Carlo Longhi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo Longhi
Carlo Longhi.jpg
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Premi
Anno Premio
1977
1987
Premio Florindo Longagnani
Premio Giovanni Mauro
« Possono partire subito le immagini »
(Carlo Longhi alla moviola di 90° minuto e Mondiale Rai Sprint)

Carlo Longhi (Roma, 10 marzo 1944) è un ex arbitro di calcio italiano, nonché moviolista televisivo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Debuttò in Serie A nel 1977 e terminò la carriera nel 1991, con un totale di 186 presenze nella massima serie. Vanta la direzione in numerose "classiche" del campionato, tra cui 2 Juventus-Inter, 1 Derby di Milano, 3 Juventus-Milan e un Derby della Lanterna. Nel 1985 venne nominato arbitro internazionale per decisione dell'allora designatore Alessandro D'Agostini. Nel suo palmarès sono presenti numerosi attestati e riconoscimenti importanti: vinse il Premio Mauro nel 1987; arbitrò la finale di Coppa Italia nel 1983 (Juventus-Verona) e nel 1987 (Atalanta-Napoli); gli toccarono anche quelle di Supercoppa Italiana del 1989 (Inter-Sampdoria) e del 1990 (Napoli-Juventus).

In ambito internazionale, oltre a dirigere ai mondiali FIFA under 20 nell'ottobre 1987 in Cile (gli toccò una sola gara, ad Antofagasta, tra Germania Ovest e Arabia Saudita 3:0) fu assiduamente utilizzato come assistente, partecipando con tale ruolo agli Campionato europeo di calcio 1988 (collaborando con l'arbitro Paolo Casarin) e ai Campionato mondiale di calcio 1990.

Nel 2008 viene indagato dalla procura di Lecce, in qualità di membro della commissione impianti sportivi della FIGC; secondo l'accusa, avrebbe redatto un falso verbale allo scopo di garantire l'appalto per il rifacimento del manto erboso dello stadio di Lecce, a ditte compiacenti; nel 2011 viene assolto per intervenuta prescrizione.

Di professione ingegnere, è stato per diverso tempo inquadrato anche nella Commissione Impianti Sportivi della FIGC. Dopo aver appeso il fischietto al chiodo, è diventato moviolista ufficiale della RAI, sostituendo Carlo Sassi e apparendo in tutte le sue principali trasmissioni calcistiche (da 90º minuto a La Domenica Sportiva (per tre stagioni su Rai 3), da Domenica Sprint agli speciali su Europei e Mondiali), fino al 2006, quando venne rimpiazzato come moviolista da Daniele Tombolini. Infatti il nome di Carlo Longhi compare nelle intercettazioni con Luciano Moggi relative all'inchiesta Calciopoli e la RAI lo sospende in via cautelativa.[1]

Dal gennaio 2007 ricompare come moviolista nel programma 90º minuto Serie A e 90º minuto Serie B. Nel 2010 è stato anche moviolista di Mondiale Rai Sprint e Mondiale Rai Sera.

Spesso si è anche prestato a dirigere partite di calcio a scopo di beneficenza.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Stop TV a Sposini e Caputi: anche la RAI volta pagina, La Repubblica, 27 luglio 2006.