Gianpiero Marini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gianpiero Marini
Gianpiero Marini - FC Internazionale Milano 1981-82.jpg
Marini all'Inter nella stagione 1981-1982
Nazionalità Italia Italia
Altezza 176 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1986 - giocatore
Carriera
Giovanili
Fanfulla
Squadre di club1
1968-1969 Fanfulla 19 (0)
1969-1970 Varese 0 (0)
1971-1972 Reggina 15 (0)
1971-1972 Triestina 25 (4)
1972-1975 Varese 89 (0)
1975-1986 Inter 375 (13)
Nazionale
1980-1983 Italia Italia 20 (0)
Carriera da allenatore
1987-1991 Inter Primavera
1994 Inter
1997 Como
1997-1999 Cremonese
1999-2000 Como
2001 Italia B Italia
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Oro Spagna 1982
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Gianpiero Marini (Lodi, 25 febbraio 1951[1]) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo mediano. Campione del mondo nel 1982, era un centrocampista dai mezzi tecnici piuttosto limitati ma dotato di grande corsa e resistenza; preferiva il ruolo di mediano davanti alla difesa, sebbene nell'ultima fase della carriera svolse anche il ruolo di libero. Il giornalista Gianni Brera per lui coniò il soprannome di “Pinna d’oro”, per via dei piedi lunghi e poco nobili e per la corsa sgraziata. Nonostante fosse dotato di un gran tiro dalla distanza, Marini fece pochi gol in carriera; tra questi rimase celebre quello realizzato ad Harald Schumacher, portiere del 1. FC Köln durante i quarti di finale della Coppa UEFA 1984-1985 in una partita poi vinta dall'Inter per 1-3 con una doppietta di Karl-Heinz Rummenigge.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

In seguito al ritiro dai campi da calcio, fa parte dei quadri della Figc ed allena la Nazionale Under 21 di serie B nel 2001. Nel frattempo, diventa un broker finanziario, mettendo a frutto una passione che coltivava già ai tempi della militanza calcistica.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Il gol di Marini a Luis Arconada in Inter-Real Sociedad (3-0) della Coppa UEFA 1979-1980

È stato un calciatore della A.S.D. Nuova Lodi quando era bambino, in seguito del Fanfulla, del Varese, della Reggina, della Triestina e infine dell'Inter, con cui ha vinto uno scudetto nel 1979-1980 e due Coppe Italia (1977-1978 e 1981-1982).

Ha collezionato 256 presenze in Serie A segnando 10 reti con l'Inter.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Con la Nazionale ha vinto il titolo mondiale nel 1982.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nel finale di stagione 1993-1994 subentrò ad Osvaldo Bagnoli sulla panchina dell'Inter e condusse la squadra alla vittoria della Coppa UEFA.

Il 31 dicembre 1996, alla fine del girone d'andata di Serie C1, lo assume il Como in sostituzione di Scanziani; a maggio 1997 Marini lascia Como.

Torna ad allenare un club nel 1997, chiamato in estate dalla Cremonese, con la quale vince il campionato di Serie C1, ed è confermato per la stagione 1998-1999 di Serie B. È esonerato poco prima di Natale, sostituito da Giancarlo Finardi.

Una nuova esperienza a Como (in sostituzione di Walter De Vecchi) portò Marini all'esonero dopo poche partite.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
01/11/1980 Roma Italia Italia 2 – 0 Danimarca Danimarca Qual. Mondiali 1982 -
15/11/1980 Torino Italia Italia 2 – 0 Jugoslavia Jugoslavia Qual. Mondiali 1982 -
06/12/1980 Atene Grecia Grecia 0 – 2 Italia Italia Qual. Mondiali 1982 - Ammonizione al 62’ 62’
03/01/1981 Montevideo Uruguay Uruguay 2 – 0 Italia Italia Mundialito -
06/01/1981 Montevideo Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 1 Italia Italia Mundialito - Ammonizione
25/02/1981 Roma Italia Italia 0 – 3 Europa Europa Amichevole - [3]
03/06/1981 Copenaghen Danimarca Danimarca 3 – 1 Italia Italia Qual. Mondiali 1982 - Uscita al 67’ 67’
23/09/1981 Bologna Italia Italia 3 – 2 Bulgaria Bulgaria Amichevole - Uscita al 12’ 12’
14/11/1981 Torino Italia Italia 1 – 1 Grecia Grecia Qual. Mondiali 1982 -
14/04/1982 Lipsia Germania Est Germania Est 1 – 0 Italia Italia Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
28/05/1982 Ginevra Svizzera Svizzera 1 – 1 Italia Italia Amichevole - Uscita al 78’ 78’
14/06/1982 Vigo Italia Italia 0 – 0 Polonia Polonia Mondiali 1982 - 1º Turno - Ammonizione al 1’ 1’
18/06/1982 Vigo Italia Italia 1 – 1 Perù Perù Mondiali 1982 - 1º Turno -
29/06/1982 Barcellona Italia Italia 2 – 1 Argentina Argentina Mondiali 1982 - 2º Turno - Ingresso al 75’ 75’
05/07/1982 Barcellona Italia Italia 3 – 2 Brasile Brasile Mondiali 1982 - 2º Turno - Ingresso al 75’ 75’
08/07/1982 Barcellona Italia Italia 2 – 0 Polonia Polonia Mondiali 1982 - Semif. - Ingresso al 28’ 28’
27/10/1982 Roma Italia Italia 0 – 1 Svizzera Svizzera Amichevole - Uscita al 84’ 84’
13/11/1982 Milano Italia Italia 2 – 2 Cecoslovacchia Cecoslovacchia Qual. Euro 1984 - Ammonizione al 43’ 43’
04/12/1982 Firenze Italia Italia 0 – 0 Romania Romania Qual. Euro 1984 -
16/04/1983 Bucarest Romania Romania 1 – 0 Italia Italia Qual. Euro 1984 -
Totale Presenze 20 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Inter: 1979-1980
Inter: 1977-1978, 1981-1982

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Inter: 1993-1994

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Spagna 1982

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Almanacco Illustrato del Calcio 2012, Panini, 2011, p. 23.
  2. ^ Buffon e gli altri sportivi - La passione per la finanza, corriere.it, 9 maggio 2014. URL consultato il 3 marzo 2015.
  3. ^ Partita non conteggiata tra quelle ufficiali dalla FIFA.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]