Giuseppe Galderisi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giuseppe Galderisi
Galderisi Milan.png
Galderisi al Milan nella stagione 1986-1987
Nazionalità Italia Italia
Altezza 168 cm
Peso 70 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Squadra Vis Pesaro
Ritirato 1997 - giocatore
Carriera
Giovanili
1975-1977non conosciuta Vietri-Raito
1977-1980Juventus
Squadre di club1
1980-1983Juventus24 (6)
1983-1986Verona82 (24)
1986-1987Milan21 (3)
1987-1988Lazio33 (1)
1988-1989Verona28 (4)
1989Milan0 (0)
1989-1995Padova180 (50)
1996N.E. Revolution4 (0)
1996-1997Tampa Bay Mutiny37 (12)
1997N.E. Revolution7 (0)
Nazionale
1981Italia Italia U-20? (?)
1982-1987Italia Italia U-2116 (2)
1985-1986Italia Italia10 (0)
Carriera da allenatore
1999-2000N.E. RevolutionVice
2000-2001Cremonese
2001-2002Mestre
2002-2003Giulianova
2004Gubbio
2005Viterbese
2005-2006Sambenedettese
2006-2007Avellino
2008Foggia
2008-2009Pescara
2009-2010Arezzo
2010-2011Benevento
2011-2012Triestina
2012Salernitana
2014Olhanense
2014-2015Lucchese
2016-2017Lucchese
2018-2019Gubbio
2020-Vis Pesaro
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Bronzo 1984
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 26 novembre 2018

Giuseppe Galderisi (Salerno, 22 marzo 1963) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante, tecnico della Vis Pesaro.

I tifosi della Juventus lo hanno soprannominato Nanu[1].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Attaccante rapido e agile, Galderisi è stato un cannoniere prolifico e reattivo, doti alle quali aggiungeva la predisposizione al movimento senza palla, la generosità e la tenacia.[2] Era in grado di calciare con potenza e precisione anche dalla distanza e, a dispetto della bassa statura, era abile anche di testa, grazie alla precisione nello stacco e all’elevazione.[2] Inizialmente schierato come seconda punta, si realizzò pienamente come centravanti, ruolo che ricopriva alla perfezione per merito della sua rapidità, del senso del gol e del suo stile da rapace d’area.[2]

Fu penalizzato dai frequenti infortuni e da una certa discontinuità durante la militanza in squadre di grande caratura, riuscendo d'altra parte a giocare con un buon rendimento in società di medio-bassa classifica.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Inizi[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto a Trecasali, provincia di Parma, gioca nelle giovanili della Vietri-Raito, nel salernitano. A quattordici anni e mezzo è acquistato dalla Juventus,[3] entrando nel vivaio torinese.

Juventus[modifica | modifica wikitesto]
Galderisi alla Juventus, a fianco di un giovane Mancini, nel campionato 1981-1982.

Il 20 agosto 1980 esordisce in prima squadra della Juventus, in occasione della gara di Coppa Italia in casa dell'Udinese (2-2). La prima presenza in Serie A arriva il successivo 9 novembre, con l'ingresso in campo al 60' di Perugia-Juventus (0-0).

Coi piemontesi gioca altri due campionati: nella stagione 1981-1982, a diciott'anni, anche a causa di un grave infortunio occorso a Bettega, gioca 15 gare da titolare schierato da Giovanni Trapattoni ed è autore di 6 gol, tra cui tripletta in Juventus-Milan (3-2); l'anno successivo non trova spazio in squadra, causa la concorrenza di Paolo Rossi e l'arrivo degli stranieri Platini e Boniek. Con la maglia bianconera Galderisi ha vinto due scudetti, una Coppa Italia[4].

Verona, Milan, Lazio[modifica | modifica wikitesto]
Galderisi in azione alla Lazio nella stagione 1987-1988

Nel 1983 va all'Hellas Verona, siglando 9 reti nell'annata 1983-1984. Nella stagione successiva, 1984-1985, contribuisce alla vittoria dello storico scudetto da parte della squadra scaligera, di cui è capocannoniere (11 gol in 29 presenze).

Gioca un altro campionato a Verona prima di trasferirsi, per cinque miliardi di lire più il cartellino di Paolo Rossi,[5] al Milan. Nell'annata 1986-1987 colleziona coi rossoneri 21 presenze e 3 gol in campionato, vincendo un Mundialito per club.

Per il torneo 1987-1988 scende in Serie B alla Lazio guidata da Eugenio Fascetti, centrando la promozione in Serie A. Nell'annata seguente torna in serie A a Verona segnando 4 gol.

Padova, Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]
Galderisi esultante con la maglia del Padova

Nell'estate del 1989 è riscattato dal Milan, che lo cede a campionato iniziato al Padova in Serie B, voluto fortemente dal direttore sportivo Piero Aggradi[6]. Veste la divisa biancoscudata sette stagioni, di cui cinque nella serie cadetta (segnando 14 gol nel 1990-1991, 12 nel 1992-1993, 15 nel 1993-1994). Il ritorno in massima categoria è meno prolifico, con il solo gol segnato contro il Brescia nella stagione 1994-95, ma l'attaccante è in campo nello spareggio vinto ai rigori col Genoa, valido per la permanenza in Serie A.

L'anno seguente, a stagione in corso, Galderisi lascia Padova per chiudere la carriera negli Stati Uniti, disputando un campionato a testa con New England Revolution e Tampa Bay Mutiny, in Major League Soccer, e conquistando una Supporters' Shield[7].

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Vanta 10 presenze con la Nazionale italiana, senza segnare. Partecipa al Mondiale 1986, giocando tutte e quattro le gare disputate in Messico dagli Azzurri.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Inizi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2001 fonda a Padova la Galderisi Soccer Team, scuola calcio che si occupa della crescita di giovani calciatori fino alla categoria Giovanissimi.[8]

In seguito ha allenato Cremonese (Serie C2), Mestre (Serie C2 2001-2002 dalla quinta alla ventisettesima giornata, esordendo nella partita Trento-Mestre, esonerato[9]), Giulianova (esonerato a novembre dopo la sconfitta 0-3 in casa col Crotone e contestazione della tifoseria[10]), Gubbio (Serie C2, subentrato a 2 mesi dalla fine), Viterbo (serie C2, subentrato a fine dicembre ed esonerato dopo la sconfitta 4-0 con la Lodigiani e penultimo posto in classifica)[11], Sambenedettese (esonerato dopo 8 gare).

Avellino[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006-2007 è allenatore dell'Avellino, in Serie C1. A quattro giornate da fine stagione regolare, con l'Avellino al secondo posto, Galderisi è esonerato dal presidente Massimo Pugliese, sostituito da Giovanni Vavassori.

Foggia, Pescara[modifica | modifica wikitesto]

Da gennaio 2008 sostituisce Salvatore Campilongo sulla panchina del Foggia in Serie C1. Porta i pugliesi ai play-off, perdendo in semifinale con la Cremonese, venendo eliminato, restando in Serie C1.

A giugno 2008 diventa allenatore del Pescara in Serie C1 e a marzo seguente è esonerato per via della pessima posizione in classifica della squadra adriatica (zona play-out).

Arezzo[modifica | modifica wikitesto]

A novembre 2009 diventa allenatore dell'Arezzo. Il presidente Piero Mancini esonera Galderisi dopo il pareggio 1-1 col Viareggio, richiamando Leonardo Semplici, esonerato a novembre. Nella sua ultima conferenza stampa, Galderisi ha un alterco con il giornalista Romano Salvi del Corriere di Arezzo.[12]

Benevento, Triestina, Salernitana[modifica | modifica wikitesto]

A dicembre 2010 diventa allenatore del Benevento subentrando a Agatino Cuttone. Coi sanniti sfiora la promozione in Serie B (persa alle seminfinali play-off con la Juve Stabia), lasciando successivamente l'incarico.

Il 25 ottobre 2011 diventa allenatore della Triestina in Prima Divisione subentrando all'esonerato Gian Cesare Discepoli.[13] Galderisi porta la Triestina al terz'ultimo posto finale in classifica e retrocede in Seconda Divisione dopo i playout persi.

Il 13 luglio 2012 firma contratto biennale con la Salernitana[14], in Seconda Divisione. L'esperienza con la squadra della sua città dura pochi mesi: il 20 settembre, dopo aver raccolto appena un punto in tre gare, ultimo in classifica, è esonerato, sostituito da Carlo Perrone.[15]

Olhanense[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 gennaio 2014 diventa allenatore dei portoghesi dell'Olhanense (in quel momento all'ultimo posto in Primeira Liga), con l'obiettivo salvezza. Debutta il 12 gennaio col Vitória Setúbal, vinta dai rossoneri 2-1.[16] A fine stagione, dopo la sconfitta 3-1 col Vitória Setúbal, l'Olhanense è all'ultimo posto in campionato retrocedendo in Segunda Liga.[17]

Lucchese[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 novembre 2014 diventa allenatore della Lucchese in Lega Pro al posto dell'esonerato Guido Pagliuca[18]. La squadra ottiene una tranquilla salvezza. Il 28 maggio 2015 la società comunica che il suo contratto non sarà rinnovato, annunciando quindi la sua partenza dal club toscano[19].

Il 9 marzo 2016 torna ad allenare la squadra toscana.[20] Viene esonerato il 27 marzo 2017, dopo un periodo negativo, che ha visto le Pantere conquistare sei punti nelle ultime otto partite giocate, culminato con dissidi insanabili con la società.[21][22]

Ritorno a Gubbio[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 novembre 2018 viene chiamato a sostituire l'esonerato Alessandro Sandreani sulla panchina del Gubbio, dove era già stato all'inizio carriera. Portato il team alla salvezza , fine maggio si separa con il club.

Vis Pesaro[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 febbraio 2020 viene nominato nuovo tecnico della Vis Pesaro.[23].Rileva l'esonerato Simone Pavan con la squadra al quattordicesimo posto

Fuori dal campo[modifica | modifica wikitesto]

È stato commentatore televisivo per Mediaset[24], Sky[25] e Rai[26].

Il 21 gennaio 2004 è colpito da infarto, nel centro di Padova, ed è sottoposto ad un intervento in angioplastica[25].

Il 1º aprile 2010 è votato dai tifosi del Padova, su iniziativa della società, da "Calciatore biancoscudato del Secolo", concorso per stabilire quale giocatore e quale allenatore avessero fatto maggiormente breccia nel cuore dei tifosi padovani.[27]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1980-1981 Italia Juventus A 1 0 CI 1 0 CU 0 0 TdC 2 1 4 1
1981-1982 A 16 6 CI 0 0 CC 0 0 - - - 16 6
1982-1983 A 7 0 CI 6 1 CC 1 0 - - - 14 1
Totale Juventus 24 6 7 1 1 0 2 1 34 8
1983-1984 Italia Verona A 29 7 CI 10 3 CU 2 1 - - - 41 11
1984-1985 A 29 11 CI 7 2 - - - - - - 36 13
1985-1986 A 24 6 CI 7 5 CC 3 0 - - - 34 11
1986-1987 Italia Milan A 21 3 CI 7 1 - - - - - 28 4
1987-1988 Italia Lazio B 33 1 CI 5 1 - - - - - - 38 2
1988-1989 Italia Verona A 28 4 CI 10 4 - - - - - - 38 8
Totale Verona 110 28 34 14 5 1 - - 149 43
1989-1990 Italia Padova B 29 4 CI 0 0 - - - - - - 29 4
1990-1991 B 36 14 CI 0 0 - - - - - - 36 14
1991-1992 B 32 4 CI 3 1 - - - - - - 35 5
1992-1993 B 37 12 CI 1 0 - - - - - - 38 12
1993-1994 B 35+1[28] 15+0[28] CI 2 0 - - - - - - 38 15
1994-1995 A 21+1[28] 1+0[28] CI 1 0 - - - - - - 23 1
lug.-dic. 1995 A 7 0 CI 1 0 - - - - - - 8 0
Totale Padova 197+2 50+0 8 0 - - - - 207 50
apr.-mag. 1996 Stati Uniti N.E. Revolution MLS 4 0 ? ? ? - - - - - - 4 0
mag.-ott. 1996 Stati Uniti Tampa Bay Mutiny MLS 21+5[28] 7+0[28] ? ? ? - - - - - - 26 7
mar.-ott. 1997 MLS 16+0[28] 5+0[28] ? ? ? - - - - - - 16 5
Totale Tampa Bay Mutiny 37+5 12+0 ? ? - - - - 42 12
ott.-dic. 1997 Stati Uniti N.E. Revolution MLS 7+2[28] 0 ? ? ? - 9 0
Totale N.E. Revolution 11+2 0 ? ? - - - - 13 0
Totale carriera 433+9 100+0 61+ 17+ 6 1 2 1 511+ 119+

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
2-6-1985 Città del Messico Messico Messico 1 – 1 Italia Italia Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
6-6-1985 Città del Messico Italia Italia 2 – 1 Inghilterra Inghilterra Amichevole - Uscita al 84’ 84’
25-9-1985 Lecce Italia Italia 1 – 2 Norvegia Norvegia Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
5-2-1986 Avellino Italia Italia 1 – 2 Germania Ovest Germania Ovest Amichevole - Ingresso al 84’ 84’
26-3-1986 Udine Italia Italia 2 – 1 Austria Austria Amichevole - Ingresso al 25’ 25’
11-5-1986 Napoli Italia Italia 2 – 0 Cina Cina Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
31-5-1986 Città del Messico Italia Italia 1 – 1 Bulgaria Bulgaria Mondiali 1986 - 1º turno -
5-6-1986 Puebla Italia Italia 1 – 1 Argentina Argentina Mondiali 1986 - 1º turno -
10-6-1986 Puebla Italia Italia 3 – 2 Corea del Sud Corea del Sud Mondiali 1986 - 1º turno - Uscita al 88’ 88’
17-6-1986 Città del Messico Francia Francia 2 – 0 Italia Italia Mondiali 1986 - Ottavi di finale - Uscita al 57’ 57’
Totale Presenze 10 Reti 0

Statistiche da allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 22 febbraio 2020.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale % Vittorie
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
2000-2001 Italia Cremonese C2 34 11 14 9 CI-C 4 1 2 1 - - - - - - - - - - 38 12 16 10 31,58
2001-2002 Italia Mestre C2 23 8 6 9 - - - - - - - - - - - - - - - 23 8 6 9 34,78
2002-2003 Italia Giulianova C1 13 3 5 5 CI-C 4 2 0 2 - - - - - - - - - - 17 5 5 7 29,41
2003-2004 Italia Gubbio C2 7+2[28] 4+1 2 1+1 - - - - - - - - - - - - - - - 9 5 2 2 55,56
2004-2005 Italia Viterbese C2 22+2[29] 6+2 8 8 - - - - - - - - - - - - - - - 24 8 8 8 33,33
2005-2006 Italia Sambenedettese C1 8 4 0 4 CI+CI-C 1+1 0 0 1+1 - - - - - - - - - - 10 4 0 6 40,00
2006-2007 Italia Avellino C1 30 17 8 5 CI+CI-C 1+2 0 0 1+2 - - - - - - - - - - 33 17 8 8 51,52
2007-2008 Italia Foggia C1 15 8 5 2 - - - - - - - - - - - - - - - 15 8 5 2 53,33
2008-2009 Italia Pescara 1D 26 7 10 9 CI+CI-LP 2+2 1+1 0 1+1 - - - - - - - - - - 30 9 10 11 30,00
2009-2010 Italia Arezzo 1D 18+1[28] 8+1 7 3 CI-LP 1 0 1 0 - - - - - - - - - - 20 9 8 3 45,00
2010-2011 Italia Benevento 1D 17+2[28] 8 6+1 3+1 - - - - - - - - - - - - - - - 19 8 7 4 42,11
2011-2012 Italia Triestina 1D 25+2[29] 6 8+1 11+1 CI-LP 1 0 0 1 - - - - - - - - - - 28 6 9 13 21,43
2012-2013 Italia Salernitana 2D 3 0 1 2 CI-LP 2 1 0 1 - - - - - - - - - - 5 1 1 3 20,00
2013-2014 Portogallo Olhanense PL 16 4 3 9 - - - - - - - - - - - - - - - 16 4 3 9 25,00
2014-2015 Italia Lucchese LP 26 9 9 8 - - - - - - - - - - - - - - - 26 9 9 8 34,62
2015-2016 LP 9 3 3 3 - - - - - - - - - - - - - - - 9 3 3 3 33,33
2016-2017 LP 31 10 12 9 CI-LP 2 1 0 1 - - - - - - - - - - 33 11 12 10 33,33
Totale Lucchese 66 22 24 20 2 1 0 1 - - - - - - - - 68 23 24 21 33,82
nov. 2018-2019 Italia Gubbio C 25 7 11 7 CI-C - - - - - - - - - - - - - - 25 7 11 7 28,00
Totale Gubbio 34 12 13 9 - - - - - - - - - - - - 34 12 13 9 35,29
feb.-giu. 2020 Italia Vis Pesaro C 1 0 1 0 CI-C - - - - - - - - - - - - - - 1 0 1 0 &&0,00
2020-2021 C 1 0 1 0 - - - - - - - - - - - - - - - 1 0 1 0 &&0,00
Totale Vis Pesaro 2 0 2 0 - - - - - - - - - - - - 2 0 2 0 0,00
Totale carriera 350+9 123+4 120+2 107+3 23 7 3 13 - - - - - - - - 382 134 125 123 35,08

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Juventus: 1980-1981, 1981-1982
Verona: 1984-1985
Juventus: 1982-1983

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Giuseppe Nanu Galderisi: le discese ardite e le risalite. Da goleador ad allenatore" Archiviato il 3 dicembre 2017 in Internet Archive. Filippofabbri.net
  2. ^ a b c d Stefano Bedeschi, Gli eroi in bianconero: Giuseppe GALDERISI, su tuttojuve.com, 22 marzo 2014. URL consultato il 12 settembre 2017 (archiviato il 12 settembre 2017).
  3. ^ Un "Nanu" grande come il Mundial Archiviato l'8 gennaio 2014 in Internet Archive. storiaxxisecolo.it
  4. ^ Profilo su MyJuve Archiviato il 19 gennaio 2012 in Internet Archive. myjuve.it
  5. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 3 (1986-1987), Panini, 21 maggio 2012, p. 10.
  6. ^ Lunedì Amarcord incontra… Nanu Galderisi, padovasport.tv, 8 febbraio 2016, su padovasport.tv. URL consultato il 2 dicembre 2017 (archiviato il 2 dicembre 2017).
  7. ^ ITALIANI D’AMERICA: ‘NANU’ GALDERISI, UN’ESPERIENZA AGRODOLCE TRA MASSACHUSETTS E TAMPA, iogiocopulito.it, su iogiocopulito.it. URL consultato il 2 dicembre 2017 (archiviato il 2 dicembre 2017).
  8. ^ Vicenza-Galderisi Soccer Team apre il torneo Città di Padova Archiviato il 10 gennaio 2014 in Internet Archive. http://mattinopadova.gelocal.it/ Archiviato il 10 gennaio 2014 in Internet Archive.
  9. ^ Galderisi: “Ho la stessa fame dei tifosi", su rivieraoggi.it. URL consultato il 16 febbraio 2015 (archiviato il 16 febbraio 2015).
  10. ^ Qui Giulianova/ Galderisi esonerato Archiviato il 16 febbraio 2015 in Internet Archive. rivieraoggi.it
  11. ^ La Viterbese esonera Galderisi Archiviato il 16 febbraio 2015 in Internet Archive. gelocal.it
  12. ^ Filmato audio Redazione Arezzotv, Nanu Galderisi Show in conferenza stampa (Arezzo Tv), su YouTube, 21 aprile 2010. URL consultato il 7 giugno 2013.
  13. ^ Presentato il nuovo allenatore Giuseppe Galderisi[collegamento interrotto] triestinacalcio.it
  14. ^ Anteprima: Galderisi ha firmato, è il nuovo tecnico della Salernitana. Pronta la sua lista, su granatissimi.com. URL consultato il 19 luglio 2012 (archiviato il 22 maggio 2014).
  15. ^ Comunicato Stampa, ussalernitana1919.it, 20 settembre 2012. URL consultato il 20 settembre 2012 (archiviato dall'url originale il 3 settembre 2012).
  16. ^ Calcio, Portogallo: Olhanense-Vitoria setubal 2-1 Archiviato il 2 febbraio 2014 in Internet Archive. repubblica.it
  17. ^ Calcio, Portogallo: perde e retrocede Olhanense di Galderisi Archiviato il 22 maggio 2014 in Internet Archive. repubblica.it
  18. ^ Lucchese, il nuovo tecnico è Giuseppe Galderisi, in Tuttosport, 18 novembre 2014. URL consultato il 18 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 29 novembre 2014).
  19. ^ Giuseppe Galderisi non sarà l'allenatore della Lucchese per la prossima stagione, 28 maggio 2015. URL consultato il 28 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2015).
  20. ^ UFFICIALE: Lucchese, c'è il ritorno di Galderisi, su tuttolegapro.com, 9 marzo 2016. URL consultato il 9 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 10 marzo 2016).
  21. ^ UFFICIALE: Lucchese, esonerato Galderisi, in tuttolegapro.com, 28 marzo 2017. URL consultato il 28 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2017).
  22. ^ Lucchese, esonerato anche il vice di Galderisi, in tuttolegapro.com, 29 marzo 2017. URL consultato il 29 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 30 marzo 2017).
  23. ^ Giuseppe “nanu” Galderisi è il nuovo allenatore della Vis Pesaro 1898, su vispesaro1898.it. URL consultato il 18 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 18 febbraio 2020).
  24. ^ Pier Paolo Flammini, Soldini ci prova con Galderisi. Ma chi lo paga?, in rivieraoggi.it, 6 marzo 2006. URL consultato il 7 giugno 2013 (archiviato il 10 gennaio 2014).
  25. ^ a b Galderisi, infarto e sospetti, su gazzetta.it, 18 settembre 2014. URL consultato il 22 ottobre 2015 (archiviato il 20 settembre 2015).
  26. ^ Galderisi-Perla, la separazione e le accuse su facebook, su corrieredelveneto.corriere.it, 22 gennaio 2004. URL consultato il 22 ottobre 2015.
  27. ^ Nereo Rocco e Giuseppe Galderisi biancoscudati del secolo, su Calcio Padova Spa, 1º aprile 2010. URL consultato il 27 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 5 settembre 2012).
  28. ^ a b c d e f g h i j k l Nei play-off.
  29. ^ a b Nei play-out.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]