Supercoppa italiana 2014

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Supercoppa italiana.

Supercoppa italiana 2014
Supercoppa TIM 2014
Competizione Supercoppa italiana
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 27ª
Organizzatore Lega Serie A
Date 22 dicembre 2014
Luogo Qatar Qatar
Doha
Partecipanti 2
Formula Gara unica
Impianto/i Jassim Bin Hamad Stadium
Risultati
Vincitore Napoli
(2º titolo)
Secondo Juventus
Statistiche
Gol segnati 4
Pubblico 14 000 spettatori
Champions Napoli.jpg
La festa napoletana per la vittoria
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2013 2015 Right arrow.svg

La Supercoppa italiana 2014 si è disputata il 22 dicembre 2014 a Doha, in Qatar, al Jassim Bin Hamad Stadium.[1] La sfida ha visto contrapposte la Juventus, vincitrice della Serie A 2013-2014, e il Napoli, detentore della Coppa Italia 2013-2014; a conquistare il trofeo sono stati i partenopei che si sono imposti sui bianconeri 6-5 ai tiri di rigore, dopo l'1-1 dei tempi regolamentari e il 2-2 dei supplementari.[2]

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

È la terza finale nella storia della competizione in cui si affrontano bianconeri e azzurri, dopo le edizioni del 1990, vinta dai partenopei per 5-1, e del 2012, conquistata dai torinesi per 4-2 ai tempi supplementari.[3]

Dopo quasi diciannove anni la manifestazione si gioca nuovamente nella stagione invernale (l'edizione del 1995 si disputò il 17 gennaio 1996) e, dopo quattordici anni consecutivi, non ha luogo nel mese di agosto: la finale era originariamente prevista per il 24 agosto 2014, per prassi, come prologo alla stagione calcistica nazionale; tuttavia, considerati gli impegni del Napoli nei play-off di Champions League, i campani hanno chiesto e ottenuto il posticipo della data.[4]

Contesto[modifica | modifica wikitesto]

Prima di scendere in campo, sulla carta la Juventus godeva d'un leggero favore nei pronostici. In campionato, infatti, i bianconeri avevano chiuso il 2014 al primo posto in classifica, mentre il Napoli, complici alcune gare altalenanti, si era fermato in quarta posizione. In vista della finale, il tecnico dei torinesi Allegri confermò pressoché l'undici titolare, nonostante alcuni giocatori affaticati.[5] Il tecnico del Napoli Benítez confermò anche lui l'undici titolare, con l'unica eccezione dell'olandese De Guzmán preferito al belga Mertens.[6]

La partita[modifica | modifica wikitesto]

I due attaccanti argentini Tévez e Higuaín, protagonisti della finale con una doppietta ciascuno.[2]

Arbitrata dal fischietto Valeri, la gara cominciò subito in salita per il Napoli: al 5º minuto di gioco Tévez portò in vantaggio la Juventus approfittando dell'errore difensivo di Albiol e Koulibaly. Il Napoli provò a reagire prima con Hamšík, che colpì in pieno il palo alla sinistra di Buffon, e poi con Higuaín, ma il primo tempo si chiuse con la formazione bianconera in vantaggio di un gol.[2] La ripresa iniziò con la formazione partenopea in avanti alla ricerca del gol del pari, mentre i bianconeri cominciarono ad abbassare i ritmi di gioco. Il Napoli sfiorò il gol con Higuaín, che colpì il palo alla sinistra di Buffon, e con Callejón, il cui tiro uscì di poco fuori. Al 68°, su assist di De Guzmán, il Napoli pareggiò con Higuaín che batté Buffon di testa. Nel finale, la Juventus ritornò pericolosa in due occasioni con Llorente di testa e con un tiro affrettato di Tévez che finì largo alla destra della porta di Rafael.[2]

Si andò ai supplementari. Il Napoli passò al 4-4-2[7], mentre la Juventus ritornò all'attacco con Llorente e con Vidal, il cui tiro venne salvato da Koulibaly sulla linea. Nel secondo tempo supplementare, Tévez riportò in vantaggio la Juventus con un preciso tiro rasoterra che punì l'incolpevole Rafael. Al 110° Higuaín impegnò severamente Buffon con una conclusione potente da dentro l'area. Il capitano bianconero si dimostrò decisivo anche su Callejon, astuto ad approfittare di un malinteso tra lo stesso portiere e Bonucci. Al 118° il Napoli pervenne al pareggio sempre con Higuaín e così, dopo un'occasione sfumata di Tévez, la gara si protrasse fino ai rigori.[2]

Il primo a tirare fu Jorginho per il Napoli: il tiro venne parato da Buffon. Tévez colpì il palo, mantenendo la parità. Poi segnarono Ghoulam, Vidal, Albiol, Pogba, Inler, Marchisio, Higuaín, Morata, Gargano e Bonucci. Dopo gli errori di Mertens, Chiellini, Callejón e Pereyra, Koulibaly non sbagliò spiazzando Buffon, mentre Rafael neutralizzò il rigore di Padoin e consegnò al Napoli la seconda Supercoppa italiana della sua storia.[2] La Juventus non riuscì a centrare il terzo successo consecutivo in Supercoppa (dopo le due vittorie nel 2012 e nel 2013), mentre il Napoli ritornò a vincere il trofeo a distanza di ventiquattro anni. Dopo la partita arrivarono diverse critiche al tecnico bianconero Allegri per alcune sue scelte tattiche, come la sostituzione di Pirlo nel secondo tempo di gioco.[8]

Tabellino[modifica | modifica wikitesto]

Doha
22 dicembre 2014, ore 20:30 UTC+3[9]
Juventus 2 – 2
(d.t.s.)
referto
Napoli Jassim Bin Hamad Stadium (14 000 spett.)
Arbitro Valeri (Roma 2)

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Juventus
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Napoli
P 1 Italia Gianluigi Buffon (c)
D 26 Svizzera Stephan Lichtsteiner Uscita al 79’ 79’
D 19 Italia Leonardo Bonucci
D 3 Italia Giorgio Chiellini
D 33 Francia Patrice Evra
C 6 Francia Paul Pogba
C 21 Italia Andrea Pirlo Uscita al 66’ 66’
C 8 Italia Claudio Marchisio
C 23 Cile Arturo Vidal
A 10 Argentina Carlos Tévez Ammonizione al 109’ 109’
A 14 Spagna Fernando Llorente Uscita al 106’ 106’
A disposizione:
P 30 Italia Marco Storari
P 34 Brasile Rubinho
D 5 Italia Angelo Ogbonna
D 41 Italia Filippo Romagna
C 7 Italia Simone Pepe
C 11 Francia Kingsley Coman
C 20 Italia Simone Padoin Ingresso al 79’ 79’
C 37 Argentina Roberto Pereyra Ammonizione al 69’ 69’ Ingresso al 66’ 66’
C 38 Italia Federico Mattiello
A 9 Spagna Álvaro Morata Ingresso al 106’ 106’
A 12 Italia Sebastian Giovinco
Allenatore:
Italia Massimiliano Allegri
Juventus-Napoli 2014-12-22.svg
P 1 Brasile Rafael
D 11 Italia Christian Maggio
D 33 Spagna Raúl Albiol Ammonizione al 80’ 80’
D 26 Francia Kalidou Koulibaly
D 31 Algeria Faouzi Ghoulam Ammonizione al 105’ 105’
C 77 Uruguay Walter Gargano
C 19 Spagna David López Uscita al 91’ 91’
C 7 Spagna José María Callejón Ammonizione al 76’ 76’
C 17 Slovacchia Marek Hamšík (c) Uscita al 78’ 78’
C 6 Paesi Bassi Jonathan de Guzmán Uscita al 106’ 106’
A 9 Argentina Gonzalo Higuaín Ammonizione al 45+1’ 45+1’
A disposizione:
P 15 Italia Roberto Colombo
P 45 Argentina Mariano Andújar
D 4 Brasile Henrique
D 5 Uruguay Miguel Britos
D 16 Italia Giandomenico Mesto
D 96 Italia Sebastiano Luperto
C 8 Brasile Jorginho Ingresso al 106’ 106’
C 14 Belgio Dries Mertens Ammonizione al 83’ 83’ Ingresso al 78’ 78’
C 22 Croazia Josip Radošević
C 60 Italia Antonio Romano
C 88 Svizzera Gökhan Inler Ingresso al 91’ 91’
A 91 Colombia Duván Zapata
Allenatore:
Spagna Rafael Benítez

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Supercoppa TIM 2014 (PDF), Lega Nazionale Professionisti Serie A, 30 ottobre 2014.
  2. ^ a b c d e f Supercoppa argentina: Tevez- Higuain 2-2, ma ai rigori gioisce solo il Pipita, gazzetta.it, 22 dicembre 2014. URL consultato il 22 dicembre 2014.
  3. ^ Mimmo Malfitano, Supercoppa, Napoli, i veleni di Pechino e la Juventus ancora prima in classifica, in gazzetta.it, 21 dicembre 2014.
  4. ^ Date di calendario per la stagione sportiva 2014/2015 (PDF), Lega Nazionale Professionisti Serie A, 5 giugno 2014.
  5. ^ Tevez stringe i denti, Higuain scalpita, tuttosport.com, 22 dicembre 2014. URL consultato il 23 dicembre 2014.
  6. ^ Juventus, c'è Vidal trequartista. Napoli: De Guzman al posto di Mertens, gazzetta.it, 22 dicembre 2014. URL consultato il 23 dicembre 2014.
  7. ^ Supercoppa al Napoli, Juventus battuta 8-7 ai rigori, gazzetta.it, 22 dicembre 2014. URL consultato il 23 dicembre 2014.
  8. ^ Allegri e la Supercoppa sfumata: "Juve, sprecati troppi match-ball", gazzetta.it, 22 dicembre 2014. URL consultato il 23 dicembre 2014.
  9. ^ Supercoppa TIM 2014 – Variazione orario gara Juventus-Napoli (PDF), Lega Nazionale Professionisti Serie A, 18 dicembre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]