Stadio Alberto Braglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stadio Alberto Braglia
Campo dell'ex Velodromo - Piazza d'Armi
Campo di Viale Fontanelli
Stadio Comunale
Stadio Cesare Marzari
Stadio Alberto Braglia (Modena).jpg
Informazioni
Stato Italia Italia
Ubicazione Viale Monte Kosica, 130
Modena
Inizio lavori 1912
Inaugurazione 1912
Struttura pianta rettangolare
Copertura Tribune e Curva Montagnani
Pista d'atletica Assente
Ristrutturazione 1936-1938, Secondo dopoguerra, 2002-2003
Mat. del terreno Erba e sintetico
Dim. del terreno 105 m × 68 m
Proprietario Comune di Modena
Uso e beneficiari
Calcio Modena
(1912-)
Sassuolo
(2008-2013)
Carpi
(2015-2016)
Castelvetro
(2016)
Capienza
Posti a sedere 21 092[1]
Mappa di localizzazione

Coordinate: 44°39′13″N 10°55′24″E / 44.653611°N 10.923333°E44.653611; 10.923333

Lo stadio Alberto Braglia è un impianto sportivo della città italiana di Modena. Vocazionalmente dedicato alla pratica del calcio, è la maggiore arena scoperta del comune d'appartenenza e della relativa provincia.

Costruito tra il 1911 e il 1912 e più volte ampliato e ristrutturato nei successivi decenni, ospita le gare interne del maggior club calcistico locale, il Modena, che tradizionalmente ne ha in appalto la gestione previa stipula di una convenzione con l'amministrazione comunale, effettiva proprietaria dell'impianto[2]

Ha inoltre ricoperto transitoriamente il ruolo di campo casalingo di altre due squadre emiliane, ovvero Sassuolo (che vi ha giocato dalla stagione 2008-2009 alla stagione 2012-2013[3], fatti salvi i turni preliminari di Coppa Italia fino al 2009) e Carpi (che via ha disputato la stagione 2015-2016 - ad eccezione del terzo turno preliminare di Coppa Italia - e le prime gare del 2016-2017[4]). In ambedue i casi, si trattava di società sprovviste di un impianto proprio omologato per i campionati italiani di prima e/o seconda serie[5][6].

Ad esse si aggiunge il Castelvetro, che l'ha impiegato per le prime due partite interne della stagione 2016-2017 onde consentire la ristrutturazione del proprio stadio[7].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Da velodromo a stadio[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1911 la società Club Sportivo Italia chiese e ottenne l’area prativa tra la cinta daziaria e il viale (attuale Monte Kosica) per costruire un Velodromo in legno. Il Comune la concesse e velocemente nella primavera del 1912 fu costruito un velodromo con pista in legno la cui gestione fu affidata alla neonata società calcistica del Modena. L'impianto, che in autunno vide la rimozione della pista in legno[8], ospitò la prima gara del Modena il 1º novembre 1912, in occasione dell'amichevole Modena-Ausonia Reggio Emilia, terminata 7-0. Nell’agosto-settembre del 1913 si provvide a sostituire la vecchia tribuna con la nuova in legno. In questo periodo l'impianto era noto come Campo dell’ex Velodromo - Piazza d’Armi (toponimo che all’epoca indicava non solo l’area oggi chiamata Novi Sad, ma tutta l’area al di qua della cinta daziaria e fino al Foro Boario).

Nel 1919 la tribuna non esisteva più in quanto il legno era stato venduto. La tribuna venne quindi ricostruita sul lato opposto, verso la cinta daziaria e il campo venne cinto con un muro in mattoni recuperati dall’abbattimento delle mura. In questo periodo diventa normale riferirsi all'impianto come Campo di Viale Fontanelli, secondo la vecchia toponomastica cittadina[8].

Il rinnovamento degli anni 1930[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 settembre 1935[9], l'amministrazione comunale annunciò la ristrutturazione nell'ottica della costruzione di un quartiere degli sport. I lavori iniziarono nell'estate del 1936, lavori che determinarono una diversa disposizione del campo di gioco nord-sud e non più est-ovest, come da disposizioni federali. La prima partita del rinnovato stadio, denominato Stadio Comunale, si tenne l'11 ottobre 1936 in occasione della 5ª giornata di Serie B 1936-37 (le prime quattro gare vennero giocate in trasferta dal Modena a causa dei lavori in fase di ultimazione) e fu Modena-Cremonese, conclusasi 0-0. I lavori continuarono per altri due anni e l'impianto venne completato nell'estate del 1938 con anche la costruzione della tribuna centrale coperta. Nel settembre 1938 cambiò denominazione in Stadio Cesare Marzari, intitolato all'ex giocatore canarino caduto nella Guerra civile spagnola[10] dedicandogli inoltre un busto di bronzo posto nella tribuna centrale.

Secondo dopoguerra: l'intitolazione a Braglia[modifica | modifica wikitesto]

Nella Seconda guerra mondiale, i bombardamenti del 1944 colpirono anche la zona sportiva, così dopo la guerra, lo stadio venne completamente rimesso a nuovo e l'impianto tornò ad assumere il nome di Stadio Comunale. Negli anni cinquanta[11] si decise di cambiare nome allo stadio, così nel febbraio 1957 assunse la denominazione di Stadio Alberto Braglia, in omaggio al ginnasta modenese vincitore di 3 ori olimpici (1 a Londra 1908 e 2 a Stoccolma 1912)[10]. Negli anni 1960 la capienza dello stadio consentiva di ospitare circa 30 000 spettatori, essendo consentito anche l'accesso di pubblico in piedi.

Il 17 settembre 2000 la curva sud dello Stadio Braglia è stata intitolata a Luigi Montagnani, presidente della società canarina dal gennaio 1997 fino al decesso, sopraggiunto nel luglio 2000: la denominazione divenuta ufficiale il 12 settembre 2002. Il 5 aprile 2013 è stata invece intitolata alla memoria di Paolo Ponzo, ex giocatore gialloblù scomparso a soli 41 anni, la gradinata[12].

La ristrutturazione degli anni 2000-2010[modifica | modifica wikitesto]

Nel Terzo millennio la struttura è stata al centro di importanti lavori di ristrutturazione, effettuati in due diverse fasi, che hanno consentito di portare la capienza dell'impianto a 17 000 posti nella stagione 2002-03 e successivamente a 20 507 nel campionato 2003-04.

Prima fase (2002)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo due promozioni consecutive ottenute dal Modena (dalla Serie C1 alla Serie A nelle stagioni 2000-2001 e 2001-2002), nell'estate del 2002, per l'imminente inizio della nuova avventura nel massimo campionato italiano, i lavori hanno incluso la ricostruzione della curva Gigi Montagnani (riservata ai sostenitori canarini), l'ampliamento provvisorio della gradinata, l'ammodernamento della tribuna storica e l'abbattimento della vecchia curva ospiti. La nuova curva Montagnani è stata così riposizionata in prossimità del campo e portata ad una capienza di 3 400 posti, i quali si sommano agli 890 ricavati modificando la parte sud della gradinata, per una capacità totale di 4 300 unità. Nella parte sottostante la nuova curva Montagnani sono stati inoltre ricavati due nuovi blocchi di servizi igienici, un punto di ristoro con annessi magazzini e una nuova sala stampa.

I lavori hanno riguardato anche la Gradinata, sulla quale si è montata una struttura metallica sovrastante il rettilineo ancora scoperto, onde incrementare l'agibilità di 1 480 posti già dall'esordio casalingo[13].

Nell'occasione è stato inoltre rivisto l'accorto tra comune e Modena FC per la gestione dell'arena: l'allora sindaco Giuliano Barbolini e l'allora presidente canarino Romano Amadei hanno optato per sostituire la convenzione quadriennale fino ad allora in vigore con un patto di 15 anni (avente scadenza nel 2017). Col documento in questione club e municipio si sono inoltre spartiti l'onere economico dei lavori, in una proporzione del 50,1% contro il 49,9%.[14] L'amministrazione comunale al contempo azzerò il canone di affitto dello stadio, considerandolo assorbito dagli oneri finanziari di ristrutturazione (ammontanti a oltre 10 milioni di euro,[14]), per coprire i quali Amadei accese un mutuo a nome della società presso l'Istituto per il Credito Sportivo, con una rata annuale di 616.690 euro.

Nell'aprile 2014 il Consiglio comunale modenese ha approvato una delibera per prolungare ulteriormente la convenzione col Modena di 10 anni, con nuova scadenza nel 2027. La decisione fu presa anche per consentire alla società canarina di rinegoziare il mutuo stipulato nel 2002 con l’Istituto per il Credito Sportivo, la cui rata annuale venne decrementata a 420.000 euro.[15]

Nel marzo 2015 viene approvata un'ulteriore delibera da parte del Consiglio comunale spostando la scadenza della convenzione al 2034, permettendo al Modena di abbassare ulteriormente la rata annuale del mutuo a 261.754 euro, pagabili in due rate semestrali da 130.877 euro l'una.[16] Viene però aggiunta una clausola che consente al Credito Sportivo di rivalersi sulla fidejussione del Comune, con conseguente rottura della convenzione in caso di mancato pagamento di più di una rata semestrale.[14]

Seconda fase (2003)[modifica | modifica wikitesto]

Dal marzo 2003 fino in estate si è proceduto alla realizzazione del secondo stralcio di lavori, onde portare la capienza a 20 000 posti[17]:

  • Lo spostamento delle torri-faro e il raccordo della curva alla gradinata e alla tribuna storica ha portato la capienza della curva Gigi Montagnani a 5 300 posti.
  • La demolizione della pista di atletica ha permesso la costruzione di una nuova gradinata, posizionata a ridosso del terreno di gioco, con una capienza di oltre 7 000 posti a sedere.
  • La copertura di una parte della nuova gradinata.
  • Il restauro della tribuna storica e la sostituzione delle strutture metalliche con altre fisse, esteticamente e materialmente omogenee al resto dell'impianto.

La realizzazione dei gradoni di raccordo tra i settori ha permesso così di cingere l'intero perimetro del terreno di gioco, portando la capienza a oltre 20 mila posti e migliorando il comfort complessivo dell'infrastruttura[18].

Ulteriori adeguamenti[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 maggio 2006 sono terminati i lavori per la copertura della Curva Montagnani: un intervento preannunciato dall'Amministrazione comunale e condotto in collaborazione con il Modena F.C. Dopo l'intervento di rimodellamento dell'impianto avvenuto in precedenza, è stata ultimata anche la copertura della curva dedicata al presidente Gigi Montagnani, per un'area di circa 2700 metri quadrati. La nuova copertura è architettonicamente uguale a quella della Gradinata.

Il 21 novembre 2007 lo stadio Braglia ha ospitato la sfida Italia-Fær Øer, valevole per la qualificazione ai Campionati Europei 2008. Viste le vigenti normative FIFA, è stato necessario adeguare l'intero impianto con l'apposizione di seggiolini nelle due curve, gli ultimi due settori che restavano senza i seggiolini regolamentari con schienale. Nel bimestre ottobre-novembre 2007 lo stadio ha raggiunto infine la capienza di 21 151 posti, tutti a sedere.[19]

Nuovo manto erboso[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate del 2015, in previsione del debutto del Carpi in Serie A, è stato del tutto rinnovato il manto erboso dello stadio: il nuovo tappeto è composto per l'85% da erba naturale rafforzata e per il 15% da erba sintetica.

Viene inoltre installato nel sottosuolo l’impianto di riscaldamento a serpentine per la prevenzione del ghiaccio, mentre ancora più in profondità viene realizzato il piatto drenante.

Tutto ciò ha portato il campo a collimare con gli standard obbligatori di Serie A, Serie B, competizioni UEFA e per selezioni nazionali[20].

Anni 2010: rapido degrado e rottura della convenzione col Modena[modifica | modifica wikitesto]

Complici le scarse prestazioni del Modena, negli anni 2010 lo stadio Braglia ha subìto un rapido degrado: la scarsa manutenzione ha favorito l'accumulo di sporcizia in varie parti dell'arena, nonché l'abbandono e la rovina di taluni locali ed ausili dello stadio (quale il maxischermo, installato nel 1997 sopra la curva ospiti in occasione del concerto de I Tre Tenori e presto disattivato).[21]

Nel maggio 2017, dopo che il Modena non risponde al sollecito per il pagamento di due rate semestrali arretrate del canone (entrambe risalenti al 2016), l'amministrazione comunale annuncia la rottura della convenzione,[22] togliendo la gestione dello stadio alla società e assumendosene così l'incarico a partire da luglio 2017.[23] Il Modena FC si ritrova così impossibilitato a giocare la prima parte di stagione nel proprio impianto, sottoposto a lavori di manutenzione imposti dal comune, a causa della pesante situazione di degrado che lo affligge.

Terminati i lavori, il Comune nega al Modena Calcio (il quale ha un consistente debito nei confronti dell'amministrazione comunale) lo stadio in due occasioni: la conseguenza è la sconfitta a tavolino in entrambi i casi della società canarina. A metà ottobre 2017 arriva l'ufficialità dello sfratto del Modena FC da stadio, campo di allenamento e uffici.

Incontri di rilievo[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

Lo Stadio Braglia ha ospitato in tre occasioni la Nazionale Italiana (due volte per le qualificazioni agli Europei e una ai Mondiali) e cinque volte la Nazionale Under-21 (quattro amichevoli e una di qualificazione agli Europei).

Per gli incontri di club, l'impianto è stato utilizzato come campo neutro varie volte in occasione di particolari incontri di spareggio:

  • Tre volte in massima serie (una partita delle finali nazionali nel 1920, uno spareggio salvezza nel 1943 e uno spareggio per l'accesso al girone finale nel 1946).
  • Due volte in Serie B (uno spareggio salvezza nel 1947 e uno spareggio promozione nel 1987).
  • Due volte in terza serie (uno spareggio salvezza di Serie C nel 1955 e la finale play-off di Serie C1 nel 1996).
  • Quattro volte in quarta serie (due spareggi promozione di Serie C2 nel 1982 e nel 1985, uno spareggio retrocessione nel 1990 e la finale play-off nel 1999).
  • Due partite dei quarti di finale del Campionato Primavera nel 2016.

Nel 2010 la Juventus ha giocato la partita di ritorno del terzo turno preliminare di Europa League al Braglia in quanto il suo stadio era occupato dal concerto dalla band degli U2.[24] Sempre nel 2010 si è disputata anche la 19ª edizione della Partita del cuore.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Modena
21 novembre 2007, ore 20:30 UTC+1
Qualificazioni agli Europei 2008,
Gruppo B, 12ª giornata
Italia Italia 3 – 1
referto
Fær Øer Fær Øer Stadio Alberto Braglia (21 150 spett.)
Arbitro Germania Meyer

Modena
3 giugno 2011, ore 20:45 UTC+2
Qualificazioni agli Europei 2012,
Gruppo C, 6ª giornata
Italia Italia 3 – 0
referto
Estonia Estonia Stadio Alberto Braglia (20 000 spett.)
Arbitro Romania Tudor

Modena
11 settembre 2012, ore 20:45 UTC+2
Qualificazioni ai Mondiali 2014,
Gruppo B, 2ª giornata
Italia Italia 2 – 0
referto
Malta Malta Stadio Alberto Braglia (18 000 spett.)
Arbitro Finlandia Munukka

Nazionale Under-21[modifica | modifica wikitesto]

Modena
24 febbraio 1977, ore 15 UTC+1
Amichevole
Italia Italia 1 – 0 Finlandia Finlandia Stadio Alberto Braglia (12 000 spett.)
Arbitro Italia Reggiani

Modena
18 aprile 1981, ore 16 UTC+2
Amichevole
Italia Italia 1 – 0 Germania Est Germania Est Stadio Alberto Braglia (6 000 spett.)
Arbitro Francia Di Bernardo

Modena
15 febbraio 1989, ore 14:30 UTC+1
Amichevole
Italia Italia 1 – 0
referto
Francia Francia Stadio Alberto Braglia
Arbitro Turchia Türe

Modena
22 aprile 1998, ore 18 UTC+2
Amichevole
Italia Italia 2 – 1
referto
Galles Galles Stadio Alberto Braglia (800 spett.)
Arbitro Austria Schuttengruber

Modena
6 ottobre 2006, ore 21 UTC+2
Qualificazioni agli Europei 2007,
Play-off, Andata
Italia Italia 0 – 0
referto
Spagna Spagna Stadio Alberto Braglia
Arbitro Slovenia Čeferin

Competizioni per club[modifica | modifica wikitesto]

Modena
5 agosto 2010, ore 20:45 UTC+2
Terzo turno preliminare di Europa League,
Ritorno
Juventus Nero e Bianco (Strisce).png 1 – 0
referto
600px Bianca con bande Verdi e trifoglio.png Shamrock Rovers Stadio Alberto Braglia (17 500 spett.)
Arbitro Grecia Daloukas

Football americano[modifica | modifica wikitesto]

Modena
30 giugno 1985
Silverbowl I
Gladiatori Roma 14 – 15
(8-0 0-0 6-0 0-15)
Vikings Bollate Stadio Alberto Braglia (1 000 spett.)

Rugby a 15[modifica | modifica wikitesto]

Modena
27 novembre 2010, ore 15 UTC+1
Tour della Nazionale di rugby a 15 delle Figi 2010
Italia Italia 24 – 16
referto
Figi Figi Stadio Alberto Braglia (18 000 spett.)
Arbitro Inghilterra Pearson

Concerti[modifica | modifica wikitesto]

Lo stadio Braglia ha ospitato diverse esibizioni di artisti musicali:

Dati strutturali[modifica | modifica wikitesto]

Capienza stadio:

  • Tribuna centrale (coperta e scoperta): 5.037 posti
  • Gradinata: 7.196 posti
  • Curva sud (Montagnani): 5.122 posti
  • Curva nord (ospiti): 3.152 posti
  • Settori "cuscinetto" 644 posti
  • Capienza totale: 21.092 posti

Altre informazioni:

  • Dimensioni del campo principale: 105×68 m
  • 4 torri faro h. 42 m con 180 lampade 2kW
  • 50 posti stampa
  • 1 sala stampa
  • 1 palestra
  • 2 spogliatoi atleti
  • 2 spogliatoi arbitri
  • 1 infermeria
  • 1 locale per l'antidoping
  • 4 locali adibiti a biglietteria
  • 8 punti di ristoro
  • 3 punti vendita
  • 7 servizi igienici pubblici
  • 10 magazzini
  • 2 locali adibiti a cabina elettrica META
  • Campo da allenamento "Zelocchi": 96×56 m con illuminazione per gare in notturna e tribuna scoperta in Dalmine per 300 posti a sedere.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Stadi Serie A 2015-2016 (PDF), osservatoriosport.interno.gov.it.
  2. ^ CONVENZIONE TRA COMUNE E MODENA CALCIO, ACCORDO FATTO, in Sito Ufficio Stampa Comune di Modena, 10 maggio 2002.
  3. ^ Il Sassuolo giocherà al Braglia, su www.ilrestodelcarlino.it.
  4. ^ IL CARPI GIOCHERÀ IL CAMPIONATO DI SERIE A AL BRAGLIA, comune.modena.it.
  5. ^ Serie A al via, ma stadi al palo: il 2015 è l'anno zero dell'impiantistica sportiva, su Il Fatto Quotidiano, 22 agosto 2015.
  6. ^ Sassuolo in esilio da 6 anni ma il Ricci avrebbe avuto numeri da B, gazzettadimodena.gelocal.it, 11 settembre 2013.
  7. ^ Castelvetro calcio, accuse al Comune: «Non ha mantenuto le promesse», ilrestodelcarlino.it, 06 settembre 2016.
  8. ^ a b Foto del giorno: la curva sud un secolo fa, su Parlandodisport.it, 23 maggio 2014.
  9. ^ UNO STADIO DA SERIE A, STORIA FOTOGRAFICA DEL BRAGLIA, comune.modena.it.
  10. ^ a b E nel 1957 gli dedicarono lo stadio, ricerca.gelocal.it.
  11. ^ Astori Lorenzo, Braglia, il ginnasta modenese che ha volteggiato anche per i re, su archiviostorico.gazzetta.it.
  12. ^ Foto del giorno: la targa per Paolo Ponzo, su Parlandodisport.it, 13 novembre 2014.
  13. ^ STADIO BRAGLIA, LAVORI A PIENO RITMO, comune.modena.it.
  14. ^ a b c Accordo tra Amadei e Barbolini per rifare lo stadio in serie A, in Gazzetta di Modena, 24 gennaio 2017.
  15. ^ LA GESTIONE DELLO STADIO BRAGLIA AL MODENA FC FINO AL 2027, in Sito Ufficio Stampa Comune di Modena, 8 aprile 2014.
  16. ^ STADIO, CONVENZIONE CON IL MODENA CALCIO FINO AL 2034, in Sito Ufficio Stampa Comune di Modena.
  17. ^ STADIO BRAGLIA, VIA AI LAVORI DI AMPLIAMENTO, comune.modena.it.
  18. ^ Modena, festa grande per il nuovo Braglia, stadio «all'inglese», su cerca.unita.it.
  19. ^ Stadio "Alberto Braglia", modenafc.net.
  20. ^ Stadio Braglia, pronto il nuovo terreno di gioco, gazzettadimodena.gelocal.it, 24 agosto 2015.
  21. ^ EDITORIALE. Modena – Caliendo: un tiro alla fune in procinto di terminare nel peggiore dei modi, in tuttomodenaweb.it.
  22. ^ Braglia, il Comune straccia la convenzione, in TRC.
  23. ^ Pd unito, lo stadio Braglia al Comune di Modena, in Gazzetta di Modena, 17 maggio 2017.
  24. ^ Juve al Braglia, notte di calcio europeo, in Gazzetta di Modena, 05 agosto 2010.
  25. ^ 1987 - 4 June: Modena (Italy), duranduran.wikia.com.
  26. ^ PINK FLOYD ECCO IL LORO TOUR ITALIANO, ricerca.repubblica.it.
  27. ^ Addio a Prince: nell’88 fu in concerto anche allo stadio Braglia di Modena, gazzettadimodena.gelocal.it, 22 aprile 2016.
  28. ^ IL MAGGIO ITALIANO DEI SIMPLE MINDS - la Repubblica.it, ricerca.repubblica.it. URL consultato il 12 settembre 2016.
  29. ^ CHAPMAN JOAN BAEZ DE GREGORI PER L'ARMENIA, ricerca.repubblica.it.
  30. ^ MANO NEGRA - Modena - Barley Arts, barleyarts.com.
  31. ^ IL ROCK INCANTATORE DEI SIMPLE MINDS, ricerca.repubblica.it.
  32. ^ A MODENA IN 50MILA PER I GUNS, ricerca.repubblica.it.
  33. ^ Pianeta rosa - N.16, su www.pink-floyd.it.
  34. ^ I 3 TENORI, ricerca.repubblica.it.
  35. ^ Rage Against The Machine in concerto in Italia, virginradio.it.
Controllo di autorità VIAF: (EN247410851