Lorenzo Marronaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lorenzo Marronaro
Lorenzo Marronaro.jpg
Marronaro alla Lazio
Nazionalità Italia Italia
Altezza 173 cm
Peso 73 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Procuratore sportivo (ex attaccante)
Ritirato 1994
Carriera
Giovanili
19??-19?? Lazio
Squadre di club1
1980-1981 Lazio 12 (0)
1981-1982 Forlì 25 (7)
1982-1984 Monza 66 (18)
1984-1990 Bologna 191 (46)
1990-1993 Udinese 71 (9)
1993-1994 Empoli 8 (1)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Lorenzo Marronaro (Roma, 16 gennaio 1961) è un procuratore sportivo ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante. Era soprannominato Il Puffo e la Freccia di Prima Porta.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nelle giovanili della Lazio con cui arriva a debuttare in prima squadra in Serie B, passa poi al Forlì in Serie C1 per una stagione e poi al Monza in Serie B, dove segna 18 reti in due stagioni.

Marronaro (a destra) al Bologna nel 1989, alle prese con il capitano milanista Franco Baresi.

Nel 1984 approda al Bologna in Serie B dove gioca tre campionati mettendo a segno rispettivamente 3, 6 e 9 reti. Nella stagione 1987-1988 viene promosso in Serie A con il Bologna vincendo la classifica cannonieri di Serie B con 21 realizzazioni complessive, eguagliando il record di gol detenuto da Paolo Rossi, Chinaglia e Rebonato. A oggi è l'ultimo giocatore del Bologna ad avere vinto la classifica cannonieri.

Debutta in Serie A il 9 ottobre 1988 nella partita Pisa-Bologna (0-2), nella quale segna la seconda rete. Nella massima serie col Bologna segna 7 reti in due stagioni, venendo infine ceduto nell'estate del 1990 all'Udinese. Con i friulani conquista una seconda promozione in Serie A e colleziona le ultime presenze nel massimo campionato prima di chiudere la carriera in terza serie con la maglia dell'Empoli.

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Ritiratosi diventa di procuratore di giocatori di calcio, tra i quali Nicola Amoruso, Angelo Palombo, Marco Pisano, Massimo Mutarelli, Michele Ferri, Alberto Gilardino, Massimo Gobbi, Panagiotis Kone e Alessandro Diamanti.[2]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Bologna: 1987-1988

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1987-1988 (21 gol)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a cura di Gianni Marchesini, Col Bologna, in paradiso, Firenze, La Casa dello Sport, 1988.
  2. ^ Marronaro a RR24: "Qualsiasi cifra per Pastore" Rosanerogirls.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]