Paolo Negro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando lo scrittore e giornalista, vedi Paolo Negro (scrittore).
Paolo Negro
Paolo Negro - Lazio 1995.png
Negro alla Lazio nella stagione 1995-1996
Nazionalità Italia Italia
Altezza 182 cm
Peso 73 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Squadra non conosciuta Cragnotti FC (Esordienti)
Ritirato 2011 - giocatore
Carriera
Giovanili
19??-1988 Chiampo
1988-1990 Brescia
Squadre di club1
1989-1990 Brescia 0 (0)
1990-1992 Bologna 49 (0)
1992-1993 Brescia 26 (1)
1993-2005 Lazio 264 (19)
2005-2007 Siena 50 (4)
2010-2011 Città di Cerveteri 7 (1)
Nazionale
1990-1994 Italia Italia U-21 10 (2)
1994-2000 Italia Italia 8 (0)
Carriera da allenatore
2010-2011Città di Cerveteri
2012-2014Flag maroon HEX-7B1C20.svg Zagarolo
2015LatinaPrimavera
2016-2017Voluntas Spoleto
2017- non conosciuta Cragnotti FCEsordienti
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Oro Francia 1994
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Argento Belgio-Paesi Bassi 2000
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 29 settembre 2010

Paolo Negro (Arzignano, 16 aprile 1972) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore, tecnico della categoria Esordienti della Cragnotti FC.

È il calciatore con il maggior numero di presenze nelle competizioni internazionali con la maglia della Lazio: 64.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Difensore impiegato prevalentemente nella zona destra della difesa a quattro, era un giocatore forte fisicamente, disciplinato sotto il profilo tattico, bravo nei colpi di testa e nelle conclusioni dalla distanza.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi: Brescia, Bologna e ancora Brescia[modifica | modifica wikitesto]
Negro con la maglia del Bologna nella stagione 1991-1992.

Cresce calcisticamente nel Brescia dove viene trasformato da attaccante in fluidificante[1] e nel 1990 passa al Bologna, con cui debutta in serie A il 28 ottobre 1990 in Genoa-Bologna 0-0 ed esordisce nelle coppe europee in Zagłębie Lubin-Bologna 0-1 valida per l'andata dei trentaduesimi di finale di Coppa UEFA.

Nella stagione 1992-1993 torna a Brescia e realizza la sua prima rete nella massima serie, aprendo al 12' le marcature di Brescia-Sampdoria 3-1, incontro valevole per l'ultima giornata di campionato disputata il 6 giugno 1993.

Lazio[modifica | modifica wikitesto]

Ceduto alla Lazio nella stagione 1993-1994 per 4 miliardi di lire,[2] si afferma come terzino destro titolare. Per dieci stagioni consecutive segna almeno una rete in campionato; nell'annata 1994-1995, la prima sotto la guida del tecnico boemo Zdeněk Zeman in cui la Lazio conclude il campionato con il migliore attacco a quota 69,[1] segna 4 reti.

Rimane alla Lazio per dodici stagioni, indossando anche la fascia da capitano.[3] Colleziona in totale 376 presenze e 24 reti, terzo nella graduatoria assoluta dietro Favalli (401) e Wilson (394).[4]

Siena e Cerveteri[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 2005-2006 passa al Siena con cui gioca due campionati di serie A, contribuendo alla salvezza dei toscani, al termine dei quali non gli viene però rinnovato il contratto e nell'estate del 2007 viene svincolato. Rimane così inattivo per circa 3 anni, ma nel 2010 torna in campo con la formazione laziale del Città di Cerveteri.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Con l'Under-21 ha giocato 10 partite mettendo a segno 2 reti e conquistando il titolo di campione d'Europa nel 1994.

Ha esordito in Nazionale maggiore a Palermo il 16 novembre 1994 in Italia-Croazia 1-2 e in tutto ha collezionato 8 presenze, con una partecipazione (e una presenza) all'Europeo 2000.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre 2010 viene chiamato alla sua prima esperienza da allenatore, sulla panchina del Cerveteri, squadra nella quale aveva concluso la carriera di calciatore. Nel gennaio 2012 diventa allenatore dello Zagarolo, formazione di Serie D.[5]

Il 10 dicembre 2012 inizia a frequentare a Coverciano il corso di abilitazione per il master di allenatori professionisti Prima Categoria-UEFA Pro.[6]

Il 5 gennaio 2015 viene nominato nuovo allenatore della primavera del Latina, sostituendo Mark Iuliano diventato allenatore della prima squadra[7]. Il 24 febbraio lascia la panchina della squadra pontina per motivi strettamente personali[8]. Dal 12 luglio 2016 viene nominato nuovo allenatore della Voluntas Spoleto, squadra che condurrà fino a febbraio 2017, quando verrà infatti esonerato.

Il 1º settembre 2017 viene ufficializzato il suo nuovo incarico come allenatore della squadra di categoria Esordienti della neonata associazione sportiva Cragnotti FC[9], rispondendo con entusiasmo alla chiamata di Massimo Cragnotti, figlio di Sergio Cragnotti, presidente del secondo scudetto laziale[10].

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 15 novembre 2009.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1989-1990 Italia Brescia B 0 0 CI 0 0 - - - - - - 0 0
1990-1991 Italia Bologna A 23 0 CI 3 0 CU 5 1 - - - 31 1
1991-1992 B 26 0 CI 2 0 - - - - - - 28 0
Totale Bologna 49 0 5 0 5 1 - - 59 1
1992-1993 Italia Brescia A 26 1 CI 0 0 - - - - - - 26 1
1993-1994 Italia Lazio A 23 1 CI 1 0 CU 2 0 - - - 26 1
1994-1995 A 32 4 CI 8 3 CU 8 1 - - - 48 8
1995-1996 A 31 1 CI 4 0 CU 4 0 - - - 39 1
1996-1997 A 27 3 CI 3 0 CU 4 0 - - - 34 3
1997-1998 A 28 2 CI 10 0 CU 9 0 - - - 47 2
1998-1999 A 21 3 CI 4 0 CdC 3 0 SI 0 0 28 3
1999-2000 A 26 2 CI 5 0 UCL 10 1 SU 1 0 42 3
2000-2001 A 24 1 CI 3 0 UCL 5 0 SI 0 0 32 1
2001-2002 A 16 1 CI 4 0 UCL 5 0 - - - 25 1
2002-2003 A 19 1 CI 3 0 CU 6 0 - - - 28 1
2003-2004 A 13 0 CI 1 0 UCL 3 0 - - - 17 0
2004-2005 A 4 0 CI 1 0 CU 4 0 SI 1 0 10 0
Totale Lazio 264 19 47 3 63 2 2 0 376 24
2005-2006 Italia Siena A 30 1 CI 1 0 - - - - - - 31 1
2006-2007 A 20 3 CI 0 0 - - - - - - 20 3
Totale Siena 50 4 1 0 - - - - 51 4
Totale carriera 389 24 53 3 68 3 2 0 512 30

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
16-11-1994 Palermo Italia Italia 1 – 2 Croazia Croazia Qual. Euro 1996 -
21-12-1994 Pescara Italia Italia 3 – 1 Turchia Turchia Amichevole - Ingresso al 54’ 54’
25-3-1995 Salerno Italia Italia 4 – 1 Estonia Estonia Qual. Euro 1996 -
16-12-1998 Roma Italia Italia 6 – 2 World Stars World Stars Amichevole - Ingresso al 40’ 40’
28-4-1999 Zagabria Croazia Croazia 0 – 0 Italia Italia Amichevole -
5-6-1999 Bologna Italia Italia 4 – 0 Galles Galles Qual. Euro 2000 -
9-6-1999 Losanna Svizzera Svizzera 0 – 0 Italia Italia Qual. Euro 2000 -
19-6-2000 Eindhoven Italia Italia 2 – 1 Svezia Svezia Euro 2000 - 1º Turno -
Totale Presenze 8 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Bocchio, Tosco, pp. 133-134.
  2. ^ Panini, p. 10.
  3. ^ Negro ricorda con amarezza: “Usato come barriera umana, sarei rimasto a vita nella Lazio”, su lalaziosiamonoi.it, 5 gennaio 2014.
  4. ^ Campionati, Coppe e Record, su sslazio.it.
  5. ^ Paolo Negro è il nuovo allenatore dell'US ZAGAROLO, su uszagarolo.it (archiviato dall'url originale il 7 aprile 2012).
  6. ^ Master Uefa a Coverciano: iscritti anche Stramaccioni e Inzaghi, su calciomercato.com, 5 ottobre 2012.
  7. ^ Paolo Negro nuovo allenatore Latina Primavera, su uslatinacalcio.it, 5 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 5 gennaio 2015).
  8. ^ UFFICIALE: Latina, via Negro. Chiappini nuovo allenatore della Primavera, su tuttomercatoweb.com, 24 febbraio 2015.
  9. ^ La famiglia Cragnotti torna nel calcio, in Sportal.it, 4 settembre 2017. URL consultato il 5 settembre 2017.
  10. ^ Prima uscita Esordienti/Pulcini contro la Scuola Calcio ASA. - Cragnottifc.it [collegamento interrotto], in Cragnottifc.it, 21 ottobre 2017. URL consultato il 5 dicembre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sandro Bocchio e Giovanni Tosco, Dizionario della grande Lazio, Roma, Newton Compton Editori, 2000.
  • Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, vol. 10 (1993-1994), Modena, Panini, 9 luglio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]