Ferruccio Mariani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ferruccio Mariani
Pisa Sporting Club 1985-1986.jpg
Mariani (in piedi, terzo da sinistra) nel Pisa della stagione 1985-1986
Nazionalità Italia Italia
Altezza 178[1] cm
Peso 76[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Squadra Ternana (Primavera)
Ritirato 1994 - giocatore
Carriera
Giovanili
19??-19?? Acilia
Squadre di club1
1980-1987 Pisa 128 (6)
1987-1988 Avellino 4 (0)
1988-1989 Sambenedettese 33 (1)
1989-1990 Arezzo 29 (1)
1990-1991 Siena 32 (2)
1991-1992 Carrarese 32 (0)
1992-1993 Viareggio 34 (3)
1993-1994 Benevento 25 (2)
Carriera da allenatore
2001-2002 CSKA Sofia Vice
2002-2003 Ancona Vice
2003-2004 Napoli Vice
2004-2005 Siena Vice
2006 Pisa
2007 Carrarese
2008-2009 Grosseto Vice
2009-2011 Sansovino
2011 Ischia Isolaverde
2011-2012 Grosseto Vice
2012-2014 Frosinone Giovanissimi
2014-2015 Fondi Vice
2015-2016Fondi
2016-2017 Salernitana Giovanissimi
2017-2018 Ternana Primavera
2018 Ternana
2018- Ternana Primavera
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 30 gennaio 2018

Ferruccio Mariani (Acilia, 2 ottobre 1961) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista, tecnico della Primavera della Ternana.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Debutta in Serie B a 19 anni con il Pisa di Romeo Anconetani, dove nel 1982 conquista la promozione in Serie A, disputando due stagioni in massima serie. Rimane sotto la Torre pendente anche dopo la retrocessione del 1984, per conquistare immediatamente la risalita in A. Lo stesso avverrà nel biennio successivo, quando Mariani sarà uno dei punti fermi del Pisa che disputa la massima serie nel 1985 (retrocedendo) e poi l'anno dopo nella cavalcata che porta nuovamente in neroazzurri in A.

Nel 1987 lascia la Toscana per accasarsi all'Avellino dove disputa la sua ultima stagione di Serie A vista la retrocessione degli irpini. Nel 1988 disputa una stagione in Serie B con la Sambenedettese.

Negli anni successivi giocherà nelle categorie minori, concludendo la carriera nei campionati professionistici nel 1994 al Viareggio in Serie C2. Nella stagione 1993/94 milita nelle file dello Sporting Benevento, con il quale vince il CND nel girone H. La stagione successiva passa al Fiumicino sempre nel Campionato Nazionale Dilettanti.

In carriera ha totalizzato complessivamente 59 presenze e 3 reti in Serie A e 106 presenze e 4 reti in Serie B.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Una volta appese la scarpe al chiodo ha intrapreso la carriera di allenatore. Nel 2001 è stato il vice di Luigi Simoni alla guida tecnica dei bulgari del CSKA Sofia; successivamente seguirà ancora Simoni sulle panchine di Ancona, Napoli e Siena. In seguito ha allenato in prima persona squadre come Pisa, Carrarese e Sansovino.

Dal 17 febbraio 2011 e fino alla fine del torneo 2010-2011 ha allenato l'Ischia Isolaverde,[2] militante in Serie D. Il 30 ottobre seguente viene chiamato a fare il vice di Giuseppe Giannini al Grosseto, in Serie B,[3] ruolo ricoperto fino al dicembre successivo. Successivamente ha esperienze come tecnico delle giovanili del Frosinone.

Assume la carica di vice allenatore del Fondi, di proprietà della Unicusano, dal 2014 al 2016, e dove nel marzo 2016 subentra anche sulla panchina della prima squadra, nel campionato di Serie D, al posto di Sandro Pochesci; a fine stagione, dopo aver vinto la Coppa Italia di Serie D, si dimette.[4] La stagione 2016-2017 lo vede come allenatore dei formazione Giovanissimi della Salernitana.

Dal 2017 la ex proprietà del Fondi acquisisce la Ternana e lo chiama a dirigere la formazione Primavera; il 30 gennaio 2018 subentra, ancora a Pochesci, sulla panchina della prima squadra rossoverde, nel campionato di Serie B. Il 21 febbraio 2018, a causa dei risultati ottenuti nelle tre partite disputate (tutte concluse con una sconfitta), la società decide di sollevarlo dall'incarico, concedendogli nuovamente la direzione della formazione Primavera e affidando la conduzione tecnica della panchina a Luigi De Canio[5].

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche da allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 18 febbraio 2018. In grassetto le competizioni vinte.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale % Vittorie
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
2015-2016 Italia Fondi D 34+2 13+2 13 8 CID 8 6 2 0 - - - - - - - - - - 44 21 15 8 47,73
gen.-feb. 2018 Italia Ternana B 3 0 0 3 CI - - - - - - - - - - - - - - 3 0 0 3 &&0,00
Totale carriera 37+2 13+2 13 11 8 6 2 0 47 21 15 11 44,68

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Pisa: Serie B 1984-1985
Benevento: 1993-1994

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Pisa: 1986

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Fondi: 2015-2016

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 2 (1985-1986), Panini, 14 maggio 2012, p. 44.
  2. ^ Ischia: Ferruccio Mariani in panca, su calcionapoletano.it, 17 febbraio 2011. (archiviato dall'url originale il 6 novembre 2013).
  3. ^ Giuseppe Giannini nuovo allenatore, su usgrosseto1912.it, 30 ottobre 2011. (archiviato dall'url originale il 1º novembre 2011).
  4. ^ Fondi, ritorna in sella Pochesci, su ottopagine.it, 14 luglio 2016.
  5. ^ Mariani nuovo tecnico della Ternana, su raisport.rai.it, 30 gennaio 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (DEENIT) Ferruccio Mariani, su Transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG. (giocatore)
  • (DEENIT) Ferruccio Mariani, su Transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG. (allenatore)
  • Ferruccio Mariani, su TuttoCalciatori.Net, Ascoli Piceno, Norz Srl.