Rubén Paz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rubén Paz
Nome Rubén Walter Páz Márquez
Nazionalità Uruguay Uruguay
Altezza 174 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirato 2006
Carriera
Squadre di club1
1975-1976 Peñarol Artigas ? (?)
1977-1981 Peñarol ? (17+)
1982-1986 Internacional 44 (10)
1986-1987 RC Parigi 6 (0)
1987-1989 Racing Club 53 (17)
1989-1990 Genoa 25 (1)
1990-1992 Racing Club 75 (12)
1993-1994 Rampla Juniors ? (?)
1994-1995 Frontera Rivera ? (?)
1996 Godoy Cruz ? (?)
1996 Wanderers Artigas ? (?)
1997-2000 Frontera Rivera ? (?)
2001-2002 Nacional S. Jose ? (?)
2003-2005 Tito Borjas ? (?)
2006 Pirata Juniors ? (?)
Nazionale
1979 Uruguay Uruguay U-20 4+ (4)
1979-1990 Uruguay Uruguay 45 (12)
Palmarès
Transparent.png Mondiali di Calcio Under-20
Bronzo Giappone 1979
Coppa America calcio.svg Copa América
Argento Brasile 1989
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Rubén Walter Paz Márquez (Artigas, 8 agosto 1959) è un ex calciatore uruguaiano, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Formatosi nel Peñarol Artigas, nel 1977 passò al Peñarol di Montevideo. Con i Peñarolenses vinse tre campionati uruguaiani, nel 1978, 1979 e 1981, anno in cui fu anche capocannoniere del torneo con 17 reti.[1]

Nel 1982 passa all'Internacional di Porto Alegre, società in cui gioca sino al 1986, vincendo tre Gauchão, il campionato di calcio dello stato di Rio Grande do Sul, nel 1982, 1983 e 1984.

Nel 1986 si trasferisce in Europa per giocare con i francesi del Racing Club di Parigi, con cui ottiene il tredicesimo posto della Division 1 1986-1987.

L'anno seguente torna in Sudamerica, ingaggiato dagli argentini del Racing Club de Avellaneda. Con il suo club Pàz vincerà la Supercoppa Sudamericana 1988[2], prima edizione del torneo, e sempre nello stesso la Supercopa Interamericana.[3] Sul piano personale, nel 1988 si aggiudicò il titolo di Calciatore sudamericano dell'anno.[4]

Nel 1989 viene ingaggiato dagli italiani del Genoa. Con i rossoblu esordisce nella sconfitta casalinga contro la Roma del 6 settembre 1989.[5] Con i genoani ottenne l'undicesimo posto della Serie A 1989-1990.

L'avventura italiana terminò dopo una sola stagione e Paz si riaccasò al Racing Club de Avellaneda, ove giocò sino al 1992.

Nel 1993 tornò a giocare in patria, nel Rampla Juniors ove giocò sino al 1994, anno in cui lasciò i Rojiverdes per militare nel Frontera Rivera.

Nel 1996 tornò in Argentina per giocare nel Godoy Cruz. Ritornato in patria, giocò in varie squadre minori sino al definitivo ritiro avvenuto nel 2006.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver giocato nella rappresentativa Under-20 uruguaiana, Paz fece parte, dal 1979 al 1990 della nazionale di calcio dell'Uruguay. Con la Celeste vinse la Coppa d'Oro dei Campioni del Mondo, torneo internazionale di calcio disputato a Montevideo dal 30 dicembre 1980 al 10 gennaio 1981 tra le nazionali vincitrici – a quella data – del Mondiale. Successivamente Paz con la sua nazionale ottenne il secondo posto nella Copa América 1989, alle spalle dei campioni del Brasile.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Peñarol: 1978, 1979, 1981
Internacional: 1982, 1983, 1984

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Racing Avellaneda: 1988
Racing Avellaneda: 1988

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

1981

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1988

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, De Ferrari, 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]