Jock Stein

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jock Stein
Celtic - Jock Stein.JPG
Nazionalità Scozia Scozia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 1956 - giocatore
1985 - allenatore
Carriera
Squadre di club1
1942-1943Albion Rovers? (?)
1943Dundee Utd? (?)
1943-1950Albion Rovers? (?)
1950-1951Llanelli? (?)
1951-1956Celtic148 (2)
Carriera da allenatore
1956-1961 Celtic Giovanili
1961-1964 Dunfermline
1964-1965 Hibernian
1965 Scozia Scozia
1965-1978 Celtic
1978 Leeds Utd
1978-1985 Scozia Scozia
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Jock Stein, all'anagrafe John Stein (Burnbank, 5 ottobre 1922Cardiff, 10 settembre 1985), è stato un calciatore e allenatore di calcio scozzese.

È stato inserito nella top ten dei migliori allenatori di tutti i tempi[1]. Fu il primo tecnico a centrare il cosiddetto triplete, conquistandolo alla guida del Celtic nella stagione 1966-1967.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Jock Stein iniziò la sua carriera da giocatore con gli Albion Rovers nel 1942, in Seconda Divisione. Nel 1943 ebbe una breve esperienza con il Dundee United, poi tornò al club di Coatbridge giocando, tra il 1948 e il 1950, solo 17 partite segnando due goal.

Nel 1950 Stein firmò per il Llanelli, squadra della Lega Gallese, quindi l'anno successivo approdò al Celtic, dove ottenne un double nel 1954 vincendo sia campionato, sia coppa nazionale. Si ritirò nel 1955 a causa di un infortunio.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Terminata la carriera di calciatore, Stein rimase legato al Celtic come allenatore del settore giovanile (in cui valorizzò futuri talenti tra cui Billy McNeill e Paddy Crerand), ruolo che mantenne fino al 1960, anno in cui fu ingaggiato dal Dunfermline Athletic. Alla sua prima stagione vince la Coppa di Scozia (1961) eliminando l'Aberdeen e sconfiggendo il Celtic nella ripetizione della finale per 2-0. Si guadagna l'accesso alla Coppa delle Coppe e la stagione seguente torna a giocare una competizione europea lottando per le posizioni di vertice in campionato, finito in quarta posizione a pochi punti di distanza dal Celtic. Nella Coppa delle Fiere esclude l'Everton prima di uscire col Valencia per la regola dei gol in trasferta, nonostante un netto successo per 6-2.

Nel 1964 fu ingaggiato dall'Hibernian di Edimburgo, quindi l'anno successivo, dopo un breve periodo in cui sedette sulla panchina della nazionale scozzese, tornò al Celtic come allenatore della prima squadra. Stein mantenne il ruolo di allenatore per tredici anni, fino al 1978, in cui vinse dieci campionati (di cui nove conquistati consecutivamente, dal 1966 al 1974), sette Coppe di Scozia, sei Coppe di Lega e soprattutto la Coppa dei Campioni nel 1967, occasione nella quale il Celtic si guadagnò il soprannome di Lisbon Lions. Dimostra di essere competitivo anche nelle competizioni europee.[2] Al suo primo anno da manager del Celtic arriva in semifinale di Coppa delle Coppe, arrestato dal Liverpool dopo aver eliminato la Dinamo Kiev. L'anno seguente, alla sua prima partecipazione, vince la Coppa Campioni. Stein raggiunge la finale contro l'Inter avendo perso solo una partita, in trasferta col Vojvodina (1-0): i Celts restano solidi anche nella finale di Lisbona e rimontano l'iniziale vantaggio di Sandro Mazzola, diventando la prima squadra britannica a vincere il torneo.[2]

Stein perde l'Intercontinentale col Racing Club (dopo tre partite), ma continua a fare bene in Europa vincendo nel corso delle annate contro Stella Rossa, Benfica, Fiorentina, Ajax, Újpest, Inter e pareggiando contro il Milan campione d'Europa 1969. Nel 1970 torna in finale di Coppa Campioni, tuttavia perde la sfida, in rimonta, contro il Feyenoord 2-1.

Nel 1978, dopo una breve parentesi al Leeds Utd, Stein passò sulla panchina della nazionale scozzese, che guidò ai Mondiali del 1982. Stein mantenne tale incarico fino alla morte, che lo colse a Cardiff il 10 settembre 1985, a causa di un attacco cardiaco che lo colpì mentre assisteva alla partita contro il Galles, valevole per la qualificazione ai Mondiali del 1986.[2][3]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche da allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

In grassetto le competizioni vinte.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale % Vittorie Piazzamento
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
mar.-giu. 1960 Scozia Dunfermline SDO 6 6 0 0 - - - - - - - - - - - - - - - 6 6 0 0 100,00& 13º
1960-1961 SDO 34 12 7 15 SC+SLC 8+6 6+2 2+1 0+3 - - - - - - - - - - 48 20 10 18 41,67 12º
1961-1962 SDO 34 19 5 10 SC+SLC 5+6 3+2 1+3 1+1 CdC 6 3 0 3 - - - - - 51 27 9 15 52,94
1962-1963 SDO 34 13 8 13 SC+SLC 2+6 1+2 0+3 1+1 CdF 5 2 0 3 - - - - - 47 18 11 18 38,30
1963-mar. 1964 SDO 30 15 8 7 SC+SLC 4+6 3+3 0+0 1+3 - - - - - - - - - - 10 6 0 4 60,00 Dimissionario
Totale Dunfermline 138 65 38 45 43 22 10 11 11 5 0 6 - - - - 192 93 37 62 48,44
mar.-giu. 1964 Scozia Hibernian SDO 3 2 1 0 - - - - - - - - - - - - - - - 3 2 1 0 66,67 10º
1964-mar. 1965 SDO 25 16 3 6 SC+SLC 4+6 3+4 1+1 0+1 - - - - - - - - - - 35 23 5 7 65,71 Dimissionario
Totale Hibernian 28 18 4 6 10 7 2 1 - - - - - - - - 38 25 6 7 65,79
mar.-giu. 1965 Scozia Celtic SDO 9 3 1 5 SC 3 2 1 0 - - - - - - - - - - 12 5 2 5 41,67
1965-1966 SDO 34 27 3 4 SC+SLC 7+11 4+8 2+1 1+2 CdC 8 6 1 1 - - - - 60 45 7 8 75,00
1966-1967 SDO 34 26 6 2 SC+SLC 6+10 5+10 1+0 0+0 CC 9 7 1 1 - - - - - 59 48 8 3 81,36
1967-1968 SDO 34 30 3 1 SC+SLC 1+10 0+9 0+1 1+0 CC 2 0 1 1 CInt 3 1 0 2 50 40 5 5 80,00
1968-1969 SDO 34 23 8 3 SC+SLC 7+10 5+10 2+0 0+0 CC 6 2 2 2 - - - - - 57 40 12 5 70,18
1969-1970 SDO 34 27 3 4 SC+SLC 5+11 4+8 0+2 1+1 CC 9 5 1 3 - - - - - 59 44 6 9 74,58
1970-1971 SDO 34 25 6 3 SC+SLC 8+11 5+6 3+4 0+1 CC 6 5 0 1 - - - - - 59 41 13 5 69,49
1971-1972 SDO 34 28 4 2 SC+SLC 6+10 5+8 1+0 0+2 CC 8 4 3 1 - - - - - 58 45 8 5 77,59
1972-1973 SDO 34 26 5 3 SC+SLC 7+13 4+9 2+2 1+2 CC 4 3 0 1 - - - - - 58 42 9 7 72,41
1973-1974 SDO 34 23 7 4 SC+SLC 6+6 5+5 1+0 0+1 CC 8 4 2 2 - - - - - 54 37 10 7 68,52
1974-1975 SDO 34 20 5 9 SC+SLC 5+10 5+8 0+1 0+1 CC 2 0 1 1 - - - - - 51 33 7 11 64,71
1975-1976 SPD 36 21 6 9 SC+SLC 1+10 0+8 0+0 1+2 CdC 6 3 2 1 - - - - - 53 32 8 13 60,38
1976-1977 SPD 36 23 9 4 SC+SLC 7+10 5+7 2+2 0+1 CU 2 0 1 1 - - - - - 55 35 14 6 63,64
1977-1978 SPD 36 15 6 15 SC+SLC 3+8 1+5 1+2 1+1 CC 4 3 0 1 - - - - - 51 24 9 18 47,06
Totale Celtic 421 296 66 59 198 147 32 19 74 42 15 17 3 1 0 2 696 486 113 97 69,83
ago.-set. 1978 Inghilterra Leeds Utd FD 9 3 3 3 FLC 1 1 0 0 - - - - - - - - - - 10 4 3 3 40,00 Dimissionario
Totale carriera 596 382 111 113 252 177 44 31 85 52 15 23 3 1 0 2 936 612 170 169 65,38

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Calciatore[modifica | modifica wikitesto]

Statua in onore di Jock Stein all'entrata del Celtic Park.

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Celtic: 1953-1954
Celtic: 1953-1954

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Celtic: 1953

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Celtic: 1965-1966, 1966-1967, 1967-1968, 1968-1969, 1969-1970, 1970-1971, 1971-1972, 1972-1973, 1973-1974, 1976-1977
Dunfermline: 1960-1961
Celtic: 1964-1965, 1966-1967, 1968-1969, 1970-1971, 1971-1972, 1973-1974, 1974-1975, 1976-1977
Celtic: 1965-1966, 1966-1967, 1967-1968, 1968-1969, 1969-1970, 1974-1975

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Celtic: 1966-1967

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Top ten allenatori di tutti i tempi, su footballpantheon.com, 15 settembre 2008. URL consultato il 1º gennaio 2014.
  2. ^ a b c Buffa
  3. ^ Jock Stein muore d'infarto dopo la partita, in la Repubblica, 11 settembre 1985.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Federico Ferri e Federico Buffa, Storie Mondiali: Diegooooooooo! (1986), Sky Sport, 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN50147429 · ISNI (EN0000 0000 3864 0418 · LCCN (ENn98880027 · GND (DE123912415