Valerio Fiori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Valerio Fiori
Valerio Fiori, August 2012 (2).jpg
Valerio Fiori in veste di allenatore dei portieri del Milan
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 185 cm
Peso 75 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Preparatore dei portieri (ex portiere)
Squadra Milan Milan (Portieri)
Ritirato 30 giugno 2008 - giocatore
Carriera
Giovanili
1982-1985
1986-1987
Lodigiani Lodigiani
Lazio Lazio
Squadre di club1
1985-1986 Lodigiani Lodigiani 1 (-1)
1986-1993 Lazio Lazio 117 (-128)
1993-1996 Cagliari Cagliari 82 (-108)
1996-1997 Cesena Cesena 18 (-22)
1997-1998 Fiorentina Fiorentina 1 (-0)
1998-1999 Piacenza Piacenza 28 (-36)
1999-2008 Milan Milan 1 (-4)
Nazionale
1989-1990 Italia Italia U-21 4 (-0)
Carriera da allenatore
2008- Milan Milan Portieri
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 26 maggio 2007

Valerio Fiori (Roma, 27 aprile 1969) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo portiere, dal 2008 preparatore dei portieri del Milan.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ha due figli gemelli (Emanuele e Daniele) nati nel 1996 a Cagliari, che giocano rispettivamente come difensore e come attaccante.

Si è laureato in giurisprudenza il 12 luglio 2007 presso l'Università "Sapienza" di Roma[1].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Portiere dotato di buon senso della posizione tra i pali[2], accusava spesso incertezze nelle uscite, soprattutto alte[2][3][4].

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Valerio Fiori ai tempi della Lazio

Cresciuto calcisticamente nella Montesacro, si trasferisce alla Lodigiani nella stagione 1985-1986, nella quale esordisce in Serie C2. Nel 1986 viene acquistato dalla Lazio, con cui vince il Campionato Primavera 1986-1987, e debutta in prima squadra l'8 gennaio 1989, a 19 anni, contro la Fiorentina. A partire dalla stagione successiva diventa titolare, ruolo che mantiene fino al 1992, e viene considerato tra i più promettenti portieri italiani[2]. Nelle annate successive il rendimento diminuisce, e viene criticato dall'ambiente laziale e dalla tifoseria[5][6]; a causa delle sue incertezze, la Gialappa's Band lo soprannomina Saponetta Fiori[3][4][7]. Nel corso della stagione 1992-1993 commette diversi errori, tra cui quello decisivo per l'eliminazione dalla Coppa Italia, contro il Torino[6][7], e viene sostituito nel ruolo di titolare da Fernando Orsi[6][7].

Nell'estate 1993 si trasferisce al Cagliari per 2,5 miliardi di lire[8], dopo aver difeso la porta laziale per 117 partite di campionato. In Sardegna gioca tre stagioni da titolare; vi ritrova la fiducia dell'ambiente e continuità di prestazioni[2][9], e partecipa da titolare alla Coppa UEFA 1993-1994, nella quale i sardi vengono eliminati in semifinale[9]. Anche a Cagliari viene contestato dalla tifoseria, nella sua ultima stagione[10], nella quale si alterna con Beniamino Abate, e nel 1996 si trasferisce in Serie B, al Cesena. Con i romagnoli disputa un'annata condizionata da errori[11] ed infortuni[12], e perde il posto da titolare a favore di Andrea Sardini; al termine del campionato la squadra retrocede in C1.

Nel 1997 torna in Serie A, ingaggiato dalla Fiorentina come riserva di Francesco Toldo[13]. Gioca una sola partita di campionato e 3 di Coppa Italia[14], e a fine stagione lascia i viola per trasferirsi al Piacenza, sempre in Serie A; qui disputa il suo ultimo campionato da titolare, nel quale commette numerosi errori che nel finale di stagione portano alla sostituzione con Sergio Marcon[15].

Scaduto il contratto con il Piacenza, nel 1999 passa al Milan[16], squadra nella quale ricopre il ruolo di terzo portiere[17]. Rimane con i rossoneri per nove stagioni, fino al ritiro nel 2008, disputando in tutto due partite: a Piacenza il 24 maggio 2003 (ultima giornata del campionato di Serie A 2002-2003, gara in cui scesero in campo molte riserve per far riposare i titolari in vista dell'imminente finale di Champions League contro la Juventus), e il 18 dicembre 2003 a San Siro contro la Sampdoria in Coppa Italia, quando subentra all'infortunato Christian Abbiati, nella partita finita 1-0 per i rossoneri[7].

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Ha collezionato 4 presenze su 9 convocazioni nella Nazionale italiana Under-21, senza mai subire gol.

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Dalla stagione 2008-2009 ricopre il ruolo di preparatore dei portieri per il Milan[18].

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni giovanili[modifica | modifica sorgente]
Lazio: 1986-1987
Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]
Milan: 2002-2003
Milan: 2003-2004
Milan: 2004
Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]
Milan: 2002-2003, 2006-2007
Milan: 2003, 2007
Milan: 2007

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Fiori, grandi parate davanti ai professori, Il Corriere della Sera, 18 giugno 2007, pag.41
  2. ^ a b c d Fiori contro il suo passato, Il Corriere della Sera, 29 aprile 1995, pag.50
  3. ^ a b M.Sappino, Dizionario del calcio italiano, ed.Baldini&Castoldi, pag.225
  4. ^ a b Saponetta Fiori Labatusa.wordpress.com
  5. ^ Chi va, chi resta: sono tutti nervosi, La Repubblica, 21 febbraio 1992, pag.26
  6. ^ a b c La solitudine di Fiori, già condannato in estate, La Repubblica, 30 gennaio 1993, pag.37
  7. ^ a b c d Asso di Fiori, 68mila euro al minuto, Il Messaggero, 3 luglio 2008
  8. ^ Gazza, il resto è quasi perfetto, La Repubblica, 30 luglio 1993, pag.39
  9. ^ a b Cagliari, la rimonta parte da Fiori, La Repubblica, 29 settembre 1993, pag.28
  10. ^ Lo scudetto non serve, da Parma siamo divisi, La Repubblica, 10 gennaio 1996, pag.39
  11. ^ B impazzita: botte, minacce, esoneri, La Stampa, 26 ottobre 1996, pag.35
  12. ^ È sempre Ferrante il cuore del Toro, La Stampa, 3 febbraio 1997, pag.35
  13. ^ Signori all'asta: "No, resto", La Repubblica, 11 luglio 1997, pag.44
  14. ^ Statistiche su Atf-firenze.it
  15. ^ Meteore e bidoni: Fiori Storiapiacenza1919.it
  16. ^ Milan: ecco Fiori. In dubbio Abbiati, Il Corriere della Sera, 20 agosto 1999, pag.37
  17. ^ Fiori, portiere virtuale: da due anni non entra in campo, Il Corriere della Sera, 21 maggio 2001, pag.53
  18. ^ Vecchi, Fiori e Rossi. Uno staff di ex portieri in La Gazzetta dello Sport, 2 luglio 2008, p. 10. URL consultato il 14-02-2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]