Società Sportiva Lazio 2014-2015

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Società Sportiva Lazio.

Società Sportiva Lazio
Stagione 2014-2015
AllenatoreItalia Stefano Pioli
All. in secondaItalia Giacomo Murelli
PresidenteItalia Claudio Lotito
Serie A3º posto (in Champions League)
Coppa ItaliaFinalista
Maggiori presenzeCampionato: Candreva, Klose, Parolo (34)
Totale: Klose, Parolo (40)
Miglior marcatoreCampionato: Klose (13)
Totale: Klose (16)
StadioStadio Olimpico
Abbonati293 380[1]
Maggior numero di spettatori49 385 vs. Roma (25 maggio 2015)
Minor numero di spettatori3 903 vs. Varese (2 dicembre 2014)
Media spettatori31 617¹
¹ considera le partite giocate in casa in campionato.

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti la Società Sportiva Lazio nelle competizioni ufficiali della stagione 2014-2015.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Chiuso il sodalizio con Reja, la società sceglie Pioli per sostituirlo in panchina.[2] Dopo un avvio sofferto in campionato, con 3 sconfitte in 4 partite[3], la Lazio prende ad ingranare e risale la classifica.[4] Il girone di andata va in archivio con una sconfitta contro il Napoli, che fa scivolare i romani al quinto posto con 2 punti in meno degli stessi campani.[5] Il miglioramento dei biancocelesti è però confermato anche dal buon percorso in Coppa Italia - culminato nel raggiungimento della finale[6] - nonché dalla striscia di 8 vittorie consecutive, che in Serie A non veniva realizzata dal 2006-07.[7] Il filotto positivo permette di agganciare in classifica la Roma, che viene temporaneamente superata.[8] Subìto però il contro-sorpasso dei giallorossi[9], la Lazio vede svanire la possibilità di alzare almeno un trofeo: la coppa nazionale viene infatti vinta dalla Juventus, che si impone 2-1 nei supplementari.[10]

La successiva delusione nel derby fa tramontare le speranze del secondo posto, conquistato aritmeticamente dai rivali.[11] L'ultima giornata propone comunque lo scontro diretto con il Napoli, valido a tutti gli effetti per il terzo posto.[12] Il pareggio premierebbe le Aquile, mentre in caso di disfatta sarebbe il Napoli a conquistare la piazza d'onore per il miglior rendimento nei confronti diretti.[12] Nell'ultimo atto di una stagione che l'ha vista fornire prove di grande carattere, la Lazio chiude il primo tempo sul 2-0 grazie alle reti di Parolo e Candreva.[13] Al rientro in campo dagli spogliatoi, il Napoli mostra però un altro spirito tanto da agguantare il pareggio con la doppietta di Higuaín.[13] Un dubbio contatto in area tra Lulić e Maggio (76') spinge Rocchi a fischiare il rigore, facendo correre più di un brivido ai tifosi: lo stesso Higuain si presenta sul dischetto, ma viene tradito dalla tensione e calcia a lato.[13] Evitato il knock-out, i biancocelesti sono capaci di segnare altri due gol nel finale con Onazi e Klose: il risultato è una vittoria per 4-2.[13] La formazione della capitale ottiene così il terzo posto, ritrovando l'accesso alla Champions League dopo 8 anni.[13] Il Napoli è invece costretto ad accontentarsi dell'Europa League, finendo quinto a −6 dai capitolini.[13]

Maglie e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Le nuove maglie sono state presentate il 20 luglio 2014 durante il consueto ritiro nella cittadina di Auronzo di Cadore.[14] La prima maglia era stata già presentata lo scorso maggio e aveva fatto il suo esordio in occasione dell'ultima partita stagionale contro il Bologna.[14] La maglia Home presenta il font dei numeri, i calzoncini e i calzettoni molto simili alla divisa del stagione 1974-1975, stagione successiva alla vittoria del primo scudetto; sotto lo stemma della Lazio vi è un altro disegnato sulla maglia, mentre sul colletto sono presenti due bottoni, un tricolore e la maglia ha sui fianchi un materiale traspirante.[15] La prima divisa da trasferta è di colore bordeaux, con due righe orizzontali di color celeste sul petto che andranno a incorniciare una linea orizzontale bianca. Nel retro del colletto a polo verrà ricamata la scritta "S.S. Lazio 1900".[14] L'altra maglia da trasferta è invece di colore bianco, con righe verticali celesti, riprendendo la divisa storica utilizzata dal club romano nel 1933. Il colletto invece sarà a V e nel retro presenterà anch'esso la scritta "S.S. Lazio 1900". Azzurro e verde fluo, con inserti blu Scozia, le due maglie dei portieri.[14] Il 21 gennaio 2015 viene presentata la nuova maglia biancoceleste, rivisitazione della storica "Maglia Bandiera" indossata dai giocatori della Lazio già nella stagione 1982-1983 e divenuta celebre nella stagione 1986-1987, quando la maglia, come tutta la stagione, venne ribattezzata "La maglia del -9" per via della salvezza, dalla Serie C1, raggiunta, con la penalizzazione di nove punti, all'ultima giornata contro il Lanerossi Vicenza grazie al gol di Giuliano Fiorini.[16]

Lo sponsor ufficiale per la stagione 2014-2015 non è previsto, anche se in occasione del match casalingo contro il Cesena del 14 settembre 2014 campeggiava, sulle casacche laziali, lo sponsor Paideia, clinica dove la Lazio svolge abitualmente le visite mediche. Il 29 novembre 2014, durante la gara di campionato Chievo-Lazio, la formazione romana è scesa in campo con le casacche dove campeggiava il logo AIL, acronimo dell'Associazione italiana contro le leucemie-linfomi e mieloma, associazione sostenuta dalla società capitolina.[17] In occasione del Derby capitolino dell'11 gennaio 2015, la Lazio è scesa in campo con la classica divisa di gioco dove era ben visibile la scritta "Je suis Charlie", slogan per esprimere la proprio solidarietà alle vittime degli attentati di Parigi del 7 gennaio scorso.[18]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa Girone andata
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
 
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Terza divisa
 
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa Girone ritorno
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Portiere casa Girone andata
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasf. portiere
 
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Portiere casa Girone ritorno

La composizione delle divise è la seguente:

  • Casa: la maglia è celeste, il pantaloncino è bianco, i calzettoni bianchi con righe celesti orizzontali.
  • Trasferta: la maglia, con colletto celeste, è bordeaux con due righe orizzontali di color celeste sul petto che andranno a incorniciare una linea orizzontale bianca, di colore bordeaux anche il pantaloncino e i calzettoni, con le stesse righe della maglia all'altezza dello stinco.
  • Terza divisa: la maglia è bianca, con righe verticali celesti, Il pantaloncino e i calzettoni celesti dettagliati dalle linee bianche orizzontali.

Va ricordato che, a seconda dei colori della squadra avversaria, i pantaloncini e i calzettoni possono essere abbinati in modo differente.

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Area direttiva

Consiglio di gestione
Consiglio di sorveglianza
  • Presidente: Corrado Caruso
  • Vicepresidente: Alberto Incollingo
  • Consiglieri: Fabio Bassan, Vincenzo Sanguigni, Silvia Venturini

Area organizzativa

  • Segretario Generale: Armando Antonio Calveri
  • Team Manager: Maurizio Manzini, Stefan Derkum
  • Direzione Amm.va e Controllo di Gestione / Investor Relator: Marco Cavaliere
  • Direzione Legale e Contenziosi: Francesca Miele
  • Direzione Organizzativa Centro Sportivo di Formello, Uffici, Country Club, Stadio: Giovanni Russo
  • S.L.O. / Supporter Liaison Officer: Armando Calveri
  • Delegato Sicurezza Stadio/R.S.P.P.: Sergio Pinata
  • Responsabile Biglietteria: Angelo Cragnotti
  • Direzione Settore Giovanile: Giulio Coletta
  • Coordinatore Settore Giovanile: Alberto Bollini

Area marketing

  • Coordinatore Marketing, Sponsorizzazioni ed Eventi: Marco Canigiani
  • Area Marketing: Massimiliano Burali d'Arezzo, Laura Silvia Zaccheo
  • Area Licensing e Retail: Valerio D'Attilia

Area comunicazione

  • Responsabile Comunicazione/Stampa: Stefano De Martino

Area tecnica

  • Direttore Sportivo: Igli Tare
  • Coordinatore area tecnica: Igli Tare
  • Allenatore: Stefano Pioli
  • Allenatore in seconda: Giacomo Murelli
  • Collaboratori prima squadra: Davide Lucarelli, Jesse Fioranelli
  • Responsabile preparatori atletici: Matteo Osti
  • Preparatori atletici: Francesco Perondi, Adriano Bianchini, Alessandro Fonte
  • Preparatore dei portieri: Adalberto Grigioni

Area sanitaria

  • Direttore sanitario: dott. Ivo Pulcini
  • Coordinatore staff sanitario: dott. Roberto Bianchini
  • Medico sociale: dott. Stefano Salvatori
  • Fisioterapisti: Valerio Caroli, Romano Papola, Walter Martinelli, Christian Marsella, Giorgio Gasparini
  • Consulente ortopedico: dott. Stefano Lovati
  • Nutrizionista: dott. Saverio Militano

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Rosa e numerazione sono aggiornate al 1º febbraio 2015.[19]

N. Ruolo Giocatore
1 Albania P Etrit Berisha
2 Francia D Michaël Ciani
3 Paesi Bassi D Stefan de Vrij
5 Paesi Bassi D Edson Braafheid
6 Italia C Stefano Mauri (capitano)
7 Brasile C Felipe Anderson
8 Serbia D Dušan Basta
9 Serbia A Filip Djordjevic
10 Brasile C Ederson
11 Germania A Miroslav Klose
13 Francia D Abdoulay Konko
14 Spagna A Keita Baldé
15 Uruguay C Álvaro González[20]
16 Italia C Marco Parolo
17 Portogallo C Bruno Pereirinha
18 Argentina D Santiago Gentiletti
N. Ruolo Giocatore
19 Bosnia ed Erzegovina C Senad Lulić
20 Argentina C Lucas Biglia
22 Italia P Federico Marchetti
23 Nigeria C Ogenyi Onazi
24 Italia C Cristian Ledesma (vice-capitano)
26 Romania D Ștefan Radu
27 Albania C Lorik Cana
32 Italia C Danilo Cataldi
33 Brasile D Maurício[21]
34 Colombia A Brayan Perea[21]
39 Belgio D Luís Pedro Cavanda
55 Italia P Guido Guerrieri
77 Albania P Thomas Strakosha
78 Spagna A Mamadou Tounkara
85 Argentina D Diego Novaretti
87 Italia C Antonio Candreva

Calciomercato[modifica | modifica wikitesto]

La Lazio ha iniziato la sessione estiva di calciomercato con l'acquisto dell'attaccante serbo Filip Đorđević, svincolatosi dal club francese del Nantes.[22] Vengono acquistati anche il difensore serbo Dušan Basta, dall'Udinese, e Marco Parolo, dal Parma.[23] Il 30 luglio 2014 viene acquistato, per una cifra vicina agli 8,5 milioni di euro, il difensore olandese Stefan de Vrij, proveniente dal Feyenoord.[24] Il 1º agosto, dopo un periodo di prova, viene ufficializzato il tesseramento, a titolo gratuito, del difensore olandese Edson Braafheid.[25] Il 21 agosto viene acquistato, dal club argentino del San Lorenzo, il difensore argentino Santiago Gentiletti.[26] Per quanto concerne le cessioni invece, i giocatori André Dias e Giuseppe Biava concludono il contratto con la società capitolina. Il 30 luglio viene ceduto, a titolo temporaneo, il giovane centrocampista Luca Crecco alla Ternana.[27] Il giorno dopo viene ufficializzato la cessione, a titolo temporaneo, del giovane attaccante Antonio Rozzi al Bari.[28] Sempre al Bari vengono ceduti anche i giovani Lorenzo Filippini e Joseph Minala. Il 26 agosto vengono ceduti, in prestito, al Perugia il difensore brasiliano Vinícius e l'attaccante colombiano Brayan Perea.[29] Due giorni dopo viene ceduto, in prestito, anche l'attaccante Emiliano Alfaro al Liverpool Montevideo, suo vecchio club.[30]

La sessione invernale di calciomercato si apre con l'acquisto, in prestito con obbligo di riscatto, del difensore brasiliano Maurício dallo Sporting Lisbona.[31][32] Il 1º febbraio viene ceduto, in prestito con diritto di riscatto, il centrocampista Álvaro González che in quattro stagioni e mezzo totalizzò 147 presenze e 7 reti.[33]

Sessione estiva (dal 01/07 al 01/09)[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
D Dušan Basta Udinese prestito (5,5 Milioni €)
D Edson Braafheid Hoffenheim svincolato
D Stefan de Vrij Feyenoord definitivo (8,5 Milioni €)
D Santiago Gentiletti San Lorenzo definitivo (2,5 Milioni €)
C Marco Parolo Parma definitivo (5,5 Milioni €)
A Filip Đorđević Nantes svincolato
Altre operazioni
R. Nome da Modalità
P Alessandro Berardi Salernitana fine prestito
D Seyi Adeleke Bienne fine prestito
D Alessandro Bellistri Giallo e Blu.png Savio prestito
D Filippo Cardelli S.S.D. Futbolclub Futbolclub definitivo
D Luca Andrea Crescenzi Pisa fine prestito
D Alessio Luciani Salernitana fine prestito
D Edoardo Picozzi Inter prestito
D Andrea Sbraga Carrarese fine prestito
D Aurimas Vilkaitis Nocerina fine prestito
D Vinícius Padova fine prestito
C Antonio Candreva Udinese riscatto compartecipazione
C Giuseppe Capua Salernitana fine prestito
C Danilo Cataldi Crotone fine prestito
C Alberto De Francesco Ischia riscatto compartecipazione
C Carmine Di Matteo Latina definitivo
C Gianmarco Falasca Cuneo riscatto compartecipazione
C Ijiemuan Folorunsho Giallo e Blu.png Savio prestito
C Riccardo Perpetuini Salernitana fine prestito
C Mirko Silvestri Aprilia definitivo
C Clay Verkaj E. Francoforte svincolato
C Enrico Zampa Salernitana riscatto compartecipazione
A Tommaso Ceccarelli Feralpisalò riscatto compartecipazione
A Ettore Mendicino Salernitana fine prestito
A Corrado Natali Giallo.png Montefiascone prestito
A Antonio Rozzi Real M. Castilla fine prestito
A Giuseppe Sculli Genoa fine prestito
A Amarildo Sula Reggiana definitivo
Cessioni
R. Nome a Modalità
D Giuseppe Biava Atalanta svincolato
D André Dias - svincolato
D Vinícius Perugia prestito
C Luca Crecco Ternana prestito
C Gaël Kakuta Chelsea fine prestito
C Joseph Minala Bari prestito
A Emiliano Alfaro Liverpool (M) prestito
A Brayan Perea Perugia prestito
A Hélder Postiga Valencia fine prestito
A Antonio Rozzi Bari prestito
Altre operazioni
R. Nome a Modalità
P Alessandro Berardi Grosseto prestito
P Pio Tommaso Riccioni Pescara definitivo
D Seyi Adeleke Western Sydney definitivo
D Luca Andrea Crescenzi Reggina definitivo
D Josip Elez Grosseto prestito
D Lorenzo Filippini Bari prestito
D Emiliano Ilari Grosseto prestito
D Alessio Luciani Gubbio definitivo
D Andrea Sbraga Carrarese definitivo
C Giuseppe Capua Aversa Normanna definitivo
C Alberto De Francesco Aquila definitivo
C Riccardo Perpetuini Aquila prestito
C Enrico Zampa Trapani prestito
A Gonzalo Barreto - svincolato
A Tommaso Ceccarelli Aquila definitivo
A Salam Dené Biancoscudati PD svincolato
A Sani Emmanuel - svincolato
A Cristiano Lombardi Trapani prestito
A Ettore Mendicino Salernitana rinnovo prestito

Trasferimenti tra le due sessioni di mercato[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
Cessioni
R. Nome a Modalità
D Aurimas Vilkaitis[34] Bastia svincolato
C Gianmarco Falasca Terracina svincolato

Sessione invernale (dal 03/01 al 31/01)[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
D Maurício Sporting Lisbona prestito (2,65 Milioni €)
Altre operazioni
R. Nome da Modalità
P Alessandro Berardi Grosseto fine prestito
P Lorenzo Del Moro Rosso e Bianco.png Nuova Tor Tre Teste definitivo
A Brayan Perea Perugia fine prestito
D Josip Elez Grosseto fine prestito
C Edon Beqiri Montreux-Sports definitivo
A Antonio Rozzi Bari fine prestito
A Lucas Emanuele Zerilli Giallo e Blu.png Savio prestito
Cessioni
R. Nome a Modalità
C Álvaro González Torino prestito
Altre operazioni
R. Nome da Modalità
P Alessandro Berardi Messina prestito
D Josip Elez Honvéd prestito
D Riccardo Serpieri Cosenza definitivo
C Miloš Antić OFK Belgrado rescissione
A Antonio Rozzi Entella prestito

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Serie A 2014-2015.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Milano
31 agosto 2014, ore 18:00 CEST
1ª giornata
Milan 3 – 1
referto
Lazio Stadio Giuseppe Meazza (36.674 spett.)
Arbitro Tagliavento (Terni)

Roma
14 settembre 2014, ore 15:00 CEST
2ª giornata
Lazio 3 – 0
referto
Cesena Stadio Olimpico (32.200 spett.)
Arbitro Irrati (Pistoia)

Genova
21 settembre 2014, ore 15:00 CEST
3ª giornata
Genoa 1 – 0
referto
Lazio Stadio Luigi Ferraris (18.009 spett.)
Arbitro Guida (Torre Annunziata)

Roma
25 settembre 2014, ore 20:45 CEST
4ª giornata
Lazio 0 – 1
referto
Udinese Stadio Olimpico (26.919 spett.)
Arbitro Rocchi (Firenze)

Palermo
29 settembre 2014, ore 21:00 CEST
5ª giornata
Palermo 0 – 4
referto
Lazio Stadio Renzo Barbera (17.087 spett.)
Arbitro Di Bello (Brindisi)

Roma
5 ottobre 2014, ore 15:00 CEST
6ª giornata
Lazio 3 – 2
referto
Sassuolo Stadio Olimpico (29.381 spett.)
Arbitro Tommasi (Bassano del Grappa)

Firenze
19 ottobre 2014, ore 12:30 CEST
7ª giornata
Fiorentina 0 – 2
referto
Lazio Stadio Artemio Franchi (30.967 spett.)
Arbitro Peruzzo (Schio)

Roma
26 ottobre 2014, ore 18:00 CEST
8ª giornata
Lazio 2 – 1
referto
Torino Stadio Olimpico (34.782 spett.)
Arbitro Giacomelli (Trieste)

Verona
30 ottobre 2014, ore 20:45 CET
9ª giornata
Verona 1 – 1
referto
Lazio Stadio Marcantonio Bentegodi (17.760 spett.)
Arbitro Irrati (Pistoia)

Roma
3 novembre 2014, ore 21:00 CET
10ª giornata
Lazio 4 – 2
referto
Cagliari Stadio Olimpico (32.569 spett.)
Arbitro Di Bello (Brindisi)

Empoli
9 novembre 2014, ore 15:00 CET
11ª giornata
Empoli 2 – 1
referto
Lazio Stadio Carlo Castellani (8.153 spett.)
Arbitro Mazzoleni (Bergamo)

Roma
22 novembre 2014, ore 20:45 CET
12ª giornata
Lazio 0 – 3
referto
Juventus Stadio Olimpico (42.044 spett.)
Arbitro Damato (Barletta)

Verona
29 novembre 2014, ore 20:45 CET
13ª giornata
Chievo 0 – 0
referto
Lazio Stadio Marcantonio Bentegodi (7.000 spett.)
Arbitro Banti (Livorno)

Parma
7 dicembre 2014, ore 15:00 CET
14ª giornata
Parma 1 – 2
referto
Lazio Stadio Ennio Tardini (10.778 spett.)
Arbitro Guida (Torre Annunziata)

Roma
13 dicembre 2014, ore 20:45 CET
15ª giornata
Lazio 3 – 0
referto
Atalanta Stadio Olimpico (24.477 spett.)
Arbitro Rocchi (Firenze)

Milano
21 dicembre 2014, ore 20:45 CET
16ª giornata
Inter 2 – 2
referto
Lazio Stadio Giuseppe Meazza (36.344 spett.)
Arbitro Tagliavento (Terni)

Roma
5 gennaio 2015, ore 20:45 CET
17ª giornata
Lazio 3 – 0
referto
Sampdoria Stadio Olimpico (31.322 spett.)
Arbitro Calvarese (Teramo)

Roma
11 gennaio 2015, ore 15:00 CET
18ª giornata
Roma 2 – 2
referto
Lazio Stadio Olimpico (51.252 spett.)
Arbitro Orsato (Schio)

Roma
18 gennaio 2015, ore 12:30 CET
19ª giornata
Lazio 0 – 1
referto
Napoli Stadio Olimpico (26.857 spett.)
Arbitro Rizzoli (Bologna)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Roma
24 gennaio 2015, ore 20:45 CET
20ª giornata
Lazio 3 – 1
referto
Milan Stadio Olimpico (32.288 spett.)
Arbitro Mazzoleni (Bergamo)

Cesena
1º febbraio 2015, ore 15:00 CET
21ª giornata
Cesena 2 – 1
referto
Lazio Stadio Dino Manuzzi (14.818 spett.)
Arbitro Peruzzo (Schio)

Roma
9 febbraio 2015, ore 20:45 CET
22ª giornata
Lazio 0 – 1
referto
Genoa Stadio Olimpico (28.355 spett.)
Arbitro Gervasoni (Mantova)

Udine
15 febbraio 2015, ore 15:00 CET
23ª giornata
Udinese 0 – 1
referto
Lazio Stadio Friuli (8.283 spett.)
Arbitro Massa (Imperia)

Roma
22 febbraio 2015, ore 15:00 CET
24ª giornata
Lazio 2 – 1
referto
Palermo Stadio Olimpico (27.186 spett.)
Arbitro Di Bello (Brindisi)

Reggio nell'Emilia
1º marzo 2015, ore 15:00 CET
25ª giornata
Sassuolo 0 – 3
referto
Lazio Mapei Stadium-Città del Tricolore (11.807 spett.)
Arbitro Russo (Nola)

Roma
9 marzo 2015, ore 19:00 CET
26ª giornata
Lazio 4 – 0
referto
Fiorentina Stadi Olimpico (33.025 spett.)
Arbitro Tagliavento (Terni)

Torino
16 marzo 2015, ore 19:00 CET
27ª giornata
Torino 0 – 2
referto
Lazio Stadio Olimpico (12.932 spett.)
Arbitro Orsato (Schio)

Roma
22 marzo 2015, ore 20:45 CET
28ª giornata
Lazio 2 – 0
referto
Verona Stadio Olimpico (40.119 spett.)
Arbitro Massa (Imperia)

Cagliari
4 aprile 2015, ore 15:00 CEST
29ª giornata
Cagliari 1 – 3
referto
Lazio Stadio Sant'Elia (12.000 spett.)
Arbitro Rocchi (Firenze)

Roma
12 aprile 2015, ore 15:00 CEST
30ª giornata
Lazio 4 – 0
referto
Empoli Stadio Olimpico (49.096 spett.)
Arbitro Peruzzo (Schio)

Torino
18 aprile 2015, ore 20:45 CEST
31ª giornata
Juventus 2 – 0
referto
Lazio Juventus Stadium (39.785 spett.)
Arbitro Rizzoli (Bologna)

Roma
26 aprile 2015, ore 15:00 CEST
32ª giornata
Lazio 1 – 1
referto
Chievo Stadio Olimpico (45.359 spett.)
Arbitro Tommasi (Bassano del Grappa)

Roma
29 aprile 2015, ore 20:45 CEST
33ª giornata
Lazio 4 – 0
referto
Parma Stadio Olimpico (32.367 spett.)
Arbitro Calvarese (Teramo)

Bergamo
3 maggio 2015, ore 15:00 CEST
34ª giornata
Atalanta 1 – 1
referto
Lazio Stadio Atleti Azzurri d'Italia (15.479 spett.)
Arbitro Orsato (Schio)

Roma
10 maggio 2015, ore 20:45 CEST
35ª giornata
Lazio 1 – 2
referto
Inter Stadio Olimpico (37.367 spett.)
Arbitro Massa (Imperia)

Genova
16 maggio 2015, ore 20:45 CEST
36ª giornata
Sampdoria 0 – 1
referto
Lazio Stadio Luigi Ferraris (21.843 spett.)
Arbitro Mazzoleni (Bergamo)

Roma
25 maggio 2015, ore 18:00 CEST
37ª giornata
Lazio 1 – 2
referto
Roma Stadio Olimpico (49.385 spett.)
Arbitro Rizzoli (Bologna)

Napoli
31 maggio 2015, ore 20:45 CEST
38ª giornata
Napoli 2 – 4
referto
Lazio Stadio San Paolo (57.510 spett.)
Arbitro Rocchi (Firenze)

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 2014-2015.

Terzo turno[modifica | modifica wikitesto]

Roma
24 agosto 2014, ore 20:30 CEST
Terzo turno
Lazio 7 – 0
referto
Bassano Virtus Stadio Olimpico (9.534 spett.)
Arbitro Di Bello (Brindisi)

Quarto turno[modifica | modifica wikitesto]

Roma
2 dicembre 2014, ore 16:00 CET
Quarto turno
Lazio 3 – 0
referto
Varese Stadio Olimpico (3.903 spett.)
Arbitro Nasca (Bari)

Ottavi di finale[modifica | modifica wikitesto]

Torino
14 gennaio 2015, ore 21:00 CET
Ottavi di finale
Torino 1 – 3
referto
Lazio Stadio Olimpico (4.305 spett.)
Arbitro Russo (Nola)

Quarti di finale[modifica | modifica wikitesto]

Milano
27 gennaio 2015, ore 20:45 CET
Quarti di finale
Milan 0 – 1
referto
Lazio Stadio Giuseppe Meazza (9.672 spett.)
Arbitro Rocchi (Firenze)

Semifinale[modifica | modifica wikitesto]

Roma
4 marzo 2015, ore 20:45 CET
Andata
Lazio 1 – 1
referto
Napoli Stadio Olimpico (27.044 spett.)
Arbitro Damato (Barletta)

Napoli
8 aprile 2015, ore 20:45 CEST
Ritorno
Napoli 0 – 1
referto
Lazio Stadio San Paolo (46.477 spett.)
Arbitro Orsato (Schio)

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Roma
20 maggio 2015, ore 20:45 CEST
Finale
Juventus 2 – 1
(d.t.s.)
referto
Lazio Stadio Olimpico (60.000 spett.)
Arbitro Orsato (Schio)

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 31 maggio 2015.

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Competizione Punti In casa In trasferta Totale DR
G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs
Scudetto.svg Serie A 69 19 12 1 6 40 18 19 9 5 5 31 20 38 21 6 11 71 38 +33
Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia - 3 2 1 0 11 1 4 3 0 1 6 3 7 5 1 1 17 4 +13
Totale - 22 14 2 6 51 19 23 12 5 6 37 23 45 26 7 12 88 42 +46

Andamento in campionato[modifica | modifica wikitesto]

Giornata 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38
Luogo T C T C T C T C T C T C T T C T C T C C T C T C T C T C T C T C C T C T C T
Risultato P V P P V V V V N V P P N V V N V N P V P P V V V V V V V V P N V N P V P V
Posizione 18 8 12 15 9 8 6 5 3 3 5 6 7 6 3 3 3 3 5 4 4 6 5 4 4 3 3 3 3 2 2 2 2 3 3 3 3 3

Fonte: Serie A – Classifiche, Sky Sport.
Legenda:
Luogo: C = Casa; T = Trasferta. Risultato: V = Vittoria; N = Pareggio; P = Sconfitta.

Statistiche dei giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore Serie A Coppa Italia Totale
Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni
Anderson, F. F. Anderson 3210505110371160
Basta, D. D. Basta 27050611033160
Berisha, E. E. Berisha 10-9007-40017-1300
Biglia, L. L. Biglia 27360410031460
Braafheid, E. E. Braafheid 16010200018010
Cana, L. L. Cana 170813031200112
Candreva, A. A. Candreva 3410604110381170
Cataldi, D. D. Cataldi 16031500021031
Cavanda, L. P. L. P. Cavanda 16061201018071
Ciani, M. M. Ciani 12010----12010
de Vrij, S. S. de Vrij 30051510035151
Djordjevic, F. F. Djordjevic 24820310027920
Ederson, Ederson 411010005110
Gentiletti, S. S. Gentiletti 511010006110
González, A. A. González[20] 401010005010
Guerrieri, G. G. Guerrieri ------------
Keita Baldé, Keita Baldé 23130632029450
Klose, M. M. Klose 3413506310401660
Konko, A. A. Konko 200030005000
Ledesma, C. D. C. D. Ledesma 13030310016130
Lulić, S. S. Lulić 25370410029470
Marchetti, F. F. Marchetti 30-2962----30-2962
Mauri, S. S. Mauri 29950200031950
Maurício, Maurício[21] 15071401019081
Novaretti, D. D. Novaretti 503120007031
Onazi, O. O. Onazi 16140301019150
Parolo, M. M. Parolo 341011161204011131
Perea, B. B. Perea[21] 501010006010
Pereirinha, B. B. Pereirinha 300020105010
Radu, S. S. Radu 24070510029170
Strakosha, T. T. Strakosha ------------
Tounkara, M. M. Tounkara ----10001000

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Almanacco Illustrato del Calcio 2016, Modena, Panini Editore, 2015, p. 405.
  2. ^ Marco Ercole, Lazio, Pioli: "Due arrivi per puntare all'Europa", su repubblica.it, 14 luglio 2014.
  3. ^ Valerio Tripi, Lazio super a Palermo Djordjevic ne fa tre, in la Repubblica, 30 settembre 2014, p. 60.
  4. ^ Francesco Carci, Parma-Lazio 1-2: biancocelesti in zona terzo posto, Ghirardi lascia con una sconfitta, su repubblica.it, 7 dicembre 2014.
  5. ^ Marco Gaetani, Lazio-Napoli 0-1, Higuain firma il sorpasso al terzo posto, su repubblica.it, 18 gennaio 2015.
  6. ^ Stefano Cieri, Napoli-Lazio 0-1: Lulic, l'uomo di Coppa lancia Pioli in finale con la Juve, su gazzetta.it, 8 aprile 2015.
  7. ^ Marco Gaetani, Lazio-Empoli 4-0, biancocelesti secondi in classifica, su repubblica.it, 12 aprile 2015.
  8. ^ Luca Bianchin, Atalanta-Lazio 1-1: Parolo risponde all'ex Biava, ma la Roma torna seconda, su gazzetta.it, 3 maggio 2015.
  9. ^ Andrea Sorrentino, Lazio, due rossi e tanta rabbia Hernanes la colpisce al cuore, in la Repubblica, 11 maggio 2015, p. 28.
  10. ^ Jacopo Manfredi, Coppa Italia, Lazio-Juventus 1-2: Matri regala il decimo trofeo ai bianconeri, su repubblica.it, 20 maggio 2015.
  11. ^ Jacopo Manfredi, Lazio-Roma 1-2, Yanga-Mbiwa regala il 2º posto ai giallorossi, su repubblica.it, 25 maggio 2015.
  12. ^ a b Giulio Cardone e Marco Ercole, Pioli e il Napoli duello finale "Restiamo terzi", in la Repubblica, 31 maggio 2015, p. 17.
  13. ^ a b c d e f Marco Azzi, Lazio, l'ultima gioia vale la Champions Higuain butta via il rigore che vale tutto, in la Repubblica, 1 giugno 2015, p. 36.
  14. ^ a b c d Ecco le nuove maglie della Lazio: la seconda pronta all'esordio con l'Indonesia - FOTO, lalaziosiamonoi.it, 20 luglio 2014. URL consultato il 21 luglio 2014.
  15. ^ RIVIVI IL LIVE - Presentazione maglia 2014-2015: ecco la divisa che ricorda quella successiva al primo Scudetto, lalaziosiamonoi.it, 12 maggio 2014. URL consultato il 21 luglio 2014.
  16. ^ Ecco la maglia del -9, De Martino: "Sia l'anello di congiunzione del nostro mondo", lalaziosiamonoi.it, 21 gennaio 2015. URL consultato il 21 gennaio 2015.
  17. ^ Lazio a sostegno dell'AIL: stasera sulle maglie il logo dell'associazione, lalaziosiamonoi.it, 29 novembre 2014. URL consultato il 29 novembre 2014.
  18. ^ Serie A Lazio, 'Je suis Charlie' sulla maglia del derby, corrieredellosport.it, 11 gennaio 2015. URL consultato il 12 gennaio 2015.
  19. ^ I tesserati 2014/2015, legaseriea.it. URL consultato il 27 agosto 2014.
  20. ^ a b Ceduto durante la sessione invernale di calciomercato.
  21. ^ a b c d Acquistato durante la sessione invernale di calciomercato.
  22. ^ Comunicato, sslazio.it, 2 luglio 2014. URL consultato il 22 luglio 2014.
  23. ^ Comunicato, sslazio.it, 2 luglio 2014. URL consultato il 22 luglio 2014.
  24. ^ Comunicato, sslazio.it, 30 luglio 2014. URL consultato il 30 luglio 2014.
  25. ^ Comunicato, sslazio.it, 1º agosto 2014. URL consultato il 1º agosto 2014.
  26. ^ Comunicato, sslazio.it, 21 agosto 2014. URL consultato il 21 agosto 2014.
  27. ^ Comunicato, sslazio.it, 30 luglio 2014. URL consultato il 30 luglio 2014.
  28. ^ Comunicato, sslazio.it, 31 luglio 2014. URL consultato il 31 luglio 2014.
  29. ^ Comunicato, sslazio.it, 28 agosto 2014. URL consultato il 28 agosto 2014.
  30. ^ Comunicato, sslazio.it, 28 agosto 2014. URL consultato il 28 agosto 2014.
  31. ^ Comunicato 21.01.15, sslazio.it, 21 gennaio 2015. URL consultato il 22 gennaio 2015.
  32. ^ (EN) Sporting SAD statement, sporting.pt, 21 gennaio 2015. URL consultato il 22 gennaio 2015.
  33. ^ Comunicato, in sslazio.it, 1º febbraio 2015. URL consultato il 1º febbraio 2015.
  34. ^ Aurimas Vilkaitis ha ottenuto la rescissione consensuale del contratto

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]