Claudio Bellucci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Claudio Bellucci
Claudio Bellucci - UC Sampdoria 1995-96.jpg
Bellucci alla Sampdoria nel 1995
Nazionalità Italia Italia
Altezza 173 cm
Peso 70 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Ritirato 2011 - giocatore
Carriera
Giovanili
1987-1990 Lodigiani
1990-1992 Sampdoria
Squadre di club1
1993-1994 Sampdoria 2 (0)
1994 Fiorenzuola 7 (3)
1994-1996 Sampdoria 37 (3)
1996-1997 Venezia 33 (20)
1997-2001 Napoli 91 (24)
2001-2007 Bologna 184 (65)
2007-2010 Sampdoria 59 (17)
2010 Livorno 14 (1)
2010-2011 Modena 15 (3)
Nazionale
1997 Italia Italia U-21 6 (2)
Carriera da allenatore
2011-2013 Lodigiani Giovanili
2013-2014 Sampdoria Giovanissimi
2014-2015 Sampdoria Primavera
2015 Sampdoria Coll. tecnico
2015-2017 Sampdoria U-17
2017 Arezzo
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 19 settembre 2017

Claudio Bellucci (Roma, 31 maggio 1975) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Inizi[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nelle giovanili della Lodigiani[1], ha iniziato la sua carriera professionistica nella Sampdoria, facendo l'esordio in Serie A con la squadra blucerchiata nella stagione 1993-1994 a 18 anni.

Nella stagione 1994-1995 passa in prestito al Fiorenzuola, club militante in Serie C1: il romano in 7 presenze andrà a segno 3 volte. La sua avventura con questa squadra dura pochi mesi, poiché nell'ottobre del 1994 viene richiamato dalla Sampdoria a causa del grave infortunio occorso a Mauro Bertarelli[2][3]. Bellucci gioca il resto della stagione con i blucerchiati, mettendo a segno 2 gol in 21 presenze complessive. Debutta anche in Coppa delle Coppe, in occasione di Sampdoria-Porto (0-1) del 2 marzo 1995[3]; soprattutto, nella manifestazione europea mette a segno una doppietta contro l'Arsenal nella semifinale di ritorno del successivo 20 aprile, tuttavia inutile ai fini del passaggio del turno dato che i blucerchiati perderanno ai tiri di rigore[1][4].

Nella stagione 1995-1996 è poco impiegato, chiuso dai compagni di reparto Mancini, Chiesa e Maniero, sicché nel 1996 scende di categoria trasferendosi in prestito al Venezia in Serie B[5]. Con i lagunari nella stagione 1996-1997 mette a segno 20 reti in 33 presenze di campionato, risultando vice-capocannoniere dietro Davide Dionigi.

Bellucci in azione al Napoli nel 1997

Il Napoli l'acquista in comproprietà dalla Samp[6] nella stagione seguente, che vede la squadra retrocedere tra i cadetti; segna 10 reti andando per la prima volta in doppia cifra nella massima serie. Riscattato dai partenopei[7], disputa altre due stagioni nella serie cadetta con il Napoli, nelle quali viene condizionato da un lungo infortunio[5]: segnerà 12 gol complessivi (6 nella stagione 1998-1999 e altrettanti nella stagione 1999-2000), contribuendo alla promozione in Serie A nel 2000. Nella stagione 2000-2001 la società partenopea retrocede nuovamente in Serie B, e Bellucci mette a segno 2 reti in 18 presenze: sia l'allenatore Zdeněk Zeman che il collega Emiliano Mondonico non gli daranno spazio, preferendo a lui giocatori come Edmundo[1].

L'avventura a Bologna[modifica | modifica wikitesto]

Dopo quattro anni passati con la casacca napoletana, nel 2001 si trasferisce a parametro zero al Bologna[8]. Nelle prime stagioni con la maglia rossoblu l'attaccante romano trova poco spazio[5], chiuso nel suo ruolo da Giuseppe Signori. Diventa titolare in seguito alla retrocessione in Serie B nel 2005: nella stagione 2005-2006 è vice-capocannoniere della serie cadetta dietro a Cristian Bucchi del Modena, e si conferma nella stagione successiva dietro allo juventino Alessandro Del Piero, siglando 19 reti. Nella sua ultima annata a Bologna indossa anche la fascia di capitano[9].

Il ritorno alla Sampdoria[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno del 2007, in scadenza con il Bologna[9] firma con la Sampdoria, tornando a giocare nella squadra che lo aveva fatto esordire nella massima divisione tredici anni prima[10]. Nella stagione 2007-2008 riesce a segnare 12 gol in campionato e uno in Coppa UEFA, il 20 settembre 2007 in occasione di Sampdoria-Aalborg (2-2)[11].

La stagione viene condizionata da due seri infortuni. Il 24 febbraio 2008, in occasione della partita contro l'Inter, si infortuna al menisco[12], rientrando a soli 13 giorni di distanza nella ripresa della partita Sampdoria-Catania e segnando il gol del 3-1 finale[13]. Domenica 11 maggio, nella partita Palermo-Sampdoria, subisce un altro infortunio, questa volta più grave: rottura del tendine d'achille del piede destro[13].

Nella stagione successiva viene nuovamente tormentato da problemi fisici, questa volta al ginocchio[14]: il 30 marzo viene operato ad Anversa dal professor Marc Martens per una lesione osteocondale del ginocchio sinistro[15].

Livorno e Modena[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 gennaio 2010 si trasferisce al Livorno[16] con il quale esordisce il 31 gennaio a San Siro contro il Milan, fornendo anche un assist per il gol del definitivo pareggio di Cristiano Lucarelli. A fine stagione, dopo la retrocessione dei labronici, rimane svincolato, e il 10 settembre 2010 viene ufficializzato il suo tesseramento da parte del Modena[17][18]. L'esperienza modenese viene condizionata da un'ulcera gastrica, che lo colpisce a fine 2010 consentendone il rientro in squadra solo nell'aprile successivo[19].

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Bellucci è stato convocato nelle Nazionali giovanili 11 volte; ha giocato 6 partite nell'Italia Under-21 segnando 2 gol.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

A fine stagione, in scadenza di contratto, decide di ritirarsi dall'attività agonistica per dedicarsi a quella di allenatore, nelle giovanili della Lodigiani.[20]. Al termine della stagione 2012-2013 torna alla Sampdoria come allenatore dei Giovanissimi.[21] Nel 2014-2015 è sulla panchina della Primavera insieme a Enrico Chiesa, mentre l'anno seguente diventa collaboratore del nuovo allenatore della prima squadra Walter Zenga, suo ex compagno di squadra, con il compito di curare la fase offensiva.[22] Il 15 novembre 2015 con l'arrivo di Vincenzo Montella sulla panchina della Samp,assume l'incarico di guidare gli Under-17 blucerchiati.

Il 7 luglio 2017 diventa il nuovo tecnico dell'Arezzo, sostituendo Stefano Sottili. Alla quarta giornata viene però sollevato dall’incarico.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe europee Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1993-1994 Italia Sampdoria A 2 0 CI 1 0 - - - - - - 3 0
lug.-ott. 1994 Italia Fiorenzuola C1 7 3 CI+CI-C 3+0 1 - - - - - - 10 4
ott. 1994-1995 Italia Sampdoria A 21 2 CI 1 0 CdC 2 2 SI - - 24 4
1995-1996 A 16 1 CI 1 0 - - - - - - 17 1
1996-1997 Italia Venezia B 33 20 CI 1 1 - - - - - - 34 21
1997-1998 Italia Napoli A 27 10 CI 4 3 - - - - - - 31 13
1998-1999 B 26 6 CI 2 1 - - - - - - 28 7
1999-2000 B 20 6 CI 2 0 - - - - - - 22 6
2000-2001 A 18 2 CI 2 0 - - - - - - 20 2
Totale Napoli 91 24 10 4 - - - - 101 28
2001-2002 Italia Bologna A 24 1 CI 4 1 - - - - - - 28 2
2002-2003 A 28 3 CI 2 1 I 6 1 - - - 36 5
2003-2004 A 25 7 CI 3 2 - - - - - - 28 9
2004-2005 A 34+2[23] 10 CI 4 3 - - - - - - 40 13
2005-2006 B 38 25 CI 2 1 - - - - - - 40 26
2006-2007 B 35 19 CI 2 3 - - - - - - 38 22
Totale Bologna 184+2 65 17 11 6 1 - - 209 77
2007-2008 Italia Sampdoria A 32 12 CI 3 0 I+CU 2+4 0+1 - - - 41 13
2008-2009 A 19 5 CI 1 0 CU 6 0 - - - 26 5
2009-gen. 2010 A 8 0 CI 2 0 - - - - - - 10 0
Totale Sampdoria 98 20 9 0 14 3 - - 121 23
gen.-giu. 2010 Italia Livorno A 14 1 CI - - - - - - - - 14 1
2010-2011 Italia Modena B 16 3 CI 0 0 - - - - - - 16 3
Totale carriera 443+2 136 40 17 20 4 - - 505 157

Statistiche da allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 17 settembre 2017.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale % Vittorie
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
lug.-set. 2017 Italia Arezzo C 4 1 0 3 CI+CIC 1+0 0+0 0+0 1+0 - - - - - - - - - - 5 1 0 4 20,00
Totale carriera 4 1 0 3 1 0 0 1 5 1 0 4 20,00

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Sampdoria: 1993-1994

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Profilo su Professionecalcio.net
  2. ^ Accademia Samp: 5 gol sotto l'albero, due dono di Gullit Il Corriere della Sera, 19 dicembre 1994, pag.43
  3. ^ a b TRE ANNI DOPO UN ALTRO MANCINI La Repubblica, 2 marzo 1995, pag.36
  4. ^ Samp-Arsenal, il ricordo di Bellucci sampdorianews.net
  5. ^ a b c Due chiacchiere con Claudio Bellucci tuttomercatoweb.com
  6. ^ BARCELLONA IL DOPO RONALDO SARA' BATISTUTA La Repubblica, 12 giugno 1997, pag.47
  7. ^ Signori, destinazione Bologna La Repubblica, 18 giugno 1998, pag.53
  8. ^ Claudio Bellucci a Giugno sarà del Bologna tuttomercatoweb.com
  9. ^ a b Claudio Bellucci verso l'addio. Il Bologna dà l'aut aut al suo capitano ilrestodecarlino.it
  10. ^ UFFICIALE: Claudio Bellucci passa alla Sampdoria tuttomercatoweb.com
  11. ^ La Samp, troppi errori in difesa. Coi danesi dell'Aalborg finisce 2-2 repubblica.it
  12. ^ Lesione del menisco senza complicazioni per Bellucci Sampdoria.it
  13. ^ a b Nuovo k.o. per Claudio Bellucci pianetasamp.blogspot.com
  14. ^ I convocati per Torino: Bellucci e Stankevicius sono out, in Sampdoria.it, 21 marzo 2009. URL consultato il 20 gennaio 2010.
  15. ^ Bellucci da Martens: intervento al ginocchio riuscito, in Sampdoria.it, 30 marzo 2009. URL consultato il 20 gennaio 2010.
  16. ^ Bellucci in amaranto. Oggi la presentazione, in Livornocalcio.it, 20 gennaio 2010. URL consultato il 20 gennaio 2010 (archiviato dall'url originale il 27 luglio 2011).
  17. ^ Calciomercato: tesserato Claudio Bellucci Archiviato il 21 settembre 2011 in Internet Archive. Modenafc.net
  18. ^ Profilo sul sito ufficiale del Modena F.C. Archiviato il 19 settembre 2010 in Internet Archive.
  19. ^ Modena: Bellucci sconfigge malattia e torna ad allenarsi datasport.it
  20. ^ Serie B, ESCLUSIVO/ Claudio Bellucci: “Smetto per fare l'allenatore” seriebnews.com
  21. ^ SAMPDORIA: l'ex Bellucci entra a far parte del settore giovanile Itasportpres.it
  22. ^ Visite mediche, Zenga “promosso”
  23. ^ Spareggio salvezza.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]