica da José Pekerman per il torneo sudamericano di qualificazione ai Giochi di Sydney. Segna due gol nel torneo ma l'Argentina viene clamorosamente eliminata dal Cile, che la supera 2-0 nella gara decisiva.

Malgrado l'insuccesso con la nazionale olimpica, nel 2000 arriva la svolta della carriera di Riquelme. Vince per la prima volta la Coppa Libertadores e successivamente si aggiudica la Coppa Intercontinentale 2000 con la vittoria del Boca sul Real Madrid per 2-1: in questa partita Riquelme fu protagonista di una grande prestazione fornendo grandi giocate e i due assist per la doppietta del compagno di squadra Martin Palermo[2]. Il Boca Juniors guidato da Carlos Bianchi si aggiudicherà la Coppa Libertadores anche l'anno successivo sconfiggendo in finale i messicani del Cruz Azul e Riquelme viene nominato miglior giocatore della partita. Sempre nel 2001 arriva il nuovo trionfo nel torneo di Apertura.

Tutti questi trionfi in serie mettono sotto i riflettori il talento argentino: nel 2001 Roman viene eletto da un giornale uruguayano miglior giocatore del continente e vince il Calciatore sudamericano dell'anno, succedendo a Romario nell'albo d'oro del prestigioso trofeo.

Barça[modifica | modifica wikitesto]

L'8 luglio 2002, dopo sette stagioni di successi con il Boca Juniors, passò al Barcellona per 11,5 milioni di euro.[3] Viste le alterne fortune del Barça di quegli anni, reduce da due quarti posti nella liga, la pressione su Riquelme fu molto intensa. Non riuscì a esprimersi ai suoi livelli e perse il posto di titolare. La mediocre stagione 2002-2003 vide la squadra classificarsi al sesto posto, mentre la trionfale cavalcata in Champions League, con 13 vittorie su 14 incontri, fu interrotta ai quarti dalla Juventus, che passò dopo i tempi supplementari. Riquelme chiuse la stagione con 30 presenze e tre gol in campionato e undici presenze con due gol in Champions.

Villarreal[modifica | modifica wikitesto]

Juan Román Riquelme in allenamento con il Villareal

Il 28 agosto 2003 fu ceduto in prestito al Villarreal, dove ha giocato insieme al compagno di nazionale Juan Pablo Sorín ed all'attaccante uruguayano Diego Forlan.[4][5] In maglia amarilla il primo anno non fu molto brillante infatti si piazzarono all'ottavo posto nella Liga con accesso alla Coppa Intertoto. La stagione successiva tornò a giocare sui suoi standard abituali vinse subito la Coppa Intertoto e con 15 gol e 11 assist, fu uno dei principali artefici del memorabile campionato del Villarreal, che con il terzo posto si garantì un posto in Champions League. A testimonianza delle sue brillanti prestazioni, ottenne una nomination per il FIFA World Player. Alla fine di quella stagione il giornale sportivo spagnolo Marca gli conferì il premio di Giocatore Più Artistico.[6][7]

Il 22 giugno 2005 viene riscattato per 7 milioni di euro più 4 di bonus, facendogli sottoscrivere un contratto di 4 anni.[8]

Una particolare situazione contrattuale emerse il 7 dicembre, quando il Villarreal batté i francesi del Lille per 1-0 e vinse il suo gruppo di Champions League, eliminando i quotati inglesi del Manchester United e lo stesso Lilla e guadagnando l'accesso alla fase a eliminazione diretta nella sua prima partecipazione al torneo, accesso che frutta prestigio e sostanziose entrate. Per una clausola del contratto stipulato con il Barcellona al momento del passaggio di Riquelme in maglia amarilla, il Villarreal dovette pagare al club catalano 1 milione di euro. Il contratto comprendeva anche due clausole da 1 milione di euro ciascuna: una se il Villarreal si piazzava tra le prime 4 nella Liga 2005-2006, e un'altra identica valevole per la stagione successiva.

Il 19 aprile 2006 il quotidiano inglese Daily Mirror ha parlato di un interessamento di Sir Alex Ferguson allenatore del Manchester United per il centrocampista argentino. Sempre secondo il giornale avrebbe offerto 10 millioni di sterline per assicurarsi Riquelme, ma il Villarreal avrebbe rifiutato la somma.[9] Ha guidato la squadra fino alla semifinale della Champions League, dove il sottomarino è stato eliminato dall'Arsenal. Dopo aver perso l'andata ad Highbury per 1-0, il 25 aprile, nel ritorno al Madrigal il Villarreal ha avuto la grande occasione di portarsi sull'1-0 all'88', ma il calcio di rigore di Riquelme è stato respinto dal portiere Jens Lehmann. Nel dicembre 2006, in seguito a dissapori con l'allenatore Manuel Pellegrini è messo fuori rosa.

Boca Juniors, Villarreal e di nuovo Boca[modifica | modifica wikitesto]

L'8 febbraio 2007 viene ceduto in prestito al Boca Juniors, con cui firma un contratto di 4 mesi per un ingaggio di 2 milioni di euro.[10] Il 17 febbraio, a quasi cinque anni dalla sua ultima apparizione, fa il nuovo esordio alla Bombonera, lo stadio del Boca, dove i tifosi lo accolgono con gioia. Con la squadra che lo ha lanciato nel calcio internazionale, ha giocato un ruolo determinante nella vittoria della Coppa Libertadores, segnando anche tre gol nelle due partite di finale contro i brasiliani del Grêmio. È stato nuovamente eletto miglior calciatore della manifestazione.

Il Boca Juniors pareva in procinto di raggiungere un accordo con il Villarreal, proprietario del cartellino di Riquelme, per l'acquisto a titolo definitivo del centrocampista. L'11 agosto l'affare sfumò per via delle richieste degli spagnoli, reputate eccessive dal club di Buenos Aires. Così Riquelme è tornato a far parte della rosa del Villarreal.[11] Il cui tecnico non lo ha mai messo in campo nella Liga, successivamente Manuel Pellegrini rivelerà di aver escluso il centrocampista argentino per il ritardo di quattro giorni al rientro dalle ferie natalizie, versione sempre smentita dal diretto interessato.[12]

Il 30 novembre la situazione del giocatore si sblocca: Riquelme viene ceduto a titolo definitivo al Boca Juniors, avrebbe accettato di pagare al Villarreal 9 milioni di euro, tre dei quali andrebbero al giocatore che vanta ancora dei crediti arretrati.[13] al termine di complicate trattative tra il club di Buenos Aires e il Villarreal. Ciò nonostante non può disputare il Campionato mondiale per club FIFA 2007[14] perché la FIFA non consente al Boca Juniors di integrare la lista dei convocati comunicata il 23 novembre.

Al suo rientro nel campionato argentino, Riquelme conduce il Boca al secondo posto nel torneo di clausura del 2008. Il club arriva alla semifinale della Coppa Libertadores 2008, dove viene eliminato dal Fluminense malgrado i due gol di Riquelme nella partita d'andata. La consolazione arriva con il trionfo nella Recopa Sudamericana contro l'Arsenal di Sarandí ed il gol segnato nella partita di ritorno. Nella stagione 2008-2009 arriva l'ennesimo trionfo nel campionato argentino, il Boca di aggiudica un equilibratissimo torneo di Apertura 2008 dopo uno spareggio a tre con il San Lorenzo de Almagro ed il Tigre.

Nella stagione 2008-2009 è un anno avaro di soddisfazioni per Riquelme, il Boca Juniors, che chiude il torneo di Clausura al 14º posto e la successiva Apertura all'11°. La stagione 2009-2010 si chiude anche peggio, con il 16º posto nella Chiusura. Il 12 agosto 2010 firma un nuovo contratto che lo lega con il club argentino per altri quattro anni, dopo una lunga trattativa.[15] Dopo una stagione 2010-2011 con risultati altalenanti, il Boca torna a vincere il campionato trionfando nell'Apertura del 2011-2012, chiuso senza sconfitte e con un vantaggio di 12 punti sulle seconde. Il successivo torneo di Chiusura terminerà con il quarto posto della squadra di Riquelme.

Il 5 luglio 2012, all'indomani della finale di Coppa Libertadores persa contro il Corinthians, annuncia il suo addio al Boca, affermando di non aver più nulla da dare al club argentino,[16][17] rimanendo così svincolato.[18] Il 9 febbraio 2013 torna al Boca Juniors.[19]

Argentinos Juniors[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 luglio 2014 lascia il Boca Juniors per accasarsi all'Argentinos Juniors, società in cui è cresciuto a livello giovanile.[20]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Riquelme con la maglia dell'Argentina

A livello di Nazionale giovanile ha vinto il Campionato sudamericano di calcio Under-20 e il Campionato mondiale di calcio Under-20, ambedue nel 1997 con José Pekerman come commissario tecnico.

Con la Nazionale maggiore ha esordito il 16 novembre 1997. Ha trascina la squadra nella finale della Confederations Cup 2005 perdendo contro il Brasile. Ha partecipato al Mondiale 2006, nel quale la squadra è stata eliminata ai quarti di finale per mano della Germania. Il 13 settembre 2006 decise di abbandonare la Nazionale per motivi legati ai continui problemi fisici e all'aggravarsi delle condizioni di salute della madre.[21][22] Il 21 giugno 2007 è stato convocato da Alfio Basile per la Copa América.[23] Anche in questa competizione ha trascinato l'Albiceleste alla finale, perdendo l'occasione di aggiudicarsi il titolo di nuovo contro il Brasile. Nonostante non giochi nella squadra di club, si rivela determinante in Nazionale nel corso delle qualificazioni al campionato mondiale di calcio 2010.

Nel 2008 viene scelto come fuori quota per disputare il torneo olimpico di Pechino, nel quale rincontra il Brasile in semifinale, e dopo le sconfitte in Confederations Cup e Copa America, l'Argentina batte i verdeoro per 3-0, riconquistando, a distanza di quattro anni, la medaglia d'oro ai Giochi olimpici.

L'11 marzo 2009 annuncia di nuovo il ritiro dalla Nazionale in polemica con il tecnico Diego Armando Maradona.[24] Il 17 agosto 2010 il nuovo ct interim Sergio Batista dichiara che lo vuole convocare per l'amichevole contro la Spagna, ma alla fine non se ne fece nulla.

Il 19 agosto 2011 ritorna in nazionale convocato dal nuovo ct Alejandro Sabella per il doppio impegno del Superclásico de las Américas che si terrà il 14 e il 28 settembre.[25] Ma alla fine non scenderà mai in campo per infortunio.[26]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 10 marzo 2013.

Stagione Squadra Campionato Coppa nazionale Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1996-1997 Argentina Boca Juniors PD 22 4 - - - - - - - - - 22 4
1997-1998 PD 19 0 - - - - - - - - - 19 0
1998-1999 PD 37 10 - - - - - - - - - 37 10
1999-2000 PD 24 4 - - - CL 16 3 - - - 40 7
2000-2001 PD 28 10 - - - CL 13 3 CInt 1 0 42 13
2001-2002 PD 22 10 - - - CL 5 0 CInt 1 0 28 10
2002-2003 Spagna Barcellona PD 30 3 CR 1 1 UCL 11 2 - - - 42 6
2003-2004 Spagna Villarreal PD 33 8 CR 3 1 CU 12 4 - - - 48 13
2004-2005 PD 35 15 CR 0 0 CU 9 2 - - - 44 17
2005-2006 PD 25 12 CR 1 0 UCL 12 2 - - - 38 14
2006-feb. 2007 PD 13 1 CR 0 0 - - - - - - 13 1
Totale Villarreal 106 36 4 1 33 8 143 45
feb.-giu. 2007 Argentina Boca Juniors PD 15 2 - - - CL 11 8 - - - 26 10
2007-2008 PD 10 1 - - - CL 10 4 Cmc - - 20 5
2008-2009 PD 28 5 - - - CS+CL 1+5 1+2 - - - 34 8
2009-2010 PD 24 3 - - - CS 2 0 - - - 26 3
2010-2011 PD 13 4 - - - - - - - - - 13 4
2011-2012 PD 23 3 - - - CL 13 3 - - - 36 6
2012-2013 PD 13 3 - - - CL 7 2 - - - 20 5
Totale Boca Juniors 265 56 - - 77 24 2 0 344 80
Totale carriera 401 95 5 2 121 34 2 0 529 131

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Boca Juniors: Apertura 1998, Clausura 1999, Apertura 2000, Apertura 2008, Apertura 2011

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Boca Juniors: 2000
Boca Juniors: 2000, 2001, 2007
Boca Juniors: 2008
Villarreal: 2004

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2001
2000, 2001, 2008, 2011
Miglior calciatore straniero: 2004-2005

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) FIFA.com
  2. ^ Coppa Intercontinentale Palermo porta il Boca in Paradiso
  3. ^ Riquelme acordó con Barcelona, lanacion.com, 8 de julio de 2002.
  4. ^ Riquelme, al Villareal, hemeroteca.mundodeportivo.com, 28 de agosto de 2008.
  5. ^ Riquelme llegó a Villarreal: "Hoy vuelvo a sentirme futbolista", lanacion.com, 28 de agosto de 2008.
  6. ^ "Jugador con más arte", marca.com.
  7. ^ Riquelme, premiado: el jugador con más "arte" de la Liga, lanacion, 24 de mayo de 2005.
  8. ^ Calcio, mercato: Riquelme dal Barcellona al Villareal, repubblica.it, 22 giugno 2005.
  9. ^ lanacion.com, 19 de abril de 2006, http://www.lanacion.com.ar/798771-manchester-sin-riquelme.
  10. ^ Il Boca riabbraccia Riquelme, gazzetta.it, 8 febbraio 2007.
  11. ^ Riquelme torna al Villarreal, eurosport.com, 11 agosto 2007.
  12. ^ Pellegrini revela parte del "misterio Riquelme", nacion.com, 9 de octubre de 2007.
  13. ^ Ufficiale, Riquelme è del Boca - RaiSport.it, 30 novembre 2007
  14. ^ Calcio, Boca: niente Mondiale per club per Riquelme - Repubblica.it, 30 novembre 2007
  15. ^ Ufficiale: Boca Juniors, blindato Riquelme fino al 2014, tuttomercatoweb.com, 12 agosto 2010.
  16. ^ Libertadores al Corinthians. Boca ko, Riquelme lascia - Coppa Libertadores / Sudamerica / Calcio Estero / Calcio - Tuttosport
  17. ^ San Paolo, 10:50 - Sport - Repubblica.it
  18. ^ Da Alex a Zambrotta: gli svincolati sportmediaset.mediaset.it
  19. ^ Ufficiale: Riquelme torna al Boca Juniors, tuttomercatoweb.com, 9 febbraio 2013.
  20. ^ Riquelme all'Argentinos: addio al Boca Juniors, gazzetta.it, 17 luglio 2014.
  21. ^ Riquelme lascia l'Argentina, gazzetta.it, 13 settembre 2006.
  22. ^ Riquelme, addio alla Seleccion, eurosport.com, 14 settembre 2006.
  23. ^ Riquelme ci sarà, eurosport.com, 21 giugno 2007.
  24. ^ Riquelme dice addio: "Mai più con Diego", eurosport.com, 11 marzo 2009.
  25. ^ Nel Brasile si rivede Ronaldinho, gazzetta.it, 19 agosto 2011.
  26. ^ Dinho e Neymar nel Brasile anti-Argentina, gazzetta.it, 14 settembre 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]