Associazione Calcio Perugia 1938-1939

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Associazione Calcio Perugia
Associazione Calcio Perugia 1938-1939.jpg
La squadra in posa all'interno del nuovo stadio
Stagione 1938-1939
AllenatoreItalia Remigio Sartoris
PresidenteItalia Armando Simoncini
Serie C - Gir. F7º posto
Coppa ItaliaPrimo turno eliminatorio
StadioSanta Giuliana

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti l'Associazione Calcio Perugia nelle competizioni ufficiali della stagione 1938-1939.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Per la prima volta nella sua fin qui trentennale storia, il Perugia poté disputare i suoi incontri casalinghi in un vero e proprio stadio, il "Santa Giuliana",[1] abbandonando così l'ormai vetusto piazzone – la vecchia piazza d'armi cittadina, che di lì a pochi anni diverrà la nuova piazza Partigiani –; il debutto nel nuovo impianto avvenne il 4 settembre 1938, in occasione della seconda giornata del nuovo campionato di Serie C[2] cui i grifoni erano stati ammessi d'ufficio, dalla Prima Divisione, dopo delibera federale.

Allenata da Remigio Sartoris, la squadra contava in questa stagione sul sedicenne terzino sinistro Sergio Andreoli, futuro scudettato con la Roma all'inizio del decennio seguente,[1][3] e su di un debuttante centromediano destinato a scrivere importanti pagine della storia biancorossa sia da giocatore sia, soprattutto, in panchina, Guido Mazzetti. A questi si aggiungevano altri validi elementi quali Brugalossi, Italiani e Masciolini.[2]

Il Perugia chiuse il torneo al settimo posto del girone F; una posizione stabilita tramite quoziente reti, dopo aver concluso la stagione agli stessi punti (23) del Cagliari, dell'Alma Juventus Fano, dei corregionali dell'Aeronautica Umbra di Foligno e, infine, dell'Ascoli. Con l'approdo al terzo livello dell'allora piramide calcistica nazionale, gli umbri fecero inoltre quest'anno il loro esordio assoluto in Coppa Italia dove, dopo il facile successo nelle qualificazioni sul Tiferno di Città di Castello, vennero estromessi al primo turno dalla Borzacchini di Terni, alla ripetizione, dopo un primo incontro terminato in parità ai supplementari.

Al termine dell'annata, causa problemi finanziari, il club non riuscì a regolarizzare l'iscrizione al successivo campionato,[4] andandò così incontro a una stagione d'inattività in cui sarà di fatto sostituito da una compagine cittadina emanazione del locale Gruppo Universitario Fascista, iscritta alla Prima Divisione.

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
Italia D Sergio Andreoli
Italia Elio Antonucci
Italia Palamede Bandini
Italia Ciro Bentivoglio
Italia Calliope Bianchi
Italia Luciano Bonvicini
Italia Quintillio Brugalossi
Italia P Angelo Bullini
Italia Alessandro Chiappolotti
N. Ruolo Giocatore
Italia D Benedetto Del Re
Italia A Flaminio Flamini
Italia C Giuseppe Italiani
Italia Luciano Leoni
Italia A Ennio Masciolini
Italia A Guido Mazzetti
Italia Emilio Pezzini
Italia Umberto Piazzi
Italia D Angelo Ricci

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Perna, p. 827.
  2. ^ a b Carlo Giulietti, Alle origini del calcio perugino... (JPG), in Vecchia Guardia Grifo News, 30 gennaio 2011, p. 8 (archiviato dall'url originale il 16 aprile 2013).
  3. ^ Roma: addio Andreoli. Fu campione nel '42, in La Gazzetta dello Sport, 19 maggio 2002.
  4. ^ Comunicazioni Ufficiali, in Il Littoriale, 7 luglio 1939, p. 6.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Agendina del Calcio Barlassina, 1938-1939, p. 97.
  • Almanacco illustrato del Calcio, Rizzoli edizioni, 1939, p. 281.
  • AA.VV., Il Pallone d'Oro - Prima enciclopedia storica del calcio mondiale, Vol. III, Milano, Perna Editore, 1967-1969.