Raffaele Pucino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Raffaele Pucino
Raffaele Pucino.jpg
Nazionalità Italia Italia
Altezza 183 cm
Peso 75 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Squadra Ascoli
Carriera
Giovanili
1997-1999600px Rosso e Nero.svg Boys Caserta
1999-2000Napoli
2000-2004Empoli
2004-2007Casertana
2007-2009Atletico Nola
Squadre di club1
2009-2011Alessandria45 (0)
2011-2013Varese65 (3)[1]
2013-2014Sassuolo3 (0)
2014Chievo0 (0)
2014-2015Pescara32 (0)[2]
2015-2016Virtus Lanciano20 (0)
2016Avellino13 (0)
2016-2017Vicenza36 (5)
2017-2019Salernitana48 (4)[3]
2019-Ascoli7 (1)
Nazionale
2012Italia B Italia2 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 19 luglio 2019

Raffaele Pucino (Caserta, 3 maggio 1991) è un calciatore italiano, difensore dell'Ascoli.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Terzino destro, può giocare come terzino sinistro e come esterno destro.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Inizi ed esordio in Serie B[modifica | modifica wikitesto]

Inizia a giocare a calcio nelle giovanili dell'Empoli, per poi passare alle giovanili dell'Atletico Nola e successivamente in quelle dell'Alessandria con cui disputa due campionati in Lega Pro Prima Divisione esordendo il 23 agosto 2009 contro il Sorrento e totalizzando 43 presenze senza gol.

Nell'estate 2011 approda in compartecipazione al Varese per disputare il campionato di Serie B. Esordisce da titolare il 27 agosto seguente, nello 0-0 contro il Bari. Segna la sua prima rete il 4 ottobre contro il Vicenza, fissando il punteggio sul definitivo 2-0. Alla fine della stagione disputa con la squadra lombarda i play-off per la promozione in Serie A, in cui la sua squadra viene battuta in finale dalla Sampdoria, dopo aver eliminato in semifinale l'Hellas Verona.

Il 20 giugno 2012 il Varese acquista l'intero cartellino, successivamente acquistato per il 50% dal ChievoVerona.

Disputa il campionato di Serie B 2012-2013 con i biancorossi, disputando 33 partite e realizzando 2 reti contro Bari e Vicenza. Al termine della stagione le due società si accordano per il rinnovo della compartecipazione e per la permanenza del giocatore nella società lombarda.

Con la squadra inizia infatti il campionato successivo, disputando da titolare la prime due giornate.

Esordio in Serie A col Sassuolo e vari prestiti[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 settembre 2013, ultimo giorno di calciomercato, passa in compartecipazione dal Chievo al Sassuolo[4]. Esordisce in Serie A con i neroverdi il successivo 22 settembre nella sfida casalinga contro l'Inter, sostituendo al 13° l'infortunato Gazzola: nella stessa partita si rende protagonista venti minuti dopo di una sfortunata autorete di testa, che porta gli ospiti in vantaggio per 3-0[5] (la partita finirà addirittura 7-0 per i nerazzurri).

Disputerà soltanto altre due partite con i neroverdi, nel gennaio e nel marzo 2014, prima di tornare al Chievo ed iniziare una serie di prestiti tutti in seconda serie.

Nella stagione 2014-2015 è a Pescara, dove disputa 32 presenze arrivando sino alla finale dei playoff, poi persa ai danni del Bologna. La successiva stagione si accasa per la prima metà di stagione al Lanciano, mentre nella seconda parte passa all'Avellino.

La stagione 2016-2017 è abbastanza fruttuosa invece per lui, che con la maglia del Vicenza trova 5 gol, non evitando tuttavia la retrocessione.

Salernitana[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate 2017 si accorda con la Salernitana mantenendo quindi la categoria. La sua prima stagione in Campania si conclude con 2 reti siglate contro Cittadella e Ternana. Resta in granata anche la successiva stagione, siglando alla decima giornata contro il Livorno e ripetendosi poi al 30 dicembre nella sconfitta interna per 2-4 contro il Pescara.

Ascoli[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 agosto 2019 passa a titolo definitivo all'Ascoli, firmando un contratto biennale. [6] Segna il suo primo gol il 21 settembre, chiudendo la goleada in casa della Juve Stabia (1-5).

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 19 luglio 2019.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2009-2010 Italia Alessandria 1D 16 0 CI+CI-LP 0+1 0 - - - - - - 19 0
2010-2011 1D 27+1 0 CI+CI-LP 2+1 0 - - - - - - 30 0
Totale Alessandria 43+1 0 4 0 - - - - 48 0
2011-2012 Italia Varese B 30+3[7] 1 CI 0 0 - - - - - - 33 1
2012-2013 B 33 2 CI 2 0 - - - - - - 35 2
ago. 2013 B 2 0 CI 2 0 - - - - - - 4 0
Totale Varese 65+3 3 4 0 - - - - 72 3
ago. 2013-2014 Italia Sassuolo A 3 0 CI 1 0 - - - - - - 4 0
2014-2015 Italia Pescara B 32+4[7] 0 CI 3 0 - - - - - - 39 0
2015-gen. 2016 Italia Virtus Lanciano B 20 0 CI 0 0 - - - - - - 20 0
gen.-giu. 2016 Italia Avellino B 13 0 CI - - - - - - - - 13 0
2016-2017 Italia Vicenza B 36 5 CI 2 0 - - - - - - 38 5
2017-2018 Italia Salernitana B 26 2 CI 2 0 - - - - - - 28 2
2018-2019 B 22+2[8] 2 CI 1 0 - - - - - - 25 2
2019-2020 B 7 1 CI 1 0 - - - - - - 0 0
Totale Salernitana 50 4 3 0 - - - - 54 0
Totale carriera 277 13 18 0 - - - - 295 13

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 68 (3) se si comprendono i play-off.
  2. ^ 36 (0) se si comprendono i play-off.
  3. ^ 50 (0) se si comprendono i play-out.
  4. ^ Ufficiale: arrivano Floro Flores, Pegolo e Pucino. Bianchi al Modena, Laverone e Pavoletti al Varese. Archiviato il 27 settembre 2013 in Archive.is. Sassuolocalcio.it
  5. ^ Cronaca della partita - Tabellini US Sassuolo - FC Internazionale, 22.09.2013 - Serie A, su transfermarkt.it. URL consultato il 26 dicembre 2013.
  6. ^ Mario Ruggiero, UFFICIALE. Raffaele Pucino è un nuovo giocatore dell'Ascoli, Mantovani lo saluta su instagram, su Salernitana News | Il magazine sportivo sulla Salernitana, 14 agosto 2019. URL consultato il 14 settembre 2019.
  7. ^ a b Play-off.
  8. ^ Play-out

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]