Real Madrid Club de Fútbol 2015-2016

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Real Madrid Club de Fútbol.

Real Madrid C.F.
Stagione 2015-2016
AllenatoreSpagna Rafael Benítez (1ª-18ª) poi Francia Zinédine Zidane (19ª-38ª)
All. in secondaItalia Fabio Pecchia (1ª-18ª) poi Francia David Bettoni (19ª-38ª)
PresidenteSpagna Florentino Pérez
Liga2º posto
Coppa del ReSedicesimi di finale
UEFA Champions LeagueVincitore
Maggiori presenzeCampionato: C. Ronaldo (36)
Totale: C. Ronaldo (48)
Miglior marcatoreCampionato: C. Ronaldo (35)
Totale: C. Ronaldo (51)
StadioSantiago Bernabeu (85.454)
Maggior numero di spettatori80.500 (vs Barcellona, 21 novembre 2015)
Minor numero di spettatori60.663 (vs Malmö, 8 dicembre 2015)
Media spettatori71.641¹
¹
considera le partite giocate in casa in tutte le competizioni.

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti il Real Madrid Club de Fútbol nelle competizioni ufficiali della stagione 2015-2016.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Rafael Benítez, chiamato per sostituire l'esonerato Ancelotti, sarà a sua volta allontanato dalla panchina madrilena solo sei mesi più tardi.

L'esordio stagionale, nonché coincidente con la prima giornata di campionato regala agli uomini di Benitez un pareggio per 0-0 sul campo del neopromosso Sporting Gijón.[1] Nel turno successivo matura la prima vittoria dell'annata ai danni del Betis, sconfitto 5-0 al Bernabéu.[2] Pioggia di gol anche nella prima gara dopo la sosta per le Nazionali. Al Cornellá-El Prat di Barcellona l'Espanyol viene regolato per 0-6,[3] grazie a 5 reti di Cristiano Ronaldo ed a una di Benzema,[4] che risulta decisivo anche nelle seguenti due partite, nelle quali segna i gol utili per sconfiggere il Granada (1-0)[5] e l'Athletic Bilbao (1-2).[6] Il secondo pareggio, sempre per 0-0, matura nella sesta giornata contro il Malaga, che fa perdere ai madrileni la testa della classifica.[7] Altro punto anche nel primo derby stagionale contro l'Atletico Madrid che, al Calderón, ferma gli uomini di Benitez sull'1-1.[8] Un gol di Marcelo, uno di Ronaldo ed uno di Jesé confezionano la prima vittoria dopo 3 turni, che vede i Blancos prevalere per 3-0 contro il Levante.[9] Con un 1-3 propiziato da un altro centro del difensore brasiliano, uno dell'attaccante portoghese e uno del neoacquisto Danilo, invece, regolano il Celta Vigo capolista, portandosi momentaneamente in testa al campionato.[10] Stesso risultato nel turno seguente dove i Blancos affondano il neopromosso Las Palmas, sconfitto, per l'appunto, 3-1 tra le mura del Bernabéu.[11] La prima sconfitta stagionale matura alla 11ª giornata e vede gli uomini di Benitez perdere per 3-2 sul campo del Siviglia, cedendo la vetta solitaria della classifica al Barcellona,[12] che aumenterà ulteriormente il suo vantaggio due settimane più tardi, quando riesce ad espugnare il Bernabéu per 0-4, facendo retrocedere i Blancos ulteriormente, al terzo posto, ai danni dell'Atletico Madrid.[13] Il ritorno alla vittoria non si fa attendere; i gol di Bale e Cristiano Ronaldo bastano per sconfiggere l'Eibar (0-2),[14] in gol anche nell'altro successo, questa volta ai danni del Getafe, regolato 4-1.[15] È una rete di Soldado, all'ottavo minuto di gioco, a sancire la terza sconfitta in solo cinque giornata di Liga per i Blancos, che al Madrigal cadono contro il Villarreal (1-0).[16] Il 20 dicembre seguente la banda di Benitez torna al successo, battendo per 10-2 il Rayo Vallecano, grazie alle quattro marcature di Gareth Bale, tre di Benzema, due di Cristiano Ronaldo ed un'altra di Danilo.[17] Vista la portata del risultato lo si può considerare un match storico: era dal 7 febbraio 1960 che una squadra spagnola non segnava 10 o più gol in una partita di Liga, quando proprio il club madrileno sconfisse per 11-2 l'Elche.[18] L'ultimo incontro dell'anno solare 2015 è Real Madrid-Real Sociedad, disputato il 30 dicembre, e terminato 3-1 in favore delle Merengue.[19] Il primo match del 2016, invece, ferma la rimonta alla vetta della classifica occupata dei cugini dell'Atletico Madrid. Al Mestalla di Valencia, infatti, nonostante un doppio vantaggio, i Blancos si fanno recuperare sul 2-2, perdendo ulteriori due punti dalla testa della graduatoria.[20]

Cristiano Ronaldo, con 51 gol all'attivo, è per la sesta stagione consecutiva il miglior marcatore madrileno.

Il 4 gennaio seguente, grazie ad un comunicato della società, viene esonerato l'allenatore Benítez,[21][22] la cui eredità sarà affidata a Zinédine Zidane.[23][24] Il primo match con il nuovo manager coincide con l'ultima giornata del girone d'andata. Una tripletta di Bale e due reti di Benzema sconfiggono il Deportivo (5-0),[25] guidando il Real Madrid al terzo posto della graduatoria, dietro ad Atlético Madrid e Barcellona, con 40 punti frutto di 12 vittorie, 4 pareggi e tre sconfitte.

Il girone di ritorno comincia con un altro successo, sempre con 5 gol a favore, questa volta ai danni dello Sportig Gijón, piegato 5-1.[26] Il primo pareggio della gestione Zidane non tarda ad arrivare. Nella 21ª giornata il Betis ferma 1-1 i Blancos, facendo allontanare da loro la vetta della classifica di ulteriori due punti.[27] Goleada anche nella terza partita casalinga consecutiva. L'Espanyol, giù battuto 0-6 all'andata, è nuovamente sconfitto, con il medesimo punteggio.[28] A questa seguono altre due vittorie, la prima ai danni del Granada (1-2)[29] e la seconda contro l'Athletic Bilbao (4-2)[30] che precedono, però, un nuovo pareggio esterno, con il Malaga, contro cui i madrileni non sono mai riusciti a vincere questa stagione (1-1).[31] Basta una rete all' 53' di Griezmann per decretare la quarta sconfitta stagionale, prima nel derby con l'Atletico che, con questo successo, giunge a tre vittorie consecutive in Liga al Bérnabeu, escludendo quasi definitivamente la banda di Zidane per la corsa al titolo (0-1).[32] I 3 punti tornano ad arrivare solo quattro giorni dopo, durante il turno infrasettimanale del 2 marzo, in cui i Blancos passano 1-3 a Valencia contro il Levante, mantenendo salda la terza piazza in classifica.[33] Seguiranno poi altre tre vittorie, contro il Celta Vigo (7-1)[34], contro il Las Palmas (1-2).[35] e contro il Siviglia (4-0) decisiva per tornare a -1 dal secondo posto.[36] Sarà un successo anche il Clásico di ritorno disputato al Camp Nou di Barcellona, dove, la banda di Zidane, guidata da una rete di Benzema e una di Cristiano Ronaldo, riesce nell'intento di sgambettare i cugini nella corsa al titolo, mantenendosi saldamente al terzo posto (1-2).[37] La rincorsa al vertice continua anche nella giornata successiva, nella quale, battendo per 4-0 l'Eibar[38] e sfruttando la contemporanea sconfitta dei catalani, risalgono fino -4 punti dal vertice della classifica. A questa seguono poi altre cinque vittorie, contro il Getafe (1-5)[39], il Villarreal (3-0)[40], il Rayo Vallecano in rimonta (2-3)[41], la Real Sociedad (0-1)[42] e il Valencia (3-2), grazie alla quale, sfruttando la contemporanea sconfitta dell'Atletico Madrid, salgono al secondo posto in classifica, a -1 dalla vetta.[43] L'ultima gara del campionato è ancora da 3 punti. I Blancos di Zidane passano al Riazor per 0-2 grazie ad una doppietta di Cristiano Ronaldo ma,[44] visto il risultato favorevole al Barcellona nella gara contro il Granada (3-0), concludono, con 90 punti, il campionato al secondo posto alle spalle dei blaugrana, fermo a quota 91.[45]

In Coppa del Re, le urne del 16 ottobre accoppiano i Blancos, per i sedicesimi di finale, contro gli andalusi del Cadice.[46] L'esordio nella competizione riserva un 1-3 esterno agli uomini di Benitez, che, però, vista la presenza dal primo minuto di Denis Čeryšev, squalificato,[47] in seguito al ricorso presentato dalla squadra di casa, potrebbero esseri eliminati dalla competizione.[48][49] L'ufficialità arriva il giorno successivo, dove il tribunale sportivo spagnolo accetta il ricorso del Cadice e decreta, a tavolino, l'eliminazione dalla competizione dei madrileni.[50]

Blancos immortalati in una fase di gioco in un match di Liga contro il Celta Vigo.
Sergio Ramos mostra la Undecima ai tifosi.

Il sorteggio del 27 agosto di Champions League inserisce il Real (in seconda fascia) nel girone A assieme a Paris Saint-Germain, Shakhtar e Malmö.[51][52] Il primo incontro si gioca il 15 settembre contro i campioni dell'Ucraina, e termina con un netto 4-0, propiziato dalla rete di Benzema e dalla tripletta di Cristiano Ronaldo,[53] che si ripeterà segnando entrambi i gol utili ai Blancos per superare il Malmö (0-2).[54] Il portoghese eguaglia Raúl in questa partita, arrivando ad un totale di 323 reti con il club.[55] A reti bianche la terza giornata della fase a gironi, che vede i Blancos pareggiare per 0-0 contro i francesi del Paris Saint-Germain,[56] che vengono però sconfitti nel secondo dei due confronti dalla rete di Nacho, propiziata da un errore del portiere parigino (1-0).[57] È la quarta vittoria su cinque partite, rimediata in Ucraina per 3-4, che regala agli uomini di Benitez la sicura promozione da prima del girone per gli ottavi di finale.[58] Goleada nella sesta ed ultima partita della prima fase della competizione; gli svedesi del Malmö vengono sconfitti per 8-0, con quattro gol di Cristiano Ronaldo, che centra un altro record, portando a 11 la somma delle reti realizzate nella sola fase a gironi.[59]

Le urne di Nyon, per gli ottavi di finale, accoppiano i Blancos, freschi vincitori del proprio girone, con la Roma, giunta seconda nel gruppo.[60] La prima delle due gare, gioca all'Olimpico, termina 0-2 in favore degli ospiti, che vanno a segno con Cristiano Ronaldo e Jesé.[61] Stesso risultato anche nella partita di ritorno, dove i Blancos battono nuovamente la Roma, qualificandosi ai quarti di finale.[62]

I quarti di finale, sorteggiati il 18 marzo seguente, fanno incrociare la banda di Zidane con il Wolfsburg, che mai prima di quest'edizione aveva disputato la fase ad eliminazione diretta.[63] La partita di andata, disputata in Germania, capovolge i pronostici concludendosi con il punteggio di 2-0 per i padroni di casa, aiutati dalle reti di Rodríguez e Arnold.[64] È una tripletta di Cristiano Ronaldo che fa risorgere il Real Madrid nella gara di ritorno, risultando decisiva nel 3-0 finale con cui i madrileni si qualificano per le semifinali.[65]

In semifinale vengono sorteggiati contro gli inglesi del Manchester City[66] con cui pareggiano la gara di andata, disputata sul terreno britannico, per 0-0.[67] Nella partita di ritorno è sufficiente un gol propiziato da una conclusione a rete di Bale per regalare la 14ª finale della storia della Merengues, seconda, dopo il 2014, che vedrà il confronto con i concittadini dell'Atletico Madrid.[68]

Nella finale di Milano, disputata il 28 maggio, sono proprio i Blancos ad andare in vantaggio con una rete di Ramos esattamente come due anni prima. Nella ripresa un gol di Carrasco pareggia i conti e porta il match sino ai rigori, dove un errore di Juanfran consegna l'undicesimo trionfo al Real Madrid.[69]

Maglie e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Terza divisa

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Area direttiva[70]

  • Presidente: Florentino Perez
  • Vicepresidente: Fernando Fernández Tapias
  • Direttore generale: Eduardo Ferrnández de Blas
  • Direttore risorse: Enrique Balboa
  • Risorse umane: José María García
  • Direttore dell'area sociale: José Luis Sánchez
  • Direttore di controllo e auditing interno: Carlos Martínez de Albornoz
  • Direttore della commissione di consulenza legale: Javier López Farre
  • Direttore Fondazione "Real Madrid": Julio González
  • Capo del protocollo: Raúl Serrano

Area comunicazione

  • Capo di Gabinetto della presidenza: Enrique Sánchez Gonzáles
  • Direttore dell'area comunicazione: Antonio Galeano
  • Direttore delle relazioni istituzionali: Emilio Butragueño

Area marketing

  • Direttore economico: Julio Esquerdeiro
  • Direttore commerciale: Begoña Sanz
  • Direttore operazioni e servizi: Fernando Tormo

Area tecnica[71]

  • Direttore sportivo della sezione calcistica: Antonio Gómez
  • Allenatore: Zinédine Zidane[72]
  • Allenatore in seconda: David Bettoni
  • Allenatore dei portieri: Luis Llopis
  • Preparatore atletico: Bernardo Requena, Felix Ledesma, Paco de Miguel

Area sanitaria[71]

  • Medico sociale: Joaquín Mas
  • Fisioterapisti: Giovanni Mauri, Hamidou Msaide

Rosa[71][modifica | modifica wikitesto]

Rosa aggiornata al 31 gennaio 2016.[73]

N. Ruolo Giocatore
1 Costa Rica P Keylor Navas
2 Francia D Raphaël Varane
3 Portogallo D Pepe
4 Spagna D Sergio Ramos (capitano)
5 Portogallo D Fábio Coentrão
6 Spagna D Nacho Fernández
7 Portogallo A Cristiano Ronaldo
8 Germania C Toni Kroos
9 Francia A Karim Benzema
10 Colombia C James Rodríguez
11 Galles C Gareth Bale
12 Brasile D Marcelo (vice capitano)
13 Spagna P Kiko Casilla
N. Ruolo Giocatore
14 Brasile C Casemiro
15 Spagna D Daniel Carvajal
16 Brasile C Lucas Silva
16 Croazia C Mateo Kovačić
17 Spagna D Álvaro Arbeloa
18 Spagna C Lucas Vázquez
19 Croazia C Luka Modrić
20 Spagna A Jesé
21 Russia C Denis Cheryshev
22 Spagna C Isco
23 Brasile D Danilo
24 Spagna C Asier Illarramendi
31 Spagna P Rubén Yáñez

Calciomercato[modifica | modifica wikitesto]

Sessione estiva (dall'1/7 al 31/8)[modifica | modifica wikitesto]

Iker Casillas, dopo 16 anni, viene ceduto al Porto.
Mateo Kovačić è l'acquisto più costoso dell'estate dei Galacticos.

Già il 1º aprile, grazie ad un'offerta di 31,5 milioni di euro, i Blancos si aggiudicano l'intero cartellino del brasiliano Danilo, acquistato dal Porto, la cui entrata in rosa sarà, però, posticipata al 1º luglio.[74][75] Ancora prima dell'ufficiale apertura del calciomercato, il 5 giugno, è Casemiro a fare ritorno nella capitale spagnola. Il club di Florentino Peréz esercita il diritto di riscatto applicato la stagione precedente nel contratto per il giocatore, e lo riacquista per 7,5 milioni di euro. Dallo stesso club lusitano viene riacquistato grazie al contoriscatto costato a Peréz 7,5 milioni.[76][77] Il 17 luglio, dopo il rientro in prima squadra di Lucas Vázquez dall'Espanyol, viene annunciata l'ufficialità dell'acquisto del portiere spagnolo Kiko Casilla, prelevato dallo stesso club catalano per 6 milioni di euro.[78][79] È Mateo Kovačić il successivo calciatore ad aggregarsi alla rosa dei madrileni, che lo acquistano dall'Inter per 35 milioni più eventuali 5 legati ai bonus.[80] Il colpo risulterà il più costoso dell'estate per i Blancos.[81]

Per quanto riguarda il mercato in uscita, i primi due a fare le valigie sono Sami Khedira, che non rinnova il proprio contratto,[82][83] per approdare alla Juventus[84][85] e Javier Hernández, che, terminato l'anno in prestito, fa ritorno al Manchester United.[86] Il trasferimento più clamoroso è sicuramente quello riguardante Iker Casillas, portiere e capitano della compagine madrilena, in rosa dal 1999, con oltre 700 partite disputate e 18 trofei vinti in sedici anni. Dopo una lunga trattativa, l'11 luglio 2015, viene ceduto a titolo definitivo al Porto, risolvendo consensualmente il contratto in scadenza nel 2017.[87][88][89] In seguito fanno le valigie anche Pacheco (direzione Alaves)[90] e Marco Asensio (ceduto in prestito all'Espanyol).[91] Fabio Coentrão passa al Monaco in prestito annuale,[92][93] esattamente come Lucas Silva, il quale, però, sceglie il Marsiglia.[94] È poi il turno di Asier Illarremendi, acquistato nell'estate del 2013 per circa 40 milioni di euro dalla Real Sociedad, che fa ritorno nella squadra basca, grazie alla formula del prestito con diritto di riscatto, fissato a 17 milioni di euro.[95]

Acquisti
R. Nome da Modalità
C Casemiro Porto controriscatto (7,5 milioni €)[96]
D/C Danilo Porto definitivo (31,5 milioni €)[97]
C Marco Asensio Maiorca fine prestito[98]
C Denis Čeryšev Villarreal fine prestito
C Lucas Vázquez Espanyol definitivo (1 milioni €)[99]
P Kiko Casilla Espanyol definitivo (6 milioni €)[100]
D Jesús Vallejo Real Saragozza definitivo (5 milioni €)[101]
C Mateo Kovačić Inter definitivo (35 milioni €)[102]
Cessioni
R. Nome a Modalità
C Sami Khedira svincolato[103]
A Javier Hernández Manchester Utd fine prestito
P Iker Casillas Porto definitivo (0 milioni €)[104]
D Jesús Vallejo Real Saragozza prestito[105]
P Fernando Pacheco Alavés definitivo (0 milioni €)[106]
C Marco Asensio Espanyol prestito[107]
D Fábio Coentrão Monaco prestito[108]
C Lucas Silva Olympique Marsiglia prestito[109]
C Asier Illarramendi Real Sociedad prestito con obbligo di riscatto (17 milioni €)[110]

Sessione invernale (dal 1°/1 al 31/1)[modifica | modifica wikitesto]

La sessione invernale si apre e si chiude con la cessione, in prestito, al Valencia, di Denis Čeryšev.[111]

Acquisti
R. Nome da Modalità
Cessioni
R. Nome a Modalità
C Denis Čeryšev Valencia prestito

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Primera División[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Primera División 2015-2016 (Spagna).

Girone d'andata[modifica | modifica wikitesto]

Gijón
23 agosto 2015, ore 20:30 CEST
1ª giornata
Sporting Gijón0 – 0
referto
Real MadridEl Molinón (28.130[112] spett.)
Arbitro:  Javier Estrada Fernández (Comitato catalano)

Madrid
29 agosto 2015, ore 22:30 CEST
2ª giornata
Real Madrid5 – 0
referto
BetisSantiago Bernabéu (70.876[113] spett.)
Arbitro:  Alejandro Hernández Hernández (Comitato di Las Palmas)

Cornellá de Llobregat
12 settembre 2015, ore 16:00 CEST
3ª giornata
Espanyol0 – 6
referto
Real MadridCornellà-El Prat (32.155[114] spett.)
Arbitro:  Iñaki Vikandi Garrido (Comitato basco)

Madrid
19 settembre 2015, ore 16:00 CEST
4ª giornata
Real Madrid1 – 0
referto
GranadaSantiago Bernabéu (71.786[115] spett.)
Arbitro:  Juan Martínez Munuera (Comitato valenciano)

Bilbao
23 settembre 2015, ore 21:00 CEST
5ª giornata
Athletic Bilbao1 – 2
referto
Real MadridSan Mamés (43.387[116] spett.)
Arbitro:  Antonio Mateu Lahoz (Comitato valenciano)

Madrid
26 settembre 2015, ore 18:15 CEST
6ª giornata
Real Madrid0 – 0
referto
MálagaSantiago Bernabéu (75.361[117] spett.)
Arbitro:  José Luis González (Comitato castiglianoleonese)

Madrid
4 ottobre 2015, ore 20:30 CEST
7ª giornata
Atlético Madrid1 – 1
referto
Real MadridVicente Calderón (53.079[118] spett.)
Arbitro:  Alberto Undiano Mallenco (Comitato navarro)

Madrid
17 ottobre 2015, ore 16:00 CEST
8ª giornata
Real Madrid3 – 0
referto
LevanteSantiago Bernabéu (74.779[119] spett.)
Arbitro:  José María Sánchez (Comitato murciano)

Vigo
24 ottobre 2015, ore 16:00 CEST
9ª giornata
Celta Vigo1 – 3
referto
Real MadridBalaídos (25.494[120] spett.)
Arbitro:  Carlos Clos Gómez (Comitato aragonese)

Madrid
31 ottobre 2015, ore 16:00 CET
10ª giornata
Real Madrid3 – 1
referto
Las PalmasSantiago Bernabéu (72.387[121] spett.)
Arbitro:  Santiago Jaime Latre (Comitato aragonese)

Siviglia
8 novembre 2015, ore 20:30 CET
11ª giornata
Siviglia3 – 2
referto
Real MadridRamón Sánchez-Pizjuán (40.377[122] spett.)
Arbitro:  José Luis González (Comitato castiglianoleonese)

Madrid
21 novembre 2015, ore 18:15 CET
12ª giornata
Real Madrid0 – 4
referto
BarcellonaSantiago Bernabéu (80.500[123] spett.)
Arbitro:  David Fernández Borbalán (Comitato andaluso)

Eibar
29 novembre 2015, ore 16:00 CET
13ª giornata
Eibar0 – 2
referto
Real MadridMunicipal de Ipurua (5.892[124] spett.)
Arbitro:  Jesús Gil Manzano (Comitato estremegno)

Madrid
5 dicembre 2015, ore 16:00 CET
14ª giornata
Real Madrid4 – 1
referto
GetafeSantiago Bernabéu (64.897[125] spett.)
Arbitro:  Antonio Mateu Lahoz (Comitato valenciano)

Vila-real
13 dicembre 2015, ore 20:30 CET
15ª giornata
Villarreal1 – 0
referto
Real MadridEl Madrigal (20.468[126] spett.)
Arbitro:  Alberto Undiano Mallenco (Comitato navarro)

Madrid
20 dicembre 2015, ore 16:00 CET
16ª giornata
Real Madrid10 – 2
referto
Rayo VallecanoSantiago Bernabéu (61.654[127] spett.)
Arbitro:  Ignacio Iglesias Villanueva (Comitato galiziano)

Madrid
30 dicembre 2015, ore 16:00 CET
17ª giornata
Real Madrid3 – 1
referto
Real SociedadSantiago Bernabéu (69.896[128] spett.)
Arbitro:  José Luis González (Comitato castiglianoleonese)

Valencia
3 gennaio 2016, ore 20:30 CET
18ª giornata
Valencia2 – 2
referto
Real MadridMestalla (47.184[129] spett.)
Arbitro:  José María Sánchez (Comitato murciano)

Madrid
9 gennaio 2016, ore 20:30 CET
19ª giornata
Real Madrid5 – 0
referto
DeportivoSantiago Bernabéu (71.267[130] spett.)
Arbitro:  Pedro Jesús Pérez Montero (Comitato andaluso)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Madrid
17 gennaio 2016, ore 16:00 CET
20ª giornata
Real Madrid5 – 1
referto
Sporting GijónSantiago Bernabéu (70.365[131] spett.)
Arbitro:  Alberto Undiano Mallenco (Comitato navarro)

Siviglia
24 gennaio 2016, ore 20:30 CET
21ª giornata
Betis1 – 1
referto
Real MadridEstadio Benito Villamarín (48.111[132] spett.)
Arbitro:  Juan Martínez Munuera (Comitato valenciano)

Madrid
31 gennaio 2016, ore 20:30 CET
22ª giornata
Real Madrid6 – 0
referto
EspanyolSantiago Bernabéu (65.786[133] spett.)
Arbitro:  Alejandro Hernández Hernández (Comitato di Las Palmas)

Granada
7 febbraio 2016, ore 20:30 CET
23ª giornata
Granada1 – 2
referto
Real MadridLos Cármenes (17.052[134] spett.)
Arbitro:  Jesús Gil Manzano (Comitato estremegno)

Madrid
13 febbraio 2016, ore 16:00 CET
24ª giornata
Real Madrid4 – 2
referto
Athletic BilbaoSantiago Bernabéu (77.364[135] spett.)
Arbitro:  Alfonso Álvarez Izquierdo (Comitato catalano)

Malaga
21 febbraio 2016, ore 16:00 CET
25ª giornata
Málaga1 – 1
referto
Real MadridLa Rosaleda (30.372[136] spett.)
Arbitro:  Ignacio Iglesias Villanueva (Comitato galiziano)

Madrid
27 febbraio 2016, ore 16:00 CET
26ª giornata
Real Madrid0 – 1
referto
Atlético MadridSantiago Bernabéu (79.436[137] spett.)
Arbitro:  Carlos Clos Gómez (Comitato aragonese)

Valencia
2 marzo 2016, ore 21:00 CET
27ª giornata
Levante1 – 3
referto
Real MadridCiutat de Valencia (19.725[138] spett.)
Arbitro:  Ricardo De Burgos Bengoetxea (Comitato basco)

Madrid
5 marzo 2016, ore 16:00 CET
28ª giornata
Real Madrid7 – 1
referto
Celta VigoSantiago Bernabéu (68.467[139] spett.)
Arbitro:  Jesús Gil Manzano (Comitato estremadura)

Las Palmas
13 marzo 2016, ore 20:30 CET
29ª giornata
Las Palmas1 – 2
referto
Real MadridEstadio de Gran Canaria (25.846[140] spett.)
Arbitro:  David Fernández Borbalán (Comitato andaluso)

Madrid
20 marzo 2016, ore 20:30 CET
30ª giornata
Real Madrid4 – 0
referto
SivigliaSantiago Bernabéu (72.976[141] spett.)
Arbitro:  Javier Estrada Fernández (Comitato catalano)

Barcellona
2 aprile 2016, ore 20:30 CEST
31ª giornata
Barcellona1 – 2
referto
Real MadridCamp Nou (99.924[142] spett.)
Arbitro:  Alejandro Hernández Hernández (Comitato di Las Palmas)

Madrid
9 aprile 2016, ore 16:00 CEST
32ª giornata
Real Madrid4 – 0
referto
EibarSantiago Bernabéu (70.689[143] spett.)
Arbitro:  José María Sánchez (Comitato murciano)

Getafe
16 aprile 2016, ore 16:00 CEST
33ª giornata
Getafe1 – 5
referto
Real MadridAlfonso Pérez (11.401[144] spett.)
Arbitro:  José Luis González (Comitato castiglianoleonese)

Madrid
20 aprile 2016, ore 22:00 CEST
34ª giornata
Real Madrid3 – 0
referto
VillarrealSantiago Bernabéu (62.678[145] spett.)
Arbitro:  Carlos Clos Gómez (Comitato aragonese)

Madrid
23 aprile 2016, ore 16:00 CEST
35ª giornata
Rayo Vallecano2 – 3
referto
Real MadridCampo de Fútbol de Vallecas (13.314[146] spett.)
Arbitro:  Alejandro Hernández Hernández (Comitato di Las Palmas)

San Sebastián
30 aprile 2016, ore 16:00 CEST
36ª giornata
Real Sociedad0 – 1
referto
Real MadridAnoeta (26.426[147] spett.)
Arbitro:  Alberto Undiano Mallenco (Comitato navarro)

Madrid
8 maggio 2016, ore 17:00 CEST
37ª giornata
Real Madrid3 – 2
referto
ValenciaSantiago Bernabéu (72.987[148] spett.)
Arbitro:  David Fernández Borbalán (Comitato andaluso)

La Coruña
14 maggio 2016, ore 17:00 CEST
38ª giornata
Deportivo0 – 2
referto
Real MadridRiazor (29.017[149] spett.)
Arbitro:  Antonio Mateu Lahoz (Comitato valenciano)

Coppa del Re[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa del Re 2015-2016.

Sedicesimi di finale[modifica | modifica wikitesto]

Cadice
2 dicembre 2015, ore 22:00 CET
Andata
Cadice1 – 3
referto
Real MadridRamón de Carranza (9.848[150] spett.)
Arbitro:  Ricardo De Burgos Bengoetxea (Comitato basco)

Madrid
16 dicembre 2015, ore 20:00 CET
Ritorno
Real Madrid – [151]CadiceSantiago Bernabéu

UEFA Champions League[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: UEFA Champions League 2015-2016.

Fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Madrid
15 settembre 2015, ore 20:45 CEST
1ª giornata
Gruppo A
Real Madrid4 – 0
referto
Šachtar Donec'kSantiago Bernabéu (66.389[152] spett.)
Arbitro: Croazia Ivan Bebek

Malmö
30 settembre 2015, ore 20:45 CEST
2ª giornata
Gruppo A
Malmö FF0 – 2
referto
Real MadridSwedbank Stadion (20.500[153] spett.)
Arbitro: Turchia Cüneyt Çakır

Parigi
21 ottobre 2015, ore 20:45 CEST
3ª giornata
Gruppo A
Paris Saint-Germain0 – 0
referto
Real MadridParco dei Principi (46.848[154] spett.)
Arbitro: Italia Nicola Rizzoli

Madrid
3 novembre 2015, ore 20:45 CET
4ª giornata
Gruppo A
Real Madrid1 – 0
referto
Paris Saint-GermainSantiago Bernabéu (78.300[155] spett.)
Arbitro: Inghilterra Mark Clattenburg

Leopoli
25 novembre 2015, ore 20:45 CET
5ª giornata
Gruppo A
Šachtar Donec'k3 – 4
referto
Real MadridArena Lviv (33.990[156] spett.)
Arbitro: Paesi Bassi Bas Nijhuis

Madrid
8 dicembre 2015, ore 20:45 CET
6ª giornata
Gruppo A
Real Madrid8 – 0
referto
Malmö FFSantiago Bernabéu (60.663[157] spett.)
Arbitro: Italia Daniele Orsato

MAL PSG RMA ŠAC
Malmö 0 - 5 0 - 2 1 - 0
Paris SG 2 - 0 0 - 0 2 - 0
Real Madrid 8 - 0 1 - 0 4 - 0
Šachtar 4 - 0 0 - 3 3 - 4
Squadra P.ti G V P S GF GS DG
Spagna Real Madrid 16 6 5 1 0 19 3 +16
Francia Paris Saint-Germain 13 6 4 1 1 12 1 +8
Ucraina Šachtar Donec'k 3 6 1 0 5 7 14 -7
Svezia Malmö FF 3 6 1 0 5 1 21 -20

Fase a eliminazione diretta[modifica | modifica wikitesto]

Ottavi di finale[modifica | modifica wikitesto]
Roma
17 febbraio 2016, ore 20:45 CET
Andata
Roma0 – 2
referto
Real MadridStadio Olimpico (55.612[158] spett.)
Arbitro: Rep. Ceca Pavel Královec

Madrid
8 marzo 2016, ore 20:45 CET
Ritorno
Real Madrid2 – 0
referto
RomaSantiago Bernabéu (76.654[159] spett.)
Arbitro: Polonia Szymon Marciniak

Quarti di finale[modifica | modifica wikitesto]
Wolfsburg
6 aprile 2016, ore 20:45 CEST
Wolfsburg2 – 0
referto
Real MadridVolkswagen-Arena (26.400[160] spett.)
Arbitro: Italia Gianluca Rocchi

Madrid
12 aprile 2016, ore 20:45 CEST
Real Madrid3 – 0
referto
WolfsburgEstadio Santiago Bernabéu (76.684[161] spett.)
Arbitro: Ungheria Viktor Kassai

Semifinali[modifica | modifica wikitesto]
Manchester
26 aprile 2016, ore 20:45 CEST
Manchester City0 – 0
referto
Real MadridEtihad Stadium (52 221[162] spett.)
Arbitro: Turchia Cüneyt Çakır

Madrid
4 maggio 2016, ore 20:45 CEST
Real Madrid1 – 0
referto
Manchester CityEstadio Santiago Bernabéu (78.300[163] spett.)
Arbitro: Slovenia Damir Skomina

Finale[modifica | modifica wikitesto]
Milano
28 maggio 2016, ore 20:45 CEST
Real Madrid1 – 1
(d.t.s.)
referto
Atlético MadridStadio Giuseppe Meazza (81.942[164] spett.)
Arbitro: Inghilterra Mark Clattenburg

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Competizione Punti In casa In trasferta Totale D.R
G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs
Liga.png Liga BBVA 90 19 16 1 2 70 16 19 12 5 2 40 18 38 28 6 4 110 34 +76
Coppadelre.png Coppa del Re - 0 0 0 0 0 0 1 1 0 0 3 1 1 1 0 0 3 1 +2
Coppacampioni.png Champions League 16 6 6 0 0 19 0 7 3 3 1 9 6 13 9 3 1 28 6 +22
Totale 106 25 20 1 2 89 16 27 16 8 3 53 25 52 37 9 5 141 41 +100

Andamento in campionato[modifica | modifica wikitesto]

Giornata 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38
Luogo T C T C T C T C T C T C T C T C C T C C T C T C T C T C T C T C T C T T C T
Risultato N V V V V N N V V V P P V V P V V N V V N V V V N P V V V V V V V V V V V V
Posizione 11 5 2 2 1 3 2 1 1 1 2 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 2 2

Fonte: Liga – Classifiche, sport.sky.it (archiviato dall'url originale il 12 marzo 2014).
Legenda:
Luogo: C = Casa; T = Trasferta. Risultato: V = Vittoria; N = Pareggio; P = Sconfitta.

Statistiche dei giocatori[modifica | modifica wikitesto]

In corsivo i giocatori che hanno lasciato la squadra a stagione già iniziata.[165]

Giocatore Liga Coppa del Re UEFA Champions League Totale
Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni
Arbeloa, Á. Á. Arbeloa 6010100020009010
Bale, G. G. Bale 23192000008010311930
Benzema, K. K. Benzema 27241000009400362810
Carvajal, D. D. Carvajal 220600000813030190
Casemiro, Casemiro 2316010001103035190
Casilla, K. K. Casilla 4-6001-1002-3007-1000
Čeryšev, D. D. Čeryšev 2000110030106110
Coentrão, F. F. Coentrão 0000000000000000
Danilo, Danilo 242600000703031290
Illarramendi, A. A. Illarramendi 0000000000000000
Isco, Isco 3132112001101043531
Jesé, Jesé 285001000910038600
Kovačić, M. M. Kovačić 250411000811034151
Kroos, T. T. Kroos 3213000001200044130
Lienhart, P. P. Lienhart 0000100000001000
Llorente, M. M. Llorente 2000100000003000
Marcelo, Marcelo 3022000001100041220
Mayoral, B. B. Mayoral 6000000000006000
Modrić, L. L. Modrić 3225000001210044350
Nacho, Nacho 160501000510022150
Navas, K. K. Navas 34-28000-00011-32045-3120
Pepe, Pepe 211501000902031170
Ramos, S. S. Ramos 232112000010130333142
Rodríguez, J. J. Rodríguez 267101000510032810
Ronaldo, C. C. Ronaldo 3635300000121610485140
Silva, L. L. Silva 0000000000000000
Tejero, Á. Á. Tejero 0000100000001000
Varane, R. R. Varane 260610000701033071
Vázquez, L. L. Vázquez 254401000702033460
Yáñez, R. R. Yáñez 0-0000-0000-0000-000

Giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Organigramma[modifica | modifica wikitesto]

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ El Madrid sigue seco, Marca, 23 agosto 2015. URL consultato il 23 agosto 2015.
  2. ^ Una manita como medicina, su marca.com, 29 agosto 2015. URL consultato il 30 agosto 2015.
  3. ^ Set en blanco con manita de Cristiano, El Mundo Deportivo, 12 settembre 2015. URL consultato il 12 settembre 2015.
  4. ^ Antivirus Cristiano, Marca, 12 settembre 2015. URL consultato il 12 settembre 2015.
  5. ^ Liga, Real Madrid-Granada 1-0: Ronaldo a secco, decide Benzema, La Gazzetta dello Sport, 19 settembre 2015. URL consultato il 22 settembre 2015.
  6. ^ Benzema doma a los leones, Marca, 23 settembre 2015. URL consultato il 24 settembre 2015.
  7. ^ Marca, 26 settembre 2015, para al Madrid http://www.marca.com/eventos/marcador/futbol/2015_16/la-liga/jornada_6/rma_mga/titolo=Kameni para al Madrid. URL consultato il 27 settembre 2015.
  8. ^ Keylor frena el orgullo rojiblanco, Marca, 4 ottobre 2015. URL consultato il 5 ottobre 2015.
  9. ^ Antibalas Keylor y tres fogonazos, Marca, 17 ottobre 2015. URL consultato il 17 ottobre 2015.
  10. ^ Triunfo de líder, Marca, 24 ottobre 2015. URL consultato il 24 ottobre 2015.
  11. ^ Al Madrid no le van los sustos, Marca, 31 ottobre 2015. URL consultato il 1º novembre 2015.
  12. ^ Heridos al Clásico, Marca, 8 novembre 2015. URL consultato il 9 novembre 2015.
  13. ^ El Barça destroza a Benítez, Marca, 21 novembre 2015. URL consultato il 22 novembre 2015.
  14. ^ Abrazados a la Liga, Marca, 29 novembre 2015. URL consultato il 29 novembre 2015.
  15. ^ Apela a la pegada, Marca, 5 dicembre 2015. URL consultato l'8 dicembre 2015.
  16. ^ Las Ligas se pierden así, Marca, 13 dicembre 2015. URL consultato il 14 dicembre 2015.
  17. ^ Goles no son amores, Marca, 20 dicembre 2015. URL consultato il 21 dicembre 2015.
  18. ^ Un equipo no marcaba diez goles en la Liga desde 1960, Marca, 20 dicembre 2015. URL consultato il 21 dicembre 2015.
  19. ^ Victoria peladilla, Marca, 30 dicembre 2015. URL consultato il 30 dicembre 2015.
  20. ^ El Madrid pierde otro tren, Marca, 3 gennaio 2016. URL consultato il 4 gennaio 2016.
  21. ^ Real Madrid, Benitez esonerato. Zidane è l'erede, presto l'ufficialità, La Gazzetta dello Sport, 4 gennaio 2016. URL consultato il 4 gennaio 2016.
  22. ^ El Real Madrid destituye a Benítez, Marca, 4 gennaio 2016. URL consultato il 4 gennaio 2016.
  23. ^ Il Real fa fuori Benitez: arriva Zidane, sportal.it, 4 gennaio 2016. URL consultato il 4 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 25 gennaio 2016).
  24. ^ Real Madrid esonera Benitez, al suo posto c'è Zidane, ansa.it, 4 gennaio 2016. URL consultato il 4 gennaio 2016.
  25. ^ Así gana el MadriZ, Marca, 9 gennaio 2016. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  26. ^ La BBC conecta con Zidane, Marca, 17 gennaio 2016. URL consultato il 17 gennaio 2016.
  27. ^ El Betis cuestiona el efecto Zidane, Marca, 24 gennaio 2016. URL consultato il 25 gennaio 2016.
  28. ^ Cristiano no pierde la fe, Marca, 31 gennaio 2016. URL consultato il 1º febbraio 2016.
  29. ^ Modric es el clavo ardiendo, Marca, 7 febbraio 2016. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  30. ^ El Madrid sigue queriendo, Marca, 13 febbraio 2016. URL consultato il 13 febbraio 2016.
  31. ^ Adiós a otra Liga, Marca, 21 febbraio 2016. URL consultato il 21 febbraio 2016.
  32. ^ Griezmann sonríe y el Madrid dimite, Marca, 27 febbraio 2016. URL consultato il 27 febbraio 2016.
  33. ^ El Madrid da el nivel justo, Marca, 2 marzo 2016. URL consultato il 3 marzo 2016.
  34. ^ Cristiano dispara en el campo, Marca, 5 marzo 2016. URL consultato il 6 marzo 2016.
  35. ^ Casemiro evita un sofoco, Marca, 13 marzo 2016. URL consultato il 14 marzo 2016.
  36. ^ La BBC reactiva al Madrid, Marca, 20 marzo 2016. URL consultato il 21 marzo 2016.
  37. ^ Liga, Barcellona-Real Madrid 1-2 Ronaldo batte Messi e il Real sbanca, Il Corriere della Sera, 2 aprile 2016. URL consultato il 5 aprile 2016.
  38. ^ El martes tócala otra vez, Marca, 9 aprile 2016. URL consultato il 10 aprile 2016.
  39. ^ Se apuntan a la Liga, Marca, 16 aprile 2016. URL consultato il 16 aprile 2016.
  40. ^ Rendirse no es una opción, Marca, 20 aprile 2016. URL consultato il 20 aprile 2016.
  41. ^ Bale gana la Liga del barrio, Marca, 23 aprile 2016. URL consultato il 26 aprile 2016.
  42. ^ La Liga está en la cabeza de Bale, Marca, 30 aprile 2016. URL consultato il 30 aprile 2016.
  43. ^ Luchando hasta el final, Marca, 8 maggio 2016. URL consultato l'8 maggio 2016.
  44. ^ A por la Liga... de Campeones, Marca, 14 maggio 2016. URL consultato il 15 maggio 2016.
  45. ^ Liga, Barcellona campione di Spagna: Suarez (pichichi) stende il Granada, La Gazzetta dello Sport, 14 maggio 2016. URL consultato il 15 maggio 2016.
  46. ^ Coppa del Re: Barcellona e Real opposte a Villanovense e Cadice, club di terza divisione, sportevai.it, 16 ottobre 2015. URL consultato il 21 ottobre 2015.
  47. ^ El Real Madrid puede quedar eliminado tras la alineación indebida de Cheryshev, Marca, 2 dicembre 2015. URL consultato il 3 dicembre 2015.
  48. ^ Victoria indebida, Marca, 2 dicembre 2015. URL consultato il 3 dicembre 2015.
  49. ^ Pasticcio Real. Segna Cheryshev ma è squalificato. Addio alla Coppa del Re?, La Gazzetta dello Sport, 2 dicembre 2015. URL consultato il 3 dicembre 2015.
  50. ^ Coppa del Re, ufficiale: Real Madrid escluso dalla competizione, Corriere dello Sport, 4 dicembre 2015. URL consultato l'8 dicembre 2015.
  51. ^ Un sorteo muy morboso, Marca, 27 agosto 2015. URL consultato il 27 agosto 2015.
  52. ^ I sorteggi di Champions: Juve con City e Siviglia. Barcellona e Leverkusen per la Roma, La Stampa, 27 agosto 2015. URL consultato il 27 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 28 agosto 2015).
  53. ^ Cristiano alivia las penas, Marca, 15 settembre 2015. URL consultato il 16 settembre 2015.
  54. ^ Un trámite histórico, Marca, 30 settembre 2015. URL consultato il 30 settembre 2015.
  55. ^ Gruppo, in la Repubblica, 1º ottobre 2015, p. 54.
  56. ^ Sin luz en París, Marca, 21 ottobre 2015. URL consultato il 22 ottobre 2015.
  57. ^ Real Madrid-Paris Saint Germain 1-0: il gol di Nacho vale gli ottavi, La Gazzetta dello Sport, 3 novembre 2015. URL consultato il 3 novembre 2015.
  58. ^ Un Madrid bipolar, su marca.com, 25 novembre 2015. URL consultato il 25 novembre 2015.
  59. ^ El despertar de la fuerza, Marca, 8 dicembre 2015. URL consultato il 9 dicembre 2015.
  60. ^ Roma, Arsenal y PSV, para los españoles, Marca, 14 dicembre 2015. URL consultato il 14 dicembre 2015.
  61. ^ Roma-Real Madrid 0-2, Ronaldo e Jesè spengono i sogni giallorossi, La Repubblica, 17 febbraio 2016. URL consultato il 19 febbraio 2016.
  62. ^ Champions League, Real Madrid-Roma 2-0: decidono CR7 e James, giallorossi eliminati, Tuttosport, 8 marzo 2016. URL consultato il 14 marzo 2016.
  63. ^ Sorteggio quarti di finale: Barcellona-Atlético, PSG-City, uefa.com, 18 marzo 2016. URL consultato il 10 aprile 2016.
  64. ^ Il Real Madrid dorme, il Wolfsburg lo sveglia con due schiaffoni, La Gazzetta dello Sport, 6 aprile 2016. URL consultato il 10 aprile 2016.
  65. ^ El héroe de una generación, Marca, 12 aprile 2016. URL consultato il 13 aprile 2016.
  66. ^ Champions League, Manchester City-Real Madrid e Atletico-Bayern: ecco le semifinali, Corriere dello Sport, 15 aprile 2016. URL consultato il 28 aprile 2016.
  67. ^ Champions, City-Real Madrid 0-0: Hart salva i Citizens, sportmediaset.com, 26 aprile 2016. URL consultato il 28 aprile 2016.
  68. ^ El Madrid peregrina a Milán, Marca, 4 maggio 2016. URL consultato il 5 maggio 2016.
  69. ^ La Undécima más dramática, Marca, 28 maggio 2016. URL consultato il 29 maggio 2016.
  70. ^ Junta Directiva, Real Madrid Official Website.
  71. ^ a b c Plantilla, Real Madrid Official Website.
  72. ^ Rafa Benítez, su it.soccerway.com.
  73. ^ (EN) realmadrid.com, Real Madrid C.F. Squad, su realmadrid.com. URL consultato il 2 settembre 2013.
  74. ^ Danilo, il trasferimento al Real Madrid è ufficiale, newscalciomercato.eu, 1º aprile 2015. URL consultato il 30 giugno 2015.
  75. ^ Real, ufficiale l'acquisto di Danilo. Al Porto 31,5 milioni, quotidiano.net, 1º aprile 2015. URL consultato il 30 giugno 2015.
  76. ^ Il Real non fa scappare Casemiro: ufficiale la recompra del centrocampista dal Porto, goal.com, 5 giugno 2015. URL consultato il 30 giugno 2015.
  77. ^ UFFICIALE – Real Madrid, esercitata l’opzione di controriscatto per Casemiro, mondopallone.it, 5 giugno 2015. URL consultato il 30 giugno 2015.
  78. ^ Real Madrid Casilla è vicino, calciomercato.com, 17 luglio 2015. URL consultato il 17 luglio 2015.
  79. ^ Ufficiale: Real Madrid preso Kiko Casilla dall'Espanyol, vocidisport.it, 17 luglio 2015. URL consultato il 17 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 17 luglio 2015).
  80. ^ Kovacic è un giocatore del Real: firmato un contratto per 6 anni, La Stampa, 18 agosto 2015. URL consultato il 23 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 22 agosto 2015).
  81. ^ Mateo Kovacic passa dall'Inter al Real Madrid: contratto fino al 2021, eurosport.com, 18 agosto 2015. URL consultato il 23 agosto 2015.
  82. ^ Khedira non rinnova: sotto a chi tocca, JN24.it, 17 novembre 2014. URL consultato il 30 giugno 2015.
  83. ^ Calciomercato Fiorentina, Ancelotti svela: 'Khedira non rinnova. Di Maria vuole essere ceduto', libero.it, 18 novembre 2015. URL consultato il 30 giugno 2015.
  84. ^ La Juventus riparte da Khedira: ora è ufficiale, La Repubblica, 9 giugno 2015. URL consultato il 30 giugno 2015.
  85. ^ La Juve non si ferma più: dopo Dybala, ecco Khedira, La Gazzetta dello Sport, 9 giugno 2015. URL consultato il 30 giugno 2015.
  86. ^ Manchester United transfer news: Javier Hernandez nears exit as Liverpool eye move for striker despite revealing Real Madrid, indipendent.co.uk, 30 giugno 2015. URL consultato il 30 giugno 2015.
  87. ^ Casillas, è ufficiale: addio al Real dopo 25 anni, può andare al Porto, La Gazzetta dello Sport, 12 luglio 2015. URL consultato il 12 luglio 2015.
  88. ^ Casillas, addio al Real in lacrime, Sportmediaset, 12 luglio 2015. URL consultato il 12 luglio 2015.
  89. ^ Mercato, Casillas-Porto: arriva l’ufficialità, calcioweb.eu, 12 luglio 2015. URL consultato il 12 luglio 2015.
  90. ^ Madrid sell Pacheco to Alaves, football-espana.net, 8 agosto 2015. URL consultato il 23 agosto 2015.
  91. ^ Midfielder Marco Asensio set for season at Espanyol, yahoo.com, 20 agosto 2015. URL consultato il 23 agosto 2015.
  92. ^ Fabio Coentrao al Monaco, è ufficiale, Tuttosport, 26 agosto 2015. URL consultato il 26 agosto 2015.
  93. ^ Inter, beffa a sinistra: il Psg ha preso Kurzawa. E il Monaco soffia Coentrao, La Gazzetta dello Sport, 26 agosto 2015. URL consultato il 26 agosto 2015.
  94. ^ Ufficiale, Real Madrid: Lucas Silva passa al Marsiglia, calcionews24.com, 27 agosto 2015. URL consultato il 27 agosto 2015.
  95. ^ Illarramendi, sfuma il Milan: firma con la Real Sociedad, La Gazzetta dello Sport, 26 agosto 2015. URL consultato il 26 agosto 2015.
  96. ^ (EN) "realmadrid.com", Official statement: Casemiro, su realmadrid.com.
  97. ^ (EN) realmadrid.com, Official announcement: Danilo, su realmadrid.com.
  98. ^ (EN) realmadrid.com, Official announcement: Marco Asensio, su realmadrid.com.
  99. ^ (EN) "realmadrid.com", Official announcement: Lucas Vázquez, su realmadrid.com.
  100. ^ (EN) "realmadrid.com", Official announcement: Kiko Casilla, su realmadrid.com.
  101. ^ Vallejo, realmadrid.com. URL consultato il 31 luglio 2015.
  102. ^ (EN) realmadrid.com, Official announcement: Mateo Kovačić, su realmadrid.com.
  103. ^ juventus.com, Khedira signs for Juventuslingua=en, su juventus.com.
  104. ^ (EN) realmadrid.com, Official announcement: Iker Casillas, su realmadrid.com.
  105. ^ (EN) realmadrid.com, Official Statement: Jesus Vallejo, su realmadrid.com.
  106. ^ (EN) realmadrid.com, Official announcement: Pacheco [collegamento interrotto], su realmadrid.com.
  107. ^ (EN) realmadrid.com, Official announcement: Marco Asensio, su realmadrid.com.
  108. ^ (EN) "asmonaco.com", Coentrão deal agreed, su asmonaco.com. URL consultato il 27 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2016).
  109. ^ (FR) "om.net", Lucas Silva est Olympien, su om.net. URL consultato il 27 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 12 luglio 2018).
  110. ^ (EN) realmadrid.com, Official announcement: Illarramendi, su realmadrid.com.
  111. ^ 21:19, calcionews24.com, 1º febbraio 2016. URL consultato il 19 febbraio 2016.
  112. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  113. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  114. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  115. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  116. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  117. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  118. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  119. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  120. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  121. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  122. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  123. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  124. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  125. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  126. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  127. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  128. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  129. ^ Statistiche dell'incontro su Socerway, su it.soccerway.com.
  130. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  131. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  132. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  133. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  134. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  135. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  136. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  137. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  138. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  139. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  140. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  141. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  142. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  143. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  144. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  145. ^ Statistiche dell'icontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  146. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  147. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  148. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  149. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  150. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  151. ^ Nonostante all'andata il Real Madrid avesse vinto per 3-1, la LFP ha ufficializzato l'eliminazione dei madrileni dalla competizione, poiché avevano schierato in campo il calciatore Denis Čeryšev, precedentemente squalificato.
  152. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  153. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  154. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  155. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  156. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  157. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  158. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  159. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  160. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  161. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  162. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  163. ^ Statistiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  164. ^ Statiche dell'incontro su Soccerway, su it.soccerway.com.
  165. ^ Ovvero dopo la prima partita ufficiale della squadra, svoltasi il 23 agosto 2015 contro lo Sporting Gijón

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio