Domenico Progna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Domenico Progna
Domenico Progna.JPG
Progna all'Atalanta.
Nazionalità Italia Italia
Altezza 180[1] cm
Peso 78[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 1993 - giocatore
Carriera
Giovanili
Lecce
Squadre di club1
1980-1982Lecce15 (0)
1982-1985Campobasso105 (0)
1985-1986Pisa33 (0)
1986-1991Atalanta148 (1)
1991-1993Bari39 (1)
Nazionale
1981 Italia Italia U-20 2 (0)
1984-1986 Italia Italia U-21 10 (0)
Carriera da allenatore
2001-2002Venafro
2002-2003non conosciuta Montenero
2005-2006non conosciuta Rappr. Molise Primavera
2006-2008non conosciuta Rappr. Molise Allievi reg.
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Domenico Progna (San Donato di Lecce, 7 agosto 1963) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Ha giocato in Serie A con Atalanta, Pisa e Bari (che lo acquista per 2 miliardi di lire),[2] vestendo anche le maglie di Lecce e Campobasso.

Il 31 ottobre 1984 ha esordito in Nazionale Under 21, disputando 10 partite. Ha anche preso parte al Mondiale Under-20 del 1981 svoltosi in Australia.

Con 16 presenze detiene il record di presenze dell'Atalanta nelle competizioni UEFA per club.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Ritiratosi dal calcio giocato, è passato a quello allenato prima sulle panchine di squadre dilettantistiche molisane, per entrare poi nel giro della Rappresentativa della Regione Molise per più categorie giovanili.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Pisa: 1986

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 2 (1985-1986), Panini, 14 maggio 2012, p. 44.
  2. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 8 (1991-1992), Panini, 25 giugno 2012, p. 10.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]