Paolo Silvio Mazzoleni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paolo Silvio Mazzoleni
Paolo Silvio Mazzoleni.jpg
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Sezione Bergamo
Professione Arbitro di calcio
Peso 70 kg
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
2004-2010
2010-
Serie A e B
Serie A
Arbitro
Arbitro
Attività internazionale
2011-2018 UEFA e FIFA Arbitro
Esordio Albania-Azerbaigian 0-1
11 novembre 2011
Premi
Anno Premio
2013 Premio Giovanni Mauro

Paolo Silvio Mazzoleni (Bergamo, 12 giugno 1974) è un arbitro di calcio italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Proveniente dalla sezione di Bergamo, Mazzoleni inizia ad arbitrare in Serie A nel 2004 con l'incontro tra Reggina e Livorno,[1] dopo aver già diretto molte gare nelle serie minori;[2] in particolare dal 2000 al 2004, anno quest'ultimo in cui viene promosso nella massima categoria arbitrale per decisione dell'allora designatore Maurizio Mattei, è inquadrato tra gli arbitri della CAN di Serie C dove gli vengono affidate in totale 52 partite di Serie C1, tra cui la finale play-off del 2004 tra Crotone e Viterbese.

Tra il 2004 e il 2006, nella massima categoria nazionale è presente anche il fratello Mario, di tre anni più anziano[3] Il 3 luglio 2010, con la scissione della CAN A-B in CAN A e CAN B, viene inserito nell'organico della CAN A. Il successivo 20 dicembre viene ufficializzata la sua nomina ad arbitro internazionale, a partire dal 1º gennaio 2011.[4]

Il 17 settembre 2011 dirige la sua prima classica del campionato di Serie A, quella tra Inter e Roma. Nel corso della carriera gli verranno affidati altri incontri di cartello del calcio italiano come Milan-Roma, oltreché le stracittadine di Genova, Milano, Roma e Torino. Sempre nel 2011 è designato per la prima volta in una gara tra nazionali maggiori: in novembre gli viene affidata l'amichevole Albania-Azerbaigian (0-1) disputatasi a Tirana.

Mazzoleni ammonisce l'interista Andrea Ranocchia durante il derby di Milano del 24 febbraio 2013

L'11 agosto 2012 è designato per la finale di Supercoppa italiana a Pechino tra Juventus e Napoli, la prima partita nella storia del calcio italiano a prevedere l'utilizzo degli arbitri di porta, dopo il via libera dato dall'IFAB nel luglio precedente;[5] la direzione di Mazzoleni è oggetto di critiche da parte della squadra napoletana,[6] sconfitta 4-2 ai tempi supplementari, che in segno di protesta decide di disertare a fine gara la cerimonia di premiazione.[7]

Il 21 aprile 2013, in occasione dell'incontro tra Catania e Palermo, festeggia la sua 100ª direzione di gara nel massimo campionato italiano di calcio. Il successivo 28 maggio si concede anche una divagazione ufficiosa, dirigendo a Torino la partita del cuore tra la nazionale italiana cantanti e il team campioni per la ricerca.

In campo internazionale, nel novembre 2013 fa il suo esordio nella fase a gironi di Europa League: l'UEFA lo designa per una partita della quarta giornata, tra i portoghesi del Vitória Guimarães e gli spagnoli del Betis. Il 6 agosto 2014 arriva anche il debutto in Champions League, nella gara di ritorno del terzo turno a Edimburgo tra gli scozzesi del Celtic e i polacchi Legia Varsavia. Il 9 ottobre 2014 debutta nelle qualificazioni del campionato d'Europa 2016, arbitrando a Skopje la gara tra Macedonia e Lussemburgo. In mezzo, nel febbraio 2015 è designato per dirigere la finale del Torneo di Viareggio tra le formazioni giovanili di Inter e Verona (2-1).

Il 1º dicembre 2018, in occasione della sfida tra SPAL ed Empoli, arbitra la sua 200ª gara in Serie A, appaiando Paolo Casarin tra gli arbitri lombardi che hanno diretto il maggior numero di partite nella massima serie italiana.[8] Al termine dell'anno, per sopraggiunti limiti d'età, esce dalle liste degli arbitri internazionali.[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paolo Silvio Mazzoleni - Football Referee.
  2. ^ Paolo Silvio Mazzoleni - arbitro Can di Serie A e B.
  3. ^ Arturo Zambaldo, I fratelli Mazzoleni: da Bergamo il derby dei fischietti, in Corriere della Sera, 7 luglio 2004, p. 43 (archiviato dall'url originale in data pre 1/1/2016).
  4. ^ Milan e Roma accontentate: fatto fuori l'arbitro Russo, su tuttosport.com, 20 dicembre 2010 (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2012).
  5. ^ SUPERCOPPA TIM - finale.
  6. ^ Scandalo Supercoppa. Ora qualcuno paghi Archiviato il 6 ottobre 2014 in Internet Archive.
  7. ^ Il napoli diserta la premiazione Archiviato il 15 marzo 2013 in Internet Archive.
  8. ^ Spal-Empoli 2-2: doppio Kurtic salva gli emiliani in dieci, su ilmessaggero.it, 1º dicembre 2018. URL consultato il 5 dicembre 2018.
  9. ^ La lista degli Internazionali 2019, su aia-figc.it, 12 dicembre 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN213332172 · ISNI (EN0000 0003 5894 5966