Milan Associazione Calcio 1976-1977

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Associazione Calcio Milan.

Milan Associazione Calcio
Milan Associazione Calcio 1976-77.jpg
La rosa milanista a Milanello
Stagione 1976-1977
Allenatore
Direttore tecnico
Italia Giuseppe Marchioro[1]
Italia Nereo Rocco[2]
All. in secondaItalia Alvaro Gasparini
PresidenteItalia Vittorio Duina, poi
Italia Felice Colombo
Serie A10º posto
Coppa ItaliaVincitore (in Coppa delle Coppe)
Coppa UEFAOttavi di finale
Maggiori presenzeCampionato: Albertosi (30)
Totale: Albertosi (46)
Miglior marcatoreCampionato: Calloni (5)
Totale: Calloni (15)
StadioSan Siro
Media spettatori40 995[3]¹
¹
considera le partite giocate in casa in campionato.

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti il Milan Associazione Calcio nelle competizioni ufficiali della stagione 1976-1977.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Rivera e il nerazzurro Sandro Mazzola prima del derby (0-0) del 27 marzo 1977.

Il nuovo allenatore del Milan per la stagione 1976-1977 è Giuseppe Marchioro mentre Gianni Rivera ritorna capitano della squadra dopo la partenza di Romeo Benetti,[4] passato alla Juventus in cambio di Fabio Capello.[5] Altri movimenti di rilievo del calciomercato sono la cessione di Luciano Chiarugi e l'acquisto di Giorgio Morini.

La stagione inizia con le 4 partite del girone del primo turno di Coppa Italia, dove il Milan ottiene 3 vittorie (con Catania, Lazio e Novara) e un pareggio con l'Atalanta,[6] chiudendo il raggruppamento al primo posto a 7 punti a pari merito con i bergamaschi.[7] Ad accedere al secondo turno, che si disputerà al termine della stagione, nel mese di giugno, sono i rossoneri per la miglior differenza reti[7] (+6 contro +5).[8]

In campionato il Milan, dopo la vittoria nella prima giornata contro il Perugia,[9] colleziona 9 pareggi, 4 sconfitte e una sola vittoria chiudendo così il girone d'andata in 11ª posizione con 13 punti, 3 in più della zona retrocessione.[10] La società decide di esonerare Marchioro e chiama al suo posto Nereo Rocco,[4][11] ma la sostituzione in panchina non cambia la situazione e i rossoneri continuano a stare nelle zone basse della classifica. Nella penultima giornata il Milan vince per 3-2 la gara interna contro il Catanzaro, anch'esso in lotta per non retrocedere, e si garantisce così la salvezza, insieme al successo nel turno successivo con il Cesena.[11] Alla fine i rossoneri chiudono il campionato al 10º posto (appaiati a Genoa e Bologna) con 27 punti frutto di 17 pareggi, 5 vittorie e 8 sconfitte, a 3 punti dalla zona retrocessione: i 17 pareggi in 30 partite sono un record che sarà successivamente battuto dal Perugia nel 1978-1979 (19 pareggi), e dall'Udinese nel 1982-1983 con 20 pareggi, mentre le sole 5 vittorie sono tuttora il numero di successi più basso per i rossoneri da quando è stato introdotto il girone unico nella stagione 1929-1930.[4][12]

In Coppa UEFA il Milan elimina nei trentaduesimi di finale i rumeni della Dinamo Bucarest (0-0 all'andata a Bucarest e 2-1 nel ritorno a Milano) e nei sedicesimi di finale i bulgari dell'Akademik Sofia (sconfitta per 4-3 a Sofia e vittoria in casa per 2-0).[13] Negli ottavi di finale i rossoneri affrontano gli spagnoli dell'Athletic Bilbao (poi finalista) che passano il turno grazie alla vittoria per 4-1 ottenuta a Bilbao e alla sconfitta per 3-1 subita a San Siro.[13]

La stagione si conclude con le rimanenti partite di Coppa Italia: il Milan, nel girone con Bologna, Napoli e SPAL, ottiene 5 vittorie e un pareggio (nel ritorno contro il Bologna) e si qualifica per la finale del 3 luglio 1977, dove affronta l'Inter.[7] Nel derby i rossoneri battono i nerazzurri per 2-0 con reti di Maldera e Braglia[11] nel secondo tempo[7] e conquistano così la loro 4ª Coppa Italia, guadagnando anche la qualificazione alla Coppa delle Coppe 1977-1978. I milanisti Giorgio Braglia ed Egidio Calloni risultano i capocannonieri della manifestazione con 6 gol.[14] È l'ultimo successo di Rocco, che lascia il Milan per la quarta volta e definitivamente. Il triestino scomparirà due anni più tardi.[12] In questa stagione esordisce in Serie A Fulvio Collovati.

Maglie[modifica | modifica wikitesto]

La divisa è una maglia a strisce verticali della stessa dimensione, rosse e nere, con pantaloncini bianchi e calzettoni neri con risvolto rosso. La divisa di riserva è una maglia bianca con colletto e bordi delle maniche rossi e neri, pantaloncini bianchi e calzettoni bianchi con risvolto rosso e nero.

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta

Organigramma societario[4][modifica | modifica wikitesto]

Area direttiva

Area tecnica

Area sanitaria

  • Medico sociale: Giovanni Battista Monti
  • Massaggiatore: Carlo Tresoldi

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
Italia P Enrico Albertosi
Italia P Antonio Rigamonti
Italia D Angelo Anquilletti
Italia D Aldo Bet
Italia D Simone Boldini
Italia D Fulvio Collovati
Italia D Aldo Maldera
Italia D Giuseppe Sabadini
Italia D Maurizio Turone
Italia C Giorgio Biasiolo
Italia C Alberto Bigon (vice capitano)
N. Ruolo Giocatore
Italia C Fabio Capello
Italia C Duino Gorin
Italia C Giovanni Lorini
Italia C Giorgio Morini
Italia C Gianni Rivera (capitano)
Italia A Giorgio Braglia
Italia A Egidio Calloni
Italia A Massimo Silva
Italia A Giorgio Tomba[16]
Italia A Francesco Vincenzi

Calciomercato[modifica | modifica wikitesto]

Sessione estiva[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
P Antonio Rigamonti Como definitivo
D Simone Boldini Como definitivo
C Fabio Capello Juventus definitivo
C Giovanni Lorini Venezia fine prestito
C Giorgio Morini Roma definitivo
C Vincenzo Zazzaro Arezzo fine prestito
A Giorgio Braglia Napoli definitivo
A Giovanni Sartori Venezia fine prestito
A Massimo Silva Ascoli definitivo
Cessioni
R. Nome a Modalità
P Pier Luigi Pizzaballa Atalanta definitivo
P Franco Tancredi Rimini definitivo
D Giulio Zignoli Seregno definitivo
C Romeo Benetti Juventus definitivo
C Franco Bergamaschi Foggia definitivo
C Michele De Nadai Monza definitivo
C Nevio Scala Foggia definitivo
C Vincenzo Zazzaro Salernitana definitivo
A Luciano Chiarugi Napoli definitivo
A Giovanni Sartori Udinese prestito
A Silvano Villa Ascoli definitivo

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Serie A 1976-1977.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Milano
3 ottobre 1976
1ª giornata
Milan2 – 1
referto
PerugiaStadio San Siro (29 912 spett.)
Arbitro:  Pieri (Genova)

Genova
10 ottobre 1976
2ª giornata
Sampdoria0 – 0
referto
MilanStadio Luigi Ferraris (26 980 spett.)
Arbitro:  Agnolin (Bassano del Grappa)

Milano
24 ottobre 1976
3ª giornata
Milan0 – 0
referto
FiorentinaStadio San Siro (40 124 spett.)
Arbitro:  Panzino (Catanzaro)

Napoli
31 ottobre 1976
4ª giornata
Napoli3 – 1
referto
MilanStadio San Paolo (75 349 spett.)
Arbitro:  Bergamo (Livorno)

Milano
7 novembre 1976
5ª giornata
Milan2 – 3
referto
JuventusStadio San Siro (64 712 spett.)
Arbitro:  Menegali (Roma)

Bologna
21 novembre 1976
6ª giornata
Bologna2 – 2
referto
MilanStadio Comunale (21 203 spett.)
Arbitro:  Agnolin (Bassano del Grappa)

Milano
28 novembre 1976
7ª giornata
Milan1 – 1
referto
InterStadio San Siro (64 652 spett.)
Arbitro:  Serafino (Roma)

Roma
5 dicembre 1976
8ª giornata
Roma1 – 1
referto
MilanStadio Olimpico (32 235 spett.)
Arbitro:  Gonella (Torino)

Milano
12 dicembre 1976
9ª giornata
Milan2 – 2
referto
GenoaStadio San Siro (26 896 spett.)
Arbitro:  Reggiani (Bologna)

Foggia
19 dicembre 1976
10ª giornata
Foggia2 – 1
referto
MilanStadio Pino Zaccheria (22 134 spett.)
Arbitro:  Ciacci (Firenze)

Roma
2 gennaio 1977
11ª giornata
Lazio1 – 2
referto
MilanStadio Olimpico (34 909 spett.)
Arbitro:  Barbaresco (Cormons)

Milano
9 gennaio 1977
12ª giornata
Milan0 – 0
referto
VeronaStadio San Siro (25 265 spett.)
Arbitro:  Trinchieri (Reggio Emilia)

Milano
16 gennaio 1977
13ª giornata
Milan0 – 0
referto
TorinoStadio San Siro (56 174 spett.)
Arbitro:  Menicucci (Firenze)

Catania
30 gennaio 1977
14ª giornata
Catanzaro1 – 0
referto
MilanStadio Cibali[17] (27 252 spett.)
Arbitro:  Menegali (Roma)

Milano
6 febbraio 1977
15ª giornata
Milan0 – 0
referto
CesenaStadio San Siro (26 004 spett.)
Arbitro:  Benedetti (Roma)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Perugia
13 febbraio 1977
16ª giornata
Perugia3 – 1
referto
MilanStadio Comunale di Pian di Massiano (16 376 spett.)
Arbitro:  Serafino (Roma)

Milano
20 febbraio 1977
17ª giornata
Milan3 – 0
referto
SampdoriaStadio San Siro (34 331 spett.)
Arbitro:  Agnolin (Bassano del Grappa)

Firenze
27 febbraio 1977
18ª giornata
Fiorentina1 – 1
referto
MilanStadio Comunale (39 739 spett.)
Arbitro:  Gonella (Torino)

Milano
6 marzo 1977
19ª giornata
Milan1 – 1
referto
NapoliStadio San Siro (51 443 spett.)
Arbitro:  Ciacci (Firenze)

Torino
13 marzo 1977
20ª giornata
Juventus2 – 1
referto
MilanStadio Comunale (52 507 spett.)
Arbitro:  Barbaresco (Cormons)

Milano
20 marzo 1977
21ª giornata
Milan1 – 1
referto
BolognaStadio San Siro (22 073 spett.)
Arbitro:  Serafino (Roma)

Milano
27 marzo 1977
22ª giornata
Inter0 – 0
referto
MilanStadio San Siro (67 988 spett.)
Arbitro:  Casarin (Milano)

Milano
3 aprile 1977
23ª giornata
Milan1 – 1
referto
RomaStadio San Siro (29 972 spett.)
Arbitro:  Trinchieri (Reggio Emilia)

Genova
10 aprile 1977
24ª giornata
Genoa1 – 0
referto
MilanStadio Luigi Ferraris (30 184 spett.)
Arbitro:  Gonella (Torino)

Milano
17 aprile 1977
25ª giornata
Milan0 – 0
referto
FoggiaStadio San Siro (46 474 spett.)
Arbitro:  Bergamo (Livorno)

Milano
24 aprile 1977
26ª giornata
Milan2 – 2
referto
LazioStadio San Siro (41 599 spett.)
Arbitro:  Agnolin (Bassano del Grappa)

Verona
1º maggio 1977
27ª giornata
Verona0 – 0
referto
MilanStadio Marcantonio Bentegodi (24 848 spett.)
Arbitro:  Serafino (Roma)

Torino
8 maggio 1977
28ª giornata
Torino2 – 0
referto
MilanStadio Comunale (54 471 spett.)
Arbitro:  Lattanzi (Roma)

Milano
15 maggio 1977
29ª giornata
Milan3 – 2
referto
CatanzaroStadio San Siro (65 201 spett.)
Arbitro:  Menicucci (Firenze)

Cesena
22 maggio 1977
30ª giornata
Cesena0 – 2
referto
MilanStadio La Fiorita (15 512 spett.)
Arbitro:  Serafino (Roma)

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 1976-1977.

Primo turno[modifica | modifica wikitesto]

Milano
29 agosto 1976
1ª giornata - Girone 1
Milan2 – 0CataniaStadio San Siro (5 000 spett.)
Arbitro:  Gialluisi (Barletta)

Roma
1º settembre 1976
2ª giornata - Girone 1
Lazio1 – 2MilanStadio Olimpico (60 000 spett.)
Arbitro:  Ciacci (Firenze)

Milano
5 settembre 1976
3ª giornata - Girone 1
Milan1 – 1AtalantaStadio San Siro (30 000 spett.)
Arbitro:  Prati (Parma)

Novara
19 settembre 1976
4ª giornata - Girone 1
Novara0 – 3MilanStadio Comunale (11 326 spett.)
Arbitro:  Trinchieri (Reggio Emilia)

Secondo turno[modifica | modifica wikitesto]

Milano
12 giugno 1977
1ª giornata - Girone A
Milan3 – 1NapoliStadio San Siro (40 000 spett.)
Arbitro:  Lattanzi (Roma)

Milano
15 giugno 1977
2ª giornata - Girone A
Milan5 – 0BolognaStadio San Siro (20 530 spett.)
Arbitro:  Lo Bello (Siracusa)

Bari
19 giugno 1977
3ª giornata - Girone A
Napoli1 – 2MilanStadio Comunale[18] (30 000 spett.)
Arbitro:  Trinchieri (Reggio Emilia)

Milano
22 giugno 1977
4ª giornata - Girone A
Milan2 – 0SPALStadio San Siro (16 440 spett.)
Arbitro:  Celli (Trieste)

Bologna
26 giugno 1977
5ª giornata - Girone A
Bologna1 – 1MilanStadio Comunale (10 000 spett.)
Arbitro:  Benedetti (Roma)

Ferrara
29 giugno 1977
6ª giornata - Girone A
SPAL0 – 2MilanStadio Comunale (20 000 spett.)
Arbitro:  Redini (Pisa)

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Milano
3 luglio 1977
Gara unica
Milan2 – 0InterStadio San Siro (58 464 spett.)
Arbitro:  Gussoni (Tradate)

Coppa UEFA[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa UEFA 1976-1977.

Trentaduesimi di finale[modifica | modifica wikitesto]

Bucarest
15 settembre 1976
Andata
Dinamo Bucarest0 – 0MilanStadionul Dinamo (20 000 spett.)
Arbitro: Germania Ovest Ohmsen

Milano
30 settembre 1976
Ritorno
Milan2 – 1[19]Dinamo BucarestStadio San Siro (36 194 spett.)
Arbitro: Scozia Paterson

Sedicesimi di finale[modifica | modifica wikitesto]

Sofia
20 ottobre 1976
Andata
Akademik Sofia4 – 3MilanStadion Akademik (4 000 spett.)
Arbitro: Francia Konrath

Milano
3 novembre 1976
Ritorno
Milan2 – 0Akademik SofiaStadio San Siro (25 869 spett.)
Arbitro: Austria Linemayr

Ottavi di finale[modifica | modifica wikitesto]

Bilbao
24 novembre 1976
Andata
Athletic Bilbao4 – 1MilanStadio San Mamés (35 000 spett.)
Arbitro: Paesi Bassi Corver

Milano
8 dicembre 1976
Ritorno
Milan3 – 1Athletic BilbaoStadio San Siro (22 898 spett.)
Arbitro: Germania Ovest Eschweiler

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Competizione[4][20] Punti In casa In trasferta Totale DR
G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs
Scudetto.svg Serie A 27 15 3 11 1 18 14 15 2 6 7 12 19 30 5 17 8 30 33 -3
Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia vincitore 5 4 1 0 13 2 5 4 1 0 10 3 11[21] 9 2 0 25 5 +20
Coppauefa.png Coppa UEFA ottavi di finale 3 3 0 0 7 2 3 0 1 2 4 8 6 3 1 2 11 10 +1
Totale - 23 10 12 1 38 18 23 6 8 9 26 30 47 17 20 10 66 48 +18

Statistiche dei giocatori[22][23][modifica | modifica wikitesto]

Giocatore Serie A Coppa Italia Coppa UEFA Totale
Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni
Albertosi, E. E. Albertosi 30-33??10-5??6-10??46-48??
Anquilletti, A. A. Anquilletti 180??50??50??280??
Bet, A. A. Bet 260??111??50??421??
Biasiolo, G. G. Biasiolo 171??90??41??302??
Bigon, A. A. Bigon 224??104??60??388??
Boldini, S. S. Boldini 60??81??20??161??
Braglia, G. G. Braglia 30??106??00001360+0+
Calloni, E. E. Calloni 295??96??54??4315??
Capello, F. F. Capello 261??60??53??374??
Collovati, F. F. Collovati 110??30??31??171??
Gorin, D. D. Gorin 130??30??20??180??
Lorini, G. G. Lorini 20??10??0000300+0+
Maldera, A. A. Maldera 292??92??50??434??
Morini, G. G. Morini 244??92??61??397??
Rigamonti, A. A. Rigamonti 0-0001-0??0-0001-00+0+
Rivera, G. G. Rivera 274??70??50??394??
Sabadini, G. G. Sabadini 211??70??50??331??
Silva, M. M. Silva 204??62??41??307??
Tomba, G. G. Tomba 000010??0000100+0+
Turone, M. M. Turone 220??100??40??360??
Vincenzi, F. F. Vincenzi 71??000040??1110+0+

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fino a febbraio 1977.
  2. ^ Da febbraio 1977]
  3. ^ (EN) Attendance Statistics of Serie A - 1974-75 to 1985-86, su stadiapostcards.com.
  4. ^ a b c d e Panini, p. 399.
  5. ^ Carlo Fontanelli, Un secolo rossonero 1899-1999 - La storia del Milan, Geo Edizioni, aprile 2000.
  6. ^ Panini, p. 403.
  7. ^ a b c d Panini, p. 404.
  8. ^ Coppa Italia 1976-1977 - Girone 1, wikicalcioitalia.info. URL consultato il 29 marzo 2012.
  9. ^ Panini, p. 400.
  10. ^ Classifica Parziale Stagione 1976-1977 - Giornata: 15, wikicalcioitalia.info. URL consultato il 29 marzo 2012.
  11. ^ a b c Tosi.
  12. ^ a b Mondadori.
  13. ^ a b Panini, p. 405.
  14. ^ (EN) Italy - Coppa Italia Top Scorers, rsssf.com. URL consultato il 29 marzo 2012.
  15. ^ Morto ex milanista Zagatti, Sport Italia, 7 marzo 2009. URL consultato il 29 marzo 2012.
  16. ^ Aggregato alla prima squadra dalla formazione Primavera.
  17. ^ Per la squalifica del campo del Catanzaro.
  18. ^ Per la squalifica del campo del Napoli.
  19. ^ Partita inizialmente prevista per il 29 settembre 1976, riviata al giorno seguente per impraticabilità del campo dovuta alla pioggia: Panini, p. 405.
  20. ^ Milan Associazione Calcio 1976-77 (PDF), magliarossonera.it, p. 2. URL consultato il 29 marzo 2012.
  21. ^ Compresa la finale, disputata contro l'Inter a San Siro ma come campo neutro.
  22. ^ Panini, p. 406.
  23. ^ Milan Associazione Calcio 1976-77 (PDF), magliarossonera.it, p. 3. URL consultato il 29 marzo 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Almanacco illustrato del Milan, 2ª ed., Panini, marzo 2005.
  • Enrico Tosi, Forza Milan! – La storia del Milan, Italia/Italy, maggio 2005.
  • Milan. Sempre con te, Mondadori, dicembre 2009, ISBN 88-04-59118-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]