Roberto Ayala

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roberto Ayala
Roberto Ayala y Javier Zanetti - 07FEB2007 - Francia - presidencia-govar.jpg
Nome Roberto Fabián Ayala
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 177 cm
Peso 75 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Ritirato 31 dicembre 2010 - giocatore
Carriera
Giovanili
1983-1991 Ferro Carril Oeste
Squadre di club1
1991-1994 Ferro Carril Oeste 72 (1)
1994-1995 River Plate 32 (0)
1995-1998 Napoli 87 (1)
1998-2000 Milan 24 (0)
2000-2007 Valencia 183 (9)
2007 Villarreal 0 (0)
2007-2010 Real Saragozza 75 (4)
2010 Racing Club 16 (0)
Nazionale
1994-2007 Argentina Argentina 115 (7)
Palmarès
Transparent.png Confederations Cup
Argento Arabia Saudita 1995
Olympic flag.svg Olimpiadi
Argento Atlanta 1996
Oro Atene 2004
Coppa America calcio.svg Copa América
Argento Perù 2004
Argento Venezuela 2007
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Roberto Fabián Ayala (Paraná, 14 aprile 1973) è un ex calciatore e dirigente sportivo argentino, di ruolo difensore, Coordinatore Generale e Direttore Tecnico del Racing Club Avellaneda.

È soprannominato "El piraña".[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Dopo gli esordi nella piccola squadra argentina del Ferro Carril Oeste si trasferisce al forte River Plate, col quale disputa un campionato da protagonista.

Viene acquistato dal Parma nel 1995 per 5 miliardi[2][3] e girato in prestito al Napoli.[3] Dopo il primo campionato, i partenopei riscattano l'intero cartellino e nelle successive due stagioni conquista la fascia di capitano e una maglia da titolare nella sua Nazionale. Nell'estate del 1998 viene ceduto al Milan per ben 18 miliardi di lire ma il rendimento in rossonero non è dei migliori; vince comunque uno Scudetto ma con poche presenze in due stagioni.

È quindi acquistato dal Valencia di Héctor Cúper, allenatore col quale disputa una finale di Champions League contro il Bayern Monaco, persa 4-5 ai rigori. Con il Valencia (sotto la guida di Rafa Benítez) vince due campionati spagnoli, una Coppa UEFA e una Supercoppa UEFA.

Nel febbraio 2007 annuncia che l'estate successiva, a fronte di un tardivo rinnovo da parte del Valencia, passerà al Villareal. Tuttavia, prima ancora di allenarsi con la nuova squadra, si svincola pagando una penale di 6 milioni di euro raggiungendo il Real Saragozza[4].

Il 23 gennaio 2010, la società iberica comunica di aver raggiunto un accordo con il giocatore per la risoluzione del contratto in essere.[5] Passa al Racing Avellaneda il 3 febbraio 2010 e il 31 dicembre si ritira all'età di 37 anni dopo aver rifiutato un'offerta per un anno da parte dell'Huracan[6].

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Ayala ha disputato i Mondiali 1998 da titolare con la maglia albiceleste dell'Argentina.

Ai Mondiali 2002 fu riserva, per la decisione di Marcelo Bielsa. Due anni dopo con la nazionale albiceleste vinse (da capitano) la medaglia d'oro alle olimpiadi di Atene 2004, dopo l'argento conquistato ad Atlanta 8 anni prima. Con l'arrivo di Josè Pekerman nella panchina Albiceste perse la fascia di capitano in favore di Juan Pablo Sorin.

Ha partecipato al Mondiale 2006 in Germania segnando il gol del momentaneo vantaggio contro i padroni di casa nei quarti. Ha poi sbagliato uno dei due rigori nella serie finale della medesima partita, facendosi parare il tiro da Jens Lehmann subendo così l'eliminazione dal torneo. Dopo la coppa del mondo è succeduto a Juan Pablo Sorin come capitano della Nazionale argentina.[senza fonte]

Ha disputato la Coppa America 2007, ultima esperienza prima di annunciare il ritiro dalla Nazionale, dove l'Argentina ha raggiunto la finale, poi però persa contro il Brasile. Nella finale Ayala è stato autore di un autogol.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1991-1992 Argentina Ferro Carril PD 18 0 18+ 0+
1992-1993 PD 36 0 36+ 0+
1993-1994 PD 18 1 18+ 1+
Totale Ferro Carril 72 1 72+ 1+
1993-1994 Argentina River Plate PD 16 0 16+ 0+
1994-1995 PD 24 0 24+ 0+
Totale River Plate 40 0 40+ 0+
1995-1996 Italia Napoli A 29 0 CI 1 0 - - - 30 0
1996-1997 A 30 1 CI 6 0 - - - 36 1
1997-1998 A 28 0 CI 2 0 - - - 30 0
Totale Napoli 87 1 9 0 96 1
1998-1999 Italia Milan A 11 0 CI 2 0 - - - 13 0
1999-2000 A 13 0 CI 3 0 CL 6 0 22 0
Totale Milan 24 0 5 0 6 0 35 0
2000-2001 Spagna Valencia PD 28 1 CR ? ? 28+ 1+
2001-2002 PD 30 2 CR ? ? 30+ 2+
2002-2003 PD 31 1 CR ? ? 31+ 1+
2003-2004 PD 30 1 CR ? ? 30+ 1+
2004-2005 PD 17 0 CR ? ? 17+ 0+
2005-2006 PD 23 2 CR ? ? 23+ 2+
2006-2007 PD 29 2 CR ? ? 29+ 2+
Totale Valencia 188 9 ? ? ? ? 188+ 9+
2007-2008 Spagna Real Saragozza PD 33 1 CR ? ? 33+ 1+
2008-2009 SD 26 3 CR ? ? - - - 26+ 3+
2009-2010 PD 13 0 CR 1 0 - - - 14 0
Totale Real Saragozza 72 4 1+ 0+ 0 0 73+ 4+
feb.-dic. 2010 Argentina Racing Avellaneda PD 16 0 16+ 0+
Totale carriera 427 15 7+ 0+ 6+ 0+ 440+ 15+

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

River Plate: Apertura 1994
Milan: 1998-1999
Valencia: 2001-2002, 2003-2004

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Valencia: 2003-2004
Valencia: 2004

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

1995
Atlanta 1996
Atene 2004

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Racing: Zubeldía non rinnova, ecco i possibili sostituti Calciosudamericano.ii
  2. ^ Napoli disperato Parma in aiuto - repubblica.it, 8 luglio 1995
  3. ^ a b Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 12 (1995-1996), Panini, 23 luglio 2012, p. 10.
  4. ^ Ayala sorprende tutti - uefa.com, 17 luglio 2007
  5. ^ Real Zaragoza, Ayala rescinde
  6. ^ Roberto Ayala, ex di Parma, Napoli e Milan, dice addio al calcio

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Roberto Ayala, su National-football-teams.com, National Football Teams. Modifica su Wikidata
  • (DEENIT) Roberto Ayala, su Transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG.