Javier Mascherano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Javier Mascherano
Javier Mascherano 2018.jpg
Mascherano con la nazionale argentina nel 2018
Nazionalità   Argentina
Altezza 174 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex-difensore/centrocampista)
Squadra   Argentina U-20
Termine carriera 16 novembre 2020 - giocatore
Carriera
Giovanili
1999-2003River Plate
Squadre di club1
2003-2005River Plate46 (0)
2005-2006Corinthians17 (0)[1]
2006-2007West Ham Utd5 (0)
2007-2010Liverpool94 (1)
2010-2018Barcellona203 (1)
2018-2019Hebei CFFC53 (0)
2020Estudiantes10 (0)
Nazionale
2000-2001  Argentina U-176 (0)
2003-2004  Argentina U-2022 (1)
2004-2008  Argentina olimpica18 (0)
2003-2018  Argentina147 (3)
Carriera da allenatore
2021-  Argentina U-20
Palmarès
Transparent.png Campionato sudamericano Under-20
Oro Uruguay 2003
Olympic flag.svg Olimpiadi
Oro Atene 2004
Oro Pechino 2008
Transparent.png Copa América
Argento Perù 2004
Argento Venezuela 2007
Argento Cile 2015
Argento Stati Uniti 2016
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Argento Brasile 2014
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 10 dicembre 2021

Javier Alejandro Mascherano (San Lorenzo, 8 giugno 1984) è un allenatore di calcio ed ex calciatore argentino, di ruolo difensore o centrocampista, commissario tecnico della nazionale argentina Under-20. Con la nazionale argentina è stato vicecampione del mondo nel 2014 e vicecampione del Sud America in quattro occasioni (2004, 2007, 2015 e 2016).

Durante la sua carriera con i club ha vinto due campionati argentini (Clausura 2003 e Clausura 2004), un campionato brasiliano (2005), quattro campionati spagnoli (2010-2011, 2012-2013, 2014-2015, 2015-2016), tre Coppe di Spagna (2011-2012, 2014-2015, 2015-2016), tre Supercoppe di Spagna (2011, 2013, 2016), due UEFA Champions League (2010-2011, 2014-2015), due Supercoppe UEFA (2011, 2015) e due Coppe del mondo per club FIFA (2011, 2015).

Dal 2003 al 2018 ha vestito la maglia della nazionale argentina per 147 volte e ha partecipato a quattro Mondiali (2006, 2010, 2014, 2018) e cinque Coppe America (2004, 2007, 2011, 2015 e 2016). Con la selezione olimpica ha partecipato a due Olimpiadi (2004 e 2008), vincendole entrambe.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

A inizio carriera Javier Mascherano aveva paura di volare: ha dichiarato che la prima volta in aereo (nel 2000 per andare in Francia) fu un'esperienza terribile, ma che per il lavoro che fa ha dovuto sconfiggere questa fobia.[2] Possiede il passaporto italiano grazie ai bisnonni che emigrarono dalla Sicilia.[3] È sposato dal 2008 con Fernanda Morello ed è padre di due bambine: la primogenita Lola nata nel 2006, periodo in cui giocava nel Corinthians e la seconda Alma nata nel 2009.[4]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Soprannominato El Jefecito[5] ("piccolo capo" in spagnolo), era un mediano dotato sia dal punto di vista fisico che tecnico.[5] L'intelligenza tattica, la visione di gioco e l'abilità nei passaggi consentivano il suo impiego anche da regista[5], mentre in alcune occasioni fu utilizzato persino da centrale difensivo.[6]

Lo stesso calciatore ha riconosciuto al tecnico Rafael Benítez i meriti della sua maturazione agonistica.[7]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

River Plate e Corinthians[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la carriera nel River Plate, con cui si fa notare in Coppa Libertadores. Nel 2005 è acquistato, insieme a Carlos Tévez e Ricardinho, dalla cordata di neoproprietari del Corinthians, con il quale vince il Campionato brasiliano.

Liverpool[modifica | modifica wikitesto]
Mascherano ai tempi del Liverpool.

Nell'estate 2006 si trasferisce insieme a Tévez in Inghilterra, al West Ham. Con gli Hammers disputa la Coppa UEFA e la Premier League, ma dopo alcuni mesi dichiara la volontà di porre fine alla sua esperienza nel West Ham.

Il Liverpool, il 20 febbraio del 2007, si aggiudica ufficialmente l'argentino, con la formula del prestito; appena approdato alla corte di Rafael Benítez ha subito la possibilità di aggiudicarsi un trofeo, ma perde da titolare la finale della UEFA Champions League 2006-2007 ad Atene contro il Milan. Il 28 febbraio dell'anno seguente viene riscattato dal Liverpool, firmando un contratto quadriennale.[8][9]

Nella stagione 2007-08 raggiunge coi Reds le semifinali di Champions League, in cui il Liverpool è eliminato dai connazionali del Chelsea: in precedenza, la sua squadra aveva eliminato Inter e Arsenal. Nel 2008-09 conquista invece il secondo posto in campionato, dietro il Manchester United, dopo aver vinto il titolo d'inverno.

Barcellona[modifica | modifica wikitesto]
Mascherano con la maglia del Barcelona nel 2012.

Le positive stagioni al Liverpool e il mondiale sudafricano lo portano, il 27 agosto 2010, a essere acquistato per 22 milioni di euro dal Barcellona, firmando un contratto quadriennale. Viene presentato ai tifosi catalani il 30 agosto.[10]

Inizialmente Josep Guardiola gli preferisce Sergio Busquets e Mascherano fa fatica a trovare spazio da titolare in squadra.[11] Poi arrivano i guai fisici del capitano Carles Puyol[12] e la malattia di Éric Abidal che obbligano Guardiola a meditare nuove mosse per la sua difesa: così l'argentino inizia a essere schierato quasi sempre titolare o come mediano al posto di Busquets arretrato in difesa o proprio come difensore centrale. Così arrivano i primi successi: la Liga e la Champions League. In questa stagione Mascherano colleziona 43 presenze ed è schierato titolare nelle partite decisive di Champions ovvero le due semifinali contro il Real Madrid e la finale contro il Manchester United.

Anche l'inizio della stagione 2011-2012 è ricco di soddisfazioni per Mascherano. Prima l'operazione al ginocchio di Puyol, poi l'infortunio alla caviglia di Gerard Piqué confermano sempre più Mascherano come difensore centrale titolare e leader del reparto difensivo.[13] Arrivano subito altri due trofei: la Supercoppa di Spagna dove risulta decisivo nella partita di ritorno contro il Real Madrid (vinta dai blaugrana 3-2 al Camp Nou) con una prova di grande solidità[14] e lo stesso vale per la sua prestazione nella Supercoppa UEFA, vinta per 2-0 contro il Porto.[13]

Nella stagione 2012-2013 complice l'infortunio di Carles Puyol diventa il nuovo titolare del duo di centrali di difesa. Il 23 agosto 2012 regala un assist nella partita vinta per 3-2 sul Real Madrid. Il 6 aprile 2013 si procura un infortunio al ginocchio che lo terrà fuori dai campi per un mese. Torna giocare il 19 maggio nella partita vinta 2-1 contro il Real Valladolid.

Il 18 agosto 2013 esordisce nella nuova stagione nel match vinto 7-0 contro il Levante. Il 28 agosto vince il primo trofeo stagionale nella partita pareggiata 0-0 al Camp Nou contro l'Atletico Madrid. Il 18 settembre 2013 esordisce nella Champions League 2013-2014 nella vittoria per 4-0 contro l'Ajax.

La stagione 2014-2015 per Mascherano inizia il 24 agosto 2014, nel match vinto 3-0 contro l'Elche, nel quale riceve un cartellino rosso. Il 17 maggio 2015, grazie alla vittoria esterna contro l'Atlético Madrid, conquista con i colori blaugrana il campionato spagnolo e in quella stessa stagione vince la Copa del Rey e la Champions League vincendo 3-1 contro i campioni italiani della Juventus grazie ai gol decisivi di Rakitic, Suarez e Neymar.[15][16]

Il 27 luglio 2016, durante la conferenza stampa per la presentazione di André Gomes, viene annunciato dalla società il suo rinnovo fino al 30 giugno 2019.[17]

Il 26 aprile 2017 segna su calcio di rigore il suo primo e ultimo gol in maglia blaugrana, nel match interno contro l'Osasuna, valido per la 34ª giornata di Liga e terminato 7-1.[18]

Hebei Fortune[modifica | modifica wikitesto]
Mascherano con la nazionale argentina

Il 24 gennaio 2018, dopo otto stagioni totali con la squadra spagnola e 333 presenze complessive, si trasferisce all'Hebei Fortune.[19][20]

Estudiantes[modifica | modifica wikitesto]

Il 23 novembre 2019 viene ufficializzato il suo passaggio a titolo definitivo all'Estudiantes a partire dal 1º gennaio 2020.[21]

Il 15 novembre 2020, al termine del match perso per 1-0 in casa con gli Argentinos Juniors, annuncia il ritiro.[22]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 marzo 2001 esordisce con la selezione Under-17 argentina, nel pareggio per 1-1 contro il Perù: in quello stesso anno, è il capitano della squadra che arriva seconda al campionato sudamericano di categoria. Nel 2003 vince invece il Campionato sudamericano Under-20 mentre nel 2004, con l'Under-23, è finalista di Copa América e campione olimpico.

Con la nazionale maggiore aveva già esordito il 16 luglio 2003, curiosamente ancora prima che con il club di appartenenza (dove esordisce il 3 agosto seguente). Convocato per il campionato del mondo 2006, disputa tutte e cinque le gare dell'Albiceleste. Nel 2008 partecipa da fuoriquota alle Olimpiadi di Pechino, cogliendo un altro oro. Per il campionato del mondo 2010, Diego Armando Maradona gli assegna la fascia di capitano.

Prende parte alla Copa América 2011, convocato da Sergio Batista.[23] Convocato per il campionato del mondo 2014 da Alejandro Sabella, disputa tutte le partite dell'Argentina, che nella competizione iridata giunge sino alla finale, dove viene sconfitta 1-0 dalla Germania. Viene convocato per la Copa América Centenario negli Stati Uniti.[24]

Viene convocato per il campionato del mondo 2018, dove giocando la prima partita (pareggiata per 1-1) contro l'Islanda supera Javier Zanetti diventando primatista assoluto di presenze con l'Albiceleste a quota 144 presenze.[25] Il 30 giugno 2018, dopo la sconfitta con la Francia agli ottavi di finale, annuncia il suo ritiro dalla nazionale.[26]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 dicembre 2021 la federazione argentina comunica il suo approdo sulla panchina della selezione Under-20, a partire dal gennaio 2022, in sostituzione di Fernando Batista.[27]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Tra club e nazionale maggiore, Javier Mascherano ha collezionato 796 presenze segnando 8 reti.

Statistiche aggiornate al termine della carriera da calciatore.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2003-2004   River Plate PD 21 0 - - - CS+CL 3+10 0 - - - 34 0
2004-2005 PD 25 0 - - - CS+CL 1+11 0+1 - - - 37 1
Totale River Plate 46 0 - - 25 1 - - 71 1
2005   Corinthians A1/SP+A 1+7 0 CB 0 0 CS 0 0 - - - 8 0
2006 A1/SP+A 8+10 0+0 CB 2 0 CL+CS 5+0 0 - - - 25 0
Totale Corinthians 26 0 2 0 5 0 - - 33 0
2006-gen. 2007   West Ham PL 5 0 FACup+CdL 0 0 CU 2 0 - - - 7 0
gen.-giu. 2007   Liverpool PL 7 0 FACup+CdL - - UCL 4 0 CS - - 11 0
2007-2008 PL 25 1 FACup+CdL 2+1 0 UCL 13[28] 0 - - - 41 1
2008-2009 PL 27 0 FACup+CdL 3+0 0 UCL 8 0 - - - 38 0
2009-2010 PL 34 0 FACup+CdL 0+1 0 UCL+UEL 5+8 0+1 - - - 48 1
ago. 2010 PL 1 0 FACup+CdL - - UEL 0 0 - - - 1 0
Totale Liverpool 94 1 7 0 38 1 - - 139 2
2010-2011   Barcellona PD 27 0 CR 7 0 UCL 11 0 - - - 45 0
2011-2012 PD 31 0 CR 6 0 UCL 10 0 SS+SU+Cmc 2+1+2 0 52 0
2012-2013 PD 25 0 CR 6 0 UCL 8 0 SS 2 0 41 0
2013-2014 PD 28 0 CR 7 0 UCL 9 0 SS 2 0 46 0
2014-2015 PD 28 0 CR 7 0 UCL 12 0 - - - 47 0
2015-2016 PD 32 0 CR 6 0 UCL 8 0 SU+SS+Cmc 1+2+2 0 51 0
2016-2017 PD 25 1 CR 5 0 UCL 8 0 SS 2 0 40 1
2017-gen. 2018 PD 7 0 CR 2 0 UCL 2 0 SS 1 0 12 0
Totale Barcellona 203 1 46 0 68 0 17 0 334 1
2018   Hebei CFFC CSL 26 0 CC 1 1 - - - - - - 27 1
2019 CSL 27 0 CC 0 0 - - - - - - 27 0
Totale Hebei CFFC 53 0 1 1 0 0 0 0 54 1
gen.-giu. 2020   Estudiantes PD 7 0 CA 1 0 CL 0 0 - - - 8 0
giu.-nov. 2020 PD 3 0 CA - - CL - - - - - 3 0
Totale Estudiantes 10 0 1 0 0 0 0 0 11 0
Totale carriera 437 2 57 1 138 2 17 0 649 5

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Argentina
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
16-7-2003 La Plata Argentina   2 – 2   Uruguay Amichevole -
2-6-2004 Belo Horizonte Brasile   3 – 1   Argentina Qual. Mondiali 2006 - Ammonizione al 34’ 34’
6-6-2004 Buenos Aires Argentina   0 – 0   Paraguay Qual. Mondiali 2006 -
7-7-2004 Chiclayo Argentina   6 – 1   Ecuador Coppa America 2004 - 1º turno -
10-7-2004 Chiclayo Argentina   0 – 1   Messico Coppa America 2004 - 1º turno - Ammonizione al 68’ 68’
13-7-2004 Piura Argentina   4 – 2   Uruguay Coppa America 2004 - 1º turno - Ammonizione al 64’ 64’
20-7-2004 Lima Argentina   3 – 0   Colombia Coppa America 2004 - Semifinale -
25-7-2004 Lima Argentina   2 – 2
(2 – 4 dtr)
  Brasile Coppa America 2004 - Finale - Ammonizione al 72’ 72’
4-9-2004 Lima Perù   1 – 3   Argentina Qual. Mondiali 2006 - Ammonizione al 22’ 22’
13-10-2004 Santiago del Cile Cile   0 – 0   Argentina Qual. Mondiali 2006 - Ingresso al 45’ 45’
17-11-2004 Buenos Aires Argentina   3 – 2   Venezuela Qual. Mondiali 2006 -
9-3-2005 Los Angeles Argentina   1 – 1   Messico Amichevole - Ammonizione al 32’ 32’
30-3-2005 Buenos Aires Argentina   1 – 0   Colombia Qual. Mondiali 2006 - Uscita al 54’ 54’
8-6-2005 Buenos Aires Argentina   3 – 1   Brasile Qual. Mondiali 2006 -
30-5-2006 Salerno Argentina   2 – 0   Angola Amichevole -
10-6-2006 Amburgo Argentina   2 – 1   Costa d'Avorio Mondiali 2006 - 1º Turno -
16-6-2006 Gelsenkirchen Argentina   6 – 0   Serbia e Montenegro Mondiali 2006 - 1º turno -
21-6-2006 Francoforte Paesi Bassi   0 – 0   Argentina Mondiali 2006 - 1º turno - Ammonizione al 90’ 90’
24-6-2006 Lipsia Argentina   2 – 1 dts   Messico Mondiali 2006 - Ottavi di finale -
30-6-2006 Berlino Germania   1 – 1 dts
(4 – 2 dtr)
  Argentina Mondiali 2006 - Quarti di finale - Ammonizione al 60’ 60’
3-9-2006 Londra Brasile   3 – 0   Argentina Amichevole - Uscita al 46’ 46’
11-10-2006 Murcia Spagna   2 – 1   Argentina Amichevole -
2-6-2007 Basilea Svizzera   1 – 1   Argentina Amichevole - Ingresso al 67’ 67’
5-6-2007 Barcellona Algeria   3 – 4   Argentina Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
28-6-2007 Maracaibo Argentina   4 – 1   Stati Uniti Coppa America 2007 - 1º turno -
2-7-2007 Maracaibo Argentina   4 – 2   Colombia Coppa America 2007 - 1º turno -
5-7-2007 Barquisimeto Argentina   1 – 0   Paraguay Coppa America 2007 - 1º turno 1 Ingresso al 67’ 67’
8-7-2007 Barquisimeto Argentina   4 – 0   Perù Coppa America 2007 - Quarti di finale 1
11-7-2007 Puerto Ordaz Messico   0 – 3   Argentina Coppa America 2007 - Semifinale -
15-7-2007 Maracaibo Brasile   3 – 0   Argentina Coppa America 2007 - Finale - Ammonizione al 44’ 44’
22-8-2007 Oslo Norvegia   2 – 1   Argentina Amichevole - Ammonizione al 90’ 90’
11-9-2007 Melbourne Australia   0 – 1   Argentina Amichevole -
13-10-2007 Buenos Aires Argentina   2 – 0   Cile Qual. Mondiali 2010 -
16-10-2007 Maracaibo Venezuela   0 – 2   Argentina Qual. Mondiali 2010 -
17-11-2007 Buenos Aires Argentina   3 – 0   Bolivia Qual. Mondiali 2010 -
20-11-2007 Bogotà Colombia   2 – 1   Argentina Qual. Mondiali 2010 -
26-3-2008 Il Cairo Egitto   0 – 2   Argentina Amichevole -
4-6-2008 San Diego Messico   1 – 4   Argentina Amichevole - Ammonizione al 67’ 67’
8-6-2008 New York Stati Uniti   0 – 0   Argentina Amichevole - Yellow card.svgYellow card.svgRed card.svg 86’
15-6-2008 Buenos Aires Argentina   1 – 1   Ecuador Qual. Mondiali 2010 - Uscita al 63’ 63’
18-6-2008 Belo Horizonte Brasile   0 – 0   Argentina Qual. Mondiali 2010 - Ammonizione al 62’ 62’
6-9-2008 Buenos Aires Argentina   1 – 1   Paraguay Qual. Mondiali 2010 - Ammonizione al 63’ 63’
11-10-2008 Buenos Aires Argentina   2 – 1   Uruguay Qual. Mondiali 2010 - Ammonizione al 63’ 63’
15-10-2008 Santiago Cile   1 – 0   Argentina Qual. Mondiali 2010 -
19-11-2008 Glasgow Scozia   0 – 1   Argentina Amichevole -
11-2-2009 Marsiglia Francia   0 – 2   Argentina Amichevole -
28-3-2009 Buenos Aires Argentina   4 – 0   Venezuela Qual. Mondiali 2010 -
1-4-2009 La Paz Bolivia   6 – 1   Argentina Qual. Mondiali 2010 -
6-6-2009 Buenos Aires Argentina   1 – 0   Colombia Qual. Mondiali 2010 - Ammonizione al 11’ 11’
12-8-2009 Mosca Russia   2 – 3   Argentina Amichevole -
5-9-2009 Rosario Argentina   1 – 3   Brasile Qual. Mondiali 2010 - Ammonizione al 41’ 41’
9-9-2009 Asunción Paraguay   1 – 0   Argentina Qual. Mondiali 2010 -
10-10-2009 Buenos Aires Argentina   2 – 1   Perù Qual. Mondiali 2010 -
14-10-2009 Montevideo Uruguay   0 – 1   Argentina Qual. Mondiali 2010 -
14-11-2009 Madrid Spagna   2 – 1   Argentina Amichevole -
3-3-2010 Monaco di Baviera Germania   0 – 1   Argentina Amichevole - cap.
24-5-2010 Buenos Aires Argentina   5 – 0   Canada Amichevole - Uscita al 58’ 58’
12-6-2010 Johannesburg Argentina   1 – 0   Nigeria Mondiali 2010 - 1º turno - cap.
17-6-2010 Johannesburg Argentina   4 – 1   Corea del Sud Mondiali 2010 - 1º turno - cap. - Ammonizione al 55’ 55’
27-6-2010 Johannesburg Argentina   3 – 1   Messico Mondiali 2010 - Ottavi di finale - cap.
3-7-2010 Città del Capo Argentina   0 – 4   Germania Mondiali 2010 - Quarti di finale - cap. - Ammonizione al 80’ 80’
11-8-2010 Dublino Irlanda   0 – 1   Argentina Amichevole -
7-9-2010 Buenos Aires Argentina   4 – 1   Spagna Amichevole -
8-10-2010 Tokyo Giappone   1 – 0   Argentina Amichevole - cap.
17-11-2010 Doha Argentina   1 – 0   Brasile Amichevole - cap. - Ammonizione al 60’ 60’
9-2-2011 Ginevra Argentina   2 – 1   Portogallo Amichevole -
26-3-2011 East Rutherford Stati Uniti   1 – 1   Argentina Amichevole -
29-3-2011 San José Costa Rica   0 – 0   Argentina Amichevole - Uscita al 46’ 46’
20-6-2011 Buenos Aires Argentina   4 – 0   Albania Amichevole - cap.
1-7-2011 La Plata Argentina   1 – 1   Bolivia Coppa America 2011 - 1º turno -
6-7-2011 Santa Fe Argentina   0 – 0   Colombia Coppa America 2011 - 1º turno -
11-7-2011 Córdoba Argentina   3 – 0   Costa Rica Coppa America 2011 - 1º turno -
16-7-2011 Santa Fe Argentina   1 – 1
(4 – 5 dtr)
  Uruguay Coppa America 2011 - Quarti di finale - Yellow card.svgYellow card.svgRed card.svg 86’
2-9-2011 Calcutta Argentina   1 – 0   Venezuela Amichevole - Ammonizione al 63’ 63’
6-9-2011 Dacca Argentina   3 – 1   Nigeria Amichevole - Ammonizione al 56’ 56’
11-10-2011 Puerto La Cruz Venezuela   1 – 0   Argentina Qual. Mondiali 2014 - Uscita al 66’ 66’
11-11-2011 Buenos Aires Argentina   1 – 1   Bolivia Qual. Mondiali 2014 - Uscita al 82’ 82’
15-11-2011 Barranquilla Colombia   1 – 2   Argentina Qual. Mondiali 2014 -
29-2-2012 Berna Svizzera   1 – 3   Argentina Amichevole -
2-6-2012 Buenos Aires Argentina   4 – 0   Ecuador Qual. Mondiali 2014 - Ammonizione al 87’ 87’
9-6-2012 East Rutherford Argentina   4 – 3   Brasile Amichevole - Ammonizione al 59’ 59’
15-8-2012 Francoforte Germania   1 – 3   Argentina Amichevole - cap. - Uscita al 79’ 79’
11-9-2012 Lima Perù   1 – 1   Argentina Qual. Mondiali 2014 -
12-10-2012 Mendoza Argentina   3 – 0   Uruguay Qual. Mondiali 2014 -
16-10-2012 Santiago Cile   1 – 2   Argentina Qual. Mondiali 2014 -
14-11-2012 Riyad Arabia Saudita   0 – 0   Argentina Amichevole -
6-2-2013 Solna Svezia   2 – 3   Argentina Amichevole -
22-3-2013 Buenos Aires Argentina   3 – 0   Venezuela Qual. Mondiali 2014 -
26-3-2013 La Paz Bolivia   1 – 1   Argentina Qual. Mondiali 2014 - Ammonizione al 79’ 79’
7-6-2013 Buenos Aires Argentina   0 – 0   Colombia Qual. Mondiali 2014 -
11-6-2013 Quito Ecuador   1 – 1   Argentina Qual. Mondiali 2014 - cap. - Red card.svg 88’
14-6-2013 Città del Guatemala Guatemala   0 – 4   Argentina Amichevole - Ingresso al 64’ 64’
14-8-2013 Roma Italia   1 – 2   Argentina Amichevole - Uscita al 75’ 75’
16-11-2013 East Rutherford Ecuador   0 – 0   Argentina Amichevole - cap.
18-11-2013 Saint Louis Argentina   2 – 0   Bosnia ed Erzegovina Amichevole -
5-3-2014 Bucarest Romania   0 – 0   Argentina Amichevole -
4-6-2014 Buenos Aires Argentina   3 – 0   Trinidad e Tobago Amichevole 1 Uscita al 70’ 70’
7-6-2014 La Plata Argentina   2 – 0   Slovenia Amichevole - cap. - Ammonizione al 51’ 51’ - Uscita al 77’ 77’
15-6-2014 Rio de Janeiro Argentina   2 – 1   Bosnia ed Erzegovina Mondiali 2014 - 1º turno -
21-6-2014 Belo Horizonte Argentina   1 – 0   Iran Mondiali 2014 - 1º turno -
25-6-2014 Porto Alegre Nigeria   2 – 3   Argentina Mondiali 2014 - 1º turno -
1-7-2014 San Paolo Argentina   1 – 0 dts   Svizzera Mondiali 2014 - Ottavi di finale -
5-7-2014 Brasilia Argentina   1 – 0   Belgio Mondiali 2014 - Quarti di finale -
9-7-2014 San Paolo Paesi Bassi   0 – 0 dts
(2 – 4 dtr)
  Argentina Mondiali 2014 - Semifinale -
13-7-2014 Rio de Janeiro Germania   1 – 0 dts   Argentina Mondiali 2014 - Finale - Ammonizione al 64’ 64’
3-9-2014 Düsseldorf Germania   2 – 4   Argentina Amichevole - cap.
11-10-2014 Pechino Brasile   2 – 0   Argentina Amichevole - Ammonizione al 47’ 47’
14-10-2014 Hong Kong Hong Kong   0 – 7   Argentina Amichevole - Ingresso al 73’ 73’
12-11-2014 Londra Argentina   2 – 1   Croazia Amichevole -
18-11-2014 Manchester Argentina   0 – 1   Portogallo Amichevole -
31-3-2015 East Rutherford Argentina   2 – 1   Ecuador Amichevole -
13-6-2015 La Serena Argentina   2 – 2   Paraguay Coppa America 2015 - 1º turno -
16-6-2015 La Serena Argentina   1 – 0   Uruguay Coppa America 2015 - 1º turno - Ammonizione al 46’ 46’
20-6-2015 Viña del Mar Argentina   1 – 0   Giamaica Coppa America 2015 - 1º turno -
26-6-2015 Viña del Mar Argentina   0 – 0
(5 – 4 dtr)
  Colombia Coppa America 2015 - Quarti di finale - Ammonizione al 34’ 34’
30-6-2015 Concepción Argentina   6 – 1   Paraguay Coppa America 2015 - Semifinale - Uscita al 77’ 77’
4-7-2015 Santiago Cile   0 – 0 dts
(4 – 1 dtr)
  Argentina Coppa America 2015 - Finale - Ammonizione al 55’ 55’
8-9-2015 Arlington Argentina   2 – 2   Messico Amichevole -
9-10-2015 Buenos Aires Argentina   0 – 2   Ecuador Qual. Mondiali 2018 - cap.
13-10-2015 Asunción Paraguay   0 – 0   Argentina Qual. Mondiali 2018 - cap.
14-11-2015 Buenos Aires Argentina   1 – 1   Brasile Qual. Mondiali 2018 - cap. - Ammonizione al 82’ 82’
17-11-2015 Barranquilla Colombia   0 – 1   Argentina Qual. Mondiali 2018 - cap. - Ammonizione al 62’ 62’
29-3-2016 Córdoba Argentina   2 – 0   Bolivia Qual. Mondiali 2018 -
27-5-2016 San Juan Argentina   1 – 0   Honduras Amichevole - Ammonizione al 90'+2’ 90'+2’
6-6-2016 Santa Clara Argentina   2 – 1   Cile Coppa America Centenario - 1º turno - cap.
10-6-2016 Chicago Argentina   5 – 0   Panama Coppa America Centenario - 1º turno - cap. - Ammonizione al 17’ 17’
18-6-2016 Foxborough Argentina   4 – 1   Venezuela Coppa America Centenario - Quarti di finale -
21-6-2016 Houston Stati Uniti   0 – 4   Argentina Coppa America Centenario - Semifinale -
26-6-2016 East Rutherford Argentina   0 – 0 dts
(2 – 4 dtr)
  Cile Coppa America Centenario - Finale - Ammonizione al 37’ 37’
1-9-2016 Mendoza Argentina   1 – 0   Uruguay Qual. Mondiali 2018 -
6-9-2016 Mérida Venezuela   2 – 2   Argentina Qual. Mondiali 2018 - cap. - Ammonizione al 33’ 33’
6-10-2016 Lima Perù   2 – 2   Argentina Qual. Mondiali 2018 - cap.
11-10-2016 Córdoba Argentina   0 – 1   Paraguay Qual. Mondiali 2018 - cap.
10-11-2016 Belo Horizonte Brasile   3 – 0   Argentina Qual. Mondiali 2018 -
15-11-2016 San Juan Argentina   3 – 0   Colombia Qual. Mondiali 2018 -
23-3-2017 Buenos Aires Argentina   1 – 0   Cile Qual. Mondiali 2018 - Ammonizione al 18’ 18’
5-9-2017 Buenos Aires Argentina   1 – 1   Venezuela Qual. Mondiali 2018 -
5-10-2017 Buenos Aires Argentina   0 – 0   Perù Qual. Mondiali 2018 -
10-10-2017 Quito Ecuador   1 – 3   Argentina Qual. Mondiali 2018 - Ammonizione al 86’ 86’
11-11-2017 Mosca Russia   0 – 1   Argentina Amichevole -
14-11-2017 Krasnodar Argentina   2 – 4   Nigeria Amichevole - cap.
27-3-2018 Madrid Spagna   6 – 1   Argentina Amichevole - cap. Uscita al 56’ 56’
29-5-2018 Buenos Aires Argentina   4 – 0   Haiti Amichevole -
16-6-2018 Mosca Argentina   1 – 1   Islanda Mondiali 2018 - 1º turno -
21-6-2018 Nižnij Novgorod Argentina   0 – 3   Croazia Mondiali 2018 - 1º turno -
26-6-2018 San Pietroburgo Nigeria   1 – 2   Argentina Mondiali 2018 - 1º turno - Ammonizione al 49’ 49’
30-6-2018 Kazan' Francia   4 – 3   Argentina Mondiali 2018 - Ottavi di finale - Ammonizione al 43’ 43’
Totale Presenze (2º posto) 147 Reti 3

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 26 (0) se si comprendono le presenze nel Campionato Paulista.
  2. ^ Javier Mascherano, il nuovo volante della Seleccion, su tuttomercatoweb.com. URL consultato il 13 luglio 2014.
  3. ^ Sport - Domande e risposte, su stpauls.it. URL consultato il 13 luglio 2014.
  4. ^ Maria Fernanda Mascherano: Javier Mascherano’s Wife, su sports.rightpundits.com. URL consultato il 10 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2015).
  5. ^ a b c Lo chiamavano "El Jefecito": Javier Mascherano, su numero-diez.com, 2 aprile 2017. URL consultato il 9 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2017).
  6. ^ Daniele Adani, Teoria e tecnica del difensore centrale, su rivistaundici.com, 20 dicembre 2016.
  7. ^ Roger Xuriach, Mascherano: "Grazie Benitez, mi hai tirato fuori da un pozzo di 20 metri", su gazzetta.it, 8 dicembre 2015.
  8. ^ Ufficiale: il Liverpool riscatta Mascherano, su tuttomercatoweb.com. URL consultato il 10 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2008).
  9. ^ Juve beffata, Mascherano al Liverpool, su gazzetta.it. URL consultato il 10 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2014).
  10. ^ Ufficiale: Barcellona, è fatta per Mascherano, su tuttomercatoweb.com. URL consultato il 10 luglio 2014.
  11. ^ Il Chelsea lo incalza, ma Mascherano è testardo! Vuol diventare un punto fermo del Barca, su goal.com. URL consultato il 7 luglio 2014.
  12. ^ Barcellona, preoccupa Puyol, su calciomercato.it. URL consultato il 7 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º febbraio 2014).
  13. ^ a b Supercoppa Europea - Le pagelle di Barcellona-Porto, su it.eurosport.yahoo.com. URL consultato il 13 luglio 2014.
  14. ^ Supercoppa di Spagna - Le pagelle del Super Clásico, su it.eurosport.yahoo.com. URL consultato il 13 luglio 2014.
  15. ^ Spagna, Barcellona campione per la 23ª volta: Messi-gol, Atletico battuto, su gazzetta.it. URL consultato il 17 maggio 2015.
  16. ^ (ES) Una Liga al dictado de Messi, su marca.com. URL consultato il 17 maggio 2015.
  17. ^ (EN) Javier Mascherano extends contract until 2019, su fcbarcelona.com, 27 luglio 2016. URL consultato il 28 luglio 2016.
  18. ^ Liga, Barcellona-Osasuna 7-1: Mascherano, primo gol in 7 anni. Il Real ne fa sei: segna Morata, su Tuttosport, 26 aprile 2017. URL consultato il 24 gennaio 2018.
  19. ^ Agreement with Hebei Fortune for the transfer of Javier Mascherano fcbarcelona.com
  20. ^ Barça to hold an institutional farewell ceremony for Javier Mascherano fcbarcelona.com
  21. ^ Ufficiale, Mascherano torna in Argentina: ha firmato con l'Estudiantes, su goal.com.
  22. ^ Javier Mascherano si ritira dal calcio giocato: “È ora di chiudere la mia carriera”, su fanpage.it.
  23. ^ Argentina: c'è anche Diego Milito tra i 26 pre-convocati, su tuttomercatoweb.com. URL consultato il 10 luglio 2014.
  24. ^ Los 23 para la Copa América, afa.org.ar, 21 maggio 2016. URL consultato il 21 maggio 2016.
  25. ^ (EN) Chris Burton, Mascherano's 144th appearance sees him overtake Zanetti as Argentina's most-capped player, su goal.com, 16 giugno 2018.
  26. ^ Argentina: Mascherano in lacrime dà l'addio alla Nazionale, su corrieredellosport.it.
  27. ^ (ES) Javier Mascherano será entrenador de la Sub 20, su afa.com.ar, 10 dicembre 2021. URL consultato il 10 dicembre 2021.
  28. ^ 2 presenze nel terzo turno preliminare.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN403144783004212487347 · ISNI (EN0000 0004 5673 322X · LCCN (ENn2016048501 · BNE (ESXX5538897 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n2016048501