Real Betis Balompié

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Real Betis)
Jump to navigation Jump to search
Real Betis
Calcio Football pictogram.svg
Real Betis stemma.svg
Los Béticos, Los Verderones, Los Verdiblancos
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali Verde e Bianco (Strisce).svg Bianco e verde
Dati societari
Città Siviglia
Nazione Spagna Spagna
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Spain.svg RFEF
Campionato Primera División
Fondazione 1907
Presidente Spagna Angelo Haro Garcia
Allenatore Spagna Rubi
Stadio Stadio Benito Villamarín
(60.721 posti)
Sito web www.realbetisbalompie.es
Palmarès
Liga spagnola Coppa del ReCoppa del Re
Titoli di Spagna 1
Trofei nazionali 2 Coppe del Re
Soccerball current event.svg Stagione in corso
Si invita a seguire il modello di voce
Pagina 36 del Libro de Registro del Gobierno Civil, su cui sono iscritti il Real Betis Balompié e il Sevilla Football Club

Il Real Betis Balompié, noto più semplicemente come Betis, è una società polisportiva spagnola con sede nella città di Siviglia, meglio nota per la sua sezione calcistica, che milita attualmente nella Primera División, la massima serie del campionato spagnolo.

Fondata nel 1907, ha vinto il campionato spagnolo di prima division nella stagione 1934-35 e due Coppe del Re, nel 1976-1977 e nel 2004-2005. Betis è il nome latino del fiume Guadalquivir, che attraversa la città di Siviglia. Lo stemma del club sovrappone due B (di Betis Balompié) ed è sormontato da una corona (da cui l'appellativo Real). Secondo uno studio condotto nel maggio 2017 il Betis è la sesta squadra più tifata in Spagna e la quinta tra le squadre per cui si simpatizza oltre alla prima[1].

I colori sociali sono il biancoverde. Gioca le sue partite interne nello Stadio Benito Villamarín (capienza di 60.721 spettatori), che porta il nome dell'ex presidente della squadra andalusa negli anni cinquanta e sessanta. Vive un'accesa rivalità con il Sevilla Fútbol Club, risalente agli inizi degli anni dieci del XX secolo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Origini e primi anni: 1907-1929[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1907 un gruppo di studenti della Escuela Politécnica (situata nella calle Cervantes) che tenevano corsi preparatori in vista della carriera militare e per medicina, fondarono il Sevilla Balompié, che dal 1904 giocava a calcio. Si trattava della seconda squadra di calcio di Siviglia, dato che fonti della stampa attestano l'esistenza di partite del Sevilla Fútbol Club. Tra questi studenti c'erano diversi gruppi di fratelli, gli Hermosa, Wesolousky, Castillo, Cascales e Gutierrez. Le prime magliette erano biancoazzurre.
Il primo presidente fu Juan del Castillo Ochoa, il primo allenatore, che era anche il capitano della squadra fu nel 1914 Manuel Ramos Asencio.

La sede sociale tra il 1907 e il 1909 fu nella calle Alfonso XII, nel 1910 fu spostata nella calle Federico de Castro e nel 1912 nella calle Jeronimo Hernandez dove rimase fino al 1914.

Quel gruppo di giovani scelse un nome che evitasse l'espressione inglese foot ball, perciò coniarono la parola balompié che è diventata la carta d'identità del club.
Il 1º febbraio 1909 il club fu iscritto nel registro del Governo Civile.[2]

Nel 1910 il Balompié vinse la prima edizione della Coppa di Siviglia, vinse questo torneo anche negli anni successivi fino al 1913. In quegli anni partecipò anche alla Coppa di Andalusia e fu invitato alla Coppa di Spagna, ma per motivi economici rinunciò a partecipare. La competizione fu poi vinta dall'Athletic Club de Bilbao[3][4]

Una formazione del 1913

Nel 1909 in seguito ad una scissione del Sevilla Football Club nacque la squadra del Betis Football Club. Eladio García de la Borbolla membro della giunta direttiva del Sevilla Football Club decise di dimettersi e fondare una propria squadra. Nel 1914 il Sevilla Balompié dopo aver vinto di nuovo la Coppa di Siviglia si fuse con questa nuova squadra assumendo il nome di Real Betis Balompié,[5][6] nome che la squadra ha ancora oggi. Il titolo di Real era già posseduto dal Betis fin dal 1909, nel 1913 tuttavia la società era stata sciolta e ricreata l'anno seguente dalla famiglia Borbolla, che riuscì comunque ad ottenere il titolo onorifico dal re Alfonso XIII.

La fusione dei 2 club fu approvata il 6 dicembre 1914 dalla giunta direttiva del Sevilla Balompié e due giorni dopo da quella del Betis Football Club.

Nel mese di agosto del 1915, il governatore civile di Siviglia, Severo Nuñez, approvò gli statuti della nuova società e il cambio di nome del club assorbente.[7][8] In questo modo, l'autorità civile stabilì che la fusione era nella forma dell'assorbimento mantenendo a tutti gli effetti la continuità giuridica della prima società.

Il Sevilla Balompié apportò alla nuova società la maggior parte dei giocatori, il palmarès, i tifosi e il campo di gioco, che dal 1913 era il Campo de las tablas verdes, mentre il Betis FC apportò principalmente il titolo di Real.
Il nuovo club continuò a essere conosciuto come il Balompiè e i suoi tifosi come balompedistas fino agli anni trenta quando iniziarono a farsi strada le denominazioni di Betis per la squadra e di beticos per i suoi tifosi.

Il processo di assorbimento e non di fusione tra le due società provocò che alcuni dei soci del Real Betis Football Club guidati da Antonio Gutiérrez e Rafael García de la Borbolla, in disaccordo con la nuova società fondarono una nuova società con il nome di Betis Football Club, nel 1915. Questa nuova società sparì poco tempo dopo.[9]

Dopo essersi proclamati Campioni di Siviglia nel 1915, il Betis iniziò una lenta decadenza che lo portò quasi a scomparire, era il periodo del professionismo mascherato e la squadra non aveva la possibilità di pagare i calciatori che volevano stipendi sempre maggiori. Più di una decina dei suoi migliori giocatori, in poco tempo, se ne andò.

Nel 1924 il Betis, grazie a vari fondatori che tornarono dopo alcuni anni al club (Castillo, Wesolousky, Hermosa, Fernández Zúñiga, Cascales e altri), migliorò nei risultati, vincendo la Coppa Spencer nel 1926 e la Coppa di Andalusia nel 1928.

Quando venne costituita la Liga, il Real Betis Balompié era un club consolidato sotto vari profili però il primo anno fu iscritto al campionato di Seconda Divisione Spagnola con inizio il 17 febbraio del 1929, era comunque tra le squadre più accreditate ad essere promosse in Prima Divisione.

1930-1947: Età d'oro e declino[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio degli anni 30 i tifosi iniziarono a sostituire i termini Balompié e balompedista con Betis e betico per indicare la squadra e i suoi giocatori. La squadra in questo periodo scrisse alcune delle pagine più belle della sua storia. In meno di 10 mesi il Betis arrivò ad essere la prima squadra del sud a raggiungere la finale della Coppa di Spagna e il 3 aprile del 1932, a 25 anni dalla nascita vinse il titolo di seconda divisione.
Per questo il Betis, senza la dicitura Real durante la Seconda repubblica spagnola, fu la prima squadra dell'Andalusia a essere promossa in prima divisione.

Una volta promosso, fece una squadra che nel campionato 1934-35 riuscì a vincere il titolo. L'allenatore era Patrick O'Connell, la formazione era la seguente[10]: Urquiaga, Areso, Aedo, Peral, Gómez, Larrinoa, Adolfo, Lecue, Unamuno, Timimi, Saro. Della rosa facevano parte anche Caballero, Rancel, Valera ed Espinosa.

Il 28 aprile 1935, durante la festa principale di Siviglia, la Feria de Abril, il Betis, vincendo a Santander contro il Racing de Santander per 5-0 ottenne il titolo di campione di Spagna; la festa negli stand della fiera fu indimenticabile.

L'anno successivo, fedele alla sua storia fatta di alti e bassi, il Betis passò dalla cima all'abisso; la squadra campione fu smantellata: 3 dei migliori calciatori furono venduti per far fronte alla difficile situazione economica, altri 4 furono lasciati liberi. Il colpo peggiore venne dalla guerra civile che lasciò il club senza calciatori: tra quelli che restarono nella zona nord della Spagna e quelli che andarono al fronte, soltanto Peral e Saro restarono di quelli che solo 15 mesi prima avevano conquistato la vittoria nel campionato.

Le conseguenze della guerra civile furono disastrose per il Betis, che, inoltre non sfruttò una norma che permetteva di ritardare il ritorno alle competizioni per i club che avevano avuto gli stadi utilizzati per necessità belliche, e tornò alle competizioni già dalla stagione 1939-40.
In conseguenza di questo il 28 aprile 1940, esattamente 5 anni dopo la vittoria del campionato, la squadra retrocesse. Due anni dopo riuscì ad essere promosso per poi retrocedere nel 1943. Il ritorno in prima divisione avverrà soltanto 15 anni dopo. Il punto più basso della storia del club fu raggiunto il 13 aprile 1947 proprio nel luogo dove aveva raggiunto il punto più alto, quando dopo essere stato sconfitto 4-1 a Santander retrocesse in terza divisione.

1947-1958: Gli anni del "manquepierda"[modifica | modifica wikitesto]

Difficilmente si può capire cos'è il Betis senza menzionare i 7 anni durante i quali giocò nella terza divisione, perché fu allora che il club e i suoi tifosi si formarono un'identità che li accompagna fino ai giorni nostri. Secondo molti autori, questa identità è la sua alma, che si trova in una espressione che negli anni Cinquanta destò la simpatia di tutta Spagna: ¡Viva er Beti manque pierda! (Viva il Betis nonostante perda).

Il poeta Joaquín Romero Murube descrisse quei tempi e quell'espressione con le seguenti parole: "Il Betis si costruì un morale indistruttibile a prova di sconfitte... però invece di adottare questa inesplicabile rinuncia che abbiamo applicato, per nostra disgrazia, a tante avversità -quella di stringerci le spalle invece di stringerci il cuore-, il Betis, dopo l'ecatombe, combatteva ogni pomeriggio con maggiore entusiasmo per la conquista della sua gloria".[11]

Dal 1958 al 1966[modifica | modifica wikitesto]

Il presidente Manuel Ruiz Rodriguez lasciò la guida del club non potendo assicurare un futuro economicamente forte e gli subentrò l'ex presidente Benito Villamarin. Durante il suo regno che fu di luci e ombre, il Betis risalì nella massima serie nella stagione 1958-59. Nel 1960 destò scalpore la vendita del giocatore più rappresentativo di allora, ossia Luis del Sol, al Real Madrid per circa 6.500.000 di pesetas. Tale cessione non arrestò l'ascesa in campo nazionale del Betis che culminò col raggiungimento, nella stagione 1963-64, del 3º posto (miglior piazzamento dal 1935) nella liga spagnola vinta quell'anno dallo stesso Real Madrid. Quell'annata il Betis disputò i propri incontri casalinghi all'Heliópolis Estadio, acquistato due anni prima. Dalla stagione successiva iniziò nuovamente un periodo di crisi per il Betis Siviglia: in Europa il cammino nella Coppa delle Fiere si concluse al primo turno contro i francesi del Rennes, il campionato finì con un dodicesimo posto, raggiungendo la salvezza solamente grazie alla differenza reti nei confronti del Real Murcia, l'annata fu contraddistinta dall'improvvisa morte dell'allora tecnico Andrés Aranda avvenuta durante prepartita dell'incontro con il Real Zaragoza. Il posto di allenatore dopo questa fu allora affidato a Ernesto Pons, che però al termine della stagione non venne confermato. La stagione 1964-1965 fu anche l'ultima annata di Benito Villamarin come presidente della squadra sivigliana che, ancora scosso per ciò che era successo ad Aranda, decise di lasciare la presidenza a suo fratello Avelino Villamarin Prieto col quale si aprì ufficialmente un periodo di crisi profondo per la squadra sivigliana. Il Betis chiuse infatti la stagione 1965-1966 all'ultimo posto della Liga collezionando in tutto solamente sette vittorie.

1966-1977 morte di Villamarin e nuova risalita[modifica | modifica wikitesto]

La morte del signor Benito Villamarin il 15 agosto 1966, ha causato una crisi interna. D. Andrés Gaviño gli successe alla presidenza, senza che alle elezioni ci fosse alcuno sfidante; come primo atto della propria presidenza cercò di acquistare dal Real Madrid il portiere Vicente, apparentemente senza darne notizia al Consiglio direttivo del club. Tale operazione aumentò il clima di tensione all'interno del club che culminarono con Gaviño che rassegnò le proprie dimissioni da presidente il 6 settembre 1966. Al posto ed è provvisoriamente fu scelto come presidente D. José María Doménech, che sarà poi sostituito dal D. Julio de la Puerta.

L'inizio in campionato è altalenante, come allenatore venne scelto Luis Bello il quale ben presto si trovò al centro di molte critiche a causa dei punti persi in casa. Alla sedicesima ha perso 0-3 contro Castellón e presentò le sue dimissioni, lasciando Betis al settimo posto in clasfica.

Dopo poche partite in panchina Valera Pepe, il presidente Julio de la Puerta viaggi a Madrid, e raggiunge un accordo con Antonio Barrios, stella dell'Ascensione nel 1958. Tuttavia, l'alternanza di vittorie-sconfitte record è mantenuta fino alla diabetici guadagno delle ultime quattro partite di campionato consecutive, ottenendo un posto per contestare la Promozione della Salita al CF Granada.

Il pareggio contro la squadra sono stati eccezionali Cármenes positivamente, perché ha battuto le due parti, per 2 a 0 a Eliopoli e da 0 a 1 nel Comune di Alhambra, evidenziando il ritorno eguagliare le prestazioni del veterano Betis portiere Campillo.

1977-1986 Successo in Coppa del Re e in Europa[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 giugno 1977 Betis sfidò l'Athletic Bilbao allo stadio Vicente Calderón di Madrid, nella finale di Coppa del Re. La partita finì 2-2, con il Betis che poi vinse 8-7, dopo ben 21 rigori. Questo rese fantastica un'ottima stagione in cui il club giunse quinto in campionato. Dopo questo trionfo, il Betis giocò la Coppa delle Coppe. Dopo aver sbaragliato il Milan con un 3-2 complessivo nel primo turno, il Betis ha raggiunto i quarti di finale dove ha perso contro la Dynamo Mosca. Nonostante questa buona prestazione in Europa, i biancoverdi concludono il campionato con la retrocessione. L'anno dopo il Betis raggiunse la promozione, seguita da un buon periodo. Le successive tre stagioni ha ottenuto tre sesti posti, con qualificazione in coppa UEFA nel 1982 e nel 1984. Il 1982 ha visto il Betis uscire al primo turno subendo una sonora sconfitta contro il Benfica, mentre nel 1984 uscì di nuovo al primo turno, questa volta ai rigori contro l'Universitatea Craiova. Durante l'estate del 1982, lo stadio Benito Villamarín ha ospitato due partite dei mondiali del 1982, e fu anche teatro del famoso 12-1 della nazionale spagnola contro Malta, sufficiente a qualificarsi per gli europei del 1984. Nel 1986 il Betis perse la finale della Coppa di Lega spagnola, contro il Barcellona.

1986-2007: Crisi economica, Lopera e i successi di Serra Ferrer[modifica | modifica wikitesto]

Il Betis conobbe un periodo di promozioni e retrocessioni fino al 1992, quando fu costretto a rispettare nuove regole, cioè coprire un capitale sociale di 1.200 milioni di pesetas, circa il doppio di quello di tutte le squadre di prima e seconda divisione, nonostante si trovasse in seconda divisione.

In soli tre mesi i tifosi sborsarono 400 milioni di pesetas, un equivalente del 60-100% della maggior parte delle squadre di massima divisione, e il vicepresidente Manuel Ruiz de Lopera divenne azionista di maggioranza quando la squadra evitò la retrocessione in terza serie.

Dopo altre tre stagioni in seconda divisione, sotto la guida di Lorenzo Serra Ferrer il Betis tornò in massima serie per la stagione 1994-1995, e raggiunse il terzo posto finale, qualificandosi per la Coppa UEFA.

In Europea il Betis eliminò il Fenerbahçe (4-1 complessivo) e il Kaiserslautern (4-1) prima di perdere contro il Bordeaux poi finalista (3-2). Nel 1997, trent'anni dopo aver vinto il trofeo per la prima volta, il club tornò a disputare la finale della Coppa di Spagna, di nuovo a Madrid, anche se questa volta al Santiago Bernabéu. Perse per 2-3 contro il Barcellona, dopo i tempi supplementari.

Il tecnico Serra Ferrer approdò al Barcellona e fu sostituito da Luis Aragonés, che rimase alla guida del club andaluso per una sola stagione, conducendo il club all'ottava posizione in campionato e ai quarti di finale nella Coppa delle Coppe, dove la squadra perse con un punteggio complessivo di 2-5 contro i futuri campioni del Chelsea.

Aragonés fu sostituito da Javier Clemente. Nell’agosto del 1998 il club andaluso concluse uno degli affari più importanti della propria storia. Investì, infatti, una cifra considerevole sul talentuoso brasiliano Denílson, versando nelle casse del San Paolo l'equivalente di 63 miliardi di lire[12] (21,5 milioni di sterline) e completando il trasferimento più costoso della storia.[13] Malgrado l’innesto del brasiliano, la squadra scivolò all'undicesimo posto e fu eliminata in Coppa UEFA dal Bologna nel terzo turno. Nelle successive due stagioni il Betis ebbe molti allenatori, retrocesse e fu promossa ai play-off dopo aver concluso il campionato al sesto posto, con Juande Ramos al timone.

Ramos lasciò il club dopo appena una stagione e fu rimpiazzato da Víctor Fernández, che guidò la squadra ad un ottavo e ad un nono posto in campionato e al terzo turno della Coppa UEFA 2002-2003 (eliminazione contro l'Auxerre, 1-2 complessivo).

Dopo due anni Fernandez lasciò la squadra e fu sostituito dal rientrante Serra Ferrer, che condusse la formazione biancoverde al quarto posto nella massima serie. Vinse anche la Coppa del Re 2004-2005, battendo in finale al Vicente Calderón di Madrid l'Osasuna per 2-1 e sollevando il trofeo dopo 28 anni.

Nel 2005-2006 i biancoverdi diventarono la prima squadra andalusa a competere nella Champions League, dove raggiunsero la fase a gironi dopo aver eliminato il Monaco nell'ultimo turno preliminare (3-2 complessivo). Sorteggiato nel Gruppo G, nonostante una vittoria per 1-0 in casa contro il Chelsea, il club andaluso alla fine si piazzò terzo nel girone, venendo "retrocesso" in Coppa UEFA, dove fu eliminato agli ottavi dalla Steaua Bucarest (0-0 in trasferta, 0-3 in casa).

2007-2009: Dal centenario alla retrocessione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2007 il Betis celebrò il proprio centenario. Per celebrare l'evento il 9 agosto il club affrontò il Milan campione d'Europa, battendolo per 1-0 con un gol di Mark González su calcio di rigore. Sette giorni dopo vinse a Cadice il Trofeo Ramón de Carranza, battendo in finale il Real Saragozza ai tiri di rigore dopo aver eliminato in semifinale il Real Madrid.

L'estate 2007 segnò un profondo cambiamento nella rosa, con 8 nuovi acquisti e 14 partenze. Dal 2007 al 2009 si alternarono sulla panchina del Betis quattro allenatori.

Nel 2008-2009, dopo il pari casalingo per 1-1 contro il Real Valladolid, la squadra, giunta 18ª nella Liga, retrocesse in Segunda División.

Il 15 giugno 2009 anche Rafael Gordillo, del Sol, Hipólito Rincón, Julio Cardeñosa, parteciparono alla manifestazione di protesta per chiedere a Ruiz de Lopera di mettere in vendita la sua quota di maggioranza (il 54% delle azioni del club).

Il Betis che batté per 3-1 il Barcellona (senza tuttavia eliminarlo) nel ritorno dei quarti di finale della Copa del Rey 2010-2011

2009-oggi: Tra promozioni e retrocessioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009-2010 il Betis si piazzò quarto in seconda serie. Nel frattempo Ruiz de Lopera fu indagato per frode. Il 7 luglio 2010, una settimana prima dell'inizio del processo a suo carico, cedette il 94% delle sue azioni a Bitton Sport, gruppo di proprietà di Luis Oliver, per soli 16 milioni di euro.

La risalita nella Liga avvenne al termine della stagione 2010-2011, iniziata con quattro vittorie consecutive prima della sconfitta in casa dell'Albacete, che rimase l'unica sino alla tredicesima giornata. Il Betis mantenne la vetta della classifica sino ad un periodo negativo coinciso con quattro sconfitte consecutive dalla 21ª alla 24ª giornata, che fecero scendere la squadra al terzo posto. La vetta fu riguadagnata alla 30ª giornata e, in via definitiva, dalla 33ª. Con il primo posto in seconda divisione dopo 42 giornate il Betis, sospinto dai gol di Rubén Castro, autore di 27 marcature, ottenne la promozione. Nella stessa stagione il Betis uscì ai quarti di finale di Coppa del Re contro il Barcellona, da cui fu sconfitto per 5-0 al Camp Nou prima di batterlo per 3-1 in casa.

Sotto la guida di Pepe Mel il Betis iniziò la stagione 2011-2012 della Liga con quattro vittorie in quattro partite. Alla fine si piazzò al 13º posto.

Nel 2012-2013 arrivò il settimo posto e la qualificazione all'Europa League, la prima nelle coppe europee dopo sette anni. In Coppa del Re il Betis fu eliminato ai quarti di finale dall'Atlético Madrid poi vincitore del trofeo.

Nel 2013-2014 la squadra disputò l'Europa League, dove superò lo Jablonec nel play-off e, come seconda classificata, il girone con Olympique Lione, Vitória Guimarães e Rijeka, per poi eliminare Rubin Kazan' ai sedicesimi e cadere agli ottavi di finale contro i concittadini del Siviglia ai tiri di rigore. Nella stessa stagione non riuscì, tuttavia, ad evitare la retrocessione in seconda serie, avvenuta con tre giornate di anticipo. Il ritorno nella Liga fu in tal caso immediato: la squadra si piazzò seconda nel campionato di Segunda División 2014-2015 e Rubén Castro fu autore di 32 gol.

Nel 2015-2016 il Betis si classificò decimo nella Liga e l'anno dopo quindicesimo. L'annata 2017-2018 fu chiusa al sesto posto in campionato, con qualificazione alla fase a gironi di UEFA Europa League 2018-2019. Nel 2018-2019 gli spagnoli non andarono oltre il decimo posto nella Liga, mentre in Europa League, inseriti nel girone con Milan, Olympiakos e F91 Dudelange, chiusero al primo posto il raggruppamento con 11 punti, prima di essere eliminati ai sedicesimi di finale dal Rennes.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria del Real Betis Balompié
  • 1928-29 · 6º in Segunda División.
  • 1929-30 · 9º in Segunda División.

  • 1930-31 · 6º in Segunda División.
Finalista in Coppa di Spagna.
  • 1931-32 · 1º in Segunda División.
Green Arrow Up.svg Promosso in in Primera División.
Red Arrow Down.svg Retrocesso in Segunda División.

  • 1940-41 · 7º in Segunda División.
  • 1941-42 · 1º in Segunda División.
Green Arrow Up.svg Promosso in in Primera División.
  • 1942-43 · 14º in Primera División.
Red Arrow Down.svg Retrocesso in Segunda División.
  • 1943-44 · 7º in Segunda División.
  • 1944-45 · 8º in Segunda División.
  • 1945-46 · 11º in Segunda División.
  • 1946-47 · 14º in Segunda División.
Red Arrow Down.svg Retrocesso in Tercera División.
  • 1947-48 · 2º in Tercera División.
  • 1948-49 · 8º in Tercera División.
  • 1949-50 · 3º in Tercera División.

  • 1950-51 · 2º in Tercera División.
  • 1951-52 · 3º in Tercera División.
  • 1952-53 · 5º in Tercera División.
  • 1953-54 · 1º in Tercera División.
Green Arrow Up.svg Promosso in in Segunda División.
  • 1954-55 · 5º in Segunda División.
  • 1955-56 · 2º in Segunda División.
  • 1956-57 · 6º in Segunda División.
  • 1957-58 · 1º in Segunda División.
Green Arrow Up.svg Promosso in in Primera División.
  • 1958-59 · 6º in Primera División.
  • 1959-60 · 7º in Primera División.

  • 1960-61 · 6º in Primera División.
  • 1961-62 · 9º in Primera División.
  • 1962-63 · 9º in Primera División.
  • 1963-64 · 3º in Primera División.
  • 1964-65 · 12º in Primera División.
  • 1965-66 · 16º in Primera División.
Red Arrow Down.svg Retrocesso in Segunda División.
  • 1966-67 · 2º in Segunda División.
Green Arrow Up.svg Promosso in in Primera División.
  • 1967-68 · 15º in Primera División.
Red Arrow Down.svg Retrocesso in Segunda División.
  • 1968-69 · 7º in Segunda División.
  • 1969-70 · 4º in Segunda División.

  • 1970-71 · 1º in Segunda División.
Green Arrow Up.svg Promosso in in Primera División.
  • 1971-72 · 13º in Primera División.
  • 1972-73 · 16º in Primera División.
Red Arrow Down.svg Retrocesso in Segunda División.
  • 1973-74 · 1º in Segunda División.
Green Arrow Up.svg Promosso in in Primera División.
  • 1974-75 · 9º in Primera División.
  • 1975-76 · 7º in Primera División.
  • 1976-77 · 5º in Primera División.
RFEF - Copa del Rey.svg Vince la Coppa di Spagna (1º titolo).
  • 1977-78 · 16º in Primera División.
Eliminato nei quarti della Coppa delle Coppe.
Red Arrow Down.svg Retrocesso in Segunda División.
  • 1978-79 · 3º in Segunda División.
Green Arrow Up.svg Promosso in in Primera División.
  • 1979-80 · 5º in Primera División.

  • 1980-81 · 6º in Primera División.
  • 1981-82 · 6º in Primera División.
  • 1982-83 · 11º in Primera División.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
  • 1983-84 · 5º in Primera División.
  • 1984-85 · 14º in Primera División.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
  • 1985-86 · 8º in Primera División.
  • 1986-87 · 9º in Primera División.
  • 1987-88 · 16º in Primera División.
  • 1988-89 · 18º in Primera División.
Red Arrow Down.svg Retrocesso in Segunda División.
  • 1989-90 · 2º in Segunda División.
Green Arrow Up.svg Promosso in in Primera División.

  • 1990-91 · 20º in Primera División.
Red Arrow Down.svg Retrocesso in Segunda División.
  • 1991-92 · 4º in Segunda División.
  • 1992-93 · 5º in Segunda División.
  • 1993-94 · 2º in Segunda División.
Green Arrow Up.svg Promosso in in Primera División.
  • 1994-95 · 3º in Primera División.
  • 1995-96 · 8º in Primera División.
Eliminato nel terzo turno della Coppa UEFA.
  • 1996-97 · 4º in Primera División.
Finalista in Coppa di Spagna.
  • 1997-98 · 8º in Primera División.
Eliminato nei quarti della Coppa delle Coppe.
  • 1998-99 · 11º in Primera División.
Eliminato nel terzo turno della Coppa UEFA.
  • 1999-00 · 18º in Primera División.
Red Arrow Down.svg Retrocesso in Segunda División.

  • 2000-01 · 2º in Segunda División.
Green Arrow Up.svg Promosso in in Primera División.
  • 2001-02 · 6º in Primera División.
  • 2002-03 · 8º in Primera División.
Eliminato nel terzo turno della Coppa UEFA.
  • 2003-04 · 9º in Primera División.
  • 2004-05 · 4º in Primera División.
RFEF - Copa del Rey.svg Vince la Coppa di Spagna (2º titolo).
  • 2005-06 · 14º in Primera División.
Eliminato nella fase a gruppi della UEFA Champions League.
Eliminato negli ottavi della Coppa UEFA.
  • 2006-07 · 16º in Primera División.
  • 2007-08 · 13º in Primera División.
  • 2008-09 · 18º in Primera División.
Red Arrow Down.svg Retrocesso in Segunda División.
  • 2009-10 · 4º in Segunda División.

  • 2010-11 · 1º in Segunda División.
Green Arrow Up.svg Promosso in in Primera División.
  • 2011-12 · 13º in Primera División.
  • 2012-13 · 7º in Primera División.
  • 2013-14 · 20º in Primera División.
Eliminato negli ottavi della UEFA Europa League.
Red Arrow Down.svg Retrocesso in Segunda División.
  • 2014-15 · 1º in Segunda División.
Green Arrow Up.svg Promosso in in Primera División.
  • 2015-16 · 10º in Primera División.
  • 2016-17 · 15º in Primera División.
  • 2017-18 · 6º in Primera División.
  • 2018-19 · 10º in Primera División.
Eliminato nei sedicesimi della UEFA Europa League.

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Estadio Benito Villamarín.
Panoramica dell'Estadio Benito Villamarín.

Il Betis gioca le partite casalinghe allo Stadio Benito Villamarín; l'impianto, noto in passato anche come "Manuel Ruiz de Lopera e Municipal de Heliópolis, può contenere 60 720 spettatori ed è stato inaugurato nel 1929. Nella sua storia ha ospitato anche due gare valide per il gruppo 6 del campionato mondiale del 1982.

Allenatori e presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori del Real Betis Balompié

Di seguito sono riportati i presidenti del club.

  • SEVILLE BALOMPIÉ
    • 1907-1909: Juan del Castillo Ochoa
    • 1909-1910: Alfonso del Castillo Ochoa
    • 1910-1911: José Gutiérrez Fernández
    • 1912: Juan del Castillo Ochoa
    • 1914: Herbert Richard Jones
  • BETIS FUTBOL CLUB
    • 1909: Eladio García de la Borbolla
    • 1910-1911: Manuel Gutiérrez Fernández
    • 1913-1914: Miguel Folgado
    • 1914: Pedro Rodríguez de la Borbolla
  • REAL BETIS BALOMPIÉ
    • 1914-1915: Herbert Richard Jones
    • 1915-1917: Pedro Rodríguez de la Borbolla
    • 1917-1918: Roberto Vicente de Mata
    • 1918-1919: Eduardo Hernández Nalda
    • 1919-1920: Carlos Alarcón de la Lastra
    • 1920-1921: Jerónimo Pérez de Vargas
    • 1921-1922: Carlos Alarcón de la Lastra
    • 1922-1923: Gil Gómez Bajuelo
    • 1923-1925: Ramón Navarro Cáceres
    • 1925-1926: Antonio Polo Roma
    • 1926-1927: Ramón Cortecero
    • 1927-1928: Antonio de la Guardia
    • 1928-1929: Ignacio Sánchez Mejías
    • 1929-1930: Daniel Mezquita Moreno
    • 1930: Camilo Romero Sánchez
    • 1930-1931: Adolfo Cuellar Rodríguez
    • 1931-1933: Jose Ignacio Mantecón Novasal
    • 1933-1939: Antonio Moreno Sevillano
    • 1940-1942: Ramón Poll Carbonell
    • 1942-1943: Alfonso Alarcón de Lastra
    • 1943-1944: Francisco Cantalapiedra Fernández
    • 1944-1945: Eduardo Benjumena Vázquez
    • 1945-1946: Manuel Romero Puerto
    • 1946-1947: Filomeno de Aspe Martín
    • 1947-1950: Pascual Aparicio García
    • 1950-1952: Francisco de la Cerda Carmona
    • 1952-1955: Manuel Ruiz Rodríguez
    • 1955-1965: Benito Villamarín Prieto
    • 1965-1966: Avelino Villamarín Prieto
    • 1966-1967: Andrés Gaviño
    • 1967-1969: Julio de la Puerta
    • 1969: José León Gómez
    • 1969-1979: José Núñez Naranjo
    • 1979-1983: Juan Manuel Mauduit Caller
    • 1983-1989: Gerardo Martínez Retamero
    • 1989-1992: Hugo Galera Davidson
    • 1992-1996: José León Gómez
    • 1996-2006: Manuel Ruiz de Lopera
    • 2006-2010: José León Gómez
    • 2010-2011: Rafael Gordillo
    • 2011-2014: Miguel Guillén
    • 2014: Juan Carlos Ollero Pina

Giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del Real Betis Balompié

Vincitori di titoli[modifica | modifica wikitesto]

Campioni del mondo
Campioni d'Europa

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

1934-1935
1976-1977, 2004-2005
1931-1932, 1941-1942 (gruppo III), 1957-1958 (gruppo II), 1970-1971, 1973-1974, 2010-2011, 2014-2015
1953-1954

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

1927-1928

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Terzo posto: 1963-1964, 1994-1995
Finalista: 1931, 1996-1997
Semifinalista: 1934, 1960-1961, 1965-1966, 1975-1976, 1984-1985, 1993-1994, 2018-2019
Finalista: 1986
Semifinalista: 1984
Finalista: 2005
Secondo posto: 1966-1967 (gruppo II), 1989-1990, 1993-1994, 2000-2001
Terzo posto: 1955-1956 (gruppo II), 1978-1979

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazione ai campionati e ai tornei internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Campionati nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Dalla stagione 1987-1988 alla 1928-1929 il club ha ottenuto le seguenti partecipazioni ai campionati nazionali:

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Primera División 53 1932-1933 2018-2019 53
Segunda División 28 1928-1929 2014-2015 28
Tercera División 7 1947-1948 1953-1954 7

Tornei internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Alla stagione 2018-2019 il club ha ottenuto le seguenti partecipazioni ai tornei internazionali[14]:

Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione
UEFA Champions League 1 2005-2006
Coppa delle Coppe 2 1977-1978 1997-1998
Coppa UEFA/UEFA Europa League 8 1982-1983 2018-2019

Statistiche individuali[modifica | modifica wikitesto]

Il giocatore con più presenze nelle competizioni europee è Joaquín a quota 23, mentre il miglior marcatore è Alfonso Pérez con 8 gol[14].

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

A livello internazionale la miglior vittoria è il 6-0 ottenuto contro il Jablonec nei playoff della UEFA Europa League 2013-2014, mentre la peggior sconfitta il 4-0 subito contro il Chelsea nella fase a gironi della UEFA Champions League 2005-2006[14].

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Rosa e numerazione aggiornate al 21 agosto 2019.[15]

N. Ruolo Giocatore
1 Spagna P Joel Robles
2 Spagna C Francis Guerrero
3 Spagna C Javi García
4 Marocco D Zouhair Feddal
5 Spagna D Marc Bartra
6 Spagna C Alfonso Pedraza
7 Spagna A Juanmi
8 Francia C Nabil Fekir
9 Spagna A Borja Iglesias
10 Spagna C Sergio Canales
11 Spagna A Cristian Tello
12 Brasile D Sidnei
N. Ruolo Giocatore
13 Spagna P Dani Martín
14 Portogallo C William Carvalho
16 Spagna A Loren Morón
17 Spagna A Joaquín (capitano)
18 Messico C Andrés Guardado
19 Spagna D Antonio Barragán
20 Messico A Diego Lainez
21 Camerun C Wilfrid Kaptoum
22 Brasile D Emerson
23 Algeria D Aïssa Mandi
Spagna D Álex Moreno
Colombia A Juan Narváez

Rose passate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ El Real Madrid: líder en afición y venta de productos, aimc.es, 19 maggio 2017.
  2. ^ Página nº 36 del libro del registro del Governo Civile che è conservato nella Delegazione del Governo di Siviglia. http://www.tuyossiempre.com/Historia/imagenesBD/img1163738966774.jpg[collegamento interrotto]
  3. ^ "La Historia jamás contada del Real Betis Balompié" (2001), Manuel Carmona Rodríguez
  4. ^ Web Oficial del Centenario del RBB, Manuel Carmona Rodríguez, http://www.tuyossiempre.com/historia/historia.htm Archiviato il 28 ottobre 2007 in Internet Archive.
  5. ^ Dettaglio dell'appunto nº 283 del Libro del Registro del Governo Civile di Siviglia, http://www.tuyossiempre.com/Historia/imagenesBD/img1163738950287.jpg[collegamento interrotto]
  6. ^ Nota al margine dell'appunto nº 283 Libro del Registro del Governo Civile di Siviglia http://www.tuyossiempre.com/Historia/imagenesBD/img1163738973854.jpg[collegamento interrotto]
  7. ^ Dettaglio dell'appunto nº 283 pagina 36 del Libro del Registro del Governo Civile di Siviglia, http://www.tuyossiempre.com/Historia/imagenesBD/img1163738950287.jpg[collegamento interrotto]
  8. ^ Nota al margine appunto nº 283 pagina 36 del Libro del Registro del Governo Civile di Siviglia, http://www.tuyossiempre.com/Historia/imagenesBD/img1163738973854.jpg[collegamento interrotto]
  9. ^ Guida Gómez Zarzuela, edizione del 1916 relativa al 1915 (Emeroteca Municipale di Siviglia)
  10. ^ I numeri sono puramente indicativi, in quanto all'epoca ancora non comparivano i numeri sulle maglie dei calciatori
  11. ^ Romero Murube, Joaquín. "Porqué soy bético", Speciale ABC dicembre 1958
  12. ^ Secondo altre fonti la cifra sarebbe equivalente a 60, 61,2 o 65 miliardi di lire, cfr.
    ORA DENILSON COSTA 750 MILIARDI, repubblica.it.
    Denilson, il Fenomeno-2 spacca il Brasile, lastampa.it.
  13. ^ (EN) Denilson cements Vietnam move, skysports.com.
  14. ^ a b c Real Betis Balompié, in www.uefa.com. URL consultato il 14 marzo 2019.
  15. ^ realbetisbalompie.es, https://www.realbetisbalompie.es/primer-equipo/plantilla/.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN316874743 · WorldCat Identities (EN316874743
Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio