Serie B 1984-1985

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Serie B 1984-1985
Competizione Serie B
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 76ª (53ª di Serie B)
Organizzatore Lega Nazionale Professionisti
Date dal 16 settembre 1984
al 16 giugno 1985
Luogo Italia Italia
Partecipanti 20
Formula Girone all'italiana A/R
Risultati
Vincitore Pisa
(1º titolo)
Altre promozioni Lecce
Bari
Retrocessioni Varese
Taranto
Parma
Padova (per condanna)
Statistiche
Miglior marcatore Italia Edi Bivi (20)
Incontri disputati 760
Gol segnati 656 (0,86 per incontro)
Pisa Sporting Club 1984-1985.jpg
I pisani vincitori del torneo
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1983-1984 1985-1986 Right arrow.svg

La Serie B 1984-1985 fu la 83ª edizione del secondo livello del campionato italiano di calcio, la 76ª dall'istituzione del livello (il 53º a girone unico).

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Il campionato venne vinto dal Pisa, alla sua terza promozione in Serie A. Insieme ai toscani ottennero il salto di categoria due pugliesi, il Lecce che andava a debuttare nella massima serie a girone unico (dopo l'effimera comparsata dell'antenato Sporting Club Lecce nella Lega Sud d'inizio anni 1920), e il Bari assente dalla massima categoria da un quindicennio. Nerazzurri e giallorossi terminarono entrambi a quota 50 punti, coi primi avvantaggiati dalla differenza reti (+25 contro +14). Coinvolti nella lotta per la promozione fino all'ultima giornata furono il Perugia, arrivato quarto con 1 sola sconfitta al passivo e ben 26 pareggi — entrambi tuttora dei primati per la Serie B (il record di pareggi verrà poi eguagliato dal Napoli nel campionato 2003-2004, con un maggior numero di partite disputate) —, e la Triestina che cadde a Campobasso nel turno conclusivo, finendo staccata a –2 dai baresi.

La lotta per la retrocessione interessò, tra gli altri, il Cagliari, il Catania e il Cesena: etnei e romagnoli giunsero alla salvezza a discapito dei sardi, caduti in Serie C1 assieme al Parma, al Varese e al Taranto. Tuttavia, i verdetti del campo furono in seguito ribaltati in sede penale, con il declassamento del Padova per illecito sportivo: la sentenza della CAF portò dunque al ripescaggio dei rossoblù. Gli equilibri del torneo furono confermati da un distacco di soli 3 punti tra il settimo e il quattordicesimo posto, occupati rispettivamente dal Pescara e dal Catania.

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Club Stagione Città Stadio Stagione precedente
Arezzo dettagli Arezzo Stadio Comunale 5º posto in Serie B
Bari dettagli Bari Stadio della Vittoria 1º posto in Serie C1-B
Bologna dettagli Bologna Stadio Comunale 2º posto in Serie C1-A
Cagliari dettagli Cagliari Stadio Sant'Elia 11º posto in Serie B
Campobasso dettagli Campobasso Stadio Nuovo Romagnoli 7º posto in Serie B
Catania dettagli Catania Stadio Cibali 16º posto in Serie A
Cesena dettagli Cesena Stadio Dino Manuzzi 13º posto in Serie B
Empoli dettagli Empoli (FI) Stadio Carlo Castellani 16º posto in Serie B
Genoa dettagli Genova Stadio Luigi Ferraris 14º posto in Serie A, retrocesso
Lecce dettagli Lecce Stadio Via del Mare 4º posto in Serie B
Monza dettagli Monza Stadio Brianteo 15º posto in Serie B
Padova dettagli Padova Stadio Silvio Appiani 5º posto in Serie B
Parma dettagli Parma Stadio Ennio Tardini 1º posto in Serie C1-A
Perugia dettagli Perugia Stadio Renato Curi 8º posto in Serie B
Pescara dettagli Pescara Stadio Adriatico 12º posto in Serie B
Pisa dettagli Pisa Stadio Arena Garibaldi 15º posto in Serie A, retrocesso
Sambenedettese dettagli San Benedetto del Tronto (AP) Stadio Riviera delle Palme 14º posto in Serie B
Taranto dettagli Taranto Stadio Erasmo Iacovone 2º posto in Serie C1-B
Triestina dettagli Trieste Stadio Giuseppe Grezar 9º posto in Serie B
Varese dettagli Varese Stadio Franco Ossola 10º posto in Serie B

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Allenatori e primatisti[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Allenatore Calciatore più presente Cannoniere
Arezzo[1][2] Italia Enzo Riccomini (1ª-23ª)
Italia Giuseppe Chiappella (24ª-32ª)
Italia Mario Rossi (33ª-38ª)
Italia Alessandro Bertoni,
Italia Stefano Colantuono,
Italia Giuseppe Pellicanò (36)
Italia Sandro Tovalieri (10)
Bari Italia Bruno Bolchi Italia Edi Bivi (38) Italia Edi Bivi (20)
Bologna[3] Italia Pietro Santin (1ª-5ª)
Italia Bruno Pace (6ª-38ª)
Italia Giuseppe Zinetti (38) Italia Giancarlo Marocchi (6)
Cagliari[4] Italia Fernando Veneranda (1ª-5ª)
Italia Renzo Ulivieri (6ª-38ª)
Italia Antonio Crusco,
Italia Maurizio Venturi (34)
Italia Gianni De Rosa,
Italia Fabio Poli (5)
Campobasso[5] Italia Giancarlo Cadè (1ª-10ª)
Italia Bruno Mazzia (11ª-38ª)
Italia Walter Ciappi (38) Italia Oscar Tacchi (13)
Catania Italia Antonio Renna Italia Guglielmo Coppola (37) Brasile Pedrinho (7)
Cesena Italia Adriano Buffoni Italia Agatino Cuttone,
Italia Patrizio Sala (36)
Italia Roberto Russo (7)
Empoli Italia Vincenzo Guerini Italia Gianfranco Cinello (38) Italia Gianfranco Cinello (9)
Genoa Italia Tarcisio Burgnich Italia Giovanni Cervone,
Italia Mario Faccenda,
Italia Roberto Policano (33)
Italia Giuliano Fiorini (11)
Lecce Italia Eugenio Fascetti Italia Carmelo Miceli (38) Italia Ricardo Paciocco (9)
Monza Italia Alfredo Magni Italia Marco Saltarelli,
Italia Alberto Torresin (38)
Italia Claudio Ambu (8)
Padova[6] Italia Gennaro Rambone (1ª-8ª)
Italia Gianni Di Marzio (9ª-38ª)
Italia Marco Baroni,
Italia Emilio Da Re,
Italia Claudio Valigi (38)
Italia Loris Pradella,
Italia Orazio Sorbello (7)
Parma[7] Italia Marino Perani (1ª-16ª)
Italia Silvano Flaborea e Italia Pietro Carmignani (17ª-38ª)
Italia Gabriele Pin (38) Italia Massimo Barbuti (10)
Perugia Italia Aldo Agroppi Italia Andrea Pazzagli (38) Italia Mauro Gibellini (12)
Pescara Italia Enrico Catuzzi Italia Danilo Ronzani (38) Italia Giuseppe De Martino (11)
Pisa Italia Luigi Simoni Danimarca Klaus Berggreen,
Italia Bruno Caneo,
Paesi Bassi Wim Kieft,
Italia Alessandro Mannini (38)
Paesi Bassi Wim Kieft (15)
Sambenedettese[8] Italia Francesco Liguori (1ª-22ª)
Italia Guido Mazzetti (23ª-38ª)
Italia Nicola Di Leo,
Italia Stefano Maccoppi (38)
Italia Stefano Borgonovo (13)
Taranto[9][10][11][12] Italia Bruno Pinna (1ª-3ª)
Italia Angelo Becchetti e Italia Bruno Pinna (4ª-9ª)
Italia Lauro Toneatto (10ª-25ª)
Italia Bruno Pinna (26ª)
Italia Angelo Becchetti (27ª-37ª)
Italia Umberto Buonfrate (38ª)
Italia Eugenio Sgarbossa (38) Italia Pasquale Traini (9)
Triestina Italia Massimo Giacomini Italia Guido Bistazzoni (38) Italia Franco De Falco (16)
Varese Italia Giampiero Vitali Italia Gabriele Bongiorni,
Italia Davide Pellegrini,
Italia Giacomo Zunico (36)
Italia Gabriele Bongiorni (15)

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1uparrow green.svg 1. Pisa 50 38 17 16 5 52 27 +25
1uparrow green.svg 2. Lecce 50 38 16 18 4 40 26 +14
1uparrow green.svg 3. Bari 49 38 18 13 7 42 25 +17
4. Perugia 48 38 11 26 1 38 25 +13
5. Triestina 47 38 16 15 7 39 27 +12
6. Genoa 40 38 13 14 11 38 32 +6
7. Pescara 38 38 12 14 12 38 35 +3
8. Empoli 37 38 8 21 9 22 28 -6
9. Cesena 36 38 9 18 11 35 34 +1
9. Sambenedettese 36 38 9 18 11 27 29 -2
9. Monza 36 38 10 16 12 26 28 -2
9. Campobasso 36 38 12 12 14 29 32 -3
9. Bologna 36 38 9 18 11 25 31 -6
14. Catania 35 38 7 21 10 33 38 -5
14. Arezzo 35 38 10 15 13 25 33 -8
16. Cagliari 34 38 12 10 16 29 32 -3
1downarrow red.svg 17. Varese 33 38 9 15 14 37 42 -5
1downarrow red.svg 18. Parma 26 38 6 14 18 25 47 -22
1downarrow red.svg 19. Taranto 23 38 6 11 21 25 51 -26
US Department of Justice Scales Of Justice.svg 20. Padova 35 38 8 19 11 31 34 -3

Legenda:

      Promosso in Serie A 1985-1986.
      Retrocesso in Serie C1 1985-1986.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
Era in vigore il pari merito. Eventuali spareggi erano previsti per assegnare il primo posto in classifica e/o retrocessioni.

Note:

A fine campionato il Padova è stato declassato in ultima posizione e quindi retrocesso in C1 per illecito sportivo.

Squadra campione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pisa Sporting Club 1984-1985.
Formazione tipo Giocatori (presenze)
Italia Alessandro Mannini (38)
Italia Michele Armenise (34)
Italia Giuseppe Volpecina (36)
Italia Marco Masi (30)
Italia Franco Ipsaro Passione (35)
Italia Bruno Caneo (38)
Danimarca Klaus Berggreen (38)
Italia Ferruccio Mariani (36)
Paesi Bassi Wim Kieft (38)
Italia Paolo Giovannelli (36)
Italia Paolo Baldieri (37)
Allenatore: Italia Luigi Simoni
Altri giocatori: Roberto Chiti (30), Daniele Bernazzani (23), Giuseppe Galli (15), Mark Tullio Strukelj (6), Silvio Gori (4), Stefano Dianda (3).

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Tabellone[modifica | modifica wikitesto]

Are Bar Bol Cag Cam Cat Ces Emp Gen Lec Mon Pad Par Per Pes Pis Sam Tar Tri Var
Arezzo –––– 0-0 0-0 0-2 1-0 1-0 1-1 1-0 0-0 0-0 1-1 2-0 3-2 0-0 2-0 0-1 1-0 2-1 1-2 1-1
Bari 2-1 –––– 4-0 1-0 2-1 2-1 2-1 0-0 1-0 2-0 1-0 2-2 2-0 1-1 2-0 1-1 1-0 1-0 1-0 2-1
Bologna 2-0 1-0 –––– 0-1 2-2 1-1 0-0 0-0 1-2 1-1 2-0 2-0 1-1 1-2 0-0 2-2 1-0 2-0 3-2 1-0
Cagliari 4-1 2-1 2-0 –––– 1-0 0-0 0-1 1-0 1-0 0-1 1-1 0-0 1-0 0-0 3-1 1-0 0-1 0-2 1-0 1-1
Campobasso 0-0 0-1 0-0 1-0 –––– 1-0 0-0 1-1 1-0 2-1 1-0 1-1 3-1 1-1 1-1 1-0 0-1 2-1 1-0 1-0
Catania 1-0 0-0 1-0 3-1 0-0 –––– 2-2 0-1 1-4 0-0 1-0 1-0 1-1 0-0 0-0 2-1 1-1 3-3 1-1 1-1
Cesena 1-2 0-2 0-0 1-1 3-0 1-1 –––– 1-1 3-1 0-0 0-1 1-0 2-0 2-2 1-1 2-2 1-0 4-2 2-0 0-0
Empoli 0-0 1-1 0-0 1-0 1-0 1-3 0-0 –––– 1-0 2-2 0-0 1-0 1-0 1-1 0-0 1-1 1-1 0-0 1-2 1-0
Genoa 0-0 1-0 0-0 1-0 2-0 0-0 2-2 1-1 –––– 2-0 1-0 0-0 1-1 1-1 2-0 2-1 3-2 3-0 0-1 1-0
Lecce 1-0 1-0 0-0 2-0 2-2 1-1 1-0 1-1 3-1 –––– 1-0 1-0 2-0 1-1 2-0 1-0 1-0 1-0 2-2 1-0
Monza 0-0 2-0 1-1 1-1 1-0 1-0 1-0 0-0 1-1 1-1 –––– 2-1 3-0 0-0 2-1 0-0 2-0 2-0 0-0 1-1
Padova 2-0 2-2 2-0 2-2 0-0 2-1 2-1 1-0 1-1 1-1 0-0 –––– 1-1 1-1 0-0 0-2 0-0 3-0 1-1 2-1
Parma 0-1 1-0 1-0 0-0 0-1 1-0 1-1 0-1 0-0 0-1 1-0 1-1 –––– 0-0 1-0 1-3 2-2 2-1 1-1 1-1
Perugia 0-0 1-1 0-0 2-1 2-1 2-2 0-0 0-0 1-1 0-0 2-0 2-0 2-1 –––– 2-0 1-1 1-1 3-1 0-0 1-0
Pescara 2-0 0-0 1-0 2-0 0-2 1-1 3-0 2-0 3-0 1-1 4-0 1-1 3-0 0-0 –––– 2-2 1-0 2-0 2-1 3-0
Pisa 1-1 0-0 4-0 1-0 1-0 1-1 1-0 2-0 1-0 3-1 1-1 1-0 1-1 4-1 2-0 –––– 1-0 2-1 1-1 4-0
Sambenedettese 2-0 1-1 0-0 1-0 1-0 0-0 1-0 0-0 1-1 1-3 1-0 0-0 1-1 1-1 2-0 0-0 –––– 2-1 1-1 0-1
Taranto 1-1 0-0 0-0 1-0 1-0 0-0 0-1 1-1 0-2 1-1 1-0 1-2 2-1 0-1 0-0 1-2 0-0 –––– 0-1 1-1
Triestina 1-0 1-0 1-0 2-1 1-0 2-1 1-0 3-1 1-0 1-1 0-0 0-0 1-0 0-0 4-0 0-0 1-1 0-1 –––– 2-1
Varese 2-1 2-3 0-1 0-0 2-2 4-1 0-0 2-0 2-1 0-0 2-1 1-0 2-0 1-3 1-1 1-1 1-1 3-0 1-1 ––––

Calendario[modifica | modifica wikitesto]

andata (1ª) 1ª giornata ritorno (20ª)
16 set. 2-0 Bari-Parma 0-1 10 feb.[13]
1-2 Cesena-Arezzo 1-1 3 feb.
0-0 Empoli-Monza 0-0
2-0 Padova-Bologna 0-2
2-2 Perugia-Catania 0-0
2-0 Pisa-Pescara 2-2
1-3 Sambenedettese-Lecce 0-1
1-0 Taranto-Campobasso 1-2
2-1 Triestina-Cagliari 0-1
2-1 Varese-Genoa 0-1
andata (2ª) 2ª giornata ritorno (21ª)
23 set. 1-0 Arezzo-Empoli 0-0 17 feb.
2-2 Bologna-Pisa 0-4
0-1 Cagliari-Cesena 1-1
0-1 Campobasso-Bari 1-2
1-1 Catania-Sambenedettese 0-0
3-0 Genoa-Taranto 2-0
1-0 Lecce-Varese 0-0
2-1 Monza-Padova 0-0
0-0 Parma-Perugia 1-2
2-1 Pescara-Triestina 0-4


andata (3ª) 3ª giornata ritorno (22ª)
30 set. 2-0 Bari-Lecce 0-1 24 feb.
1-1 Cesena-Catania 2-2
1-0 Empoli-Cagliari 0-1
1-1 Padova-Genoa 0-0
2-0 Perugia-Pescara 0-0
1-1 Pisa-Monza 0-0
0-0 Sambenedettese-Bologna 0-1
2-1 Taranto-Parma 1-2
1-0 Triestina-Arezzo 2-1
2-2 Varese-Campobasso 0-1
andata (4ª) 4ª giornata ritorno (23ª)
7 ott. 2-0 Arezzo-Padova 0-2 3 mar.
1-0 Bologna-Bari 0-4
0-2 Cagliari-Taranto 0-1
1-1 Campobasso-Perugia 1-2
1-1 Catania-Varese 1-4
0-1 Genoa-Triestina 0-1
1-0 Lecce-Cesena 0-0
2-0 Monza-Sambenedettese 0-1
1-3 Parma-Pisa 1-1
2-0 Pescara-Empoli 0-0


andata (5ª) 5ª giornata ritorno (24ª)
14 ott. 1-0 Bari-Monza 0-2 10 mar.
1-1 Cesena-Pescara 0-3
0-0 Empoli-Bologna 0-0
2-1 Padova-Catania 0-1
1-1 Perugia-Genoa 1-1
1-0 Pisa-Campobasso 0-1
1-0 Sambenedettese-Cagliari 1-0
1-1 Taranto-Lecce 0-1
1-0 Triestina-Parma 1-1
2-1 Varese-Arezzo 1-1
andata (6ª) 6ª giornata ritorno (25ª)
21 ott. 2-1 Arezzo-Taranto 1-1 17 mar.
3-2 Bologna-Triestina 0-1
2-1 Cagliari-Bari 0-1
0-0 Campobasso-Cesena 0-3
1-1 Catania-Parma 0-1
3-2 Genoa-Sambenedettese 1-1
1-1 Lecce-Empoli 2-2
0-0 Monza-Perugia 0-2
0-2 Padova-Pisa 0-1
3-0 Pescara-Varese 1-1


andata (7ª) 7ª giornata ritorno (26ª)
28 ott. 1-0 Bari-Genoa 0-1 24 mar.
1-0 Catania-Arezzo 0-1
1-1 Cesena-Empoli 0-0
1-0 Parma-Monza 0-3
0-0 Perugia-Bologna 2-1
3-1 Pisa-Lecce 0-1
1-0 Sambenedettese-Campobasso 1-0
0-0 Taranto-Pescara 0-2
0-0 Triestina-Padova 1-1
0-0 Varese-Cagliari 1-1
andata (8ª) 8ª giornata ritorno (27ª)
4 nov. 0-0 Arezzo-Perugia 0-0 31 mar.
1-1 Bologna-Parma 0-1
1-1 Empoli-Bari 0-0
2-2 Genoa-Cesena 1-3
1-1 Lecce-Catania 0-0
2-0 Monza-Taranto 0-1
2-1 Padova-Varese 0-1
0-2 Pescara-Campobasso 1-1
1-0 Pisa-Cagliari 0-1
1-1 Triestina-Sambenedettese 1-1


andata (9ª) 9ª giornata ritorno (28ª)
11 nov. 0-0 Arezzo-Lecce 0-1 6 apr.
1-0 Bari-Triestina 0-1
3-1 Cagliari-Pescara 0-2
0-0 Campobasso-Bologna 2-2
1-0 Catania-Monza 0-1
1-0 Cesena-Padova 1-2
0-0 Parma-Genoa 1-1
0-0 Sambenedettese-Pisa 0-1
0-1 Taranto-Perugia 1-3
2-0 Varese-Empoli 0-1
andata (10ª) 10ª giornata ritorno (29ª)
18 nov. 1-0 Bari-Sambenedettese 1-1 14 apr.
2-0 Bologna-Arezzo 0-0
1-3 Empoli-Catania 1-0
1-0 Genoa-Cagliari 0-1
1-0 Monza-Campobasso 0-1
1-1 Padova-Parma 1-1
0-0 Perugia-Cesena 2-2
1-1 Pescara-Lecce 0-2
2-1 Pisa-Taranto 2-1
2-1 Triestina-Varese 1-1


andata (11ª) 11ª giornata ritorno (30ª)
25 nov. 2-0 Arezzo-Pescara 0-2 21 apr.
1-1 Cagliari-Monza 1-1
1-1 Campobasso-Padova 0-0
1-0 Catania-Bologna 1-1
19 dic.[14] 2-0 Cesena-Triestina 0-1
25 nov. 3-1 Lecce-Genoa 0-2
0-1 Parma-Empoli 0-1
1-1 Sambenedettese-Perugia 1-1
0-0 Taranto-Bari 0-1
1-1 Varese-Pisa 0-4
andata (12ª) 12ª giornata ritorno (31ª)
2 dic. 2-1 Bari-Varese 3-2 28 apr.
1-2 Bologna-Genoa 0-0
0-0 Catania-Pescara 1-1
1-0 Empoli-Campobasso 1-1
0-0 Monza-Arezzo 1-1
1-1 Padova-Lecce 0-1
0-0 Parma-Cagliari 0-1
1-1 Perugia-Pisa 1-4
1-0 Sambenedettese-Cesena 0-1
0-1 Triestina-Taranto 1-0


andata (13ª) 13ª giornata ritorno (32ª)
9 dic. 4-1 Cagliari-Arezzo 2-0 5 mag.
3-1 Campobasso-Parma 1-0
4-2 Cesena-Taranto 1-0
1-0 Empoli-Padova 0-1
0-0 Genoa-Catania 4-1
0-0 Lecce-Bologna 1-1
1-1 Perugia-Bari 1-1
1-0 Pescara-Sambenedettese 0-2
1-1 Pisa-Triestina 0-0
2-1 Varese-Monza 1-1
andata (14ª) 14ª giornata ritorno (33ª)
16 dic. 0-0 Arezzo-Genoa 0-0 12 mag.
1-1 Bari-Pisa 0-0
1-0 Campobasso-Cagliari 0-1
0-0 Cesena-Varese 0-0
1-1 Monza-Bologna 0-2
0-0 Padova-Pescara 1-1
0-1 Parma-Lecce 0-2
0-0 Sambenedettese-Empoli 1-1
0-0 Taranto-Catania 3-3
0-0 Triestina-Perugia 0-0


andata (15ª) 15ª giornata ritorno (34ª)
23 dic. 0-0 Arezzo-Bari 1-2 19 mag.
2-0 Bologna-Taranto 0-0
0-0 Cagliari-Padova 2-2
0-0 Catania-Campobasso 0-1
1-2 Empoli-Triestina 1-3
1-0 Genoa-Monza 1-1
1-1 Lecce-Perugia 0-0
3-0 Pescara-Parma 0-1
1-0 Pisa-Cesena 2-2
1-1 Varese-Sambenedettese 1-0
andata (16ª) 16ª giornata ritorno (35ª)
6 gen. 2-1 Bari-Cesena 2-0 26 mag.
0-1 Bologna-Cagliari 0-2
7 gen. 2-1 Campobasso-Lecce 2-2
6 gen. 2-1 Monza-Pescara 0-4
0-1 Parma-Arezzo 2-3
0-0 Perugia-Empoli 1-1
1-0 Pisa-Genoa 1-2
7 gen. 0-0 Sambenedettese-Padova 0-0
6 gen. 1-1 Taranto-Varese 0-3
2-1 Triestina-Catania 1-1


andata (17ª) 17ª giornata ritorno (36ª)
13 gen. 1-0 Arezzo-Sambenedettese 0-2 2 giu.
0-0 Cagliari-Perugia 1-2
2-1 Catania-Pisa 1-1
0-1 Cesena-Monza 0-1
0-0 Empoli-Taranto 1-1
10 feb.[15] 2-0 Genoa-Campobasso 0-1
13 gen. 2-2 Lecce-Triestina 1-1
2-2 Padova-Bari 2-2
1-0 Pescara-Bologna 0-0
2-0 Varese-Parma 1-1
andata (18ª) 18ª giornata ritorno (37ª)
20 gen. 2-1 Bari-Catania 0-0 9 giu.
1-0 Bologna-Varese 1-0
0-1 Cagliari-Lecce 0-2
0-0 Campobasso-Arezzo 0-1
2-0 Genoa-Pescara 0-3
0-0 Monza-Triestina 0-0
1-1 Parma-Cesena 0-2
2-0 Perugia-Padova 1-1
2-0 Pisa-Empoli 1-1
0-0 Taranto-Sambenedettese 1-2


andata (19ª) 19ª giornata ritorno (38ª)
27 gen. 0-1 Arezzo-Pisa 1-1 16 giu.
3-1 Catania-Cagliari 0-0
0-0 Cesena-Bologna 0-0
1-0 Empoli-Genoa 1-1
1-0 Lecce-Monza 1-1
3-0 Padova-Taranto 2-1
0-0 Pescara-Bari 0-2
1-1 Sambenedettese-Parma 2-2
1-0 Triestina-Campobasso 0-1
1-3 Varese-Perugia 0-1

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Squadre[modifica | modifica wikitesto]

Capoliste solitarie[modifica | modifica wikitesto]

————————————————————————————————————————————————————————————————————————————
BarPisa
10ª11ª12ª13ª14ª15ª16ª17ª18ª19ª20ª21ª22ª23ª24ª25ª26ª27ª28ª29ª30ª31ª32ª33ª34ª35ª36ª37ª38ª

Individuali[modifica | modifica wikitesto]

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Gol Rigori Giocatore Squadra
20 11 Italia Edi Bivi Bari
16 1 Italia Franco De Falco Triestina
15 3 Italia Gabriele Bongiorni Varese
15 6 Paesi Bassi Wim Kieft Pisa
13 1 Italia Stefano Borgonovo Sambenedettese
13 1 Italia Oscar Tacchi Campobasso
12 4 Italia Mauro Gibellini Perugia
11 Italia Giuseppe De Martino Pescara
11 Italia Giuliano Fiorini Genoa
10 1 Italia Massimo Barbuti Parma
10 Danimarca Klaus Berggreen Pisa
10 2 Italia Sandro Tovalieri Arezzo
9 3 Italia Gianfranco Cinello Empoli
9 2 Italia Ricardo Paciocco Lecce
9 2 Italia Pasquale Traini Taranto

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Allodi con Giacomini al Napoli, L'Unità, 6 marzo 1985, p. 17. URL consultato il 6 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  2. ^ Chiappella ha lasciato l'Arezzo, repubblica.it, 10 maggio 1985.
  3. ^ Che farsa a Bologna: proibito a Santin salutare i giocatori, L'Unità, 19 ottobre 1984, p. 16 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  4. ^ Mazzone dimissioni respinte, Veneranda licenziato, La Stampa, n. 245, 16 ottobre 1984, p. 24.
  5. ^ Mazzia nuovo allenatore del Campobasso, L'Unità, 22 novembre 1984, p. 17 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  6. ^ Di Marzio al Padova, Cuccureddu al Novara, L'Unità, 6 novembre 1984, p. 16. URL consultato il 6 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  7. ^ Parma, Perani sostituito da Carmignani, La Stampa, n. 7, 9 gennaio 1985, p. 20.
  8. ^ Mazetti nuovo allenatore della Samb, L'Unità, 27 febbraio 1985, p. 17 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  9. ^ Lauro Toneatto, La Stampa, n. 269, 13 novembre 1984, p. 23.
  10. ^ Nuovo trainer e il Taranto torna al gol, La Stampa, n. 76, 1º aprile 1985, p. 19.
  11. ^ Taranto oggi la decisione sullo sciopero dei giocatori, La Stampa, n. 104, 22 maggio 1985, p. 22.
  12. ^ ”E' una montatura che non ci spaventa” insistono ancora da Padova, Stampa Sera, 28 giugno 1985, p. 15.
  13. ^ Partita programmata e iniziata il 3 febbraio ma sospesa all'86' per nebbia sul punteggio di 3-0.
  14. ^ Partita programmata e iniziata il 25 novembre ma sospesa al 70' per nebbia sul punteggio di 1-0.
  15. ^ Partita programmata per il 13 gennaio ma rinviata per neve.