Walter Mazzarri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Walter Mazzarri
Metalist-Inter (1).jpg
Mazzarri all'Inter nel 2014
Nazionalità Italia Italia
Altezza 180 cm
Peso 77 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1995 - giocatore
Carriera
Giovanili
1976-1979
1979-1981
Follonica Follonica
Fiorentina
Squadre di club1
1981-1982 Pescara Pescara 26 (4)
1982 Cagliari Cagliari 4 (1)
1982-1983 Reggiana Reggiana 12 (1)
1983-1988 Empoli Empoli 91 (4)
1988-1989 Licata Licata 8 (0)
1989-1990 Modena Modena 21 (1)
1990-1991 Nola Nola 30 (3)
1991-1992 Viareggio Viareggio 11 (0)
1992-1994 Acireale Acireale 32 (1)
1994-1995 Torres Torres 9 (0)
Carriera da allenatore
1996-1998 Bologna Vice
1998-1999 Napoli Vice
1999-2001 Bologna Primavera
2001-2002 Acireale Acireale
2002-2003 Pistoiese Pistoiese
2003-2004 Livorno Livorno
2004-2007 Reggina Reggina
2007-2009 Sampdoria
2009-2013 Napoli
2013-2014 Inter
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 9 febbraio 2015

Walter Mazzarri (San Vincenzo, 1º ottobre 1961) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Conta oltre 400 presenze in panchina tra Serie A e B, oltre a due finali di Coppa Italia (una persa ed una vinta).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 maggio 2007 ha ricevuto la cittadinanza onoraria di Reggio Calabria.[1][2] Nel 2014 è pubblicata la sua autobiografia, dal titolo Il meglio deve ancora venire.

Mazzarri è stato il primo allenatore a parlare ai giocatori, durante le partite, con la mano davanti alla bocca (in particolare con Cassano) per impedire la decifrazione il labiale tramite le telecamere.[3] Il gesto è visto per la prima volta durante il suo biennio alla Sampdoria.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Mazzarri all'Empoli negli anni ottanta

Iniziò alle giovanili di Follonica e Fiorentina, dove fu definito «nuovo Antognoni».[4] Nel 1981 Pescara, 1982 Cagliari, 1982-83 Reggiana, Empoli cinque anni, contribuendo nel 1986 alla prima promozione degli azzurri in Serie A. Nel 1988-89 fu ceduto al Licata, poi Modena (con cui vinse il campionato di Serie C1), Nola, Viareggio, Acireale (promozione in Serie B) per poi giocare lo spareggio, nel 1993-94, che decretò la retrocessione del Pisa. Nel 1994-95 disputò l'ultima stagione in carriera con la Torres.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Inizi[modifica | modifica wikitesto]

Inizia collaboratore tecnico di Renzo Ulivieri a Bologna e Napoli, preparando la tesi per l’abilitazione ad allenatore professionista di 1ª Categoria. Con la società rossoblu guida la Primavera. Si sposta ad Acireale in Serie C2, chiudendo al nono posto e alla Pistoiese in Serie C1 ottenendo il decimo posto finale.

Livorno, Reggina[modifica | modifica wikitesto]

Nel campionato 2003-04 è ingaggiato dal Livorno in Serie B, portando la squadra della sua città alla promozione in serie A. L'anno successivo va alla Reggina in Serie A, dove trascorre tre anni. Nel primo campionato, 2004-2005, porta gli amaranto al 10º posto. L'anno seguente, dopo l'inizio stentato, la Reggina si salva. Nel 2006-2007 si salva all'ultima giornata dopo la penalizzazione di 15 punti (poi ridotti a 11) inflitta alla squadra per Calciopoli: senza questa sanzione si sarebbe qualificato in Intertoto.

Sampdoria[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º giugno 2007 è ingaggiato dalla Sampdoria, firmando contratto biennale con opzione del terzo.[5] Alla prima stagione a Genova, dopo un positivo campionato, porta la Sampdoria alla qualificazione in Coppa UEFA 2008-2009 con due giornate d'anticipo da fine campionato, chiuso al 6º posto a 60 punti. In squadra allena anche Antonio Cassano. Il 22 maggio 2008 prolunga l'accordo coi liguri fino al 2010.[6]

La stagione successiva è negativa per il tecnico blucerchiato. Soprattutto il campionato si presenta pieno di difficoltà per la Sampdoria, che per lunghi tratti lotta per non retrocedere e conclude il torneo in bassa classifica. La stagione vede la squadra perdere entrambi i derby col Genoa (0-1, 1-3). In Coppa UEFA è eliminato ai sedicesimi dal Metalist Kharkiv. Con la Lazio, finale di Coppa Italia, perde ai rigori. Le voci di un allontanamento da Genova a fine stagione si fanno più pressanti. Il 31 maggio 2009 il tecnico annuncia, dopo l'ultima gara di campionato pareggiata a Palermo 2-2, di aver deciso assieme alla società di separarsi.[7]

Napoli[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 ottobre 2009, dopo le prime 7 gare di campionato, è ingaggiato da allenatore del Napoli sostituendo l'esonerato Roberto Donadoni,[8] 11 anni dopo l'esperienza da vice allenatore di Renzo Ulivieri sulla panchina partenopea, firmando contratto da 1,3 milioni a stagione fino al 2011.[9]

Esordisce sulla panchina azzurra il 18 ottobre 2009 nella gaar al San Paolo col Bologna vinta 2-1 in rimonta.[10] Ottiene la panchina numero 200 in Serie A il 20 dicembre 2009 in Napoli-Chievo 2-0, decimo risultato utile consecutivo.[11][12] Sotto la sua guida, il Napoli risale in classifica chiudendo il girone d'andata al terzo posto, cosa che non accadeva da 18 anni.[13][14] La prima sconfitta in una gara ufficiale arriva in Coppa Italia con la Juventus (3-0 per i bianconeri a Torino), interrompendo 13 gare senza sconfitte tra campionato, coppa.[15] La prima sconfitta in campionato è nella trasferta di Udine, 7 febbraio 2010 (3-1 per l'Udinese); la serie di risultati utili del Napoli si ferma a 15 (8 vittorie, 7 pareggi), seconda ai 16 risultati utili consecutivi ottenuti nel 1989-1990, anno del secondo scudetto.[16] Guida gli azzurri al record di punti in serie A con i tre punti a vittoria[17][18] e con la vittoria a Verona col Chievo (1-2), 2 maggio 2010, porta i partenopei alla qualificazione in Europa League con due gare d'anticipo,[19] chiudendo il campionato al sesto posto a 59 punti.[20] Il 22 maggio prolunga il contratto fino al 2013.[21]

Mazzarri al Napoli nel 2012

La stagione successiva inizia passando il turno di qualificazione alla fase a gironi di Europa League 2010-2011 battendo l'Elfsborg[22] (1-0[23] a Napoli, 0-2[24] in Svezia). In campionato debutta con la Fiorentina allo stadio Artemio Franchi pareggiando 1-1.[25] Vince 2-0 con la Roma[26] dopo 13 anni di risultati negativi coi giallorossi[27]. In Europa League supera la fase a gironi,[28] venendo eliminato poi dal Villarreal.[29] Il 15 maggio 2011, grazie al pareggio 1-1 con l'Inter in campionato, il Napoli ottiene il terzo posto qualificandosi in Champions League dopo 21 anni. Il 23 maggio, in seguito a un chiarimento col presidente Aurelio De Laurentis, è confermato allenatore del Napoli per la stagione 2011-2012.[30]

Il 25 agosto 2011 il sorteggio di Champions League, dove il Napoli era squadra di quarta fascia,[31] pone gli azzurri in girone con Bayern Monaco, Manchester City, Villarreal. Il 14 settembre 2011 esordisce in Champions League affrontando in trasferta il Manchester City di Roberto Mancini, gara finita 1-1.[32] In europa il Napoli ottiene qualificazione al turno successivo vincendo 2-0 a Villarreal all'ultima gara di girone dove finiscono secondi dietro al Bayern Monaco, eliminando le altre due squadre del girone.[33] Agli ottavi incontrano il Chelsea: vittoria all'andata a Napoli 3-1, sconfitta a Londra 4-1 dopo i tempi supplementari, uscendo dalla competizione.[34][35] In campionato, dove il Napoli affronta momenti negativi, ottiene a fatica il quinto posto, che la esclude dalla successiva Champions League e la porta a disputare i play-off di Europa League 2012-2013; ciò è evitato il 20 maggio 2012, quando Mazzarri vince il primo trofeo da allenatore battendo in finale di Coppa Italia la Juventus 2-0, riportando la Coppa a Napoli dopo venticinque anni.[36]

Nella stagione 2012-2013, dopo aver perso la Supercoppa italiana in finale a Pechino con la Juventus, Mazzarri porta il Napoli al secondo posto in campionato a 78 punti, seconda qualificazione diretta alla fase a gironi di UEFA Champions League in tre stagioni, migliorando record di punti e piazzamento di due anni prima. A fine torneo il 19 maggio, con contratto in scadenza annuncia la fine dell'esperienza partenopea, sostenendo d'aver terminato il suo ciclo a Napoli.[37]

Inter[modifica | modifica wikitesto]

Durante la stagione 2013-14 siede sulla panchina dell'Inter, dopo la firma di un accordo biennale.[38] Conduce la squadra al quinto posto in campionato, accedendo ai play-off di Europa League.[39][40] Nel corso del torneo, i nerazzurri ottengono la più larga affermazione esterna in massima serie (0-7 in casa del Sassuolo)[41] e risultano la squadra con più reti segnate in trasferta, 35.[42][43]

Prolunga quindi il suo contratto per altri due anni, con l'ingaggio immutato e l'aggiunta di un bonus per l'eventuale qualificazione alla Champions League.[44][45] Il 14 novembre 2014, dopo undici gare di campionato (con 16 punti in classifica), viene esonerato per la prima volta nella sua carriera.[46][47] Nel febbraio 2015, nell'ambito di un'intervista al giornale giapponese World Soccer Digest, commenta l'accaduto ritenendo ingiusto il licenziamento.[48][49]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1981-1982 Italia Pescara B 26 4 CI ? ? 26+ 4+
1982-1983 Italia Cagliari A 4 0 CI ? ? 4+ 0+
1982-1983 Italia Reggiana B 12 1 CI ? ? 12+ 1+
1983-1984 Italia Empoli B 28 2 CI ? ? 28+ 2+
1984-1985 B 25 0 CI ? ? 25+ 0+
1985-1986 B 9 2 CI ? ? 9+ 2+
1986-1987 A 14 0 CI ? ? 14+ 0+
1987-1988 A 15 0 CI ? ? 15+ 0+
Totale Empoli 91 4  ? ? 91+ 4+
1988-1989 Italia Licata B 8 0 CI ? ? 8+ 0+
1989-1990 Italia Modena C1 21 0 CIC ? ? 21+ 0+
1990-1991 Italia Nola C1 24 3 CIC ? ? 24+ 3+
lug. - nov. 1991 C1 6 0 CIC ? ? 6+ 0+
Totale Nola 30 3 ?  ? 30+ 3+
nov. 1991-1992 Italia Viareggio C2 11 0 CIC ? ? 11+ 0+
1992-1993 Italia Acireale C1 19 1 CIC ? ? 19+ 1+
1993-1994 B 13 0 CI ? ? 13+ 0+
Totale Acireale 32 1 ?  ? 32+ 1+
1994-1995 Italia Torres C2 9 0 CIC ? ? 9+ 0+
Totale carriera 244 15 ? ? 244+ 15+

Carriera da allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 9 novembre 2014.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale Vittorie % Piazzamento
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
2001-2002 Italia Acireale C2 31 10 10 11 CIC 0 0 0 0 - - - - - - - - - - 31 10 10 11 32,26 9º girone C
2002-2003 Italia Pistoiese C1 34 11 11 12 CI+CIC 3+2 1+0 0+0 2+2 - - - - - - - - - - 39 12 11 16 30,77 10º girone A
2003-2004 Italia Livorno B 46 20 19 7 CI 1 0 1 0 - - - - - - - - - - 47 20 20 7 42,55 3º (promozione)
2004-2005 Italia Reggina A 38 10 14 14 CI 2 0 0 2 - - - - - - - - - - 40 10 14 16 25,00 13°
2005-2006 A 38 11 8 19 CI 2 1 0 1 - - - - - - - - - - 40 12 8 20 30,00 13°
2006-2007 A 38 12 15 11 CI 5 3 2 0 - - - - - - - - - - 43 15 17 11 34,88 14°
Totale Reggina 114 33 37 44 9 4 2 3 - - - - - - - - 123 37 39 47 30,08
2007-2008 Italia Sampdoria A 38 17 9 12 CI 4 1 1 2 I+CU 2+4 2+1 0+3 0+0 - - - - - 48 21 13 14 43,75
2008-2009 A 38 11 13 14 CI 5 2 2 1 CU 8 4 1 3 - - - - - 51 17 16 18 33,33 13°
Totale Sampdoria 76 28 22 26 9 3 3 3 14 7 4 3 - - - - 99 38 29 32 38,38
2009-2010 Italia Napoli A 31 13 13 5 CI 2 1 0 1 - - - - - - - - - - 33 14 13 6 42,42 6°(subentrato)
2010-2011 A 38 21 7 10 CI 2 1 1 0 UEL 10[50] 3[50] 5 2 - - - - - 50 25 13 12 50,00
2011-2012 A 38 16 13 9 CI 5 4 0 1 UCL 8 4 2 2 - - - - - 51 24 15 12 47,06
2012-2013 A 38 23 9 6 CI 1 0 0 1 UEL 8 3 0 5 SI 1 0 0 1 48 26 9 13 54,17
Totale Napoli 145 73 42 30 10 6 1 3 26 10 7 9 1 0 0 1 182 89 50 43 48,90
2013-2014 Italia Inter A 38 15 15 8 CI 3 2 0 1 - - - - - - - - - - 41 17 15 9 41,46
2014-2015 A 11 4 4 3 CI - - - - UEL 6[50] 4[50] 2 0 - - - - - 17 8 6 3 47,06 7º (esonerato)
Totale Inter 49 19 19 11 3 2 0 1 6 4 2 0 58 25 21 12 43,10
Totale carriera 495 194 160 141 37 16 7 14 46 21 13 12 1 0 0 1 579 231 180 169 39,90

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mazzarri alla Samp: è fatta in la Repubblica, 29 maggio 2007, p. 23. URL consultato il 18 ottobre 2009.
  2. ^ Reggina, tutti cittadini onorari Rai.tv
  3. ^ WM e il labiale: "La mano davanti alla bocca? L'ho inventata io con Cassano! Con me ha fatto benissimo" - FC Inter News
  4. ^ Da Antognoni a Bianchi: storia di Walter Mazzarri Sampdoria.it
  5. ^ Walter Mazzarri nuovo allenatore della Sampdoria Sampdoria.it
  6. ^ Mazzarri fino al 2010: «Ho ancora più entusiasmo» Sampdoria.it
  7. ^ Mazzarri: «Lascio la Samp, ho rescisso consensualmente» Sampdoria.it
  8. ^ Walter Mazzarri nuovo allenatore, sscnapoli.it
  9. ^ Mazzarri è il nuovo allenatore del Napoli Corrieredellosport.it
  10. ^ Napoli-Bologna 2-1 Sscnapoli.it
  11. ^ Napoli-Chievo 2-0 Sscnapoli.it
  12. ^ 10 partite senza ko: Mazzarri eguaglia Vinicio, ora ci sono Marchesi e Bigon a quota 16 Tuttonapoli.net
  13. ^ Napoli, il passo è da grande Repubblica.it
  14. ^ Stacco Denis, volo Napoli Gazzetta.it
  15. ^ Juventus-Napoli 3-0 Sscnapoli.it
  16. ^ Udinese-Napoli 3-1 Sscnapoli.it
  17. ^ Mazzarri: grande vittoria, squadra matura ed autoritaria, sscnapoli.it
  18. ^ Mazzarri batte il record di punti di Boskov! Tuttonapoli.net
  19. ^ Denis-Lavezzi per l'Europa, Napoli sesto davanti alla Juventus Gazzetta.it
  20. ^ Quagliarella esalta il Napoli: «Campionato straordinario» Corrieredellosport.it
  21. ^ Mazzarri ha rinnovato fino al 2013 Sscnapoli.it
  22. ^ Calcio: Sorteggio Europa League, spareggio Napoli-Elfsborg - Adnkronos Sport
  23. ^ Napoli-Elfsborg 1-0: Super Pocho Lavezzi regala la prima gioia stagionale al pubblico partenopeo - Goal.com
  24. ^ Elfsborg – Napoli 0-2: è Cavani show | Sport 10
  25. ^ Il Napoli pareggia contro la Fiorentina (1-1) video
  26. ^ Serie A: NAPOLI ROMA 2-0 - EZ Rome - eventi e cultura a Roma questa settimana
  27. ^ Il Napoli sale sul podio, Roma sempre più giù
  28. ^ Il Napoli passa all'ultimo respiro: 1 a 0 allo Steaua - Il Sole 24 ORE
  29. ^ Che Napoli, ma non basta. È fuori dall'Europa League Corrieredellosport.it
  30. ^ UFFICIALE: Mazzarri confermato alla guida del Napoli.
  31. ^ Champions League, il Napoli è in quarta fascia - AreaNapoli.it
  32. ^ Manchester City-Napoli 1-1, uefa.com, 14 settembre 2011.
  33. ^ Capolavoro Napoli, vince 2-0 con il Villareal e vola agli ottavi - Panorama
  34. ^ Napoli, la favola continua, In coppa Chelsea steso 3-1 - La Gazzetta dello Sport
  35. ^ Napoli, sogno infranto: il Chelsea vince 4-1 e va ai quarti - Sport - Sky.it
  36. ^ Coppa Italia al Napoli. Primo k.o. della Juve, gazzetta.it, 20 maggio 2012.
  37. ^ Mazzarri: Il mio ciclo a Napoli è finito, sscnapoli.it, 19 maggio 2013.
  38. ^ Comunicato ufficiale di F.C. Internazionale, Inter.it, 24 maggio 2013. URL consultato il 24 maggio 2013.
  39. ^ Valerio Clari, Inter-Lazio 4-1. Gol di Biava, Palacio (2), Icardi e Hernanes. E Zanetti fa festa, La Gazzetta dello Sport, 10 maggio 2014. URL consultato il 7 luglio 2015.
  40. ^ #IoNonStoConWalter, Canale Inter, 21 maggio 2014. URL consultato il 26 maggio 2014.
  41. ^ Marco Gaetani, Sassuolo-Inter 0-7, valanga nerazzurra: Mazzarri ritrova anche Milito in La Repubblica, 22 settembre 2013. URL consultato il 9 aprile 2015.
  42. ^ Vincenzo Currò, Inter, record da trasferta: è la squadra che ha segnato di più fuori casa, Calcioweb.eu, 17 aprile 2014. URL consultato il 26 maggio 2015.
  43. ^ Anche l'Inter a caccia di record: Mazzarri da trasferta come il Mancini 2007 ?, Goal.Italia, 22 aprile 2014. URL consultato il 26 maggio 2015.
  44. ^ Inter: Mazzarri prolunga fino al 2016, ANSA. URL consultato il 2 luglio 2014.
  45. ^ Inter, Thohir: "Mazzarri? Il contratto sarà prolungato fino al 2016"
  46. ^ Mazzarri se la prende con la pioggia, si scatena l'ironia dei tifosi in La Gazzetta dello Sport, 10 novembre 2014. URL consultato il 21 maggio 2015.
  47. ^ Comunicato ufficiale di F.C. Internazionale, inter.it. URL consultato il 14 novembre 2014.
  48. ^ Inter, Mazzarri: "Non c'erano i presupposti per il mio esonero", La Gazzetta dello Sport, 20 febbraio 2015. URL consultato il 25 febbraio 2015.
  49. ^ Mazzarri: "Con me Inter al 3º posto: dati statistici avvalorano questa tesi, Inter.it, 9 marzo 2015. URL consultato il 7 luglio 2015.
  50. ^ a b c d 2 nei play-off.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]