Salvatore Fresi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Salvatore Fresi
Nazionalità Italia Italia
Altezza 182[1] cm
Peso 74[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Ritirato 2006
Carriera
Giovanili
1990-1991 Fiorentina
1991-1993 Foggia
Squadre di club1
1993-1995 Salernitana 64 (2)
1995-1998 Inter 76 (1)
1998-1999 Salernitana 27 (3)
1999-2000 Inter 9 (0)
2000-2001 Napoli 23 (1)
2001-2002 Bologna 25 (8)
2002-2004 Juventus 9 (1)
2004 Perugia 11 (2)
2004-2005 Catania 6 (0)
2005 Salernitana 6 (0)
2005-2006 Battipagliese 16 (5)
Nazionale
1994-1996 Italia Italia U-21 17 (1)
1996 Italia Italia Olimpica 3 (0)
1997-1998 Italia Italia 0 (0)
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Oro Spagna 1996
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Salvatore Fresi (La Maddalena, 18 gennaio 1973) è un ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Tecnicamente dotato,[2] poteva ricoprire sia il ruolo di libero sia quello di centrocampista centrale, sebbene quest'ultima collocazione gli fosse meno congeniale.[3][4][5]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Dopo esperienze giovanili a Firenze[6] e Foggia, disputò il primo campionato professionistico con la Salernitana in Serie C1 1993-1994, conquistando la promozione in Serie B. A fine stagione fu convocato in Nazionale Under-21.

Dopo un campionato di Serie B in cui la squadra granata arrivò quinta a 5 punti dalla promozione (1994-1995), fu acquistato dall'Inter per 7 miliardi di lire,[7] con cui giocò fino al 1998. Partecipò ai Giochi olimpici di Atlanta nel 1996, vinse la Coppa UEFA nel 1998.

Nel 1998-1999 tornò in prestito a Salerno e subì la retrocessione in Serie B. Poi giocò poche partite con l'Inter. Vestì le maglie di Napoli, Bologna (con cui tornò a giocare con regolarità e realizzò 8 gol in 25 presenze). Ingaggiato dalla Juventus, fu utilizzato come riserva; vinse uno scudetto (2002-2003) e due Supercoppe italiane (2002 e 2003).

Vestì ancora le maglie di Perugia, Catania e ancora Salernitana, che seguì in C1 dopo il fallimento. Passò alla Battipagliese, in Eccellenza, l'ultima stagione della sua carriera professionistica. Poco dopo, scelse di tornare a giocare a calcio col Paolo Masullo, squadra di Seconda Categoria del salernitano.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Campione d'Europa con la nazionale Under-21 nel 1996, conta 17 presenze e una rete nelle file degli azzurrini. Con la selezione olimpica ha preso parte ai Giochi del 1996, ottenendo tre presenze.

Durante la sua militanza nell'Inter è stato convocato per tre volte in nazionale A, tra il 1997 e il 1998, senza scendere in campo.

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il ritiro dalla carriera da calciatore, si trasferisce a Salerno dove realizza un centro sportivo e una scuola calcio per bambini rientrante nell'Inter GrassRoots Program.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Juventus: 2002-2003
Juventus: 2002, 2003

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Inter: 1997-1998

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Spagna 1996

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Panini, 2003, p. 164.
  2. ^ Marco Azzi, I migliori sono Fresi e Pineda. Saber incerto, Matuzalem nervoso, in la Repubblica, 2 aprile 2001.
  3. ^ Licia Granello, Pagliuca il migliore. Djorkaeff non basta, in la Repubblica, 22 maggio 1997.
  4. ^ Gianni Piva, Pagliuca recupera. Simoni cambia, escluso Simeone, in la Repubblica, 1º novembre 1997.
  5. ^ Angelo Carotenuto, Napoli, guida Fresi: "Zeman il migliore", in la Repubblica, 10 ottobre 2000.
  6. ^ Storico Squadra, legaseriea.it.
  7. ^ Panini, 1995-1996, p. 10.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Almanacco illustrato del calcio 2003, Modena, Panini, 2002.
  • Calciatori ‒ La raccolta completa 1961-2012, Vol. 12 (1995-1996), Modena, Panini, 23 luglio 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]