Francesco Antonioli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Francesco Antonioli
Francesco antonioli milan.png
Antonioli al Milan nel 1988
Nazionalità Italia Italia
Altezza 187 cm
Peso 82 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex portiere)
Squadra Cesena (Vice)
Ritirato 2012 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1986-1988 Monza 23 (-12)
1988-1990 Milan 0 (0)
1990 Cesena 0 (0)
1990-1991 Modena 30 (-22)
1991-1993 Milan 13 (-10)
1993-1994 Pisa 26 (-20)
1994-1995 Reggiana 30 (-48)
1995-1999 Bologna 103 (-106)
1999-2003 Roma 102 (-102)
2003-2006 Sampdoria 104 (-111)
2006-2009 Bologna 119 (-127)
2009-2012 Cesena 106 (-121)
Nazionale
1989-1992 Italia Italia U-21 23 (-?)
1992 Italia Italia olimpica 6 (-5)
2000 Italia Italia 0 (-0)
Carriera da allenatore
2013-2018CesenaPortieri
2018-CesenaVice
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Oro 1992
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Argento Belgio-Paesi Bassi 2000
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 6 maggio 2012

Francesco Antonioli (Monza, 14 settembre 1969) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo portiere, preparatore dei portieri del Cesena.

Nel corso della sua carriera ha conquistato tre scudetti (1991-1992, 1992-1993, 2000-2001), due Supercoppe di Lega (1992, 2001) e una Coppa Intertoto (1998); ha inoltre fatto parte, senza scendere in campo, della rosa del Milan vincitore di due Coppe dei Campioni, una Supercoppa UEFA e una Coppa Intercontinentale tra il 1988 e il 1990. Al suo attivo anche un campionato italiano di Serie B (1995-1996) e una Coppa Italia Serie C (1987-1988).

È stato a lungo titolare della nazionale Under-21, con cui ha conquistato il campionato d'Europa 1992; nello stesso anno, sempre da titolare, ha partecipato ai Giochi olimpici di Barcellona. Con la nazionale maggiore non ha disputato alcun incontro, ma ha preso parte come secondo portiere al campionato d'Europa 2000, concluso al secondo posto.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Era un portiere dotato di ottima tecnica, che gli consentiva di compiere interventi stilisticamente pregevoli;[1] ciononostante, il suo stile era sobrio e poco spettacolare, con movimenti simili a quelli di Giovanni Galli, suo punto di riferimento.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce in prima squadra con il Monza a 16 anni, in una partita di Coppa Italia contro la Juventus.[3] Dopo due stagioni con i brianzoli in Serie C1, viene acquistato dal Milan di Arrigo Sacchi, con il quale vince due UEFA Champions League in qualità di terzo portiere. Ritenuto un giovane di sicuro avvenire[4][5] – per molti è il più promettente portiere italiano insieme ad Angelo Peruzzi[6] –, per la stagione 1990-1991 sembra destinato a raccogliere l'eredità di Giovanni Galli, ceduto al Napoli, ed entrare in competizione con Andrea Pazzagli per un posto da titolare nella squadra rossonera, ma un precampionato incerto lo porta a trasferirsi in prestito al Cesena[4] (da riserva) e poi in Serie B al Modena (da titolare).

Antonioli al Bologna nel 1996

Torna nelle file del Milan e debutta in Serie A il 18 aprile 1992. Veste la maglia rossonera per un ulteriore biennio, conquistando due scudetti consecutivi, ma viene scavalcato nelle gerarchie da Sebastiano Rossi,[5] scendendo in campo solo in 13 occasioni. Nel 1993 Il portiere riparte dalla divisione cadetta, accettando l'offerta del Pisa: nonostante la stagione si concluda con la retrocessione dei toscani in Serie C1, Antonioli è richiamato nella massima serie dalla Reggiana.

L'anno successivo passa al Bologna in Serie B, vincendo immediatamente il campionato. In rossoblù militerà per quattro stagioni, rivelandosi uno dei pilastri della squadra,[7] che raggiungense due semifinali di Coppa Italia e una semifinale di Coppa UEFA.[8]

Nell'estate 1999 viene acquistato dalla Roma, con la quale vince il campionato 2000-2001. Dopo quattro stagioni dal rendimento sostanzialmente positivo, seppur altalenante,[9][10] Antonioli si accasa alla Sampdoria. Nel giugno 2006 ritorna, dopo sette anni, al Bologna, con cui disputa due stagioni in Serie B senza saltare nessuna partita; nel 2007-2008 conquista la promozione in massima serie.

Il 7 luglio 2009, svincolatosi dal Bologna, si accasa al Cesena.[11] Nel campionato 2009-2010, disputato da titolare, ha conquistato la promozione in Serie A, all'età di 40 anni. In questo medesimo campionato e in quello successivo, Antonioli è stato il più anziano calciatore professionista italiano in attività dopo Andrea Pierobon. Nella stagione 2011-2012 diventa il secondo giocatore più anziano a essere mai sceso in campo in Serie A (dopo Marco Ballotta).[12] Svincolatosi a fine stagione,[13] il 22 dicembre 2012 annuncia il ritiro dal calcio giocato.[14]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Convocato da Cesare Maldini, esordisce nell'Italia Under-21 il 20 dicembre 1989, in occasione di un'amichevole contro la Spagna persa per 1-0. Sul finire del 1990 diventa il portiere titolare degli azzurrini, e in questa veste prende parte al campionato d'Europa 1992, vinto battendo in finale la Svezia. Sempre da titolare, partecipa anche ai Giochi olimpici di Barcellona 1992, in cui l'Italia è eliminata ai quarti di finale dalla Spagna. Totalizza 23 presenze nell'Under-21 e 6 nell'Italia olimpica.

Nella nazionale maggiore non disputa alcun incontro, ma è convocato da Dino Zoff per il campionato d'Europa 2000: dapprima selezionato come terza scelta – in sostituzione di Angelo Peruzzi, che rinuncia alla chiamata[15] – dietro Gianluigi Buffon e Francesco Toldo, viene poi promosso a vice di Toldo per via del forfait del titolare designato Buffon, infortunatosi a pochi giorni dall'inizio del torneo.[16] L'Italia si arrende in finale alla Francia, impostasi per 2-1 ai tempi supplementari grazie al golden goal di David Trezeguet.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

A un anno dal suo ritiro, viene ingaggiato dal Cesena come preparatore dei portieri.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 6 maggio 2012.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1988-1989 Italia Milan A 0 -0 CI 1 -1 CC 0 -0 SI 0 -0 1 -1
1989-1990 A 0 -0 CI 0 -0 CC 0 -0 SU+CInt 0 -0 0 -0
ago. 1990 Italia Cesena A 0 -0 CI 1 -2 - - - - - - 1 -2
1990-1991 Italia Modena B 30 -22 CI 2 -3 - - - - - - 32 -25
1991-1992 Italia Milan A 4 -3 CI 7 -5 - - - - - - 11 -8
1992-1993 A 9 -7 CI 1 -0 UCL 4 -0 SI 1 -1 15 -8
Totale Milan 13 -10 9 -6 4 -0 1 -1 27 -17
1993-1994 Italia Pisa B 26+1[17] -20 + -0[17] CI - - - - - - - - 27 -20
1994-1995 Italia Reggiana A 30 -48 CI 4 -3 - - - - - - 34 -51
1995-1996 Italia Bologna B 38 -23 CI 6 -4 - - - - - - 44 -27
1996-1997 A 33 -42 CI 6 -6 - - - - - - 39 -48
1997-1998 A 0 -0 CI 0 -0 - - - - - - 0 -0
1998-1999 A 32+2[18] -41 + -2[18] CI 8 -8 I+CU 6+10 -3 + -7 - - - 58 -61
1999-2000 Italia Roma A 30 -31 CI 4 -3 CU 8 -2 - - - 42 -35
2000-2001 A 26 -28 CI 2 -5 CU 6 -4 - - - 34 -37
2001-2002 A 30 -20 CI 2 -2 UCL 10 -7 SI 0 -0 42 -29
2002-2003 A 16 -23 CI 2 -4 UCL 9 -9 - - - 27 -36
Totale Roma 102 -102 10 -14 33 -22 0 -0 145 -138
2003-2004 Italia Sampdoria A 32 -39 CI 0 -0 - - - - - - 32 -39
2004-2005 A 37 -26 CI 1 -1 - - - - - - 38 -27
2005-2006 A 35 -46 CI 0 -0 CU 2 -1 - - - 37 -48
Totale Sampdoria 104 -111 1 -1 2 -1 - - 107 -113
2006-2007 Italia Bologna B 42 -42 CI 3 -4 - - - - - - 45 -46
2007-2008 B 42 -29 CI 2 -2 - - - - - - 44 -31
2008-2009 A 35 -56 CI 1 -0 - - - - - - 36 -56
Totale Bologna 222+2 -233 + -2 26 -24 16 -10 - - 266 -269
2009-2010 Italia Cesena B 39 -26 CI 2 -3 - - - - - - 41 -29
2010-2011 A 37 -47 CI 0 -0 - - - - - - 37 -47
2011-2012 A 30 -48 CI 1 -0 - - - - - - 31 -48
Totale Cesena 106 -121 4 -5 - - - - 110 -126
Totale carriera 633+3 -667 + -2 56 -56 55 -33 1 -1 748 -758

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Monza: 1987-1988
Milan: 1991-1992, 1992-1993
Roma: 2000-2001
Milan: 1992
Roma: 2001
Bologna: 1995-1996
Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]
Milan: 1988-1989, 1989-1990
Milan: 1989
Milan: 1989
Bologna: 1998

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 12 luglio 2000. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.[20]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alessio Da Ronch, Toldo piazza la barriera, in La Gazzetta dello Sport, 17 luglio 1999.
  2. ^ Giorgio Gandolfi, Antonioli-Peruzzi, titolare è bello, in La Stampa, 21 aprile 1992, p. 32.
  3. ^ Antonioli e quella gara con la Juve, su sportmediaset.mediaset.it, 10 marzo 2011.
  4. ^ a b Licia Granello, Portiere di passaggio, in la Repubblica, 9 agosto 1990, p. 23.
  5. ^ a b Licia Granello, Settimo portiere, è il CT dei tormenti, in la Repubblica, 4 ottobre 1994, p. 22.
  6. ^ Luca Calamai e Nicola Cecere, Toldo, proteggi l'Italia, in La Gazzetta dello Sport, 9 giugno 2000.
  7. ^ Silvano Stella, Pagliuca nella sua Bologna: "Qui per vincere ancora", in La Gazzetta dello Sport, 6 luglio 1999. URL consultato il 1º ottobre 2016.
  8. ^ Bologna beffato, su www2.raisport.rai.it, 20 aprile 1999. URL consultato il 1º ottobre 2016.
  9. ^ Mattia Chiusano, Euforia Sensi: turno passato, in la Repubblica, 17 ottobre 2001, p. 50. URL consultato il 1º ottobre 2016.
  10. ^ Francesca Ferrazza, Antonioli, la rivincita nelle sue mani, in la Repubblica, 8 novembre 2001, p. 13, sez. Roma. URL consultato il 1º ottobre 2016.
  11. ^ Antonioli nuovo portiere del Cesena, su cesenacalcio.it. URL consultato l'8 luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 10 luglio 2009).
  12. ^ Quasi record per Antonioli, il secondo giocatore più vecchio della Serie A., su soccermagazine.it. URL consultato il 6 dicembre 2010 (archiviato dall'url originale il 17 ottobre 2011).
  13. ^ Da Alex a Zambrotta: gli svincolati, su sportmediaset.mediaset.it.
  14. ^ Ex Milan:antonioli si ritira [collegamento interrotto], su calciomercato.com. URL consultato il 16 gennaio 2013.
  15. ^ Montella e Antonioli fra i convocati per gli Europei, su repubblica.it, 16 maggio 2000.
  16. ^ (EN) Injured Buffon out of Euro 2000, su news.bbc.co.uk, 3 giugno 2000. URL consultato il 3 ottobre 2016.
  17. ^ a b Play-out.
  18. ^ a b Spareggio per il posto in Coppa UEFA.
  19. ^ a b c In rosa, ma non sceso in campo.
  20. ^ Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Francesco Antonioli, su quirinale.it. URL consultato il 4 aprile 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]