Cagliari Calcio 2003-2004

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Cagliari Calcio.

Cagliari Calcio
Stagione 2003-2004
AllenatoreItalia Gian Piero Ventura[1]
Italia Edoardo Reja[2]
PresidenteItalia Massimo Cellino
Serie B2º. Promosso in Serie A.
Coppa ItaliaPrimo turno
Miglior marcatoreCampionato: Suazo (19)
Totale: Suazo (19)

Questa voce raccoglie le informazioni sulle competizioni ufficiali disputate dal Cagliari Calcio nella stagione 2003-2004.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Il Cagliari ritornò in Serie A dopo quattro anni, chiudendo il campionato 2003-04 appaiato al Palermo (a quota 83 punti): i rosanero risultarono primi per la miglior differenza reti (+36 contro +29).

Avvenimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il colpo di mercato più importante è sicuramente l'arrivo di Gianfranco Zola che, dopo 7 anni al Chelsea, decide di chiudere la carriera a Cagliari. Un'altra operazione importante è il ritorno dopo 10 anni del difensore Gianluca Festa, anch'egli reduce da una positiva esperienza in Inghilterra. A completare la campagna di rafforzamento gli ingaggi del portiere Gennaro Iezzo, del terzino Sabato e dei centrocampisti Marcello Albino, Loris Del Nevo e Massimo Brambilla. Vengono ceduti il portiere Mancini, Longo, Cudini, Abeijon, Gorgone, Colasante, Guana, Carrus, Lucenti, Pineda e Ranalli.

Benché la prima giornata sia in programma il 31 agosto, l'esordio in Campionato avviene una settimana dopo a causa delle proteste per l'inopinata decisione di allargare la serie B da 20 a 24 squadre.

Inoltre i rossoblù devono giocare le prime nove gare interne al Manconi di Tempio, per via dei lavori di rifacimento del manto erboso del Sant'Elia.

La squadra parte bene, vincendo 3-0 le prime due gare (Catania in trasferta, Pescara a Tempio). Nelle settimane successive, per via della forte discontinuità di rendimento caratterizzata da larghe vittorie in casa e risultati disastrosi in trasferta (dopo la vittoria a Catania, i rossoblù conquistano solo un punto nelle successive 5 gare esterne) il Cagliari perde terreno, restando comunque a ridosso della zona promozione. A novembre le cose si complicano, dato che i rossoblù rallentano il passo anche nelle gare interne. Dopo la sconfitta interna contro il Piacenza, alla sedicesima giornata, Ventura viene esonerato ed al suo posto viene chiamato Reja. Durante le prime settimane della nuova gestione tecnica non si registrano significativi miglioramenti, tant'è che al giro di boa gli isolani sono settimi con appena 34 punti in 23 partite.

Nella sessione invernale di mercato partono Macellari, Bucchi e Cammarata ed arrivano Maltagliati, Agostini, Bianchi. Inoltre c'è il ritorno di Abeijon.

Il girone di ritorno inizia alla grande: nelle prime sei partite arrivano 2 pareggi e 4 vittorie (due delle quali contro le dirette concorrenti Palermo ed Atalanta) che permettono al Cagliari di risalire fino al secondo posto. A Marzo però un'altra crisi: 5 punti in 6 partite ed i rossoblù tornano fuori dalla zona promozione. Lo scatto decisivo inizia alla trentaseiesima giornata, con la sofferta affermazione contro il Como. È il primo di 7 successi consecutivi che portano la squadra ai vertici della classifica. La serie si interrompe con la sconfitta contro il Genoa che comunque non pregiudicherà la promozione che arriva con due giornate d'anticipo, il 29 maggio, grazie al 3-1 inflitto alla Salernitana.

Maglie e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Lo sponsor tecnico della stagione fu per il secondo anno consecutivo il marchio sardo A-Line, mentre il main sponsor fu Terra Sarda. Ancora una volta la prima divisa, è una rivisitazione del classico completo rossoblù a quarti con un inserto oro e un inserto a colori invertiti alle estremità della maglia, La seconda divisa si presenta nel classico bianco con inserti rossoblù. Il terzo completo era invece di colore rosso con bordi blu. Questi tre completi, fungeranno da ispirazione per quelli della stagione successiva.

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
1ª divisa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
2ª divisa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
3ª divisa

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
1 Italia P Armando Pantanelli
3 Brasile D João Paulo di Fábio
4 Francia D François Modesto
5 Italia D Gianluca Festa
6 Uruguay D Diego Luis López
7 Italia A Mauro Esposito
8 Italia C Daniele Conti
9 Honduras A David Suazo
10 Italia A Gianfranco Zola (capitano)
11 Italia A Fabrizio Cammarata[3]
12 Italia P Davide Ugo Capello
13 Italia C Fabio Macellari
14 Italia D Rocco Sabato
N. Ruolo Giocatore
15 Italia D Simone Loria
18 Uruguay C Nelson Abeijón[4]
19 Italia C Massimo Brambilla
21 Italia A Andrea Capone
22 Italia C Sebastiano Pinna
23 Italia A Antonio Langella
24 Italia C Marcello Albino
29 Italia A Cristian Bucchi[3]
31 Italia D Alessandro Agostini[4]
32 Italia A Rolando Bianchi[4]
34 Italia P Gennaro Iezzo
35 Italia D Roberto Maltagliati[4]
49 Italia C Loris Del Nevo

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Campionato[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Serie B 2003-2004.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Tempio Pausania
23 settembre 2003, ore 20:30
1ª giornata
Cagliari3 – 0AscoliStadio Nino Manconi
Arbitro:  De Marco di Chiavari

Catania
7 settembre 2003, ore 20:30
2ª giornata
Catania0 – 3CagliariStadio Angelo Massimino
Arbitro:  Messina di Bergamo

Tempio Pausania
11 settembre 2003, ore 20:30
3ª giornata
Cagliari3 – 0PescaraStadio Nino Manconi

Palermo
14 settembre 2003, ore 20:30
4ª giornata
Palermo1 – 0CagliariStadio Renzo Barbera

Tempio Pausania
20 settembre 2003, ore 20:30
5ª giornata
Cagliari1 – 1TrevisoStadio Nino Manconi

Bergamo
27 settembre 2003, ore 20:30
6ª giornata
Atalanta2 – 1CagliariStadio Atleti Azzurri d'Italia

Messina
4 ottobre 2003, ore 20:30
7ª giornata
Messina2 – 2CagliariStadio Giovanni Celeste

Tempio Pausania
12 ottobre 2003, ore 15:00
8ª giornata
Cagliari3 – 0TernanaStadio Nino Manconi

Torino
15 ottobre 2003, ore 20:30
9ª giornata
Torino4 – 2CagliariStadio delle Alpi

Tempio
18 ottobre 2003, ore 20:30
10ª giornata
Cagliari4 – 1LivornoStadio Nino Manconi

Vicenza
25 ottobre 2003, ore 20:30
11ª giornata
Vicenza2 – 0CagliariStadio Romeo Menti

Tempio
2 novembre 2003, ore 15:00
12ª giornata
Cagliari1 – 1NapoliStadio Nino Manconi

Como
9 novembre 2003, ore 15:00
13ª giornata
Como1 – 3CagliariStadio Giuseppe Sinigaglia

Tempio
16 novembre 2003, ore 15:00
14ª giornata
Cagliari2 – 2VeneziaStadio Nino Manconi

Bergamo
20 novembre 2003, ore 20:30
15ª giornata
AlbinoLeffe0 – 0CagliariStadio Atleti Azzurri d'Italia

Tempio
23 novembre 2003, ore 15:00
16ª giornata
Cagliari0 – 2PiacenzaStadio Nino Manconi

Bari
30 novembre 2003, ore 15:00
17ª giornata
Bari0 – 0CagliariStadio San Nicola

Tempio
7 dicembre 2003, ore 15:00
18ª giornata
Cagliari1 – 1VeronaStadio Nino Manconi

Trieste
14 dicembre 2003, ore 15:00
19ª giornata
Triestina1 – 2CagliariStadio Nereo Rocco

Cagliari
21 dicembre 2003, ore 15:00
20ª giornata
Cagliari2 – 0GenoaStadio Sant'Elia

Salerno
6 gennaio 2004, ore 15:00
21ª giornata
Salernitana3 – 2CagliariStadio Arechi

Cagliari
11 gennaio 2004, ore 15:00
22ª giornata
Cagliari3 – 1AvellinoStadio Sant'Elia

Firenze
16 gennaio 2004, ore 20:30
23ª giornata
Fiorentina2 – 1CagliariStadio Artemio Franchi

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Ascoli Piceno
25 gennaio 2004, ore 15:00
24ª giornata
Ascoli1 – 1CagliariStadio Cino e Lillo Del Duca

Cagliari
1º febbraio 2004, ore 15:00
25ª giornata
Cagliari2 – 1CataniaStadio Sant'Elia

Pescara
8 febbraio 2004, ore 15:00
26ª giornata
Pescara0 – 1CagliariStadio Adriatico

Cagliari
15 febbraio 2004, ore 15:00
27ª giornata
Cagliari3 – 2PalermoStadio Sant'Elia

Treviso
22 febbraio 2004, ore 15:00
28ª giornata
Treviso0 – 0CagliariStadio Omobono Tenni

Cagliari
1º marzo 2004, ore 15:00
29ª giornata
Cagliari5 – 1AtalantaStadio Sant'Elia

Cagliari
4 marzo 2004, ore 20:30
30ª giornata
Cagliari1 – 1MessinaStadio Sant'Elia

Terni
8 marzo 2004, ore 20:30
31ª giornata
Ternana1 – 1CagliariStadio Liberati

Cagliari
14 marzo 2004, ore 15:00
32ª giornata
Cagliari0 – 0TorinoStadio Sant'Elia

Livorno
18 marzo 2004, ore 20:30
33ª giornata
Livorno1 – 1CagliariStadio Armando Picchi

Cagliari
21 marzo 2004, ore 15:00
34ª giornata
Cagliari0 – 0VicenzaStadio Sant'Elia

Napoli
27 marzo 2004, ore 20:30
35ª giornata
Napoli1 – 0Cagliari

Cagliari
3 aprile 2004, ore 20:30
36ª giornata
Cagliari3 – 2ComoStadio Sant'Elia

Venezia
10 aprile 2004, ore 15:00
37ª giornata
Venezia1 – 2CagliariStadio Pierluigi Penzo

Cagliari
19 aprile 2004, ore 20:30
38ª giornata
Cagliari1 – 0AlbinoLeffeStadio Sant'Elia

24 aprile 2004, ore 20:30
39ª giornata
Piacenza1 – 2CagliariStadio Garilli

Cagliari
1º maggio 2004, ore 20:30
40ª giornata
Cagliari2 – 1BariStadio Sant'Elia

Verona
8 maggio 2004, ore 20:30
41ª giornata
Verona1 – 2CagliariStadio Marcantonio Bentegodi

Cagliari
14 maggio 2004, ore 20:30
42ª giornata
Cagliari3 – 1TriestinaStadio Sant'Elia

Genova
22 maggio 2004, ore 20:30
43ª giornata
Genoa4 – 2CagliariStadio Luigi Ferraris

Cagliari
29 maggio 2004, ore 20:30
44ª giornata
Cagliari3 – 1SalernitanaStadio Sant'Elia

Avellino
5 giugno 2004, ore 20:30
45ª giornata
Avellino2 – 3CagliariStadio Partenio-Adriano Lombardi

Cagliari
12 giugno 2004, ore 20:30
46ª giornata
Cagliari3 – 1FiorentinaStadio Sant'Elia

Amichevole[modifica | modifica wikitesto]

Tempio Pausania
30 agosto 2003, ore 20:30
Cagliari2 – 0PalermoNino Manconi

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 2003-2004.
17 agosto 2003
1ª giornata
Pro Patria0 – 2Cagliari

26 agosto 2003
2ª giornata
Cagliarinon disputa – Piacenza

5 settembre 2003
3ª giornata
Comonon disputa – Cagliari

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dalla 1ª alla 16ª giornata.
  2. ^ Dalla 17ª giornata.
  3. ^ a b Ceduto nella sessione invernale del calciomercato.
  4. ^ a b c d Acquistato nella sessione invernale del calciomercato.

Fonti e bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

http://calcio-seriea.net/home/2003/