Associazione Calcio Perugia 2003-2004

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Associazione Calcio Perugia
Stagione 2003-2004
AllenatoreItalia Serse Cosmi
All. in secondaItalia Mario Palazzi
PresidenteItalia Luciano Gaucci
Serie A15º posto (retrocesso in Serie B)
Coppa ItaliaQuarti di finale
Coppa IntertotoVincitore
Coppa UEFASedicesimi di finale
Maggiori presenzeCampionato: Zé Maria (32)
Totale: Di Loreto (48)
Miglior marcatoreCampionato: Zé Maria (7)
Totale: Margiotta (9)
StadioRenato Curi
Media spettatori11 047[1]¹
¹
considera le partite giocate in casa in campionato.

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti l'Associazione Calcio Perugia nelle competizioni ufficiali della stagione 2003-2004.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

La quarta e ultima stagione di Serse Cosmi alla guida del club perugino si apre, in estate, con la vittoria del primo e fin qui unico trofeo dell'UEFA nella storia dei grifoni – nonché la prima affermazione confederale per una formazione umbra –, la Coppa Intertoto, finalmente conquistata dal presidente Luciano Gaucci dopo quattro tentativi nell'ultimo lustro. Il successo arriva da imbattuti, dopo aver eliminato in sequenza i finlandesi dell'Allianssi, i francesi del Nantes e i tedeschi del Wolfsburg, questi ultimi superati nella doppia finale sia al Curi (1-0, gol del neoacquisto Bothroyd) sia a domicilio alla Volkswagen-Arena (2-0, Tedesco e Berrettoni).[2][3][4]

Siglando la rete n. 25 in maglia biancorossa, all'ultima sua stagione a Perugia il greco Zīsīs Vryzas diventa il massimo goleador dei grifoni in Serie A nonché il miglior marcatore straniero nella storia del club umbro.

Questo trionfo garantisce inoltre al Perugia l'accesso alla più prestigiosa Coppa UEFA, competizione da cui i biancorossi mancano dalla partecipazione d'esordio del 1979-1980 e dove stavolta, superati nei primi turni gli scozzesi del Dundee[5][6][7] e i greci dell'Arīs Salonicco,[8][9] si fermano ai sedicesimi di finale contro il più blasonato PSV, resistendo agli olandesi nell'andata giocata in casa (0-0)[10][11] ma cedendo nel ritorno al Philips Stadion di Eindhoven (1-3) – togliendosi tuttavia discrete soddisfazioni su di un palcoscenico europeo dove peraltro, tra Intertoto e UEFA, i grifoni mettono assieme una striscia di undici risultati utili consecutivi (otto vittorie e tre pareggi).[12]

Tutt'altra storia in campionato, dove la sesta stagione consecutiva in Serie A inizia in maniera molto problematica. Il Perugia, che ottiene i titoli dei giornali solo per il controverso ingaggio di Saadi Gheddafi,[13] non riesce a vincere una gara per tutto il girone di andata; un ruolino che si ripercuote negativamente anche sulla tornata di ritorno dove, a poche giornate dalla fine del torneo, i grifoni paiono ormai accreditati con certezza della retrocessione. Ciò nonostante, grazie soprattutto a tre vittorie inanellate negli ultimi tre turni contro Juventus, Roma e Ancona, i biancorossi riescono quantomeno a giocarsi una possibilità di salvezza raggiungendo, proprio nei novanta minuti finali, il quart'ultimo posto della gradutoria e il conseguente doppio spareggio interdivisionale contro la sesta classificata della Serie B, la Fiorentina di Emiliano Mondonico: ad avere la meglio è la squadra viola, vittoriosa all'andata in Umbria (0-1, Fantini)[14] e imbattuta al ritorno in Toscana (1-1, ancora Fantini e pareggio di do Prado), che guadagna così la massima serie a spese dei grifoni,[15] retrocessi in cadetteria dopo sei anni. Infine in Coppa Italia, dove i biancorossi difendevano la storica semifinale di dodici mesi prima, quest'anno il cammino si ferma ai quarti di finale, sconfitti dalla Juventus poi finalista dell'edizione.

Con l'addio a fine stagione di Cosmi, di fatto si chiude un'epoca nella storia del club perugino.

Maglie e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Lo sponsor tecnico del Perugia per la stagione 2003-2004 fu la Galex mentre lo sponsor ufficiale fu la Toyota.

Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

[16]

Area direttiva

  • Presidente: Luciano Gaucci
  • Amministratore delegato: Alessandro Gaucci
  • Direttore Generale: Stefano Caira

Area organizzativa

  • Direttore organizzativo: Roberto Regni
  • Segretario generale: Ilvano Ercoli
  • Team manager: Alberto Di Chiara

Area comunicazione

  • Capo ufficio stampa: Paolo Meattelli
  • Addetti stampa: Fabio Meattelli e Paolo Giovagnoni

Area tecnica

Area sanitaria

  • Medico sociale: Giuliano Cerulli

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Portieri
Australia Željko Kalac
Italia Michele Tardioli
Italia Stefano Pardini
Italia Domenico Di Dio(°)
Difensori
Brasile Zé Maria
Italia Marco Di Loreto
Mali Souleymane Diamoutene
Italia Giovanni Ignoffo
Italia Fabio Grosso(°)
Brasile Fabiano Lima Rodrigues
Italia Salvatore Fresi(*)
Senegal Ferdinand Coly
Grecia Kōnstantinos Loumpoutīs(°)
Grecia Evangelos Nastos
Marocco Jamal Alioui(°)
Italia Roberto Cardinale(*)
Argentina Carlos Arano(*)
Argentina Félix Benito(*)
Italia Luca Bisello Ragno(°)
Italia Luca Gentili
Italia Domenico Maietta(*)
Centrocampisti
Nigeria Christian Obodo
Italia Fabio Gatti
Italia Massimiliano Fusani
Italia Giovanni Tedesco(°)
Brasile Guilherme Raymundo do Prado
Italia Eusebio Di Francesco(*)
Romania Paul Codrea(*)
Costa d'Avorio Christian Manfredini(*)
Francia Gaël Genevier(°)
Libia Saadi Gheddafi
Italia Riccardo Cazzola(*)
Italia Fabio Filippi(°)
Attaccanti
Inghilterra Jay Bothroyd
Italia Massimo Margiotta(°)
Italia Fabrizio Ravanelli(*)
Italia Dario Hübner(*)
Italia Franco Brienza(*)
Grecia Zīsīs Vryzas(°)
Italia Emanuele Berrettoni(°)
Uruguay Marcelo Zalayeta(*)
Italia Luigi Giandomenico(*)
Italia Francesco Zerbini(*)
Italia Gabriele Scandurra(°)
Croazia Saša Bjelanović(#)
Italia Alessandro Iannuzzi(°)
Argentina Juan Turchi
Allenatore
Italia Serse Cosmi

(*) Acquistato nel mercato invernale

(°) Ceduto nel mercato invernale

(#) Ceduto a stagione iniziata

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Serie A 2003-2004.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

31 agosto 2003, ore 15:00
1ª giornata
Perugia2 – 2
referto
Siena

14 settembre 2003, ore 15:00
2ª giornata
Parma3 – 0
referto
Perugia

21 settembre 2003, ore 15:00
3ª giornata
Perugia1 – 1
referto
Milan

28 settembre 2003, ore 15:00
4ª giornata
Chievo4 – 1
referto
Perugia

5 ottobre 2003, ore 18:00
5ª giornata
Perugia0 – 0
referto
Reggina

19 ottobre 2003, ore 15:00
6ª giornata
Bologna2 – 2
referto
Perugia

26 ottobre 2003, ore 15:00
7ª giornata
Perugia3 – 3
referto
Udinese

2 novembre 2003, ore 15:00
8ª giornata
Modena1 – 0
referto
Perugia

9 novembre 2003, ore 15:00
9ª giornata
Perugia2 – 2
referto
Lecce

23 novembre 2003, ore 15:00
10ª giornata
Lazio3 – 1
referto
Perugia

30 novembre 2003, ore 15:00
11ª giornata
Perugia1 – 1
referto
Empoli

7 dicembre 2003, ore 15:00
12ª giornata
Inter2 – 1
referto
Perugia

13 dicembre 2003, ore 20:30
13ª giornata
Perugia3 – 3
referto
Sampdoria

21 dicembre 2003, ore 15:00
14ª giornata
Perugia2 – 2
referto
Brescia

6 gennaio 2004, ore 15:00
15ª giornata
Juventus1 – 0
referto
Perugia

11 gennaio 2004, ore 15:00
16ª giornata
Perugia0 – 1
referto
Roma

18 gennaio 2004, ore 15:00
17ª giornata
Ancona0 – 0
referto
Perugia

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

24 gennaio 2004, ore 18:00
18ª giornata
Siena2 – 1
referto
Perugia

1º febbraio 2004, ore 15:00
19ª giornata
Perugia2 – 2
referto
Parma

8 febbraio 2004, ore 15:00
20ª giornata
Milan2 – 1
referto
Perugia

14 febbraio 2004, ore 20:30
21ª giornata
Perugia0 – 2
referto
Chievo

22 febbraio 2004, ore 15:00
22ª giornata
Reggina1 – 2
referto
Perugia

29 febbraio 2004, ore 15:00
23ª giornata
Perugia4 – 2
referto
Bologna

7 marzo 2004, ore 15:00
24ª giornata
Udinese1 – 1
referto
Perugia

14 marzo 2004, ore 15:00
25ª giornata
Perugia1 – 1
referto
Modena

21 marzo 2004, ore 15:00
26ª giornata
Lecce1 – 2
referto
Perugia

28 marzo 2004, ore 15:00
27ª giornata
Perugia1 – 2
referto
Lazio

4 aprile 2004, ore 15:00
28ª giornata
Empoli1 – 0
referto
Perugia

11 aprile 2004, ore 15:00
29ª giornata
Perugia2 – 3
referto
Inter

18 aprile 2004, ore 15:00
30ª giornata
Sampdoria3 – 2
referto
Perugia

25 aprile 2004, ore 15:00
31ª giornata
Brescia1 – 1
referto
Perugia

2 maggio 2004, ore 15:00
32ª giornata
Perugia1 – 0
referto
Juventus

9 maggio 2004, ore 15:00
33ª giornata
Roma1 – 3
referto
Perugia

16 maggio 2004, ore 15:00
34ª giornata
Perugia1 – 0
referto
Ancona

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 2003-2004.

Coppa Intertoto[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa Intertoto 2003.
Perugia
19 luglio 2003
Terzo turno – Andata
Perugia2 – 0AllianssiStadio Renato Curi
Arbitro: Inghilterra Halsey

Vantaa
26 luglio 2003
Terzo turno – Ritorno
Allianssi0 – 2PerugiaPohjola Stadion
Arbitro: Germania Sippel

Nantes
30 luglio 2003
Semifinali – Andata
Nantes0 – 1PerugiaStadio della Beaujoire
Arbitro: Israele Yefet

Perugia
6 agosto 2003
Semifinali – Ritorno
Perugia0 – 0NantesStadio Renato Curi
Arbitro: Spagna Rodríguez Santiago

Perugia
12 agosto 2003
Finale – Andata
Perugia1 – 0WolfsburgStadio Renato Curi
Arbitro: Portogallo Gomes Costa

Wolfsburg
26 agosto 2003
Finale – Ritorno
Wolfsburg0 – 2PerugiaVolkswagen-Arena
Arbitro: Paesi Bassi van Egmond

Coppa UEFA[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa UEFA 2003-2004.
Dundee
24 settembre 2003, ore 20:05 (CET)
Primo turno – Andata
Dundee1 – 2
referto
PerugiaDens Park
Arbitro: Croazia Širić

Perugia
24 settembre 2003, ore 20:30 (CET)
Primo turno – Ritorno
Perugia1 – 0
referto
DundeeStadio Renato Curi
Arbitro: Slovacchia Hriňák

Perugia
6 novembre 2003, ore 20:30 (CET)
Secondo turno – Andata
Perugia2 – 0
referto
Arīs SaloniccoStadio Renato Curi
Arbitro: Spagna Méndez

Salonicco
27 novembre 2003, ore 19:15 (CET)
Secondo turno – Ritorno
Arīs Salonicco1 – 1
referto
PerugiaStadio Toumpas
Arbitro: Svizzera Leuba

Perugia
26 febbraio 2004, ore 19:30 (CET)
Sedicesimi di finale – Andata
Perugia0 – 0
referto
PSVStadio Renato Curi
Arbitro: Rep. Ceca Benes

Eindhoven
3 marzo 2004, ore 20:30 (CET)
Sedicesimi di finale – Ritorno
PSV3 – 1
referto
PerugiaPhilips Stadion
Arbitro: Spagna Iturralde González

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Statistiche Spettatori Serie A 2003-2004, su stadiapostcards.com.
  2. ^ (EN) 2003: Perugia put past behind them, su uefa.com, Union of European Football Associations, 1º agosto 2003. URL consultato il 6 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 5 gennaio 2013).
  3. ^ Magico Perugia, è in UEFA, su gazzetta.it, 26 agosto 2003.
  4. ^ Luigi Luccarini, In gol Tedesco e Berrettoni, il Perugia è in Coppa UEFA, su repubblica.it, 27 agosto 2003.
  5. ^ (EN) Heartache for Dundee, su news.bbc.co.uk, 24 settembre 2003.
  6. ^ Perugia senza fatica, Il Dundee ancora k.o., in Corriere della Sera, 16 ottobre 2003, p. 43 (archiviato dall'url originale il 7 luglio 2012).
  7. ^ Luigi Luccarini, Bravo Perugia, va fuori il Dundee, in la Repubblica, 16 ottobre 2003, p. 55.
  8. ^ Francesca Fanelli, Secondo turno Uefa. Ok Parma, Perugia e Roma, su corrieredellosport.it, 27 novembre 2003 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2014).
  9. ^ Antonello Menconi, Il Perugia pareggia e avanza in Europa, in l'Unità, 28 novembre 2003, p. 18 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2014).
  10. ^ Mario Mariano, Il Psv si trova davanti a un muro, e il Perugia continua a sognare, in Corriere della Sera, 27 febbraio 2004, p. 45 (archiviato dall'url originale il 7 luglio 2012).
  11. ^ Luigi Luccarini, Perugia col cuore e con Kalac, il Psv non passa, in la Repubblica, 27 febbraio 2004, p. 58.
  12. ^ Perugia gagliardo in Olanda. Fa la partita, ma vince il Psv, in Corriere della Sera, 4 marzo 2004, p. 44 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2012).
  13. ^ Fischio finale per Ali Saadi Gheddafi, su panorama.it, 6 marzo 2014.
  14. ^ Gino Franchetti, Fantini, il vice Riganò affonda il Perugia. Fiorentina vicina alla A, in Corriere della Sera, 17 giugno 2004, p. 45 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2012).
  15. ^ Serena Gentile, Fiorentina, bentornata in serie A, su gazzetta.it, 20 giugno 2004.
  16. ^ Panini, p. 50.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., Calciatori 2003-04, Modena, Panini.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]