Paolo Baldieri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paolo Baldieri
Paolo Baldieri - US Lecce.jpg
Baldieri al Lecce nei primi anni '90
Nazionalità Italia Italia
Altezza 174[1] cm
Peso 69[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 1998
Carriera
Giovanili
197?-1981Romulea
1981-1984Roma
Squadre di club1
1980-1981 Romulea 7 (1)
1981-1984 Roma 1 (0)
1984-1986 Pisa 67 (12)
1986-1987 Roma 14 (3)
1987-1988 Empoli 27 (1)
1988-1989 Avellino 31 (6)
1989-1990 Roma 11 (0)
1990-1991 Pescara 19 (1)
1991-1995 Lecce 116 (20)
1995-1996 Perugia 6 (1)
1996-1997 Savoia 12 (1)
1997-1998 Civitavecchia ? (8)
Nazionale
1984-1986 Italia Italia U-21 14 (9)
1987 Italia Italia Olimpica 1 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 14 settembre 2007

Paolo Baldieri (Roma, 2 febbraio 1965) è un ex calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Ha collaborato, fino a giugno 2006, con la FIGC in qualità di tecnico territoriale e viceallenatore delle Nazionali giovanili italiane di calcio Under-16 e Under-17.

Insieme a Paolo Rossi è l'unico calciatore che ha segnato in cinque partite consecutive con la Nazionale italiana Under-21.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Faceva parte delle giovanili della Roma; in quella squadra Primavera c'erano, oltre a Baldieri, Giannini, Desideri, Di Mauro.

Paolo Baldieri iniziò ad aggregarsi alla prima squadra l'anno dello scudetto 1982-1983. Il tecnico Nils Liedholm lo portò inizialmente in panchina contro l'Avellino, in campionato, alla terz'ultima giornata; in Coppa Italia esordì con gol sempre contro gli irpini il 14 aprile 1983 (5-3), mentre debuttò in campionato solo la stagione successiva, nella trasferta di Catania (2-2) del 6 maggio 1984. In totale con la Roma ha collezionato 26 presenze in campionato segnando 3 gol, e 16 presenze in Coppa Italia con 1 gol.

Baldieri (accosciato, primo da sinistra) al Pisa nel 1985-1986

Ha poi giocato in Serie A nel Pisa, nell'Empoli e nel Lecce, totalizzando in massima serie 112 presenze e 18 reti. A fine carriera, dopo aver militato nel Perugia, giocò nelle categoria minori con Savoia e Civitavecchia.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Giocò titolare nell'Under-21 di Azeglio Vicini, con cui ottenne 14 presenze e 9 gol nella squadra che poi perse ai rigori il campionato europeo di categoria del 1986; in quella squadra militò insieme a Giuseppe Giannini, Mancini, Vialli, Zenga, i quali sarebbero poi diventati i pilastri della Nazionale di Azeglio Vicini. Ricevette una sola convocazione (da Enzo Bearzot) in Nazionale maggiore, pur non esordendo, nel novembre 1985, quando giocava nel Pisa, per il match amichevole Polonia-Italia (1-0). Successivamente maturò una presenza in Nazionale Under-23.

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005 è stato selezionatore della Nazionale Under 16 con Antonio Rocca; nello stesso anno, assieme a vari suoi ex compagni di squadra, tra cui Francesco Moriero, ha partecipato ad alcuni tornei a scopo benefico. Dal 2008 vive a Lecce dove dal 2012 gestisce una gelateria artigianale[3].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Roma: 1983
Roma: 1983-1984

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Roma: 1982-1983
Roma: 1983-1984
Pisa: 1984-1985

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Pisa: 1986

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente vive a Lecce dove dal 2015 gestisce una gelateria. Sposato con Alessandra Lombardi, con tre figli Francesco Baldieri,Andrea Baldieri,Edoardo Baldieri

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 4 (1987-1988), Panini, 28 maggio 2012, p. 33.
  2. ^ Stefano Bizzotto, telecronaca di Italia-Irlanda Under-21 a Casarano (LE), 10 settembre 2012
  3. ^ Quando il sogno non ha confine: intervista a Paolo Baldieri, su 2night, 21 luglio 2016. URL consultato l'8 agosto 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]