Pablo Aimar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pablo Aimar
Pablo Aimar playing against.jpg
Aimar al Johor Darul Ta'zim nel 2014
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 170 cm
Peso 65 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Squadra Argentina Argentina U-17
Ritirato 2018 - giocatore
Carriera
Giovanili
1985-1993Estudiantes (RC)
1993-1997River Plate
Squadre di club1
1996-2000River Plate82 (21)
2001-2006Valencia162 (27)
2006-2008Real Saragozza53 (5)
2008-2013Benfica107 (12)
2013-2014Johor Darul Ta'zim8 (2)
2015River Plate1 (0)
2018Estudiantes (RC)0 (0)
Nazionale
1995Argentina Argentina U-176 (2)
1997Argentina Argentina U-207 (1)
1999-2009Argentina Argentina52 (8)
Carriera da allenatore
2017-Argentina Argentina U-17
2018-Argentina ArgentinaVice
Palmarès
Transparent.png Mondiali di calcio Under-20
Oro Malesia 1997
Transparent.png Campionato sudamericano Under-20
Oro Cile 1997
Oro Argentina 1999
Transparent.png Confederations Cup
Argento Germania 2005
Coppa America calcio.svg Copa América
Argento Venezuela 2007
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 3 agosto 2018

Pablo César Aimar Giordano (Río Cuarto, 3 novembre 1979) è un allenatore di calcio ed ex calciatore argentino, di ruolo centrocampista, commissario tecnico della nazionale argentina Under-17 e vice commissario tecnico della nazionale maggiore.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Centrocampista offensivo di piede destro, aveva nel dribbling e nell'ultimo passaggio le sue qualità migliori.[1] Era soprannominato El Payaso (in italiano "il pagliaccio") o El Mago (in italiano "il mago"), per le sue giocate ed il suo estro.[1]

Lionel Messi ha dichiarato che Aimar è stato uno dei suoi idoli calcistici.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Inizi e River Plate[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver mosso i primi passi nell'Estudiantes de Río Cuarto, nel 1993 entra nel settore giovanile del River Plate. Esordisce in prima squadra nel 1996, mentre il primo gol lo mette a segno due anni dopo. Con la maglia dei Millonarios gioca fino al 2000, vincendo cinque campionati (Apertura 1996, Clausura 1997, Apertura 1997, Apertura 1999, Clausura 2000) e la Supercoppa Sudamericana nel 1997.

Valencia[modifica | modifica wikitesto]

Il 31 gennaio 2001 viene acquistato dal Valencia di Héctor Cúper che lo paga circa 21 milioni di euro.[3]. Nella prima stagione a Valencia raggiunge subito la finale di Champions League, persa ai rigori contro il Bayern Monaco allo Stadio Giuseppe Meazza di Milano. Sotto la guida del nuovo tecnico Rafael Benítez, Aimar diventa titolare fisso del centrocampo insieme a Rubén Baraja e David Albelda, giocando spesso da trequartista. Nella stagione 2001-2002 vince la sua prima Liga, mentre in quella 2003-2004 conquista la Liga, la Coppa UEFA e la Supercoppa UEFA. Nel Valencia Aimar gioca altre due stagioni, prima della decisione di lasciare il club.

Real Saragozza[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 luglio 2006 viene acquistato dal Real Saragozza per 11 milioni di euro.[4] Dopo una prima stagione di buon livello, nella seconda non riesce ad evitare la retrocessione della squadra.

Benfica[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 luglio 2008 passa al Benfica per 6,5 milioni di euro, firmando un contratto sino al 2012[5] (a cui seguirà un rinnovo).[6] Con il club di Lisbona gioca per cinque stagioni, vincendo il campionato nel 2009-2010 e quattro Coppe di Lega consecutive, dal 2009 al 2012.

Il 30 giugno 2013 non rinnova il proprio contratto con le Aquile, rimanendo svincolato.[7]

Johor Darul Ta'zim[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 settembre 2013 viene ingaggiato dal Johor, club militante nella Malaysia Super League, firmando un contratto di due anni con opzione per altri tre anni.[8] Il 24 aprile 2014, per i troppi infortuni che lo costringono a saltare molte gare di campionato, gli viene rescisso il contratto.[9]

River Plate ed Estudiantes (RC)[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 gennaio 2015 ritorna al River Plate dopo 15 anni.[10] A febbraio subisce un grave infortunio alla caviglia, che lo tiene fuori per molti mesi.[11] Il 15 luglio annuncia di voler lasciare il calcio giocato a causa dei troppi infortuni.[12]

Tre anni dopo, il 23 gennaio 2018, torna a giocare un match ufficiale nella coppa nazionale con la maglia dell'Estudiantes de Río Cuarto. La gara coincide anche con la sua ultima partita in carriera.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver esordito nel 1995 con la nazionale Under-17 argentina, nel 1997 entra a far parte del giro della nazionale Under-20. Con la selezione giovanile, che può contare su futuri campioni del calibro di Walter Samuel, Esteban Cambiasso e Juan Román Riquelme, vince il campionato mondiale di categoria disputato nel 1997 in Malaysia. Sempre nel 1997 vince il campionato sudamericano Under-20 giocato in Cile, bissando il successo due anni dopo nell'edizione disputata in Argentina.

Esordisce con la nazionale maggiore nel 1999. Nello stesso anno viene convocato per la Copa América, mentre tre anni dopo partecipa al Mondiale in Corea del Sud e Giappone, chiusa con una deludente eliminazione nella fase a gironi. Nel 2005 è tra i convocati per la Confederations Cup, dove realizza un gol nella finale persa per 1-4 contro il Brasile. Nel 2006 partecipa al Mondiale in Germania, che vede gli argentini eliminati ai quarti di finale dalla nazionale ospitante. Nel 2007 è tra i convocati per la Copa América. Chiude la sua esperienza in nazionale con 52 presenze e 8 reti.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2017 viene nominato commissario tecnico della nazionale Under-17 argentina. Il 3 agosto 2018, dopo l'esonero di Jorge Sampaoli, viene scelto per affiancare Lionel Scaloni alla guida della nazionale maggiore.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 23 gennaio 2018.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1996-1997 Argentina River Plate PD 1 0 - - - CL+SS ? ? RS ? ? 1+ 0+
1997-1998 PD 16 4 - - - CL ? ? - - - 16+ 4+
1998-1999 PD 18 2 - - - CL ? ? - - - 18+ 2+
1999-2000 PD 32 13 - - - CL ? ? - - - 32+ 13+
2000-gen. 2001 PD 15 2 - - - CL - - - - - 15 2
gen.-giu. 2001 Spagna Valencia PD 10 2 CR 0 0 UCL 8 0 - - - 18 2
2001-2002 PD 33 4 CR 1 0 CU 6 2 - - - 40 6
2002-2003 PD 31 8 CR 2 0 UCL 11 3 SS 2 0 46 11
2003-2004 PD 25 4 CR 5 0 CU 8 0 - - - 38 4
2004-2005 PD 31 4 CR 1 0 UCL+CU 3+2 1+1 SS+SU 1+1 0+0 39 6
2005-2006 PD 32 5 CR 2 0 Int. 1 0 - - - 35 5
Totale Valencia 162 27 11 0 39 7 4 0 216 34
2006-2007 Spagna Real Saragozza PD 31 5 CP 1 0 - - - - - - 32 5
2007-2008 PD 22 0 CP 2 0 CU 1 0 - - - 25 0
Totale Real Saragozza 53 5 3 0 1 0 - - 57 5
2008-2009 Portogallo Benfica PL 22 1 CP+CdL 2+4 0+1 CU 1 0 - - - 29 2
2009-2010 PL 25 4 CP+CdL 1+4 0+0 UEL 11 1 - - - 41 5
2010-2011 PL 23 5 CP+CdL 6+4 1+0 UCL+UEL 5+7 0+1 SP 1 0 46 7
2011-2012 PL 24 2 CP+CdL 2+4 0+0 UCL 12 1 - - - 42 3
2012-2013 PL 13 0 CPCdL 3+2 0+0 UCL+UEL 2+1 0+0 - - - 21 0
Totale Benfica 107 12 32 2 39 3 1 0 179 17
2014 Malaysia Johor Darul Ta'zim MSL 8 2 - - - - - - - - - 8 2
2015 Argentina River Plate PD 1 0 CA 0 0 CL 0 0 RS 0 0 1 0
Totale River Plate 83 21 - - ? ? ? ? 83+ 21+
2018 Argentina Estudiantes (RC) Torneo Federal A 0 0 CA 1 0 - - - - - - 1 0
Totale carriera 413 67 47 2 79+ 10+ 5+ 0+ 544+ 79+

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Argentina
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
9-6-1999 Chicago Messico Messico 2 – 2 Argentina Argentina Amichevole - Ingresso al 83’ 83’
13-6-1999 Washington Stati Uniti Stati Uniti 1 – 0 Argentina Argentina Amichevole - Uscita al 60’ 60’
4-6-2000 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 0 Bolivia Bolivia Qual. Mondiali 2002 - Ingresso al 83’ 83’
19-7-2000 Buenos Aires Argentina Argentina 2 – 0 Ecuador Ecuador Qual. Mondiali 2002 - Ingresso al 76’ 76’
16-8-2000 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 1 Paraguay Paraguay Qual. Mondiali 2002 1
3-9-2000 Lima Perù Perù 1 – 2 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2002 -
15-11-2000 Santiago del Cile Cile Cile 0 – 2 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2002 - Ingresso al 51’ 51’ Ammonizione al 67’ 67’
28-2-2001 Roma Italia Italia 1 – 2 Argentina Argentina Amichevole - Uscita al 81’ 81’
25-4-2001 La Paz Bolivia Bolivia 3 – 3 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2002 - Uscita al 57’ 57’
3-6-2001 Buenos Aires Argentina Argentina 3 – 0 Colombia Colombia Qual. Mondiali 2002 - Ingresso al 79’ 79’
15-8-2001 Quito Ecuador Ecuador 2 – 0 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2002 - Uscita al 59’ 59’
5-9-2001 Buenos Aires Argentina Argentina 2 – 1 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2002 - Uscita al 64’ 64’
7-10-2001 Asunción Paraguay Paraguay 2 – 2 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2002 - Ingresso al 80’ 80’
8-11-2001 Buenos Aires Argentina Argentina 2 – 0 Perù Perù Qual. Mondiali 2002 - Ingresso al 73’ 73’
14-11-2001 Montevideo Uruguay Uruguay 1 – 1 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2002 - Ammonizione al 78’ 78’ Uscita al 82’ 82’
13-2-2002 Cardiff Galles Galles 1 – 1 Argentina Argentina Amichevole - Ingresso al 73’ 73’
27-3-2002 Ginevra Argentina Argentina 2 – 2 Camerun Camerun Amichevole 1
17-4-2002 Stoccarda Germania Germania 0 – 1 Argentina Argentina Amichevole - Ammonizione al 31’ 31’ Uscita al 31’ 31’
2-6-2002 Kashima Argentina Argentina 1 – 0 Nigeria Nigeria Mondiali 2002 - 1º turno - Ingresso al 78’ 78’
7-6-2002 Sapporo Argentina Argentina 0 – 1 Inghilterra Inghilterra Mondiali 2002 - 1º turno - Ingresso al 46’ 46’
12-6-2002 Rifu Svezia Svezia 1 – 1 Argentina Argentina Mondiali 2002 - 1º turno -
12-2-2003 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 0 Argentina Argentina Amichevole -
30-4-2003 Tripoli Libia Libia 1 – 3 Argentina Argentina Amichevole 1 Ammonizione al 7’ 7’
8-6-2003 Osaka Giappone Giappone 1 – 4 Argentina Argentina Kirin Cup - Uscita al 63’ 63’
11-6-2003 Seul Corea del Sud Corea del Sud 0 – 1 Argentina Argentina Amichevole - Uscita al 78’ 78’
20-8-2003 Firenze Argentina Argentina 3 – 2 Uruguay Uruguay Amichevole - Ammonizione al 66’ 66’
6-9-2003 Buenos Aires Argentina Argentina 2 – 2 Cile Cile Qual. Mondiali 2006 1
9-9-2003 Caracas Venezuela Venezuela 0 – 3 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2006 1 Uscita al 63’ 63’
15-11-2003 Buenos Aires Argentina Argentina 3 – 0 Bolivia Bolivia Qual. Mondiali 2006 1 Ammonizione al 40’ 40’
19-11-2003 Barranquilla Colombia Colombia 1 – 1 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2006 - Uscita al 71’ 71’
30-3-2004 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 0 Ecuador Ecuador Qual. Mondiali 2006 - Uscita al 57’ 57’
2-6-2004 Belo Horizonte Brasile Brasile 3 – 1 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2006 - Ingresso al 61’ 61’ Ammonizione al 80’ 80’
4-6-2005 Quito Ecuador Ecuador 2 – 0 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2006 - Uscita al 74’ 74’
18-6-2005 Norimberga Australia Australia 2 – 4 Argentina Argentina Conf. Cup 2005 - 1º turno - Ingresso al 73’ 73’
21-6-2005 Norimberga Argentina Argentina 2 – 2 Germania Germania Conf. Cup 2005 - 1º turno - Ingresso al 53’ 53’
26-6-2005 Hannover Messico Messico 1 – 1 dts
(5 – 6 dcr)
Argentina Argentina Conf. Cup 2005 - Semifinale - Ingresso al 76’ 76’
29-6-2005 Francoforte Brasile Brasile 4 – 1 Argentina Argentina Conf. Cup 2005 - Finale 1 Ingresso al 56’ 56’ Ammonizione al 73’ 73’
12-10-2005 Montevideo Uruguay Uruguay 1 – 0 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2006 - Ingresso al 61’ 61’
1-3-2006 Basilea Argentina Argentina 2 – 3 Croazia Croazia Amichevole - Ingresso al 68’ 68’
30-5-2006 Salerno Argentina Argentina 2 – 0 Angola Angola Amichevole - Ingresso al 76’ 76’
10-6-2006 Amburgo Argentina Argentina 2 – 1 Costa d'Avorio Costa d'Avorio Mondiali 2006 - 1º turno - Ingresso al 90+3’ 90+3’
21-6-2006 Francoforte Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 0 Argentina Argentina Mondiali 2006 - 1º turno - Ingresso al 80’ 80’
24-6-2006 Lipsia Argentina Argentina 2 – 1 dts Messico Messico Mondiali 2006 - Ottavi di finale - Ingresso al 76’ 76’
11-10-2006 Murcia Spagna Spagna 2 – 1 Argentina Argentina Amichevole - Ingresso al 56’ 56’
2-6-2007 Basilea Svizzera Svizzera 1 – 1 Argentina Argentina Amichevole - Ingresso al 79’ 79’
5-6-2007 Barcellona Algeria Algeria 3 – 4 Argentina Argentina Amichevole - Ingresso al 67’ 67’
28-6-2007 Maracaibo Argentina Argentina 4 – 1 Stati Uniti Stati Uniti Coppa America 2007 - 1º turno 1 Ingresso al 58’ 58’
5-7-2007 Barquisimeto Argentina Argentina 1 – 0 Paraguay Paraguay Coppa America 2007 - 1º turno - Uscita al 85’ 85’
8-7-2007 Barquisimeto Argentina Argentina 4 – 0 Perù Perù Coppa America 2007 - Quarti di finale - Ingresso al 83’ 83’
11-7-2007 Puerto Ordaz Messico Messico 0 – 3 Argentina Argentina Coppa America 2007 - Semifinale - Ingresso al 86’ 86’
15-7-2007 Maracaibo Brasile Brasile 3 – 0 Argentina Argentina Coppa America 2007 - Finale - Ingresso al 59’ 59’
10-10-2009 Buenos Aires Argentina Argentina 2 – 1 Perù Perù Qual. Mondiali 2010 - Uscita al 76’ 76’
Totale Presenze 52 Reti 8

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

River Plate: Apertura 1996, Clausura 1997, Apertura 1997, Apertura 1999, Clausura 2000
Valencia: 2001-2002, 2003-2004
Benfica: 2008-2009, 2009-2010, 2010-2011, 2011-2012
Benfica: 2009-2010

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

River Plate: 1997
Valencia: 2003-2004
Valencia: 2004

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nazionale giovanile[modifica | modifica wikitesto]

1997, 1999
1997

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Pablo Aimar: per amore del calcio, su ultimouomo.com, 10 aprile 2020. URL consultato il 13 aprile 2020.
  2. ^ (EN) Pablo Aimar: the Argentinian wizard admired by Maradona and Messi, su theguardian.com, 16 luglio 2015. URL consultato il 13 aprile 2020.
  3. ^ (ES) Aimar a Valencia, tras una interminable reunión, lanacion.com, 31 gennaio 2001.
  4. ^ (EN) Aimar adds zest for Zaragoza, su uefa.com, 29 luglio 2006. URL consultato il 13 aprile 2020.
  5. ^ Aimar da Saragozza al Benfica, uefa.com, 17 luglio 2008.
  6. ^ Ufficiale: Benfica, Aimar rinnova fino al 2013, tuttomercatoweb.com, 10 febbraio 2012.
  7. ^ Mercato Benfica, Aimar ufficializza il suo addio[collegamento interrotto], calciomercato.it, 7 giugno 2013.
  8. ^ Malesia: Aimar giocherà nel Johor Darul, tuttomercatoweb.com, 14 settembre 2013.
  9. ^ Aimar, ufficiale: troppi infortuni, il Johor lo scarica, calciomercato.com, 21 aprile 2014.
  10. ^ River Plate, ufficiale: torna Aimar, calciomercato.com, 6 gennaio 2015.
  11. ^ River Plate: brutto colpo, Aimar fuori quattro mesi, calciomercato.com, 10 febbraio 2015.
  12. ^ ppa Libertadores: il River Plate ipoteca la finale, mentre Aimar annuncia il ritiro, repubblica.it, 15 luglio 2015. URL consultato il 18 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 19 novembre 2015).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]