Serie B 1994-1995

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Serie B 1994-1995
Competizione Serie B
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 63ª
Organizzatore Lega Nazionale Professionisti
Date dal 4 settembre 1994
all'11 giugno 1995
Luogo Italia Italia
Partecipanti 20
Formula Girone all'italiana
Risultati
Vincitore Piacenza
(1º titolo)
Altre promozioni Udinese
Vicenza
Atalanta
Retrocessioni Acireale
Ascoli
Como
Lecce
Statistiche
Miglior marcatore Italia Giovanni Pisano (21)
Incontri disputati 380
Gol segnati 866 (2,28 per incontro)
Piacenza Football Club 1994-1995.jpg
La rosa piacentina vincitrice del campionato
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1993-1994 1995-1996 Right arrow.svg

La Serie B 1994-1995 fu la 63ª edizione dalla manifestazione e la quarantanovesima organizzata dalla Lega Calcio.

Avvenimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel primo campionato cadetto con tre punti per ogni vittoria, si affermò il neoretrocesso Piacenza, trascinato dalla coppia offensiva composta dal giovane attaccante Filippo Inzaghi e dall'esperto centravanti Antonio De Vitis. Gli emiliani si classificarono primi davanti all'Udinese, che risalì anch'essa in Serie A dopo appena dodici mesi.

Il salernitano Giovanni Pisano, capocannoniere con 21 gol.

Le restanti posizioni di vertice furono, abbastanza clamorosamente, ad appannaggio del Vicenza e dell'Atalanta. Al giro di boa, queste erano, rispettivamente, al decimo e al quattordicesimo posto ed ebbero modo di rifarsi nel girone di ritorno: invertendo quindi la rotta, contro ogni pronostico, i berici riuscirono a tornare in massima categoria dopo sedici anni, anche con vittorie di largo punteggio, mentre gli orobici, in seguito a un difficile avvio che li aveva relegati ai margini della zona retrocessione, ritornarono pure loro dopo un solo anno, rendendosi protagonisti di un'impronosticabile rimonta: i nerazzurri si unirono in extremis al gruppo delle promosse, superando, nello scontro diretto, la sorprendente e ambiziosa Salernitana del capocannoniere Giovanni Pisano, in una gara che i neopromossi campani erano obbligati a vincere, quando i bergamaschi avevano a disposizione due risultati su tre. Sotto di una lunghezza dalla Salernitana si trovava l'Ancona, che, rispetto all'anno precedente, fece meglio in campionato e arrivò inoltre, nella sua stessa stagione, semifinalista nella Coppa-Anglo-Italiana.

Considerate sfavorite ai nastri di partenza, giunsero invece alla salvezza la Fidelis Andria e il debuttante Chievo, quest'ultimo all'epoca una semisconosciuta realtà di provincia, rappresentante di un piccolo borgo veronese; sul finire del girone di andata i pugliesi occuparono addirittura il secondo posto, mentre i veneti rimasero imbattuti nelle prime stracittadine contro l'allora più noto Verona, che, dopo essere stato capolista nelle prime giornate, all'inizio del girone di andata, chiuse nel centro-classifica. Salvezze anticipate furono raggiunte dal neopromosso Perugia trascinato dalle reti del bomber Giovanni Cornacchini, quale miglior rigorista e secondo nella classifica marcatori appena dietro a Pisano in questa edizione di Serie B, dal Cesena sempre di Dario Hübner, dal Venezia di una giovane affermazione Christian Vieri (poi passato ai neopromossi atalantini) e, senza troppi patemi, anche dal Pescara e dal Palermo.

In coda si registrarono le discese in Serie C1 del Lecce, che già retrocesso dalla A l'annata precedente ripiombò in terza serie a distanza di due decenni, del neopromosso Como, di un'Ascoli giunto ormai alla fine di un ciclo (nel corso della stagione i marchigiani furono colpiti anche dalla scomparsa dello storico presidentissimo Rozzi) e, infine, dell'Acireale: seppur i granata avessero vinto all'ultima giornata contro il Cosenza di Alberto Zaccheroni, che conseguì l'obiettivo della permanenza nonostante i 9 punti di penalizzazione in classifica (per inadempienze finanziarie), il loro trionfo venne vanificato da una contemporanea vittoria della rivale Lucchese, contro un Piacenza già certo della promozione in Serie A e, inoltre, dell'aritmetica vittoria del torneo, sopravanzando gli acesi di un solo punto.

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Club Stagione Città Stadio Stagione precedente
Acireale dettagli Acireale (CT) Stadio Tupparello 16º posto in Serie B
Ancona dettagli Ancona Stadio Del Conero 8º posto in Serie B
Ascoli dettagli Ascoli Piceno Stadio Cino e Lillo Del Duca 6º posto in Serie B
Atalanta dettagli Bergamo Stadio Atleti Azzurri d'Italia 17º posto in Serie A, retrocessa
Cesena dettagli Cesena Stadio Dino Manuzzi 5º posto in Serie B
Chievo dettagli Verona Chievo Stadio Marcantonio Bentegodi 1º in Serie C1 girone A, promosso
Como dettagli Como Stadio Giuseppe Sinigaglia 5º in Serie C1 girone A, promosso ai playoff
Cosenza dettagli Cosenza Stadio San Vito 10º posto in Serie B
Fidelis Andria dettagli Andria (BA) Stadio Degli Ulivi 8º posto in Serie B
Lecce dettagli Lecce Stadio Via del Mare 18º posto in Serie A, retrocesso
Lucchese dettagli Lucca Stadio Porta Elisa 10º posto in Serie B
Palermo dettagli Palermo Stadio La Favorita 14º posto in Serie B
Perugia dettagli Perugia Stadio Renato Curi 1º in Serie C1 girone B, promosso
Pescara dettagli Pescara Stadio Adriatico 15º posto in Serie B
Piacenza dettagli Piacenza Stadio Galleana 15º posto in Serie A, retrocesso
Salernitana dettagli Salerno Stadio Arechi 3ª in Serie C1 girone B, promossa ai playoff
Udinese dettagli Udine Stadio Friuli 16º posto in Serie A, retrocessa
Venezia dettagli Venezia Stadio Pierluigi Penzo 6º posto in Serie B
Verona dettagli Verona Stadio Marcantonio Bentegodi 10º posto in Serie B
Vicenza dettagli Vicenza Stadio Romeo Menti 10º posto in Serie B

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Allenatori e primatisti[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Allenatore Calciatore più presente Cannoniere
Acireale Italia Fausto Silipo Italia Carmine Amato (37) Italia Andrea Pistella (9)
Ancona[1] Italia Attilio Perotti (1ª-34ª)
Italia Roberto Cannarozzo (35ª-38ª)
Italia Marco Sgrò (38) Italia Nicola Caccia (14)
Ascoli[2][3][4][5] Italia Mario Colautti (1ª-7ª)
Italia Angelo Orazi (8ª-14ª)
Italia Alberto Bigon (15ª-26ª)
Italia Mario Colautti (27ª-38ª)
Italia Girolamo Bizzarri (37) Germania Oliver Bierhoff (9)
Atalanta Italia Emiliano Mondonico Italia Daniele Fortunato,
Italia Fabrizio Ferron (36)
Italia Maurizio Ganz (14)
Cesena Italia Bruno Bolchi Italia Enzo Biato,
Italia Aldo Dolcetti (36)
Italia Dario Hübner (15)
Chievo Italia Alberto Malesani Italia Michele Cossato,
Italia Giuliano Gentilini (34)
Italia Michele Cossato (10)
Como Italia Marco Tardelli Italia Maurizio Franzone (38) Italia Pietro Parente,
Italia Giovanni Rossi (5)
Cosenza Italia Alberto Zaccheroni Italia Richard Vanigli,
Italia Giacomo Zunico (35)
Italia Marco Negri (19)
Fidelis Andria Italia Gianfranco Bellotto Italia Frederic Massara (37) Italia Nicola Amoruso (15)
Lecce[6][7] Italia Luciano Spinosi (1ª-11ª)
Italia Edoardo Reja (12ª-20ª)
Italia Piero Lenzi (21ª-38ª)
Italia Giampaolo Ceramicola,
Italia Renato Olive (31)
Italia Giampaolo Ceramicola (6)
Lucchese[8] Italia Eugenio Fascetti (1ª-32ª)
Italia Giampaolo Piaceri (33ª-38ª)
Italia Eusebio Di Francesco (36) Italia Roberto Paci (18)
Palermo[9] Italia Gaetano Salvemini (1ª-24ª)
Italia Giampiero Vitali (25ª-38ª)
Italia Gianmatteo Mareggini (33) Italia Salvatore Campilongo,
Italia Pietro Maiellaro (9)
Perugia[10] Italia Ilario Castagner (1ª-25ª)
Italia Mauro Viviani (26ª-38ª)
Italia Simone Braglia (37) Italia Giovanni Cornacchini (20)
Pescara[11] Italia Giorgio Rumignani (1ª-13ª)
Italia Francesco Oddo (14ª-38ª)
Italia Michele Gelsi,
Italia Giovanni Loseto,
Italia Ottavio Palladini (32)
Italia Dario Di Giannatale (8)
Piacenza Italia Luigi Cagni Italia Massimo Taibi (38) Italia Filippo Inzaghi,
Italia Gianpietro Piovani (15)
Salernitana Italia Delio Rossi Italia Roberto Breda,
Italia Antonio Chimenti,
Italia Claudio Grimaudo,
Italia Francesco Tudisco (37)
Italia Giovanni Pisano (21)
Udinese[12] Italia Adriano Fedele (1ª-11ª)
Italia Giovanni Galeone (12ª-38ª)
Italia Alessandro Calori,
Italia Fausto Pizzi,
Italia Paolo Poggi (36)
Italia Fausto Pizzi,
Italia Paolo Poggi (11)
Venezia[13][14][15] Italia Gianni Bui e Italia Gian Piero Ventura (1ª-2ª)
Italia Luigi Maifredi (3ª-12ª)
Italia Gabriele Geretto (13ª-14ª)
Italia Gian Piero Ventura (15ª-29ª)
Italia Gabriele Geretto (30ª-38ª)
Italia Raffaele Cerbone (36) Italia Raffaele Cerbone (14)
Verona Italia Bortolo Mutti Italia Celeste Pin (37) Italia Fabrizio Fermanelli (12)
Vicenza Italia Francesco Guidolin Italia Giorgio Sterchele (38) Italia Roberto Murgita (19)

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1uparrow green.svg 1. Piacenza 71 38 19 14 5 55 27 +28
1uparrow green.svg 2. Udinese 70 38 19 13 6 63 35 +28
1uparrow green.svg 3. Vicenza 68 38 17 17 4 54 26 +28
1uparrow green.svg 4. Atalanta 66 38 17 15 6 49 36 +13
5. Salernitana 61 38 16 13 9 57 40 +17
6. Ancona 58 38 16 10 12 55 50 +5
7. Perugia 54 38 12 18 8 47 35 +12
8. Cesena 51 38 12 15 11 44 43 +1
9. Venezia 50 38 14 8 16 46 44 +2
10. Verona 48 38 11 15 12 40 40 0
11. Pescara 46 38 11 13 14 50 63 -13
12. Palermo 44 38 10 14 14 33 35 -2
12. Chievo 44 38 10 14 14 35 38 -3
12. Fidelis Andria 44 38 8 20 10 36 41 -5
15. Cosenza (-9) 42 38 11 18 9 38 35 +3
15. Lucchese 42 38 8 18 12 49 54 -5
1downarrow red.svg 17. Acireale 41 38 10 11 17 27 42 -15
1downarrow red.svg 18. Ascoli 34 38 7 13 18 27 57 -30
1downarrow red.svg 19. Como 33 38 7 12 19 25 58 -33
1downarrow red.svg 20. Lecce 24 38 5 9 24 36 67 -31

Legenda:

      Promossa in Serie A 1995-1996.
      Retrocessa in Serie C1 1995-1996.

Regolamento:

Tre punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.

Note:

Il Cosenza ha scontato 9 punti di penalizzazione per irregolarità amministrative.
In caso di arrivo a pari punti in zona promozione o retrocessioni fra una pluralità di squadre, si utilizza la classifica avulsa per determinare i due club fra cui disputare uno spareggio in campo neutro.

Squadra campione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Piacenza Football Club 1994-1995.
Formazione tipo Giocatori (presenze)
Italia Massimo Taibi (38)
Italia Settimio Lucci (36)
Italia Cleto Polonia (30)
Italia Stefano Rossini (32)
Italia Massimo Brioschi (31)
Italia Francesco Turrini (34)
Italia Daniele Moretti (34)
Italia Giorgio Papais (31)
Italia Filippo Inzaghi (37)
Italia Antonio De Vitis (30)
Italia Gianpietro Piovani (35)
Allenatore: Italia Luigi Cagni
Altri giocatori: Pasquale Suppa (27), Agostino Iacobelli (26), Giuseppe Minaudo (21), Andrea Di Cintio (14), Damiano Cesari (12), Fabio Manganiello (2), Luis Fernando Centi (1).

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Tabellone[modifica | modifica wikitesto]

ACI ANC ASC ATA CES CHI COM COS FID LEC LUC PAL PER PES PIA SAL UDI VEN VER VIC
Acireale –––– 1-1 0-1 2-0 1-1 0-3 1-0 2-1 0-0 2-0 3-0 3-1 0-0 2-0 1-0 1-3 0-1 1-0 1-1 0-0
Ancona 3-0 –––– 1-1 4-2 2-1 0-1 2-1 1-2 2-1 3-0 1-1 1-0 4-3 3-3 2-1 1-1 1-3 1-0 3-0 2-1
Ascoli 0-0 2-0 –––– 0-1 0-0 0-0 0-0 0-0 0-0 5-4 2-0 1-0 1-1 3-0 0-2 0-2 1-5 0-0 0-0 0-0
Atalanta 1-0 0-0 1-0 –––– 1-1 3-2 3-0 1-0 2-1 1-1 1-0 2-0 2-2 3-0 0-0 2-1 2-0 0-3 0-1 0-0
Cesena 2-0 3-2 1-0 1-2 –––– 2-1 1-1 0-2 4-0 2-1 3-0 1-0 1-1 0-0 1-1 3-0 2-1 1-2 1-3 1-0
Chievo 2-1 2-3 1-1 1-1 0-0 –––– 0-0 1-0 1-2 0-0 4-1 0-3 0-1 3-1 0-1 1-3 0-1 2-1 3-1 1-4
Como 0-1 1-3 3-1 0-0 2-0 0-0 –––– 1-0 2-0 1-0 2-1 0-0 0-0 1-1 1-3 1-4 1-4 1-3 0-0 0-0
Cosenza 1-0 0-1 3-1 1-1 0-0 0-0 1-0 –––– 0-0 2-1 3-2 0-0 0-0 1-1 1-1 0-0 1-0 0-1 1-1 2-2
Fidelis Andria 0-0 1-0 3-1 0-0 1-1 0-0 4-0 1-1 –––– 1-0 3-1 1-1 1-1 2-2 1-1 1-1 1-3 2-2 1-0 1-1
Lecce 0-0 1-2 1-0 0-1 0-0 3-1 1-0 1-2 0-1 –––– 1-1 1-7 1-4 4-5 1-2 1-2 2-2 1-1 1-0 2-3
Lucchese 2-1 1-1 5-1 1-1 1-1 0-0 5-1 2-2 2-2 1-0 –––– 3-0 1-1 2-2 1-0 1-1 3-3 1-1 0-1 2-0
Palermo 0-0 2-0 2-0 0-1 0-0 0-0 3-3 2-1 1-1 2-0 2-0 –––– 1-0 1-1 0-2 0-0 0-0 2-0 1-0 0-0
Perugia 2-2 2-0 3-1 0-0 1-1 2-1 6-0 0-0 0-0 3-1 1-1 1-0 –––– 1-0 1-1 1-2 1-0 2-0 3-4 1-1
Pescara 3-0 4-2 0-3 5-4 2-0 1-0 2-0 1-1 1-0 2-1 1-3 2-0 0-0 –––– 1-2 1-4 1-1 1-0 0-0 1-1
Piacenza 2-0 2-0 4-0 1-5 1-1 0-0 1-0 0-0 3-1 0-0 1-1 3-0 1-0 2-0 –––– 5-0 2-2 2-1 1-0 3-1
Salernitana 2-0 2-0 2-0 1-1 5-2 0-1 4-0 5-2 1-0 1-1 1-1 0-0 1-0 1-1 0-1 –––– 1-1 0-0 4-1 0-1
Udinese 3-0 2-2 3-1 1-1 2-0 1-0 1-1 1-0 3-1 3-2 0-0 0-0 0-1 2-1 1-0 1-1 –––– 3-1 4-1 0-0
Venezia 3-1 1-0 4-0 2-3 0-2 0-2 0-1 2-3 1-1 2-1 3-1 2-1 2-0 2-0 0-0 1-0 1-3 –––– 1-0 1-2
Verona 1-0 1-1 5-0 0-0 1-0 1-1 1-0 1-3 0-0 0-1 1-1 1-0 0-0 5-2 3-3 4-1 0-1 1-1 –––– 0-0
Vicenza 2-0 0-0 0-0 4-0 6-3 0-0 1-0 1-1 2-0 2-0 2-0 4-1 4-1 3-1 0-0 2-0 2-1 2-1 0-0 ––––

Calendario[modifica | modifica wikitesto]

andata (1ª) 1ª giornata ritorno (20ª)
4 set. 2-0 Ascoli-Lucchese 1-5 28 gen.
1-3 Cesena-Verona 0-1 29 gen.
1-1 Chievo-Atalanta 2-3
3 set. 0-0 Como-Vicenza 0-1
4 set. 0-1 Cosenza-Venezia 3-2
0-0 Lecce-Acireale 0-2
1-1 Palermo-Fidelis Andria 1-1
1-1 Perugia-Piacenza 0-1
1-1 Pescara-Udinese 1-2
2-0 Salernitana-Ancona 1-1
andata (2ª) 2ª giornata ritorno (21ª)[16]
11 set. 2-0 Acireale-Pescara 0-3 12 feb.
3-0 Ancona-Lecce 2-1
1-0 Atalanta-Ascoli 1-0
1-1 Fidelis Andria-Cesena 0-4 11 feb.
1-1 Lucchese-Perugia 1-1 12 feb.
10 set. 0-0 Piacenza-Cosenza 1-1
11 set. 1-0 Udinese-Chievo 1-0
0-1 Venezia-Como 3-1
1-0 Verona-Palermo 0-1
2-0 Vicenza-Salernitana 1-0


andata (3ª) 3ª giornata ritorno (22ª)
18 set. 1-1 Ascoli-Perugia 1-3 19 feb.
3-0 Cesena-Lucchese 1-1
1-2 Chievo-Fidelis Andria 0-0
0-0 Como-Atalanta 0-3
1-0 Cosenza-Udinese 0-1
0-0 Palermo-Acireale 1-3
0-0 Pescara-Verona 2-5
1-1 Salernitana-Lecce 2-1
1-0 Venezia-Ancona 0-1 18 feb.
17 set. 0-0 Vicenza-Piacenza 1-3 19 feb.
andata (4ª) 4ª giornata ritorno (23ª)
25 set. 0-3 Acireale-Chievo 1-2 26 feb.
24 set. 3-3 Ancona-Pescara 2-4
25 set. 0-3 Atalanta-Venezia 3-2
3-1 Fidelis Andria-Ascoli 0-0
0-0 Lecce-Cesena 1-2
2-2 Lucchese-Cosenza 2-3
1-2 Perugia-Salernitana 0-1
3-0 Piacenza-Palermo 2-0 25 feb.
0-0 Udinese-Vicenza 1-2 26 feb.
1-0 Verona-Como 0-0


andata (5ª) 5ª giornata ritorno (24ª)
2 ott. 3-0 Ancona-Acireale 1-1 5 mar.
1-1 Atalanta-Lecce 1-0 4 mar.
1° ott. 3-0 Cesena-Salernitana 2-5 5 mar.
2 ott. 0-1 Chievo-Perugia 1-2
1-4 Como-Udinese 1-1
1-1 Cosenza-Verona 3-1
2-0 Palermo-Ascoli 0-1
1-3 Pescara-Lucchese 2-2
0-0 Venezia-Piacenza 1-2
2-0 Vicenza-Fidelis Andria 1-1
andata (6ª) 6ª giornata ritorno (25ª)
9 ott. 2-0 Acireale-Atalanta 0-1 12 mar.
0-0 Ascoli-Cesena 0-1 11 mar.
4-0 Fidelis Andria-Como 0-2 12 mar.
1-2 Lecce-Cosenza 1-2
2-0 Lucchese-Vicenza 0-2
1-0 Perugia-Palermo 0-1
2-0 Piacenza-Pescara 2-1
0-1 Salernitana-Chievo 3-1
2-2 Udinese-Ancona 3-1
1-1 Verona-Venezia 0-1


andata (7ª) 7ª giornata ritorno (26ª)
16 ott. 4-2 Ancona-Atalanta 0-0 19 mar.
15 ott. 2-0 Cesena-Acireale 1-1
16 ott. 1-1 Chievo-Ascoli 0-0 15 mar.
1-0 Como-Cosenza 0-1 19 mar.
1-0 Lucchese-Lecce 1-1
0-0 Palermo-Udinese 0-0
0-0 Perugia-Fidelis Andria 1-1
1-0 Pescara-Venezia 0-2
0-1 Salernitana-Piacenza 0-5
0-0 Vicenza-Verona 0-0 18 mar.
andata (8ª) 8ª giornata ritorno (27ª)
23 ott. 0-0 Acireale-Vicenza 0-2 26 mar.
0-2 Ascoli-Piacenza 0-4
3-0 Atalanta-Pescara 4-5
1-3 Como-Ancona 1-2
0-0 Cosenza-Cesena 2-0
1-1 Fidelis Andria-Salernitana 0-1
1-7 Lecce-Palermo 0-2
22 ott. 0-0 Udinese-Lucchese 3-3
23 ott. 0-2 Venezia-Chievo 1-2
0-0 Verona-Perugia 4-3


andata (9ª) 9ª giornata ritorno (28ª)
30 ott. 1-2 Ancona-Cosenza 1-0 2 apr.
0-0 Chievo-Lecce 1-3
2-1 Lucchese-Acireale 0-3 1° apr.
0-0 Palermo-Cesena 0-1 2 apr.
29 ott. 0-0 Perugia-Atalanta 2-2
30 ott. 2-0 Pescara-Como 1-1
3-1 Piacenza-Fidelis Andria 1-1
2-0 Salernitana-Ascoli 2-0
4-1 Udinese-Verona 1-0
2-1 Vicenza-Venezia 2-1
andata (10ª) 10ª giornata ritorno (29ª)
6 nov. 1-3 Acireale-Salernitana 0-2 9 apr.
2-0 Ascoli-Ancona 1-1 8 apr.
0-0 Atalanta-Vicenza 0-4 9 apr.
2-1 Cesena-Chievo 0-0
1-3 Como-Piacenza 0-1
5 nov. 0-0 Cosenza-Palermo 1-2
6 nov. 2-2 Lecce-Udinese 2-3
1-0 Pescara-Fidelis Andria 2-2
2-0 Venezia-Perugia 0-2
1-1 Verona-Lucchese 1-0


andata (11ª) 11ª giornata ritorno (30ª)
13 nov. 0-0 Ascoli-Acireale 1-0 15 apr.
3-1 Chievo-Pescara 0-1
1-0 Fidelis Andria-Verona 0-0
5-1 Lucchese-Como 1-2
2-0 Palermo-Venezia 1-2
3-1 Perugia-Lecce 4-1
1-1 Piacenza-Cesena 1-1
5-2 Salernitana-Cosenza 0-0
12 nov. 1-1 Udinese-Atalanta 0-2 14 apr.
13 nov. 0-0 Vicenza-Ancona 1-2 15 apr.
andata (12ª) 12ª giornata ritorno (31ª)
27 nov. 1-1 Ancona-Lucchese 1-1 23 apr.
0-1 Atalanta-Verona 0-0
1-1 Cesena-Perugia 1-1
0-1 Chievo-Piacenza 0-0
0-1 Como-Acireale 0-1
3-1 Cosenza-Ascoli 0-0
26 nov. 0-1 Lecce-Fidelis Andria 0-1
27 nov. 0-0 Palermo-Vicenza 1-4
1-4 Pescara-Salernitana 1-1
1-3 Venezia-Udinese 1-3 22 apr.


andata (13ª) 13ª giornata ritorno (32ª)
4 dic. 1-0 Acireale-Venezia 1-3 30 apr.
0-0 Ascoli-Como 1-3
2-1 Cesena-Udinese 0-2
3 dic. 0-0 Fidelis Andria-Atalanta 1-2
4 dic. 0-0 Lucchese-Chievo 1-4
1-0 Perugia-Pescara 0-0
0-0 Piacenza-Lecce 2-1 29 apr.
0-0 Salernitana-Palermo 0-0 30 apr.
1-1 Verona-Ancona 0-3
1-1 Vicenza-Cosenza 2-2
andata (14ª) 14ª giornata ritorno (33ª)
11 dic. 2-1 Ancona-Piacenza 0-2 7 mag.
1-1 Atalanta-Cesena 2-1
0-0 Como-Perugia 0-6
0-0 Cosenza-Fidelis Andria 1-1
1-0 Lecce-Ascoli 4-5
2-0 Palermo-Lucchese 0-3
1-1 Pescara-Vicenza 1-3
3-0 Udinese-Acireale 1-0
1-0 Venezia-Salernitana 0-0
10 dic. 1-1 Verona-Chievo 1-3


andata (15ª) 15ª giornata ritorno (34ª)
18 dic. 1-1 Acireale-Verona 0-1 14 mag.
3-0 Ascoli-Pescara 3-0
1-2 Cesena-Venezia 2-0
0-3 Chievo-Palermo 0-0
1-0 Fidelis Andria-Ancona 1-2
2-3 Lecce-Vicenza 0-2
1-1 Lucchese-Atalanta 0-1
17 dic. 0-0 Perugia-Cosenza 0-0
18 dic. 2-2 Piacenza-Udinese 0-1
4-0 Salernitana-Como 4-1
andata (16ª) 16ª giornata ritorno (35ª)
23 dic. 0-0 Acireale-Fidelis Andria 0-0 21 mag.
22 dic. 1-0 Ancona-Palermo 0-2
23 dic. 0-0 Atalanta-Piacenza 5-1
1-0 Como-Lecce 0-1
0-0 Cosenza-Chievo 0-1
2-0 Pescara-Cesena 0-0
0-1 Udinese-Perugia 0-1
3-1 Venezia-Lucchese 1-1
4-1 Verona-Salernitana 1-4
0-0 Vicenza-Ascoli 0-0


andata (17ª) 17ª giornata ritorno (36ª)
8 gen. 0-0 Ascoli-Venezia 0-4 28 mag.
1-1 Cesena-Como 0-2
2-3 Chievo-Ancona 1-0
1-1 Cosenza-Pescara 1-1
3-1 Fidelis Andria-Lucchese 2-2
1-0 Lecce-Verona 1-0
25 gen. 0-1 [17]Palermo-Atalanta 0-2
8 gen. 1-1 Perugia-Vicenza 1-4
2-0 Piacenza-Acireale 0-1
7 gen. 1-1 Salernitana-Udinese 1-1
andata (18ª) 18ª giornata ritorno (37ª)
15 gen. 0-0 Acireale-Perugia 2-2 4 giu.
2-1 Ancona-Cesena 2-3
1-0 Atalanta-Cosenza 1-1
0-0 Como-Palermo 3-3
1-1 Lucchese-Salernitana 1-1
14 gen. 2-1 Pescara-Lecce 5-4
15 gen. 3-1 Udinese-Ascoli 5-1
1-1 Venezia-Fidelis Andria 2-2
3-3 Verona-Piacenza 0-1
0-0 Vicenza-Chievo 4-1


andata (19ª) 19ª giornata ritorno (38ª)
22 gen. 0-0 Ascoli-Verona 0-5 11 giu.
1-0 Cesena-Vicenza 3-6
0-0 Chievo-Como 0-0
1-0 Cosenza-Acireale 1-2
1-3 Fidelis Andria-Udinese 1-3
21 gen. 1-1 Lecce-Venezia 1-2
22 gen. 1-1 Palermo-Pescara 0-2
2-0 Perugia-Ancona 3-4
1-1 Piacenza-Lucchese 0-1
1-1 Salernitana-Atalanta 1-2

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Squadre[modifica | modifica wikitesto]

Capoliste solitarie[modifica | modifica wikitesto]

————————————————————————————————————————————————————————————————————————————
VeronaPiacenza
10ª11ª12ª13ª14ª15ª16ª17ª18ª19ª20ª21ª22ª23ª24ª25ª26ª27ª28ª29ª30ª31ª32ª33ª34ª35ª36ª37ª38ª

Individuali[modifica | modifica wikitesto]

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Gol Rigori Giocatore Squadra
21 5 Italia Giovanni Pisano Salernitana
20 9 Italia Giovanni Cornacchini Perugia
19 Italia Roberto Murgita Vicenza
19 1 Italia Marco Negri Cosenza
18 5 Italia Roberto Paci Lucchese
15 2 Italia Nicola Amoruso Fidelis Andria
15 4 Italia Dario Hübner Cesena
15 1 Italia Filippo Inzaghi Piacenza
15 Italia Giampietro Piovani Piacenza
14 6 Italia Nicola Caccia Ancona
14 2 Italia Raffaele Cerbone Venezia
14 2 Italia Maurizio Ganz Atalanta
12 2 Italia Antonio De Vitis Piacenza
12 4 Italia Fabrizio Fermanelli Verona

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ancona, via Perotti senza motivazione, La Stampa, 19 maggio 1995, p. 30.
  2. ^ Ascoli: torna Orazi, esonerato Colautti, corriere.it, 19 ottobre 1994.
  3. ^ Ad Ascoli si cambia ancora, repubblica.it, 12 dicembre 1994.
  4. ^ Ascoli: torna Orazi, esonerato Colautti, corriere.it, 19 ottobre 1994 (archiviato dall'url originale il 30 ottobre 2015).
  5. ^ Bigon non è più l'allenatore dell'Ascoli, corriere.it, 21 marzo 1995.
  6. ^ No di Marchioro: il Lecce a Reja, corriere.it, 16 novembre 1994 (archiviato dall'url originale il 26 novembre 2015).
  7. ^ Ma è violenza già al sabato, repubblica.it, 12 febbraio 1195.
  8. ^ Via Fascetti, l'indeciso, repubblica.it, 1º maggio 1995.
  9. ^ Salvemini si dimette, Palermo a Vitali, repubblica.it, 7 marzo 1995.
  10. ^ Castagner esonerato, il Perugia a Viviani, repubblica.it, 14 marzo 1995.
  11. ^ Via Rumignani, ecco Oddo, repubblica.it, 8 dicembre 1994.
  12. ^ Cacciato Fedele, l'Udinese sceglie Galeone, corriere.it, 17 novembre 1994 (archiviato dall'url originale il 26 novembre 2015).
  13. ^ Il Venezia fa follie, ingaggiato Maifredi, repubblica.it, 13 settembre 1994.
  14. ^ Maifredi cacciato anche da Venezia, corriere.it, 29 novembre 1994 (archiviato dall'url originale il 26 novembre 2015).
  15. ^ Calcio B, Venezia. Si dimette il tecnico Ventura, L'Unità, 12 aprile 1995, p. 11 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  16. ^ Giornata programmata per il 5 febbraio 1995 e posticipata in seguito alla sospensione dei campionati e allo slittamento del calendario per l'uccisione del tifoso genoano Vincenzo Spagnolo da parte di un tifoso milanista, avvenuta il 29 gennaio 1995
  17. ^ Partita programmata per l'8 gennaio e sospesa al 45' per impraticabilità del campo sul risultato di 0-0.