Questa pagina è semiprotetta. Può essere modificata solo da utenti registrati

Gonzalo Higuaín

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gonzalo Higuaín
Gonzalo Higuaín 8609.jpg
Higuaín al Real Madrid nel 2012
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 186[1] cm
Peso 89[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Juventus
Carriera
Giovanili
1997-2005River Plate
Squadre di club1
2005-2007River Plate35 (13)
2007-2013Real Madrid190 (107)
2013-2016Napoli104 (71)
2016-Juventus57 (33)
Nazionale
2008Argentina Argentina olimpica1 (2)[2]
2009-Argentina Argentina69 (31)
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Argento Brasile 2014
Coppa America calcio.svg Copa América
Argento Cile 2015
Argento Stati Uniti 2016
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 6 gennaio 2018

Gonzalo Gerardo Higuaín (Brest, 10 dicembre 1987) è un calciatore argentino, attaccante della Juventus e della nazionale argentina, con cui è stato vice campione del mondo a Brasile 2014 e vice campione d'America a Cile 2015 e Stati Uniti 2016.

Affermatosi come uno degli attaccanti più prolifici in attività,[3][4][5] è considerato uno dei calciatori più forti e completi al mondo.[6][7][8] Con 36 reti nel corso del campionato 2015-16 tra le file del Napoli ha stabilito il record di reti segnate in Serie A in una singola stagione, superando di una marcatura il precedente primatista Gunnar Nordahl.[9][10]

In carriera ha conquistato tre campionati spagnoli (2006-07, 2007-08, 2011-12), due Supercoppe spagnole (2008 e 2012) e una Coppa di Spagna (2010-11) con il Real Madrid, una Coppa Italia (2013-14) e una Supercoppa italiana (2014) con il Napoli, un campionato italiano (2016-17) e una Coppa Italia (2016-17) con la Juventus. Conta inoltre 69 presenze e 31 reti con l'Argentina, risultando il sesto calciatore per numero di reti realizzate e il quinto, al pari di Lionel Messi, per quanto riguarda le marcature (cinque all'attivo) nella storia dei campionati del mondo.[11]

Biografia

È figlio d'arte: il padre Jorge, ex difensore, ha trascorso quasi per intero la propria carriera in Argentina, tranne un anno nel Brest; Gonzalo nacque nell'omonima città francese proprio nel corso di quell'anno.[12] Ha tre fratelli, Nicolás, Lautaro e Federico; quest'ultimo è anch'egli un calciatore professionista.[13]

È soprannominato El Pipita, nomignolo che trae origine dal soprannome del padre, detto El Pipa.[14] Sua madre, Nancy Zacarías, è una pittrice.[15]

Trascorre i primi mesi della sua infanzia in Francia, quindi fa ritorno in terra argentina poiché il padre viene ingaggiato dal River Plate.[16] All'età di 10 mesi viene ricoverato per venti giorni in ospedale a causa di una meningite fulminante, curata appena in tempo, ed è costretto per diversi anni ad assumere quotidianamente dei medicinali per eliminare ogni traccia della malattia.[16][17]

Nel 1998 tornò per breve tempo in Francia, quando accompagnò il padre impegnato in una ricerca di giovani talenti per conto dell'allora commissario tecnico della nazionale argentina, Daniel Passarella.[18] Sarebbe stato proprio lo stesso Passarella, otto anni dopo, a concedere al giovane Higuaín una maglia da titolare e l'occasione di mettersi in mostra con il River.[19]

Caratteristiche tecniche

È un «attaccante d'area di rigore»,[20] forte fisicamente[21][22] e abile con entrambi i piedi.[20] Oltre ad essere un eccellente finalizzatore,[23] è propenso ai ripiegamenti a centrocampo, con cui contribuisce alla fase difensiva;[24] è inoltre dotato di un'ottima visione di gioco,[25] che gli consente di risultare decisivo anche come uomo assist.[24][25][26] Pur essendo in possesso di buoni mezzi tecnici, è più concreto che elegante.[21] Dinamico e determinato,[27] ha nell'emotività il suo principale punto debole.[21]

Diego Armando Maradona ha affermato di rivedere in Higuaín alcune caratteristiche dei connazionali Hernán Crespo e Gabriel Batistuta,[28] definendolo un attaccante completo e abile nei movimenti smarcanti.[29]

Carriera

Club

Gli esordi e il River Plate

Dopo essere rientrato dalla Francia insieme alla sua famiglia, Higuaín muove i primi passi in ambito calcistico tra le file dell'Atlético Palermo, club dell'omonimo quartiere di Buenos Aires, da cui il River Plate lo acquista all'età di 10 anni.[15]

Dopo aver effettuato la trafila delle giovanili, a 17 anni il tecnico Leonardo Astrada lo fa debuttare in prima squadra il 29 maggio 2005 nella sconfitta interna per 1-2 contro il Gimnasia (LP) al Monumental.[30] In questo scorcio di stagione colleziona altre 3 presenze.

Poco utilizzato dal successivo tecnico del River Plate, Reinaldo Merlo, trova spazio con maggiore continuità con l'approdo di Daniel Passarella alla guida tecnica del River Plate.[16] Realizza la prima rete il 12 febbraio 2006 nel 3-1 ai danni del Banfield,[31] mentre in Coppa Libertadores realizza una doppietta contro il Corinthians, decisiva nel 3-2 finale a favore del River Plate.[16]

Il River Plate cede quindi il 50% del suo cartellino al club svizzero del Locarno, espressione di un gruppo di investitori internazionali, per circa 8 milioni di dollari.[16][32] Autore di cinque reti nel torneo di Apertura 2006, l'8 ottobre 2006, con una doppietta guida il River Plate alla vittoria per 3-1 nel Superclásico contro il Boca Juniors.[33]

Real Madrid

2006-2009: i due campionati consecutivi e la prima Supercoppa spagnola

« Il suo talento è grande quasi quanto la sua umiltà.[18] »

(Ramón Calderón, allora presidente del Real Madrid, al momento della presentazione di Higuaín alla stampa internazionale)
Higuaín con la maglia del Real Madrid nella stagione 2009-10

Le ottime prestazioni con la maglia del River Plate proiettano l'attaccante argentino in Europa e il 14 dicembre 2006, pochi giorni dopo aver compiuto 19 anni, viene acquistato a titolo definitivo dal Real Madrid per la cifra di 13 milioni di euro, su indicazione dell'allenatore Fabio Capello,[27] firmando un contratto di sei anni e mezzo a decorrere dal gennaio seguente.[34][35]

Debutta con il Real Madrid l'11 gennaio 2007 nella gara di Coppa del Re contro il Betis, valida per gli ottavi di finale e terminata 0-0, disputando l'intera partita.[36] Firma la prima rete il 24 febbraio seguente nel derby contro l'Atlético Madrid, realizzando il gol del definitivo 1-1 all'Estadio Vicente Calderón.[37] Tre giorni prima aveva esordito nella massima competizione europea, la Champions League, partendo da titolare nella gara contro il Bayern Monaco, valida per l'andata degli ottavi di finale e vinta dal Real Madrid per 3-2.[38] In campionato realizza il secondo gol siglando il definitivo 4-3 ai danni dell'Espanyol decisivo nella conquista del titolo spagnolo.[39]

Nella stagione seguente, con il nuovo allenatore Bernd Schuster alla guida del Real Madrid, stenta a trovare continuità di prestazioni, chiuso da Raúl e van Nistelrooij, con il tecnico tedesco che lo schiera sovente anche fuori ruolo,[16] dichiarando di "non sapere dove metterlo" e arrivando a dubitare soprattutto delle reali capacità realizzative del giocatore.[18] Vince nuovamente il campionato facendo registrare 8 reti in 25 partite.[40]

Con l'avvento in panchina di Juande Ramos riesce finalmente a trovare continuità d'impiego e un rendimento di altissimo profilo.[18] Il 24 agosto 2008 vince la Supercoppa di Spagna siglando il gol del momentaneo 4-1 ai danni del Valencia nella gara di ritorno al Santiago Bernabéu (la partita si sarebbe poi conclusa 4-2 in favore dei Blancos).[41] In questa stagione, complice un grave infortunio occorso a van Nistelrooy,[16][42] consolida il suo ruolo nell'undici titolare del Real Madrid e riesce a trovare continuità d'impiego e un rendimento d'alto profilo.[18] Il 26 ottobre realizza la sua prima doppietta stagionale, sempre in Liga, contribuendo al 3-2 finale nella gara contro l'Athletic Bilbao.[43] L'8 novembre realizza invece la sua prima quaterna in carriera ai danni del Málaga.[44] In totale realizza 22 reti e 9 assist in 35 partite,[16] affermandosi come miglior marcatore stagionale della squadra.[37]

2009-2011: il successo nella Copa del Rey 2011
Higuaín durante un derby di Madrid della stagione 2010-11

Nel campionato 2009-10 arriva il cileno Manuel Pellegrini come nuovo allenatore del Real Madrid, con cui l'attaccante argentino instaura un buon rapporto.[18] Il 14 marzo 2010 segna una tripletta nella gara di ritorno contro il Real Valladolid.[45] A fine stagione si conferma miglior cannoniere del Real Madrid con 27 reti, una in più del nuovo compagno di squadra Cristiano Ronaldo, grazie alle quali è anche vice-capocannoniere della Liga alle spalle di Lionel Messi, che ne sigla 34.[37] Nell'intera stagione mette a segno 29 reti in 40 partite tra campionato e coppe.

Il 7 giugno 2010 rinnova il contratto con il Real Madrid fino al 2016,[46] anche se con l'arrivo dell'allenatore portoghese José Mourinho sulla panchina del Real Madrid viene utilizzato con meno continuità.[18]

Il 3 novembre entra nella storia del club spagnolo siglando, ai danni del Milan, la rete numero 700 del Real Madrid nella massima competizione europea, prima squadra a raggiungere tale cifra per quanto concerne i gol realizzati.[47] L'11 gennaio 2011 viene sottoposto a un intervento chirurgico per la rimozione di un'ernia del disco, operazione che lo tiene lontano dai campi di gioco per tre mesi.[48][49] Il 20 aprile, pur non scendendo in campo, conquista la sua prima Coppa del Re, superando in finale il Barcellona 1-0 al termine dei supplementari.[50][51] Al termine dell'annata segna 13 gol in 25 presenze tra campionato e coppe.

2011-2013: la vittoria della Liga e la seconda Supercoppa spagnola
Higuaín nella stagione 2011-12

Il 24 marzo 2012 raggiunge quota 100 gol con il Real Madrid.[52][53] Il 21 aprile il Real Madrid conquista la Liga battendo 2-1 il Barcellona al Camp Nou.[54] Higuaín conclude la stagione siglando 22 reti, riprendendosi il posto in squadra dopo che l'anno precedente era stato utilizzato da Mourinho con scarso minutaggio.[18] Con Benzema (21 reti) e Cristiano Ronaldo (46) forma in questa stagione il tridente d'attacco più prolifico nella storia del Real Madrid e della Liga spagnola.[55]

Il 29 agosto 2012 Higuaín si aggiudica la Supercoppa di Spagna ai danni del Barcellona, aprendo le marcature nella gara di ritorno a Madrid, terminata 2-1 per i padroni di casa, i quali si aggiudicano il trofeo in virtù della regola dei gol fuori casa.[56]

Alternatosi a Benzema nel ruolo di titolare,[57] a fine stagione esprime, di comune accordo con la società, la volontà di lasciare il Real, che lascia dopo sei stagioni e mezzo con sei trofei vinti, 264 partite giocate e 121 reti realizzate.[58]

Napoli

2013-2015: Coppa Italia e Supercoppa italiana

Il 27 luglio 2013 viene acquistato a titolo definitivo dal Napoli[59] per 37 milioni di euro più 3 di bonus.[60][61] Sceglie la maglia numero 9.[62]

Esordisce con il Napoli e nel campionato italiano il 25 agosto contro il Bologna.[63] Mette a segno la sua prima rete in campionato la settimana seguente contro il Chievo.[64] Il 3 maggio 2014 seguente vince il suo primo trofeo con il Napoli, conquistando la Coppa Italia, superando nella finale dello Stadio Olimpico di Roma la Fiorentina per 3-1.[65] Conclude la stagione con 24 reti in 46 presenze tra campionato e coppe, risultando il capocannoniere stagionale della propria squadra.

Higuaín con la maglia del Napoli in azione contro il Dnipro nell'Europa League 2014-15

Il 22 dicembre si aggiudica ai calci di rigore la Supercoppa italiana contro la Juventus, dopo che i tempi regolamentari e supplementari erano terminati sul 2-2: nel corso dell'incontro Higuaín si era peraltro reso autore di una doppietta.[66]

In merito a un episodio verificatosi il 10 maggio 2015 al termine del pareggio 2-2 contro il Parma,[67] Higuaín, infastidito da una presunta perdita di tempo, pronuncia frasi ingiuriose all'indirizzo della squadra emiliana;[68] il giudice sportivo Gianpaolo Tosel gli commina quindi una multa di 10 000 euro.[69]

Il 31 maggio, nell'ultima di campionato in casa contro la Lazio, sfida decisiva per la qualificazione ai preliminari di Champions League, realizza la doppietta che vale la rimonta da 0-2 a 2-2, fallendo tuttavia il rigore del possibile 3-2; in seguito all'errore dal dischetto, il quarto stagionale,[70] i biancocelesti realizzano altri due gol, conquistando la vittoria e la conseguente qualificazione alla massima competizione europea.[71] Conclude la stagione con 29 reti in 58 presenze tra campionato e coppe, confermandosi per il secondo anno consecutivo il capocannoniere stagionale del Napoli.[70]

2015-2016: il record di gol in Serie A

L'8 novembre in Napoli-Udinese, terminata 1-0 in favore dei padroni di casa,[72] realizza il suo 200º gol in carriera in squadre di club.[73] Il 30 novembre segna una doppietta contro l'Inter nel 2-1 conclusivo,[74] permettendo alla squadra di conquistare la vetta solitaria della classifica, a venticinque anni dall'ultima volta.[75]

Nel corso della stagione raggiunge alcuni traguardi significativi: entra nella top ten dei migliori marcatori della storia del Napoli, toccando quota 70 reti complessive;[76] va a segno per sei giornate consecutive, eguagliando la striscia positiva di Maradona nella stagione 1987-88;[77] supera inoltre il proprio primato personale di gol segnati in una stagione (27) e le 29 reti di Cavani, fino ad allora il miglior cannoniere stagionale nella storia degli azzurri (limitatamente al campionato).[78] Nella gara contro l'Udinese, persa per 3-1,[79] raggiunge le 100 presenze in Serie A e realizza il trentesimo centro stagionale; nella partita è tuttavia protagonista di una reazione scomposta verso l'arbitro Massimiliano Irrati, che lo aveva espulso per somma di ammonizioni;[80] ciò determina la squalifica di Higuaín per quattro giornate, poi ridotte a tre a seguito del ricorso presentato dal Napoli.[81] Il 14 maggio, nel 4-0 dell'ultima giornata contro il Frosinone,[82] realizza la tripletta che gli consente di chiudere il campionato con 36 reti in 35 partite, vincendo la classifica marcatori e superando il record assoluto di reti in un singolo campionato italiano, fino ad allora detenuto da Nordahl nella stagione 1949-50, ed eguagliando inoltre quello di Rossetti che resisteva dal 1928-29, quando il campionato si disputava a più gironi.[9]

Juventus

Higuaín alla Juventus nel 2017

Il 26 luglio 2016 viene acquistato a titolo definitivo dalla Juventus, con la quale firma un contratto quinquennale,[83] per un costo di 90 milioni di euro,[83][84] scegliendo la maglia numero 9;[85] il suo trasferimento è il più costoso nella storia della Serie A.[86]

Il 20 agosto bagna con un gol l'esordio in campionato con la casacca bianconera – cosa che non gli era riuscita nel triennio in azzurro –[87] fissando il punteggio sul 2-1 finale nella vittoria interna sulla Fiorentina.[88] Il 10 settembre, alla prima da titolare, firma una doppietta nei primi 10 minuti nel 3-1 ai danni del Sassuolo.[89] Il 27 dello stesso mese sigla la prima marcatura con i bianconeri in Champions League, realizzando la seconda rete nello 0-4 esterno contro la Dinamo Zagabria.[90] Il 29 ottobre segna la rete del definitivo 2-1 proprio contro la sua ex squadra, il Napoli,[91] non esultando in segno di rispetto per la società partenopea.[92] In seguito a un periodo di appannamento sottorete,[93] l'11 dicembre ritrova il gol in campionato siglando una doppietta nell'1-3 del derby contro il Torino.[94] Il 28 febbraio 2017 trova il primo gol in Coppa Italia con la formazione torinese nella semifinale d'andata, realizzando la seconda rete nel 3-1 dello Stadium sul Napoli.[95] Il 17 maggio mette in bacheca la Coppa Italia, primo trofeo in maglia bianconera nonché terzo consecutivo per la formazione di Massimiliano Allegri – filotto mai riuscito prima nella storia della competizione –, in seguito alla vittoria per 2-0 sulla Lazio nella finale di Roma;[96] quattro giorni dopo, con il successo 3-0 allo Stadium sul Crotone,[97] arriva anche, con una giornata di anticipo, il sesto titolo italiano di fila – record assoluto nella storia della Serie A e nei maggiori campionati nazionali d'Europa – che permette a Higuaín di conquistare il primo double nazionale, al contempo terzo di fila per la Juventus, e soprattutto alla squadra di battere dopo 82 anni il record della Juve del Quinquennio.[98] Non riesce invece l'affermazione europea in Champions League, dove il 3 giugno i bianconeri cedono nella finale di Cardiff 1-4 contro il Real Madrid:[99] per Higuaín, in campo internazionale, si tratta della quarta finale persa su quattro disputate tra club e nazionale.[100]

I primi mesi della seconda stagione a Torino vedono un Higuaín volto maggiormente al servizio della squadra, seppur riesca a trovare il gol con meno frequenza;[101] ciò nonostante il 28 ottobre è sua la doppietta che vale il successo 0-2 contro i rivali del Milan:[102] la prima marcatura risulta inoltre essere la centesima nel massimo campionato italiano.[103]

Nazionale

In possesso inizialmente della sola cittadinanza francese, nel novembre 2006, a 19 anni non ancora compiuti, viene convocato nella nazionale francese dal commissario tecnico Raymond Domenech, che lo aveva notato grazie alla doppietta messa a segno nel derby contro il Boca Juniors,[16] ma rifiuta la convocazione.[16] Decide tuttavia di non rinunciare al passaporto francese – e allo status di comunitario – per non precludersi la possibilità di giocare per una squadra europea,[104][105] cosa che conseguentemente gli impedisce di rispondere alla chiamata delle nazionali giovanili argentine.[105] Nel 2007 acquisisce il passaporto argentino, conservando entrambe le nazionalità.[106]

Higuaín (di spalle) festeggia con i compagni la tripletta alla Corea del Sud al Mondiale 2010

Il 6 febbraio 2008 gioca un'amichevole non ufficiale con la maglia dell'Argentina olimpica, siglando una doppietta nel 5-0 ai danni del Guatemala.[107] Non viene tuttavia convocato per i Giochi olimpici di Pechino 2008 a causa di pregressi screzi con la federcalcio argentina, dovuti al suo rifiuto di partecipare al Mondiale Under-20 del 2007.[16] Il commissario tecnico Domenech gli offre nuovamente la convocazione, ma il giocatore oppone un altro rifiuto.[16]

Nel 2009, dopo aver preso in considerazione l'ipotesi di accettare la convocazione nella nazionale francese,[108] viene convocato dal commissario tecnico dell'Argentina Maradona per le gare contro Perù e Uruguay, valide per le qualificazioni al Mondiale 2010: debutta il 10 ottobre 2009 contro il Perù, a 21 anni e dieci mesi, bagnando l'esordio con una rete.[109]

L'anno seguente va a comporre il parco attaccanti della Argentina nella fase finale della massima competizione internazionale in Sudafrica.[110] Il 17 giugno 2010, nella seconda partita del girone B del torneo, realizza la sua prima tripletta con la maglia dell'Argentina nella gara terminata 4-1 per l'Argentina contro la Corea del Sud,[111] risultando il miglior giocatore dell'incontro.[112] In passato solamente due giocatori argentini erano riusciti nell'impresa di segnare tre reti in una sola partita nella storia dei Mondiali: si tratta di Stábile nel 1930 (contro il Messico) e di Batistuta nel 1994 (contro la Grecia) e nel 1998 (contro la Giamaica).[113] Va a segno anche negli ottavi di finale contro il Messico,[114] quindi l'Argentina viene eliminata nei quarti perdendo 4-0 contro la Germania.[115]

Il 25 giugno 2011 viene inserito dal nuovo CT Sergio Batista nella lista dei ventitré convocati in vista della Copa América disputata in Argentina.[116] I padroni di casa vengono eliminati nei quarti di finale dall'Uruguay al termine dei calci di rigore: proprio nello stesso match, conclusosi sull'1-1, Higuaín mette a segno l'unica rete personale del torneo, realizzando anche il proprio tentativo nella sequenza conclusiva dagli undici metri, risultato poi ininfluente sull'esito finale.[117]

Higuaín e Schweinsteiger nella finale dei Mondiali 2014

In occasione delle qualificazioni al Mondiale 2014 contribuisce alla vittoria dell'Argentina nel girone sudamericano realizzando complessivamente nove reti.[118] Convocato da Alejandro Sabella per la fase finale della competizione, nella gara d'esordio del torneo serve l'assist per il gol di Messi nella vittoria per 2-1 sulla Bosnia ed Erzegovina.[119] Il 5 luglio segna nei quarti di finale la rete decisiva nella vittoria per 1-0 contro il Belgio, che garantisce la qualificazione in semifinale per l'Argentina dopo ventiquattro anni.[120][121] A fine partita si è aggiudicato il titolo di miglior giocatore dell'incontro.[122] Nella finale contro la Germania, persa per 1-0 al termine dei supplementari, è protagonista in negativo, fallendo una nitida occasione da rete a pochi passi dal portiere tedesco Neuer, vedendosi inoltre annullare un gol per fuorigioco.[123][124]

Il 25 maggio 2015 viene inserito dal CT Gerardo Martino nella lista dei ventitré convocati in vista della Copa América da disputarsi in Cile.[125] Nel corso del torneo va a segno due volte: nella terza e ultima gara della fase a gironi contro la Giamaica[126] e nella semifinale contro il Paraguay.[127] L'Albiceleste tuttavia viene sconfitta in finale dal Cile ai rigori, dopo lo 0-0 scaturito al termine dei tempi regolamentari e supplementari.[128][129] Suo è uno degli errori dagli undici metri che consente agli avversari di vincere la manifestazione.[130]

Il 20 maggio 2016 viene convocato da Martino per la Copa América Centenario negli Stati Uniti;[131] nel corso della competizione realizza quattro reti: due nel 4-1 inflitto al Venezuela nei quarti di finale[132] e due nella semifinale vinta 4-0 contro gli Stati Uniti.[133] Gioca da titolare anche la finale, che vede l'Argentina nuovamente sconfitta ai rigori dal Cile, in un remake dell'edizione precedente: nel match, conclusosi nuovamente a reti bianche, si rende protagonista in negativo, fallendo una buona occasione davanti al portiere cileno Bravo.[134]

Il 6 ottobre 2016, durante le qualificazioni ai Mondiali 2018 in Russia, segna la prima rete nella competizione nel pareggio esterno per 2-2 contro il Perù.[135]

Statistiche

Presenze e reti nei club

Tra club, nazionale maggiore e nazionali giovanili (inclusa l'Argentina olimpica), Higuaín ha collezionato globalmente 604 presenze segnando 304 reti, alla media di 0,50 gol a partita.

Statistiche aggiornate al 6 gennaio 2018.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2004-2005 Argentina River Plate PD 4 0 - - - CL 0 0 - - - 4 0
2005-2006 PD 14 5 - - - CL 4 2 - - - 18 7
2006-gen. 2007 PD 17 8 - - - CS 2 0 - - - 19 8
Totale River Plate 35 13 - - 6 2 - - 41 15
gen.-giu. 2007 Spagna Real Madrid PD 19 2 CR 2 0 UCL 2 0 - - - 23 2
2007-2008 PD 25 8 CR 4 1 UCL 5 0 SS 0 0 34 9
2008-2009 PD 34 22 CR 2 1 UCL 7 0 SS 1 1 44 24
2009-2010 PD 32 27 CR 1 0 UCL 7 2 - - - 40 29
2010-2011 PD 17 10 CR 2 1 UCL 6 2 - - - 25 13
2011-2012 PD 35 22 CR 5 1 UCL 12 3 SS 2 0 54 26
2012-2013 PD 28 16 CR 5 0 UCL 9 1 SS 2 1 44 18
Totale Real Madrid 190 107 21 4 48 8 5 2 264 121
2013-2014 Italia Napoli A 32 17 CI 5 2 UCL+UEL 5+4 4+1 - - - 46 24
2014-2015 A 37 18 CI 4 1 UCL+UEL 2[136]+14 1[136]+7 SI 1 2 58 29
2015-2016 A 35 36 CI 2 0 UEL 5 2 - - - 42 38
Totale Napoli 104 71 11 3 30 15 1 2 146 91
2016-2017 Italia Juventus A 38 24 CI 4 3 UCL 12 5 SI 1 0 55 32
2017-2018 A 19 9 CI 2 1 UCL 6 2 SI 1 0 28 12
Totale Juventus 57 33 6 4 18 7 2 0 83 44
Totale carriera 386 224 38 11 102 32 8 4 534 271

Cronologia presenze e reti in nazionale

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Argentina
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
10-10-2009 Buenos Aires Argentina Argentina 2 – 1 Perù Perù Qual. Mondiali 2010 1 Uscita al 67’ 67’
14-10-2009 Montevideo Uruguay Uruguay 0 – 1 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2010 - Uscita al 79’ 79’
14-11-2009 Madrid Spagna Spagna 2 – 1 Argentina Argentina Amichevole - Uscita al 58’ 58’
3-3-2010 Monaco di Baviera Germania Germania 0 – 1 Argentina Argentina Amichevole 1 Uscita al 62’ 62’
24-5-2010 Buenos Aires Argentina Argentina 5 – 0 Canada Canada Amichevole - Uscita al 68’ 68’
12-6-2010 Johannesburg Argentina Argentina 1 – 0 Nigeria Nigeria Mondiali 2010 - 1º turno - Uscita al 79’ 79’
17-6-2010 Johannesburg Argentina Argentina 4 – 1 Corea del Sud Corea del Sud Mondiali 2010 - 1º turno 3 Uscita al 82’ 82’
27-6-2010 Johannesburg Argentina Argentina 3 – 1 Messico Messico Mondiali 2010 - Ottavi di finale 1
3-7-2010 Città del Capo Argentina Argentina 0 – 4 Germania Germania Mondiali 2010 - Quarti di finale -
11-8-2010 Dublino Irlanda Irlanda 0 – 1 Argentina Argentina Amichevole - Uscita al 46’ 46’
7-9-2010 Buenos Aires Argentina Argentina 4 – 1 Spagna Spagna Amichevole 1 Uscita al 68’ 68’
8-10-2010 Saitama Giappone Giappone 1 – 0 Argentina Argentina Amichevole - Ingresso al 33’ 33’
17-11-2010 Doha Argentina Argentina 1 – 0 Brasile Brasile Amichevole - Uscita al 46’ 46’
6-7-2011 Santa Fe Argentina Argentina 0 – 0 Colombia Colombia Coppa America 2011 - 1º turno - Ingresso al 72’ 72’
11-7-2011 Córdoba Argentina Argentina 3 – 0 Costa Rica Costa Rica Coppa America 2011 - 1º turno - Uscita al 80’ 80’
16-7-2011 Santa Fe Argentina Argentina 1 – 1 dts
(4 – 5 dcr)
Uruguay Uruguay Coppa America 2011 - Quarti di finale 1
2-9-2011 Calcutta Argentina Argentina 1 – 0 Venezuela Venezuela Amichevole - Uscita al 77’ 77’
6-9-2011 Dacca Argentina Argentina 3 – 1 Nigeria Nigeria Amichevole 1 Uscita al 77’ 77’
7-10-2011 Buenos Aires Argentina Argentina 4 – 1 Cile Cile Qual. Mondiali 2014 3
11-10-2011 Puerto La Cruz Venezuela Venezuela 1 – 0 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2014 -
11-11-2011 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 1 Bolivia Bolivia Qual. Mondiali 2014 -
15-11-2011 Barranquilla Colombia Colombia 1 – 2 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2014 - Uscita al 86’ 86’
29-2-2012 Berna Svizzera Svizzera 1 – 3 Argentina Argentina Amichevole - Ingresso al 80’ 80’
2-6-2012 Buenos Aires Argentina Argentina 4 – 0 Ecuador Ecuador Qual. Mondiali 2014 1 Ammonizione al 66’ 66’Uscita al 74’ 74’
9-6-2012 New York Argentina Argentina 4 – 3 Brasile Brasile Amichevole - Ammonizione al 49’ 49’Uscita al 89’ 89’
15-8-2012 Francoforte Germania Germania 1 – 3 Argentina Argentina Amichevole -
7-9-2012 Córdoba Argentina Argentina 3 – 1 Paraguay Paraguay Qual. Mondiali 2014 1
11-9-2012 Lima Perù Perù 1 – 1 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2014 1
12-10-2012 Mendoza Argentina Argentina 3 – 0 Uruguay Uruguay Qual. Mondiali 2014 - Uscita al 83’ 83’
16-10-2012 Santiago del Cile Cile Cile 1 – 2 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2014 1 Uscita al 61’ 61’
6-2-2013 Solna Svezia Svezia 2 – 3 Argentina Argentina Amichevole 1 Uscita al 90’ 90’
22-3-2013 Buenos Aires Argentina Argentina 3 – 0 Venezuela Venezuela Qual. Mondiali 2014 2 Ammonizione al 76’ 76’Uscita al 80’ 80’
7-6-2013 Buenos Aires Argentina Argentina 0 – 0 Colombia Colombia Qual. Mondiali 2014 - Red card.svg 27’
14-8-2013 Roma Italia Italia 1 – 2 Argentina Argentina Amichevole 1 Uscita al 61’ 61’
15-11-2013 East Rutherford Ecuador Ecuador 0 – 0 Argentina Argentina Amichevole - Uscita al 71’ 71’
5-3-2014 Bucarest Romania Romania 0 – 0 Argentina Argentina Amichevole - Uscita al 77’ 77’
15-6-2014 Rio de Janeiro Argentina Argentina 2 – 1 Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina Mondiali 2014 - 1º turno - Ingresso al 46’ 46’
21-6-2014 Belo Horizonte Argentina Argentina 1 – 0 Iran Iran Mondiali 2014 - 1º turno - Uscita al 77’ 77’
25-6-2014 Porto Alegre Nigeria Nigeria 2 – 3 Argentina Argentina Mondiali 2014 - 1º turno - Uscita al 90+1’ 90+1’
1-7-2014 San Paolo Argentina Argentina 1 – 0 dts Svizzera Svizzera Mondiali 2014 - Ottavi di finale -
5-7-2014 Brasilia Argentina Argentina 1 – 0 Belgio Belgio Mondiali 2014 - Quarti di finale 1 Uscita al 81’ 81’
9-7-2014 San Paolo Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 0 dts
(2 – 4 dcr)
Argentina Argentina Mondiali 2014 - Semifinale - Uscita al 82’ 82’
13-7-2014 Rio de Janeiro Germania Germania 1 – 0 dts Argentina Argentina Mondiali 2014 - Finale - Uscita al 78’ 78’
11-10-2014 Pechino Brasile Brasile 2 – 0 Argentina Argentina Amichevole - Ingresso al 61’ 61’
14-10-2014 Hong Kong Hong Kong Hong Kong 0 – 7 Argentina Argentina Amichevole 2
18-11-2014 Manchester Argentina Argentina 0 – 1 Portogallo Portogallo Amichevole - Uscita al 61’ 61’
28-3-2015 Landover El Salvador El Salvador 0 – 2 Argentina Argentina Amichevole -
6-6-2015 San Juan Argentina Argentina 5 – 0 Bolivia Bolivia Amichevole - Ingresso al 61’ 61’
13-6-2015 La Serena Argentina Argentina 2 – 2 Paraguay Paraguay Coppa America 2015 - 1º turno - Ingresso al 76’ 76’
20-6-2015 Viña del Mar Argentina Argentina 1 – 0 Giamaica Giamaica Coppa America 2015 - 1º turno 1 Uscita al 72’ 72’
30-6-2015 Concepción Argentina Argentina 6 – 1 Paraguay Paraguay Coppa America 2015 - Semifinale 1 Ingresso al 81’ 81’
4-7-2015 Santiago del Cile Cile Cile 0 – 0 dts
(4 – 1 dcr)
Argentina Argentina Coppa America 2015 - Finale - Ingresso al 74’ 74’
13-11-2015 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 1 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2018 - Uscita al 81’ 81’
17-11-2015 Barranquilla Colombia Colombia 0 – 1 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2018 - Uscita al 70’ 70’
24-3-2016 Santiago del Cile Cile Cile 1 – 2 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2018 - Ingresso al 65’ 65’
29-3-2016 Córdoba Argentina Argentina 2 – 0 Bolivia Bolivia Qual. Mondiali 2018 - Uscita al 78’ 78’
27-5-2016 San Juan Argentina Argentina 1 – 0 Honduras Honduras Amichevole 1 Uscita al 65’ 65’
6-6-2016 Santa Clara Argentina Argentina 2 – 1 Cile Cile Coppa America Centenario - 1º turno - Uscita al 74’ 74’
10-6-2016 Chicago Argentina Argentina 5 – 0 Panama Panama Coppa America Centenario - 1º turno - Uscita al 76’ 76’
14-6-2016 Seattle Argentina Argentina 3 – 0 Bolivia Bolivia Coppa America Centenario - 1º turno - Uscita al 46’ 46’
18-6-2016 Foxborough Argentina Argentina 4 – 1 Venezuela Venezuela Coppa America Centenario - Quarti di finale 2 Uscita al 74’ 74’
21-6-2016 Houston Stati Uniti Stati Uniti 0 – 4 Argentina Argentina Coppa America Centenario - Semifinale 2
26-6-2016 East Rutherford Argentina Argentina 0 – 0 dts
(2 – 4 dcr)
Cile Cile Coppa America Centenario - Finale - Uscita al 70’ 70’
6-10-2016 Lima Perù Perù 2 – 2 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2018 1 Ammonizione al 72’ 72’
11-10-2016 Córdoba Argentina Argentina 0 – 1 Paraguay Paraguay Qual. Mondiali 2018 -
10-11-2016 Belo Horizonte Brasile Brasile 3 – 0 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2018 -
15-11-2016 San Juan Argentina Argentina 3 – 0 Colombia Colombia Qual. Mondiali 2018 - Ingresso al 79’ 79’
23-3-2017 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 0 Cile Cile Qual. Mondiali 2018 - Ammonizione al 74’ 74’
9-6-2017 Melbourne Brasile Brasile 0 – 1 Argentina Argentina Amichevole - Uscita al 46’ 46’
Totale Presenze (19º posto) 69 Reti (6º posto) 31

Record

In Serie A

Nel Napoli

  • Uno dei due calciatori, assieme a Diego Armando Maradona, ad andare a segno per sei giornate consecutive nel campionato italiano.[77]
  • Calciatore ad aver segnato più reti (36) in una singola stagione di Serie A.[9]

Nella nazionale argentina

Palmarès

Club

Competizioni nazionali

Real Madrid: 2006-2007, 2007-2008, 2011-2012
Real Madrid: 2008, 2012
Real Madrid: 2010-2011
Napoli: 2013-2014
Juventus: 2016-2017
Napoli: 2014
Juventus: 2016-2017

Note

  1. ^ a b Gonzalo Gerardo Higuaín, su juventus.com.
  2. ^ 1 (2) considerando l'amichevole non ufficiale contro il Guatemala.
  3. ^ Alessandro De Calò e Carlo Laudisa, Higuain vero nove: dietro Lewandowski e Suarez, ma i numeri lo incoronano, su gazzetta.it, 4 dicembre 2015.
  4. ^ Napoli, consolati con Higuain: 14 gol in 15 gare. Meglio (in media) di Messi e CR7, su gazzetta.it, 6 dicembre 2015.
  5. ^ Napoli, Higuain: il più forte centravanti del mondo, su corrieredellosport.it, 21 dicembre 2015.
  6. ^ Napoli, Sarri: "Higuain è il più forte in circolazione". De Laurentiis: "Gruppo che vince e diverte", su repubblica.it, 17 gennaio 2016.
  7. ^ Coppa Italia Napoli, Benitez: «Higuain fra i più forti al mondo», su corrieredellosport.it, 4 febbraio 2015. (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2015).
  8. ^ Antonio Giordano, Napoli, Sarri: «Higuain il centravanti più forte del mondo», su corrieredellosport.it, 22 dicembre 2015.
  9. ^ a b c d Higuain, record di gol: sono 36, superato Nordahl, su gazzetta.it, 14 maggio 2016.
  10. ^ Considerando invece tutti i campionati italiani di primo livello, il record è condiviso con Gino Rossetti, autore del medesimo numero di reti nel campionato 1928-29, cfr. (EN) Mark Doyle, From lazy to lethal: How Sarri turned Higuain into Serie A's most prolific striker ever, su goal.com, 14 maggio 2016.
  11. ^ (ES) Higuaín, el quinto goleador argentino en los mundiales, su infobae.com, 5 luglio 2014.
  12. ^ Vincenzo Chianese, Gonzalo Higuain viene da Brest ma sembra di Marte, su footballweb.it, 17 maggio 2016.
  13. ^ Giovanni Scotto, Gonzalo e Federico, gol a raffica, Nicolas fiuta l'affare: il momento degli Higuain, su calciomercato.com, 12 novembre 2015.
  14. ^ Rita Caridi, Calciatori e soprannomi: ecco perché Higuain è chiamato El Pipita, su calcioweb.eu, 16 aprile 2015.
  15. ^ a b (ES) 10 Curiosidades de: Gonzalo Higuaín, su futbolsapiens.com, 26 marzo 2013.
  16. ^ a b c d e f g h i j k l Juan Pablo Varsky, Higuaín los convence a todos, su lanacion.com.ar, 2 novembre 2009.
  17. ^ Martin Mazur, Higuain batté la meningite, Dybala stella in 10 minuti: alle radici dei bomber, su gazzetta.it, 26 gennaio 2016.
  18. ^ a b c d e f g h La storia di Gonzalo Higuain, il bomber che fa sognare Napoli, su tuttomercatoweb.com, 14 novembre 2013.
  19. ^ Matteo Palmigiano, C'era una volta il Boca-River di Tevez e Higuain: in Copa Sudamericana Vangioni e Meli deludono anche il Milan, su calciomercato.com, 21 novembre 2014.
  20. ^ a b Higuain, che spettacolo: numeri da fenomeno sulla ruota di Napoli, su sport.sky.it, 6 dicembre 2015.
  21. ^ a b c (EN) Blair Newman, Why Gonzalo Higuaín now stands as an equal with any No9 in world football, su theguardian.com, 29 gennaio 2016.
  22. ^ Pino Taormina, Fabio Cannavaro: «Napoli, attento: vince chi difende meglio», su sport.ilmattino.it, 10 febbraio 2016.
  23. ^ Nedved: "Higuain miglior finalizzatore del mondo", su tuttosport.com, 25 ottobre 2016.
  24. ^ a b Angelo Rossi, Napoli calcio. Fenomeno Higuain, Batistuta lo incorona: «Più forte di Cavani», su sport.ilmattino.it, 10 febbraio 2014.
  25. ^ a b Rino Cesarano, Napoli, Higuain sembra Maradona: segna e fa segnare, su corrieredellosport.it, 6 marzo 2015. (archiviato dall'url originale l'8 marzo 2015).
  26. ^ Serie A, Napoli: 21 reti e 10 assist. Higuain è il trascinatore, su corrieredellosport.it, 19 marzo 2014. (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2015).
  27. ^ a b Higuain fa cantare Napoli, Capello ricorda: "Lo portai io al Real...", su goal.com, 2 marzo 2014.
  28. ^ (EN) World Cup 2010: Diego Maradona Compares Gonzalo Higuain To Argentina Legends Gabriel Batistuta & Hernan Crespo, su goal.com, 26 giugno 2010.
  29. ^ Addio Francia! Maradona convoca Higuain e lo sottrae a Domenech: "Ci serviva uno così", su goal.com, 9 ottobre 2009.
  30. ^ (ES) El recuerdo del debut del Pipita, su lapaginamillonaria.com, 29 maggio 2012.
  31. ^ River Plate-CA Banfield 3:1, su calcio.com.
  32. ^ (ES) Juan Pablo Varsky, El misterioso FC Locarno, el elegido de los argentinos, su lanacion.com.ar, 6 agosto 2007.
  33. ^ (ES) Raúl Piña, El "Pipita" Higuaín se come a Boca, su elmundo.es, 9 ottobre 2006.
  34. ^ Antonino Morici, Higuain è del Real Madrid, su gazzetta.it, 14 dicembre 2006.
  35. ^ (ES) El Real Madrid ficha a Higuaín, su deportes.elpais.com, 14 dicembre 2006.
  36. ^ (ES) Higuaín cumplirá ante el Getafe su partido 100 en Liga con el Real Madrid, su adn.es, 23 marzo 2010. (archiviato dall'url originale il 29 marzo 2010).
  37. ^ a b c (ES) Sergio Gómez, Higuaín: cinco años de su primer gol con el Madrid, su futbol.as.com, 24 febbraio 2012.
  38. ^ Bayern a galla con Van Bommel, su it.uefa.com, 21 febbraio 2007.
  39. ^ (ES) Jorge Otero, El Madrid culmina una espectacular remontada y se dispara hacia el título, su 20minutos.es, 12 maggio 2007.
  40. ^ (ES) Sergio Barba, Real Madrid, Campéon de Liga 2007-2008, su espaciodeportes.com, 5 maggio 2008.
  41. ^ Clamoroso a Madrid, il Real vince in 9, su it.eurosport.com, 24 agosto 2008.
  42. ^ (ES) Higuaín: "Espero que la lesión de Van Nistelrooy no signifique su retirada", su deportes.elpais.com, 13 novembre 2008.
  43. ^ (ES) 8a giornata: Real Madrid 3-2 Athletic, su athleticclubita.blogspot.it, 28 ottobre 2008.
  44. ^ (ES) Higuaín: "Es la primera vez que marco cuatro goles", su futbol.as.com, 8 novembre 2008.
  45. ^ (EN) Real Madrid's Gonzalo Higuaín hits hat-trick to overwhelm Valladolid, su theguardian.com, 14 marzo 2010.
  46. ^ (ES) Comunicado oficial: Gonzalo Higuaín, renovado hasta 2016, su realmadrid.com, 7 giugno 2010. (archiviato dall'url originale il 9 settembre 2012).
  47. ^ (ES) Higuaín marcó el gol 700 del Real Madrid en Copa de Europa, su realmadrid.com, 3 novembre 2010. (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2012).
  48. ^ (ES) María Sánchez-Monge, Higuaín tenía motivos para huir del bisturí, su elmundo.es, 10 gennaio 2011.
  49. ^ (ES) Higuaín fue operado con éxito de la hernia discal, su clarin.com, 11 gennaio 2011. (archiviato dall'url originale il 28 luglio 2016).
  50. ^ Il Real Madrid vince la Coppa del Re, su ilpost.it, 21 aprile 2014.
  51. ^ Jacopo Gerna, Mourinho è il Re di Madrid. Decide Ronaldo, Barça battuto, su gazzetta.it, 20 aprile 2011.
  52. ^ Liga: splende ancora Coutinho, su sportmediaset.mediaset.it, 24 marzo 2012.
  53. ^ Real Madrid-Real Sociedad 5-1: 'Manita' delle merengues al Bernabeu, non c'è scampo per i baschi, su goal.com, 24 marzo 2012.
  54. ^ Liga: Cristiano Ronaldo mette a tacere il Camp Nou, su it.euronews.com, 21 aprile 2012.
  55. ^ (ES) Javier García, El tridente formado por Cristiano Ronaldo, Benzema e Higuaín ha marcado 118 goles esta temporada, su realmadrid.com, 23 maggio 2012. (archiviato dall'url originale il 7 settembre 2012).
  56. ^ Adriano Seu, Supershow: il Real piega il Barça. Mou si prende il primo trofeo, su gazzetta.it, 29 agosto 2012.
  57. ^ (ES) Tomás González-Martín, Benzema comienza en casa e Higuain, fuera, pero juegan los dos, su abc.es, 8 aprile 2013.
  58. ^ Higuain: «Addio Real. La Juve mi vuole», su corrieredellosport.it, 1º giugno 2013. (archiviato dall'url originale il 1º marzo 2015).
  59. ^ Il Napoli ufficializza l'acquisto di Gonzalo Higuain, su sscnapoli.it, 27 luglio 2013.
  60. ^ Gianluca Di Marzio, Higuain-Napoli, i dettagli economici dell'operazione, su gianlucadimarzio.com, 23 luglio 2013.
  61. ^ Alessio D'Urso e Gaetano Imparato, Napoli, Higuain fa le visite: è bagno di folla. C'è anche Reina: "Felice di ritrovare Benitez", su gazzetta.it, 25 luglio 2013.
  62. ^ Assegnati i numeri di maglia: il 9 ad Higuain, per Callejon il 7 e per Albiol il 33, su ilmattino.it, 30 luglio 2013. (archiviato dall'url originale il 30 luglio 2013).
  63. ^ Gennaro Bozza, Napoli-Bologna 3-0: apre Callejon, poi la doppietta di super Hamsik, su gazzetta.it, 25 agosto 2013.
  64. ^ Alessio D'Urso, Chievo-Napoli 2-4, Hamsik-Higuain da urlo. Non basta un super Paloschi, su gazzetta.it, 31 agosto 2013.
  65. ^ Alessandra Gozzini, Finale Coppa Italia, Fiorentina-Napoli 1-3. Doppio Insigne, gol di Vargas e Mertens, su gazzetta.it, 3 maggio 2014.
  66. ^ Supercoppa argentina: Tevez- Higuain 2-2, ma ai rigori gioisce solo il Pipita, su gazzetta.it, 22 dicembre 2014.
  67. ^ Jacopo Manfredi, Parma-Napoli 2-2, Mirante ferma la rincorsa azzurra alla Champions. Veleni dopo il 90', su repubblica.it, 10 maggio 2015.
  68. ^ Parma-Napoli 2-2: rissa Higuain-Mirante. Donadoni: "Voleva gli regalassimo la partita", su gazzetta.it, 10 maggio 2015.
  69. ^ Benitez: "Calcio italiano di m...". E il Giudice lo ferma un turno, su gazzetta.it, 12 maggio 2015.
  70. ^ a b Ivan Palumbo, Higuain, il quarto rigore sbagliato è letale: niente Champions, addio Napoli?, su gazzetta.it, 31 maggio 2015.
  71. ^ Nicola Berardino, Napoli-Lazio 2-4: Pioli ai preliminari di Champions, Benitez chiude quinto, su gazzetta.it, 31 maggio 2015.
  72. ^ Gianluca Monti, Napoli-Udinese 1-0. Decide Higuain in modalità Maradona, su gazzetta.it, 8 novembre 2015.
  73. ^ 200 goal per Higuain: a Napoli mai così letale, su goal.com, 8 novembre 2015.
  74. ^ Matteo Dalla Vite, Napoli-Inter 2-1, Higuain segna 2 gol: Sarri sorpassa Mancini e va in vetta, su gazzetta.it, 30 novembre 2015.
  75. ^ Napoli, Higuain come Maradona: "La città merita di sognare", su gazzetta.it, 30 novembre 2015.
  76. ^ Francesco Monaco, Higuain fa 70 in azzurro, raggiunti Vinicio e Canè, su napoli10.com, 7 dicembre 2015. (archiviato dall'url originale il 1º febbraio 2016).
  77. ^ a b Napoli nel segno di Higuain: in goal da sei gare di fila, eguagliato Maradona, su goal.com, 8 febbraio 2016.
  78. ^ Napoli, Higuain supera se stesso e punta Nordahl, Toni... e Maradona, su gazzetta.it, 20 marzo 2016.
  79. ^ Mimmo Malfitano, Udinese-Napoli 3-1: Fernandes che show! Sarri, ora è addio scudetto?, su gazzetta.it, 3 aprile 2016.
  80. ^ Armando Ossorio, Udinese-Napoli 3-1: Higuain espulso perde la testa, è quasi addio allo scudetto, su repubblica.it, 3 aprile 2016.
  81. ^ Valerio Piccioni, Napoli, ridotta da 4 a 3 turni la squalifica di Higuain: in campo a Roma, su gazzetta.it, 15 aprile 2016.
  82. ^ Gianluca Monti, Napoli-Frosinone 4-0: Champions e record di Higuain che supera Nordahl, su gazzetta.it, 14 maggio 2016.
  83. ^ a b Gonzalo Higuain è bianconero!, su juventus.com, 26 luglio 2016.
  84. ^ Higuain-Juve con lo sconto: il prezzo cala a 90 milioni, su gazzetta.it, 24 luglio 2016.
  85. ^ Higuain dal balcone della sede Juve espone la sua nuova maglia numero 9, su lastampa.it, 27 luglio 2016.
  86. ^ L'acquisto di Higuain batte i record di ingaggio degli ex campioni del Parma, su parma.repubblica.it, 26 luglio 2016.
  87. ^ Juve-Fiorentina, Higuain gol all'esordio: a Napoli non ci era mai riuscito, su gazzetta.it, 20 agosto 2016.
  88. ^ Jacopo Gerna, Juve-Fiorentina 2-1: Higuain segna al debutto e decide. Allegri, buona la prima, su gazzetta.it, 20 agosto 2016.
  89. ^ Valerio Clari, Juve-Sassuolo 3-1: Higuain doppietta, segna anche Pjanic, Allegri fa festa, su gazzetta.it, 10 settembre 2016.
  90. ^ Matteo Dalla Vite, Champions, Dinamo-Juve 0-4: gol di Pjanic, Higuain, Dybala e Dani Alves, su gazzetta.it, 27 settembre 2016.
  91. ^ Jacopo Gerna, Juventus-Napoli 2-1: Higuain decide ma non esulta. Bonucci e Callejon in gol, su gazzetta.it, 29 ottobre 2016.
  92. ^ Juventus-Napoli, Higuain segna il gol decisivo ma non esulta, su gazzetta.it, 29 ottobre 2016.
  93. ^ Juventus, Higuain in crisi: solo 7 gol e in 6 partite non ha mai tirato in porta!, su gazzetta.it, 30 novembre 2016.
  94. ^ Valerio Clari, Torino-Juventus 1-3: Belotti, doppietta di Higuain e Pjanic, su gazzetta.it, 11 dicembre 2016.
  95. ^ Valerio Clari, Coppa Italia, Juventus-Napoli 3-1: gol di Callejon, Dybala (2) e Higuain, su gazzetta.it, 28 febbraio 2017.
  96. ^ Marco Fallisi, Coppa Italia, Juve-Lazio 2-0: gol di Dani Alves e Bonucci, storico tris bianconero, su gazzetta.it, 17 maggio 2017.
  97. ^ Jacopo Gerna, Juventus-Crotone 3-0, bianconeri nella leggenda: gol di Mandzukic, Dybala e Alex Sandro, su gazzetta.it, 21 maggio 2017.
  98. ^ Fabio Balaudo, Dal 2012 al 2017: la Juve e la legge(nda) del 6, su it.uefa.com, 22 maggio 2017.
  99. ^ Fabio Balaudo, Real, poker e leggenda: la Juve si inchina, su it.uefa.com, 3 giugno 2017.
  100. ^ Valerio Clari, Higuain, continua la maledizioni delle finali, su gazzetta.it, 4 giugno 2017.
  101. ^ Il 'nuovo' Higuain: non segna, ma Allegri e Buffon lo portano a esempio, su goal.com, 23 ottobre 2017.
  102. ^ Marco Fallisi, Milan-Juventus 0-2: Higuain, doppietta e 101 gol in Serie A, su gazzetta.it, 28 ottobre 2017.
  103. ^ Milan-Juve, Higuain: "Era destino che arrivassi a 100 gol a San Siro...", su gazzetta.it, 28 ottobre 2017.
  104. ^ (ES) Higuaín quiere jugar en la Selección, su edant.clarin.com, 9 ottobre 2006. (archiviato dall'url originale il 28 giugno 2013).
  105. ^ a b (ES) Higuaín se ilusiona, su edant.clarin.com, 14 settembre 2006. (archiviato dall'url originale il 29 giugno 2012).
  106. ^ (ES) Federico Rozenbaum, La ley de ventaja, su edant.ole.com.ar, 25 gennaio 2007.
  107. ^ Lavezzi-gol per l'Argentina. Cavani sveglia l'Uruguay, su gazzetta.it, 7 febbraio 2008.
  108. ^ Maradona snobba Higuaín, lui pensa alla Francia, su sport.sky.it, 31 luglio 2009.
  109. ^ (ES) Palermo marcó el 2-1 en el minuto 93 y Argentina trepó al cuarto lugar, su elcomercio.pe, 10 ottobre 2009.
  110. ^ (ES) Maradona dio la lista de 23 jugadores, su espn.com.ar, 20 maggio 2010.
  111. ^ Pier Luigi Todisco, Vittoria all'Argentina. 4-1 alla Corea, su gazzetta.it, 17 giugno 2010.
  112. ^ (EN) 2010 FIFA World Cup South Africa™ - Matches, su fifa.com, 11 giugno 2010.
  113. ^ a b Nicola Apicella, Higuain superstar. L'Argentina è travolgente, su repubblica.it, 17 giugno 2010.
    «L'attaccante del Real Madrid segna una tripletta e diventa il terzo argentino a riuscire nell'impresa ad un mondiale dopo Guillermo Stabile (1930) e Gabriel Batistuta (1994 e 1998)».
  114. ^ Riccardo Pratesi, Rosetti sbaglia, l'Argentina no Il Messico cede il passo: 3-1, su gazzetta.it, 27 giugno 2010.
  115. ^ Massimo Brizzi, Spettacolo Germania. Argentina umiliata, su gazzetta.it, 3 luglio 2010.
  116. ^ Argentina, ecco i convocati per la Coppa: c'è Lavezzi, su corrieredellosport.it, 25 giugno 2011. (archiviato dall'url originale il 30 luglio 2012).
  117. ^ Luca Curino, Dramma Argentina, Uruguay in semifinale, su gazzetta.it, 17 luglio 2011.
  118. ^ Emiliano Pozzoni, Brasile 2014, bene l'Argentina Tre gol al Venezuela, uno di Messi, su gazzetta.it, 23 marzo 2013.
  119. ^ Aldo Cangemi, Mondiali 2014, Argentina-Bosnia 2-1: magia di Messi al Maracanã!, su gazzetta.it, 16 giugno 2014.
  120. ^ Francesco Carci, Argentina-Belgio 1-0, di Higuain il gol che vale la semifinale: ora c'è l'Olanda, su repubblica.it, 5 luglio 2014.
  121. ^ Valerio Clari, Mondiale, Argentina-Belgio 1-0. Higuain scaccia il tabù quarti, su gazzetta.it, 5 luglio 2014.
  122. ^ Angela Sarah Morlando, Higuain premiato come man of the match dell'Argentina, su calcionapoli24.it, 5 luglio 2014.
  123. ^ Stefano Cantalupi, Mondiali, Germania campione! Argentina battuta 1-0: Götze al 113', su gazzetta.it, 14 luglio 2014.
  124. ^ Jacopo Manfredi, Germania-Argentina 1-0, Goetze regala il titolo mondiale ai tedeschi, su repubblica.it, 13 luglio 2014.
  125. ^ Coppa America, Higuain e Tevez nei 23 dell'Argentina, su corrieredellosport.it, 28 maggio 2015.
  126. ^ Coppa America 2015: Higuain piega la Giamaica, Argentina ai quarti, su sportmediaset.mediaset.it, 21 giugno 2015.
  127. ^ Stefano Cantalupi, Argentina-Paraguay 6-1, l'albiceleste a valanga conquista la finale, su gazzetta.it, 30 giugno 2015.
  128. ^ Adriano Seu, Copa America al Cile: Argentina battuta 4-1 ai rigori, Messi piange ancora, su gazzetta.it, 5 luglio 2015.
  129. ^ Antonio Farinola, Coppa America, Cile nella storia: è campione ai rigori, maledizione Messi, su repubblica.it, 5 luglio 2015.
  130. ^ Copa America. Higuain e l'incubo dei rigori: condanna anche l'Argentina, su gazzetta.it, 5 luglio 2015.
  131. ^ Higuain, c'è la Copa America: ecco i 23 nomi di Martino, su gazzetta.it, 20 maggio 2016.
  132. ^ Massimo Lopes Pegna, Coppa America, Higuain stende il Venezuela: Argentina in semifinale, su gazzetta.it, 19 giugno 2016.
  133. ^ Riccardo Pratesi, Coppa America, l'Argentina è in finale. Higuain demolisce gli Usa, su gazzetta.it, 22 giugno 2016.
  134. ^ Valerio Clari, Coppa America, Cile-Argentina 4-2 d.c.r.. La maledizione non lascia Messi, su gazzetta.it, 27 giugno 2016.
  135. ^ Adriano Seu, Perù-Argentina 2-2: Higuain illude, Mascherano rovina tutto, su gazzetta.it, 7 ottobre 2016.
  136. ^ a b Nei play-off.
  137. ^ (ES) Nalbandian e Higuaín, los grandes ganadores de los premios Clarín Deportes, su edant.clarin.com, 11 dicembre 2006. (archiviato dall'url originale il 28 giugno 2013).
  138. ^ (EN) America´s Ideal Team of the Year, su rsssf.com.
  139. ^ La squadra della stagione di UEFA Europa League, su it.uefa.com, 30 maggio 2014.
  140. ^ La squadra della stagione di UEFA Europa League, su it.uefa.com, 28 maggio 2015.
  141. ^ Serie A, Gran Galà del Calcio Aic. Tutte le frasi e i premi, su tuttosport.com, 15 dicembre 2014.
  142. ^ Quanti Bianconeri premiati al Gran Galà del Calcio!, su juventus.com, 30 gennaio 2017.
  143. ^ Quanta Juve al Gran Galà del Calcio!, su juventus.com, 27 novembre 2017.
  144. ^ I migliori dieci gol della stagione di UEFA Europa League, su it.uefa.com, 23 maggio 2016.
  145. ^ (DE) Das ist das ESM-Team der Saison, su kicker.de.

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autoritàVIAF: (EN270921610