Massimo Ciocci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Massimo Ciocci
Massimo Ciocci - FC Inter.jpg
Ciocci all'Inter a metà anni 1980
Nazionalità Italia Italia
Altezza 172[1] cm
Peso 60[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex Attaccante)
Ritirato 2001 - giocatore
Carriera
Giovanili
19??-1986 Inter
Squadre di club1
1985-1988 Inter 26 (5)
1988-1989 Padova 29 (5)
1989-1990 Ancona 33 (18)
1990-1991 Cesena 33 (13)
1991-1992 Inter 28 (1)
1992-1993 SPAL 34 (5)
1993-1995 Genoa 18 (3)
1995-1996 Padova 18 (2)
1996-1998 Pistoiese 21 (2)
1998-1999 Verbania 53 (23)
1999-2001 Borgosesia 6 (3)
Nazionale
1988 Italia Italia U-21 2 (1)
Carriera da allenatore
2002-2003 Arona
2006-2007 Bisection vertical White HEX-FF0000.svg Chiesanuova Treia
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Massimo Ciocci (Corridonia, 25 febbraio 1968) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante. Attuale responsabile tecnico dell'Inter Academy in Giappone[2].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Ciocci al Cesena

Cresciuto nel settore giovanile dell'Inter, fu lanciato in prima squadra da Trapattoni il 22 marzo 1987 (Inter-Napoli 1-0).[3] Il 26 aprile segnò la prima rete, contro la Fiorentina.[4] Andò in gol contro i viola anche il 13 dicembre successivo.[5] Il 27 marzo 1988 fu, invece, autore di una doppietta alla Roma nel 4-2 finale.[6] Venne frenato da vari infortuni alle ginocchia e dai quattro interventi che ne conseguirono.[7]

Nel campionato 1990-1991 giocò nel Cesena, quindi tornò a Milano per 3,7 miliardi di lire.[8]

Dopo un'esperienza alla SPAL, ritornò in Serie A grazie al Genoa, che lo acquistò per 3 miliardi di lire,[9] e al Padova, dove formò la coppia d'attacco patavina assieme a Giuseppe Galderisi.

Giocò poi nelle serie minori piemontesi con le maglie di Verbania e Borgosesia.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il suo ritiro fu colpito da tumore all'intestino, da cui guarì.

Intraprese in seguito la carriera di allenatore: nella stagione 2002-2003 sedette sulla panchina dell'Arona, nel campionato di Eccellenza, mentre nell'annata 2006-2007 guidò la compagine dilettantistica del Chiesanuova di Treia, militante nel campionato marchigiano di Prima Categoria.[7]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]
Inter: 1986

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 4 (1987-1988), Panini, 28 maggio 2012, p. 37.
  2. ^ Inter Academy in Giappone. Monti: "Siamo contenti", fcinternews.it, 27 aprile 2014. URL consultato il 20 ottobre 2014.
  3. ^ Licia Granello e Gianni Mura, Che succede allo scudetto?, in la Repubblica, 24 marzo 1987, p. 24.
  4. ^ Infortunati & incompresi, in la Repubblica, 28 aprile 1987, p. 26.
  5. ^ Gianni Brera, Un campionato senza cuore, in la Repubblica, 15 dicembre 1987, p. 26.
  6. ^ Licia Granello, E l'Inter fu salvata da un ragazzo del '68, in la Repubblica, 29 marzo 1988, p. 26.
  7. ^ a b Ciocci: "Ho vinto un tumore", gazzetta.it, 15 marzo 2007. URL consultato il 20 ottobre 2014.
  8. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 8 (1991-1992), Panini, 25 giugno 2012, p. 10.
  9. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 10 (1993-1994), Panini, 9 luglio 2012, p. 10.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, De Ferrari, 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]