Marco Branca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Marco Branca
Marco Branca - Parma 1994.JPG
Branca con il Parma nel 1994
Nazionalità Italia Italia
Altezza 181 cm
Peso 75 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 2001 - giocatore
Carriera
Giovanili
1981-1982 Grosseto
1982-1984 Cagliari
Squadre di club1
1982-1986 Cagliari 52 (4)
1986-1987 Udinese 18 (2)
1987-1988 Sampdoria 9 (1)
1988-1990 Udinese 55 (13)
1990-1991 Sampdoria 20 (5)
1991-1992 Fiorentina 23 (5)
1992-1994 Udinese 58 (22)
1994-1995 Parma 25 (7)
1995 Roma 7 (2)
1995-1998 Inter 52 (23)
1998-1999 Middlesbrough 12 (9)
2000 Lucerna 10 (2)
2000-2001 Monza 17 (7)
Nazionale
1996 Italia Italia olimpica 3 (4)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Marco Branca (Grosseto, 6 gennaio 1965) è un dirigente sportivo ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Cagliari, Udinese, Sampdoria e Fiorentina[modifica | modifica wikitesto]
Branca con la maglia del Cagliari nel 1985.

Cresciuto nelle giovanili del Barbanella Grosseto, inizia la sua carriera professionistica nella stagione 1984-1985 nel Cagliari, con cui gioca per due campionati. Poi va all'Udinese ed in seguito passa alla Sampdoria, per poi tornare per altre due stagioni a giocare di nuovo nella squadra bianconera. Dopo un nuovo passaggio alla Sampdoria, dove vince lo scudetto 1990-1991, gioca nella Fiorentina che lo acquista per 7,1 miliardi di lire[1] e torna successivamente per altre due stagioni a Udine.

Parma, Roma e Inter[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1994-1995 si trasferisce al Parma, dove rimane per un solo campionato ma vince la Coppa UEFA. Nel 1995, dopo aver iniziato la stagione con la Roma, i giallorossi lo cedono all'Inter, in cambio di un conguaglio economico e della metà del cartellino di Marco Delvecchio.[2]

Con i nerazzurri esordisce il 19 novembre contro la sua ex squadra, l'Udinese. Nella sua prima stagione in Serie A con la maglia nerazzurra realizza 17 gol in 24 partite, che sommati ai 2 gol fatti a inizio campionato con la casacca della Roma lo portano a quota 19 reti in campionato (al pari di Batistuta e dietro solo a Protti, Signori e Chiesa nella classifica marcatori del torneo). La stagione successiva segna solo 5 gol in 21 partite in campionato, più una nelle coppe europee.

Middlesbrough[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 febbraio 1998 lascia dopo tre stagioni i nerazzurri, con 25 gol in 53 partite, e viene ceduto al Middlesbrough, nella First Division inglese.[3][4] Il primo anno in Inghilterra realizza 9 gol in 11 partite e contribuisce alla promozione della squadra in Premier League.

La seconda stagione inizia subito con un infortunio al ginocchio;[5] il 13 settembre, dopo due operazioni al menisco, scende in campo contro il Tottenham, ma la sua partita dura solo 23 minuti. Il 14 ottobre uno specialista inglese, consultato dalla società, sentenzia che la carriera di Branca è finita, per la natura dell'infortunio. Il 20 gennaio 1999 viene messo fuori rosa dalla dirigenza a sua insaputa.[6] A sue spese (dopo aver pagato le operazioni) si sottopone ad intensa fisioterapia a Milano, allenandosi con l'Inter. Il 1º febbraio torna al club, guarito e pronto ad allenarsi, ma i dirigenti inglesi seguono il parere del loro specialista.[7] Dopo 5 giorni chiede aiuto alla FIFA;[8] anche il dott. Steadman conferma che Branca è idoneo a riprendere l'attività agonistica, ma il club insiste per un parere vincolante del dott. Dandy che conferma la diagnosi originaria del collega inglese.[9][10]

Il 27 agosto la commissione della FIFA accoglie il ricorso del giocatore e obbliga il Middlesbrough a rispettare regolarmente il contratto, pagando tutti gli emolumenti, anche quelli arretrati, che spettano al giocatore.[11] Il 16 dicembre il comitato eseguito della FIFA conferma la decisione unanime presa nell'agosto dalla commissione FIFA, ribadendo l'illegittimità della risoluzione del contatto fatta dal club inglese a seguito dell'infortunio. Il club inglese deve, inoltre, corrispondere al calciatore altre 6 mensilità di contratto e dichiara definitivamente svincolato.[12]

Lucerna e Monza[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 marzo 2000 firma con gli svizzeri del Lucerna.[13] Esordisce contro il Basilea in 25 minuti di gioco regala un assist e il gol vittoria alla propria squadra.[14]

Il 30 agosto dopo aver risolto i vincoli contrattuali con Middlesbrough e Lucerna, firma un contratto con il Monza in Serie B.[15][16][17] Il 18 aprile 2001 rescinde consensualmente il contratto.[18]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Viene convocato da Cesare Maldini tra i fuoriquota per i Giochi olimpici di Atlanta del 1996, segnando 4 reti in 3 partite.

Dirigente sportivo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2002 rientra all'Inter come capo degli osservatori. Nel 2003 viene promosso a responsabile dell'area tecnica, coadiuvato da Gabriele Oriali. Con i nerazzurri tra il 2005 e il 2011 vince 5 scudetti, 4 Coppe Italia, 4 Supercoppe italiane, una Champions League e una Coppa del Mondo per club. L'8 febbraio 2014 risolve consensualmente il rapporto contrattuale con il club milanese.[19]

Nell’aprile del 2019 diventa key manager del progetto World Football Strategies, fondo d'investimento che vuole entrare nel settore della gestione, sportiva e finanziaria, dei giovani talenti di età compresa tra i 16 e i 19 anni tesserati da club europei.[20]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1982-1983 Italia Cagliari A 0 0 CI 0 0 - - - - - - 0 0
1983-1984 B 0 0 CI 0 0 - - - - - - 0 0
1984-1985 B 25 2 CI 3 2 - - - - - - 28 4
1985-1986 B 27 2 CI 4 0 - - - - - - 31 2
Totale Cagliari 52 4 7 2 - - - - 59 6
1986-1987 Italia Udinese A 18 2 CI 2 3 - - - - - - 20 5
1987-1988 Italia Sampdoria A 9 1 CI 0 0 - - - - - 30 12
1988-1989 Italia Udinese B 28 4 CI 4 1 - - - - - - 32 5
1989-1990 A 27 9 CI 1 0 - - - - - - 28 9
1990-1991 Italia Sampdoria A 20 5 CI 5 0 CdC 6 3 SU 2 0 33 8
Totale Sampdoria 29 6 5 0 6 3 2 0 42 9
1991-1992 Italia Fiorentina A 23 5 CI 2 0 - - - - - - 25 3
1992-1993 Italia Udinese A 29+1[21] 8+0 CI 1 1 - - - - - - 31 9
1993-1994 A 29 14 CI 4 2 - - - - - - 33 16
Totale Udinese 131 37 12 7 - - - - 139 48
1994-1995 Italia Parma A 25 7 CI 7 4 CU 7 0 - - - 39 11
ago.-nov. 1995 Italia Roma A 7 2 CI 1 0 CU 1 0 - - - 9 2
nov. 1995-1996 Italia Inter A 24 17 CI 3 0 CU 0 0 - - - 27 17
1996-1997 A 21 5 CI 3 0 CU 6 1 - - - 30 6
1997-feb. 1998 A 7 1 CI 4 1 CU 1 0 - - - 12 2
Totale Inter 52 23 10 1 7 1 - - 69 25
feb.-giu. 1998 Inghilterra Middlesbrough FD 11 9 FACup+CdL 1+4 0+1 - - - - - - 16 10
1998-1999 PL 1 0 FACup+CdL 0+1 0+0 - - - - - - 2 0
Totale Middlesbrough 12 9 6 1 - - - - 18 10
1999-2000 Svizzera Lucerna A 10 2 CS 4 5 - - - - - - 14 7
2000-2001 Italia Monza B 17 7 CI 0 0 - - - - - - 17 7
Totale carriera 358+1 102 54 20 21 4 2 0 436 126

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia olimpica
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
21-7-1996 Birmingham Messico olimpica Messico 1 – 0 Italia Italia olimpica Olimpiadi 1996 - 1º turno -
23-7-1996 Washington D.C. Ghana olimpica Ghana 3 – 2 Italia Italia olimpica Olimpiadi 1996 - 1º turno 2
25-7-1996 Birmingham Italia olimpica Italia 2 – 1 Corea del Sud Corea del Sud olimpica Olimpiadi 1996 - 1º turno 2
Totale Presenze 3 Reti 4

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Sampdoria: 1987-1988
Sampdoria: 1990-1991

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Parma: 1994-1995

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1994-1995 (6 gol)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 8 (1991-1992), Panini, 25 giugno 2012, p. 10.
  2. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 12 (1995-1996), Panini, 23 luglio 2012, p. 10.
  3. ^ Branca saluta l'Inter " grazie a Moratti ", gazzetta.it, 17 febbraio 1998.
  4. ^ Branca al Middlesbrough: affare da capogiro, gazzetta.it, 15 febbraio 1998.
  5. ^ Ginocchio ko: Branca non ce la fa, gazzetta.it, 15 agosto 1998.
  6. ^ Branca licenziato dal Middlesbrough senza saperlo, gazzetta.it, 21 gennaio 1999.
  7. ^ Porte chiuse per Branca Battaglia legale in vista, gazzetta.it, 2 febbraio 1999.
  8. ^ Branca ha chiesto un aiuto alla Fifa, gazzetta.it, 7 febbraio 1999.
  9. ^ Anche Branca da oggi a Vail come Del Piero, gazzetta.it, 13 febbraio 1999.
  10. ^ Middlesbrough-Branca verso il tribunale, gazzetta.it, 7 marzo 1999.
  11. ^ Branca vince la vertenza con il Middlesbrough, gazzetta.it, 28 agosto 1999.
  12. ^ La Fifa dà torto al Middlesbrough Branca definitivamente svincolato, gazzetta.it, 17 dicembre 1999.
  13. ^ Parma: Crespo e Thuram firmano sino al 2005, gazzetta.it, 22 marzo 2000.
  14. ^ Branca subito in gol con il Lucerna, gazzetta.it, 28 marzo 2000.
  15. ^ Monza, sorride Branca c'è, gazzetta.it, 20 luglio 2000.
  16. ^ Cagliari: si allungano i tempi per Buso, gazzetta.it, 29 agosto 2000.
  17. ^ Primo allenamento di Branca col Monza «Contribuirò con i miei gol alla salvezza», gazzetta.it, 31 agosto 2000.
  18. ^ Branca rompe con il Monza, tuttomercatoweb.com, 18 aprile 2001.
  19. ^ F.C. Internazionale, comunicato ufficiale, inter.it. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  20. ^ Da Malta a caccia di calciatori - MilanoFinanza.it, su www.milanofinanza.it. URL consultato il 6 aprile 2019.
  21. ^ Spareggio per la salvezza.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]