Nicola Zanone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nicola Zanone
Nazionalità Italia Italia
Altezza 183 cm
Peso 77 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 1993
Carriera
Giovanili
Juventus
Squadre di club1
1975 Juventus 0 (0)
1975-1976 Brindisi Brindisi 3 (0)
1976 Varese Varese 0 (0)
1976-1978 Empoli Empoli 62 (16)
1978-1980 L.R. Vicenza L.R. Vicenza 32 (13)
1980-1981 Udinese 24 (8)
1981-1984 Sampdoria 69 (13)
1984-1985 Perugia Perugia 23 (3)
1985-1987 Udinese 23 (2)
1987-1989 Pescara Pescara 12 (0)
1990-1991 Modena Modena 6 (0)
1993 Montreal Impact Montréal Impact 22 (4)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Nicola Zanone (Biella, 22 giugno 1956) è un ex calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Attaccante dotato di ottima tecnica ma discontinuo nelle prestazioni[1], fu spesso frenato da problemi fisici quali la pubalgia.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Proveniente dalle giovanili della Juventus, senza riuscire ad arrivare in prima squadra, ha militato in Serie A con le maglie di Lanerossi Vicenza (esordio in massima serie il 18 febbraio 1979 nel pareggio esterno contro il Napoli[3]), Udinese (in due differenti periodi) Sampdoria e Pescara totalizzando complessivamente 96 presenze e 15 reti, di cui 8 nella sola stagione 1980-1981, in cui risultò il miglior marcatore in campionato dell'Udinese.

Ha inoltre totalizzato 114 presenze e 24 reti in Serie B, con Brindisi, Lanerossi Vicenza, Sampdoria, Perugia e Modena Football Club, conquistando la promozione in massima serie con la Sampdoria nella stagione 1981-1982.

Ha chiuso la carriera militando per una stagione nella formazione canadese del Montréal Impact, allora militante nella American Professional Soccer League (APSL).[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sampdoria e dintorni:Amarcord Renzaccio
  2. ^ Ulivieri: "Questa Samp può superare la mia" cittadigenova.com
  3. ^ Profilo su Museodelvicenzacalcio1902.net
  4. ^ Darwin Pastorin-Tempi supplementari books.google.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]