Roberto Bettin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roberto Bettin
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Federazione Italia FIGC
Sezione Padova
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
1990-1999
1991-1999
Serie B
Serie A
Arbitro
Arbitro

Roberto Bettin (Padova, 2 ottobre 1953) è un ex arbitro di calcio italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Originario di Padova,[1] nel 1990 arriva ad arbitrare in Serie B, dove debutta alla prima del campionato 1990-1991, il 9 settembre 1990, in una sfida tra Ancona e Barletta vinta dai marchigiani per 1-0.[2]

Nella stessa stagione fa il suo esordio anche in Serie A, all'ultima giornata di campionato, il 26 maggio 1991, in Pisa-Roma, conclusa con una vittoria dei giallorossi per 1-0.[3]

In un Lazio-Sampdoria della Serie A 1992-1993 è protagonista di un siparietto con il laziale Paul Gascoigne, dopo le proteste di quest'ultimo Bettin invece di estrarre dal taschino il cartellino giallo tira fuori un chewing gum che porge all'inglese, il quale inizia a masticare.[4]

Nella stagione 1994-1995 viene designato per il derby d'Italia Inter-Juventus del 5 marzo 1995, terminato 0-0.[5]

Il 19 ottobre 1997 in Sampdoria-Piacenza 3-1, sesta giornata della Serie A 1997-1998 espelle ben 5 giocatori: nel primo tempo Marco Rossi degli ospiti, nel secondo Balleri e Franceschetti dei padroni di casa, Piovani del Piacenza e nel recupero il doriano Dieng, facendo concludere quindi la gara in 8 contro 9, record per la Serie A.[6]

Nel 1998 dirige il derby di Milano Inter-Milan del 21 gennaio, ritorno dei quarti di finale di Coppa Italia, vinto 1-0 dai nerazzurri con gol di Marco Branca, risultato però inutile a causa del 5-0 per i rossoneri dell'andata. Il Milan arriverà poi in finale dove verrà sconfitto dalla Lazio.[7]

Nello stesso anno arbitra poi la Supercoppa italiana del 29 agosto, vinta proprio dai biancocelesti a Torino contro la Juventus campione d'Italia per 2-1 grazie ad un gol di Sérgio Conceição al 93'.[8]

Arbitra per l'ultima volta in massima serie il 23 maggio 1999, ultima di campionato, in Piacenza-Salernitana 1-1.[9]

L'ultima gara diretta è invece Torino-Reggina del 13 giugno dello stesso anno, ultima della Serie B 1998-1999, chiusa con la vittoria dei calabresi per 2-1, che ottengono la loro prima promozione in Serie A, mentre i piemontesi erano già promossi.[10]

In carriera ha diretto in totale 96 gare di Serie A, 85 di Serie B e 15 di Coppa Italia.

Nel luglio 2009 viene nominato presidente del C.R.A. Veneto.[11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ' BETTIN, TUTTO BENE NICCHI, DOVE SEI?', repubblica.it, 6 marzo 1995. URL consultato il 22 aprile 2017.
  2. ^ Ancona-Barletta, transfermarkt.it, 9 settembre 1990. URL consultato il 22 aprile 2017.
  3. ^ Pisa-Roma, transfermarkt.it, 26 maggio 1991. URL consultato il 22 aprile 2017.
  4. ^ Gascoigne, genio e follia dentro e fuori dal campo, linkiesta.it, 14 luglio 2013. URL consultato il 22 aprile 2017.
  5. ^ Inter-Juventus, transfermarkt.it, 5 marzo 1995. URL consultato il 22 aprile 2017.
  6. ^ 20 record notevoli della Serie A, ilpost.it, 12 marzo 2016. URL consultato il 22 aprile 2017.
  7. ^ Inter-Milan, transfermarkt.it, 21 gennaio 1998. URL consultato il 22 aprile 2017.
  8. ^ Juventus-Lazio, transfermarkt.it, 29 agosto 1998. URL consultato il 22 aprile 2017.
  9. ^ Piacenza-Salernitana, transfermarkt.it, 23 maggio 1999. URL consultato il 22 aprile 2017.
  10. ^ Torino-Reggina, transfermarkt.it, 13 giugno 1999. URL consultato il 22 aprile 2017.
  11. ^ Roberto Bettin nuovo Presidente CRA Veneto, aiapadova.it, luglio 2009. URL consultato il 22 aprile 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]