Dundee Football Club

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dundee FC
Calcio Football pictogram.svg
Dundee1617badge.png
The Dark Blues; The Dee
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Navy con bianco rosso.svg Blu scuro, bianco
Dati societari
Città Dundee crest.jpg Dundee
Nazione Regno Unito Regno Unito
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Scotland.svg SFA
Campionato Scottish Championship
Fondazione 1893
Presidente Stati Uniti Tim Keyes
Allenatore Scozia James McPake
Stadio Dens Park
(12 085 posti)
Sito web www.dundeefc.co.uk
Palmarès
Premiership scozzese
Titoli di Scozia 1
Titoli nazionali 4 Campionati di Scottish First Division
Trofei nazionali 1 Scottish Cup
3 Scottish League Cup
2 Scottish Challenge Cup
Si invita a seguire il modello di voce

Il Dundee Football Club, meglio noto come Dundee FC o più semplicemente Dundee, è una società calcistica scozzese con sede nella città di Dundee, militante in Scottish Championship, secondo livello del calcio scozzese.

Nel suo palmarès c'è un titolo di campione di Scozia conquistato nella stagione 1961-62, una Scottish Cup e tre Scottish League Cup.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Dundee Football Club venne fondato nel 1893 e, nella la sua prima stagione d'attività, esordì in Division One in cui si classificò ottavo. Inoltre vinse subito la Forfarshire Cup, battendo in finale il Dundee Harp per 4-0 al Carolina Port, suo primo stadio, davanti a 10 000 spettatori. Nella stagione successiva difese con successo il titolo, ai danni del Lochee United sconfitto 1-0.

Nei primi anni del novecento migliorò i suoi risultati in campionato fino a raggiungere il secondo posto in tre diverse stagioni (1902-03, 1906-07, 1908-09). La prima vittoria a livello nazionale arrivò nella stagione 1909-10, quando i Dark Blues sconfissero il Clyde nella finale di Scottish Cup, ripetuta due volte.

Interrotta la propria attività tra 1917 e 1919 a causa della prima guerra mondiale, il Dundee si iscrisse nuovamente alla Division One cogliendo tre quarti posti consecutivi. Nel 1924-25 raggiunge nuovamente la finale di Coppa di Scozia, eliminando nel cammino i detentori dell'Airdrieonians. La finale venne disputata l'11 aprile 1925 ad Hampden Park e il Celtic si impose per 2-1. La rete del Dundee fu messa a segno da Dave McLean, che insieme a Dave Halliday, capocannoniere della Division One 1923-1924 con 38 reti in 36 partite, era il giocatore più rappresentativo di quel periodo. Negli anni seguenti il Dundee non riuscì a conseguire risultati esaltanti, e nel 1937-38 fu persino retrocesso in Second Division, due anni prima della sospensione del torneo per cause belliche. Nel 1946-47, alla ripresa dei tornei, i Dark Blue ottennero la promozione in massima serie e due anni dopo sfiorarono la vittoria in campionato, battuti per un punto dai Rangers.

Nella stagione 1950-51 conquistò la Scottish League Cup, primo trofeo nazionale, superando 3-2 i Rangers davanti a 92 325 spettatori ad Hampden Park con una squadra composta da giocatori del calibro di Bill Brown, Tommy Gallacher, Doug Cowie, Alfie Boyd, Bobby Flavell e Billy Steel. Nella stessa stagione raggiunse anche la finale di Scottish Cup, persa contro il Motherwell (0-4). Nella stagione successiva il Dundee divenne la prima squadra capace di aggiudicarsi due edizioni consecutive della Coppa di Lega, battendo stavolta il Kilmarnock per 2-0.

Gli anni sessanta sono ricordati come il decennio più felice nella storia del club: sotto la guida tecnica di Bob Shankly, fratello dell'allenatore del Liverpool Bill, i Dark Blue vinsero la Division One e divennero la prima squadra di Dundee a vincere il titolo nazionale, precedendo di 3 punti i Rangers anche grazie a un sorprendente 5-1 a Ibrox contro di loro. La rosa campione di Scozia comprendeva Bobby Cox, Bobby Wishart, Pat Liney, Alan Cousin, Andy Penman, Hugh Robertson, Alan Gilzean, Alex Hamilton, Bobby Seith, Ian Ure e Gordon Smith. Quest'ultimo, avendo già vinto il titolo con Hibernian e Hearts, diventò il primo (e tuttora unico) calciatore scozzese a essersi laureato campione nazionale con tre club diversi, peraltro mai con una squadra dell'Old Firm.

Nella Coppa dei Campioni 1962-1963, il Dundee eliminò i campioni di Germania del Colonia, i portoghesi dello Sporting e i belgi dell'Anderlecht prima di fermarsi, in semifinale, davanti ai futuri campioni d'Europa del Milan, pur vincendo a Dens Park per 1-0 con gol di Alan Gilzean, insufficiente a ribaltare l'1-5 di San Siro, mentre in campionato la squadra non andò oltre il nono posto. Nella stagione successiva i Dees disputarono la finale di Scottish Cup contro i Rangers, uscendo sconfitti per 3-1. Nel febbraio 1965 Shankly lasciò e venne sostituito da Bobby Ancell, che da giocatore aveva conquistato la promozione in massima serie nel 1947. Sotto la sua guida il Dundee raggiunse la finale di Scottish League Cup nel 1967-1968, contro il Celtic, il quale vinse 5-3. Qualificata per la Coppa delle Fiere, il Dundee raggiunse le semifinali, uscendo per mano del Leeds United (1-1, 0-1) che vincerà poi la coppa.

Qualche anno dopo, nella stagione 1972-73, il club si aggiudica la sua terza Coppa di Lega, grazie alla vittoria per 1-0 (gol di Gordon Wallace) contro il Celtic. Si tratta tuttora dell'ultimo trionfo in una delle principali competizioni nazionali per i Dees. Nella stessa competizione, nell'edizione 1980-81, perde la finale-derby contro il Dundee United per 3-0. In quel periodo registrò due retrocessioni in Scottish First Division, rimediate da altrettante promozioni in Scottish Premier Division.

Dopo dieci anni di stabile permanenza in massima serie, trascorse gli anni novanta alternando stagioni in seconda serie (retrocessioni nel 1989-90 e 1993-94) ad altre in prima serie (promozioni nel 1991-92 e 1997-98). Riuscì comunque a partecipare alla stagione inaugurale della Scottish Premier League del 1998-99.

Gli anni duemila videro l'ingaggio di calciatori stranieri del calibro di Claudio Caniggia e Temuri Ketsbaia, ma le fortune del club declinano rapidamente: le ingenti spese incisero sulla capacità del Dundee di mantenersi a buoni livelli nelle stagioni successive. La finale di Scottish Cup 2002-2003, persa 0-1 contro i Rangers, precedette di due sole stagioni la retrocessione in Scottish First Division, con un club indebitato per 23 milioni di sterline. Nelle successive stagioni i Dark Blue arrivarono spesso a un passo dalla promozione, compresa la stagione 2011-2012, conclusa al 2º posto, a notevole distanza (-24) dal Ross County. Tuttavia, a causa della retrocessione dei Rangers in Scottish Third Division, il Dundee è stato ripescato[1] tornando così in Scottish Premier League dopo sette anni. Rimase però solo una stagione, poiché al termine del campionato 2012-13 è nuovamente retrocesso nella First Division. Riguadagnò la promozione al termine di una combattutissima Championship 2013-14 (come venne ribattezzata la First Division dopo l'avvento della Scottish Premiership) vinse il campionato con un divario di 2 punti sull'Hamilton Academical e di 3 sul Falkirk.

Nella Premiership 2014-15 si classifica sesto piazzandosi all'interno della top six[2]. Nelle stagioni seguenti invece conclude nella seconda parte di classifica: 8° nel 2015-16, 10° nel 2016-17 e 9° nel 2017-18. In Premiership 2018-19 arranca nella parte bassa della classifica per tutta la stagione, trascorrendone la gran parte all'ultimo posto alternandosi col St. Mirren. Infine è proprio il Dundee a classificarsi ultimo con 21 punti, retrocedendo in Championship dopo cinque stagioni.

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

I colori sociali del Dundee sono il blu scuro e il bianco. La divisa tradizionale è composta da maglia blu scuro, calzoncini bianchi e calzettoni blu scuro; in alcuni casi è pressoché monocromatica e anche i calzoncini sono blu scuro.

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Il Dundee disputa le partite casalinghe allo stadio Dens Park, costruito nel 1899; attualmente ha una capienza di 11 506 persone. Dal 2018 è conosciuto anche come Kilmac Stadium Dens Park per motivi di sponsorizzazione[3].

Curiosamente sorge a poca distanza dal Tannadice Park, lo stadio del Dundee United, e per un lato è situato nella stessa via (Sandeman Street).

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Allenatori del Dundee

Calciatori[modifica | modifica wikitesto]

Capocannonieri del campionato scozzese[modifica | modifica wikitesto]

Capocannonieri della Scottish First Division[modifica | modifica wikitesto]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

1909-1910
1946–1947, 1978–1979, 1991–1992, 1997–1998
1951-1952, 1952-1953, 1973-1974
1961-1962
1990-1991, 2009-2010

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

1893-1894, 1894-1895, 1900-1901, 1902-1903, 1904-1905, 1908-1909, 1911-1912, 1912-1913, 1922-1923, 1924-1925, 1925-1926, 1934-1935, 1937-1938, 1944-1945, 1945-1946, 1946-1947, 1948-1949, 1949-1950, 1954-1955, 1955-1956, 1959-1960, 1965-1966, 1966-1967, 1970-1971, 1985-1986, 1988-1989, 1989-1990, 1999-2000

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Secondo posto: 1902-1903, 1906-1907, 1908-1909, 1948-1949
Terzo posto: 1950-1951
Secondo posto: 1980-1981, 2007-2008, 2009-2010, 2011-2012
Terzo posto: 1976-1977, 1977-1978, 1990-1991, 1994-1995, 1996-1997, 2006-2007
Finalista: 1951-1952, 1963-1964, 2002-2003
Semifinalista: 1894-1895, 1897-1898, 1902-1903, 1910-1911, 1948-1949, 1969-1970, 1972-1973, 1973-1974, 1974-1975, 1976-1977, 1983-1984, 1986-1987, 1997-1998, 2005-2006
Finalista: 1967-1968, 1980-1981, 1995-1996
Semifinalista: 1948-1949, 1956-1957, 1968-1969, 1987-1988, 1996-1997, 2003-2004
Finalista: 1994-1995
Semifinalista: 1967-1968
Semifinalista: 1962-1963

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazione ai campionati[modifica | modifica wikitesto]

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Scottish Division One 67 1893-1894 1974-1975 97
Scottish Division A 4 1947-1948 1950-1951
Scottish Premier Division 13 1975-1976 1993-1994
Scottish Premier League 8 1998-1999 2012-2013
Scottish Premiership 5 2014-2015 2018-2019
Scottish Division Two 1 1938-1939 21
Scottish Division B 1 1946-1947
Scottish First Division 17 1976-1977 2011-2012
Scottish Championship 2 2013-2014 2019-2020

Statistiche nelle competizioni UEFA[modifica | modifica wikitesto]

Tabella aggiornata alla fine della stagione 2018-2019.

Competizione Partecipazioni G V N P RF RS
UEFA Champions League 1 8 5 0 3 20 14
Coppa delle Coppe 3 10 2 4 4 8 9
Coppa UEFA/UEFA Europa League 10 46 20 9 17 75 68
Coppa delle Fiere 4 18 10 2 6 25 18
Coppa Intertoto 1 2 0 1 1 2 5

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Rosa 2018-2019[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornata al 31 gennaio 2019[4]

N. Ruolo Giocatore
1 Scozia P Jack Hamilton
2 Scozia D Cammy Kerr
3 Inghilterra D Nathan Ralph
4 Scozia C Martin Woods
5 Angola D Genséric Kusunga
6 Irlanda D Darren O'Dea
12 Inghilterra P Elliot Parish
14 Inghilterra D Andrew Davies
15 Australia D Ryan McGowan
16 Inghilterra C Ethan Robson
17 Inghilterra C Andy Dales
N. Ruolo Giocatore
18 Scozia C Paul McGowan
19 Finlandia A Benjamin Källman
20 Scozia A Kenny Miller Captain sports.svg
21 Inghilterra A Andrew Nelson
22 Francia C Karl Madianga
23 Inghilterra D Craig Curran
24 Inghilterra D Josh Meekings
27 Australia C Jesse Curran
28 Svezia D Andreas Hadenius
29 Inghilterra D James Horsfield
31 Senegal P Seny Dieng

Rosa 2017-2018[modifica | modifica wikitesto]

Ultimo aggiornamento a settembre 2017

N. Ruolo Giocatore
1 Scozia P Scott Bain
2 Scozia D Cameron Kerr
3 Scozia D Kevin Holt
4 Inghilterra D James Vincent
5 Irlanda del Nord D James McPake
6 Irlanda D Darren O'Dea Captain sports.svg
7 Inghilterra C AJ Leitch-Smith
8 Finlandia C Glen Kamara
9 Tunisia A Sofien Moussa
10 Scozia C Scott Allan
12 Inghilterra P Elliot Parish
14 Scozia C Mark O'Hara
15 Spagna D Jon Aurtenetxe
16 Spagna D Julen Etxabeguren
N. Ruolo Giocatore
18 Scozia C Paul McGowan
20 Francia A Faissal El Bakhtaoui
21 Inghilterra C Roarie Deacon
22 Scozia D Jack Hendry
23 Paesi Bassi C Randy Wolters
24 Inghilterra D Josh Meekings
25 Scozia D Sam Dryden
26 Bulgaria D Kostadin Gadzhalov
27 Australia C Jesse Curran
28 Scozia D Lewis Spence
29 Canada A Marcus Haber
33 Scozia A Craig Wighton
34 Scozia D Kerr Waddell

Rosa 2016-2017[modifica | modifica wikitesto]

Ultimo aggiornamento a marzo 2017

N. Ruolo Giocatore
1 Scozia P Scott Bain
3 Scozia D Kevin Holt
4 Inghilterra D James Vincent
5 Irlanda del Nord D James McPake
6 Irlanda D Darren O'Dea
7 Inghilterra C Tom Hateley
11 Inghilterra C Danny Williams
12 Scozia P David Mitchell
14 Inghilterra C Mark O'Hara
16 Spagna D Julen Etxabeguren
N. Ruolo Giocatore
17 Scozia C Nick Ross
18 Scozia C Paul McGowan
20 Francia A Faissal El Bakhtaoui
21 Canada A Marcus Haber
22 Estonia A Henrik Ojamaa
25 Scozia D Sam Dryden
26 Bulgaria D Kostadin Gadzhalov
30 Scozia D Cammy Kerr
33 Scozia C Craig Wighton
55 Francia D Kévin Gomis

Rosa 2015-2016[modifica | modifica wikitesto]

Ultimo aggiornamento a settembre 2015

N. Ruolo Giocatore
1 Scozia P Scott Bain
3 Scozia D Kevin Holt
4 Germania D Thomas Konrad
5 Irlanda del Nord D James McPake
6 Scozia D Daryll Meggatt
7 Scozia D Greg Stewart
8 Scozia C Gary Low
9 Scozia A Rory Loy
12 Scozia P David Mitchell
15 Inghilterra A Kane Hemmings
16 Spagna D Julen Etxabeguren
N. Ruolo Giocatore
17 Scozia C Nick Ross
18 Scozia A Paul McGowan
19 Scozia D Paul McGinn
21 Irlanda D Darren O'Dea
22 Spagna A Arturo Rodríguez
24 Scozia C Andrew Black
26 Bulgaria D Kostadin Gadzhalov
29 Scozia C Gary Harkins
30 Scozia D Cammy Kerr
33 Scozia C Craig Wighton

Rose delle stagioni precedenti[modifica | modifica wikitesto]

Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

Rivalità[modifica | modifica wikitesto]

La rivalità più sentita è coi concittadini del Dundee United, contro cui il Dundee disputa il Derby di Dundee. Il primo incontro tra le due squadre risale al 1925, mentre l'ultimo si è disputato il 30 agosto 2019. In totale sono stati giocati 168 derby, con 79 vittorie del Dundee United, 48 vittorie del Dundee e 41 pareggi.

Un'altra rivalità, a livello regionale, è col St. Johnstone, contro cui disputa il Tayside Derby, dal nome della contea a cui appartengono le città di Perth e di Dundee.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN159695996 · LCCN (ENnb2005003382 · WorldCat Identities (ENnb2005-003382