Coppa del mondo per club FIFA 2020

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Coppa del mondo per club FIFA 2020
FIFA Club World Cup Qatar 2020 presented by Alibaba Cloud
كأس العالم للأندية لكرة القدم قطر 2020
Logo della competizione
Competizione Coppa del mondo per club FIFA
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 17ª
Organizzatore FIFA
Date dal 4 febbraio 2021
all'11 febbraio 2021
Luogo Qatar Qatar
(1 città)
Partecipanti 6
Impianto/i 2 stadi
Risultati
Vincitore Bayern Monaco
(2º titolo)
Secondo Tigres UANL
Terzo Al-Ahly
Quarto Palmeiras
Statistiche
Miglior giocatore Polonia Robert Lewandowski
Miglior marcatore Francia André-Pierre Gignac (3)
Incontri disputati 7
Gol segnati 12 (1,71 per incontro)
Pubblico 24 639
(3 520 per incontro)
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2019 2021 Right arrow.svg

La Coppa del mondo per club FIFA 2020 (ufficialmente FIFA Club World Cup Qatar 2020 presented by Alibaba Cloud per ragioni di sponsorizzazione) è stata la 17ª edizione di questo torneo di calcio per squadre maschili di club organizzato dalla FIFA e si è tenuta in Qatar dal 4 all'11 febbraio 2021.[1] Questa edizione sarebbe dovuta essere l'ultima con il format a 7 partecipanti prima dell'allargamento a 24 previsto dall'edizione successiva,[2] ma il 4 dicembre 2020 la FIFA ha annunciato l'intenzione di rinviare la partenza dell'edizione pilota della nuova Coppa del mondo per club.[3]

Originariamente previsto nel mese di dicembre 2020, il 17 novembre dello stesso anno la FIFA ha ufficializzato lo spostamento del torneo a febbraio 2021 a causa della pandemia di COVID-19.[4]

Il 15 gennaio 2021 è stato annunciato il ritiro dell'Auckland City dalla competizione a causa della pandemia di COVID-19 e delle relative misure in tema di quarantena imposte dalle autorità della Nuova Zelanda.[5] L'incontro inaugurale tra i padroni di casa dell'Al-Duhail e l'Auckland City ha visto il passaggio del turno dei qatarioti per 3-0 a tavolino a causa del ritiro dei neozelandesi.[6]

Il torneo è stato vinto dai tedeschi del Bayern Monaco, detentori della UEFA Champions League 2019-2020, al secondo successo nella manifestazione. Grazie alla vittoria, il Bayern Monaco ha stabilito il sextuple per la conquista di sei trofei nell'anno solare, eguagliando l'impresa già riuscita solo agli spagnoli del Barcellona nel 2009.[7] La finale ha visto per la prima volta protagonista una squadra rappresentante della confederazione CONCACAF, i messicani del Tigres UANL.[8]

Scelta del paese ospitante[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 giugno 2019 è stato annunciato che le edizioni 2019 e 2020 sarebbero state disputate in Qatar, come prova generale per il Mondiale 2022.[1]

Formula[modifica | modifica wikitesto]

La formula del torneo è la stessa dall'edizione del 2008. Partecipano le sei vincitrici delle rispettive competizioni continentali, più la squadra campione nazionale del paese ospitante. Se una squadra del paese ospitante vince il proprio trofeo continentale, al posto dei campioni nazionali partecipa la finalista della competizione internazionale relativa, visto il divieto di partecipazione per più squadre dello stesso paese.

I campioni nazionali del paese organizzatore avrebbero dovuto sfidare i rappresentanti dell'Oceania in un turno preliminare, ma vista l'impossibilità a partecipare di questi ultimi a causa della pandemia di COVID-19 e delle relative misure in tema di quarantena imposte dalle autorità della Nuova Zelanda, si aggrega alle detentrici dei titoli di Africa, Asia e Centro-Nord America. Le vincenti di questi scontri sfidano in semifinale le vincitrici della UEFA Champions League e della Coppa Libertadores. Oltre la finale per il titolo si disputano gli incontri per il terzo e il quinto posto.

Stadi[modifica | modifica wikitesto]

Ar Rayyan
Stadio Ahmed bin Ali Stadio dell'Education City
Capacità: 40 000 Capacità: 40 000
Al-Rayan-Stadium-doha.jpg Aerial view of Education City Stadium and Oxygen Park in Al Rayyan (Education City Stadium) crop.jpg

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Ubicazione delle squadre partecipanti alla Coppa del mondo per club FIFA 2020.
Squadra Confederazione Qualificazione Data qualificazione Partecipazioni
(edizioni precedenti con vittorie in grassetto)
Club entrati in semifinale
Germania Bayern Monaco UEFA Campione UEFA Champions League 2019-2020 23 agosto 2020 (2013)
Brasile Palmeiras CONMEBOL Campione Coppa Libertadores 2020 30 gennaio 2021
Club entrati al secondo turno
Egitto Al-Ahly CAF Campione CAF Champions League 2019-2020 27 novembre 2020 (2005, 2006, 2008, 2012, 2013)
Corea del Sud Ulsan Hyundai AFC Campione AFC Champions League 2020 19 dicembre 2020 (2012)
Messico Tigres UANL CONCACAF Campione CONCACAF Champions League 2020 22 dicembre 2020
Club entrati al primo turno
Qatar Al-Duhail AFC Campione 2019-2020 del Qatar, paese ospitante 27 settembre 2020[9]
Nuova Zelanda Auckland City (ritirata)[10] OFC Nominata dall'OFC[11] 19 novembre 2020 10ª (teorica) (2006, 2009, 2011, 2012, 2013, 2014, 2015, 2016, 2017)

Convocazioni[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Convocazioni per la Coppa del mondo per club FIFA 2020.

Arbitri[modifica | modifica wikitesto]

La FIFA ha selezionato sette arbitri, dodici assistenti arbitrali e sette con il ruolo di addetti al Video Assistant Referee. La brasiliana Edina Alves Batista è diventata la prima donna ad arbitrare in un torneo maschile della FIFA.

Confederazione Arbitro Assistente arbitrale VAR
AFC Emirati Arabi Uniti Mohammed Abdulla Hassan Emirati Arabi Uniti Mohamed Al Hammadi
Emirati Arabi Uniti Hasan Al Mahri
Qatar Khamis Al-Marri
CAF Senegal Maguette N'Diaye Senegal Djibril Camara
Senegal El Hadji Malick Samba
Marocco Rédouane Jiyed
CONCACAF Guatemala Mario Escobar Giamaica Nicholas Anderson
Guatemala Humberto Panjoj
Canada Drew Fischer
CONMEBOL Brasile Edina Alves Batista Brasile Neuza Back
Argentina Mariana de Almeida
Cile Julio Bascuñán
Colombia Nicolás Gallo
Uruguay Esteban Ostojich[12] Uruguay Nicolás Taran
Uruguay Richard Trinidad
OFC Tahiti Abdelkader Zitouni
UEFA Paesi Bassi Danny Makkelie Paesi Bassi Mario Diks
Paesi Bassi Hessel Steegstra
Paesi Bassi Kevin Blom
Paesi Bassi Jochem Kamphuis

Partite[modifica | modifica wikitesto]

Tabellone[modifica | modifica wikitesto]

Il tabellone è stato sorteggiato il 19 gennaio 2021 a Zurigo.[13]

Primo turno Secondo turno Semifinali Finale
                           
 Qatar Al-Duhail (tav.)[6]  3          
 Nuova Zelanda Auckland City  0      Qatar Al-Duhail  0
   Egitto Al-Ahly  1    
 Egitto Al-Ahly  0
     Germania Bayern Monaco  2  
 Germania Bayern Monaco  1
   Messico Tigres UANL  0
 Messico Tigres UANL  2
 Corea del Sud Ulsan Hyundai  1    
 Brasile Palmeiras  0
Play-off per il quinto posto Play-off per il terzo posto
     Messico Tigres UANL  1  
 Corea del Sud Ulsan Hyundai  1  Egitto Al-Ahly (dcr)  0 (3)
 Qatar Al-Duhail  3  Brasile Palmeiras  0 (2)

Primo turno[modifica | modifica wikitesto]

Ar Rayyan
1º febbraio 2021, ore 20:30 UTC+3
Gara 1
Al-Duhail3 – 0
(tav.)[6]
referto
Auckland CityStadio Ahmed bin Ali

Secondo turno[modifica | modifica wikitesto]

Ar Rayyan
4 febbraio 2021, ore 17:00 UTC+3
Gara 2
Tigres UANL2 – 1
referto
Ulsan HyundaiStadio Ahmed bin Ali (866[14] spett.)
Arbitro: Uruguay Esteban Ostojich

Ar Rayyan
4 febbraio 2021, ore 20:30 UTC+3
Gara 3
Al-Duhail0 – 1
referto
Al-AhlyStadio dell'Education City
Arbitro: Guatemala Mario Escobar

Incontro per il quinto posto[modifica | modifica wikitesto]

Ar Rayyan
7 febbraio 2021, ore 18:00 UTC+3
Gara 4
Ulsan Hyundai1 – 3
referto
Al-DuhailStadio Ahmed bin Ali (920[15] spett.)
Arbitro: Brasile Edina Alves Batista

Semifinali[modifica | modifica wikitesto]

Ar Rayyan
7 febbraio 2021, ore 21:00 UTC+3
Gara 5
Palmeiras0 – 1
referto
Tigres UANLStadio dell'Education City (1 854[16] spett.)
Arbitro: Paesi Bassi Danny Makkelie

Ar Rayyan
8 febbraio 2021, ore 21:00 UTC+3
Gara 6
Al-Ahly0 – 2
referto
Bayern MonacoStadio Ahmed bin Ali (7 982[17] spett.)
Arbitro: Emirati Arabi Uniti Mohammed Abdulla Hassan

Incontro per il terzo posto[modifica | modifica wikitesto]

Ar Rayyan
11 febbraio 2021, ore 18:00 UTC+3
Gara 7
Al-Ahly0 – 0
referto
PalmeirasStadio dell'Education City (5 606[18] spett.)
Arbitro: Senegal Maguette N'Diaye

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Finale della Coppa del mondo per club FIFA 2020.
Ar Rayyan
11 febbraio 2021, ore 21:00 UTC+3
Gara 8
Bayern Monaco1 – 0
referto
Tigres UANLStadio dell'Education City (7 411[19] spett.)
Arbitro: Uruguay Esteban Ostojich

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Confederazione
1 Germania Bayern Monaco UEFA
2 Messico Tigres UANL CONCACAF
3 Egitto Al-Ahly CAF
4 Brasile Palmeiras CONMEBOL
5 Qatar Al-Duhail AFC
6 Corea del Sud Ulsan Hyundai AFC

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Gol Rigori Giocatore Squadra
3 2 Francia André-Pierre Gignac Tigres UANL
2 Polonia Robert Lewandowski Bayern Monaco
1 Qatar Almoez Ali Al-Duhail
1 Belgio Edmílson Al-Duhail
1 Egitto Hussein El Shahat Al-Ahly
1 Corea del Sud Kim Kee-hee Ulsan Hyundai
1 Qatar Mohammed Muntari Al-Duhail
1 Francia Benjamin Pavard Bayern Monaco
1 Corea del Sud Yoon Bit-garam Ulsan Hyundai

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) FIFA Council appoints Qatar as host of the FIFA Club World Cup in 2019 and 2020, su fifa.com, 3 giugno 2019.
  2. ^ (EN) FIFA Council votes for the introduction of a revamped FIFA Club World Cup, su fifa.com, 15 marzo 2019.
  3. ^ FIFA, nel 2021 niente Mondiale per Club a 24 squadre, su calcioefinanza.it, 4 dicembre 2020.
  4. ^ (EN) Update on FIFA Club World Cup 2020 and women’s youth tournaments, su fifa.com, 17 novembre 2020. URL consultato il 17 novembre 2020.
  5. ^ (EN) Auckland City FC withdraw from FIFA Club World Cup™, su fifa.com, 15 gennaio 2021.
  6. ^ a b c All'Al-Duhail è stata assegnata la vittoria per 3-0 a tavolino dopo che la FIFA ha annunciato il ritiro dell'Auckland City dalla competizione a causa della pandemia di COVID-19 e delle relative misure in tema di quarantena imposte dalle autorità della Nuova Zelanda, cfr. (EN) Auckland City FC withdraw from FIFA Club World Cup™, su fifa.com, 15 gennaio 2021. URL consultato il 15 gennaio 2021.
  7. ^ (EN) Pavard completes sextuple for dominant Bayern, su fifa.com, 11 febbraio 2021. URL consultato l'11 febbraio 2021.
  8. ^ Mondiale per club, Tigres in finale: battuto il Palmeiras. I messicani nella storia, su sport.sky.it, 7 febbraio 2021. URL consultato l'11 febbraio 2021.
  9. ^ L'Al-Duhail ha vinto il campionato qatariota il 21 agosto 2020. La sua partecipazione è diventata ufficiale solo dopo che l'ultimo team dello stesso paese, l'Al-Sadd, è stato eliminato dalla Champions League asiatica.
  10. ^ Il 15 gennaio 2021 la FIFA ha annunciato il ritiro dell'Auckland City dalla competizione a causa della pandemia di COVID-19 e delle relative misure in tema di quarantena imposte dalle autorità della Nuova Zelanda, cfr. (EN) Auckland City FC withdraw from FIFA Club World Cup™, su fifa.com, 15 gennaio 2021. URL consultato il 15 gennaio 2021.
  11. ^ Il 4 settembre 2020 l'OFC ha annunciato la cancellazione della fase a eliminazione diretta dell'OFC Champions League 2020, a causa delle restrizioni ai viaggi causati dalla pandemia di COVID-19, e che nessun club sarebbe stato dichiarato campione, cfr. (EN) OFC Champions League 2020 cancelled, su oceaniafootball.com, 4 settembre 2020. URL consultato il 4 settembre 2020. Il 19 novembre 2020 l'Auckland City è stata confermata come squadra rappresentante di questa federazione in virtù del miglior piazzamento nel ranking della fase a gironi dell'OFC Champions League 2020, cfr. (EN) Auckland City nominated for CWC, su oceaniafootball.com, 19 novembre 2020. URL consultato il 19 novembre 2020.
  12. ^ L'uruguaiano Leodán González è stato sostituito da Esteban Ostojich a causa di problemi di salute, cfr. (EN) The FIFA Referees Committee has replaced referee Leodan Gonzalez from Uruguay for the #ClubWC, due to health reasons. His compatriot Esteban Ostojich will now travel for the tournament., su twitter.com, 26 gennaio 2021. URL consultato il 2 febbraio 2021.
  13. ^ (EN) Education City, Ahmad Bin Ali and Khalifa International to host FIFA Club World Cup matches, fifa.com, 23 dicembre 2020. URL consultato il 26 dicembre 2020.
  14. ^ (EN) Tigres UANL-Ulsan Hyundai FC, FIFA, 4 febbraio 2021. URL consultato il 4 febbraio 2021.
  15. ^ (EN) Ulsan Hyundai FC-Al Duhail SC, FIFA, 7 febbraio 2021. URL consultato il 7 febbraio 2021.
  16. ^ (EN) SE Palmeiras-Tigres UANL, FIFA, 7 febbraio 2021. URL consultato il 7 febbraio 2021.
  17. ^ (EN) Al Ahly SC-FC Bayern München, FIFA, 8 febbraio 2021. URL consultato l'8 febbraio 2021.
  18. ^ (EN) Al Ahly SC-SE Palmeiras, FIFA, 11 febbraio 2021. URL consultato l'11 febbraio 2021.
  19. ^ (EN) FC Bayern München-Tigres UANL, FIFA, 11 febbraio 2021. URL consultato l'11 febbraio 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio