Futbol'nyj Klub Dnipro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
FK Dnipro
Calcio Football pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Blu e Bianco.png Blu e bianco
Dati societari
Città Dnipropetrovska gerb.png Dnipropetrovsk
Paese Ucraina Ucraina
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Ukraine.svg FFU
Campionato Prem'er-Liha
Fondazione 1925
Presidente Ucraina Ihor Kolomojs'kyj
Allenatore Ucraina Miron Markevich
Stadio Dnipro Arena
(31.003 posti)
Sito web www.fcdnipro.dp.ua
Palmarès
Titoli nazionali 2 campionati sovietici
Trofei nazionali 1 Coppe sovietiche
2 Coppa delle Federazioni sovietiche
1 Supercoppa dell'URSS
Si invita a seguire il modello di voce

Il Dnipro Dnipropetrovsk, ufficialmente Futbol'nyj Klub Dnipro (in ucraino: ФК Днiпро?), è una società di calcio di Dnipropetrovsk, in Ucraina.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il club venne fondato nel 1918 come BRIT (Brianskyi Robitnychyi Industrialnyi Tekhnikum) Dnepropetrovsk. Sette anni più tardi, il 9 maggio 1925 divenne la squadra della fabbrica Petrovsky; proprio per questo l'anno seguente venne rinominato Petrovets. Il club partecipò alla prima competizione sovietica con il nome di Stal (dal russo acciaio), in una delle leghe minori del campionato sovietico. Nel 1947 lo Stal si fuse con un altro club di Dnipropetrovsk, la Dynamo Dnipropetrovsk. Dal 1949 al 1961 il club utilizzò il nome di Metalurg, e nel 1954 la squadra raggiunse le semifinali della Coppa dell'Unione Sovietica, dove venne sconfitta dallo Spartak Yerevan.

Nel 1961 il club venne sponsorizzato dalla Yugmash, al tempo una delle più importanti e potenti industrie dell'intera Unione Sovietica: il nuovo sponsor impose il cambiamento di nome in Dnepr, ma, nonostante gli ingenti capitali apportati, fino al 1968 la situazione, da un punto di vista sportivo, non migliorò. Fu con l'ingaggio di Andrij Biba e l'arrivo del nuovo allenatore Valerij Lobanovs'kyj che la squadra prese a mietere successi, con la promozione in soli tre anni nella massima serie del campionato sovietico e il raggiungimento del sesto posto (su 16 squadre) nel 1972.

Il Dnipro finalista nell'Europa League 2014-2015

Nel 1973 e nel 1976 il Dnepr raggiunse le semifinali Coppa dell'Unione Sovietica. Nel 1978 il club venne retrocesso e partecipò per due anni nella seconda divisione. Nel 1981 la dirigenza decise di affidare la squadra a due giovani allenatori promettenti, Volodymyr Jemec' e Hennadij Žyzdyk, e dopo due anni, nel 1983 la squadra conquistò il primo storico campionato sovietico, successo bissato nel 1988 sotto la guida di Jevhen Kučerevs'kyj.

Dopo la dissoluzione dell'Unione Sovietica, il Dnepr modificò il proprio nome nell'ucraino Dnipro e i colori da rosso e bianco in celeste, bianco e blu, divenendo uno dei club fondatori del campionato ucraino. La squadra si classificò al secondo posto nel 1993, e al terzo nel 1992, 1995, 1996, 2001, 2004, non riuscendo mai a cogliere bottino pieno. Questa situazione si è ripetuta anche nella Coppa d'Ucraina, dove raggiunse le finali del 1995, 1997 e 2004, tutte perse contro lo Shakhtar Donetsk. Nel 2012 gli ucraini dopo essere arrivati al quarto posto nel campionato ucraino si qualificano ai play-off dell'Europa League.

Nella stagione 2014-2015 per la prima volta nella sua storia il Dnipro si qualifica per la finale di Europa League.[1] Il cammino degli ucraini inizia nei play-off, quando il club di Dnipropetrovsk esclude l'Hajduk Spalato (2-1); inserito nella fase a gironi assieme a Inter, Qarabag e Saint-Etienne, il Dnipro parte male ma una successivo cambio di marcia porta gli ucraini a conquistare due importanti vittorie contro Qarabag (1-2) e, soprattutto, contro il Saint-Etienne (1-0) all'ultima giornata, che consentono loro di passare alla fase a eliminazione diretta dove estromettono a sorpresa dapprima l'Olympiakos (4-2), poi l'Ajax (2-2, con la regola dei gol fuori casa) e infine il Club Bruges (1-0). In semifinale il club si ritrova di fronte al Napoli e, pur da sfavoriti, gli ucraini pareggiano in Italia (1-1)[2] e vincono all'Olimpico di Kiev per 1-0,[3] approndando così alla loro prima finale europea dove sono battuti dai detentori del trofeo, il Siviglia, vittorioso per 3-2.[4]

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria del Dnipro
  • 1918 - Fondazione come BRIT Dnepropetrovsk.

  • 1925 - Viene rinominato Petrovets Dnepropetrovsk.

  • 1936 - Viene rinominato Stal Dnepropetrovsk.
2º turno in Coppa dell'URSS.
2º turno in Coppa dell'URSS.

Finale nella zona ucraina di Coppa dell'URSS.
9° nel girone ucraino del Vtoraja Gruppa.
Semifinale nella zona ucraina di Coppa dell'URSS.

Sedicesimi di finale in Coppa dell'URSS.
Semifinale in Coppa dell'URSS.
Sedicesimi di finale nella Zona 2 della Coppa dell'URSS.
Finale nella Zona 2 della Coppa dell'URSS.
Finale nella Zona 2 della Coppa dell'URSS.
Quarti di finale nella Zona 1 della Coppa dell'URSS.
14° nel girone 2 ucraino di Klass B.
Semifinale nella Zona 2 ucraina della Coppa dell'URSS.
  • 1962: 11º posto finale nella zona ucraina di Klass B.
Ottavi di finale nella Zona 2 ucraina della Coppa dell'URSS.
2º turno nella Coppa dell'URSS.
2º turno nella Coppa dell'URSS.
2º turno nella Coppa dell'URSS 1965.
2º turno nella Coppa dell'URSS 1965-1966.
2º turno nella Coppa dell'URSS.
1º turno nella Coppa dell'URSS.
2º turno nella Coppa dell'URSS.
2º turno nella Coppa dell'URSS.
2º turno nella Coppa dell'URSS.
Ottavi di finale in Coppa dell'URSS.
Semifinale in Coppa dell'URSS.
Quarti di finale in Coppa dell'URSS.
2º turno in Coppa dell'URSS.
Semifinale in Coppa dell'URSS.
Ottavi di finale in Coppa dell'URSS.
2º turno in Coppa dell'URSS.
2° nel girone 3 di Coppa dell'URSS.
5° nel girone 3 di Coppa dell'URSS.
5° nel girone 4 di Coppa dell'URSS.
Semifinale in Coppa dell'URSS.
  • 1983: 1° in 1983. Campione dell'URSS (1º titolo).
Quarti di finale in Coppa dell'URSS.
Ottavi di finale in Coppa dell'URSS 1984.
Quarti di finale in Coppa dell'URSS 1984-1985.
Quarti di finale in Coppa dei Campioni.
2º turno in Coppa dell'URSS 1984-1985.
Ottavi di finale in Coppa UEFA.
Sedicesimi di finale in Coppa dell'URSS.
1º turno in Coppa UEFA
Semifinale in Coppa dell'URSS.
  • 1988: 1° in 1988. Campione dell'URSS (2º titolo).
Vince la Coppa dell'URSS (1º titolo).
1º turno in Coppa UEFA
Sedicesimi di finale in Coppa dell'URSS.
Quarti di finale in Coppa dei Campioni.
Sedicesimi di finale in Coppa dell'URSS.
1º turno in Coppa UEFA
Ottavi di finale in Coppa dell'URSS.

  • 1992: Viene rinominato Dnipro e si iscrive ai campionati ucraini.
2° nel girone B di Vyšča Liha, 3º posto finale.
Quarti di finale in Coppa d'Ucraina
Ottavi di finale in Coppa d'Ucraina
Quarti di finale in Coppa d'Ucraina
Finalista di Coppa d'Ucraina.
Quarti di finale in Coppa d'Ucraina
Finalista di Coppa d'Ucraina.
Quarti di finale in Coppa d'Ucraina
Ottavi di finale in Coppa d'Ucraina
Ottavi di finale in Coppa d'Ucraina
Semifinale in Coppa d'Ucraina
Semifinale in Coppa d'Ucraina
Semifinale in Coppa d'Ucraina
Finalista di Coppa d'Ucraina.
Sedicesimi di finale in Coppa UEFA.
Semifinale in Coppa d'Ucraina
Sedicesimi di finale di Coppa UEFA.
Ottavi di finale in Coppa d'Ucraina
Quarti di finale in Coppa d'Ucraina
Sedicesimi di finale in Coppa d'Ucraina
Ottavi di finale in Coppa d'Ucraina
Quarti di finale in Coppa d'Ucraina
Semifinalista di Coppa d'Ucraina.
Play-off di Europa League.
Ottavi di finale in Coppa d'Ucraina.
Play-off di Europa League.
Semifinale in Coppa d'Ucraina.
Sedicesimi di finale di Europa League.
Ottavi di finale in Coppa d'Ucraina.
Sedicesimi di finale di Europa League.
Semifinale in Coppa d'Ucraina.
Finale di Europa League.

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Dnipro Arena.

La Dnipro Arena, impianto che ospita le partite interne, ha una capacità di poco più di 31.000 spettatori.

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le voci sui singoli soggetti sono elencate nella Categoria:Allenatori del F.K. Dnipro

Giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le voci sui singoli soggetti sono elencate nella Categoria:Calciatori del F.K. Dnipro

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

1983, 1988
1971
1988-1989
1988
1986, 1989

Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Dinamo Kiev

Organico 2014-2015[modifica | modifica wikitesto]

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Rosa e numerazione aggiornate al 26 aprile 2015.[5]

N. Ruolo Giocatore
1 Ucraina P Oleksiy Bashtanenko
2 Romania D Alexandru Vlad
3 Rep. Ceca D Ondřej Mazuch
4 Ucraina C Serhij Kravčenko
5 Ucraina D Vitalij Mandzjuk
7 Georgia C Jaba K'ank'ava
8 Ucraina C Pavlo Ksyonz
9 Croazia A Nikola Kalinić
11 Ucraina A Jevhen Selezn'ov
12 Brasile C Léo Matos
14 Ucraina D Jevhen Čeberjačko
15 Ucraina D Dmytro Čyhryns'kyj
16 Rep. Ceca P Jan Laštůvka
18 Ucraina A Roman Zozulja
19 Ucraina C Roman Bezus
N. Ruolo Giocatore
20 Portogallo C Bruno Gama
21 Croazia C Mladen Bartulović
23 Brasile D Douglas
24 Ucraina D Valerij Lučkevyč
25 Ucraina C Valeriy Fedorchuk
28 Ucraina C Jevhen Šachov
29 Ucraina C Ruslan Rotan (capitano)
30 Senegal D Papa Gueye
39 Ucraina D Oleksandr Svatok
44 Ucraina D Artem Fedec'kyj
71 Ucraina P Denys Bojko
77 Ucraina P Denys Šelichov
90 Ucraina D Oleksandr Mihunov
97 Ucraina C Andryj Blyznyčenko
99 Brasile A Matheus

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La finale di Europa League sarà Siviglia-Dnipro, Il Post.it, 15 maggio 2015.
  2. ^ Gianluca Monti, Napoli-Dnipro 1-1: David Lopez illude, Seleznyov pareggia in fuorigioco in La Gazzetta dello Sport, 7 maggio 2015. URL consultato il 16 maggio 2015.
  3. ^ Nicola Cecere, Dnipro-Napoli 1-0. Naufragio azzurro, gli ucraini volano in finale in La Gazzetta dello Sport, 14 maggio 2015. URL consultato il 16 maggio 2015.
  4. ^ Europa League: il Siviglia trionfa ancora, 3-2 al Dnipro, gazzetta.it, 27 maggio 2015. URL consultato il 28 maggio 2015.
  5. ^ http://www.fcdnipro.ua/en/team/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]