Nazionale Under-21 di calcio dell'Italia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Italia Italia Under-21
FIGC Logo 2017.svg
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Sport Football pictogram.svg Calcio
Federazione FIGC
Federazione Italiana Giuoco Calcio
Confederazione UEFA
Soprannome Azzurrini
Selezionatore Italia Paolo Nicolato
Record presenze Andrea Pirlo, Francesco Bardi (37)
Capocannoniere Andrea Pirlo, Alberto Gilardino (15)
Esordio internazionale
Italia Italia 1 - 0 Romania Romania
Udine, Italia; 16 aprile 1969
Migliore vittoria
Italia Italia 7 - 0 Estonia Estonia
Catanzaro, Italia; 23 marzo 1995
Italia Italia 7 - 0 Liechtenstein Liechtenstein
Casarano, Italia; 6 settembre 2012
Italia Italia 8 - 1 Galles Galles
Pavia, Italia; 5 settembre 2003
Peggiore sconfitta
Norvegia Norvegia 6 - 0 Italia Italia
Stavanger, Norvegia; 5 giugno 1991
Europei U-21
Partecipazioni 20 (esordio: 1978)
Miglior risultato Oro Campioni nel 1992, 1994, 1996, 2000, 2004

La nazionale italiana di calcio Under-21 è la rappresentativa calcistica Under-21 dell'Italia; essa è posta sotto l'egida della FIGC. Nella gerarchia delle nazionali giovanili italiane è posta prima della nazionale Under-20.

È, a livello di Under-21, la nazionale di calcio europea più titolata, assieme alla Spagna, avendo vinto in 5 occasioni il campionato continentale di categoria.[1] Nel torneo conta inoltre due medaglie d'argento e quattro di bronzo.

I calciatori dell'Under-21 sono chiamati Azzurrini, diminutivo di Azzurri (appellativo riferito alla nazionale maggiore).[2] La selezione, 3 volte vincitrice dei Giochi del Mediterraneo, partecipa dal 1978 alle qualificazioni per l'Europeo di categoria: costituisce il principale serbatoio giovanile per la Nazionale A.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La nazionale giovanile[modifica | modifica wikitesto]

L'antesignana della nazionale Under 21 fu la nazionale giovanile, che esordì il 6 aprile 1942, a Torino, contro l'Ungheria. In questo incontro era previsto che le due nazionali fossero composte da giocatori nati non prima del 1920, quindi di fatto si trattava di selezioni under 23.[4] Dopo la seconda guerra mondiale la nazionale giovanile (o "cadetti" come definita dalla stampa, o "primavera", come definita dalla FIGC) disputò regolari incontri almeno fino al 1960, sempre basandosi su selezioni di giocatori di età inferiore ai 23 anni.[5]

Gli esordi[modifica | modifica wikitesto]

Per delibera del Consiglio Federale della FIGC dalla stagione 1968-69, la nazionale giovanile venne sostituita a tutti gli effetti dalla Nazionale Under-21.[6] L'intento della federazione era quello di fare acquisire esperienza internazionale ai giovani prospetti del calcio italiano. Va considerato che all'epoca era ancora utilizzata la Nazionale U.23, che disputava il campionato continentale di categoria. Il tecnico incaricato di seguire la selezione era Azeglio Vicini.[7]

Il primo incontro fu disputato a Udine, allo Stadio Moretti, contro i pari età della Romania, e terminò 1-0 per gli azzurri.[7] Il gol decisivo venne segnato da Paolo Pulici.[8] Nell'estate di quello stesso anno la selezione fu protagonista di una tournée in Inghilterra, in cui affrontò diverse formazioni di club.[9]

Con una selezione di giovani sotto i 21 anni o impegnati con la nazionale militare, l'Italia affrontò le qualificazioni alle Olimpiadi 1972, per evitare le accuse di professionismo, venendo eliminata dalla Germania Est che, di fatto, schierava i suoi migliori giocatori. La nazionale italiana, indebolita anche dall'assenza di molti suoi giovani più forti (come Pulici o Roberto Bettega), subì con una doppia sconfitta.[10]

La nazionale disputò ancora diversi incontri amichevoli, fino al 1973.

La nascita del Campionato europeo U.21[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1976 l'UEFA spostò il limite di età per il suo campionato continentale giovanile, passando dalle Under 23 alle Under 21. Ciò portò alla rinascita della nazionale.

La prima partita ufficiale fu l'incontro di qualificazione all'edizione 1978, disputato a Funchal, contro il Portogallo, il 23 dicembre 1976, perso dagli azzurri per 1-0. Il tecnico era ancora Vicini. Del girone faceva parte anche il Lussemburgo. L'Italia vinse i rimanenti tre incontri e si qualificò ai quarti di finale, dove venne eliminata dall'Inghilterra. Dopo essere stati sconfitti 2-1 in trasferta, gli azzurrini non andarono oltre lo 0-0 nel ritorno allo Stadio Olimpico di Roma.[11]

Per l'edizione successiva l'Italia si trovò inserita in un girone di qualificazione che ricomprendeva la Svizzera e ancora il Lussemburgo. Passato il girone con 3 vittorie e un pareggio, la nazionale si fermò ancora ai quarti di finale, eliminata questa volta dall'URSS. Anche in questo caso la nazionale non fu capace di ribaltare la sconfitta dell'andata in trasferta, pareggiando il ritorno in casa, a Bologna.[12]

Anche per l'edizione del 1982 la nazionale non fece meglio dei quarti di finale. Eliminate Jugoslavia e Grecia nel girone di qualificazione, venne estromessa nel turno seguente dalla Scozia. I britannici s'imposero all'andata, per 1-0, a Catanzaro,[13] e pareggiarono al ritorno.[14]

I primi exploit[modifica | modifica wikitesto]

La formazione azzurra che il 4 febbraio 1986 pareggiò a Salerno, in amichevole, con la Germania Ovest (1-1).

Per le qualificazione del campionato 1984 l'Italia venne inserita in un girone con Cecoslovacchia, Romania e Cipro. Prima nel girone con 5 vittorie e una sconfitta, superò poi, per la prima volta i quarti, eliminando l'Albania.[15] Il percorso si concluse in semifinale, quando la nazionale azzurra venne eliminata dall'Inghilterra, che poi si aggiudicò il titolo. Dopo aver perso all'andata in trasferta per 3-1, non fu sufficiente la vittoria al ritorno per 1-0, a Firenze.[16]

Nell'edizione del 1986 la nazionale giunse per la prima volta nella sua storia alla finale continentale. Passato il girone di qualificazione su Belgio e Lussemburgo, con 3 vittorie e un pari, eliminò la Svezia ai quarti[17] e si prese la rivincita sulla nazionale inglese, eliminata in semifinale.[18] In finale affrontò la Spagna, vicecampione in carica. L'Italia s'impose all'andata per 2-1, a Roma,[19] ma perse il ritorno con lo stesso risultato, a Valladolid. La gara si protrasse fino ai rigori, che videro gli azzurrini sbagliare i primi tre tiri, col titolo che andò agli iberici.[20]

Meno fortunata fu la partecipazione al Campionato europeo di calcio Under-21 1988. L'Italia passò ancora il girone, eliminando Svezia, Svizzera e Portogallo. Ai quarti però venne estromessa dalla Francia. All'andata, in trasferta, la nazionale fu sconfitta per 2-1,[21] mentre al ritorno, dopo essere andata in vantaggio per 2-0, subì due reti nei minuti finali. La Francia si aggiudicò poi il trofeo.[22] Da questo ciclo dell'Under il commissario tecnico divenne Cesare Maldini.[23]

Per il biennio seguente la nazionale italiana venne inserita nel girone di qualificazione con Svizzera e San Marino. Passato agevolmente il turno, l'Italia si trovò ancora di fronte la Spagna, nei quarti. Battuta la formazione iberica, in casa (ad Ancona), per 3-1,[24] bastò una sconfitta per 1-0 in trasferta per passare alle semifinali.[25] Contro la Jugoslavia terminò il cammino degli azzurrini: dopo lo 0-0 di Zagabria,[26] il ritorno a Parma finì 2-2. La nazionale balcanica passò per il maggior numero di gol fatti in trasferta.[27]

Il periodo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Dall'edizione del 1992 a quella del 2004 l'Under-21 si è definitivamente affermata in campo internazionale, vincendo il titolo europeo in ben 5 occasioni su 7 partecipazioni.[28]

La prima vittoria venne conseguita passando il girone di qualificazione su Norvegia, URSS e Ungheria, nonostante una pesante sconfitta, per 6-0, contro i norvegesi, l'unica, però, nel girone.[29] Nei quarti venne eliminata la Cecoslovacchia (doppia vittoria: 2-1 a Trnava, e 2-0 a Padova). Questo passaggio del turno permise all'Italia di qualificarsi per le Olimpiadi di Barcellona del 1992, in quanto il torneo era stato riservato, da quella edizione, alle selezioni composte da giocatori di età non superiore a 23 anni, l'età che i giocatori dell'Under-21 avevano al termine del biennio.[30] In semifinale l'Italia ebbe la meglio sulla Danimarca, anche in questo caso con doppia vittoria (1-0 ad Aalborg e 2-0 a Perugia).[31] Nella partita di Perugia la nazionale venne guidata in panchina da Marco Tardelli, vista la squalifica del commissario tecnico Maldini.[32]

Nell'ultimo atto l'Italia affrontò la Svezia. L'andata, giocata a Ferrara il 28 maggio 1992, davanti a oltre 16.000 spettatori, terminò sul 2-0, con gol di Renato Buso e Gianluca Sordo.[33] Il ritorno si disputò il 3 giugno, a Växjö. La Svezia s'impose per 1-0, non sufficiente però a ribaltare il risultato dell'andata, tanto da permettere all'Italia di aggiudicarsi il primo trofeo della sua storia.[34] Renato Buso vinse il premio come miglior giocatore della fase finale.

Cesare Maldini, selezionatore degli Azzurrini nel decennio 1986-1996, con tre titoli europei di categoria vinti consecutivamente dal 1992 al 1996.

La seconda vittoria venne ottenuta nell'edizione successiva. L'Under-21, ancora affidata a Cesare Maldini (cui sembrava sarebbe dovuto subentrare Marco Tardelli),[30] passò il girone di qualificazione davanti al Portogallo (qualificata come miglior seconda), Svizzera, Scozia e Malta. Nei quarti di finale eliminò la Cecoslovacchia: dopo aver vinto a Salerno per 3-1,[35] perse 1-0 al ritorno, in quella che fu l'ultima partita per la nazionale cecoslovacca, che cessò di esistere a causa alla separazione tra Repubblica Ceca e Slovacchia.[36]

Il regolamento, da questa edizione, non prevedeva più semifinali e finali con partite di andata e ritorno, ma una final four, da disputarsi in casa di una delle semifinaliste. In questa edizione la fase finale del torneo venne accolta dalla Francia. L'Italia affrontò, in semifinale, proprio i padroni di casa, a Montpellier. La gara terminò, dopo i tempi supplementari, per 0-0, rendendo necessaria l'esecuzione dei rigori. Fu decisivo l'errore di Claude Makélélé, mentre gli italiani segnarono tutti e 5 i rigori tirati.[37] In finale la nazionale italiana incontrò il Portogallo, già affrontato nel girone di qualificazione. L'Italia s'impose per 1-0, grazie al golden gol di Pierluigi Orlandini, dopo che i tempi regolamentari si erano chiusi sullo 0-0.[38]

Il terzo trionfo consecutivo venne ottenuto nel 1996. Passate le qualificazioni vincendo il girone su Ucraina, Slovenia, Croazia, Lituania ed Estonia (contro i baltici la nazionale s'impose con un largo 7-0, vittoria record in un incontro ufficiale),[39] l'Italia eliminò anche il Portogallo, nei quarti di finale. Dopo essere stati battuti all'andata in Portogallo per 1-0,[40] gli azzurrini ribaltarono la qualificazione, vincendo per 2-0 al ritorno, a Palermo. Andò a rete Christian Vieri, mentre la rete decisiva fu un autogol dei lusitani. La qualificazione alla final four della manifestazione coincise anche con la qualificazione alle Olimpiadi di Atlanta. Al torneo olimpico si qualificò in realtà anche il Portogallo, come una delle migliori eliminate nei quarti.[41]

La fase finale del campionato europeo si svolse in Spagna. In semifinale la nazionale azzurra ritrovò la Francia, sconfitta nella semifinale dell'edizione precedente. L'Italia s'impose per 1-0, con gol di Francesco Totti.[42] La finale si disputò allo Stadio Olimpico Montjuïc di Barcellona, ancora contro i padroni di casa della Spagna. La gara terminò 1-1, al termine dei tempi regolamentari, con gol di Totti e Raúl. Nel corso dei tempi supplementari non si sbloccò il risultato, rendendo necessari i calci di rigori. La nazionale italiana, tra l'altro ridotta in 9 per due espulsioni, vinse per 4-2. Il rigore decisivo fu di Domenico Morfeo.[43] Fabio Cannavaro fu nominato miglior giocatore del torneo.

Gli ultimi successi[modifica | modifica wikitesto]

Per l'edizione del 1998 la nazionale subì l'eliminazione, per la prima volta, già nel girone di qualificazione, ove giunse terza, alle spalle di Inghilterra e Georgia, con 3 vittorie, due pareggi e tre sconfitte. A inizio 1997, con Cesare Maldini promosso nella nazionale maggiore, il posto di commissario tecnico venne affidato a Rossano Giampaglia.[44] Giampaglia venne sostituito, dal 18 dicembre 1997, da Marco Tardelli,[45] che aveva guidato l'Under-23 ai vittoriosi Giochi del Mediterraneo dello stesso anno.

Nel 2000 gli azzurrini tornarono, per la quarta volta, sul tetto d'Europa. Dominato il girone di qualificazione (che comprendeva Svizzera, Danimarca, Bielorussia e Galles), con 7 vittorie e un pareggio, trovarono, allo spareggio per l'ammissione alla fase finale, la Francia. All'andata la gara terminò, in trasferta, per 1-1,[46] mentre al ritorno a Taranto, furono necessari i tempi supplementari. Il gol decisivo, del 2-1 per gli azzurri, venne siglato da Andrea Pirlo.[47]

Gli azzurrini vennero poi inseriti nel gruppo B della fase finale, che si disputava in Slovacchia, e prevedeva la presenza di 8 squadre, suddivise in due gironi da 4. L'Italia piegò l'Inghilterra per 2-0, pareggiò con la Slovacchia 1-1, e batté la Turchia 3-1, qualificandosi, come prima del girone, alla finalissima. Questo risultato significò anche la qualificazione ai Giochi Olimpici di Sydney.[48] In finale l'Italia affrontò la Rep. Ceca, a Bratislava, il 4 giugno. Passati in vantaggio con Pirlo al 42° del primo tempo, su calcio di rigore, vennero raggiunti dai cechi nella ripresa. Ancora Pirlo, con un gol al 81°, siglò il successo azzurro.[49] Pirlo fu il capocannoniere della fase finale, e fu anche nominato miglior giocatore del torneo.

Nell'ottobre 2000 la panchina dell'Under-21 passò a Claudio Gentile, con Tardelli ingaggiato per allenare l'Inter.[50] Nelle Qualificazioni al campionato europeo di calcio Under-21 2002 la nazionale venne inserita nel girone con Romania, Ungheria, Lituania e Georgia. Vinto il raggruppamento con 6 vittorie, un pareggio e una sconfitta, l'Italia affrontò la Polonia nello spareggio per l'ammissione alla fase finale del torneo. All'andata la nazionale mise una forte ipoteca sul passaggio del turno, vincendo per 5-2 in trasferta.[51] Il ritorno finì 0-0.[52]

Nella fase finale, disputata in Svizzera, la nazionale azzurra venne inserita nel gruppo A. L'Italia vinse il girone pareggiando col Portogallo, battendo l'Inghilterra e ottenendo un ulteriore pareggio contro i padroni di casa. In semifinale venne affrontata la Rep. Ceca. I tempi regolamentari si conclusero sul 2-2, con l'Italia che riuscì a riprendere l'incontro dopo essere stata sotto per 2-0 fino al 86º minuto; la partita venne decisa dal golden gol di Michal Pospíšil a favore dei cechi.[53] Massimo Maccarone fu il capocannoniere del torneo.

Nel torneo successivo l'Italia venne inserita nel girone di qualificazione con Serbia-Montenegro, Finlandia, Galles e Azerbaigian. Gli azzurri vinsero il girone con 7 vittorie e una sconfitta. Nello spareggio per l'ammissione alla fase finale la nazionale italiana eliminò la Danimarca. Dopo un 1-1 in trasferta, all'Italia bastò solo lo 0-0 al ritorno, giocato a Rieti.[54]

La fase finale venne giocata in Germania. Dopo aver perso la prima partita contro la Bielorussia, l'Italia batté Serbia-Montenegro e Croazia, passando il turno. Dopo aver sconfitto il Portogallo in semifinale, e qualificandosi per i Giochi olimpici.[55] In finale l'Italia ritrovò ancora la Serbia-Montenegro, che venne regolata per 3-0.[56] Alberto Gilardino fu nominato miglior giocatore del torneo, oltre che esserne il capocannoniere, a pari merito con lo svedese Johan Elmander.

Gli ultimi risultati[modifica | modifica wikitesto]

Per l'edizione del 2006 la nazionale si ritrovò nel girone con Slovenia, Norvegia, Bielorussia, Moldavia e Scozia. Gli azzurri si aggiudicarono il girone con 8 vittorie (la vittoria in trasferta sulla Scozia venne ottenuta a tavolino, in quanto la formazione britannica schierò un giocatore squalificato),[57] 1 pareggio e 1 sconfitta, passando direttamente alla fase finale della manifestazione.

La fase finale venne organizzata dal Portogallo. L'Italia, inserita nel gruppo B, dopo un pareggio con la Danimarca, prevalse sull'Ucraina, ma poi venne sconfitta dai Paesi Bassi. Giunta a pari punti in classifica con gli olandesi, venne eliminata per il risultato dello scontro diretto.[58] Nell'estate del 2006 la responsabilità di allenatore della nazionale venne affidata a Pierluigi Casiraghi.[59]

A partire dal 2007 venne stabilito che il Campionato europeo di calcio Under-21 si svolgesse negli anni dispari; gli anni pari restavano invece dedicati alle fasi finali dei tornei calcistici riservati alle nazionali maggiori (i Mondiali e gli Europei). Stante la necessità di concentrare tra l'autunno del 2006 e la primavera del 2007 l'edizione del campionato venne modificata anche la formula delle qualificazioni. Le nazionali vennero divise in 14 giorni di qualificazione, da tre squadre, con partite di sole andata. L'Italia vinse il suo gironcino battendo sia Austria che Islanda. Nello spareggio d'ammissione alla fase finale l'Italia piegò la Spagna. Dopo lo 0-0 dell'andata in casa (gara giocata a Modena),[60] gli azzurri s'imposero per 2-1 a Palencia.[61]

Nel marzo 2007 l'Italia sfidò i pari età dell'Inghilterra per la prima partita ufficiale del nuovo Wembley: Pazzini siglò la tripletta del 3-3 finale.[62]

In tempi più recenti si segnala il 2º posto ottenuto all'Europeo 2013 contro la Spagna,[63] e la semifinale raggiunta nel 2017 e persa contro le Furie Rosse.

Per le qualificazioni all'edizione 2021 l'Italia è inserita nel gruppo con Irlanda, Svezia, Islanda, Armenia e Lussemburgo. La gara prevista il 9 ottobre 2020, contro la rappresentativa islandese, viene rinviata a seguito della positività di due calciatori e di un membro dello staff italiano al virus SARS-CoV-2. La decisione è stata presa su disposizione delle autorità islandesi.[64] Pochi giorno dopo, a causa dell'alto numero di giocatori positivi, la federazione, per la gara contro l'Irlanda, decide di impiegare il gruppo di giocatori della Under-20, integrati dai giocatori dell'Under-21 non infettati. L'Italia s'impone per 2-0.[65]

Partecipazioni ai tornei internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Europeo U-21[modifica | modifica wikitesto]

Giochi del Mediterraneo come Under-21[modifica | modifica wikitesto]

La nazionale «probabili olimpici» — una rappresentativa Under-21 ante litteram — vittoriosa nel 1963 al torneo calcistico dei IV Giochi del Mediterraneo di Napoli

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Gold medal europe.svg 1992, 1994, 1996, 2000, 2004 (record condiviso con la Spagna)[1]
Silver medal europe.svg 1986, 2013
Bronze medal europe.svg 1984, 1990, 2002, 2009, 2017 (vengono conteggiate le medaglie condivise)
Gold MedGames.svg 1959, 1963, 1967 (record)[67]
Silver MedGames.svg 2001[68]

Commissari tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Record individuali[modifica | modifica wikitesto]

Andrea Pirlo, in Under-21 dal 1998 al 2002, è il primatista di presenze (37) e reti (15) degli Azzurrini.

Tra parentesi gli anni di militanza. Accanto al numero di presenze nella tabella "Presenze" tra parentesi il numero di reti segnate, viceversa nella tabella "Reti".

Presenze
Reti[69]

Tutte le rose[modifica | modifica wikitesto]

Europei[modifica | modifica wikitesto]

Campionato d'Europa Under-21 UEFA 1978
Galli, P Tarocco, D Cabrini, D Canuti, D Collovati, D Galbiati, D Ferrario, D Baresi, D Ogliari, C Agostinelli, C Manfredonia, C Di Bartolomei, C Sala, C Tavola, C Bagni, A Chiodi, A Fanna, A Giordano, A Rossi, CT: Vicini
Campionato d'Europa Under-21 UEFA 1980
Galli, P Malgioglio, D F. Baresi, D Ferrario, D Ferroni, D Galbiati, D Guerrini, D Osti, D Tacconi, D Tassotti, C Ancelotti, C G. Baresi, C Giovannelli, C Pileggi, C Sacchetti, A Altobelli, A Bagni, A Fanna, A Nicoletti, A Ugolotti, CT: Vicini
Campionato d'Europa Under-21 UEFA 1982
Rampulla, P Zinetti, D Baresi, D Battistini, D Bergomi, D Bonetti, D Contratto, D Nela, D Pin, D Tassotti, C Benedetti, C Bonini, C Celestini, C Romano, A Bivi, A Borghi, A Galderisi, A Massaro, A Mauro, A Virdis, CT: Vicini
Campionato d'Europa Under-21 UEFA 1984
Drago, P Rampulla, D Battistini, D Bergomi, D Bonetti, D Caricola, D Dossena, D Ferri, D Galli, D Galia, D Icardi, D Pari, D Pin, D Renica, D Righetti, C Evani, C Galbagini, C Mauro, C Vignola, A Galderisi, A Mancini, A Massaro, A Monelli, A Vialli, CT: Vicini
Campionato d'Europa Under-21 UEFA 1986
Lorieri, P Zenga, D Baroni, D Carannante, D Carobbi, D Cravero, D Ferri, D Filardi, D Francini, D Maldini, D Progna, C Berti, C De Napoli, C Desideri, C Donadoni, C Giannini, C Iachini, C Matteoli, C Policano, A Baldieri, A Borgonovo, A Comi, A Mancini, A Vialli, CT: Vicini
Campionato d'Europa Under-21 UEFA 1988
Gatta, P Nista, D Annoni, D Benedetti, D Brambati, D Costacurta, D Lucci, D P. Maldini, C Berti, C Ciocci, C Crippa, C Cucchi, C Notaristefano, C Zanoncelli, A Rizzitelli, A Scarafoni, CT: C. Maldini
Campionato d'Europa Under-21 UEFA 1990
Antonioli, P Fiori, P Peruzzi, D Benedetti, D Costacurta, D Cravero, D Garzya, D Lanna, D Rossini, C Carbone, C Di Canio, C Fuser, C Lentini, C Piacentini, C Salvatori, C Stroppa, C Venturin, C Zanoncelli, A Bresciani, A Casiraghi, A Buso, A Simone, CT: Maldini
Campionato d'Europa Under-21 UEFA 1992
Antonioli, P Peruzzi, D Bonomi, D Favalli, D Luzardi, D Malusci, D Matrecano, D Rossini, D Taccola, D Verga, D Villa, C Albertini, C Baggio, C Corini, C Marcolin, C Orlando, C Sordo, A Bertarelli, A Buso, A Melli, A Muzzi, CT: Maldini
Campionato d'Europa Under-21 UEFA 1994
Toldo, 2 Cannavaro, 3 Colonnese, 4 Delli Carri, 5 Galante, 6 Negro, 7 Panucci, 8 Tresoldi, 9 Berretta, 10 Bigica, 11 Cherubini, 12 Visi, 13 Marcolin, 14 Rossitto, 15 Scarchilli, 16 Carbone, 17 Inzaghi, 18 Muzzi, 19 Orlandini, 20 Vieri, CT: Maldini
Campionato d'Europa Under-21 UEFA 1996
Pagotto, 2 Panucci, 3 Pistone, 4 Cannavaro, 5 Galante, 6 Fresi, 7 Sartor, 8 Nesta, 9 Amoruso, 10 Brambilla, 11 Pecchia, 12 Buffon, 13 Ametrano, 14 Tommasi, 15 Tacchinardi, 16 Delvecchio, 17 Morfeo, 18 Totti, CT: Maldini
Campionato d'Europa Under-21 UEFA 2000
De Sanctis, 2 Grandoni, 3 Mezzano, 4 Zanchi, 5 Ferrari, 6 Gattuso, 7 Comandini, 8 Baronio, 9 Ventola, 10 Pirlo, 11 Perrotta, 12 Abbiati, 13 Coco, 14 Rivalta, 15 Cirillo, 16 Vannucchi, 17 Zanetti, 18 Firmani, 19 Rossi, 20 Spinesi, CT: Tardelli
Campionato d'Europa Under-21 UEFA 2002
Rossi, 2 Bonera, 3 Bellini, 4 Ferrari, 5 Cannavaro, 6 Donati, 7 Marchionni, 8 Brighi, 9 Maccarone, 10 Pirlo, 11 Bonazzoli, 12 Spadavecchia, 13 Castellini, 14 Dainelli, 15 Lucchini, 16 Natali, 17 Blasi, 18 Gatti, 19 Pinzi, 21 Iaquinta, 22 Pelizzoli, 24 Caracciolo, CT: Gentile
Campionato d'Europa Under-21 UEFA 2004
Amelia, 2 Zaccardo, 3 Moretti, 4 Gamberini, 5 Bonera, 6 De Rossi, 7 Pinzi, 8 Palombo, 9 Gilardino, 10 Brighi, 11 Sculli, 12 Agliardi, 13 Barzagli, 14 Bovo, 15 Donadel, 16 Potenza, 17 Mesto, 18 Rosina, 19 Del Nero, 20 Caracciolo, 21 D’Agostino, 22 Zotti, CT: Gentile
Campionato d'Europa Under-21 UEFA 2006
Agliardi, 2 Potenza, 3 Bovo, 4 Donadel, 5 Mantovani, 6 Chiellini, 7 Pepe, 8 Canini, 9 Bianchi, 10 Biondini, 11 Pazzini, 12 Mirante, 13 Coda, 14 Defendi, 15 Scurto, 16 Ferronetti, 17 Foggia, 18 Montolivo, 19 Palladino, 20 Rosina, 21 Sammarco, 22 Curci, CT: Gentile
Campionato d'Europa Under-21 UEFA 2007
Curci, 2 Andreolli, 3 Chiellini, 4 Nocerino, 5 Mantovani, 6 Motta, 7 Montolivo, 8 Aquilani, 9 Pazzini, 10 Rosina, 11 Rossi, 12 Viviano, 13 Coda, 14 Criscito, 15 Canini, 16 Dessena, 17 Raggi, 18 Padoin, 19 Pellè, 20 Palladino, 21 Lazzari, 22 Consigli, 23 Cigarini, CT: Casiraghi
Campionato d'Europa Under-21 UEFA 2009
Consigli, 2 Motta, 3 Andreolli, 4 Criscito, 5 Morosini, 6 Marzorati, 7 Abate, 8 Marchisio, 9 Acquafresca, 10 Giovinco, 11 De Ceglie, 12 Sirigu, 13 Ranocchia, 14 Pisano, 15 Bocchetti, 16 Candreva, 17 Poli, 18 Cerci, 19 Paloschi, 20 Balotelli, 21 Cigarini, 22 Seculin, 23 Dessena, CT: Casiraghi
Campionato d'Europa Under-21 UEFA 2013
Bardi, 2 Donati, 3 Biraghi, 4 Verratti, 5 Capuano, 6 Caldirola, 7 Florenzi, 8 Marrone, 9 Immobile, 10 Insigne, 11 Gabbiadini, 12 Colombi, 13 Bianchetti, 14 Destro, 15 Sansone, 16 Bertolacci, 17 Paloschi, 18 Saponara, 19 Regini, 20 Borini, 21 Rossi, 22 Leali, 23 Crimi, CT: Mangia
Campionato d'Europa Under-21 UEFA 2015
Bardi, 2 Sabelli, 3 Biraghi, 4 Crisetig, 5 Rugani, 6 Romagnoli, 7 Viviani, 8 Sturaro, 9 Belotti, 10 Berardi, 11 Bernardeschi, 12 Barba, 13 Bianchetti, 14 Sportiello, 15 Benassi, 16 Baselli, 17 Izzo, 18 Battocchio, 19 Trotta, 20 Leali, 21 Cataldi, 22 Zappacosta, 23 Verdi, CT: Di Biagio
Campionato d'Europa Under-21 UEFA 2017
Donnarumma, 2 Calabria, 3 Barreca, 4 Rugani, 5 Cataldi, 6 Pellegrini, 7 Berardi, 8 Grassi, 9 Cerri, 10 Bernardeschi, 11 Petagna, 12 Conti, 13 Caldara, 14 Biraschi, 15 Benassi, 16 Garritano, 17 Cragno, 18 Gagliardini, 19 Scuffet, 20 Chiesa, 21 Locatelli, 22 Ferrari, 23 Pezzella, CT: Di Biagio
Campionato d'Europa Under-21 UEFA 2019
Audero, 2 Calabresi, 3 Pezzella, 4 Bonifazi, 5 Tonali, 6 Bastoni, 7 Pellegrini, 8 Zaniolo, 9 Cutrone, 10 Mandragora, 11 Orsolini, 12 Dimarco, 13 Mancini, 14 Chiesa, 15 Adjapong, 16 Montipò, 17 Bonazzoli, 18 Barella, 19 Romagna, 20 Kean, 21 Locatelli, 22 Meret, 23 Murgia, CT: Di Biagio

Giochi del Mediterraneo[modifica | modifica wikitesto]

Giochi del Mediterraneo 1959
Moschioni, D Cella, D Magazzù, D Mazzia, D Noletti, D Pedretti, D Regni, C Benaglia, C Benetti, C Pelagalli, C Sanzani, C Volpi, A Ciccolo, A Del Negro, P Cassani, CT: Canestri


Giochi del Mediterraneo 1963
Rado, P Zoff, D Bercellino I, D Magnaghi, D Noletti, D Poletti, D Rosato, C Cera, C Giannini, C Lodetti, C Sacco, C Volpato, A Bercellino II, A Ferrario, A Leonardi, A Petroni, CT: Galluzzi


Giochi del Mediterraneo 1967
Vecchi, P Zanier, D Battisodo, D Botti, D Cresci, D Masiello, D Pasetti, D Tomasini, C S. Esposito, C Fara, C D. Parola, C Scala, C Vignando, A Anastasi, A Baisi, A Chiarugi, A Paganini, A G. Savoldi, CT: Todeschini

Rosa attuale[modifica | modifica wikitesto]

Lista dei 25 giocatori convocati da Paolo Nicolato per le gare di qualificazione all'Europeo di Slovenia e Ungheria 2021 contro Islanda e Irlanda del 9 e 13 ottobre 2020[70][71].

N. Pos. Giocatore Data nascita (età) Pres. Reti Squadra
P Marco Carnesecchi 1º luglio 2000 (20 anni) 6 -3
P Alessandro Plizzari 12 marzo 2000 (20 anni) 2 0
P Alessandro Russo 31 marzo 2001 (19 anni) 0 0
D Claud Adjapong 6 maggio 1998 (22 anni) 21 0
D Alessandro Bastoni 13 aprile 1999 (21 anni) 12 1
D Raoul Bellanova 17 maggio 2000 (20 anni) 0 0
D Nicolò Casale 14 febbraio 1998 (22 anni) 2 0
D Enrico Del Prato 10 novembre 1999 (20 anni) 5 1
D Gianluca Frabotta 24 giugno 1999 (21 anni) 0 0
D Matteo Gabbia 21 ottobre 1999 (20 anni) 3 0
D Riccardo Marchizza 26 marzo 1998 (22 anni) 5 0
D Marco Sala 4 giugno 1999 (21 anni) 6 0
D Alessandro Tripaldelli 9 febbraio 1999 (21 anni) 3 0
D Marco Varnier 8 giugno 1998 (22 anni) 4 0
C Andrea Colpani 11 maggio 1999 (21 anni) 2 1
C Davide Frattesi 22 settembre 1999 (21 anni) 4 2
C Giulio Maggiore 12 marzo 1998 (22 anni) 5 0
C Youssef Maleh 22 agosto 1998 (22 anni) 2 0
C Samuele Ricci 21 agosto 2001 (19 anni) 0 0
C Sandro Tonali 8 maggio 2000 (20 anni) 5 0
C Niccolò Zanellato 24 giugno 1998 (22 anni) 6 1
A Patrick Cutrone 3 gennaio 1998 (22 anni) 20 7
A Andrea Pinamonti 19 maggio 1999 (21 anni) 7 1
A Gianluca Scamacca 1º gennaio 1999 (21 anni) 9 4
A Riccardo Sottil 3 giugno 1999 (21 anni) 7 2

Staff tecnico[modifica | modifica wikitesto]

  • Commissario tecnico: Paolo Nicolato
  • Assistente allenatore: Mirco Gasparetto
  • Capo delegazione: Massimo Paganin
  • Preparatore dei portieri: Gianmatteo Mareggini
  • Preparatore atletico: Vincenzo Pincolini
  • Medici: Angelo De Carli e Vincenzo Santoriello
  • Fisioterapisti: Emiliano Bozzetti e Nicola Sanna
  • Fisiologo: Cristian Osgnach
  • Osteopata: Cristiano Pompili
  • Match analyst: Francesco Bordin
  • Dirigente accompagnatore: Vincenzo Marinelli
  • Segretario: Manfredi Martino

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Club Italia - Nazionale Under 21, figc.it. URL consultato il 6 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2011).
  2. ^ Matteo Pinci, Under 21, beffa Italia in Inghilterra: azzurrini ko al 93', su repubblica.it, 10 novembre 2016.
  3. ^ Nazionale, la settimana magica di Locatelli: dal gol alla convocazione in Under-21, su repubblica.it, 8 ottobre 2016.
  4. ^ I "giovani" d'Italia e d'Ungheria si fronteggiano in una interessante partita, in La Stampa, 6 aprile 1942, p. 2. URL consultato il 4 ottobre 2018.
  5. ^ (EN) Italy - U-23 - International Results, su rsssf.com. URL consultato il 4 ottobre 2018.
  6. ^ Almanacco Illustrato del Calcio 1990, p. 539.
  7. ^ a b Bruno Bernardi, La "Under 21" a Udine affronta la Romania (PDF), in La Stampa, 16 aprile 1969, p. 18. URL consultato il 15 luglio 2020.
  8. ^ Bruno Bernardi, Una rete di Pulici decide Italia-Romania giovani: 1-0 (PDF), in La Stampa, 17 aprile 1969, p. 18. URL consultato il 15 luglio 2020.
  9. ^ Ricevimento all'Ambasciata della nazionale "Under 21" (PDF), in Il Piccolo, 23 luglio 1969, p. 10. URL consultato il 16 luglio 2020.
  10. ^ Bruno Perucca, A Dresda una battaglia disperata per i giovani azzurri dell'Olimpica (PDF), in La Stampa, 1° maggio 1971, p. 21. URL consultato il 15 luglio 2020.
  11. ^ Giulio Accattino, Azzurrini, che delusione (PDF), in La Stampa, 6 aprile 1978, p. 15. URL consultato il 17 luglio 2020.
  12. ^ Carlo Coscia, L'Under 21 fuori dall'europeo (PDF), in La Stampa, 10 aprile 1980, p. 21. URL consultato il 17 luglio 2020.
  13. ^ Carlo Coscia, Sconfitta meritata per l'Under 21 (PDF), in La Stampa, 24 febbraio 1982, p. 17. URL consultato il 17 luglio 2020.
  14. ^ Carlo Coscia, La Under 21 ad Aberdeen uno spettacolo con beffa (PDF), in La Stampa, 26 marzo 1982, p. 19. URL consultato il 17 luglio 2020.
  15. ^ Carlo Coscia, Un gol di Vignola rompe la noia (PDF), in La Stampa, 5 aprile 1984, p. 22. URL consultato il 18 luglio 2020.
  16. ^ Carlo Coscia, All'Under non basta un gol, è fuori (PDF), in La Stampa, 3 maggio 1984, p. 24. URL consultato il 18 luglio 2020.
  17. ^ Carlo Coscia, Tutto merito di Vialli (PDF), in La Stampa, 30 marzo 1986, p. 26. URL consultato il 18 luglio 2020.
  18. ^ Carlo Coscia, Per la prima volta in finale (PDF), in La Stampa, 24 aprile 1986, p. 26. URL consultato il 18 luglio 2020.
  19. ^ Carlo Coscia, Un'Italia aggressiva vince, ma raccoglie poco (PDF), in La Stampa, 16 ottobre 1986, p. 26. URL consultato il 18 luglio 2020.
  20. ^ Carlo Coscia, L'Italia si arrende ai rigori (PDF), in La Stampa, 30 ottobre 1986, p. 25. URL consultato il 18 luglio 2020.
  21. ^ Giorgio Gandolfi, La Under perde una partita già vinta (PDF), in La Stampa, 17 marzo 1988, p. 24. URL consultato il 19 luglio 2020.
  22. ^ Giorgio Gandolfi, L'Europa calcistica rifiuta i giovani "polli" dell'Under (PDF), in Stampa Sera, 24 marzo 1988, p. 21. URL consultato il 19 luglio 2020.
  23. ^ Giorgio Viglino, Il gioco delle tre panchine (PDF), in La Stampa, 2 settembre 1986, p. 22. URL consultato il 19 luglio 2020.
  24. ^ Giorgio Gandolfi, L'attimo fuggente dell'Under 21 (PDF), in La Stampa, 22 febbraio 1990, p. 19. URL consultato il 22 luglio 2020.
  25. ^ Giorgio Gandolfi, Under, via libera per la Jugoslavia (PDF), in La Stampa, 30 marzo 1990, p. 21. URL consultato il 22 luglio 2020.
  26. ^ Giorgio Gandolfi, Azzurrini, uno 0-0 che vale (PDF), in La Stampa, 12 aprile 1990, p. 21. URL consultato il 22 luglio 2020.
  27. ^ Giorgio Gandolfi, Azzurrini stregati dalla Jugoslavia (PDF), in La Stampa, 10 maggio 1990, p. 20. URL consultato il 22 luglio 2020.
  28. ^ Mattia Chiusano, Ecco l'Italia che piace, in Sport - la Repubblica, 18 novembre 1999, p. 47.
  29. ^ Giorgio Gandolfi, E gli azzurrini vanno in barca tra i fiordi, in La Stampa, 6 giugno 1991, p. 31. URL consultato il 22 luglio 2020.
  30. ^ a b Giorgio Gandolfi, Per gli azzurrini c'è posto ai Giochi, in La Stampa, 26 marzo 1992, p. 29. URL consultato il 22 luglio 2020.
  31. ^ Giorgio Gandolfi, Azzurrini, adesso c'è la finalissima, in La Stampa, 23 aprile 1992, p. 31. URL consultato il 22 luglio 2020.
  32. ^ Giorgio Gandolfi, Azzurrini all'ultimo passo verso la finale europea, in La Stampa, 22 aprile 1992, p. 27. URL consultato il 24 luglio 2020.
  33. ^ Giorgio Gandolfi, Gli Azzurrini hanno l'Europa in pugno, in La Stampa, 29 maggio 1992, p. 31. URL consultato il 22 luglio 2020.
  34. ^ Giorgio Gandolfi, Campioni almeno con gli azzurrini, in La Stampa, 4 giugno 1992, p. 31. URL consultato il 22 luglio 2020.
  35. ^ Franco Badolato, Un match vinto con la testa, in La Stampa, 10 marzo 1994, p. 30. URL consultato il 24 luglio 2020.
  36. ^ Franco Badolato, Italia avanti, c'è la Francia, in La Stampa, 24 marzo 1994, p. 30. URL consultato il 24 luglio 2020.
  37. ^ Franco Badolato, Infallibili dal dischetto, azzurrini in finale, La Stampa, 16 aprile 1994, p. 27. URL consultato il 28 giugno 2012.
  38. ^ Franco Badolato, La banda Maldini colpisce ancora, La Stampa, 21 aprile 1994, p. 31. URL consultato il 24 luglio 2012.
  39. ^ Franco Badolato, Azzurrini, è un tiro al bersaglio, La Stampa, 24 marzo 1995, p. 36. URL consultato il 29 luglio 2020.
  40. ^ Franco Badolato, L'Italia frena per Atlanta, La Stampa, 14 marzo 1996, p. 31. URL consultato il 29 luglio 2020.
  41. ^ Franco Badolato, Atlanta eccoci, La Stampa, 28 marzo 1996, p. 33. URL consultato il 29 luglio 2020.
  42. ^ Franco Badolato, È grande la piccola Italia, La Stampa, 29 maggio 1996, p. 33. URL consultato il 29 luglio 2020.
  43. ^ Franco Badolato, Under eroica, tris fantastico, La Stampa, 1º giugno 1996, p. 31. URL consultato il 29 luglio 2020.
  44. ^ Franco Badolato, Ma la Under fa la controrivoluzione, in La Stampa, 22 gennaio 1997, p. 27. URL consultato il 31 luglio 1997.
  45. ^ Under 21 a Tardelli, su raisport.rai.it, 18 dicembre 1997. URL consultato il 21 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 22 giugno 2015).
  46. ^ Giancarlo Laurenzi, L'Under sì che è una squadra, in La Stampa, 15 novembre 1999, p. 33.
  47. ^ Giancarlo Laurenzi, L'Under all'ultimo respiro, in La Stampa, 18 novembre 1999, p. 31. URL consultato il 31 luglio 1997.
  48. ^ Giancarlo Laurenzi, L'Under di Tardelli si prende tutto, in La Stampa, 2 giugno 2000, p. 36. URL consultato il 31 luglio 1997.
  49. ^ Giancarlo Laurenzi, Pirlo fa urlare di nuovo Tardelli, in La Stampa, 4 giugno 2000, p. 33. URL consultato il 31 luglio 2020.
  50. ^ Gentile all'Under in stile Tardelli, in la Repubblica, 13 ottobre 2000, p. 61.
  51. ^ Stefano Mancini, L'Under non ha nostalgia di Cassano, in La Stampa, 11 novembre 2001, p. 33. URL consultato il 1º agosto 2020.
  52. ^ Stefano Mancini, L'Under canta l'inno e conquista le finali, in La Stampa, 15 novembre 2001, p. 38. URL consultato il 1º agosto 2020.
  53. ^ Golden gol fatale all'Italia, in La Stampa, 26 maggio 2002, p. 31. URL consultato il 20 agosto 2020.
  54. ^ L'Italietta promossa senza squilli, in La Stampa, 20 novembre 2003, p. 33. URL consultato il 14 ottobre 2020.
  55. ^ Gilardino porta gli azzurrini in finale e ai Giochi, in La Stampa, 6 giugno 2004, p. 35. URL consultato il 14 ottobre 2020.
  56. ^ Paolo Butturini, Azzurrini d'Europa, su gazzetta.it, 8 giugno 2004.
  57. ^ Gentile si trova due punti in più La Scozia punita 0-3 a tavolino, in La Stampa, 6 settembre 2005, p. 31. URL consultato il 14 ottobre 2020.
  58. ^ Vince l' Olanda, l' Italia di Gentile ritorna a casa, in la Repubblica, 30 maggio 2006. URL consultato il 14 ottobre 2020.
  59. ^ Calcio, Under 21: Casiraghi nuovo CT, Zola consulente, in la Repubblica, 24 luglio 2006.
  60. ^ Azzurrini, soltanto 0-0 con la Spagna tutto rimandato alla gara di ritorno, in la Repubblica, 7 ottobre 2006. URL consultato il 14 ottobre 2020.
  61. ^ L'Under 21 vola all'Europeo Spagna battuta per 2-1, in la Repubblica, 10 ottobre 2006. URL consultato il 14 ottobre 2020.
  62. ^ Giuseppe Calabrese, Pazzini, tre gol a Wembley, in Firenze - la Repubblica, 25 marzo 2007, p. 1.
  63. ^ Giuseppe Calabrese, La Spagna è lontana, lezione ai ragazzi, in Sport - la Repubblica, 19 giugno 2013, p. 57.
  64. ^ Tre positivi negli azzurrini, rinviata Islanda-Italia. La squadra rientrerà con due aerei, su gazzetta.it, 9 ottobre 2020. URL consultato il 14 ottobre 2020.
  65. ^ Italia-Irlanda 2-0, l’Under 20 vince al posto dell’U21 con gli «immunizzati», su corriere.it, 14 ottobre 2020. URL consultato il 14 ottobre 2020.
  66. ^ ex aequo con la Francia
  67. ^ A questi ori va aggiunto un oro conquistato nel 1997 a Bari dalla Nazionale Under-23, in questo modo gli ori conquistati dall'Italia ai Giochi del Mediterraneo diventano 4 che è l'effettivo numero di medaglie d'oro conquistate dalla Nazionale italiana ai Giochi del Mediterraneo
  68. ^ A questo argento va aggiunto un argento conquistato nel 2009 a Pescara dalla Nazionale Under-20, in questo modo gli argenti conquistati dall'Italia ai Giochi del Mediterraneo diventano 2 che è l'effettivo numero di medaglie d'argento conquistate dalla Nazionale italiana ai Giochi del Mediterraneo
  69. ^ Classifica marcatori Nazionale Under 21, su figc.it. URL consultato il 6 giugno 2010.
  70. ^ Qualificazioni europee: 25 convocati per le gare con Islanda e Repubblica d’Irlanda, su figc.it, 2 ottobre 2020. URL consultato il 3 ottobre 2020.
  71. ^ Azzurrini in ritiro a Tirrenia. Lovato infortunato, Nicolato convoca Tripaldelli, su figc.it, 5 ottobre 2020. URL consultato il 6 ottobre 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio