Milan Associazione Calcio 1988-1989

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Associazione Calcio Milan.

Milan Associazione Calcio
Milan1988 1989.jpg
Stagione 1988-1989
AllenatoreItalia Arrigo Sacchi
All. in secondaItalia Italo Galbiati
PresidenteItalia Silvio Berlusconi
Serie A3º posto
Coppa ItaliaSecondo turno
Coppa dei CampioniVincitore (in Coppa dei Campioni)
Supercoppa italianaVincitore
Maggiori presenzeCampionato: Baresi, van Basten (33)
Totale: Baresi (50)
Miglior marcatoreCampionato: van Basten (19)
Totale: van Basten (33)
StadioGiuseppe Meazza
Media spettatori72.309[1]

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti il Milan Associazione Calcio nelle competizioni ufficiali della stagione 1988-1989.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

La formazione vincitrice della Coppa dei Campioni 1988-89. L'undici di Sacchi è stato proclamato in un sondaggio di World Soccer nel 2007 miglior squadra di club di tutti i tempi.

Il calciomercato porta poche novità nella squadra campione d'Italia in carica: cambiano il secondo e il terzo portiere alle spalle del titolare Giovanni Galli e, a seguito della possibilità di tesserare 3 stranieri invece di 2,[2] arriva l'olandese Frank Rijkaard che si aggiunge agli altri due connazionali già presenti in rosa, Gullit e van Basten, freschi vincitori del titolo europeo con la Nazionale Orange.[3] A quasi quarant'anni di distanza dal Gre-No-Li si forma così un altro trio milanista di campioni stranieri.[4] Nel dicembre 1988, Marco van Basten vince il Pallone d'oro, precedendo nella classifica due suoi compagni: Gullit e Rijkaard.[4]

In Coppa Italia i rossoneri superano il primo turno chiudendo il proprio girone al primo posto con 9 punti grazie alle vittorie con Licata, Pescara, Campobasso e Lazio e al pareggio contro il Messina.[5] Nel secondo turno il Milan ottiene una vittoria contro la Sambenedettese, un pareggio con il Verona e viene battuto dal Torino, terminando così il girone a 3 punti alle spalle dei veronesi (5 punti), che si qualificano ai quarti di finale.[5]

Il Milan atterrato all'aeroporto di Milano-Malpensa dopo la vittoria della Coppa dei Campioni 1988-1989 a Barcellona contro la Steaua Bucarest

In campionato, cominciato nel mese di ottobre dopo le Olimpiadi di Seul e allargato da 16 a 18 squadre, il Milan inizia con 3 vittorie e 2 pareggi nelle prime 5 giornate. Dopo le sconfitte con Atalanta, Napoli e nel derby con l'Inter tra la 6ª e la 9ª giornata, i rossoneri si trovano distanziati di 7 punti dalla vetta, occupata proprio dai cugini nerazzurri.[6] La successiva striscia di 22 risultati utili tra la 13ª e l'ultima giornata (12 vittorie e 10 pareggi) non basta per tenere il passo dell'Inter e i rossoneri chiudono il campionato al 3º posto a 12 punti dai nerazzurri e uno dal Napoli.[5]

In Coppa dei Campioni, dopo aver superato ai sedicesimi il Vitosha Sofia con un complessivo 7-2, nel ritorno del secondo turno contro la Stella Rossa Belgrado (l'andata a Milano era finita 1-1) sul campo scende una fitta nebbia che induce l'arbitro tedesco Pauly a sospendere a norma di regolamento la partita dopo che, a visibilità già quasi nulla, gli slavi erano passati in vantaggio e Virdis era stato espulso.[7][8] Da quel momento il Milan inanella una serie di risultati positivi, eliminando nell'ordine la Stella Rossa ai rigori nella ripetizione della gara, il Werder Brema e il Real Madrid.[9] Contro gli spagnoli, dopo una gara di andata giocata al Bernabéu e finita 1-1 con gol di Hugo Sanchez e van Basten, i rossoneri si impongono 5-0 a San Siro grazie ai gol di Ancelotti, Rijkaard, Gullit, van Basten e Donadoni.[4][10]

La finale del 24 maggio 1989 mette di fronte il Diavolo e i rumeni della Steaua Bucarest, già campioni d'Europa nel 1985-1986. L'undici titolare che scende in campo è formato da Giovanni Galli, Mauro Tassotti, Franco Baresi, Alessandro Costacurta, Paolo Maldini, Angelo Colombo, Carlo Ancelotti, Frank Rijkaard, Roberto Donadoni, Ruud Gullit e Marco van Basten. Di fronte ai quasi centomila sostenitori rossoneri accorsi al Camp Nou di Barcellona il Milan sconfigge gli avversari per 4-0: già in vantaggio per 3-0 alla fine del primo tempo grazie alla doppietta di Gullit e a una rete di van Basten, i ragazzi di Sacchi arrotondano il risultato nella seconda frazione di gioco con un altro gol del centravanti olandese (che con 10 reti diventa il miglior marcatore del torneo) e conquistano così la terza Coppa dei Campioni della storia del Milan, a venti anni di distanza dall'ultimo successo nella massima competizione europea.[11] È la terza Coppa dei Campioni vinta dai rossoneri nella propria storia, che vale anche la qualificazione all'edizione successiva; capocannoniere della manifestazione è il rossonero Marco van Basten con 10[12] gol.[13]

Il capitano rossonero Baresi, tra il patron Berlusconi e il presidente di Lega Nizzola, riceve la Supercoppa italiana 1988 vinta contro la Sampdoria.

Il Milan conclude la stagione vincendo in rimonta la prima edizione della Supercoppa italiana contro la Sampdoria:[3] dopo il gol iniziale blucerchiato di Gianluca Vialli segnano Frank Rijkaard e nel secondo tempo Graziano Mannari e, su rigore, Marco van Basten.[14]

Maglie e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Lo sponsor tecnico per la stagione 1988-1989 è Kappa, mentre lo sponsor ufficiale è Mediolanum.[3] La divisa è una maglia a strisce verticali della stessa dimensione, rosse e nere, con pantaloncini e calzettoni bianchi. La divisa di riserva è una maglia bianca con una striscia rossa orizzontale sotto la quale vi è un'altra striscia più sottile nera con pantaloncini e calzettoni bianchi. Nella finale di Coppa dei Campioni contro la Steaua Bucarest viene usata una maglia completamente bianca con colletto e bordi delle maniche rossi.

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Finale Coppa dei Campioni

Organigramma societario[3][modifica | modifica wikitesto]

Area direttiva

Area organizzativa

  • Responsabile organizzativo: Paolo Taveggia
  • Segretaria: Rina Barbara Ercoli

Area tecnica

Area sanitaria

  • Medico sociale: Giovanni Battista Monti
  • Massaggiatori: Franco Pagani, Pier Angelo Pagani

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
Italia P Francesco Antonioli
Italia P Giovanni Galli
Italia P Davide Pinato
Italia D Franco Baresi (capitano)
Italia D Walter Bianchi
Italia D Alessandro Costacurta
Italia D Filippo Galli
Italia D Paolo Maldini
Italia D Roberto Mussi
Italia D Mauro Tassotti (vice capitano)
Italia D Matteo Villa[16]
Italia C Demetrio Albertini
Italia C Carlo Ancelotti
Italia C Angelo Colombo
N. Ruolo Giocatore
Italia C Roberto Donadoni
Italia C Alberigo Evani
Italia C Corrado Giannini[16]
Paesi Bassi C Ruud Gullit
Italia C Fabio Lago[16]
Italia C Christian Lantignotti
Paesi Bassi C Frank Rijkaard
Italia C Fabio Viviani[17]
Italia A Massimiliano Cappellini
Italia A Graziano Mannari
Italia A Daniele Massaro[18]
Paesi Bassi A Marco van Basten
Italia A Pietro Paolo Virdis

Calciomercato[modifica | modifica wikitesto]

Sessione estiva[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
P Francesco Antonioli Monza definitivo
P Davide Pinato Monza definitivo
C Claudio Borghi Como fine prestito
C Frank Rijkaard Sporting Lisbona definitivo
A Giuseppe Galderisi Lazio fine prestito
Cessioni
R. Nome a Modalità
P Daniele Limonta Venezia definitivo
P Giulio Nuciari Monza definitivo
D Rufo Emiliano Verga Parma prestito
C Claudio Borghi Neuchâtel Xamax definitivo
C Mario Bortolazzi Verona definitivo
A Stefano Borgonovo Fiorentina prestito
A Giuseppe Galderisi Verona prestito

Sessione autunnale[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
C Fabio Viviani Como definitivo
Cessioni
R. Nome a Modalità
A Daniele Massaro Roma prestito

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Serie A 1988-1989.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Milano
9 ottobre 1988
1ª giornata
Milan 4 – 0
referto
Fiorentina Stadio Giuseppe Meazza (72 414 spett.)
Arbitro Pezzella (Frattamaggiore)

Pescara
16 ottobre 1988
2ª giornata
Pescara 1 – 3
referto
Milan Stadio Adriatico (27 039 spett.)
Arbitro Pairetto (Nichelino)

Milano
23 ottobre 1988
3ª giornata
Milan 0 – 0
referto
Lazio Stadio Giuseppe Meazza (72 507 spett.)
Arbitro Sguizzato (Verona)

Torino
30 ottobre 1988
4ª giornata
Juventus 0 – 0
referto
Milan Stadio Comunale Vittorio Pozzo (47 284 spett.)
Arbitro Agnolin (Bassano del Grappa)

Verona
6 novembre 1988
5ª giornata
Verona 1 – 2
referto
Milan Stadio Marcantonio Bentegodi (47 868 spett.)
Arbitro Lanese (Messina)

Milano
20 novembre 1988
6ª giornata
Milan 1 – 2
referto
Atalanta Stadio Giuseppe Meazza (73 475 spett.)
Arbitro Pairetto (Nichelino)

Napoli
27 novembre 1988
7ª giornata
Napoli 4 – 1
referto
Milan Stadio San Paolo (82 760 spett.)
Arbitro Agnolin (Bassano del Grappa)

Milano
4 dicembre 1988
8ª giornata
Milan 2 – 0
referto
Lecce Stadio Giuseppe Meazza (71 234 spett.)
Arbitro Di Cola (Avezzano)

Milano
11 dicembre 1988
9ª giornata
Milan 0 – 1
referto
Inter Stadio Giuseppe Meazza (73 503 spett.)
Arbitro D'Elia (Salerno)

Torino
18 dicembre 1988
10ª giornata
Torino 2 – 2
referto
Milan Stadio Comunale Vittorio Pozzo (31 895 spett.)
Arbitro Longhi (Roma)

Milano
31 dicembre 1988
11ª giornata
Milan 0 – 0
referto
Sampdoria Stadio Giuseppe Meazza (72 371 spett.)
Arbitro Lo Bello (Siracusa)

Cesena
8 gennaio 1989
12ª giornata
Cesena 1 – 0
referto
Milan Stadio Dino Manuzzi (24 713 spett.)
Arbitro Pezzella (Frattamaggiore)

Milano
15 gennaio 1989
13ª giornata
Milan 4 – 0
referto
Como Stadio Giuseppe Meazza (70 725 spett.)
Arbitro Di Cola (Avezzano)

Roma
22 gennaio 1989
14ª giornata
Roma 1 – 3
referto
Milan Stadio Olimpico (41 191 spett.)
Arbitro Lanese (Messina)

Milano
29 gennaio 1989
15ª giornata
Milan 0 – 0
referto
Pisa Stadio Giuseppe Meazza (72 311 spett.)
Arbitro Paparesta (Bari)

Ascoli Piceno
5 febbraio 1989
16ª giornata
Ascoli 0 – 2
referto
Milan Stadio Cino e Lillo Del Duca (19 984 spett.)
Arbitro Pairetto (Nichelino)

Milano
12 febbraio 1989
17ª giornata
Milan 1 – 1
referto
Bologna Stadio Giuseppe Meazza (73 367 spett.)
Arbitro Amendolia (Messina)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Firenze
19 febbraio 1989
18ª giornata
Fiorentina 0 – 2
referto
Milan Stadio Comunale (30 968 spett.)
Arbitro Pezzella (Frattamaggiore)

Milano
26 febbraio 1989
19ª giornata
Milan 6 – 1
referto
Pescara Stadio Giuseppe Meazza (72 706 spett.)
Arbitro Quartuccio (Torre Annunziata)

Roma
5 marzo 1989
20ª giornata
Lazio 1 – 1
referto
Milan Stadio Olimpico (41 927 spett.)
Arbitro Agnolin (Bassano del Grappa)

Milano
12 marzo 1989
21ª giornata
Milan 4 – 0
referto
Juventus Stadio Giuseppe Meazza (73 411 spett.)
Arbitro D'Elia (Salerno)

Milano
19 marzo 1989
22ª giornata
Milan 1 – 1
referto
Verona Stadio Giuseppe Meazza (72 810 spett.)
Arbitro Luci (Firenze)

Bergamo
1º aprile 1989
23ª giornata
Atalanta 1 – 2
referto
Milan Stadio Comunale (34 640 spett.)
Arbitro Di Cola (Avezzano)

Milano
9 aprile 1989
24ª giornata
Milan 0 – 0
referto
Napoli Stadio Giuseppe Meazza (72 949 spett.)
Arbitro Pairetto (Nichelino)

Lecce
15 aprile 1989
25ª giornata
Lecce 1 – 1
referto
Milan Stadio Via del Mare (41 754 spett.)
Arbitro Pezzella (Frattamaggiore)

Milano
30 aprile 1989
26ª giornata
Inter 0 – 0
referto
Milan Stadio Giuseppe Meazza (69 853 spett.)
Arbitro Magni (Bergamo)

Milano
7 maggio 1989
27ª giornata
Milan 2 – 1
referto
Torino Stadio Giuseppe Meazza (72 167 spett.)
Arbitro Lo Bello (Siracusa)

Genova
14 maggio 1989
28ª giornata
Sampdoria 1 – 1
referto
Milan Stadio Luigi Ferraris (18 520 spett.)
Arbitro Longhi (Roma)

Milano
20 maggio 1989
29ª giornata
Milan 0 – 0
referto
Cesena Stadio Giuseppe Meazza (70 258 spett.)
Arbitro Amendolia (Messina)

Como
28 maggio 1989
30ª giornata
Como 1 – 1
referto
Milan Stadio Giuseppe Sinigaglia (12 442 spett.)
Arbitro Pezzella (Frattamaggiore)

Milano
4 giugno 1989
31ª giornata
Milan 4 – 1
referto
Roma Stadio Giuseppe Meazza (72 179 spett.)
Arbitro Nicchi (Arezzo)

Pisa
11 giugno 1989
32ª giornata
Pisa 0 – 2
referto
Milan Stadio Arena Garibaldi (10 626 spett.)
Arbitro Beschin (Legnano)

Milano
18 giugno 1989
33ª giornata
Milan 5 – 1
referto
Ascoli Stadio Giuseppe Meazza (69 147 spett.)
Arbitro Baldas (Trieste)

Bologna
25 giugno 1989
34ª giornata
Bologna 1 – 4
referto
Milan Stadio Renato Dall'Ara (28 504 spett.)
Arbitro Ceccarini (Livorno)

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 1988-1989.

Primo turno[modifica | modifica wikitesto]

Brescia
21 agosto 1988
1ª giornata - Girone 3
Milan 2 – 0 Licata Stadio Giuseppe Meazza[19] (10 000 spett.)
Arbitro Felicani (Bologna)

Messina
24 agosto 1988
2ª giornata - Girone 3
Messina 1 – 1 Milan Stadio Giovanni Celeste (30 000 spett.)
Arbitro Paparesta (Bari)

Pescara
28 agosto 1988
3ª giornata - Girone 3
Pescara 1 – 2 Milan Stadio Adriatico (23 615 spett.)
Arbitro Lo Bello (Siracusa)

Campobasso
30 agosto 1988
4ª giornata - Girone 3
Campobasso 1 – 3 Milan Stadio Nuovo Romagnoli (19 000 spett.)
Arbitro Baldas (Trieste)

Monza
3 settembre 1988
5ª giornata - Girone 3
Milan 2 – 1 Lazio Stadio Brianteo[19] (15 000 spett.)
Arbitro D'Elia (Salerno)

Secondo turno[modifica | modifica wikitesto]

San Benedetto del Tronto
14 settembre 1988
1ª giornata - Girone 1
Sambenedettese 0 – 3 Milan Stadio Riviera delle Palme (5 408 spett.)
Arbitro Paparesta (Bari)

Bergamo
21 settembre 1988
2ª giornata - Girone 1
Milan 1 – 1 Verona Stadio Comunale[19] (10 000 spett.)
Arbitro Longhi (Roma)

Torino
28 settembre 1988
3ª giornata - Girone 1
Torino 1 – 0 Milan Stadio Comunale Vittorio Pozzo (14 759 spett.)
Arbitro Lo Bello (Siracusa)

Coppa dei Campioni[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa dei Campioni 1988-1989.

Sedicesimi di finale[modifica | modifica wikitesto]

Sofia
7 settembre 1988
Andata
Vitoša Sofia 0 – 2
referto
Milan Stadio Vasil Levski (32 500 spett.)
Arbitro Grecia Germanakos

Milano
6 ottobre 1988
Ritorno
Milan 5 – 2
referto
Vitoša Sofia Stadio Giuseppe Meazza (53 086 spett.)
Arbitro Inghilterra Worrall

Ottavi di finale[modifica | modifica wikitesto]

Milano
26 ottobre 1988
Andata
Milan 1 – 1
referto
Stella Rossa Stadio Giuseppe Meazza (71 316 spett.)
Arbitro Germania Est Kirschen

Belgrado
10 novembre 1988
Ritorno
Stella Rossa 1 – 1[20]
(d.t.s.)
referto
Milan Stadio Stella Rossa (88 500 spett.)
Arbitro Germania Ovest Pauly

Quarti di finale[modifica | modifica wikitesto]

Brema
1º marzo 1989
Andata
Werder Brema 0 – 0
referto
Milan Weserstadion (39 500 spett.)
Arbitro Portogallo Rosa dos Santos

Milano
15 marzo 1989
Ritorno
Milan 1 – 0
referto
Werder Brema Stadio Giuseppe Meazza (71 207 spett.)
Arbitro Scozia Smith

Semifinale[modifica | modifica wikitesto]

Madrid
5 aprile 1989
Andata
Real Madrid 1 – 1
referto
Milan Stadio Santiago Bernabéu (90 800 spett.)
Arbitro Svezia Fredriksson

Milano
19 aprile 1989
Ritorno
Milan 5 – 0
referto
Real Madrid Stadio Giuseppe Meazza (73 112 spett.)
Arbitro Belgio Ponnet

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Barcellona
24 maggio 1989
Gara unica
Milan 4 – 0
referto
Steaua Bucarest Camp Nou (97 000 spett.)
Arbitro Germania Ovest Tritschler

Supercoppa italiana[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Supercoppa italiana 1988.
Milano
14 giugno 1989
Gara unica
Milan 3 – 1
referto
Sampdoria Stadio Giuseppe Meazza (19 412 spett.)
Arbitro D'Elia (Salerno)

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Competizione[3][21] Punti In casa In trasferta Totale DR
G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs
Scudetto.svg Serie A 46 17 8 7 2 34 9 17 8 7 2 27 16 34 16 14 4 61 25 +36
Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia secondo turno 3 2 1 0 5 2 5 3 1 1 9 4 8 5 2 1 14 6 +8
Coppacampioni.png Coppa dei Campioni vincitore 4 3 1 0 12 3 4 1 3 0 4 2 9[22] 5 4 0 20 5 +15
Supercoppaitaliana.png Supercoppa italiana vincitore 1 1 0 0 3 1 - - - - - - 1 1 0 0 3 1 +2
Totale - 25 14 9 2 54 15 26 12 11 3 40 22 52 27 20 5 98 37 +61

Statistiche dei giocatori[23][24][modifica | modifica wikitesto]

Giocatore Serie A Coppa Italia Coppa dei Campioni Supercoppa italiana Totale
Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni
Albertini, D. D. Albertini 10??000000000000100+0+
Ancelotti, C. C. Ancelotti 282??20??71??10??383??
Antonioli, F. F. Antonioli 0-0001-1??0-0000-0001-10+0+
Baresi, F. F. Baresi 332??82??80??10??504??
Bianchi, W. W. Bianchi 20??70??00000000900+0+
Cappellini, M. M. Cappellini 30??51??20??00001010+0+
Colombo, A. A. Colombo 303??50??90??10??453??
Costacurta, A. A. Costacurta 260??70??70??10??410??
Donadoni, R. R. Donadoni 211??71??91??00003730+0+
Evani, A. A. Evani 303??30??50??10??393??
Galli, F. F. Galli 100??40??40??10??190??
Galli, G. G. Galli 32-23??6-4??9-5??1-1??48-33??
Giannini, C. C. Giannini 000010??00000000100+0+
Gullit, R. R. Gullit 195??12??84??000028110+0+
Lago, F. F. Lago 000020??00000000200+0+
Lantignotti, C. C. Lantignotti 80??30??10??10??130??
Maldini, P. P. Maldini 260??70??70??00004000+0+
Mannari, G. G. Mannari 173??44??10??11??238??
Massaro, D. D. Massaro 000050??00000000500+0+
Mussi, R. R. Mussi 190??60??30??10??290??
Pinato, D. D. Pinato 2-2??2-1??0-0000-0004-30+0+
Rijkaard, F. F. Rijkaard 314??60??91??11??476??
Tassotti, M. M. Tassotti 302??30??90??10??432??
van Basten, M. M. van Basten 3319??43??910[12]??11??4733??
Villa, M. M. Villa 000010??00000000100+0+
Virdis, P.P. P.P. Virdis 2610??31??63??000035140+0+
Viviani, F. F. Viviani 60??20??00000000800+0+

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dati che riguardano il solo campionato. (EN) Attendance Statistics of Serie A, stadiapostcards.com. URL consultato il 21 gennaio 2012.
  2. ^ Le conquiste, assocalciatori.it. URL consultato il 21 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 26 gennaio 2012).
  3. ^ a b c d e Panini, p. 484.
  4. ^ a b c Mondadori.
  5. ^ a b c Panini, p. 489.
  6. ^ (DE) Die Tabelle am 9. Spieltag der italienischen Serie A 1988/1989, fussballdaten.de. URL consultato il 21 gennaio 2012.
  7. ^ Gianni Mura, Nebbia sul Milan. Si rigioca oggi, in la Repubblica, 10 novembre 1988. URL consultato il 31 maggio 2013.
  8. ^ Gaetano Mocciaro, Stella Rossa-Milan, quando la nebbia cambiò la storia del calcio, tuttochampions.it, 16 aprile 2011. URL consultato il 31 maggio 2013.
  9. ^ Gianni Brera, UN RIGORE LANCIA IL MILAN, in la Repubblica (Milano), 16 marzo 1989, p. 35.
  10. ^ Panini, pp. 484, 490-491.
  11. ^ Bruno Perucca, Il Milan incanta l'Europa, in La Stampa, 25 maggio 1989, p. 18.
  12. ^ a b c Alcune fonti considerando la rete contro il Real Madrid del 5 aprile 1989 come autogol di Buyo, riportando quindi 9 come totale dei gol di van Basten in Coppa dei Campioni 1988-1989: Altre fonti, tra cui la UEFA, attribuiscono invece il gol a van Basten e quindi riportano 10 reti totali: In occasione di quel gol il pallone, colpito di testa da van Basten, sbatte sulla traversa e poi rimbalza sulla schiena del portiere del Real Madrid, finendo così in rete:
  13. ^ 1988/89 Coppa dei Campioni - Statistiche - Gol segnati, uefa.com. URL consultato il 21 gennaio 2012.
  14. ^ Panini, p. 490.
  15. ^ Galliani tira le somme dopo 16 anni di Berlusconi[collegamento interrotto], Quotidiano Nazionale, 20 febbraio 2002. URL consultato il 21 gennaio 2012.
  16. ^ a b c Aggregato alla prima squadra dalla formazione Primavera.
  17. ^ Acquistato durante la sessione autunnale di calciomercato.
  18. ^ Ceduto durante la sessione autunnale del calciomercato.
  19. ^ a b c Per inagibilità del campo dello Stadio Giuseppe Meazza.
  20. ^ Partita prevista per il 9 novembre 1988, sospesa per nebbia dopo 57 minuti sul risultato di 1-0 (gol di Savićević) e rigiocata nel pomeriggio del giorno seguente:
  21. ^ Milan Associazione Calcio 1988-89 (PDF), magliarossonera.it, p. 2. URL consultato il 21 gennaio 2012.
  22. ^ Compresa la finale, disputata in campo neutro a Barcellona.
  23. ^ Panini, p. 491.
  24. ^ Milan Associazione Calcio 1988-89 (PDF), magliarossonera.it, p. 3. URL consultato il 21 gennaio 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Almanacco illustrato del Milan, 2ª ed., Panini, marzo 2005.
  • Milan. Sempre con te, Mondadori, dicembre 2009, ISBN 88-04-59118-8.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]