Maurizio Sarri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Maurizio Sarri
Maurizio Sarri 2019 (cropped).jpg
Sarri alla Juventus nel 2019
Nazionalità Italia Italia
Altezza 189 cm
Peso 83 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Squadra Lazio
Termine carriera 1991 - giocatore
Carriera
Giovanili
197?-197?Figline
Squadre di club1
1975-1982Figline? (?)
198?-198?600px pentasection vertical HEX-008736 HEX-FB090B.svg Grassina? (?)
1990-1991600px vertical HEX-9C005B White.svg Stia? (?)
Carriera da allenatore
1991600px vertical HEX-9C005B White.svg Stia
1991-1993Azzurro e Bianco.svg Faellese
1993-1996Rosso e blu (strisce) 2.svg Cavriglia
1996-1998600px Bianco e Celeste (Strisce).svg Antella
1998-1999Flag red HEX-CE2931.svg Valdema
1999-2000Bisection vertical White HEX-FF0000.svg Tegoleto
2000-2003Sansovino
2003-2005Sangiovannese
2005-2006Pescara
2006-2007Arezzo
2007Avellino
2007-2008Verona
2008-2009Perugia
2010Grosseto
2010-2011Alessandria
2011Sorrento
2012-2015Empoli
2015-2018Napoli
2018-2019Chelsea
2019-2020Juventus
2021-Lazio
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 1º luglio 2021

Maurizio Sarri (Napoli, 10 gennaio 1959) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore, tecnico della Lazio.

Soprannominato il Comandante,[1] nella sua carriera, iniziata nel 1990 tra i dilettanti della Seconda Categoria[2] e proseguita nel successivo trentennio fino ai massimi livelli internazionali,[3] ha vinto un campionato di Eccellenza (2000-2001) e una Coppa Italia Serie D (2002-2003) con la Sansovino, una UEFA Europa League (2018-2019) con il Chelsea e un campionato di Serie A (2019-2020) con la Juventus. Ha inoltre ottenuto sei promozioni in carriera: due con la Sansovino e una a testa con Cavriglia, Antella, Sangiovannese ed Empoli.[4]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di un operaio toscano (il padre Amerigo, ex ciclista professionista, lavorava come gruista all'Italsider di Bagnoli, quartiere di Napoli), Sarri è cresciuto a Castro (in provincia di Bergamo) e successivamente a Figline Valdarno (in provincia di Firenze); in gioventù si divide tra il ruolo di calciatore dilettante ed impiegato della Banca Toscana, per la quale lavora anche a Londra, in Germania, in Svizzera e in Lussemburgo.[5] Nel 2002, quando è alla guida della Sansovino, lascia il lavoro bancario per dedicarsi esclusivamente alla carriera di allenatore.[6]

Sposato da anni con la moglie Marina, dalla loro unione è nato un solo figlio, Nicolè, che insieme alla madre si è occupato di gestire una ditta di articoli da ufficio a Matassino, frazione di Figline Valdarno.[7]

Suo nonno Goffredo è stato partigiano durante la Seconda guerra mondiale, salvando anche la vita a due soldati statunitensi.[8]

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 marzo 2018 viene pubblicato dal rapper Nasta MC il brano Come Maurizio Sarri, dedicato all'allora allenatore del Napoli e che ha riscosso notevole successo soprattutto tra i tifosi partenopei.[9]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

«Ho scelto come unico mestiere quello che avrei fatto gratis. Ho giocato, alleno da una vita, non sono qui per caso. Mi chiamano ancora l'ex impiegato. Come fosse una colpa aver fatto altro.»

(Maurizio Sarri, Il Foglio, 30 novembre 2014[10])

I capisaldi del gioco di Sarri, definito anche «sarrismo»,[11] sono: difesa a quattro con giocatori schierati in linea alta; il riferimento dei suddetti non è l'uomo bensì la palla, come da tradizione della difesa a zona.[12]

Si diploma presso il Centro Tecnico di Coverciano nel 2006, con la tesi "La preparazione settimanale della partita".[13] I suoi metodi di allenamento prevedono anche l'ausilio della tecnologia, con droni utilizzati per registrare dall'alto i movimenti della linea difensiva, ma soprattutto per studiare al meglio le distanze tra i reparti.[14]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Sarri calciatore al Grassina sul finire degli anni 80 del XX secolo

Fin da ragazzo, dopo le giovanili nel locale Figline,[15] Sarri prova a entrare nel grande calcio sostenendo due provini con il Torino e con la Fiorentina.[16] Trascorre quindi diversi anni nel calcio dilettantistico toscano come giocatore, nel ruolo di difensore, sia come terzino sinistro (soprannominato il Secco) che come stopper duro e arcigno,[17] ma sempre tormentato da infortuni.[18] La sua carriera resta comunque legata soprattutto al Figline, con cui esordisce in Serie D nella stagione 1975-76.[19] Nel 1978, a 19 anni, è richiesto dal Montevarchi, ma il Figline chiede 50 milioni di lire per il cartellino, che vegono ritenuti troppi dalla dirigenza montevarchina, mentre poco dopo è Sarri stesso a rifiutare il trasferimento al Pontedera, destinato alla promozione in C1.[20] Sarri gioca nel Figline fino ai 23 anni, quando, nel 1982, subisce il suo primo grave infortunio.[21] La sua carriera continuerà in squadre di seconda e terza categoria, fino all'ultima stagione giocata nelle fila dello Stia.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi: dalla Seconda Categoria fino alla Serie C1[modifica | modifica wikitesto]

Sarri inizia la carriera di allenatore in Seconda Categoria con lo Stia, squadra nella quale militava come calciatore, portandolo al quarto posto finale da subentrato a metà stagione 1990/91,[22] e prosegue con la Faellese, sfiorando la promozione in Prima Categoria.

Dal 1993 compie un doppio salto andando ad allenare squadre di Promozione, con risultati importanti ottenuti alla guida di Cavriglia ed Antella, entrambe portate in Eccellenza.[2] Seguono poi le esperienze sulla panchina del Valdema (esonerato) e del Tegoleto (undicesimo posto da subentrato).

Nel 2000 è scelto dalla Sansovino, che in tre stagioni guida dall'Eccellenza alla promozione in Serie C2, vincendo play-off e Coppa Italia Serie D nella stagione 2002-2003.[23]

Sarri agli esordi da allenatore, nella stagione 1990-1991, nello spogliatoio dello Stia

Nella sua ultima stagione alla Sansovino è soprannominato Mister 33 dal giornalista Fabrizio Ferrari. Trentatré non rappresentava il numero preciso delle soluzioni adottate sulle palle inattive, ma voleva dare un'idea della grande varietà di schemi e quindi di quanto lavoro dedicasse Sarri alla cura dei particolari.[24]

Nel 2003, in seguito alla vittoria della Coppa Italia Serie D, riceve la deroga per allenare in C2 e il presidente della Sangiovannese, Arduino Casprini, lo prende alla guida della squadra valdarnese. All'esordio nel calcio professionistico ottiene la promozione in C1 nell'annata 2003-2004 e l'ottavo posto nel successivo campionato di terza serie.[25] Il 18 giugno 2005 si dimette.[26]

L'esordio in Serie B con il Pescara e passaggio all'Arezzo[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 luglio 2005 Sarri firma col Pescara[27] ed esordisce in Serie B, nella stagione 2005-2006 traghettandola all'undicesimo posto, con conseguente salvezza con tre giornate di anticipo. Il 30 giugno 2006 si dimette;[28] in seguito l'allenatore toscano dichiarerà che l'esperienza con la squadra abruzzese è stata una delle migliori della sua carriera.[29]

Il 31 ottobre passa all'Arezzo dopo l'esonero di Antonio Conte. In Coppa Italia la squadra amaranto raggiunge i quarti di finale, superando il Livorno che milita in Serie A, venendo poi eliminata dal Milan di Ancelotti (0-2 al Meazza, 1-0 al ritorno). Il 13 marzo 2007 viene esonerato, lasciando però alla storia dei risultati che rimarranno negli annali del club aretino: il 2-2 in casa della Juventus di Deschamps e il 2-2 al San Paolo contro il Napoli di Reja.[30]

Avellino, Verona, Perugia e Grosseto[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 luglio 2007 Sarri inizia una brevissima esperienza con l'Avellino:[31] si dimette il 23 agosto, dopo la gara di Coppa Italia persa con l'Ascoli 0-2, senza cominciare il campionato di Serie B, ritenendo di non poter lavorare in quella che viene da lui descritta come «una situazione priva di programmazione e organizzazione».[32][33]

Il 31 dicembre subentra all'esonerato Davide Pellegrini sulla panchina del Verona in Serie C1.[34] Il 28 febbraio 2008 viene esonerato dopo aver ottenuto un solo punto in 6 giornate con 5 sconfitte consecutive, e col Verona all'ultimo posto in classifica.[35][36][37]

Il 23 settembre subentra all'esonerato Giovanni Pagliari a guida del Perugia in Lega Pro Prima Divisione[38] e viene esonerato il 15 febbraio 2009 dopo la pesante sconfitta per 4-1 contro il Gallipoli.[39]

Il 24 marzo 2010 sostituisce l'esonerato Elio Gustinetti al Grosseto, nelle ultime 11 giornate del campionato di Serie B,[40][41] portando la compagine toscana al settimo posto finale.

Alessandria e Sorrento[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate del 2010 Sarri, che pure dopo l'esperienza col Perugia aveva manifestato l'intenzione di non voler allenare più in terza serie, fu convinto dai nuovi presidente e direttore sportivo dell'Alessandria (Giorgio Veltroni e Nario Cardini, con cui aveva positivamente lavorato alla Sansovino) a firmare per la squadra piemontese, in Lega Pro Prima Divisione;[42] l'ingaggio fu sottoscritto il 6 luglio.[43] L'Alessandria balzò ai vertici della classifica già dopo le prime giornate del campionato 2010-2011; Sarri consolidò l'utilizzo del modulo 4-2-3-1 (che già in precedenza aveva sperimentato in luogo del 4-3-3), valorizzò un buon numero di calciatori destinati a salire di categoria (Pucino, Ciancio, Croce, Scappini) e dimostrò abilità nella gestione del gruppo soprattutto quando, nel corso del girone di ritorno, la società si ritrovò alle prese con gravi difficoltà economiche, con l'improvviso abbandono del presidente e con il coinvolgimento di questi nel caso «Scommessopoli»;[42][44] in questo senso l'allenatore toscano fu protagonista di gesti eclatanti, proteggendo pubblicamente i suoi calciatori («Questo è il gruppo più pulito che ho avuto la fortuna di allenare, è un affronto vedersi inseriti in quell'elenco»)[44] e manifestando l'intenzione di dimettersi quando si paventò la sostituzione di alcuni componenti dello staff.[45] Adottò in questo periodo, infine, l'utilizzo della tuta durante le gare ufficiali, abitudine che lo contraddistinse negli anni a venire (in precedenza utilizzava abiti di colore nero, abbandonati per ragioni scaramantiche).[46]

L'Alessandria chiuse il campionato al terzo posto, ottenendo il suo migliore risultato sportivo in oltre 35 anni e la qualificazione ai play-off per la promozione in Serie B; raggiunto quest'ultimo obiettivo, al termine di una gara contro la SPAL, Sarri dichiarò:

«Sappiamo tutti bene come siamo partiti, in otto e un paio di "Berretti" il 20 luglio, e soprattutto quello che abbiamo vissuto e continuiamo a vivere, senza una società alle spalle, perché sono tre mesi che il presidente non si fa vedere e sono quattro mesi abbondanti, da dicembre, che non vediamo gli stipendi. E sono 40 giorni che viviamo in questo vortice di notizie societarie [...] con la testa che, inevitabilmente, va anche a quello che succede, o non succede, fuori dal campo, ma anche con l'obbligo di ritagliarci, comunque, qualche ora, quotidianamente, per lavorare, per allenarci, per preparare la partita. In mezzo alle difficoltà, ma con questi ragazzi straordinari che si sono meritati questo traguardo.[47]»

Ai play-off i grigi furono estromessi per mano della Salernitana di Breda in semifinale, esperienza che l'ambiente alessandrino ricorda con rammarico e rivendicando pesanti torti arbitrali.[44]

Terminata la stagione, l'Alessandria – già provata dalla crisi societaria – fu retrocessa a tavolino in Lega Pro Seconda Divisione a seguito della già citata inchiesta sul calcioscommesse;[44] Sarri, che era stato rinviato a giudizio per omessa denuncia, venne prosciolto.[48] Allettato dalle offerte dell'ambizioso Sorrento, nell'estate 2011 il tecnico di origine napoletana scelse di lasciare la compagine piemontese; ricordato a tutt'oggi dalla tifoseria grigia – nonostante la breve permanenza – come uno dei tecnici preferiti (in un sondaggio svolto dal giornale locale «Il Piccolo» nel 2012 risultò il secondo allenatore più amato della storia dell'Alessandria),[49] in seguito ebbe a dichiarare che «l’Alessandria insieme al Pescara sono le due squadre dove mi sono trovato meglio».[29]

Il 7 luglio firma col Sorrento, militante nel campionato di Lega Pro Prima Divisione.[50] Il 14 dicembre è esonerato con la squadra sesta in classifica (partita con penalizzazione di 2 punti), sostituito da Gennaro Ruotolo.[51]

Empoli[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 giugno 2012 Sarri firma per l'Empoli.[52] L'avvio in campionato nell'annata 2012-2013 è avaro di risultati, e dopo 9 giornate l'Empoli si ritrova in ultima posizione con solo 4 punti totalizzati, ma dopo alcune settimane la squadra comincia la rimonta e chiude al quarto posto: qualificatasi ai playoff, perde la finale per l'accesso in Serie A col Livorno di Nicola, dopo aver sconfitto il Novara in semifinale. Nella stagione 2013-2014 l'Empoli finisce al secondo posto, ed è quindi promosso nella massima serie.

Nella stagione 2014-2015 esordisce con gli azzurri toscani in Serie A, all'età di 55 anni, conquistando la salvezza con 4 giornate d'anticipo: conclude il torneo al 15º posto ottenendo 42 punti (8 vittorie, 18 pareggi, 12 sconfitte) e l'Empoli viene considerata la rivelazione del campionato.[53][54] Il 19 maggio 2015 l'ex capitano della squadra empolese Ighli Vannucchi consegna a Sarri il premio "Leone d'Argento".[55] Si dimette il 4 giugno seguente.[56][57] Lo stesso giorno ritira ad Amalfi il premio "Football Leader - Panchina Giusta" assegnato dall'Associazione Italiana Allenatori Calcio.[58][59]

Napoli[modifica | modifica wikitesto]

Sarri sulla panchina del Napoli nella stagione 2016-2017

L'11 giugno seguente firma col Napoli,[60][61] ereditando la panchina azzurra da Rafael Benítez.

Esordisce in campionato il 23 agosto 2015 al Mapei Stadium di Reggio Emilia affrontando il Sassuolo di Eusebio Di Francesco, perdendo 2-1.[62] Il 17 settembre esordisce da allenatore nelle coppe europee, nel netto 5-0 del Napoli sul Club Bruges in una sfida di UEFA Europa League, prima vittoria di Sarri sulla panchina partenopea.[63] Tre giorni dopo, il 20 settembre, ottiene la sua prima vittoria in campionato, battendo al San Paolo la Lazio con un altro 5-0.[64] Il 30 novembre, grazie alla vittoria per 2-1 sull'Inter, riporta il Napoli al primo posto solitario in massima serie, a distanza di oltre 25 anni dall'ultima volta (stagione 1989-90, anno del secondo scudetto del Napoli).[65] Il 10 dicembre 2015 conquista la sesta vittoria su sei partite in Europa League, ottenendo il record di punti (18 su 18) della competizione nella fase a gironi, il record di gol fatti (22 in 6 partite) e subiti (3 in 6 partite) sempre nella fase a gironi della competizione.[66] Il 10 gennaio 2016, vincendo 1-5 sul campo del Frosinone, il Napoli si laurea Campione d'Inverno in Serie A con 41 punti in 19 partite, l'ultima volta fu nella stagione 1989-1990, anno del secondo scudetto.[67] Il 7 febbraio vincendo in casa 1-0 (goal su rigore di Higuaín) contro il Carpi, il Napoli centra l'ottava vittoria consecutiva in campionato, record assoluto per la società partenopea in Serie A.[68]

Chiude la prima stagione sulla panchina azzurra al secondo posto in campionato, con conseguente qualificazione diretta in UEFA Champions League, facendo inoltre registrare i nuovi record societari di punti (82) e vittorie in campionato (25), reti stagionali in tutte le competizioni (106), maggior numero di reti realizzate (80) e minor numero di reti subite (32) nei tornei di A a 20 squadre.[69]

Il secondo anno sulla panchina azzurra termina al terzo posto in campionato, qualificandosi per i preliminari (poi vinti) di Champions contro il Nizza. Riesce, inoltre, a migliorare alcuni dei record della società partenopea, raggiunti nella stagione precedente, stabilendo nuovi primati per quanto riguarda punti (86),[70] vittorie in campionato (26), reti stagionali in tutte le competizioni (115) e reti realizzate (94) nei tornei di A a 20 squadre.

Il terzo anno sulla panchina azzurra termina, nuovamente, al secondo posto in campionato con conseguente qualificazione diretta in Champions. In questa stagione migliora ulteriormente il record di punti (91),[70][71] vittorie in campionato (28) e minor numero di reti subite (29) nei tornei di A a 20 squadre.

Il 23 maggio 2018, dopo tre stagioni alla guida degli azzurri, il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis annuncia l'interruzione del rapporto con il tecnico.[72]

Chelsea[modifica | modifica wikitesto]

Sarri al Chelsea durante la rifinitura per la vittoriosa finale della UEFA Europa League 2018-2019

Il 14 luglio 2018 Sarri approda sulla panchina del Chelsea, coadiuvato dai vice Gianfranco Zola e Luca Gotti.[73][74] Esce sconfitto dalla prima partita ufficiale, il Community Shield perso contro il Manchester City di Pep Guardiola. Esordisce in Premier League l'11 agosto, vincendo per 3-0 in trasferta contro l'Huddersfield Town. Il 24 febbraio perde, dopo i tiri di rigore (3-4), la finale di Coppa di Lega sempre contro i Citizens. Sei giorni prima era uscito dalla FA Cup agli ottavi per mano del Manchester Utd. Il 9 maggio 2019, vincendo ai rigori contro l'Eintracht Francoforte dopo l'1-1 dei tempi regolamentari, raggiunge la finale di UEFA Europa League. In Premier arriva invece terzo con 72 punti, a 26 lunghezze dalla capolista Manchester City.[75][76]

Il 29 maggio 2019, battendo i concittadini dell'Arsenal per 4-1 in finale, vince l'Europa League, il suo primo trofeo internazionale nonché primo assoluto tra i professionisti:[77] l'ultimo allenatore italiano a trionfare nella competizione, quando ancora si chiamava Coppa UEFA, era stato Alberto Malesani nell'edizione 1998-1999.[78] Al contempo diventa l'allenatore più anziano ad avere vinto il trofeo all'età di 60 anni e 139 giorni.[79]

Juventus[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 giugno 2019, dopo l'annuncio della risoluzione contrattuale con i Blues,[80] Sarri è chiamato alla guida della Juventus.[81] Poco prima dell'inizio di stagione viene colpito da una forma di polmonite che non gli permette di dirigere la squadra in avvio di campionato,[82] venendo temporaneamente sostituito alla guida tecnica dal suo vice, Giovanni Martusciello,[83] nelle prime due giornate di Serie A.

Esordisce sulla panchina bianconera il successivo 14 settembre,[84] nella trasferta di campionato sul terreno della Fiorentina (0-0); quattro giorni dopo esordisce in UEFA Champions League con la squadra torinese, nel pareggio di Madrid contro l'Atlético Madrid (2-2).[85] Nel corso di una stagione sportiva spezzata, segnata dallo stop forzato causato dalla sopraggiunta pandemia di COVID-19, prima della pausa natalizia perde la sfida di Supercoppa italiana contro la Lazio;[86] nel giugno seguente, alla ripresa dell'attività, raggiunge la finale di Coppa Italia, anch'essa persa, questa volta ai tiri di rigore (2-4), contro il Napoli.[87]

Il 26 luglio 2020, con due turni di anticipo, guida la Juventus alla vittoria del suo nono scudetto consecutivo, il primo della carriera per Sarri: all'età di 61 anni diventa il tecnico più anziano a fregiarsi del titolo italiano nell'era del girone unico, superando il precedente record stabilito dal romanista Nils Liedholm nella stagione 1982-1983, oltreché il più vecchio a vincerlo per la prima volta, battendo il primato del sampdoriano Vujadin Boškov nell'edizione 1990-1991.[88] Nonostante l'affermazione in campionato, i deludenti risultati maturati dall'allenatore nelle altre competizioni stagionali, su tutti la precoce eliminazione agli ottavi di finale della Champions per mano del meno quotato Olympique Lione,[89] portano la società a sollevarlo dall'incarico l'8 agosto 2020.[90]

Lazio[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 giugno 2021, dopo un anno sabbatico, Sarri viene annunciato come nuovo tecnico della Lazio.[91] Il successivo 21 agosto debutta sulla panchina biancoceleste, nella gara di campionato vinta 3-1 sul terreno dell'Empoli.[92] In campionato si piazza al quinto posto con 64 punti; in UEFA Europa League perde il doppio confronto con il Porto nella fase a eliminazione diretta.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli indagati nell'ambito dello scandalo calcioscommesse del 2011, il 1º giugno 2012 il procuratore federale Stefano Palazzi richiede per lui un anno di squalifica per omessa denuncia:[93] il 18 dello stesso mese viene prosciolto dall'accusa in primo grado.[94]

Il 19 gennaio 2016, durante il quarto di finale di Coppa Italia perso dal Napoli contro l'Inter, durante un diverbio con l'allenatore interista Roberto Mancini si lascia andare a degli insulti omofobi:[95] due giorni dopo il giudice sportivo lo condanna a due turni di squalifica nella manifestazione e a un'ammenda di ventimila euro per insulti pesanti.[96] Già il 25 marzo 2014, sulla panchina empolese, si era reso protagonista di un episodio simile durante la trasferta a Varese.[97]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche da allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 14 agosto 2022. In grassetto le competizioni vinte.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale % Vittorie Piazzamento
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
1993-1994 Italia Cavriglia Prom. 30 12 9 9 - - - - - - - - - - - - - - - 30 12 9 9 40,00
1994-1995 Prom. 30 12 13 5 - - - - - - - - - - - - - - - 30 12 13 5 40,00 (prom.)
1995-gen. 1996 Ecc. 18 3 5 10 - - - - - - - - - - - - - - - 18 3 5 10 16,67 Eson.
Totale Cavriglia 78 27 27 24 - - - - - - - - - - - - 78 27 27 24 34,62
1996-1997 Italia Antella Prom. 30 18 8 4 - - - - - - - - - - - - - - - 30 18 8 4 60,00 (prom.)
1997-1998 Ecc. 30 8 10 12 - - - - - - - - - - - - - - - 30 8 10 12 26,67 12º
Totale Antella 60 26 18 16 - - - - - - - - - - - - 60 26 18 16 43,33
1998-gen. 1999 Italia Valdema Ecc. 17 5 6 6 - - - - - - - - - - - - - - - 17 5 6 6 29,41 Eson.
set. 1999-2000 Italia Tegoleto Ecc. 26 8 9 9 - - - - - - - - - - - - - - - 26 8 9 9 30,77 Sub. 11º
2000-2001 Italia Sansovino Ecc. 30 18 4 8 - - - - - - - - - - - - - - - 30 18 4 8 60,00 (prom.)
2001-2002 D 34 13 11 10 CI-D 6 4 1 1 - - - - - - - - - - 40 17 12 11 42,50
2002-2003 D 34+2[98] 17+2 13+0 4+0 CI-D 14 8 4 2 - - - - - - - - - - 50 27 17 6 54,00 (prom.)
Totale Sansovino 98+2 48+2 28+0 22+0 20 12 5 3 - - - - - - - - 120 62 33 25 51,67
2003-2004 Italia Sangiovannese C2 34+4[98] 16+2 14+1 4+1 CI-C 8 4 2 2 - - - - - - - - - - 46 22 17 7 47,83 (prom.)
2004-2005 C1 36 13 11 12 CI-C 4 1 2 1 - - - - - - - - - - 40 14 13 13 35,00
Totale Sangiovannese 70+4 29+2 25+1 16+1 12 5 4 3 - - - - - - - - 86 36 30 20 41,86
2005-2006 Italia Pescara B 42 14 12 16 CI 1 0 0 1 - - - - - - - - - - 43 14 12 17 32,56 11º
ott. 2006-mar. 2007 Italia Arezzo B 18 4 7 7 CI 4 2 1 1 - - - - - - - - - - 22 6 8 8 27,27 Sub., Eson.
lug.-ago. 2007 Italia Avellino B 0 0 0 0 CI 1 0 0 1 - - - - - - - - - - 1 0 0 1 &&0,00 Dimiss.
dic. 2007-feb. 2008 Italia Verona C1 6 0 1 5 CI-C 0 0 0 0 - - - - - - - - - - 6 0 1 5 &&0,00 Sub., Eson.
set. 2008-feb. 2009 Italia Perugia 1D 18 5 8 5 CI-LP 4 1 3 0 - - - - - - - - - - 22 6 11 5 27,27 Sub., Eson.
mar.-giu. 2010 Italia Grosseto B 11 2 7 2 CI 0 0 0 0 - - - - - - - - - - 11 2 7 2 18,18 Sub.
2010-2011 Italia Alessandria 1D 34+2[98] 15+0 12+1 7+1 CI+CI-LP 2+1 1+0 0+0 1+1 - - - - - - - - - - 39 16 13 10 41,03 18º (retr.)[99]
lug.-dic. 2011 Italia Sorrento 1D 16 7 6 3 CI+CI-LP 2+1 1+0 0+0 1+1 - - - - - - - - - - 19 8 6 5 42,11 Eson.
2012-2013 Italia Empoli B 42+4[98] 20+1 13+2 9+1 CI 1 0 0 1 - - - - - - - - - - 47 21 15 11 44,68
2013-2014 B 42 20 12 10 CI 2 1 0 1 - - - - - - - - - - 44 21 12 11 47,73 (prom.)
2014-2015 A 38 8 18 12 CI 3 2 1 0 - - - - - - - - - - 41 10 19 12 24,39 15º
Totale Empoli 122+4 48+1 43+2 31+1 6 3 1 2 - - - - - - - - 132 52 46 34 39,39
2015-2016 Italia Napoli A 38 25 7 6 CI 2 1 0 1 UEL 8 6 1 1 - - - - - 48 32 8 8 66,67
2016-2017 A 38 26 8 4 CI 4 3 0 1 UCL 8 3 2 3 - - - - - 50 32 10 8 64,00
2017-2018 A 38 28 7 3 CI 2 1 0 1 UCL+UEL 8[100]+2 4+1 0+0 4+1 - - - - - 50 34 7 9 68,00
Totale Napoli 114 79 22 13 8 5 0 3 26 14 3 9 - - - - 148 98 25 25 66,22
2018-2019 Inghilterra Chelsea PL 38 21 9 8 FACup+CdL 3+6 2+4 0+1 1+1 UEL 15 12 3 0 CS 1 0 0 1 63 39 13 11 61,90
2019-2020 Italia Juventus A 38 26 5 7 CI 5 2 3 0 UCL 8 6 1 1 SI 1 0 0 1 52 34 9 9 65,38
2021-2022 Italia Lazio A 38 18 10 10 CI 2 1 0 1 UEL 8 2 4 2 - - - - - 48 21 14 13 43,75
2022-2023 A 1 1 0 0 CI 0 0 0 0 UEL 0 0 0 0 - - - - - 1 1 0 0 100,00& in corso
Totale Lazio 39 19 10 10 2 1 0 1 8 2 4 2 - - - - 49 22 14 13 44,90
Totale carriera 858 388 259 211 77 39 18 20 57 34 11 12 2 0 0 2 994 461 288 245 46,38

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Sarri (estrema sinistra) festeggia con il suo Chelsea la vittoria della UEFA Europa League 2018-2019
Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]
Sansovino: 2000-2001 (girone B)
Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Sansovino: 2002-2003
Juventus: 2019-2020
Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]
Chelsea: 2018-2019

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2013-2014
2015-2016
2016
2017
Miglior allenatore: 2017
2018

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sarri, Comandante di…soprannome e di fatto: “Se pensi al mio calcio, devi dire che ho ragione io”, su ilposticipo.it, 16 dicembre 2018. URL consultato il 9 giugno 2021.
  2. ^ a b Fausto Sarrini, Maurizio Sarri dai dilettanti alla serie A, su lanazione.it, 31 maggio 2014.
  3. ^ Luca Serafini, "Sarri prima di Sarri": l'incredibile scalata dell'allenatore juventino, su corrierediarezzo.corr.it, 15 dicembre 2019.
  4. ^ Le 6 promozioni ottenute da Sarri in carriera. Al Sansovino anche una Coppa Italia Serie D, su tuttomercatoweb.com. URL consultato il 24 dicembre 2020.
  5. ^ Sarri: "Lavoravo in banca ma non alleno per caso", su repubblica.it, 8 ottobre 2014. URL consultato il 5 ottobre 2015.
  6. ^ Fabrizio Ferrari, Il bancario che investì sul calcio e diventò Mister 33: tutto quello che avreste voluto sapere su Sarri, in Il Mattino, 13 giugno 2015. URL consultato il 4 luglio 2021.
  7. ^ Maurizio Sarri alla Juve per la famiglia: la moglie Marina, il figlio Nicolè e gli anziani genitori, su gossip.fanpage.it, 31 agosto 2019. URL consultato il 13 giugno 2021.
  8. ^ I Sarri, che eroi! Dagli Usa: “Il nonno e il padre di Maurizio salvarono papà”, su gazzetta.it, 16 giugno 2019. URL consultato il 13 giugno 2021.
  9. ^ Come Maurizio Sarri, la canzone del rapper Nasta sull'allenatore del Napoli, su napoli.fanpage.it, 27 marzo 2018.
  10. ^ Beppe Di Corrado, Mister Sarri, tuta la vita davanti, su ilfoglio.it, 30 novembre 2014. URL consultato il 22 giugno 2015.
  11. ^ sarrismo, su treccani.it.
  12. ^ Napoli e difesa, la nuova filosofia di Sarri: "Dovete guardare la palla, non l'avversario", su sport.leggo.it. URL consultato il 18 maggio 2017.
  13. ^ Dai libri al campo, le tesi dei grandi allenatori, su sport.sky.it, 24 gennaio 2017. URL consultato il 20 ottobre 2018.
  14. ^ Come funziona l’allenamento di Maurizio Sarri, su delinquentidelpallone.it, 12 luglio 2019. URL consultato il 7 luglio 2021.
  15. ^ Sarri: “In C2 incrociai Allegri, ci dissero che non eravamo veri allenatori”, su mediagol.it, 15 novembre 2015. URL consultato il 22 luglio 2022.
  16. ^ Maurizio Sarri. Brera, Sacchi e Fante, l'uomo che in tuta ignora lo stress, su repubblica.it, 4 maggio 2015. URL consultato il 13 giugno 2021.
  17. ^ Maurizio Sarri, su mauriziosarri.com. URL consultato il 22 luglio 2022.
  18. ^ Maurizio Sarri. Brera, Sacchi e Fante, l'uomo che in tuta ignora lo stress, su repubblica.it, 4 maggio 2015. URL consultato il 13 giugno 2021.
  19. ^ Nicola De Ianni, Maurizio Sarri. Una vita da raccontare, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2019.
  20. ^ Maurizio Sarri: “A sinistra e con l’acqua alla gola”, su andreascanzi.it, 4 dicembre 2014. URL consultato il 22 luglio 2022.
  21. ^ Chiedi alla polvere: fenomenologia di Sarri, su ilnobilecalcio.it, 11 gennaio 2022. URL consultato il 22 luglio 2022.
  22. ^ Maurizio Sarri, su mauriziosarri.com. URL consultato il 22 luglio 2022.
  23. ^ Ferdinando Ielasi.Dalla Seconda Categoria alla B: l'incredibile storia di Maurizio Sarri in reggionelpallone.it, 22 maggio 2010.
  24. ^ Francesco Caremani.I dieci segreti di Maurizio Sarri- Mister 33 in Corriere della Sera - Corriere Fiorentino, 6 ottobre 2015.
  25. ^ Copia archiviata (PDF), su amarantomagazine.it. URL consultato il 7 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2011). Articolo su amarantomagazine, novembre 2006
  26. ^ Calcio, C1/A: Sarri lascia la Sangiovannese, su sport.repubblica.it, 18 giugno 2005.
  27. ^ Pescara: Sarri nuovo allenatore, su m.tuttomercatoweb.com, 9 luglio 2005.
  28. ^ Pescara calcio storia - stagione 2006-2007, su solopescara.com, 30 giugno 2006. URL consultato il 21 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 25 luglio 2015).
  29. ^ a b Sarri ricorda i grigi: “Alessandria sempre nel cuore. Un giorno ci rivedremo.”, su radiogold.it, 19 maggio 2015. URL consultato il 31 maggio 2015.
  30. ^ Ufficiale: l'Arezzo esonera Sarri e richiama Conte, su m.tuttomercatoweb.com, 13 marzo 2007.
  31. ^ Ora è ufficiale: Maurizio Sarri nuovo tecnico dei lupi, su irpinianews.it, 18 luglio 2007.
  32. ^ Calcio, Avellino: Sarri lascia a due giorni dal via, su sport.repubblica.it, 23 agosto 2007.
  33. ^ Avellino: lascia anche Sarri, in la Repubblica, 24 agosto 2007. URL consultato l'11 novembre 2013.
  34. ^ Calcio – Maurizio Sarri è il nuovo allenatore dell’Hellas Verona, su irpinianews.it, 31 dicembre 2007.
  35. ^ Calcio – Il Verona esonera l’ex tecnico dei lupi Maurizio Sarri, su irpinianews.it, 28 febbraio 2008.
  36. ^ Dossier 2007/2008 - Promossi e Bocciati, parte II, su hellastory.net.
  37. ^ «Chi sono io per rifiutare l'Hellas?», su larena.it, 17 ottobre 2010. URL consultato l'11 novembre 2013 (archiviato dall'url originale l'11 novembre 2013).
  38. ^ Perugia, Sarri nuovo allenatore, su tuttosport.com, 23 settembre 2013. URL consultato l'11 novembre 2013 (archiviato dall'url originale l'11 novembre 2013).
  39. ^ Il Perugia esonera tecnico Sarri, su tuttosport.com, 15 febbraio 2009. URL consultato l'11 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2015).
  40. ^ Grosseto, nuovo tecnico Sarri, su corrieredellosport.it, 24 marzo 2010. URL consultato il 10 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).
  41. ^ UFFICIALE: Grosseto, Sarri nuovo allenatore, su m.tuttomercatoweb.com, 24 marzo 2010.
  42. ^ a b Mimma Caligaris, Sarri, una rivoluzione per consolidare, «Il Piccolo» di Alessandria, 9 luglio 2010, p. 39
  43. ^ Maurizio Sarri sarà il nuovo allenatore dell’Alessandria calcio. Cammaroto ha raggiunto l’accordo, su inalessandria.it, 7 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 12 giugno 2015).
  44. ^ a b c d Caligaris, pp. 188-190.
  45. ^ Mimma Caligaris, Il Mister in campo, Veltroni fa retromarcia", «Il Piccolo» di Alessandria, 9 maggio 2011, p. 17
  46. ^ Matteo Pierelli, Sarri e l'Alessandria con un colore giusto, «La Gazzetta dello Sport», 9 ottobre 2010
  47. ^ Mimma Caligaris, Sarri va sotto la Nord: "Una gioia enorme", «Il Piccolo» di Alessandria, 9 maggio 2011, p. 17
  48. ^ Scommesse: il Pescara parte da -2, su sportmediaset.mediaset.it.
  49. ^ Su circa tremila votanti, 262 scelsero Sarri, superato dal solo Dino Ballacci con 910 preferenze, cfr. Caligaris, 100 volte grigi, pp. 58-59
  50. ^ Calcio - Sorrento, Maurizio Sarri è il nuovo allenatore, su stabiachannel.it, 7 luglio 2011.
  51. ^ Il Sorrento ha scelto Ruotolo, su iltirreno.gelocal.it, 15 dicembre 2011. URL consultato l'11 novembre 2013.
  52. ^ ESCLUSIVA TMW - Empoli, ha firmato Sarri: contratto di un anno, su tuttomercatoweb.com, 25 giugno 2012.
  53. ^ Guida al calcio di Sarri, il guru che ha stregato la Serie A, su it.eurosport.yahoo.com.
  54. ^ Chi è Maurizio Sarri?, su it.uefa.com.
  55. ^ Maurizio Sarri vince il “Leone d’Argento 2015″, su pianetaempoli.it. URL consultato il 10 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 10 giugno 2015).
  56. ^ L'Empoli accetta le dimissioni di Maurizio Sarri, su empolicalcio.net, 4 giugno 2015. URL consultato il 4 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2017).
  57. ^ ESCLUSIVA TMW - Ds Empoli: "Ci abbiamo sperato, ma Sarri non voleva rischiare", su m.tuttomercatoweb.com, 4 giugno 2015.
  58. ^ CALCIO, FOOTBALL LEADER: A SARRI PREMIO 'PANCHINA GIUSTA', PREMIAZIONE 3-4-5 GIUGNO | News Sport | Repubblica.it, su repubblica.it. URL consultato il 28 febbraio 2016.
  59. ^ Chiara Di Tommaso, [Gallery Foto] Da Mihajlovic a Prandelli, gli ospiti del Football Leader, su 100x100napoli.it. URL consultato il 28 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2016).
  60. ^ Maurizio Sarri nuovo allenatore del Napoli, su sscnapoli.it.
  61. ^ UFFICIALE: Napoli, Sarri è il nuovo allenatore azzurro, su m.tuttomercatoweb.com, 11 giugno 2015.
  62. ^ Sassuolo-Napoli 2-1. Hamsik illude, poi segnano Floro Flores e Sansone, su gazzetta.it, 23 agosto 2015. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  63. ^ Napoli, esordio con cinquina: Callejon, Mertens e Hamsik schiantano il Bruges, su gazzetta.it, 17 settembre 2015. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  64. ^ Serie A, Napoli-Lazio 5-0: a segno Higuain, Allan, Insigne e Gabbiadini, su gazzetta.it, 20 settembre 2015. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  65. ^ Napoli, Higuain come Maradona: "La città merita di sognare", su gazzetta.it, 30 novembre 2015. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  66. ^ Napoli-Legia Varsavia 5-2: Mertens show, 6 vittorie su 6 in Europa League, su gazzetta.it, 10 dicembre 2015. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  67. ^ Napoli campione d'inverno, 5-1 a Frosinone. Higuain doppietta: è a 18 gol, su gazzetta.it, 10 gennaio 2016. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  68. ^ Napoli: otto vittorie di fila, è record - Calcio, su ansa.it. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  69. ^ Napoli, record di punti e di vittorie in campionato nella storia azzurra. Stabilito anche il primato di gol in stagione, su sscnapoli.it, 14 maggio 2016. URL consultato il 14 maggio 2016.
  70. ^ a b I numeri del Napoli, su sscnapoli.it. URL consultato il 14 settembre 2021.
  71. ^ SARRI: "HO LASCIATO IL NAPOLI A 91 PUNTI, ERA IMPOSSIBILE FARE MEGLIO. SU DE LAURENTIIS E LA JUVE…", su eurosport.it, 19 novembre 2018. URL consultato il 14 settembre 2021.
  72. ^ Napoli, De Laurentiis saluta Sarri: "Bravo Maurizio e grazie", su gazzetta.it, 23 maggio 2018.
  73. ^ (EN) Sarri joins Chelsea, su chelseafc.com, 14 luglio 2018.
  74. ^ Sarri al Chelsea: è ufficiale, accordo fino al 2021. "Sono felice di essere qui", su gazzetta.it, 14 luglio 2018.
  75. ^ (EN) Leicester City 0-0 Chelsea: Low-key affair ends in drab stalemate, su bbc.com, 12 maggio 2019. URL consultato il 25 maggio 2019.
  76. ^ Premier, Manchester City campione d'Inghilterra. Al Liverpool non bastano 97 punti, su repubblica.it, 12 maggio 2019. URL consultato il 25 maggio 2019.
  77. ^ Sarri show con Hazard e Giroud! Europa League al Chelsea, Arsenal demolito, su gazzetta.it, 29 maggio 2019.
  78. ^ Sarri come Vialli e Di Matteo: quando il Chelsea "Made in Italy" trionfa in Europa, su gazzetta.it, 29 maggio 2019.
  79. ^ Poker a Baku: il Chelsea trionfa in UEFA Europa League, su it.uefa.com, 29 maggio 2019.
  80. ^ (EN) Maurizio Sarri is leaving Chelsea Football Club to return to Italy and become manager of Juventus, su chelseafc.com, 16 giugno 2019.
  81. ^ Maurizio Sarri è il nuovo allenatore della Juventus, su juventus.com, 16 giugno 2019. URL consultato il 16 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2019).
  82. ^ Le condizioni di salute di Maurizio Sarri, su sport.sky.it. URL consultato il 3 settembre 2019.
  83. ^ Martusciello in panchina, non è la prima volta che..., su juventus.com. URL consultato il 3 settembre 2019.
  84. ^ Sarri: «Felice di tornare in panchina», su juventus.com, 13 settembre 2019.
  85. ^ Juve, Sarri: "Avevamo la partita in mano, il pari ci lascia l'amaro in bocca", su corrieredellosport.it. URL consultato l'8 agosto 2020.
  86. ^ Supercoppa, trionfa la Lazio: Juve demolita 3-1, su sportmediaset.mediaset.it. URL consultato l'8 agosto 2020.
  87. ^ Coppa Italia, Napoli-Juventus 4-2 ai rigori: gli azzurri regalano il primo titolo a Gattuso, su repubblica.it, 17 giugno 2020. URL consultato l'8 agosto 2020.
  88. ^ Marco Gaetani, I due record di Sarri: a 61 anni e sei mesi scalza Liedholm e Boskov, su repubblica.it, 26 luglio 2020.
  89. ^ Sarri esonerato: la Juve ha deciso, su corrieredellosport.it, 8 agosto 2020.
  90. ^ Maurizio Sarri sollevato dall'incarico, su juventus.com, 8 agosto 2020.
  91. ^ Comunicato 09.06.2021, su sslazio.it, 9 giugno 2021. URL consultato il 9 giugno 2021.
  92. ^ Daniele Pezzini, Serie A, Empoli-Lazio 1-3: esordio vincente per Sarri, su sportmediaset.mediaset.it, 21 agosto 2021.
  93. ^ Palazzi chiede -6 per il Novara, su sportmediaset.mediaset.it.
  94. ^ SCOMMESSE: IL PESCARA PARTE DA -2, su sportmediaset.mediaset.it.
  95. ^ Scintille con Mancini, Sarri si scusa ma rischia da 3 turni a 4 mesi, su ansa.it, 20 gennaio 2016. URL consultato il 22 gennaio 2016.
  96. ^ Insulti omofobi a Mancini: Sarri squalificato due turni in Coppa Italia, su repubblica.it, 21 gennaio 2016. URL consultato il 22 gennaio 2016.
  97. ^ Quando Sarri disse: "Il calcio è diventato uno sport per froci", su gazzetta.it. URL consultato l'8 marzo 2020.
  98. ^ a b c d Play-off.
  99. ^ 3º (piazzamento annullato) declassato.
  100. ^ 2 nei play-off (2 vittorie).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mimma Caligaris, Grig100. Un secolo di Alessandria in cento partite, Alessandria, Edizioni Il Piccolo, 2011, SBN IT\ICCU\TO0\1837068.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]