Rafael Benítez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rafael Benítez
Rafael Benítez.jpg
Nome Rafael Benítez Maudes
Nazionalità Spagna Spagna
Altezza 175[1] cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista, difensore)
Squadra Real Madrid Real Madrid
Carriera
Giovanili
1972-1974 Real Madrid C Real Madrid C
Squadre di club1
1974-1981 Castilla Castilla 247 (7)
1981-1985 Parla Parla 124 (8)
1985-1986 Linares Linares 34 (7)
Carriera da allenatore
1986-1991 Real Madrid Real Madrid Giovanili
1991-1993 Real Madrid Real Madrid U-19
1991-1995 Real Madrid Real Madrid Vice
1993-1995 Real Madrid B Real Madrid B
1995-1996 Real Valladolid Real Valladolid
1996 Osasuna Osasuna
1997-1999 CF Extremadura CF Extremadura
2000-2001 Tenerife Tenerife
2001-2004 Valencia Valencia
2004-2010 Liverpool
2010 Inter
2012-2013 Chelsea
2013-2015 Napoli
2015- Real Madrid Real Madrid
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 3 giugno 2015

Rafael Benítez Maudes detto Rafa (Madrid, 16 aprile 1960) è un allenatore di calcio ed ex calciatore spagnolo, di ruolo centrocampista o difensore, tecnico del Real Madrid.

È stato il quarto allenatore a vincere la Coppa UEFA/Europa League per due volte e il secondo a riuscirci con due squadre diverse dopo Giovanni Trapattoni.[2] È inoltre l'unico allenatore ad aver vinto la Coppa UEFA e la Champions League in due stagioni consecutive con due squadre differenti.[3] Ha costruito la sua fama come re di coppe: ha nel suo palmarès la bellezza di dieci titoli sollevati al cielo (4 internazionali), conquistati in tre paesi diversi (Spagna, Inghilterra e Italia) e alla guida di quattro squadre (Valencia, Liverpool, Chelsea e Napoli).[4]

Personaggio molto pacato, ma comunque esposto a polemiche e controversie, per sei volte è stato indicato come Manager of the Month[5] e per due volte come Allenatore dell'anno UEFA. Ha legato principalmente la sua carriera al Liverpool, con cui ha raggiunto a distanza di due anni due finali di UEFA Champions League, la prima vinta nell'edizione 2004-2005 e la seconda persa nell'edizione edizione 2006-2007; in entrambe le occasioni i Reds hanno affrontato in finale il Milan di Carlo Ancelotti.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Rafa Benitez nasce il 16 aprile del 1960 a Madrid, figlio di Francisco e Rosaria. Ha un fratello maggiore e una sorella minore. Durante il periodo al Real Valladolid, Benitez conosce Maria de Montserrat con la quale convola a nozze nel 1998 e dalla quale avrà due figlie, la prima Claudia nata un anno dopo la loro unione nel 1999 a Madrid, mentre la seconda Agata nel 2002 nata a Valencia.[3]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

« Una virtù? Mi piace lavorare, insegnare. Sono un professore. Mi piace spingere la gente a migliorare. »
(Rafael Benítez.[6])

Benítez preferisce il modulo 4-2-3-1, con squadre corte, aggressive in pressing e capaci di sfruttare interamente l'ampiezza del campo in fase di possesso.[7] Ha costruito la sua carriera nel tempo pianificando nei minimi dettagli il suo metodo di allenamento investendo principalmente su strumenti tecnologici sempre più evoluti per migliorare l'analisi della partita e la comunicazione con i propri giocatori.[8] Calcola dettagliatamente le intensità e le frequenze degli allenamento ed ha l'abitudine di appuntare i cambiamenti di gioco su una lavagnetta.[3] All'inizio della sua carriera ha usato il 4-4-2, ma nel 2001, anno della sua prima stagione al Valencia, ha cambiato i suoi schemi tattici dal 4-4-2 al definitivo 4-2-3-1 per far giocare stabilmente il trequartista Pablo Aimar tra le linee di centrocampo ed attacco, una posizione in cui l'argentino poteva sprigionare maggiormente il suo talento, arretrando così una delle due punte.[7] Lo stesso modulo è stato impiegato dall'allenatore spagnolo anche al Liverpool, dove però Benítez si ritrova ad allenare un centrocampo con un po' più di qualità nel mezzo, con un regista come Xabi Alonso al posto di un mediano di rottura come David Albelda.[9] L'unica vera grande costante è la difesa a 4, con esterni alti di ruolo capaci di dare equilibrio alla squadra.[9]

Ha costruito la sua fama come re di coppe. Nel corso della sua carriera ne ha vinte 10, predilezione fondata sulla fisionomia, sulla compattezza della squadra e soprattutto sul turn-over, cioè alternare continuamente i giocatori della rosa da mandare in campo per affrontare al meglio tutte le competizioni stagionali.[10][11] Per questo motivo è probabilmente uno degli allenatori maggiormente da evitare in gare ad eliminazione diretta.[7] Dal 2002 al 2014, infatti, ha messo in fila 90 sfide a eliminazione diretta (finali comprese), vincendone ben 66 (il 73%).[12] È un allenatore che ha bisogno di potere assoluto nella gestione e tempo per poter garantire risultati adeguati alle aspettative della dirigenza.[8] Ciò nonostante in carriera ha fin qui mostrato molta duttilità, cercando sempre di adattare al meglio le proprie convinzioni tattiche in funzione degli elementi a disposizione in rosa o delle trattative di mercato, senza disdegnare all'occorrenza soluzioni diverse da quelle inizialmente concepite.[8][9] Per rimanere fede al suo modulo tattico, tuttavia, si è visto costretto ad adattare alcuni giocatori in nuove posizioni, come nel caso di Dirk Kuijt da attaccante ad ala destra.[13]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Benítez è un prodotto del vivaio del Real Madrid, club nel quale entra come giovane nel 1974; non riuscirà mai ad arrivare alla prima squadra e sarà pertanto utilizzato esclusivamente nella squadra satellite, il Castilla. Un infortunio al ginocchio, giocando con la selezione universitaria di Spagna nella Universiade del 1979 in Messico, gli fa saltare quasi completamente la stagione seguente. Nel 1981 si trasferisce al Parla, contribuendo alla promozione nella Segunda División B. Nel frattempo si iscrive come studente all'INEF, la facoltà sportiva dell'Università Politecnica di Madrid. Nel 1982 ottiene la laurea in Scienze Motorie pur continuando a giocare nel Parla fino al 1985, anno in cui firma per il Linares CF. Nella stagione 1985-1986 patisce ulteriori infortuni e per questo motivo decide di porre fine alla sua carriera da giocatore per dedicarsi a quella da allenatore.[3]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Gli esordi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1986 entra a far parte dello staff tecnico del Real Madrid. Fa esperienza con le formazioni Giovanili del Real Madrid dal 1986 al 1991, vincendo 6 trofei. Nel 1989 ottenne il patentino da allenatore e nell'estate del 1990 insegna alla UC Davis in California. Dal 1991 al 1993 allena gli Under-19 del Real Madrid e dal 1993 e il 1995 il Real Madrid B. Tra il 22 marzo 1991 e il 1995 è inoltre assistente degli allenatori del Real Antic, Beenhakker, Floro, Del Bosque e Valdano.[3] La sua prima esperienza da allenatore di squadre non giovanili fuori dall'area tecnica del Real Madrid non è un successo. Benítez viene ingaggiato come tecnico del Real Valladolid per la stagione 1995-1996 in massima serie, ma viene esonerato dopo aver ottenuto 2 vittorie in 23 partite, con la squadra all'ultimo posto della Primera División. Nella stagione seguente passa all'Osasuna, in seconda serie, ma anche questa esperienza si conclude precocemente con un esonero dopo nove gare di campionato.[3]

Nel 1997 viene ingaggiato dall'Extremadura e stavolta riesce a guidare la squadra alla promozione in massima serie, chiudendo il campionato da secondo in classifica dietro l'Alavés, con 23 vittorie in 42 partite. Tuttavia l'Extremadura rimane solo per un anno nella Liga: l'anno seguente retrocedeo dopo aver concluso il campionato al diciassettesimo posto ed aver perso il play-out con il Rayo Vallecano.[3] Benítez quindi lascia la squadra per dedicarsi a studiare a livello teorico il mestiere dell'allenatore osservando club quali il Manchester United, e l'Arsenal. Lavora anche come commentatore e analista per Eurosport, Marca, El Mundo Deportivo ed alcune tv locali di Madrid.[3] Nel 2000 viene assunto come allenatore del Tenerife e con una squadra che annovera giocatori quali Mista, Curro Torres e Luis García ottiene una nuova promozione in Liga, chiudendo il campionato al terzo posto in classifica, dietro Siviglia e Betis.[3]

Valencia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate nel 2001 viene ingaggiato dal Valencia. All'inizio preferisce usare il 4-4-2, con due punte di sacrificio come Angulo e Mista, e due esterni puri ai lati, il mancino Vicente a sinistra e Rufete a destra. Nel corso della stagione compie il suo più grande capolavoro tattico, imponendo alla squadra un modulo di gioco innovativo: il 4-2-3-1 che prediligeva in assoluto la posizione di Pablo Aimar che da trequartista si trasforma in un centrocampista aggiunto che fungendo da vertice alto del triangolo di centrocampo permette la superiorità numerica nella zona calda del campo.[8] Il nuovo modulo segna una svolta nella stagione che si conclude con la vittoria della Liga. Benítez riporta il titolo nazionale nella città valenciana dopo 31 anni, ma soprattutto conquista il suo primo alloro personale.[3] Nella stagione successiva la squadra non riesce a difendere il titolo di campione di Spagna chiudendo il campionato al quinto posto che assicura alla squadra un posto in Coppa UEFA.[3] Nel corso della stagione Benítez esordisce in UEFA Champions League, dove il Valencia è eliminato dall'Inter nei quarti di finale.[14]

Nella stagione seguente guida il Valencia al sesto titolo nazionale, bissando il successo di due stagioni prima e vincendo nel contempo il primo trofeo europeo con l'affermazione in Coppa UEFA, ottenuta superando per 2-0 in finale l'Olympique Marsiglia[15] e anche il premio come allenatore dell'anno dalla Uefa per la stagione 2003-2004.[3] Una settimana dopo il successo europeo, annuncia alla stampa la sua decisione di rifiutare l'offerta di prolungamento del contratto con il Valencia e la conseguente decisione di dimettersi con effetto immediato dalla guida tecnica del club spagnolo[16] causata anche da incomprensioni sul calciomercato della squadra. Chiude la sua esperienza a Valencia con due titoli nazionali e una Coppa UEFA in tre stagioni.

Liverpool[modifica | modifica wikitesto]

« Quando vado a scuola a prendere le mie figlie, i padri mi fermano e mi chiedono pareri, consigli e mi danno aggiornamenti. Questa è Liverpool. Non un interesse passato, ma una passione duratura. Non avrei mai immaginato che mi avrebbe adottato, che qualcuno nato a migliaia di chilometri di distanza possa stare nel cuore a tal punto, anche se ho lasciato il club, da essere ricordato con tanto affetto. »
(Rafael Benítez sulla città di Liverpool.[6])
Rafael Benítez nel 2007

Nella stagione 2004-2005 si trasferisce al Liverpool, rilevando la panchina del club inglese da Gerard Houllier. Dopo aver convito il capitano Steven Gerrard a rimanere con i Reds,[17] Benítez pressa il club ad acquistare due giocatori provenienti dalla Liga spagnola (Luis García e Xabi Alonso) e riesce ad esaltare le doti del difensore Jamie Carragher.[18] Il Liverpool termina la propria stagione con un quinto posto nella Premier League e con un secondo posto nella Football League Cup a causa della sconfitta per 3-2 contro il Chelsea. In UEFA Champions League Benítez compie un capolavoro tattico, affidandosi soprattutto alla difesa e riportando i Reds in finale. Qui la squadra affronta il favoritissimo Milan allenato da Carlo Ancelotti. Il primo tempo si chiude con un 3-0 in favore dei rossoneri, con un Liverpool incapace di macinare gioco e con difficoltà soprattutto in difesa. Nel secondo tempo è lo stravolgimento tattico dell'allenatore spagnolo che permette al Liverpool di cambiare marcia: gli innesti di Šmicer (entrato nel primo tempo) e Hamman (entrato nella ripresa) e il cambio di posizione di Gerrard (più a destra in un ruolo di mezzo tra il terzino e il mediano) permettono agli inglesi di rimontare lo svantaggio e di imporsi ai rigori contro i rossoneri.[19][20] Con questa vittoria, Benítez diventa il solo allenatore ad aver vinto la Coppa UEFA e la Champions League in due stagioni consecutive con due squadre differenti e riconquista il premio di allenatore dell'anno.[3]

Nella stagione successiva il tecnico spagnolo comincia la nuova stagione vincendo la Supercoppa Europea battendo i russi del CSKA Mosca con il punteggio di 3-1.[21][22] Dopo aver perso la Coppa del mondo per club FIFA 2005 contro il San Paolo in finale[23], il Liverpool vince la FA Cup ai rigori dopo il 3-3 contro il West Ham[24] e chiude la stagione al terzo posto. In UEFA Champions League, invece, il Liverpool campione in carica esce sconfitto negli ottavi di finale per mano del Benfica.[25]

Rafael Benítez (sulla destra) e Gianfranco Zola durante West Ham-Liverpool del 9 maggio 2009

L'arrivo di Javier Mascherano a centrocampo nell'estate del 2006 seguente permette all'allenatore di modificare la rosa e lo schieramento: lo spagnolo sposta il centrocampista argentino al centro del campo in qualità di uomo d'ordine, concede più libertà a Gerrard e rinuncia a une delle due punte, ma non ai due esterni di ruolo.[9] La stagione 2006-2007 si apre con la vittoria in Community Shield per 2-1 contro il Chelsea. I Reds concludono la stagione al terzo posto e perdono la finale di Champions League contro il Milan per 2-1.[26] Nella stagione 2007-2008 i reds raggiungono la quarta posizione in Premier League e la semifinale di Champions League dove però sono sconfitti dal Chelsea con il punteggio di 1-1 e di 2-3.[27] Nelle ultime due stagioni alla guida del Liverpool ottiene rispettivamente il secondo e il settimo posto in Premier League, mentre in Champions League è eliminato rispettivamente nei quarti di finale (dal Chelsea)[28] e nella fase a gironi (per mano di Fiorentina e Lione). Sempre nell'ultima stagione, a causa del terzo posto raggiunto nella fase a gironi di Champions League il Liverpool accede all'Europa League dove viene eliminato in semifinale dall'Atletico Madrid.[29]

Il 3 giugno 2010 la società inglese, attraverso un comunicato sul proprio sito internet[30], annuncia la separazione consensuale con il tecnico, dopo sei stagioni caratterizzate dalla vittoria di una Community Shield, una Coppa d'Inghilterra, una Champions League ed una Supercoppa Europea.

Inter e Chelsea[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 giugno 2010 diviene l'allenatore dell'Inter, firmando un contratto fino al 30 giugno 2012.[31] Sostituisce dunque il portoghese José Mourinho, l'allenatore che solo qualche settimana prima aveva guidato i nerazzurri alla conquista del treble. Con Eto'o non più in forma a giocare nel ruolo di esterno sinistro e i giovani Biabiany e Coutinho ancora troppo inesperti, Benítez abbandona per la prima volta in carriera gli esterni alti e posiziona Pandev largo a sinistra.[9] Più difficile è invece la collocazione in campo di Snejder, giocatore mai a suo agio nel gioco del tecnico spagnolo.[8]

Rafael Benítez sulla panchina dei Blues nel 2013.

Il 21 agosto seguente, alla prima uscita ufficiale, arriva il primo trofeo: i nerazzurri si impongono infatti sulla Roma per 3-1, grazie alla rete di Pandev e ad una doppietta di Eto'o, aggiudicandosi la Supercoppa italiana.[32] Meno fortunato è, sei giorni dopo, l'esordio a livello internazionale: l'Inter, infatti, esce sconfitta contro l'Atlético Madrid nell'incontro valevole per la Supercoppa UEFA (2-0 il punteggio finale in favore dei madrileni).[33] Dopo un inizio di stagione costellato da numerosi infortuni e prestazioni altalenanti, che ne mettono in dubbio la permanenza sulla panchina nerazzurra[34], il 18 dicembre 2010 conduce la squadra alla conquista della Coppa del Mondo per club, battendo in finale per 3-0 i congolesi del TP Mazembe; Benítez riporta in tal modo l'Inter al titolo mondiale dopo 45 anni, consegnandole il suo terzo titolo iridato.[35] Cinque giorni dopo il trionfo, il 23 dicembre, la società milanese, tramite un comunicato ufficiale sul proprio sito internet, annuncia la risoluzione consensuale del rapporto con il tecnico.[36] A rimpiazzarlo, dal 24 dicembre, è Leonardo, ex allenatore del Milan.

Il 21 novembre 2012, viene reso noto l'accordo con il Chelsea fino al termine della stagione in sostituzione dell'esonerato Roberto Di Matteo.[37] L'esperienza sulla panchina dei Blues è vissuta con difficoltà: i tifosi lo criticano dagli spalti avvalorandosi di striscioni e fischi.[38] Per quanto riguarda la squadra, Benítez può vantare stavolta di una formazione molto offensiva con Lampard, i trequartisti Oscar e Mata, e un giocatore d'equilibrio come Ramires, spesso usato con compiti più difensivi.[9] La prima parte di stagione si rivela fallimentare. Il Chelsea campione d'Europa in carica esce nella fase a gironi di Champions League, accedendo così all'Europa League. Per la prima volta nella storia la detentrice del trofeo esce nella fase a gironi.[39] In seguito la squadra perde per 1-0 la finale di Coppa del mondo per club contro il Corinthians.[40] Al termine della stagione, Benítez conduce il Chelsea al terzo posto in Premier League e, il 15 maggio 2013, alla conquista dell'Europa League grazie alla vittoria per 2-1 contro il Benfica. Per il tecnico spagnolo si tratta del secondo successo personale in carriera[41][42][43] e, insieme a Giovanni Trapattoni, diventa l'unico allenatore a vincere il trofeo con due squadre diverse.[2]

Napoli[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 maggio 2013 viene ingaggiato come allenatore del Napoli,[44] firmando un contratto biennale (con opzione per il terzo anno) a 3,5 milioni di euro a stagione. Viene coadiuvato da uno staff tecnico composto da Fabio Pecchia in qualità di allenatore in seconda, Javier Vicente Valero come preparatore dei portieri, Francisco de Miguel Moreno e Corrado Saccone - quest'ultimo già nello staff tecnico della precedente gestione Mazzarri - come preparatori atletici e gli analisti Antonio Gómez Pérez (per la tattica) e Pedro Jiménez Campos (per le squadre avversarie).[45] Con l'avvento del tecnico spagnolo, il Napoli subisce una profonda metamorfosi nella sua struttura base, passando dal 3-5-2 al più offensivo 4-2-3-1.[46][47] Difficile è l'utilizzo dello slovacco Marek Hamšík, impiegato da Benítez come trequartista centrale e non sempre con grandi risultati.[48]

Benítez sulla panchina del Napoli durante la semifinale contro il Dnipro in Europa League.

Debutta sulla panchina azzurra il 25 agosto 2013, alla prima di campionato, con una vittoria (3-0) sul Bologna.[49] Il 3 maggio 2014 vince il primo trofeo con il Napoli, conquistando la Coppa Italia con un 3 a 1 ai danni della Fiorentina nella finale allo Stadio Olimpico di Roma,[50] confermandosi vincente nella stagione d'esordio come già accaduto alla guida di Valencia, Liverpool, Inter e Chelsea.[51] Conclude la sua prima stagione con la società partenopea portando la squadra a un 3° posto finale in campionato stabilendo il proprio primato assoluto di gol segnati e di vittorie ottenute in trasferta[52] Nel settembre 2014 partecipa al Forum UEFA Allenatori Club d'Èlite, dove riceve una targhetta commemorativa per le 100 partite disputate in Champions League.[53]

Dopo un calciomercato sotto le aspettative e con vari giocatori in partenza, la squadra non riesce a ripetere un buon inizio di stagione ed esce nei preliminari di UEFA Champions League contro l'Athletic Bilbao (1-1), accedendo così in Europa League. Il 22 dicembre vince la Supercoppa italiana contro la Juventus, secondo successo personale in questa competizione e decimo trofeo complessivo in carriera, a parte i titoli nazionali.[54][55] Questo trofeo sarà l'unica consolazione stagionale, poiché la squadra partenopea conclude l'annata al quinto posto in campionato a causa della sconfitta interna contro la Lazio per 2-4[56] ed esce in semifinale sia in Coppa Italia[57] che in Europa League.[58] Benítez ha comunque il merito di aver riportato il Napoli in semifinale di Europa League a quasi 26 anni dall'ultima volta.[59] Con il contratto in scadenza a giugno, il 28 maggio, in una conferenza stampa congiunta con il presidente del Napoli Aurelio de Laurentiis, Benítez annuncia la scelta di abbandonare la guida tecnica del Napoli dopo due anni.[60] Il 1° giugno lascia definitivamente i partenopei.[61]

Real Madrid[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 giugno 2015 viene annunciato come nuovo tecnico del Real Madrid, con cui firma un contratto triennale da 5,2 milioni di euro netti a stagione,[62] e lo stesso giorno viene presentato alla stampa.[63][64] Benitez diventa così il quarto allenatore nato a Madrid a guidare i blancos dopo Paco Bru, Miguel Muñoz e Mariano García Remón.[65] Per quanto riguarda lo staff tecnico lo segue il vice Fabio Pecchia.[64]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Dirigenza[modifica | modifica wikitesto]

Benítez ha bisogno di potere assoluto nella gestione della squadra e spesso è entrato in contrasto con la dirigenza delle squadre che allenava per questioni legate principalmente al mercato. Questi motivi hanno condizionato la permanenza del tecnico sulle panchine di Valencia, Liverpool, Inter e Napoli. Nel 2004 lascia il Valencia per incomprensioni sul calciomercato della squadra, dichiarando: «Speravo in un divano (difensore) e mi hanno portato una lampada (Fabián Canobbio, centrocampista)».[3] Nel 2007, dopo la finale di UEFA Champions League contro il Milan, accusa i proprietari del Liverpool, gli industriali americani Tom Hicks e George N. Gillett, Jr, di non impegnarsi sul calciomercato, dichiarando: «I proprietari mi dicano se loro vogliono vincere la Premier e la Champions League. Noi abbiamo bisogno di fare le cose più velocemente di Chelsea e United. Se noi non possiamo spendere i soldi, cambiano le cose, proviamo a migliorare in molte aree ma noi potremmo lottare per il quarto posto. I proprietari mi capiscono e mi sostengono e dicono che mi sosterranno. Ma se non modifichiamo alcuni aspetti fondamentali, non potremmo competere».[6] Dopo queste dichiarazioni, gli industriali Huck e Gillet hanno inviato lo spagnolo a concentrarsi solo sulla squadra e di non interferire sulle questioni societarie.[6] Nel 2011, Benítez lascia l'Inter perché tradito dall'allora presidente nerazzurro Massimo Moratti, reo di non aver rispettato le sue richieste di mercato.[66]

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Benítez ha avuto alcuni diverbi e litigi con Alex Ferguson, famoso allenatore del Manchester United.[67] Il 9 gennaio 2009 Benítez accusa il collega di condizionare gli arbitri e di tenere in panchina atteggiamenti intimidatori.[68] La sfuriata del tecnico spagnolo, solitamente pacato, ha colto tutto il mondo del calcio di sorpresa. Ferguson ha ribattuto insultando sia il gioco tattico del collega e poi attaccandolo direttamente con parole di scherno e di sarcasmo. Ad'esempio, in un'intervista rilasciata nel 2012, l'allenatore del Manchester United definisce Benítez come un allenatore "fortunato" («potrebbe esibire due Mondiali per club nel suo curriculum senza aver avuto nulla a che fare con le due squadre vincitrici Inter e Chelsea[69]). Difficile anche il rapporto con José Mourinho, con cui è stato protagonista di alcune polemiche. Celebri le parole di Mourinho nel 2011, anno dell'arrivo di Benítez sulla panchina nerazzura: «Benítez non dovrà faticare come ho fatto io, perché in un mese ha la possibilità di vincere tre trofei: la Supercoppa italiana, la Supercoppa europea e il Mondiale per club. Un allenatore che arriva in un nuovo club di solito deve costruire la squadra, mentre Benitez si trova tutto pronto, società e giocatori. Il suo non è un lavoro, ma un sogno».[70]

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 maggio 2015 il tecnico spagnolo viene squalificato per una giornata di Serie A per avere, al termine della gara Parma-Napoli, uscendo dal terreno di gioco, proclamato ad alta voce «questo è il calcio italiano di merda». La frase è stata rilevata dagli ispettori della Procura Figc e ha provocato numerosi malumori nel calcio italiano.[71]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Carriera da allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 12 aprile 2015. In grassetto le competizioni vinte.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale Vittorie % Piazz
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
1993-1994 Spagna Real Madrid B SD 27 13 5 9 - - - - - - - - - - - - - - - 27 13 5 9 48,15
1994-1995 SD 38 13 13 12 - - - - - - - - - - - - - - - 38 13 13 12 34,21
Totale Real Madrid B 65 26 18 21 - - - - - - - - - - - - 65 26 18 21 40,00
1995-1996 Spagna Valladolid PD 23 2 8 13 CR 6 3 2 1 - - - - - - - - - - 29 5 10 14 17,24 esonerato
1996 Spagna Osasuna SD 9 1 4 4 CR 2 2 0 0 - - - - - - - - - - 11 3 4 4 27,27 esonerato
1997-1998 Spagna Extremadura SD 42 23 10 9 CR 8 4 2 2 - - - - - - - - - - 50 27 12 11 54,00 2º(promozione)
1998-1999 PD 38+2 9+0 12+0 17+2 CR 2 0 2 0 - - - - - - - - - - 42 9 14 19 21,43 17º
Totale Extremadura 82 32 22 28 10 4 4 2 - - - - - - - - 92 36 26 30 39,13
2000-2001 Spagna Tenerife SD 42 21 11 10 CR 4 2 0 2 - - - - - - - - - - 46 23 11 12 50,00 3º(promozione)
2001-2002 Spagna Valencia PD 38 21 12 5 CR 1 1 0 0 CU 10 5 3 2 - - - - - 49 27 15 7 55,10
2002-2003 PD 38 17 9 12 CR 2 0 2 0 UCL 14 8 4 2 SS 2 0 0 2 56 25 15 16 44,64
2003-2004 PD 38 23 8 7 CR 6 3 1 2 CU 13 10 2 1 - - - - - 57 36 11 10 63,16
Totale Valencia 114 61 29 24 9 4 3 2 37 23 9 5 2 0 0 2 162 88 41 33 54,32
2004-2005 Inghilterra Liverpool PL 38 17 7 14 FAC+FLC 1+6 0+4 0+1 1+1 UCL 15 9 3 3 - - - - - 60 30 11 19 50,00
2005-2006 PL 38 25 7 6 FAC+FLC 6+1 6+0 0 0+1 UCL 14 8 3 3 SU+CmC 1+2 1+1 0 0+1 62 41 10 11 66,13
2006-2007 PL 38 20 8 10 FAC+FLC 1+3 0+2 0 1+1 UCL 15 9 2 4 CS 1 1 0 0 58 32 10 16 55,17
2007-2008 PL 38 21 13 4 FAC+FLC 4+3 2+2 1+0 1+1 UCL 14 8 3 3 - - - - - 59 33 17 9 55,93
2008-2009 PL 38 25 11 2 FAC+FLC 3+2 1+1 1+0 1+1 UCL 12 7 4 1 - - - - - 55 34 16 5 61,82
2009-2010 PL 38 18 9 11 FAC+FLC 2+2 0+1 1+0 1+1 UCL+UEL 6+8 2+5 1+0 3+3 - - - - - 56 26 11 19 46,43
Totale Liverpool 228 126 55 47 34 19 4 11 84 48 16 20 4 3 0 1 350 196 75 79 56,00
2010 Italia Inter A 15 6 5 4 CI 0 0 0 0 UCL 6 3 1 2 SI+SU+CmC 1+1+2 1+0+2 0+0+0 0+1+0 25 12 6 7 48,00 dimessosi
2012-2013 Inghilterra Chelsea PL 26 15 6 5 FAC+FLC 7+3 4+1 2+1 1+1 UCL+UEL 1+9 1+6 0+1 0+2 CmC 2 1 0 1 48 28 10 10 58,33 subentrato, 3º
2013-2014 Italia Napoli A 38 23 9 6 CI 5 4 0 1 UCL+UEL 6+4 4+1 0+2 2+1 - - - - - 53 32 11 10 60,38
2014-2015 A 34 17 8 9 CI 4 1 2 1 UCL+UEL 2+12 0+8 1+3 1+1 SI 1 0 1 0 49 24 14 11 48,98
Totale Napoli 72 40 17 15 9 5 2 2 24 13 6 5 1 0 1 0 102 56 25 21 54,90
Totale carriera 673 330 175 171 84 44 18 22 161 94 33 34 13 7 1 5 930 473 226 231 50,86

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Tercera División: 1

Parla: 1981-1982

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

  • Campionato spagnolo Under-19: 1
Real Madrid: 1992-1993
  • Coppa di Spagna Under-19: 2
Real Madrid: 1990-1991, 1992-1993

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Liga trophy (adjusted).png Campionato spagnolo: 2

Valencia: 2001-2002, 2003-2004

FA Cup.png Coppa d'Inghilterra: 1

Liverpool: 2005-2006

CommunityShield.png Community Shield: 1

Liverpool: 2006

Super coppa italiana.svg Supercoppa italiana: 2

Inter: 2010
Napoli: 2014

Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia: 1

Napoli: 2013-2014

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Il Chelsea vincitore dell'UEFA Europa League 2012-2013; Benítez è primo da sinistra.

Coppauefa.png UEFA Europa League: 2

Valencia: 2003-2004
Chelsea: 2012-2013

Coppacampioni.png UEFA Champions League: 1

Liverpool: 2004-2005

Supercoppaeuropea2.png Supercoppa UEFA: 1

Liverpool: 2005

FIFA Club World Cup.svg Coppa del mondo per club: 1

Inter: 2010

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2001-2002
2003-2004, 2004-2005
novembre 2005, dicembre 2005, gennaio 2007, ottobre 2008, marzo 2009, aprile 2013
2009
2013-14

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rafa Benítez, goal.com.
  2. ^ a b Benítez fa il bis, uefa.com. URL consultato il 15 maggio 2013.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l m n Da calciatore ad allenatore : la vita di Rafaél Benítez Maudes in passionedelcalcio.it, 18 novembre 2014.
  4. ^ Storia di un "ladro di trofei": Benitez re di coppe, goal.com. URL consultato il 7 maggio 2015.
  5. ^ (EN) Chelsea boss Benitez named Premier League Manager of the Month for April, goal.com. URL consultato il 3 maggio 2013.
  6. ^ a b c d Benitez: «Che cos’è Liverpool per me? Sono i padri che mi fermano quando accompagno le mie figlie a scuola. Loro si sentono scouser, non spagnole» in ilnapolista.it, 12 dicembre 2014.
  7. ^ a b c LAVAGNA TATTICA. Benitez, il più italiano tra gli allenatori spagnoli in invasoredicampo.blogspot.it.
  8. ^ a b c d e GRAFICO - La storia tattica di Benitez, dal capolavoro a Valencia del 4-2-3-1 al Napoli che verrà in calcionapoli24.it, 26 giugno 2013.
  9. ^ a b c d e f Scopriamo Benitez e le sue formazioni: dal 4-4-2 di Valencia all’ultimo Chelsea col 4-2-3-1 in iamnaples.it, 13 giugno 2013.
  10. ^ Napoli, Benitez: "Turnover? È l'unica possibilità con così tanti impegni" in La Gazzetta dello Sport, 13 settembre 2013.
  11. ^ Benitez prospetta il turnover : “Voglio utilizzare al massimo la rosa” ed Andujar ricorda che : “non dobbiamo avere fretta nel voler andare in rete” in passionedelcalcio.it, 6 maggio 2015.
  12. ^ Benitez re di Coppa: tre volte su quattro passa il turno in ilnapolista.it, 14 febbraio 2014.
  13. ^ (EN) Kuyt agrees Liverpool extension, news.bbc.co.uk, 3 aprile 2009.
  14. ^ A Valencia c' è Plaza de Toldo in La Gazzetta dello Sport, 23 aprile 2003.
  15. ^ Il Valencia vince la Coppa UEFA, dal Marsiglia accuse a Collina in Corriere della Sera, 20 maggio 2004.
  16. ^ (EN) Benitez to leave Valencia in UEFA, 1° giugno 2004.
  17. ^ (EN) Dominic Fifield, Benítez boost as Gerrard stays at Liverpool, The Guardian, 29 giugno 2004.
  18. ^ (EN) Rob Smyth, Is Jamie Carragher England's best defender?, The Guardian, 7 marzo 2007. URL consultato il 26 aprile 2010.
  19. ^ Antonio di Rosa, La lezione dei "Reds" in La Gazzetta dello Sport, 26 maggio 2005.
  20. ^ Milan, sei minuti di follia Liverpool campione d'Europa in La Repubblica, 25 maggio 2005.
  21. ^ Supercoppa europea: Liverpool-Cska 0-1 in La Gazzetta dello Sport, 26 settembre 2005.
  22. ^ 2005: Il Liverpool vola con Cissé in it.uefa.com.
  23. ^ San Paolo campione del mondo in La Gazzetta dello Sport, 18 dicembre 2005.
  24. ^ Liverpool, l'FA Cup è di rigore in La Gazzetta dello Sport, 13 maggio 2006.
  25. ^ Arsenal e Benfica, che imprese in La Gazzetta dello Sport, 8 marzo 2006.
  26. ^ Carlo Verdelli, L'orgoglio ricucito in La Gazzetta dello Sport, 24 maggio 2007.
  27. ^ Champions, Chelsea in finale Liverpool ko ai supplementari in La Repubblica, 30 aprile 2008.
  28. ^ Chelsea avanti, Liverpool indomito in it.uefa.com.
  29. ^ Atletico e Fulham in finale Liverpool e Amburgo fuori in La Gazzetta dello Sport, 29 aprile 2010.
  30. ^ Benitez: addio ai Reds Ora è pronto per l'Inter in La Gazzetta dello Sport, 3 giugno 2010.
  31. ^ Inter, biennale a Benitez Martedì la presentazione in La Gazzetta dello Sport, 10 giugno 2010.
  32. ^ Supercoppa, la Roma spreca Eto'o la punisce: 3-1 Inter in La Gazzetta dello Sport, 21 agosto 2010.
  33. ^ L'Inter fallisce il pokerissimo Supercoppa all'Atletico Madrid in La Gazzetta dello Sport (Montecarlo), 27 agosto 2010.
  34. ^ Inter: Rafa traballa, occhio a Leo in sportmediaset.it, 15 novembre 2010.
  35. ^ Fifa CWC '10, Mazembe-Inter: 0-3, grazie ragazzi! in Inter.it (Abu Dhabi), 18 dicembre 2010. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  36. ^ Inter e Benitez: risoluzione consensuale in Inter.it, 23 dicembre 2010.
  37. ^ Esce Di Matteo, entra Benitez Chelsea: in estate arriva Guardiola? in La Gazzetta dello Sport, 21 novembre 2012.
  38. ^ Fischi e striscioni contro, Benitez se ne frega: "I tifosi del Chelsea mi seguiranno quando vinceremo. E poi i cori in inglese non li capisco..." in Inter.it, 16 dicembre 2012.
  39. ^ Chelsea, passeggiata danese La Juve però elimina i Blues in La Gazzetta dello Sport, 5 dicembre 2012.
  40. ^ Il mondo è del Corinthians Piange il Chelsea di Benitez in La Gazzetta dello Sport, 16 dicembre 2012.
  41. ^ Ivanović regala l'Europa League al Chelsea, uefa.com. URL consultato il 15 maggio 2013.
  42. ^ Europa League, Benfica-Chelsea 1-2: Ivanovic gol al 93' in La Gazzetta dello Sport, 15 maggio 2013.
  43. ^ David Luiz spiega il segreto del Chelsea: "Nell'intervallo Benitez ci ha detto quello che andava fatto", goal.com, 16 maggio 2013.
  44. ^ Benitez è il nuovo allenatore del Napoli, sscnapoli.it, 27 maggio 2013.
  45. ^ (EN) The "Napoli Era" begins for Rafa Benitez, rafabenitez.com. URL consultato il 22 giugno 2013.
  46. ^ Napoli, ecco l'evoluzione tattica del 4-2-3-1 di Rafa Benitez, fantagazzetta.com, 13 dicembre 2013.
  47. ^ Formazione Napoli 2013-2014: come giocherebbe il Napoli di Benitez?, calciomercato.napoli.it.
  48. ^ Hamsik in difficoltà da trequartista, ma Benitez ha le idee chiare: una frase svela un possibile colloquio..., tuttonapoli.net, 21 novembre 2013.
  49. ^ Napoli-Bologna 3-0: apre Callejon, poi la doppietta di super Hamsik, La Gazzetta dello Sport, 25 agosto 2013.
  50. ^ Finale Coppa Italia, Fiorentina-Napoli 1-3. Doppio Insigne, gol di Vargas e Mertens, gazzetta.it, 3 maggio 2014.
  51. ^ Benitez felice «Bella partita Insigne merita il Mondiale», Gazzetta dello Sport, 4 maggio 2014.
  52. ^ I dieci Napoli più forti di tutti i tempi, ilnapolista.it, 25 aprile 2015.
  53. ^ "100 partite in Champions". Platini festeggia Benitez, sportmediaset.mediaset.it, 4 settembre 2014.
  54. ^ Supercoppa argentina: Tevez- Higuain 2-2, ma ai rigori gioisce solo il Pipita, La Gazzetta dello Sport, 22 dicembre 2014.
  55. ^ Supercoppa Juve-Napoli, è la decima coppa per Benitez, Corriere dello Sport, 22 dicembre 2014.
  56. ^ Napoli-Lazio 2-4: Pioli ai preliminari di Champions, Benitez chiude quinto, La Gazzetta dello Sport, 31 maggio 2015. URL consultato il 1° giugno 2015.
  57. ^ Napoli-Lazio 0-1: Lulic, l'uomo di Coppa lancia Pioli in finale con la Juve, La Gazzetta dello Sport, 8 aprile 2015.
  58. ^ Dnipro-Napoli 1-0. Naufragio azzurro, il gli ucraini volano in finale, La Gazzetta dello Sport, 14 maggio 2015.
  59. ^ Napoli-Wolfsburg 2-2: Callejon e Mertens gol, è semifinale, La Gazzetta dello Sport, 23 aprile 2015.
  60. ^ Benitez: "A Napoli ho vissuto due anni splendidi", sscnapoli.it, 28 maggio 2015.
  61. ^ Benitez lascia Napoli: "Sono eccitato e felice. Il sogno Real Madrid inizia adesso? Sì...", calcionapoli24.it, 1 giugno 2015.
  62. ^ Real Madrid, ora è ufficiale: Rafa Benitez è il nuovo allenatore. "Che emozione tornare a casa", La Repubblica. URL consultato il 3 giugno 2015.
  63. ^ (ES) Comunicado Oficial: Rafa Benítez, realmadrid.com, 3 giugno 2015.
  64. ^ a b Real, Benitez firma e piange: "Sono a casa. Obiettivi? Bel gioco e trofei", La Gazzetta dello Sport, 3 giugno 2015.
  65. ^ Real Madrid, ufficiale Benitez: "Questa è casa mia", tgcom24.mediaset.it, 3 giugno 2015.
  66. ^ Moratti spara a zero su Benitez: "Aveva un'Inter da Scudetto e invece…", goal.com, 23 aprile 2014.
  67. ^ Ferguson: "Fra Mourinho e Benitez avrei scelto José", La Gazzetta dello Sport, 29 gennaio 2014.
  68. ^ Benitez al veleno contro Ferguson, La Gazzetta dello Sport, 10 gennaio 2009.
  69. ^ Maicon e Mourinho: ironie su Benitez, Corriere dello Sport, 24 novembre 2012.
  70. ^ Benitez vs. Mourinho: il blob degli scontri tra due acerrimi nemici, tuttonapoli.net, 30 maggio 2013.
  71. ^ Benitez: "Calcio italiano di m...". E il Giudice lo ferma un turno, La Gazzetta dello Sport, 12 maggio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN75837418 · LCCN: (ENnb2006006132